domenica 22 settembre 2019

Paix Liturgique: Messe Tridentine in Cina



Un bell'articolo della benemerita Paix Liturgique.
Luigi

Lettera 710, 3-9-19

Pubblichiamo  questa settimana l'intervista del nostro amico Massimo Battaglia condotta con padre John Song, un sacerdote cinese che sta completando gli studi teologici in Germania, la cui testimonianza illumina sulla situazione dei cattolici Cina e sulle motivazioni sottostanti l'attaccamento dei fedeli cinesi alla liturgia tradizionale. Questa lettera le informazioni completa quello  che abbiamo pubblicato nelle nostre lettere 641 (Intervista con un prete di Shanghai) e 667 (Intervista con il cardinale Zen)

Massimo Battaglia - Come diventare un sacerdote oggi in Cina?


Padre John Song - direi che essere un vero prete, santo e cattolico non è mai facile. Ma a mio parere, non c'è differenza tra il sacerdozio per un cinese, per un italiano o francese
. Tuttavia, è vero che per diventare un prete in Cina presenta particolari difficoltà, soprattutto a causa della persecuzione religiosa che affligge il nostro paese. Tuttavia sono convinto che la persecuzioni comuniste sono meno gravi per noi cattolici che la confusione diffusa all'interno della Chiesa cattolica, in seguito a rinunce alla autentica fede autentica e  alla profanazione della liturgia.


Massimo Battaglia - Ci sono  i nuovi convertiti in Cina oggi?


Padre John Song - Sì, grazie a Dio, ci sono molte conversioni al cattolicesimo in Cina di oggi e anche se i neofiti in genere non sono abbastanza preparati per il loro battesimo, lo Spirito Santo opera sempre nella sua Chiesa li protegge e li guida nel loro viaggio verso l'unica verità.


Massimo Battaglia - La Chiesa in Cina ha qualche somiglianza con la Chiesa perseguitata i primi tre secoli?


Padre John Song - Penso di sì, v'è una certa somiglianza con la Chiesa dei primi tre secoli dell'Impero Romano. Ma se sotto  Mao tse tung, la Chiesa è stata esposta alla persecuzione violenta simile a quello che era stato il primo cristianesimo, oggi ci troviamo di fronte persecuzione più insidiosa che mira a trasformare la Chiesa in una Chiesa che non sarebbe la vera Chiesa di Cristo. Questo è molto più pericoloso per i fedeli che sono disorientati e possono a volte lasciare la vera fede senza nemmeno rendersene conto.


Massimo Battaglia - Come sei venuto a conoscenza della Messa tradizionale?


Padre John Song - Sono nato in una famiglia cattolica che ha conservato la fede per oltre 150 anni. Come sapete, la Chiesa in Cina è stato isolata dal resto del mondo, e così Roma per quasi trent'anni dal 1949 al 1978. Così, anche negli anni '90, i sacerdoti che erano appena stati rilasciati dalla prigione hanno continuato a celebrare la messa secondo l'antico rito, perché non conoscevano in quel momento né il Concilio né la riforma liturgica. Ma dopo il 1990, essi sono posti nel flusso delle riforme conciliari e seguito le stesse tendenze come in altre parti del mondo. Sono nato nel 1986, quindi non ho avuto esperienza personale del vecchio rito, che aveva cessato di essere celebrato dagli anni '90, ma quando ero un ragazzino, i miei nonni m hanno sempre parlato della bellezza e la profondità teologica del vecchio rito. Ricordo che per alcuni anni, mio ​​nonno avevano cessato di partecipare alla Messa, perché diceva  che la Messa moderna non era un sacrificio, ma sembrava di essere un mero ricordo dell'ultima Cena del Signore. Egli credeva,  senza aver studiato la teologia o la liturgia, ma la sua fede era così forte che distingueva molto bene le differenze tra la nuova liturgia e il vecchio rito che aveva nutrito la sua fede fin dall'infanzia.


Massimo Battaglia - I valori della cultura orientale attribuiscono molta importanza ai riti, il sacro e il rispetto.


