Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

mercoledì 8 gennaio 2020

Don Salvo Priola coraggioso pastore di anime! "Oggi chi professa la verità cattolica viene denunciato al Vaticano come un prete medioevale!”

La coraggiosa, vibrante omelia del parroco/teologo don Salvatore Priola, Rettore del santuario diocesano della Madonna di Altavilla Milicia, Arcidiocesi di Palermo, nella messa prefestiva della Solennità di Maria Santissima Madre di Dio  ( 31 dicembre 2019).
Ricordiamo sempre   la "bellissima predica infuocata" di don Salvo nella Messa della Domenica del Battesimo del Signore dello scorso anno!  MiL QUI   
Qualcuno ancora si domanda perchè un insigne, onestissimo teologo e grande predicatore come don Salvo Priola non è stato annoverato nel Collegio Episcopale oppure perchè non è stato chiamato a Roma almeno come Consultore della Congregazione per la Dottrina della Fede...
AC

Abbiamo trascitto alcuni passi dell'Omelia di don Salvo perchè lo merita! 

(Dall'inizio)
Fratelli e sorelle ci troviamo in un tempo un po' strano: quello che stiamo vivendo in questa Italia e in questa Europa ormai da un volto irriconoscibile e anche all'interno della Chiesa c'è un'aria che non sa di Spirito Santo.
Come possono parole che abbiamo ascoltato poco fa nell'Orazione-Colletta, che,come si sa, non
l'ha scritta il Parroco ma è scritta dalla Chiesa nostra Madre ma pastori, teologi, liturgisti, biblisti competenti come si può di fronte a parole come quelle che abbiamo sentito, ve le ripeto " Dio, che nella verginità feconda di Maria" come si fa di fronte a parole del genere obiettare sulla verginità di Maria. Com'è possibile che si siamo ridotti anche dentro la Chiesa, lasciamo perdere quelli che ci guardano da fuori e non capiscono e forse proprio perchè non capiscono ci giudicano in modo sbagliato, certo bisognerebbe avere un po' di prudenza e quantomeno di rispetto, anche quando non si comprende nei confronti delle credenze degli altri, come si fa a non avere rispetto di un contenuto della fede come quello della perpetua verginità di Maria.
Come si fa a non avere rispetto della fede di milioni, milioni, centinaia di milioni cattolici e ortodossi , escludiamo i protestanti perchè loro non hanno questo contenuto di fede, ma cattolici e ortodossi siamo più di un miliardo e mezzo nel mondo. 
Come si fa a non avere più rispetto per la fede professata da più di un miliardo e mezzo di persone nel mondo che , come fra poco faremo, ogni volta che è domenica o c'è una solennità del Signore nel Credo ripetono di credere nella verginità feconda di Maria e che capiamo non semplicemente la Madre di Gesù, certamente lo è, ma che chiamiamo Theotókos cioè Madre di Dio
Tutto ci può stare nella vita: (che ci sia) chi dissenta, chi non sia d'accordo: ma che chi dissenta e non sia d'accordo si senta autorizzato ad alterare la fede e a metterla alla berlina , a insultarci, a dissacrarla: questo non mi pare che sia una cosa giusta!
E che poi udrete, come ad esempio il sottoscritto - uno tra i tanti , spero tra tanti- si permetta di dire da questo luogo non dalla cattedra di chissà quale facoltà o da quale altro posto, ma da questo posto cioè dall'ambone da dove per ministero noi presbiteri siamo chiamati ad esercitare l'arte della predicazione, ci si permette di dire a un prete che ha il coraggio di ricordare a tutti , perchè oggi ci vuole coraggio a ricordare a tutti la verità cattolica, a ricordare a tutti voi che siete seduti in questa aula liturgica e che gremite questa chiesa, che occupate questi banchi e che quindi  presumo siate battezzati, cattolici , comunicati, cresimati, sposati in chiesa o consacrati al Signore in qualche modo che vi riconosciate nel Credo che ripeteremo fra poco, come si fa a dire che un prete che dice e ricorda ad una comunità credente questa verità di fede: " è un prete da accusare al Vaticano: è un prete medioevale!" 
Per qualcuno "medioevale" è un'offesa. 
Per me, se lo avessero detto a me, sarebbe un complimento! Lo riterrei una medaglia d'appendere al petto!
E' mai possibile che da quest'ambone, da luoghi come questo, spesso sentiamo di tutto e di più anche cose irrecevibili, inudibili che andrebbero distinte dall'ambiente, dal luogo, dal contesto liturgico, celebrativo, sacrale e quando poi si sente l'affermazione di un contenuto di fede che nessun prete si sfila dalla manica ma è nel Credo, nella dottrina della Chiesa Cattolica è nella Scrittura:  è la fede bimillenaria della Chiesa tanto cattolica quando ortosossa, orientale, bizantina, siriaca, armena e via dicendo come si fa oggi in questa Italia, in questa Europa dal volto irriconoscibile ad arrivare ad insultare a dissacrare quanto di più caro abbiamo ed abbiamo il diritto dovere di affermare e di custodire!
