domenica 1 luglio 2018

"L'esercito del Cristo" (danzante) di San Teodoro (Tempio Ampurias)

San Teodoro, favoloso paese turistico in provincia di Sassari, diocesi di Tempio-Ampurias. 
Una ventina di stupendi ragazzi/ragazze hanno ricevuto lo scorso anno il Sacramento della Santa Cresima dalle mani del loro Pastore Mons. Sebastiano Sanguinetti. 
Il loro Parroco è don Alessandro Cossu uno dei tanti preti-cantanti "alla moda" che con   voce dal timbro baritonale (e con qualche problema di intonazione del registro acuto di "falsetto")  allieta la comunità con le sue canzoni e alcuni CD realizzati per sostenere concretamente le opere parrocchiali. 
Il Parroco prima della Messa della Cresima ha fatto ballare i cresimandi con le note di una canzone "Siamo l'esercito del Cristo"  come si vede nel video* realizzato per l'occasione. 
Sarebbe stata cosa buona e giusta, considerando  la devozione che don Alessandro ha  per la Santissima Eucaristia, se quel balletto fosse stato eseguito
fuori del sacro spazio della chiesa e soprattutto se fosse stato avulso dalla celebrazione liturgica. 
I ragazzi hanno ballato "mettendocela tutta": è certamente importante per un adolescente "impegnarsi" concretamente  davanti ad un folto pubblico per vincere una comprensibile "timidezza". 
Chissà se qualcuno tra quei ragazzi potrà un giorno "scoprire"  l' attitudine per l'arte (danza, musica o spettacolo) che tanto giova per alla propria crescita individuale e comunitaria. 
La chiesa non è però  il luogo adatto per un ballo e la Liturgia non è mai l'occasione per un' esibizione neppure di bravissimi ragazzi/ragazze. 
Dopo il balletto dei ragazzi il Vescovo Mons.Sanguinetti preso dall'entusiasmo per l'impegno dei ragazzi  tra grandi sorrisi e gli applausi scroscianti dei fedeli ha detto: " questa è la chiesa che ci piace!".  
Il presule ha poi continuato " una chiesa innovativa, una chiesa innovata ... un'esperienza di gioia come quella che voi avete fatto, avete dimostrato stamattina... perchè non potevo aspettarmi un regalo più grosso..." 
Peccato che il Vescovo non ha fatto riferimento alla sacralità del luogo e soprattutto all'azione liturgica che è preghiera e non un'esibizione come il Papa ha più volte ricordato nelle diverse catechesi incentrate sullo "sguardo sul “cuore” della Chiesa, cioè l’Eucaristia. È fondamentale per noi cristiani comprendere bene il valore e il significato della Santa Messa, per vivere sempre più pienamente il nostro rapporto con Dio"  ( Cfr.Udienza Generale dell'8 novembre 2017 , QUI) e ancora "La Messa è rifare il calvario, non è uno spettacolo" (Cfr.Udienza Generale del 22 novembre 2017 QUI )
Preghiamo  affinchè i cresimati della Parrocchia di San Teodoro entrati a far parte dell' "'esercito del Cristo"  prendendo ad   esempio il loro coetaneo il Martire San Josè Sanchez Del Rio possano avere il dono di riconoscere , rifiutare e combattere eroicamente le forze  che vogliono imporre le ideologie ( alla moda)  scagliate contro gli insegnamenti della Chiesa e del Vangelo. 
Formuliamo infine il sincero augurio che il giovane Parroco di San Teodoro possa, con l'aiuto di Dio, valorizzare la vera Musica Sacra corale come mezzo di evangelizzazione e di vera formazione cristiana e umana tenendo bene a mente che la Chiesa nel corso dei secoli attraverso la santa pratica della coralità messa a servizio della Liturgia ha fattivamente favorito  la nascita di schiere di artisti, di cantanti e di musicisti.
Don Alessandro ha la fortuna di essere Parroco in un  favoloso paese turistico:  i paesani e i tanti turisti saranno ancor più edificati se gli insegnamenti liturgici ( del tutto trascurati negli studi nei Seminari) verranno attuati con umiltà e fedeltà    : " Si conservi e si incrementi con grande cura il patrimonio della musica sacra. Si promuovano con impegno le « scholae cantorum» (114) ... 
Si curi molto la formazione e la pratica musicale nei seminari, nei noviziati dei religiosi e delle religiose e negli studentati, come pure negli altri istituti e scuole cattoliche. Per raggiungere questa formazione si abbia cura di preparare i maestri destinati all'insegnamento della musica sacra. Si raccomanda, inoltre, dove è possibile, l'erezione di istituti superiori di musica sacra. Ai musicisti, ai cantori e in primo luogo ai fanciulli si dia anche una vera formazione liturgica. (115) 
La Chiesa riconosce il canto gregoriano come canto proprio della liturgia romana; perciò nelle azioni liturgiche, a parità di condizioni, gli si riservi il posto principale. 
Gli altri generi di musica sacra, e specialmente la polifonia, non si escludono affatto dalla celebrazione dei divini uffici, purché rispondano allo spirito dell'azione liturgica, a norma dell'art. 30.(116)" ( Sacrosantum Concilium QUI )  


