Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 13 luglio 2021

Via libera alle Feste Patronali a Lecce e nel Salento con le famose bande musicali pugliesi

E' di qualche giorno fa bella notizia che, sia pur timidamente e con tutti gli adeguati accorgimenti sanitari, nel Salento si potranno finalmente festeggiare   i Santi Patroni avvalendosi anche  dell'uscita delle famose bande musicali, uno dei "vanti" della Regione Puglia. 
Ci sarebbe molto da scrivere sull'importanza educativa e sociale che le Bande Musicali esercitano soprattutto nei giovani. 
San Giovanni Bosco, genio dell'educazione dei giovani, disse" Un oratorio senza musica non è un oratorio". Difatti la banda è stata sempre una parte importantissima dei gruppi educativi degli Oratori salesiani capace di insegnare ai giovani, attraverso la musica, l'educazione e la bellezza di suonare tutti assieme.  
Il "segnale" di ripresa spirituale e comunitaria, di cui abbiamo tutti particolarmente bisogno, che viene dall'Arcidiocesi di Lecce è il  vaccino,  testato nelle discussioni immunologiche, efficace contro i  virus calvinista ed illuminista che possono  castrare la feconda spiritualità di un popolo devoto e fedele che ha sempre confidato nella bontà misericordiosa di Dio e dei Suoi Santi.
Ci congratuliamo per questo con l'Arcivescovo Metropolita di Lecce e con i suoi collaboratori. 
AC 

 

Lecce, tornano le feste patronali e le bande, ok dal vescovo Seccia 

Nella lettera anche: «sì anche al ritorno delle luminarie» 

Le comunità cattoliche salentine potranno tornare a organizzare le feste dedicate ai santi patroni, nonché le messe all’aperto. 

Il via libera arriva con una lettera dell’arcivescovo di Lecce Michele Seccia: «Il miglioramento della situazione legata alla pandemia, così come le aperture volute dal Governo, mi spingono a ritenere - scrive nella lettera a parroci e sacerdoti sella Diocesi - che, con il regolare permesso della competente autorità civile, si possa ritornare a celebrare la Santa Messa all’aperto, garantendo il dovuto distanziamento, il consueto contingentamento e tutte le altre misure legate al contenimento del contagio. Pertanto, come recentemente determinato dal Governo, le Celebrazioni all’aperto dovrebbero essere piuttosto incentivate».

Per questo, «considerata la nuova linea governativa - prosegue l’arcivescovo - ritengo opportuno, d’intesa con le autorità, anche approvare l’installazione di sobrie luminarie in occasione delle feste patronali: ciò non solo consentirebbe di respirare l’aria della festa, ma darebbe ossigeno ai diversi operatori del settore, fortemente penalizzati dalla crisi. Inoltre, non credo che la presenza delle bande musicali (con i dovuti distanziamenti) all’esterno dei luoghi di culto possa creare le condizioni per inopportuni assembramenti».

La conclusione dell’arcivescovo Seccia: «Dopo aver ponderato attentamente l’evolversi della situazione, consento a Voi tutti di prendere le iniziative più opportune per garantire lo svolgimento devoto ed ordinato delle celebrazioni e delle feste patronali». 

 

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno QUI 

Il Video su facebook QUI 

Il commento al Video : "E' arrivato finalmente il via libera per le feste patronali del Salento. 
E' di pochi giorni fa la lettera dell'arcivescovo Michele Seccia rivolta ai parroci e sacerdoti della Diocesi di Lecce: «Il miglioramento della situazione legata alla pandemia, così come le aperture volute dal Governo, mi spingono a ritenere che, con il regolare permesso della competente autorità civile, si possa ritornare a celebrare la Santa Messa all'aperto, garantendo il dovuto distanziamento, il consueto contingentamento e tutte le altre misure legate al contenimento del contagio. Pertanto, come recentemente determinato dal Governo, le Celebrazioni all'aperto dovrebbero essere piuttosto incentivate. 
Considerata la nuova linea governativa ritengo opportuno, d'intesa con le autorità, anche approvare l'installazione di sobrie luminarie in occasione delle feste patronali: ciò non solo consentirebbe di respirare l'aria della festa, ma darebbe ossigeno ai diversi operatori del settore, fortemente penalizzati dalla crisi. Inoltre, non credo che la presenza delle bande musicali (con i dovuti distanziamenti) all'esterno dei luoghi di culto possa creare le condizioni per inopportuni assembramenti». 
La conclusione dell’arcivescovo Seccia: «Dopo aver ponderato attentamente l'evolversi della situazione, consento a Voi tutti di prendere le iniziative più opportune per garantire lo svolgimento devoto ed ordinato delle celebrazioni e delle feste patronali». 
La Città di Galatina si è posta come apri fila e modello operativo. Ogni iniziativa è stata relazionata e condivisa con le istituzioni di controllo che, proprio per la valenza originale, hanno voluto verificarne la fattibilità. La festa patronale di San Pietro e Paolo a Galatina appena terminata si è rivelata un gran successo."

2 commenti:

  1. Lecce è l'unica Diocesi in cui si può respirare un clima di sana fesra! Lecce è l'unica Diocesi in cui si parla il linguaggio della devozione e dell'umanità rappresentato dalle feste popolari. "Togliete le feste patronali - disse un prete inn una adunanza del clero negli anni '70 - e vi ritroverete con le feste dell'Unità del PCI"...

    RispondiElimina
  2. Oggi nemmeno le feste dell'unità. Sarebbe una benedizione se ci fossero.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.