Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 21 maggio 2021

L'Africa aperta alla liturgia tradizionale (Paix Liturgique): latino, silenzio, adorazione, pace spirituale e coerenza della fede.

Nostra traduzione di una bellissima pagina sull'Africa cattolica che scopriamo essere molto attratta dal rito tradizionale non tanto per l'uso del latino (che pur unifica in un solo popolo i fedeli di tante lingue e dialetti diversi) e del silenzio, ma perchè è la liturgia che esprime meglio e in maniera più coerente la fede in Cristo (per il Quale in Africa ancora oggi troppi fedeli sono martirizzati).  
Paix Liturgique ha intervistato un sacerdote africano tradizionale che ci racconta i nostri fratelli del Kenya (ma non solo) svelandoci molti aspetti della loro fede a noi sconosciuti. 
Don Jean racconta un'esperienza di smarrimento e di disorientamento di fede simile a quella provata dal seminarista (di cui abbiamo ieri pubblicato il doloroso grido di aiuto per cercare un senso a  restare ancora nella Chiesa): inviamo spiritualmente la testimonianza di on Jean perchè trovi nella Tradizione la forza per alimentare nuovamente la fede. Invece di uscire dalla Chiesa potrebbe rivolgersi a qualche ordine o istituto tradizionale. 
Roberto 


La Lettera di Paix Liturgique - 785 del 23 febbraio 2021

Abbiamo avuto modo di sottolineare in diverse occasioni, e in particolare nella nostra Lettera 678, che l'Africa è un continente molto promettente per lo sviluppo della Messa tradizionale. “L'Africa”, abbiamo detto, “è senza dubbio il continente meno toccato dal fenomeno della messa tradizionale, anche se l'elenco dei Paesi in cui viene celebrata non è trascurabile. [... Ma] le richieste, se non importanti ma comunque numerose, suggeriscono che entro 20 anni tutta l'Africa sarà interessata dalla liturgia tradizionale. "
Ma abbiamo avuto modo di incontrare qualche settimana fa padre Jean, un sacerdote del Kenya che sta terminando la sua tesi in Teologia in Europa e che ci ha stupito con il suo amore e il suo entusiasmo per la liturgia tradizionale della Chiesa Latina. Gli abbiamo chiesto di raccontarci di quanto ha scoperto diversi anni fa e che ha vissuto festeggiando con i fedeli del suo Paese. Ha avuto modo di parlarne più volte con il suo vescovo che lo ha incoraggiato a proseguire su questa strada mantenendo un certo grado di cautela, da qui il suo anonimato, non essendo questa esperienza vista di buon occhio da tutti i sacerdoti del presbiterio locale nè all'interno della conferenza episcopale nazionale

L'Africa aperta alla liturgia tradizionale

Paix Liturgique: come presentereste la liturgia tradizionale?

don Jean: Come le ho detto durante il nostro primo incontro, per noi è prima di tutto rasserenante, quasi in senso etimologico perché genera in noi la pace.
L'uso del latino ci permette di respingere le rivalità linguistiche permanenti che esistono nei nostri paesi africani - basti pensare che qui in Kenya ci sono oltre 70 lingue viventi comunemente usate! - quindi la scelta di una lingua nella liturgia è sempre percepita dagli altri oratori come una presa reciproca e questo genera più conflitti di quanto si possa immaginare.

Paix liturgique: questo è il motivo per cui usa principalmente l'inglese nelle liturgie moderne ...

don Jean: in effetti è spesso il caso dello swahili, ma questo non risolve tutti gli ostacoli perché, che ci piaccia o no, l'uso dell'inglese è percepito da alcuni come l'adozione di una lingua straniera e a volte anche come quella di i colonizzatori… e questo è vero ovunque in Africa. Ho amici in Burundi, nell'Africa francofona, che sentono la stessa difficoltà nei confronti del francese e conosco persino egiziani che sono riluttanti a usare l'arabo nella loro liturgia mentre il latino, la lingua di nessun paese oggi, di nessun conquistatore moderno, è percepito come una delle lingue di Dio ...

Paix Liturgique: Ma ci sono altre lingue di Dio!

don Jean: Assolutamente, perché Dio è grande e buono, quindi sa ascoltarci in più lingue che corrispondono alle nostre storie e alle nostre tradizioni. Stavo parlando dei miei amici egiziani che desiderano ridare spazio alla lingua copta di Dio, e ai nostri fratelli ortodossi piace pregare usando l'antico greco liturgico. Ma sapete che questo è anche ciò che fanno gli ebrei: essi usano l'ebraico antico e l'aramaico nelle loro sinagoghe e i musulmani pregano con un arabo antico che oggi non è più quello di questo o quel paese.
Ma per tornare al latino, il fatto che la liturgia tradizionale utilizzi abitualmente questa lingua, fatta eccezione per la predicazione e le letture ovviamente, porta una notevole pacificazione che gli africani apprezzano profondamente.

