sabato 27 aprile 2019

Mons.Aupetit "grazie al cappellano dei Vigili del fuoco, padre Fournier che è andato a prendere il Santissimo Sacramento, il Corpo Risorto di Nostro Signore"

La stupenda Omelia* di Pasqua dell'Arcivescovo di Parigi pervasa da grande fede e da profonda devozione eucaristica. Significativo il ringraziamento che l'Arcivescovo ha rivolto all'Abbé Jean-Marc Fournier, cappellano dei vigili del fuoco di Parigi che la sera del Lunedì Santo ha tratto in salvo il Santissimo Sacramento custodito nel Tabernacolo e le Reliquie impartendo  la benedizione eucaristica alla chiesa prima di uscire dalla Cattedrale in fiamme.
Particolarmente vicini con la preghiera a Mons. Michel Aupetit e ai Canonici del Capitolo Metropolitano duramente provati dal rovinoso incendio della storica Cattedrale di Notre Dame.  

AC

Omelia di Mons.Michel Aupetit, Arcivescovo di Parigi 
 nella Messa di Pasqua 2010 nella Basilica di Saint Eustache 
 
"Il Signore è stato rimosso dalla sua tomba e non sappiamo dove è stato deposto" è la testimonianza senza fiato di Maria Maddalena ai due apostoli Pietro e Giovanni. 
Dov'è il corpo del Signore? 
Questa è la domanda che è sorto lunedì sera al culmine dell'incendio di Notre-Dame de Paris: "Dov'è il Corpo del Signore"? 
È stato necessario salvare la cattedrale, il tesoro, costituito da pezzi di oreficeria accumulati
nel corso dei secoli. 
Era anche necessario salvare, per i credenti, quella reliquia infinitamente preziosa che è la corona di spine di Gesù portata dal re San Luigi. 
Ma una domanda angosciosa è sorta nel mio cuore: "Dov'è il Corpo del Signore"? 
Era possibile lasciare (nella chiesa in fiamme) il Santissimo Sacramento? 
Il corpo di Gesù che era nel tabernacolo? 
È per questo Corpo, velato sotto l'aspetto di una briciola di pane, che è stata costruita la cattedrale. 
Qual è il più prezioso? 
La cattedrale, il tesoro o la briciola di pane? 
La "briciola di pane" è il Corpo di Dio, il Corpo di Cristo risorto, inafferrabile se non si dona,
a meno che non si doni nelle nostre mani: " perché io offro la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo. »."(Gv 10, 18). 
Il giovedì santo abbiamo celebrato questo grande mistero: "Prendi, mangia, questo è il mio corpo". 
Questa "briciola di pane" è la vita di Dio che comunica se stessa. 
Dona a coloro che la ricevono la Vita eterna, apre le porte del Cielo, ci rende partecipi della Risurrezione di Cristo che oggi stiamo celebrando, prefigurazione della nostra risurrezione nella carne e  completamento del tempo del ritorno del Signore.
Vogliamo salvare la cattedrale. 
Questo splendido gioiello doveva essere la magnifica manifestazione del genio umano che rende omaggio all'amore di Dio che, donandosi a noi, è divenuto uno di noi. 
Rendiamo grazie alla fede dei costruttori che alla grazia divina hanno unito il genio umano.
Oggi rendiamo omaggio ai nostri cari vigili del fuoco che hanno dimostrato il loro know-how (competenza e professionalità N.d.R.) e la loro determinazione. 
Li ringraziamo per aver saputo preservare l'essenziale a rischio della vita. 
Quando la preghiera di tutto il popolo di Dio si è unita al tuo coraggio e alla tua professionalità, tutto diveniva possibile. 
E questo era possibile. 
Grazie davvero, a nome di tutti! 
Ma vorrei anche ringraziare il cappellano dei Vigili del fuoco, padre Fournier, (leggi MiL QUI N.d.R.) che è andato a prendere il Corpo di Cristo, il Santissimo Sacramento, che dà pieno significato alla vita di quello splendido tempio
Ha anche avuto dei rischi per salvare una "briciola di pane" perché era il Corpo risorto di Nostro Signore che celebriamo oggi come ogni domenica, il giorno centrale della nostra settimana in cui celebriamo la sua risurrezione. 
Gli apostoli si precipitarono alla tomba di Cristo, non trovarono il Suo Corpo e credettero. Noi abbiamo trovato il Corpo risorto del Signore. 
Anche noi crediamo. 


Michel Aupetit, Arcivescovo di Parigi 



* L'Arcivescovo nell'Omelia della Messa Crismale di Mercoledì Santo 17 aprile nella Basilica di Saint Sulpice aveva significativamente detto: "Notre cathédrale Notre-Dame de Paris a reçu l’onction. En effet lors de son édification, l’autel a été chrismé, enduit de saint chrême. L’autel est le signe de la présence mystérieuse de Dieu, comme celui que Jacob construisit après sa vision des anges qui montent et descendent des cieux. Il appela ce lieu Béthel, qui signifie la maison de Dieu. L’autel, en effet, représente la présence de Dieu. La chrismation que nous faisons sur l’autel signifie la présence du Christ. ..."


Fonte: Diocesi di Parigi QUI

Foto: Mons. Michel Aupetit abbraccia l'Abbé Jean-Marc Fournier, cappellano dei vigili del fuoco di Parigi durante la Messa Pontificale di Pasqua. (Video QUI )
***
Immagini 2 e 3 : Mons.Maurice de Sully che nel il 24 marzo 1163 ha iniziato la costruzione della Cattedrale di Notre Dame di Parigi in una delle storiche vetrate della Cattedrale. (foto Herodote.net QUI )