domenica 17 dicembre 2017

Bari: una canzone di Battiato per la Novena e per la notte di Natale

Le tante ispirate pagine, antiche e moderne, sul santo  mistero della nascita del Redentore sono di grande aiuto spirituale  per le "devozioni" individuali o comunitarie della Novena del Santo Natale e della veglia della Notte santa.
L' Ufficio Liturgico dell'Arcidiocesi di Bari-Bitonto, con notevole impegno, ha pensato di produrre ben 11 schemi di diversi "sussidi liturgici" per le celebrazioni devozionali dell'Avvento e del Santo Natale.
Con una punta di ammirazione per un  così grande lavoro "sfogliando"  i vari schemi proposti ci siamo soffermati nell'osservazione  del  libretto di ben 16 pagine  realizzato e proposto per Preghiera vigiliare nella “notte santa” di Natale. 
Ci perdonino i membri dell'Ufficio Liturgico diocesano se la loro  creazione ci sembra  un complesso, noioso e anti-pastorale potpourri  dove c'è praticamente di tutto... tanto che ad un certo punto  si legge che: "Al termine del canto, tutti siedono e un solista legge un testo liberamente ispirato alla canzone “Ti vengo a cercare” di Franco
Battiato che sottolinea la ricerca di Dio da parte dell’uomo" .
Il testo di quella  canzone del M° Battiato è stato pure usato per  introdurre il Salmo 62(63) (O Dio, tu sei il mio Dio, all'aurora ti cerco) del libretto  “TI VENGO A CERCARE” per la Novena di Natale ( evidentemente quella canzone - piace molto ai membri dell'Ufficio Liturgico dell'Arcidiocesi) . 
Confrontate il testo della canzone con la foto del libretto: cosa c'è di devozionalmente cattolico (Emanciparmi dall'incubo delle passioni Cercare l'Uno al di sopra del Bene e del Male) nella canzone di Battiato tanto da meritare di essere inserito in ben due"sussidi liturgici" : Novena del Santo Natale e   Preghiera vigiliare nella “notte santa?
Grati di ricevere una risposta dall'Ufficio Liturgico dell'Arcidiocesi Bari-Bitonto anticipatamente ringraziamo.
AC

E ti vengo a cercare 
Franco Battiato 
TESTO 

E ti vengo a cercare 
Anche solo per vederti o parlare 
Perché ho bisogno della tua presenza 
Per capire meglio la mia essenza 
Questo sentimento popolare 
Nasce da meccaniche divine 
Un rapimento mistico e sensuale 
Mi imprigiona a te 
Dovrei cambiare l'oggetto dei miei desideri 
Non accontentarmi di piccole gioie quotidiane 
Fare come un eremita 
Che rinuncia a sé. 
E ti vengo a cercare 
Con la scusa di doverti parlare 
Perché mi piace ciò che pensi e che dici 
Perché in te vedo le mie radici 
Questo secolo oramai alla fine 
Saturo di parassiti senza dignità 
Mi spinge solo ad essere migliore 
Con più volontà 
Emanciparmi dall'incubo delle passioni 
Cercare l'Uno al di sopra del Bene e del Male 
Essere un'immagine divina 
Di questa realtà 
E ti vengo a cercare 
Perché sto bene con te 
Perché ho bisogno della tua presenza.
  
(musica QUI)

Fonte: Arcidiocesi di Bari-Bitonto : Sussidio e materiale per l'Avvento e Natale 2017 QUI

20 commenti:

  1. La Fede ridotta a sentimentalismo

    RispondiElimina
  2. L'Ufficio Liturgico di Bari-Bitonto dovrebbe essere dismesso. E' in mano a una pletora di pretazzi che a braccetto con i laicazzi modernisti fanno di tutto per essere "al passo con i tempi". Pussa via!!!


    RispondiElimina
  3. "Questo sentimento popolare" ... "Cercare l'Uno al di sopra del Bene e del Male": il Battiato, da buon comunista, cerca di far quadrare il cerchio.

    RispondiElimina
  4. Ormai Messe Invalide dappertutto....

    RispondiElimina
  5. UnoCheNonPassavaDaMolto17 dicembre 2017 19:50

    Quando ho letto il titolo ho pensato che cantassero la "Messa arcaica" di Battiato: mi sembrava strano.

