Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

venerdì 22 gennaio 2021

I vescovi USA si esprimono contro i «mali morali» promossi delle politiche non cattoliche del presidente Biden

Riportiamo la dichiarazione ufficiale – tradotta in italiano – della Conferenza episcopale statunitense indirizzata al nuovo Presidente degli Stati Uniti e pubblicata il 20 gennaio sul sito della USCCB.
Una fermissima presa di posizione sui temi cari al Magistero cattolico.
In particolare segnaliamo il passaggio relativo alla tutela della vita, della dignità umana, del matrimonio e della libertà della Chiesa, con particolare accento alla questione dell’aborto: 

«Allo stesso tempo, come pastori, ai vescovi della nazione è affidato il dovere di proclamare il Vangelo in tutta la sua verità e potenza, a tempo e fuori tempo, anche quando quell’insegnamento è scomodo o quando le verità del Vangelo sono contrarie alle indicazioni di la società e la cultura più ampie. Quindi, devo sottolineare che il nostro nuovo presidente si è impegnato a perseguire determinate politiche che promuoveranno i mali morali e minaccerebbero la vita e la dignità umana, soprattutto nelle aree dell’aborto, della contraccezione, del matrimonio e del genere. Di profonda preoccupazione è la libertà della Chiesa e la libertà dei credenti di vivere secondo la loro coscienza. […]
Per i vescovi della nazione, la continua ingiustizia dell’aborto rimane la “priorità preminente”. Preminente non significa “solo”. Abbiamo profonde preoccupazioni per molte minacce alla vita umana e alla dignità nella nostra società. Ma come insegna Papa Francesco, non possiamo rimanere in silenzio quando quasi un milione di vite non nate vengono messe da parte nel nostro paese anno dopo anno a causa dell’aborto.
L’aborto è un attacco diretto alla vita che ferisce anche la donna e mina la famiglia. Non è solo una questione privata, solleva inquietanti e fondamentali questioni di fraternità, solidarietà e inclusione nella comunità umana. È anche una questione di giustizia sociale. Non possiamo ignorare la realtà che i tassi di aborto sono molto più alti tra i poveri e le minoranze e che la procedura viene regolarmente utilizzata per eliminare i bambini che nascerebbero con disabilità.
Piuttosto che imporre ulteriori espansioni dell’aborto e della contraccezione, come ha promesso, spero che il nuovo presidente e la sua amministrazione lavoreranno con la Chiesa e altri di buona volontà».

Si tratta di una dichiarazione che non ha lasciato indifferente il Vaticano e sulla quale vi daremo a breve nuovi importanti aggiornamenti.

L.V.