Oggi primo dell'anno, perchè stiamo  celebrando già la Solennità di Maria Santissima Madre di Dio, la Chiesa celebra la maternità divina di Maria ed è dunque inconcepibile quella sottile forma di arianesimo che oggi viene inoculata a volte in modo che nessuno se ne accorga nel corpo vivo della Chiesa per fare risuscitare eresie che si pensava seppellite da secoli ormai sconfitte nei grandi Concili dell'epoca patristica!
Perchè negare la maternità divina di Maria, negare la verginità feconda di Maria come esito non ha altro che la negazione della divinità di quel Bambino che è nato a Betlemme di Giudea e che è stato degno come segno  e si sa che la natura dei segni è quella di rinviare a un significato che non è immediatamente percepibile e quel Bambino rinvia a un significato che è l'Incarnazione del Verbo eterno della vita: il Figlio di Dio!
Lo abbiamo detto nella Colletta di oggi " O Dio, che nella verginità feconda di Maria hai donato agli uomini i beni della salvezza eterna, fa' che sperimentiamo la sua intercessione, poiché per mezzo di lei abbiamo ricevuto l'autore della vita, Cristo tuo Figlio. ..."  
Guardate fratelli e sorelle: non si può cedere un millimetro da questo punto di vista qui non si tratta di rigettare o di far proprio o di assumere il dialogo con il mondo come orizzonte e  sfida di inculturazione per il nostro tempo e per il tempo futuro. Qui non si tratta di rinnovamento della Chiesa, di progressismo, di tradizionalismo qui non tratta di dire "il papa di prima o "il papa di dopo..." 
Papa Francesco se non crede nella perpetua verginità di Maria è eretico e se qualcuno agita il ricorso a Papa Francesco perchè un prete dice che Maria era vergine, prima,  durante e dopo il parto di Gesù Bambino agita uno spettro che non è non è tale perchè Papa Francesco non può che ripetere le stesse identiche cose: non è dato a un Papa il potere di cambiare il Credo, non è dato a un Papa il potere di cambiare la dottrina cattolica men che meno la Scrittura. 
Quindi quando qualcuno scrive su Facebook o altrove "faremo presente a Papa Francesco che il parroco di Altavilla ha detto che la Madonna è vergine prima, durante e dopo" mi fanno un favore perchè fanno sapere al Papa che il parroco di Altavilla è cattolico! 
Quindi bene, grazie per questa medaglia d'appendere al petto!
Ma il punto è un altro: è chiaro per noi che stiamo qua dentro, è chiaro per noi è chiaro che quel Bambino è Dio?
Per noi è chiaro che Maria è la Madre di Dio e che ha partorito verginalmente? Non ha partorito come tutte voi donne che avete avuto la grazia di avere un figlio: è chiaro questo? 
O non è chiaro?
Su queste cose non c'è spazio per discutere: prendere o lasciare!
Non c'è alternativa!
Maria è vergine: prima, durante e dopo il parto.
... 
(m.14:08)
... chi custodisce in continuità e in comunione di chi ci ha preceduto nel tempo, nella storia e nello spazio professando la stessa fede che custodisce  e imposta la propria vita le proprie scelte e le proprie relazioni .
Qualcuno giustamente dice "questo giornalista, questi signori che si accaniscono sui contenuti dottrinali della fede cristiana perchè non lo fanno con altre religioni? Perchè ad altri è dovuto un rispetto che a noi cristiani cattolici viene negato?
Ci saranno tante ragioni che non sto qui a dire e che voi che state qui, che siete intelligenti, capite da voi stessi ma forse una ragione ce la dobbiamo dire tra di noi, ce la dobbiamo dire e ce l'ha ricordata nei giori scorsi un filosofo che, diciamo , non è molto tenero con la fede cristiana cattolica . Non so se lo conoscete: un certo Massimo Cacciari , che è stato anche sindaco di Venezia, il quale giustamente , a mio modo di vedere, sa valutare che forse si è dato in pasto ai coccodrilli tutto quello che appartiene alla dottrina cattolica, alla fede cattolica, alla sacralità della nostra fede. Forse noi cattolici ci dobbiamo interrogare come noi abbiamo trattato e custodito questo tesoro.  Lo diceva- Cacciari- in riferimento al Natale. (Intervista a Massimo Cacciari su Huffingtonpost QUI N.d.R.)
 ...
( m.14.23)
... recuperare il significato soprannaturale, trascendente recuperare quel progetto di salvezza che Dio ha per tutti gli uomini e che si è compiuto nell'obbedienza di fede di Maria, di Giuseppe e prima ancora del Verbo eterno della Vita che obbediente al Padre si è fatto uomo.
...
(m. 18:02)
...dobbiamo interrogarci "che ne è della nostra fede!" a  che cosa l'abbiamo ridotta nei suoi contenuti e nelle sue forme capite fratelli e sorelle?