    Però potevano cantare Giuni Russo, allieva di Battiato: "La sua figura" oppure "O vos omnes".

    RispondiElimina
  6. A parte l'Uno al sopra del bene e del male e il rapimento mistico e sensuale (che sono all'opposto) la canzone è bella. Da giovane la ascoltavo spesso, mi invitava alla preghiera.

    RispondiElimina
  7. Sono un esorcista approvato dal Vescovo. Non desidero essere conosciuto per motivi personali. La musica di Battiato contiene elementi nascosti di radice satanica. Gli effetti di questa musica sono estremamente deleteri sulle persone. I Liturgisti non giuochino con il fuoco.

    RispondiElimina
  8. "parassiti senza dignità" si riferisce evidentemente ai vescovi e preti cattolici attualmente in circolazione.

    RispondiElimina
  9. A quando un testo di Marilyn Manson?? :-)

    RispondiElimina
  10. Avete toppato. A leggere il testo della canzone mi sembra che sia più "devozionalmente cattolico" dei pontificali e dei belati dell'elfo che tanto vi esaltano.
    P.S.
    Stiamo ancora aspettando che diciate qualcosa sul magistero autentico di Bergoglio relativo all'A. L. (pubblicazione della lettera ai Vescovi di Buenos Aires sugli Acta Apostolicae Sedis).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte il fatto che Battiato fa la parte del sufi e quindi dell'islamico, vorrebbe dirci l'Anonimo 11:59 cosa c'è nel testo di "devozionalmente cattolico"? Ammesso che conosca qualcosa di cattolico.

      Elimina
    2. "Stiamo ancora aspettando..."

      Aspetta, aspetta... ROTFL

      Elimina
    3. Egregio Gas ho l'impressione che lei si sia fatto qualche grappino di troppo o non sia andato oltre le scuole elementari perché non ha compreso nè il testo della canzone né il mio commento. Per quanto riguarda il conoscere qualcosa di cattolico frequenti meno la Trinità dei Pellegrini, stia un po' a digiuno di trine, merletti e cappemagne e frequenti un po' di più Norcia e relative Compiete (lo sa cosa sono ?) poi ne riparleremo.

      Elimina
    4. Carissimo 15:56, io la grappa la bevo a bottiglioni interi, sono un ignorante che frequenta la Trinità dei Pellegrini non capendo un'acca di quello che dicono sull'altare e a Norcia ci vado per mangiare salsicce alla brace con bruschetta, annaffiando il tutto con abbondante vino rosso. Ma non cambierei un secondo della mia vita con un secondo della Sua, così ben imbottita di compiete norcine. Dio la benedica.

      Elimina
    5. L'anonimo modernista delle 15.56 ahahahahahahahaha

      Elimina
  11. Dal CVII i cosiddetti liturgisti, seguiti dai vescovi, volutamente ignari dell'immenso patrimonio musicale della Chiesa, guidati dalla ideologia " del tutto sbagliato", hanno iniziato le ridicole ' sperimentazioni' introducendo nella liturgia musiche estranee alla fede, su banali testi di nessun valore teologico e devozionale, sfacciatamente profane e subdolamente sataniche, contrabbandate per musica sacra. Continuano ( è lecito sospettare anche per soldi ), mentre le chiese si svuotano del popolo che vuole sentire il canto che si eleva a Dio.

    RispondiElimina
  12. L'Uno, sommo Bene, è al di sopra del Male. Non vi è più freno alle distorsioni prodotte dalla 'nuova teologia' che non ha nulla a che vedere con il Vangelo.
    P. S. Scusate, dimenticavo che non " esiste un Dio cattolico" e quindi quello della canzonetta è uno dei tanti che va bene lo stesso.

    RispondiElimina
  13. I primi dischi di Battiato almeno erano sperimentali, avevano un certo afflato di ricerca che denotava onestà intellettuale e spontaneità (nonché ingenuità). Poi con il tempo Battiato si è commercializzato e imborghesito. La cosa ridicola è che fa un minestrone di concetti attingendo in qua e là al "supermarket del sacro", in modo superficiale e dispregiativo per le stesse tradizioni sacre a cui ci si vorrebbe riferire.

    RispondiElimina
  14. Scusate , ma Franco Battiato non è un Rosacroce ?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.