giovedì 10 ottobre 2019

Pio XII: Sento tutt’intorno a me questi innovatori che desiderano ... distruggere la fiamma universale della Chiesa

Ricollegandoci al nostro recente post dell'altro giorno (QUI), e ricordando l'anniversario di ieri (61 anni dalla morte, 9 ottobre 1958) riproponiamo le profetiche parole di Pio XII, ahinoi quanto mai attuali in questi giorni tristi e desolanti.
Un futuro angosciante, probabilmente prossimo...
Guido



Sono preoccupato per il messaggio che ha dato la Beata Vergine a Lucia di Fatima. Questo insistere da parte di Maria, sui pericoli che minacciano la Chiesa, è un avvertimento divino contro il suicidio di alterare la fede, nella Sua Liturgia, la sua Teologia e la Sua anima… Sento tutt’intorno a me questi innovatori che
desiderano smantellare la Sacra Cappella, distruggere la fiamma universale della Chiesa, rigettare i suoi ornamenti e farla sentire in colpa per il Suo passato. Verrà un giorno in cui il mondo civilizzato negherà il proprio Dio, quando la Chiesa dubiterà come dubitò Pietro. Sarà allora tentata di credere che l’uomo è diventato Dio. Nelle nostre chiese, i Cristiani cercheranno invano la lampada rossa dove Dio li aspetta. Come Maria Maddalena, in lacrime dinanzi alla tomba vuota, si chiederanno: Dove lo anno portato?

E poi ancora, in un altro discorso:


"Oh, non chiedeteci qual è il “nemico” né quali vesti indossi. Esso si trova dappertutto e in mezzo a tutti; sa essere violento e subdolo [ndr: vorremmo azzardare qualche riferimento ... ma caritatevolmente ci asteniamo]. In questi ultimi secoli ha tentato di operare la disgregazione intellettuale, morale, sociale dell'unità nell'organismo misterioso di Cristo. Ha voluto la natura senza la grazia; la ragione senza la fede; la libertà senza l'autorità; talvolta l'autorità senza la libertà. È un “nemico” divenuto sempre più concreto, con una spregiudicatezza che lascia ancora attoniti: Cristo sì, Chiesa no. Poi: Dio sì, Cristo no. Finalmente il grido empio : Dio è morto; anzi: Dio non è mai stato [ndr: anzi, oggi addirittura qualcuno pensa che "Gesù non è Dio" QUI]
Ed ecco il tentativo di edificare la struttura del mondo sopra fondamenti che Noi non esitiamo ad additare come principali responsabili della minaccia che incombe sulla umanità: un’economia senza Dio, un diritto senza Dio, una politica senza Dio. Il “nemico” si è adoperato e si adopera perchè Cristo sia un estraneo nelle Università, nella scuola, nella famiglia, nell'amministrazione della giustizia, nell'attività legislativa, nel consesso delle nazioni [ndr: aggiungiamo noi, persino estraneo nel "Sinodo amazzonico"], là ove si determina la pace o la guerra. Esso sta corrompendo il mondo con una stampa e con spettacoli, che uccidono il pudore nei giovani e nelle fanciulle e distruggono l'amore fra gli sposi; inculca un nazionalismo che conduce alla guerra ".




2 commenti:

  1. Pio XII come altri grandi papi della storia bimillenaria della Chiesa, profondo e attento conoscitore e testimone dei mali, pullulati negli ultimi due secoli, che tentavano di infettare il tessuto ecclesiale, ne fece una esatta e profetica diagnosi. Tutti sanno che rinunciò a convocare un Concilio ' auditis episcopis' ad integrazione del CVI di Pio IX perché i focolai sovversivi della dottrina e morale cattolica non fossero ufficializzati in un consesso ecumenico a Roma. Poi è accaduto ciò che, sgomenti vediamo ogni giorno eresie e apostasie blasfeme sempre più violente che oggi hanno un direttore d'orchestra che scompagina la mirabile sinfonia della fede cattolica.

    RispondiElimina
  2. Il card .Sarah ha detto che chi e' contro il Papa e' fuori dalla chiesa.
    Chi ha tramato contro Benedetto XVI e tuttora lo avversa con rancore e' dunque fuori dalla chiesa dal marzo 2013. Chi e' contro e avversa Papa Pio XII idem ..Da molto prima..

    di veri cattolici siamo rimasti in pochi. ..

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.