mercoledì 4 dicembre 2019

Cile: la satanica persecuzione anticattolica "un sacerdote morto è fertilizzante per il mio giardino". I vescovi cileni, seguaci della teologia della liberazione, appoggiano la violenza marxista

La nostra preghiera per i Cattolici cileni vittime della pesantissima persecuzione che  dimostra l'odio infernale e satanico contro le Chiese, la Santissima Eucaristia e le Immagini Sacre dei manifestanti marxisti che sono incredibilmente appoggiati  dalla  Conferenza Episcopale Cilena.
La protezione dei vescovi ai feroci rivoltosi comunisti e l'arrendevolezza dei fedeli hanno una perversa matrice: la teologia della liberazione!
Difatti "...la Chiesa cattolica in Cile, e altrove in tutta l'America Latina, è pesantemente contaminata dai seguaci della teologia della liberazione, che predicano il vangelo di Marx. Questi sacerdoti marxisti lodano la rivoluzione nelle strade e offrono persino l'uso delle chiese come luoghi di incontro per i gruppi rivoluzionari, che cercano di dissolvere l'ordine costituzionale e legale del paese"
AC

La Conferenza episcopale cilena a fianco dei manifestanti marxisti 

La situazione in Cile è molto drammatica e, ancora una volta, la Chiesa è dalla parte sbagliata, come indica questo articolo di The New American
La Conferenza episcopale cilena ha fatto eco alle richieste dei manifestanti per avere una nuova costituzione cilena mentre i manifestanti (marxisti N.d.R.) saccheggiano,
saccheggiano, bruciano e profanano le chiese cattoliche in tutto il paese. 
Lo scorso mese i cileni hanno visto il loro paese devastato da una piccola minoranza di rivoluzionari, sostenuta dai media, dalle Nazioni Unite e da potenze internazionali straniere. Il loro obiettivo è quello di distruggere il sistema legale del paese e stabilire una tirannia comunista simile a quella del Venezuela e di Cuba. 
I manifestanti hanno un'apparente affinità per il fuoco, poiché hanno bruciato le stazioni della metropolitana; supermercati; mercati e negozi di piccole città; centri commerciali; uffici governativi, come il registro civile per nascite, matrimoni, divorzi e decessi; e hanno dato fuoco ad un paio di donne poliziotte. 
Anche la Chiesa cattolica non è stata risparmiata da questi atti di incendi dolosi. 
I rivoluzionari hanno saccheggiato chiese, rimuovendo banchi e altre opere d'arte solo per bruciarle in una infernale pira all'esterno. 
Sono persino arrivati ​​a dare fuoco alla bellissima Iglesia de la Vera Cruz (Chiesa della Vera Croce) a Santiago, dove viene venerata un vero frammento della croce originale su cui Nostro Signore Gesù Cristo fu crocifisso. 
Fortunatamente, la sacra reliquia è stata salvata dalle fiamme. 
Tuttavia, le immagini della Vergine Maria non furono così fortunate. 
Sono stati profanati diversi sacri edifici della chiesa sfregiati con vernice a spruzzo con simboli di pentagrammi satanici. 
Le ostie consacrate, che i devoti cattolici sanno che è il Corpo, il Sangue, l'Anima e la Divinità di Nostro Signore Gesù Cristo sono state prese e calpestate. 
Anche le statue dei sacerdoti cattolici, che erano precedentemente esposte su viali pubblici, sono state distrutte. 
I manifestanti hanno anche posto delle scritte sulle mura della città con slogan come "cura muerto, abono para mi huerto", che tradotto dallo spagnolo dice: "[un] sacerdote morto [è] fertilizzante per il mio giardino". 
Altri graffiti affermano che l'unica chiesa che illumina è quella che è in fiamme
Ci si potrebbe aspettare che la popolazione cattolica del Cile si mobiliti per la difesa dei simboli della loro storia e fede, per difendere i loro luoghi di culto e per impedire che si verifichino ulteriori sacrilegi. 
Sfortunatamente, neanche quello è stato il caso. 
Perché? 
La spiegazione è semplice: la Chiesa cattolica in Cile, e altrove in tutta l'America Latina, è pesantemente infiltrata da seguaci della teologia della liberazione, che predicano il vangelo di Marx. 
Questi sacerdoti marxisti lodano la rivoluzione nelle strade e offrono persino l'uso delle chiese come luoghi di incontro per i gruppi rivoluzionari, che cercano di dissolvere l'ordine costituzionale e legale del paese. 
Ad esempio, Celestino Aós Braco, che è stato nominato da Papa Francesco come arcivescovo "pro tempore" di Santiago in seguito a una grave crisi della Chiesa cattolica in Cile lo scorso anno, ha mantenuto la stessa posizione, settimane prima che l'accordo per cambiare la costituzione del paese fosse firmato nel Congresso Nazionale del Cile.
L'arcivescovo Aós Braco ha praticamente appoggiato la rivoluzione. 
Alla luce di tutti gli atti terroristici e del sostegno aperto da parte del Partito Comunista del Cile, del Partito Socialista del Cile e di altri gruppi socialisti per le proteste e le loro richieste di una nuova costituzione cilena, Aós Braco ha anche prestato il suo sostegno, affermando che un nuovo la costituzione era necessaria per proteggere la vita dei bambini non ancora nati. 
Tuttavia, considerando le forze dietro le proteste e i loro obiettivi per una nuova costituzione, è ingenuo credere che qualsiasi nuova costituzione elaborata includerebbe tali protezioni per i non nati. 