Le mie preghiere sono con il nostro nuovo presidente e la sua famiglia oggi.
Prego che Dio gli conceda saggezza e coraggio per guidare questa grande nazione e che Dio lo aiuti a superare le prove di questi tempi, a guarire le ferite causate da questa pandemia, ad alleviare le nostre intense divisioni politiche e culturali e a portare le persone insieme a una rinnovata dedizione agli scopi fondanti dell’America, essere una nazione sotto Dio impegnata per la libertà e l’uguaglianza per tutti.
I vescovi cattolici non sono attori di parte nella politica della nostra nazione. Siamo pastori responsabili delle anime di milioni di americani e sosteniamo i bisogni di tutti i nostri vicini. In ogni comunità del Paese, le parrocchie, le scuole, gli ospedali e i ministeri cattolici formano una cultura essenziale di compassione e cura, al servizio di donne, bambini e anziani, poveri e malati, detenuti, migranti ed emarginati, non importa quale sia la loro razza o religione.
Quando parliamo di questioni nella vita pubblica americana, cerchiamo di guidare le coscienze e offriamo principi. Questi principi sono radicati nel Vangelo di Gesù Cristo e negli insegnamenti sociali della sua Chiesa. Gesù Cristo ha rivelato il piano d’amore di Dio per la creazione e ha rivelato la verità sulla persona umana, che è creata a immagine di Dio, dotata della dignità, dei diritti e delle responsabilità dati da Dio e chiamata a un destino trascendente.
Sulla base di queste verità, che si riflettono nella Dichiarazione di indipendenza e nella Carta dei diritti, i vescovi ei fedeli cattolici eseguono il comandamento di Cristo di amare Dio e amare i nostri vicini lavorando per un’America che protegge la dignità umana, amplia l’uguaglianza e le opportunità per tutti persona, ed è di cuore aperto verso i sofferenti e i deboli.
Ormai da molti anni, la Conferenza episcopale degli Stati Uniti ha cercato di aiutare i cattolici e altri di buona volontà nelle loro riflessioni su questioni politiche attraverso una pubblicazione che chiamiamo Formare la coscienze per una cittadinanza di fede. L’edizione più recente affronta una vasta gamma di preoccupazioni. Tra questi: aborto, eutanasia, pena di morte, immigrazione, razzismo, povertà, cura dell’ambiente, riforma della giustizia penale, sviluppo economico e pace internazionale.
Su queste e altre questioni, il nostro dovere di amare e i nostri principi morali ci portano a giudizi e posizioni prudenziali che non si allineano perfettamente con le categorie politiche di sinistra o di destra o con le piattaforme dei nostri due principali partiti politici. Lavoriamo con ogni Presidente e ogni Congresso. Su alcune questioni ci troviamo più dalla parte dei Democratici, mentre su altre ci troviamo dalla parte dei Repubblicani. Le nostre priorità non sono mai di parte. Siamo innanzitutto cattolici, che cercano solo di seguire fedelmente Gesù Cristo e di portare avanti la sua visione della fraternità e della comunità umana.
Non vedo l’ora di lavorare con il presidente Biden, la sua amministrazione e il nuovo Congresso. Come per ogni amministrazione, ci saranno aree in cui siamo d’accordo e lavoriamo a stretto contatto e aree in cui avremo disaccordo di principio e forte opposizione.
Lavorare con il presidente Biden sarà tuttavia unico, poiché è il nostro primo presidente in 60 anni a professare la fede cattolica. In un periodo di secolarismo crescente e aggressivo nella cultura americana, quando i credenti religiosi affrontano molte sfide, sarà rinfrescante impegnarsi con un presidente che comprende chiaramente, in modo profondo e personale, l’importanza della fede e delle istituzioni religiose. La pietà e la storia personale del signor Biden, la sua commovente testimonianza di come la sua fede gli ha portato conforto in tempi di oscurità e tragedia, il suo impegno di lunga data per la priorità del Vangelo per i poveri – tutto questo trovo pieno di speranza e di ispirazione.
Allo stesso tempo, come pastori, ai vescovi della nazione è affidato il dovere di proclamare il Vangelo in tutta la sua verità e potenza, a tempo e fuori tempo, anche quando quell’insegnamento è scomodo o quando le verità del Vangelo sono contrarie alle indicazioni di la società e la cultura più ampie. Quindi, devo sottolineare che il nostro nuovo presidente si è impegnato a perseguire determinate politiche che promuoveranno i mali morali e minaccerebbero la vita e la dignità umana, soprattutto nelle aree dell’aborto, della contraccezione, del matrimonio e del genere. Di profonda preoccupazione è la libertà della Chiesa e la libertà dei credenti di vivere secondo la loro coscienza.
I nostri impegni sulle questioni della sessualità umana e della famiglia, così come i nostri impegni in ogni altra area – come l’abolizione della pena di morte o la ricerca di un sistema sanitario e di un’economia che serva veramente la persona umana – sono guidati dal grande comandamento di Cristo di amare e per essere solidali con i nostri fratelli e sorelle, specialmente i più vulnerabili.
Per i vescovi della nazione, la continua ingiustizia dell’aborto rimane la “priorità preminente”. Preminente non significa “solo”. Abbiamo profonde preoccupazioni per molte minacce alla vita umana e alla dignità nella nostra società. Ma come insegna Papa Francesco, non possiamo rimanere in silenzio quando quasi un milione di vite non nate vengono messe da parte nel nostro paese anno dopo anno a causa dell’aborto.
L’aborto è un attacco diretto alla vita che ferisce anche la donna e mina la famiglia. Non è solo una questione privata, solleva inquietanti e fondamentali questioni di fraternità, solidarietà e inclusione nella comunità umana. È anche una questione di giustizia sociale. Non possiamo ignorare la realtà che i tassi di aborto sono molto più alti tra i poveri e le minoranze e che la procedura viene regolarmente utilizzata per eliminare i bambini che nascerebbero con disabilità.
Piuttosto che imporre ulteriori espansioni dell’aborto e della contraccezione, come ha promesso, spero che il nuovo presidente e la sua amministrazione lavoreranno con la Chiesa e altri di buona volontà. La mia speranza è che possiamo iniziare un dialogo per affrontare i complicati fattori culturali ed economici che guidano l’aborto e scoraggiano le famiglie. La mia speranza, inoltre, è che possiamo lavorare insieme per mettere finalmente in atto una politica familiare coerente in questo paese, che riconosca l’importanza cruciale di matrimoni forti e genitorialità per il benessere dei bambini e la stabilità delle comunità. Se il presidente, nel pieno rispetto della libertà religiosa della Chiesa, si impegnasse in questa conversazione, farebbe molto per ristabilire l’equilibrio civile e sanare le esigenze del nostro Paese.
L’appello del presidente Biden per la guarigione e l’unità nazionale è ben accetto a tutti i livelli. È urgentemente necessario mentre affrontiamo il trauma nel nostro paese causato dalla pandemia di coronavirus e dall’isolamento sociale che ha solo lavorato alle divisioni intense e ribollenti tra i nostri concittadini.
Come credenti, comprendiamo che la guarigione è un dono che possiamo ricevere solo dalla mano di Dio. Sappiamo anche che la vera riconciliazione richiede un ascolto paziente di coloro che non sono d’accordo con noi e la disponibilità a perdonare e ad andare oltre i desideri di rappresaglia. L’amore cristiano ci chiama ad amare i nostri nemici, a benedire coloro che si oppongono a noi ea trattare gli altri con la stessa compassione che desideriamo per noi stessi.
Siamo tutti sotto l’occhio vigile di Dio, che solo conosce e può giudicare le intenzioni dei nostri cuori. Prego che Dio dia al nostro nuovo presidente, ea tutti noi, la grazia di cercare il bene comune con tutta sincerità.
Affido tutte le nostre speranze e ansie in questo nuovo momento al tenero cuore della Beata Vergine Maria, madre di Cristo e patrona di questa nazione eccezionale. Possa lei guidarci sulle vie della pace e ottenerci saggezza e grazia di un vero patriottismo e amore per la patria.

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.