giovedì 2 novembre 2017

Al prossimo"sinodo dei giovani" accadrà come a Bruxelles?

Ancora una riflessione sullo Scandaloso video dei giovani portati fuori dalla Cattedrale di Bruxelles: recitavano il Rosario durante la commemorazione della riforma protestante. 
"C'è molto di suggestivo in queste immagini dei ragazzi portati via (dalla polizia N.d.R) perché, cattolici, pregavano in una cattedrale cattolica... è l'icona della contraddizione di questi tempi in cui addirittura il semplice buon senso è schiacciato dalla ragion politica, tanto politica da non essere neppure più ragion: solo arroganza, squallida, pusillanime ... sta letteralmente imbrattando la bellezza e la maestosità del Vero. 
Ma se gli avversari sono arrivati a queste risoluzioni siamo vicini alla rinascita: questi ragazzi sono germogli di un cattolicesimo che rifiorirà perché è Bellezza e Verità". (Cfr. Un formidabile commento su Chiesa e post Concilio che ringraziamo).
AC  

A Bruxelles l'archetipo del sinodo dei giovani 

di Francesco Filipazzi 

Eccolo qui, in un video, il sinodo dei giovani. 
Mentre i vegliardi si rotolano nel loro fallimento in cattedrale a Bruxelles, celebrando assieme ai protestanti l'eresia luterana, un gruppo di giovani si inginocchia a dire il Rosario. 
Gli assatanati con il catetere diventano rossi paonazzi, strabuzzano gli occhi a vedere in
quei giovanotti in ginocchio la loro clessidra che scorre.
La sabbia sta finendo per questi apostati canuti, è ormai sabbia mobile e loro, gonfi di superbia, chiamano anche la polizia per trascinare fuori i ragazzi, che stanno invero "solo" pregando. 
Eccoli gli infami post-conciliari, che volevano cancellare 2000 anni di cristianesimo e Gesù Cristo stesso. 
Ora l'anagrafe ha cancellato loro. 
Decenni di prepotenze e colpi di mano a cosa sono serviti? 
A nulla. 
Questa è l'immagine archetipo del sinodo dei giovani prossimo venturo. 
I giovani degli anni '70, che fra una flebo e un reumatismo vengono a dire a noi come essere giovani e se non siamo d'accordo, peggio per noi. 
Ci buttano fuori. 
Le risate li hanno già seppelliti. 
In terra sconsacrata. 
Anche il Belgio risorgerà. 
(Sia chiaro, qui rispettiamo massimamente chi è in là con gli anni, ma laddove rileviamo una malafede derivante dalla venerazione per la propria pseudo mitica giovinezza, ci viene solo da ridere). 

Fonte: Campari & De Maistre ( QUI )