Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 3 gennaio 2022

Novus Horror Missae (Bergamo) - Un nuovo pseudo-Credo con cori da stadio durante la Messa a Sotto il Monte (Bergamo)

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 20:30.
Dopo la pubblicazione di questo articolo, nel tardo pomeriggio il video della Santa Messa è stato rimosso dalla pagina Facebook del Santuario di Sotto il Monte e non risulta più visibile.
Prevedendo tale conseguenza, avevamo previdentemente salvato la sequenza relativa alla recita del pseudo-Credo, che abbiamo quindi caricato in sostituzione del link e vi proponiamo in calce al presente articolo.

Un giorno, il compianto cardinale Tomáš Špidlík, S.I. (1919-2010) ebbe a dire: «Il motivo per cui la Chiesa ha posto il Credo dopo l’omelia è per invitarci a credere nonostante ciò che abbiamo ascoltato».
Così anche il Messale – nelle sue premesse – afferma che con il Credo «i fedeli esprimono la loro unica fede nella santissima Trinità» e più precisamente: «Il simbolo, o professione di fede, ha come fine che tutto il popolo riunito risponda alla parola di Dio, proclamata nella lettura della sacra Scrittura e spiegata nell’omelia; e perché, recitando la regola della fede, con una formula approvata per l’uso liturgico, torni a meditare e professi i grandi misteri della fede, prima della loro celebrazione nell’Eucaristia» (Ordinamento generale del Messale Romano).
Devono quindi essere sfuggiti questi particolari non del tutto insignificanti a don Achille Albani Rocchetti, classe 1943, per tredici anni Prevosto di Calusco (Bergamo) ed ora Collaboratore pastorale nella Parrocchia di San Giovanni Battista a Sotto il Monte, terra natia di San Giovanni XXIII, il Papa che, tra l’altro, nel 1962 promulgò l’editio typica di quel Missale Romanum che tanto poco piace all’attuale corso liturgico.
Come si vede nel video postato sulla pagina Facebook del Santuario di Sotto il Monte, egli, nella Santa Messa celebrata alle ore 10 di domenica 2 gennaio nella Chiesa parrocchiale (e Santuario) di San Giovanni Battista, al termine dell’omelia improvvisa – supportato da cori da stadio dei fedeli (a quanto pare abituati a questa «pratica liturgica») – una sua personale professione di fede: non sappiamo se Papa Francesco con la lettera apostolica Traditionis custodes prima e la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti con i responsa ad dubia poi intendessero questo con l’espressione «I libri liturgici promulgati dai santi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo II, in conformità ai decreti del Concilio Vaticano II, sono l’unica espressione della lex orandi del Rito Romano»… ma se questi sono i frutti, ci teniamo stretto il Missale Romanum di San Giovanni XXIII.
Di seguito riportiamo il video (dal minuto 30:20) [aggiornamento: il link non è più attivo, abbiamo quindi caricato di seguito la sequenza del video] e la trascrizione dello pseudo-Credo con annesso «coro» dei tifos… ehm, dei fedeli.

L.V.


Sac. – Manifestiamo la nostra fede. Il Signore ci ha creato, ci ha messo in vita come dono della sua grazia: hip hip!
Pop.Urrà!
Sac. – Il Signore ha mandato suo Figlio per salvarci, perché eravamo incapaci di camminare bene nella nostra vita: hip hip!
Pop.Urrà!
Sac. – Il Signore ha mandato il suo Spirito perché vivifichi la nostra vita e la renda gioiosa davanti agli altri: hip hip!
Pop.Urrà!
Sac. – Il Signore ci ha promesso la vita eterna, la resurrezione, il Paradiso: hip hip!
Pop.Urrà!
Sac. – Dio, quanto sei buono, quanto segui il nostro cammino, la nostra difficoltà di vivere e noi non ci accorgiamo, facciamo come quelle persone “venne tra i suoi, ma i suoi non l’hanno accolto”, sentiamo con le orecchie, ma il nostro cuore è lontano da te; scusaci, o Signore : hip hip!
Pop.Urrà!
Sac. – Uniamoci adesso nella preghiera dei fedeli, invocando proprio il suo aiuto.

20 commenti:

  1. Ho assistito ad una bella celebrazione ad Asiago, il 1°dic. sera, con un coro degno ed un sacerdote composto e attento. Ma, anche lì, applausi al direttore del coro e comunione tipo "delivery". Come in questa foto, poi, un lungo scranno occupato da tre personaggi senza apparente funzione che davano le spalle al Santissimo (il sacerdote entrando si è inginocchiato davanti allo sconosciuto seduto al centro che colle spalle copriva il Tabernacolo. Ma almeno si è inginocchiato anche se sono si capisce di fronte a chi). Per fortuna nella mia città c'è sepre l'ICRSS, finchè dura. Ma Asiago è una bella cittadina

    RispondiElimina
  2. Nell'omelia è spiegata sia la motivazione dell'abuso liturgico sia il fatto che si è scelto di farlo solo ed esclusivamente in quella occasione. La prontezza invece è dovuta solamente al fatto che il sacerdote ha spiegato prima come rispondere

    RispondiElimina
  3. Personalmente sono poco interessato dalle forme liturgiche di altre religioni , sarà un handicap mio personale, immagino.
    Però, spiegatemi, perché dobbiamo perdere il nostro tempo a scrutare quel che fa una "Chiesa" post-cattolica mentre non lo facciamo per scrutare le liturgie luterane, ad esempio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I luterani si sono.messi fuori dalla salvezza.È una chiesa secondo le voglie degli uomini e non di Dio. Lo stesso vale per le altre confessioni.Chi sta li dentro per convenienza non sarà salvato.