Il video dell'Omelia


Video Youtube QUI

Immagine: Giovanni Gasparro, S. Nicola schiaffeggia l'eresiarca Ario al concilio di Nicea, opus 2016 QUI
Sito ufficiale dell'Artista Giovanni Gasparro QUI
Per visite allo studio dell’artista scrivere a info@eccellentipittori.it

6 commenti:

  1. Sottoscrivo al 100%, ma non posso soffrire Gasparro. Pare sghignazzare dietro ai soggetti che dipinge.

    RispondiElimina
  2. "Faremo presente a Papa Francesco che il parroco di Altavilla ha detto che la Madonna è vergine prima, durante e dopo": ma chi sono questi imbecilli? Oppure sono tutt'altro che imbecilli ma accoliti di Satana? E se questi angeli neri puzzolenti di zolfo lo fanno presente a papa Francesco, vuol dire che sono sicuri che Bergoglio la pensa come loro? Povera Chiesa!!! Altro che Ovile, questo è un carrozzone di commedianti diabolici e distruttori!

    RispondiElimina
  3. Coraggioso, e documentato teologicamente, intervento che proclama la dottrina " trasmessa dagli apostoli" che tanti sacerdoti hanno dimenticato od opacato per timido ' adeguamento' o per venire a compromesso con le ideologie socio-politiche temporali, dimenticando, come ripeteva spesso papa Benedetto, che non può essere nostra invenzione ma ci è stata consegnata intangibile in custodia. Tutto il contrario della strada trionfalistica imboccata dalla Chiesa cattolica con il CVII e seguito che ha rinnegato i Concili della storia quando quei Padri, come quelli di Trento, volevano recuperare la fede degli apostoli sconvolta dalle vicende umane. Quelle omelie, ancora purtroppo rare, sono un raggio di luce che proviene da Cristo " Lux Mundi" sul mare limaccioso dell'apostasia e della miscredenza in cui è immersa la Chiesa cattolica che sta perdendo rapidamente sacerdoti e fedeli con intere nazioni ormai scristianizzate, segno che la strada percorsa con tante arroganza in quest'ultimo mezzo secolo è sbagliata. Ciò che è squallido e triste è l'assenza dei vescovi che pur definendosi pomposamente ' successori degli apostoli' vengono meno alla loro missione apostolica di proclamare la Verità.

    RispondiElimina
  4. Comincia una certa riscossa? https://www.aldomariavalli.it/2020/01/07/monsignor-crepaldi-un-vescovo-che-non-si-nasconde-troppe-le-rappresentazioni-blasfeme-di-gesu/

    RispondiElimina
  5. A proposito di schiaffoni agli eresiarchi, oggi S. Nicola dovrebbe farsi aiutare da un reggimento di schiaffeggiatori.

    RispondiElimina
  6. Non per quanto la chiesa di cristo sia tale non è che non viene contrastata dal maligno perché lo stesso cristo immolato sulla croce è cara ti tentato dal demonio più volte anche sulla croce e oggi continua anche dentro la casa di Gesù a farlo con ciò la cresima che abbiamo fatto dopo il battesimo ci da il.potere di allontanarlo con ogni.mezzo perche siamo soldati di Cristo sulla terra per la sua difesa dottrinale e per noi stessi, non perché il.papa che è eletto come capo della chiesa è infallibile oggi come oggi lo è fin più tentato dai media che con.lusinghe e parole lo esaltano come loro capo di una cristianità che non rappresenta forse lui con il potere conferito dai suoi cardinali è talmente confuso perché non regge il.peso delle divergenze dell' chiesa stessa che lui guida perché internamente ad essa serpeggia il demonio che vuole distruggere il bene che ce ancora fra i cristiani .La guerra di Lucifero è iniziata con la creazione dell'uomo e non terminerà se solo il Cristo nostro signore ritornerà sulla terra per sconfiggerlo definitivamente.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.