Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

mercoledì 23 dicembre 2020

Card. Muller: “È blasfemo che i politici cattolici favorevoli all’aborto ricevano la Santa Comunione”

Sante parole dell'ex Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede.
Luigi

Sabino Paciolla Dicembre 13 2020

È blasfemo che i politici cattolici favorevoli all’aborto ricevano la Santa Comunione, e che i vescovi e i sacerdoti non rifiutino loro l’Eucaristia è parte dell’eredità dell’ex cardinale Theodore McCarrick, ridotto allo stato laicale per abusi sessuali, ha detto il cardinale tedesco Gerhard Müller.
Di seguito il sunto dell’intervista di John Henry Westen al Card. Gerhard L. Müller, Prefetto emerito della Congregazione della Dottrina della Fede (CDF).
L’intervista è stata pubblicata su Lifesitenews, e ve la propongo nella mia traduzione.

È blasfemo che i politici cattolici favorevoli all’aborto ricevano la Santa Comunione, e che i vescovi e i sacerdoti non rifiutino loro l’Eucaristia è parte dell’eredità dell’ex cardinale Theodore McCarrick, ha detto il cardinale tedesco Gerhard Müller.
L’ex capo della potente Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) del Vaticano, Müller ha discusso con John-Henry Westen di LifeSite i danni causati alla Chiesa cattolica da McCarrick, la cui rapida caduta nel 2018 è avvenuta dopo decenni di predazioni omosessuali, pur esercitando potere e influenza nella Chiesa.

Tra i danni, e di particolare importanza per il movimento pro-vita, c’è stato il fatto che McCarrick ha guidato nel 2004 una commissione di vescovi americani per studiare la questione se ai politici cattolici pro-aborto dovesse essere negata o meno la Santa Comunione, ha osservato Westen.

“Roma è intervenuta”, ha detto, quando l’allora cardinale Joseph Ratzinger, a capo della CDF, ha inviato ai vescovi la lettera “Degni di ricevere la Santa Comunione”, in cui si affermava che ai politici cattolici a favore dell’aborto deve essere negata l’Eucaristia.

Tuttavia, quando McCarrick la ricevette, “la nascose al resto dei vescovi, e in effetti, disse falsamente che il Vaticano era d’accordo che fossero i vescovi stessi a decidere sulla questione (ognuno in autonomia nella propria diocesi, ndr)”, ha detto Westen.

Müller ha ribadito nella sua risposta che i politici cattolici favorevoli all’aborto non possono ricevere la Santa Comunione.

“Nessuno può accettare la piena comunione con Gesù Cristo, una comunione sacramentale, se si è nelle cose morali di base assolutamente contro la volontà di Gesù Cristo”, ha detto a Westen.

“Non si può dire a Gesù, ‘Signore, Signore’, … e d’altra parte non fare la Sua volontà”, ha aggiunto.

“Questa è una contraddizione, e non si può seguire questa contraddizione nella ricezione del Santo Sacramento. Questo è ciò che Giovanni Paolo II e il cardinale Ratzinger, in questo tempo, hanno detto, questo è il fondamento della nostra fede cattolica, il legame tra la tua vita e la tua fede”.

Müller è stato anche chiaro che i sacerdoti e i vescovi devono avere il coraggio di rifiutare la Santa Comunione a una figura pubblica favorevole all’aborto, per quanto di alto profilo possa essere.

“Tutti sono uguali davanti a Dio, e non ci sono principi o presidenti o imperatori o re”, ha detto Müller.

Sant’Ambrogio di Milano disse “al potente imperatore Teodosio, non si può uccidere e venire alla Santa Comunione. Lo scomunicò. Questo è stato coraggio”, ha sottolineato.

“Dobbiamo anche… ai nostri tempi dire molto chiaramente: ‘Non vi è permesso uccidere le persone e se continuate così, non potete ricevere la Santa Comunione e se ricevete la Santa Comunione questa è blasfemia'”, ha aggiunto il cardinale.

Nascondere la lettera della CDF è stata solo una parte del danno che McCarrick ha causato alla Chiesa, ha detto Müller. “Credo che l’ex cardinale McCarrick abbia fatto diversi grossi danni contro la Chiesa cattolica, non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo”, con “problemi che ha provocato con la sua vita contro i comandamenti di Dio”.

“La soppressione di questa lettera della Congregazione della Dottrina della fede è solo una parte del suo comportamento disonesto e del suo danno come giudice che fa la sua politica”, ha osservato Müller. “Era più legato ai politici e al potere che alla verità della fede cattolica, e questo è molto, molto triste”.

“Non voglio essere l’accusatore pubblico di lui; parlerò solo di questi fatti e degli effetti del suo comportamento”, ha aggiunto il cardinale. “Alla fine Dio… solo Dio può giudicarlo, e noi non siamo giudici di altre persone, ma abbiamo il pieno diritto di parlare degli effetti negativi per la Chiesa cattolica”.

Westen e Müller hanno anche discusso della telefonata di Papa Francesco al vice presidente e al cattolico pro-aborto Joe Biden dopo le elezioni americane, anche se il collegio elettorale eserciterà il voto decisivo per eleggerlo ufficialmente presidente, ndr) solo lunedì [prossimo].

Il Vaticano ha riferito che i due uomini hanno parlato di cambiamento climatico ma non di aborto, ha osservato Westen.

L’aborto “è un omicidio, un’uccisione di bambini innocenti”, ha detto Müller.


“Spero quindi che il Papa abbia parlato di questo punto, che è molto importante, non una questione di politica ma una questione di morale e di basi della nostra antropologia… Ognuno ottiene i suoi diritti da Dio, e nessuno ha il diritto di uccidere un’altra persona”, ha detto.

“Un politico che si definisce un cattolico credente non può entrare in politica promuovendo l’aborto come un diritto umano, perché, come dice Papa Francesco, è uccidere una persona, una persona viva”, ha osservato.

“Non si può dire: ‘Ah, sì, dall’altra parte, non fanno abbastanza per gli immigrati e quindi possiamo controbilanciare con questo’, non è questo l’ordine”, ha aggiunto Müller. “Le basi dei diritti umani sono il diritto di vivere, e le altre questioni [politiche] vengono dopo”.

La “cosa più importante è parlare di Dio, di Gesù Cristo come Salvatore di tutti, della vita eterna”, ha detto il cardinale.

“Gesù non ha fondato la Chiesa per parlare di cose che sono di secondaria importanza, ma della cosa più importante, e cioè che tutti vivano in grazia e giungano alla vita eterna”, ha detto Müller.

“Questa è la missione della Chiesa cattolica, e il Papa e i vescovi … hanno questa missione con la loro ordinazione sacramentale, di predicare il Vangelo di Gesù Cristo e di mediare la grazia nei sacramenti”.