Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

mercoledì 9 settembre 2020

La follia del fanatismo igienista si scaglia persino contro i disabili!

Siamo arrivati persino in chiesa alla follia ansiogena e fanaticamente igienista! 
Durante la S. Messa in una parrocchia di Civitanova Marche il celebrante, con affettuoso e delicato altruismo, che contraddistingue il suo ministero, ha distribuito la Santa Comunione ovviamente sulla bocca ad una ragazza affetta da una forma di disabilità. 
E' solitamente l'ultima comunione ai fedeli perché la ragazza, con delicato intendimento, non vuole “intralciare” la celebrazione. 
Dopo la Messa in sagrestia è comparsa con aria
inquisitoria e saccente una signora, ben vestita, “laica impegnata”, che “coram populo” ha rimproverato il bravo e buon sacerdote di origine africana accusandolo di aver contravvenuto le vigenti norme igieniche imposte dalla CEI anti-covid bla bla bla perchè aveva comunicato sulla bocca la ragazza disabile. 
La signora non ha usato alcun riguardo e alcun rispetto nei confronti del Consacrato. 
Ci auguriamo che non fosse stata a conoscenza dello stato attuale della malattia della giovane. Si trovava in sagrestia anche un giovane amico della ragazza il quale (ricorrendo anche a qualche colorito “francesismo”, certamente inadatto al sacro luogo) ha voluto ricordare alla pedante, egoista ed elegante fedele "igienista" che esiste ancora la suprema legge dell’amore cristiano che si realizza, come ha dimostrato il comportamento del bravo sacerdote, che trova il più elevato compimento nella carità e dell’assistenza, anche eroicamente fino al martirio, nei confronti dei bisognosi. 
Il giovane, visto che c’era, ha pure esaltato la piena legittimità della comunione sulla bocca e facendo una similitudine con i tanti fedeli ortodossi presenti in Città ha ribadito che il “Corpo di Cristo non contamina e non infetta!” 
Questo è avvenuto in una parrocchia dove i fedeli, anche i turisti, sono sempre più contrariati perchè dal 18 maggio scorso durante le celebrazioni della Messa debbono sopportare la lettura del “decalogo” delle norme igieniche anti-covid 19: uno schiaffo al buon senso e anche all’intelligenza dei fedeli ritenuti che evidentemente sono ritenuti incapaci di leggere e di comprendere.
MC 

Immagine: Lorenzo Garbieri ( 1611 ) San Carlo Borromeo comunica gli appestati: "al centro verso sinistra, è in piedi il Santo, di profilo, in atto di porgere la particola a un religioso Barnabita inginocchiato all'estrema sinistra. Dietro, due chierici, uno dei quali reggente una torcia, oltre la quale è visibile un vecchio barbato, laico. Alla destra, un altro personaggio, in abiti laici, si regge a una colonna; in primo piano è disteso un Barnabita." QUI 

A tal riguardo consigliamo di leggere anche l'articolo di oggi 9 settembre 2020 di A.M.Valli su "Duc in altum" QUI

8 commenti:

  1. Sono Padre di una ragazza autistica che per le sue stereotipie alle mani non può ricevere Gesù Eucaristico nelle mani ma solamente sula lingua come la tradizione e le norme ecclesiastiche impongono e raccomandano a tutti i fedeli malati e sani che siano.Mi è capitato durante la Messa in una parrocchia del Senese il sacerdote della medesima chiesa si è rifiutato di Comunicarla in bocca per troppo zelo sanitario e per paura di eventuali rimproveri dei laici igienisti...che dire...siamo all' abominio..pertanto onore al Parroco e al giovane di cui sopra si parla..sono segni di speranza e che tutto non è perduto.Grazie Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tutto è perduto Signor Stefano! Ci sono, grazie a Dio, dei Sacerdoti che onorano con la propria vita esemplare e la loro dedizione ministeriale l'immenso dono che hanno ricevuto del Sacerdozio cattolico!
      Dobbiamo sempre sostenerli con la preghiera e , se necessario, con la nostra carità!

      Elimina
    2. Non Metuens Verbum11 settembre 2020 18:40

      e codesto prete alquanto buffone, non è stato nemmeno capace nella sua paura di proporre che il padre ricevesse in mano la Sacra Particola e fosse quindi lui a comunicare la figlia ? Probabilmente a) non sa che Particola è Sacra, b) non sa che Ad Impossibilia Nemo Tenetur, c) non sa che Salus Animarum Suprema Lex, e d'altronde d) non sa nemmeno il latino.

      Elimina
  2. Purtroppo, quando anche dai pastori passa il messaggio che i deliri pandemicamente corretti vomitati dal governo Conte sono da seguire pedissequamente perché se no "si muore" questi sono i risultati. E va a finire che ci va di mezzo anche chi non c'entra niente, come il sacerdote in questione.

    A margine, ma non troppo: ai laici, dal concilio in poi, è stato concesso troppo! Sembra che comandino loro, con i loro gruppi e gruppetti, i consigli pastorali, le loro fisime e le loro fissazioni...sembra quasi che il prete è a libro paga dei laici e che dipende da esso. Magari pregassero di più, invece di impicciarsi in cose che non competono loro. Un'altra grande vittoria della chiesa svecchiata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende dal prete. Ci sono preti che i laici ascoltano perché se ne sono guadagnati il rispetto testimoniando il vangelo anche a costo di sacrifici infiniti fino a morire, curandosi attivamente delle anime che devono consolare e redimere. I sacerdoti bambolotti che se la tirano e se ne fregano sono in automatico poco rispettati e ascoltati. Il gregge si riconosce dal pastore e se è valido le pecore lo seguono. In questa pandemia quanti preti si sono davvero ribellati? Quasi tutti zitti perché sono stipendiati. I preti spesso sono vigliacchi, non ricordano che servire Dio vuol dire proteggere e servire le anime, si fanno corrompere dal potere, dalla pigrizia e dal protagonismo. Di questi tempi c' è tanta miseria nel clero e fanno tanti danni spirituali

      Elimina
    2. 13:59: Verissimo!

      Elimina
  3. Non Metuens Verbum10 settembre 2020 06:06

    Le Donne sono prezioso dono di Dio a immagine della Madonna, ma le donne beghine e impiccione sono la peste della Chiesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano perché la Madonna è la prima ad " impicciarsi" di tante questioni sia in cielo che in terra. Il problema non è l'impicciarsi è se si è qualificati nel vedere e indirizzare le cose. Comunque chi segue Cristo non è più uomo o donna ma è principalmente anima con un corpo. La colpa di questa storia è dei preti che hanno piegato la testa e non dato l'eucarestia in massa per seguire Big Pharma. Non svegliano le coscienze e piegano la testa a Satana e poi pretendono rispetto dai fedeli.

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.