Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

sabato 27 novembre 2021

Il chierichetto che voleva abolire la Messa tradizionale #traditioniscustodes

Un cimelio dalla pagina FB di Una Voce Sevilla: un giovane Jorge Mario Bergoglio serve la Santa Messa a don Enrico Pozzoli, il sacerdote salesiano che lo aveva battezzato e che convinse i genitori a mandarlo in seminario, nonostante il parere contrario della mamma (QUI). Naturalmente nel 1953 il rito era celebrato in quella che al tempo, come direbbe lui, era "l'unica forma della lex orandi" (ma non lo era neanche allora: pensiamo ai riti certosino e  domenicano) e che ora, divenuto Papa, vorrebbe mandare in soffitta.
Una domanda: Santità, ma quella Santa Messa le ha fatto così male?
Non si sa mai che rivedendo quella foto, ci ripensi...
Stefano

6 commenti:

  1. Fotomontaggio e pure riuscito male. Ma non avete vergogna?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché sarebbe un fotomontaggio? Al massimo sarà stato un tocco di colore, ma la foto sembra autentica a giudicare da questo libro: https://www.amazon.it/Enrico-pozzoli-fatto-cristiano-papa/dp/8826605408

      Elimina
    2. Ma non credo che sia un fotomontaggio, sai.. C'è questa foto anche sulla copertina di un libro della LEV (Libreria Editrice Vaticana): https://www.avvenire.it/c//2021/PublishingImages/6b024c34951a433cb24d1bc882186895/9788826605401_0_500_0_75.jpg

      Elimina
    3. Sense of humor......non pervenuto.

      Elimina
  2. Una simpatica goliardata per festeggiare l'arrivo del nuovo anno liturgico ( Anno C ).
    Buon Avvento a tutti ( e non smettiamo mai di sorridere! )

    RispondiElimina
  3. Ma si! A volte sorridiamo ,molto spesso ci viene da piangere,altre volte ci facciamo delle crasse risate.Tanto le occasioni di questi tempi non mancano.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione