Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 22 gennaio 2021

USA: il Vaticano blocca l’appello dei vescovi a Biden contro l’aborto

Alcune ore fa abbiamo pubblicato, in traduzione, la dura presa di posizione ufficiale della Conferenza dei Vescovi cattolici degli Stati Uniti contro le politiche non cattoliche (ed in particolare filo-abortiste) del presidente Joe Biden, concludendo con la promessa di ritornare con nuovi aggiornamenti, in particolare il prevedibile scontro con le gerarchie vaticane, apertamente sostenitrici del nuovo neopresidente.
Puntuale giunge, quindi, la notizia del tentativo – da parte della Santa Sede – di bloccare la pubblicazione e la diffusione della lettera, come reso noto The Pillar, ripreso dal Washington Times e, in Italia, da Agenzia Nova e poi dal Sismografo e da Stilum Curiae.
Riportiamo, in traduzione, il primo articolo pubblicato su The Pillar, che ricostruisce in modo particolareggiato la vicenda, promettendo altri aggiornamenti e commenti nei prossimi giorni.

L.V.


Mercoledì mattina, la conferenza episcopale degli Stati Uniti ha trattenuto una dichiarazione sul presidente entrante Joe Biden, dopo che funzionari della Segreteria di Stato vaticana sono intervenuti prima che la dichiarazione potesse essere rilasciata.
La dichiarazione, del presidente della conferenza, l’arcivescovo Jose Gomez, ha preso posizioni intransigenti su aborto, genere e libertà religiosa, avvertendo che l’agenda politica dell’amministrazione Biden avrebbe promosso “mali morali” su diversi fronti.
“[Come] pastori, i vescovi della nazione hanno il dovere di proclamare il Vangelo in tutta la sua verità e potenza, a tempo e fuori tempo, anche quando quell’insegnamento è scomodo o quando le verità del Vangelo sono contrarie alle indicazioni del società e cultura più ampi”, ha scritto l’arcivescovo Jose Gomez in una dichiarazione che dovrebbe essere rilasciata alle 9:00 del 20 gennaio.
“Quindi, devo sottolineare che il nostro nuovo presidente si è impegnato a perseguire alcune politiche che promuoveranno i mali morali e minaccerebbero la vita e la dignità umana, soprattutto nelle aree dell’aborto, della contraccezione, del matrimonio e del genere. Di profonda preoccupazione è la libertà della Chiesa e la libertà dei credenti di vivere secondo la loro coscienza”, ha aggiunto Gomez.
La dichiarazione non è stata rilasciata mercoledì mattina e i vescovi sono stati informati dai funzionari della USCCB che è rimasta sotto embargo, anche dopo che un media ha riferito che era stata rilasciata.
Fonti della Segreteria di Stato vaticana, altre vicine agli conferenza episcopale degli Stati Uniti e fonti tra i vescovi statunitensi hanno confermato a The Pillar che la dichiarazione è stata aumentata dopo l’intervento della Segreteria di Stato vaticana, poche ore prima che fosse rilasciata.
La dichiarazione è stata oggetto di accesi dibattiti fino a martedì sera, ma più fonti affermano che è stato l’intervento del Vaticano a causare il suo ritardo.
Fonti vicine all’USCCB affermano che diversi vescovi americani avevano espresso preoccupazione per il rilascio del comunicato, ritenendolo eccessivamente critico nei confronti dell’amministrazione entrante.
Tre fonti vicine alla conferenza episcopale hanno affermato che le obiezioni al rilascio della dichiarazione provenivano dal cardinale Joseph Tobin di Newark e dal cardinale Blase Cupich di Chicago, tra altri vescovi anonimi.
Fonti della conferenza hanno detto a The Pillar che mentre la dichiarazione di Gomez potrebbe alla fine essere rilasciata, mercoledì a mezzogiorno si aspettava che Papa Francesco rilasciasse per primo una dichiarazione sull’amministrazione Biden. Alcune fonti hanno affermato che in Vaticano c’era preoccupazione che una dichiarazione di Gomez, considerata critica nei confronti dell’amministrazione Biden, potesse sembrare forzare la mano del papa nei suoi stessi rapporti con Biden, che sarà il secondo presidente cattolico degli Stati Uniti e il primo in 60 anni.