Lo stesso giorno in cui Aós Braco fece la sua dichiarazione a sostegno di una nuova costituzione, la prima chiesa cattolica situata in Vicuña Mackena Avenue è stata vandalizzata. 
E quale è stata la sua reazione a questo attacco? 
Ha minimizzato il suo significato, affermando semplicemente che la vita fisica delle persone è ciò che conta di più. 
Sfortunatamente, non è solo. 
La Conferenza episcopale del Cile ha emesso una dichiarazione il 15 novembre, esprimendo sia il loro sostegno alla rivoluzione contro l'attuale costituzione sia la promozione della sua sostituzione che verrà redatta dalle "organizzazioni sociali" piuttosto che dai partiti politici. 
Inoltre, la Conferenza dei vescovi ha rilasciato un'altra dichiarazione della Commissione Nazionale Giustizia e Pace, in cui hanno nuovamente dato il loro chiaro sostegno alla rivoluzione e hanno emarginato i recenti attacchi contro le Chiese cattoliche sottolineando una preoccupazione per i poveri
Ironia della sorte, sono i poveri che soffriranno di più una volta completata la rivoluzione marxista in Cile. 
Di seguito è riportato un estratto da quel documento: "Abbiamo vissuto quattro settimane di incontro con l'altro, durante le quali abbiamo recuperato i nostri trust e la nostra solidarietà, sviluppando dialoghi quotidiani sulla società e la sua organizzazione politica ... 
Dobbiamo riconoscere che ci sono anche ombre, principalmente le gravi violazioni dei diritti umani che sono state riconosciute anche dalle agenzie internazionali, le violazioni della dignità delle persone umane, i templi vivi che sono stati maltrattati. 
Abbiamo visto una copertura tendenziosa da parte dei media che ha provocato una paura eccessiva nella popolazione. 
Allo stesso modo, abbiamo assistito a violente violenze da parte di piccoli gruppi che hanno maltrattato i carabineros [la forza di polizia nazionale del Cile], hanno danneggiato il patrimonio storico, i templi, le infrastrutture pubbliche e private e hanno influenzato la vita quotidiana delle persone". 
A proposito di una presentazione tendenziosa di ciò che sta accadendo in Cile, la dichiarazione ufficiale della Conferenza episcopale conclude che la principale violenza ingiusta è stata esercitata dal governo e che i media non hanno sufficientemente dimostrato la "bellezza" essenziale del social della settimana precedente processi. 
In realtà, la risposta del governo è stata in realtà piuttosto debole. 
Nel frattempo, i media in Cile hanno descritto la rivoluzione come una "dimostrazione pacifica" dell'incongruenza all'attuale situazione sentita dalla maggioranza della popolazione. 
È vero che la copertura da parte dei media è stata "tendenziosa" o distorta dalla realtà, ma nella direzione opposta rispetto al documento della Conferenza dei vescovi. 
Vale anche la pena ricordare che in un recente video di YouTube (vedi sotto N.d.R.) pubblicato dalla Chiesa cattolica del Cile, un gruppo di vescovi chiede la fine della violenza, condannando prima di tutto il governo per "violazioni dei diritti umani". lo stesso video non dicono nulla dei gruppi terroristici che commettono atti di vandalismo. 
 Il documento della Commissione "Giustizia e Pace" omette ancora di più. 
Vengono menzionate la profanazione e la violazione dei templi, ma solo dopo la violazione del patrimonio storico. 
Ciò ha l'effetto di attribuire un valore uguale o minore all'adorazione di Dio che ai possedimenti dell'uomo. 
Ciò è in opposizione a ciò che insegna la Bibbia, quando Cristo disse: “La mia casa è la casa della preghiera. Ma tu l'hai reso un covo di ladri ”(Luca 19:36). 
Non è forse un grave peccato trasformare la casa di Dio in un giocattolo per incendiari? Apparentemente no alla vista dei vescovi cileni. 
Ci sono buoni vescovi in ​​Cile, ma tacciono per paura di essere rimossi e di lasciare le loro pecore non protette, vista la situazione attuale. 
Di conseguenza, non negano pubblicamente le dichiarazioni della Conferenza. 
Forse vale la pena ricordare loro che la loro autorità alla fine viene da Gesù Cristo, il Fondatore della Chiesa. 
Secondo l'insegnamento della Chiesa cattolica, i vescovi sono i successori degli Apostoli per grazia di Cristo e non sono soggetti a Cesare. 
Dato che la Legge suprema della Chiesa è la salvezza delle anime, i vescovi dovrebbero adempiere ai loro doveri, almeno per paura di perdere le loro anime
Ai grandi vescovi del cristianesimo antico, nell'era patristica, compromettere la fede essendo indulgenti e tolleranti a tale rivoluzione esteriormente satanica sarebbe stato l'equivalente di lavorare per l'anticristo. 
Se quei titani della storia della Chiesa fossero stati rimossi, avrebbero scomunicato i chierici che si sottomettevano al movimento anticristiano e sarebbero rimasti nel loro vescovato, anche se espulsi dal palazzo e privati ​​di qualsiasi stipendio. 
Avrebbero dichiarato la verità alle loro pecore e avrebbero confidato in Dio che si sarebbe preso cura del loro sostentamento. 
Nella storia più recente non è ciò che fecero i grandi prelati e sacerdoti della Francia quando la Rivoluzione francese prese la sua svolta anticristiana e stabilì la famigerata "Costituzione civile del clero"? 