Padre John Song - Hai ragione,  la cultura e le tradizioni cinesi, basati sulla dottrina confuciana hanno dato un grande posto per rituali e rispetto per gli anziani, ma dopo la rivoluzione culturale che ha scompigliato la Cina tra il 1966 e il 1976, i valori tradizionali mondo cinese sono stati quasi del tutto eliminate. 


Massimo Battaglia - C'è una "resistenza" alla riforma liturgica del 1970 tra i cattolici cinesi?


Padre John Song - non so se c'è una "resistenza" alle innovazioni liturgiche in Cina, come la maggior parte dei cinesi non si rendono conto dei cambiamenti, ma quando torno in Cina, i vecchi  mi chiedono sempre a celebrare la Messa tradizionale, perché si sentono un vero e proprio bisogno spirituale rispetto a ciò che sono oggi, durante le celebrazioni rispetto a quello che potevano sapere una volta, ma molti giovani che vivono in un mondo vuoto sentono  questa esigenza, anche se essi non hanno sperimentato la liturgia come è stata celebrata in tempi antichi ...


Massimo Battaglia - Va bene la celebrazione  della Messa tradizionale in Cina?


Padre John Song - Sì, e non solo tra gli anziani, ma anche tra i tanti giovani che mi chiedono di celebrare. Questo desiderio è probabilmente in parte la nostalgia di un'epoca passata in Cina, ma è soprattutto l'affermazione di un desiderio di pregare in armonia con la sua fede cattolica.


Massimo Battaglia - Come hai imparato a celebrare la Messa tradizionale?


Padre John Song - Ho sempre avuto un interesse per l'apprendimento, soprattutto per l'amore che mio nonno aveva per la Messa tradizionale.  Così mi sono allenato con un amico prete.


Massimo Battaglia - Pensi che la Messa tradizionale è sempre importante per i tempi a venire?


Padre John Song - credo che abbia un ruolo importante. Non solo a causa della bellezza esteriore, ma soprattutto a causa della lex  orandi, lex credendi: la Messa tradizionale rivela la sana dottrina della Chiesa cattolica, ed è un modo molto forte per combattere l'eresia del neo luteranesimo e neo-modernismo che ci assalgono. D'altra parte, da parte dei fedeli, c'è la domanda per la loro santificazione e la santificazione del mondo. Come Pastori, abbiamo il dovere di contribuire alla diffusione della grazia attraverso i sacramenti.


Massimo Battaglia - Perché pensi che questa Messa attrae tanti giovani, molti dei quali avevano abbandonato la pratica religiosa?


Padre John Song - non ho avuto esperienza pastorale dei giovani nel mio paese, e non posso dire perché la Messa tradizionale attrae molto. Ma so che in Cina ci sono molti giovani che desiderano vivere sul serio la propria fede, nonostante l'ignoranza e la secolarizzazione. A causa delle carenze e gli errori di pastori, i giovani perdono la loro identità cattolica. Mentre alcuni si rendono conto che dobbiamo tornare alla tradizione della Chiesa e alla spiritualità cattolica.

3 commenti:

  1. Sul versante opposto, a proposito dei preti sposati: "Inoltre, ha poi detto Tornielli, “Papa Benedetto stesso con la costituzione Anglicanorum coetibus ha stabilito che questa eccezione può continuare nel caso degli anglicani. Quindi ci sono già delle eccezioni”. (Radiospada). Attenzione a quel "quindi ci sono già delle eccezioni": un passetto alla volta la sovversione avanza con amazzonico incedere.

    RispondiElimina
  2. Per la verità la Costituzione di papa Benedetto che sapeva bene ciò che diceva in campo teologico e canonico, tollerava il matrimonio già avvenuto in regime anglicano purché in perfetta castità, confermando il celibato per i nuovi ordinati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Tollerava" è la porta attraverso cui passano indisturbati i cavalli di troia, che se ne infischiano della competenza in "campo teologico e canonico".

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.