Maria Madre della Chiesa prega per noi! 

AC

* NB Non possiamo  indicare l'indirizzo Internet del video in questione essendo stato preso d'assalto da sciagurati hacker che vi hanno scritto bestemmie e frasi inqualificabili.

4 commenti:

  1. Avendo avuto la (s)ventura tempo fa di vedere il video in questione (e penso fosse proprio quello, visto che al secondo commento iniziavano le bestemmie citate anche nell'articolo), perché già indicato da altro sito come bell'esempio di liturgia (eufemismo), mi sono saltate all'occhio due cose:
    1- il fare quasi meccanico dei ragazzi che facevano l'ingresso prima di posizionarsi (vabbè, ci può stare, ci può essere anche l'emozione)
    2- il loro generale imbarazzo prima di iniziare il balletto, infatti ridacchiavano come chi sta per fare una cosa veramente scema...
    poi è iniziata la musica e sono partiti i movimenti, ma ho sentito un istante solo del tutto perché ho fermato il video immediatamente, tanto quel che avevo visto già presagiva il disastro.
    Ho fatto in tempo a scorrere appena nei commenti, che ho dovuto chiudere la pagina, infarcita di bestemmie... ma io mi chiedo: se presentiamo così la Chiesa, come possiamo pretendere che chi ha due neuroni (oggi mi sento generoso!) possa portarLe un minimo di rispetto? Se i primi a vergognarsi erano i ragazzini, si può pretendere che chi è "fuori" ne possa trarre edificazione!?
    Ma qualcuno sano di mente comprebbe degli abiti ridicoli da mettere indosso alla propria madre!?
    «questa è la chiesa che ci piace!»
    Contento lui... a me una cosa così non piace, non può piacere!
    Sul piano umano, il Cattolicesimo è stato una fonte di grandissimo progresso artistico, culturale, morale, qui lo si riduce ad una macchietta che neanche certi suoi nemici avrebbero immginato!
    Mi fermo, ho già scritto abbastanza...
    Scusate i toni, ci provo a non giudicare le intenzioni, ma gli effetti sono sotto gli occhi di tutti... in caso di video edificanti (liturgia, omelie, filmati di Papi...), i nemici si esprimono in maniera completamente diversa. Come mai?
    Giuseppe

    RispondiElimina
  2. Io da cresimando non avrei ballato, mi spiace.

    RispondiElimina
  3. Non so se è peggio la bestemmia di un ateo o un apostata o una tale esibizione musicale, peraltro davvero pessima come intonazione, tempo, etc...
    Perché il video è stato visto? Per il contenuto? No, se lo avessi girato io avrebbe avuto solo le mie visualizzazioni ogni volta che me lo andavo a rivedere. Purtroppo le visualizzazioni arrivano perché è un sacerdote a compiere questo scempio.
    Ed è vero quanto si dice di pregare per le anime dei sacerdoti perché sono veramente pastori responsabili della perdizione o meno delle anime.
    Ecco a cosa si è ridotta la chiesa (parliamo della sola parte terrena) e soprattutto ecco la sua immagine agli occhi del secolo: modernismo, omosessualità, opulenza, pedofilia.
    La chiesa deve essere in uscita...non sarà difficile, è proprio fuori strada...

    RispondiElimina
  4. Ho visto il video e le bestemmie non le ho trovate, forse le hanno tolte....almeno quelle....

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.