Fonte: Rorate Coeli QUI


Il video della Conferenza Episcopale del Cile

(dall'abbigliamento dei vescovi possiamo intuire anche il perchè delle  simpatìe nei confronti dei violenti manifestanti comunisti)


 

3 commenti:

  1. Altri tempi, altri continenti ,altri vescovi.In Cile poi è tutto più complicato per la dittatura che c'è stata, per gli scandali sessuali del clero e per la violenza della sinistra endemica nel paese come in tutta l'America latina. Il presidente del Brasile tanto odiato dai buoni,per esempio, è stato accoltellato durante la campagna elettorale. I sinistri infatti o vincono o menano .Quando poi vengono menati per bene invocano i diritti umani,l'onu ed il papa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano destino delle parole: "buoni" e "sinistri" sono diventati sinonimi. E invece sono antitetici. Basta osservare e ascoltare i sinistri nostrani, ecclesiastici e non, per accorgersi che la sinistra con la bontà non ha niente a che fare. E poi, non si sa se i sinistri sono più ipocriti o più auto plagiati.

      Elimina
  2. Tanta guerrigliera gerarchia 'cattolica' sudamericana, invece di educare quei popoli al lavoro e a comportamenti civili veramente cristiani, non ha mai voluto e/o saputo distinguere la giustizia del Regno di Dio che sola può costruire anche la giustizia sociale, dissociandosi da violente derive rivoluzionarie di stampo giacobino su sostegno anche economico di gruppi di potere finanziario, necessario per armare eserciti.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.