Post in evidenza

giovedì 9 gennaio 2020

Mons. Crepaldi: finalmente un vescovo difende Nostro Signore Gesù Cristo, sempre più attaccato e profanato.

Un caro lettore, che ringraziamo, ci ha girato il testo completo della  bella e coraggiosa omelia che Mons. Crepaldi ha pronunziato la scorsa solennità dell'Epifania 2020 in difesa di Gesù Cristo Re e Salvatore (sempre più oggetto di attacchi dissacranti e blasfemi) e che tanto è oggetto di attuali commenti da parte di alcuni quotidiani. 
Ve la proponiamo nella sua interezza: sottolineato nostro.
Meno male che ancora c'è qualche Vescovo che difende la (sua) fede e il suo Dio. 

Roberto  


Solennità dell’Epifania del Signore
DIOCESI DI TRIESTE
EPIFANIA DEL SIGNORE

+ Giampaolo Crepaldi

Parrocchia di San Giacomo, 6 gennaio 2020

Carissimi fratelli e sorelle in Cristo!

1. Con la solennità dell’Epifania – la parola Epifania significa manifestazione – Cristo, luce del mondo, si rivela come il Salvatore di tutti i popoli. Questa dimensione universale della salvezza la troviamo espressa nel presepe, dove sono presenti il bue e l’asino. Essi sono portatori di un’illuminante richiamo simbolico: il bue rappresenta i Giudei e l’asino rappresenta i pagani, due provenienze etniche differenti che adesso sono unite e rese una da Gesù Bambino. Il Verbo fatto carne nell’evento di Betlemme, la Parola che era preesistente accanto al Padre e allo Spirito Santo e per mezzo della Quale era stato creato il mondo, il Verbo della vita ora si rende manifesto per dare salvezza al
mondo intero. Tale manifestazione attira e unifica tutti i popoli, creando unità e comunione e mostrando a ciascuno di essi, come pure ad ogni singolo soggetto umano, che Dio è Padre che genera figli per Sé che si riconoscono come fratelli e sorelle tra di loro. Tutto ha origine nella casa di Betlemme che, dopo i pastori, viene raggiunta dai Magi i quali, con atti di prostrazione, adorazione e donazione, professano la loro fede in Gesù, il Dio-Bambino, Signore, Re e Salvatore di tutti e di tutto.

2. Carissimi fratelli e sorelle, questa esemplare professione di fede dei Magi in Gesù Signore, Re e Salvatore universale, durante le feste natalizie è stata oggetto di un attacco senza precedenti che è andato dispiegandosi in varie forme: dalla volgare e blasfema identificazione della sua persona con l’essere gay, pedofilo e “sardina”, fino a più sofisticate interpretazioni dei testi scritturistici che lo hanno privato della natura divina. Queste ultime, sono state proposte, in genere, da intellettuali liberal che, convinti di essere i depositari di non si sa quale arcana verità, pretendono di esercitare autorevolmente la missione di liquidare la regula fidei su Cristo alla quale ci riferiamo noi cristiani con la recita del Credo, naturalmente in nome del progresso umano di cui solo loro possiedono le chiavi di accesso. Sempre loro e sempre quelli, ogni anno a sparala più grossa, spacciando patacche cristologiche in nome del progresso. Noi cristiani, invece, continueremo ad essere fedeli a quella regula fidei su Cristo che una luminosa e santa tradizione ecclesiale custodisce e tramanda, imitando i Magi che adorarono il Dio vivente in quel Bambino, povero, umile, che giaceva in una mangiatoia e meritava tutta la loro adorazione, la loro fede e la loro preghiera, convinti che la vera signoria – quella che libera, promuove e salva – stava proprio lì e solo lì, in quell’umile Bambino, il Verbo fatto carne.

3. Carissimi fratelli e sorelle, nella luminosissima giornata odierna, resa tale dall’Epifania del Signore Gesù, sono lieto di conferire i ministeri del lettorato e dell’accolitato a Simone Bigi e Marco Eugenio Brusutti. Sono due ministeri – come tutta la ministerialità nella Chiesa – che trovano la loro ragione a partire da Cristo, che vanno esercitati in Cristo e che contribuiscono a far crescere il suo corpo ecclesiale nella santità. Il lettore legge, medita e proclama le Sante Scritture affinché diventino Parola di vita e di salvezza; l’accolito serve con amore e rispetto all’altare dove si rinnova sacramentalmente il sacrificio pasquale del Signore Gesù e, distribuendo la Santa Eucaristia, alimenta nella Chiesa il mistero della comunione con Lui. A questi nostri fratelli rivolgo l’invito a rendere fecondo il loro servizio nella Chiesa e per la Chiesa a partire da una fede profonda in Cristo Signore, che va amato sopra ogni cosa e al quale va riferita ogni speranza. A questi due fratelli nella fede, in questo giorno così speciale della loro vita, auguriamo che provino quello che provarono i Magi al vedere la stella: una gioia grandissima per aver trovato Gesù. Solo Lui può rendere felici. Inoltre, i Magi trovarono Gesù con Maria sua madre: sia così anche per loro e per tutti noi, perché chi trova Maria, trova Gesù.