L’USCCB non ha risposto alle richieste di commento di The Pillar. L’arcivescovo Christophe Pierre, nunzio apostolico negli Stati Uniti, mercoledì mattina ha detto a The Pillar di essere presente all’inaugurazione di Biden e di non poter parlare con un giornalista.
Nella dichiarazione, che è stata ottenuta da The Pillar nella tarda serata di martedì, Gomez ha scritto che lui ei suoi fratelli vescovi avrebbero parlato direttamente dell’aborto negli anni a venire.
“Abbiamo profonde preoccupazioni per molte minacce alla vita umana e alla dignità nella nostra società. Ma come insegna Papa Francesco, non possiamo tacere quando quasi un milione di vite non nate vengono messe da parte nel nostro paese anno dopo anno a causa dell’aborto”, ha scritto Gomez.
“L’aborto è un attacco diretto alla vita che ferisce anche la donna e mina la famiglia. Non è solo una questione privata, solleva inquietanti e fondamentali questioni di fraternità, solidarietà e inclusione nella comunità umana. È anche una questione di giustizia sociale. Non possiamo ignorare la realtà che i tassi di aborto sono molto più alti tra i poveri e le minoranze, e che la procedura viene regolarmente utilizzata per eliminare i bambini che nascerebbero con disabilità”.
La dichiarazione dell’arcivescovo arriva dopo che aveva già espresso le preoccupazioni tra gli Stati Uniti vescovi sulle posizioni politiche a favore della scelta di Biden, che sono in contrasto con la dottrina cattolica.
Alla conclusione dell’Assemblea generale autunnale dell’USCCB a novembre, Gomez ha detto agli altri vescovi degli Stati Uniti che lavorare con l’amministrazione entrante, guidata da un cattolico che si opponeva pubblicamente all’insegnamento della Chiesa su una serie di questioni fondamentali, avrebbe presentato “una situazione difficile e complessa”, e ha annunciato uno speciale gruppo di lavoro per coordinare l’impegno dei vescovi con il la Casa Bianca di Biden.
Biden, un cattolico da sempre, ha spesso citato la sua fede durante la campagna presidenziale e ha incluso immagini di Papa Francesco, suore religiose e altre immagini apertamente cattoliche nei suoi video della campagna.
Mentre molti vescovi degli Stati Uniti hanno espresso preoccupazione per le posizioni politiche a favore della scelta di Biden durante le elezioni presidenziali del 2020, altri hanno segnalato una preferenza per Biden rispetto alle incertezze di un secondo mandato Trump, lasciando i membri più accesi della conferenza episcopale nettamente divisi sulla politica negli ultimi mesi.
La dichiarazione di Gomez mercoledì è stata in quel contesto una chiara riaffermazione delle priorità politiche della Conferenza episcopale, che ha sottolineato negli ultimi anni che l’opposizione all’aborto è una “priorità preminente” per i cattolici nella vita politica.
Biden si è spostato negli ultimi anni a sinistra su diverse questioni importanti per i vescovi, in particolare l’aborto.
Il presidente entrante ha trascorso decenni in servizio nel Senato degli Stati Uniti prima di diventare vicepresidente sotto Barack Obama. In qualità di senatore, Biden ha parlato spesso della sua personale opposizione all’aborto, sostenendo misure come l’emendamento Hyde, che impedisce ai dollari delle tasse federali di pagare gli aborti. Ma nel corso della sua campagna per le primarie democratiche del 2020, Biden ha ribaltato la sua posizione sul finanziamento dell’aborto e ha promesso di custodire l’intera portata di Roe v. Wade nella legislazione federale, impedendo di fatto agli stati di introdurre limiti all’aborto.
Nella dichiarazione inedita, Gomez ha affermato che l’aborto non è una “questione privata” ma una “questione di giustizia sociale” e ha osservato che è impossibile “ignorare la realtà che i tassi di aborto sono molto più alti tra i poveri e le minoranze, e che la procedura viene regolarmente utilizzato per eliminare i bambini che nascerebbero con disabilità”.