Paix Liturgique: ma non c'è problema di comprensione in paesi dove la conoscenza del latino è piuttosto debole?

don Jean: È assolutamente vero, ma non è più difficile che con lo swahili che i kenioti conoscono ... solo in modo superficiale e di cui la stragrande maggioranza non ne conosce le sfumature ... È anche il caso dell'inglese, la cui conoscenza spesso è solo che so mmaria. Mentre con il latino il rapporto è diverso. Se questo è percepito come il linguaggio di Dio, è associato al mistero e al silenzio che fanno parte a pieno titolo anche della liturgia tradizionale.
Ma non dovremmo più considerare gli africani come degli asini! E molti, soprattutto studenti, sono perfettamente in grado di fare qualche sforzo e di comprendere abbastanza rapidamente il significato della liturgia in latino, a volte anche meglio dell' inglese o dell o swahéli, perché le parole hanno un significato fisso, molto più che in una lingua "volgare" in continuo movimento. Non so se ha mai parlato con africani anglofoni o francofoni e in tal caso potrebbe aver notato che il loro inglese o il loro francese non è esattamente il suo, mentre il latino liturgico è ovunque uguale per tutti ... E non dimentichi per chi vuole approfondire ci sono i messali bilingue, soprattutto su Internet, che rendono molto facile la comprensione perché, insisto, la liturgia tradizionale è stabile e permanente, cosa che non è sempre il caso della liturgia "conciliare".

Paix Liturgique: puoi chiarire questa idea?

don Jean: è molto semplice e la maggior parte di voi mi capirà. Nella liturgia postconciliare la parte “rituale” e fissa è ridicolmente ridotta mentre la parte della “parola”, permettetemi di dire “blah-blah”, è estremamente importante. Inoltre, più le parole sono abbondanti, più la comprensione sarà difficile per chi non capisce quella lingua per coloro che ne hanno una conoscenza superficiale, mentre il latino per la sua stabilità e il ripetitivo carattere della liturgia rende rende molto più facile la comprensione dopo un primo sforzo. I primi missionari che un secolo o due fa vennero a portarci il Vangelo lo capirono appieno e le liturgie che celebravano in latino non ponevano alcun problema, soprattutto se integrate in una pastorale coerente con catechismo, predicazione e scuole ...

Paix Liturgique: Lei è ottimista.

don Jean: sono soprattutto un realista! Non sa che tra noi ci sono africani che oggi forse conoscono il latino meglio della maggior parte degli europei? quando leggo la stampa cattolica occidentale leggo regolarmente che in Occidente meno del 10% dei vostri preti non conosce neanche un rudimento di latino ... e lei sa  bene quanto me che i fedeli che sono attaccati alla tradizione liturgia non sono tutti studiosi ... ma questo non cambia nulla perché da voi  come in Africa i fedeli sanno leggere e scrivere, usare un messale almeno informatico e soprattutto desiderano rimanere fedeli ai loro antenati alla loro cultura e alla bellezza liturgica e alla loro fede molto più che voler diventare latinisti

Ma non soffermiamoci ulteriormente sul latino, perché a mio avviso il punto capitale dell'importanza e del fascino della liturgia tradizionale non tanto nel  latino quanto in un altro aspetto: quello del silenzio ...

Paix Liturgique: ma ci viene detto così spesso che gli africani sono persone attive che vivono col ritmo ...

don Jean: Li da voi sapete un sacco di schioccezze... Perché quello che noi africani amiamo soprattutto è il silenzio! Oh, so che per voi  ci piacere il rumore e la musica ritmica, ma questo non è esatto o perlomeno è molto esagerato e anche a mio parere piuttosto romanzato. Direi anche un po 'razzista perché soprattutto gli africani amano il silenzio e in un certo modo la contemplazione perché questo è insito nell'anima africana (1) ... Ma questo è esattamente ciò che scoprono e apprezzano nella liturgia tradizionale che è soprattutto una liturgia contemplativa dove in silenzio ci troviamo inginocchiati davanti all'Onnipotente Dio e questo, insisto, è profondamente ancorato nell'anima africana.