      Elimina
    2. Ho letto e riletto il commento di SdC ( "Personalmente sono poco interessato dalle forme liturgiche di altre religioni , sarà un handicap mio personale, immagino".) per cercare di confutarlo considerandomi un "normalista" . Finora, però, non ci sono riuscito.

      Elimina
    3. Il problema è che questi si definiscono "cattolici". Se si definissero in altro modo non ci sarebbe alcun problema, e io me ne fregherei di quel che fanno, purtroppo non possiamo esimerci dal combattere questa gente, finché non se ne andranno finalmente dai protestanti.

      Elimina
  4. Roba da matti!
    Non avrei mai pensato si potesse arrivare a tanto!

    RispondiElimina
  5. It’s a different religion.

    RispondiElimina
  6. ORMAI, SATANA è ENTRATO TOTALMENTE NELLA CHIESA ED USA MOLTI SACERDOTI COME DEI BURATTINI. ESSO E' UN MERO BURATTINAIO.

    RispondiElimina
  7. È vergognoso!!! Gesù mio, vieni presto in nostro aiuto!!!

    RispondiElimina
  8. Anche a me è capitato con un sacerdote in pensione, ora coadiutore, È l'ultima moda?

    RispondiElimina
  9. Peggio ancora la gente che risponde...ma quando c'era il video completo, si sentivano pure i canti, quindi non meravigliamoci di questo credo se per il resto della messa si cantano quelle porcherie!

    RispondiElimina
  10. Più si affonda nella melma più questi disadattati si esaltano. Chi devono convincere?

    RispondiElimina
  11. Spettacolo deprimente.Sono dispiaciuto per quel sacerdote e per quei fedeli. Dispiace ancor di più considerando l'età di quel sacerdote.Il Signore abbia pietà di tutti noi che siamo peccatori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco. Io sono del 57 e ricordo la prima messa in italiano ed ho assistito a tutto l'impoverimento/modernizzazione grado per grado, sia della liturgia che degli arredi e mi chiedo : com'é possibile che gente più anziana di me e quindi per più lungo tempo esposta (in senso benefico, ovviamente, al vetus ordo abbia accettato ed appoggiato con entusiasmo a questi capovolgimenti. Saró anche conservatrice per natura e quindi mi son sempre piaciuti poco anche prima di capire che non era normale per quanto sgradevole evoluzione con molti interrogativi sulla dottrina ...

      Elimina
  12. Non Metuens Verbum4 gennaio 2022 16:32

    Embè ? Mica l'ha detto detto in latino, ha usato il volgare, moolto volgare.

    RispondiElimina
  13. A me è capitato tempo fa un anziano ex parroco che, celebrando in un noto santuario dell'Italia nord occidentale, si fermava durante la consacrazione per spiegare il significato della stessa, poi riprendeva la formula, poi si fermava di nuovo. Nello stesso santuario, più recentemente, il rettore ha costellato la sua messa di cinque prediche: una introduttiva, 3-4 minuti; la predica dopo il Vangelo, 15-20 minuti; una prima della consacrazione, 3-4 minuti; una prima del pater, 3-4 minuti; una conclusiva, 5-6 minuti. Amen. E poi le chiese sono sempre più vuote.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La famosa liturgia delle parole...

      Elimina
  14. Paolo Rencinai4 gennaio 2022 18:51

    Mi spiace molto dirlo ma l'unica speranza è il tempo che si porterà via volenti o meno questa generazione di preti formatasi negli anni 60-70. Eccezioni a parte (e ne conosco, anche se poche) sono stati il migliore alleato di Satana contro il senso del sacro, una guerra contro l'anelito al trascendente che dal mondo è diventata di casa nella Chiesa. Se la Chiesa non fosse di Cristo e da lui retta, l'avrebbero già fatta inabissare del tutto da un pezzo. Conosco diversi preti giovani ordinati da pochi anni che invece, grazie a Dio, celebrano con un grande senso della dignità altissima sacra di ciò che stanno compiendo. Che Dio li protegga dai mali spirituali e corporali.

    RispondiElimina
  15. Gesù viene presto a salvarci 🙏🙏🙏❤️ Abbi misericordia di noi. Non ci sono più pastori😭😭😭😭😭😭😭😭😭😭😭

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.