Biden si è anche impegnato a invertire le protezioni della coscienza dell’era Trump e le eccezioni alla libertà religiosa al mandato contraccettivo del Dipartimento della salute e dei servizi umani. La regola, come scritto sotto l’amministrazione Obama, significava che i gruppi religiosi come le Piccole Sorelle dei Poveri sarebbero stati obbligati a fornire copertura per contraccezione, farmaci abortivi e sterilizzazioni nell’ambito dei loro piani sanitari.
Dopo un secondo viaggio alla Corte Suprema, l’esenzione delle Piccole Sorelle è stata confermata nel luglio 2020, ma Biden ha colto l’occasione per promettere che avrebbe immediatamente abrogato la loro esenzione una volta in carica.
Nella sua dichiarazione inedita, Gomez ha menzionato alcuni punti di unità tra l’amministrazione entrante ei vescovi, inclusa l’opposizione alla pena di morte e un appello per un migliore accesso a un’assistenza sanitaria a prezzi accessibili. L’arcivescovo ha anche detto che non vede l’ora di impegnarsi con un presidente cattolico.
“Lavorare con il presidente Biden sarà unico … poiché è il nostro primo presidente in 60 anni a professare la fede cattolica. In un periodo di secolarismo crescente e aggressivo nella cultura americana, quando i credenti religiosi affrontano molte sfide, sarà rinfrescante impegnarsi con un presidente che comprende chiaramente, in modo profondo e personale, l’importanza della fede e delle istituzioni religiose. La pietà e la storia personale del signor Biden, la sua commovente testimonianza di come la sua fede gli ha portato conforto in tempi di oscurità e tragedia, il suo impegno di lunga data per la priorità del Vangelo per i poveri – tutto questo trovo pieno di speranza e di ispirazione”.
“Non vedo l’ora di lavorare con il presidente Biden, la sua amministrazione e il nuovo Congresso. Come per ogni amministrazione, ci saranno aree in cui siamo d’accordo e lavoriamo a stretto contatto e aree in cui avremo disaccordo di principio e forte opposizione”, ha aggiunto Gomez.
Ma l’arcivescovo ha anche sottolineato che la Chiesa non può ignorare punti di sostanziale differenza con l’amministrazione entrante a favore di aree di accordo, poiché tutte le priorità sociali e morali della Chiesa sono radicate nel Vangelo.
“I nostri impegni sui temi della sessualità umana e della famiglia, così come i nostri impegni in ogni altro ambito – come l’abolizione della pena di morte o la ricerca di un sistema sanitario ed economico che serva veramente la persona umana – sono guidati dal grande comandamento di Cristo di amare e di essere solidali con i nostri fratelli e sorelle, specialmente i più vulnerabili”.
Notando la promessa di Biden di promuovere l’unità nazionale nel mezzo della pandemia di coronavirus e dopo un lungo periodo di drammatica polarizzazione culturale, Gomez aveva scritto che spera che, nonostante i suoi impegni politici, il nuovo presidente dialogherà invece con la Chiesa e altri di buona volontà “Per affrontare i complicati fattori culturali ed economici che guidano l’aborto e scoraggiano le famiglie”.
“Anche la mia speranza è che possiamo lavorare insieme per mettere finalmente in atto una politica familiare coerente in questo paese, che riconosca l’importanza cruciale di matrimoni forti e genitorialità per il benessere dei bambini e la stabilità delle comunità”, ha detto Gomez.
“Se il presidente, nel pieno rispetto della libertà religiosa della Chiesa, si impegnasse in questa conversazione, farebbe molto per ripristinare l’equilibrio civile e sanare le esigenze del nostro Paese”.

AGGIORNAMENTO, 12:30 pm:

— Poco dopo che Biden ha prestato giuramento come presidente, la Santa Sede ha diffuso un comunicato di Papa Francesco in cui ha esteso i “cordiali auguri e l’assicurazione delle [sue] preghiere” per il nuovo presidente.
“Prego che le vostre decisioni siano guidate dalla preoccupazione per la costruzione di una società caratterizzata da autentica giustizia e libertà, insieme al rispetto costante per i diritti e la dignità di ogni persona, in particolare i poveri, i vulnerabili e coloro che non hanno voce”, ha detto il papa.

1 commento:

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.