Paix Liturgique: ha accennato poco fa alla fedeltà alla fede

don Jean: Perché è essenziale per un cristiano! Sappiamo che in tutta la storia della Chiesa ci sono stati martiri, donne e uomini e persino bambini che sono morti per continuare ad essere fedeli a Gesù, e questo è ancora vero oggi, praticamente ovunque. Conoscete gli orrori che si verificano in Pakistan, dove alcune persone sono perseguitate per la loro fede in Gesù Cristo, ma questo esiste anche in Africa, in Nigeria ovviamente, ma anche in molti, molti altri paesi del Continente. Quindi per noi, come per voi spero, la fede in Gesù Cristo non è una parola vuota e, quando ci troviamo di fronte al Signore, speriamo che venga fatto in coerenza e in conformità con ciò in cui crediamo profondamente

Paix Liturgique: e questo lo trovate nella liturgia tradizionale?

don Jean: Ovviamente ed è per questo che mi ci sono affezionato. Prima mi sentivo a disagio, spesso in contrasto con quello che stavo passando anche mentre celebravo la mia messa, ma da quando ho incontrato la liturgia tradizionale, mi sento riconciliato con me stesso. Certamente, avevo avuto brevi incontri con il sacro, soprattutto con gli ortodossi durante un viaggio in Egitto e anche poche volte in Occidente visitando monasteri contemplativi, ma tutto questo mi sembrava distante, inaccessibile o semplicemente estraneo alla mia vita. mentre vivere la propria fede in armonia con la liturgia latina tradizionale è stato per me come una rivelazione, una redenzione direi addirittura. Ecco perché sono ci così attaccato adesso ed è per questo che non voglio tornare indietro. Infatti, quando ne ho parlato con il mio vescovo, sono stata molto felice di vederlo sorridere e incoraggiarmi a continuare su questa strada.

Paix Liturgique: è iuscito a condividere questo entusiasmo con chi la circonda?

don Jean: la stupirò. Questa situazione era per me così strana, così personale che non volevo aggiungere altro, ma come si dice nel tuo paese "caccia il naturale, ritorna al galoppo". Sono stati i fedeli che mi hanno raggiunto e mi hanno aiutato a continuare. Quindi all'inizio ho festeggiato, non di nascosto, ma molto discretamente, senza fare pubblicità né rumore, ma a poco a poco sono venuti alla mia Messa due fedeli. poi tre e oggi sono più di trenta che si raccolgono intorno a me da quando sono nel paese.

Paix Liturgique: come se lo spiega?

don Jean: Non sono sicuro di me, ma penso che queste fedeli, prima donne e poi studentesse, abbiano avuto la mia stessa rivelazione della coerenza di questa liturgia con noi stessi e con la nostra fede.

Ricordo uno studente di giurisprudenza che mi disse alcuni mesi fa: "mentre assisto alla sua Messa sono in silenzio in ginocchio davanti a Cristo sulla Croce al quale vengo per presentare le mie debolezze". "Non sapevo cosa aggiungere.

Paix Liturgique: perché è anche liturgia di adorazione?

don Jean: Certamente e non vedo alcuna differenza ontologica tra la mia celebrazione dei santi misteri e le adorazioni eucaristiche che organizzo quando possibile, e questa affermazione non è solo mia ma anche di chi, sempre di più, viene qui a ricaricare le batterie e purificarsi. Inoltre, mi mancherebbe gravemente la verità se omettessi di dire che uno dei frutti più belli che ho raccolto in occasione di queste celebrazioni è il ritorno di tutti questi fedeli alla confessione dei loro peccati, ancor prima che io li invitassi.

Sì, questa liturgia è bella e orante e ringrazio il cielo per averla incontrata

Paix Liturgique: questo uso è quindi missionario.

don Jean: Quello che le ho appena raccontato ne è la prova. Quando i testimoni di Geova o gli evangelisti vanno di casa in casa, fanno molto rumore e agitano molto denaro; al contrario la santa liturgia non fa rumore ma fa del bene e aiuta ad avanzare verso il meglio e, chi lo sa? un giorno verso la santità. In questo, questa liturgia è eminentemente missionaria e penso che sia questo che attendono milioni di africani, indifesi come gli europei di oggi, perché è incontrando la liturgia tradizionale che trovano la pace e la serenità. E questo attirerà sempre più africani.

1. Non possiamo non evocare il bellissimo libro del cardinale Robert Sarah, La force du silence, Fayard, 2017.

2 commenti:

  1. Ricordate il lavoro di Mons Marcel Lefebvre nel l'Africa subsahariana e la FSSPX

    RispondiElimina
  2. Mimmo di Taranto22 maggio 2021 12:31

    al lavoro di Mons. Lefebvre in Africa accenna lo stesso Card. Sarah nell'altro suo libro intervista: Dio o niente

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.