giovedì 22 dicembre 2016

Nuova ULTIM'ORA: Card. Burke: "In caso di eresia formale un papa cesserebbe di essere papa"

Il Card. Burke, oltre a dare un termine per l'attesa dei responsa ai dubia rivolti al papa, al Catholic World Report ha detto un'altra cosa. Citando indirettamente il diritto canonico (di cui il cardinale è uno dei massimi studiosi), ha ricordato una verità (circa ogni pastore d'anime) che nessuno fin ora aveva avuto il coraggio di dire: "se un papa dovesse dire una eresia, cesserebbe di essere di fatto di essere papa; i cardinali potrebbero pronunciarsi su questo e si aprirebbe un periodo di sede vacante fino all'elezione di un nuovo pontefice, come prima di ogni ci conclave". 
Ovviamente il porporato ha precisato che non sta dicendo che questo papa sia eretico nè vicino all'eresia (ma se io fossi in papa Francesco mi occuperei meno di "ortopedia" e più di "ortodossia"). Il Card. Burke ha aggiunto di avere a cuore l'ufficio petrino e il bene della Chiesa. E ha respinto al mittente le accuse di eresia e scandalo: chi ha rivolto le 5 domande al Papa in merito alla dottrina della Chiesa lo ha fatto nel rispetto della dottrina - di cui si chiede la difesa - e della procedura canonica (rivolgendo, come si fa da secoli, delle domanda al Papa onde ottenere i responsa).
L'articolo continua con una bella analisi di famosi canonisti sulle ipotesti e gli scenari in cui un papa dovesse seguire o professare formalmente un'eresia: la Storia insegna (e la tradizione canonica permette) che un Concilio potrebbe dichiararlo decaduto.
Qui la notizia da lifeSiteNews  e di seguito nostra traduzione.
Roberto


da Life Site News del 21.12.2016

In una nuova intervista, il cardinale Burke ha detto che con la consegna dei 5 dubia (per ottenerne risposta), non si è intesto accusare Papa Francesco di "eresia". Il Cardi.  ha anche spiegato che se un papa dovesse "formalmente professare l'eresia spotrebbe cessare, di fatto, di essere il Papa" e che la Chiesa prevede la procedura per affrontare una situazione del genere [,,,] ma, ha aggiunto al Catholic World Report (CWR) "Spero che non dovremmo assistere a questo in nessun momento"
 "Vi è già la procedura da seguire quando un Papa dovesse cessare dal proprio ufficio, esattamente come è accaduto quando Papa Benedetto XVI ha abdicato", ha detto Burke. "La Chiesa nel frattempo ha continuato ad essere governata tra la data di efficacia della sua abdicazione e l'inaugurazione del ministero papale di Papa Francesco."
il Card. Burke ha detto che sono i membri del Collegio Cardinalizio coloro che dovrebero dichiarare un papa nell'eresia.
Il cardinale ha anche spiegato che lui e i suoi confratelli hanno voluto chiedere chiarimenti a Francesco perchè chiarissca se Amoris Laetitia si allinea con la dottrina morale cattolica proprio perché sono leali al Papa lui e si preoccupano di lui, non perché sono i suoi "nemici" o dissidenti, come alcuni critici e anche altri prelati hanno suggerito."Come puoi essere nell'eresia facendo domande oneste?" si chiede Burke. "E 'solo irrazionale accusare noi di eresia. Stiamo chiedendo domande fondamentali in base alla costante tradizione della dottrina morale della Chiesa. Quindi non credo che ci sia alcun dubbio che facendo che abbiamo fatto qualcosa di eretico. Sono un cardinale della Chiesa, e uno dei principali collaboratori del Papa", ha detto Burke. "Ho rispetto assoluto per l'ufficio petrino. Se non mi importasse nulla del Papa o del suo esercizio del ministero petrino, me ne starei in silenzio e lasciarei andare tutto così com'è. Ma poiché in coscienza credo che io abbia l'obbligo di chiarire queste questioni  per lla Chiesa, gliel'ho sempre detto, non solo in questa occasione, ma in altre. La pubblicazione del dubia è stato fatto nel pieno rispetto per il suo ufficio. io non sono il nemico del Papa".Burke ha sottolineato che "non sto dicendo che Papa Francesco è in eresia. Non l'ho mai detto che", ha detto a CWR. "Né ho ho detto che egli è vicino ad essere in eresia."


Il Canonista Dr. Ed Peters ha recentemente parlato sul suo blog come il diritto canonico tratti la questione di un papa seguace o professante  un'eresia. Secondo l'analisi di Peters, la

divina e cattolica", e Peters ha spiegato che "la tradizione canonica ancora riconosce (e la storia conferma) che un determinato papa potrebbe cadere in personali eresia e che potrebbe anche promuovere tale eresia pubblicamente. Insomma ... per quanto remota sia la possibilità che un papa realmente possa cadere nell'eresia e per quanto difficile possa essere il deciderlo e dimostrarlo (sarebbe una vera catastrofe, Dio non voglia!) comporterebbe comunque la perdita della carica papale."

75 commenti:

  1. Purtroppo non si troverebbe un Concilio che dichiarasse decaduto Bergoglio per errori dottrinali poiché la maggioranza dei vescovi ' adeguati', allevati nella superficialità delle ideologie postconciliari, arrivate fino a negare la storicità di Cristo, sarebbero contrari. Ne sa qualcosa il grande papa Benedetto XVI.

    RispondiElimina
  2. Tragico ma concordo!

    RispondiElimina
  3. Ho fatto la tesi su questi argomenti (tra l'altro). L'idea della decadenza "automatica" (ripresa dai teologi giansenisti) è presente anche in Sant'Agostino, che la dà come assolutamente pacifica, dato che era sostenuta dai teologi napoletani e francesi. Del resto si prevedeva lo stesso per il Monarca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendevo Sant'Alfonso, chiedo venia.

      Elimina
  4. Che Bergoglio non sia in errore lo può sostenere solo chi è stato allevato alle ideologie postconciliari, giunte fino a negare la storicità di Cristo, la tradizione e il diritto naturale, come tanti cardinali che lo hanno eletto e vescovi 'adeguati' più o meno in buona fede. Pertanto, purtroppo, un Concilio non sarebbe possibile.

    RispondiElimina
  5. Ormai Burke sta diventando uno scismatico a tutti gli effetti. Non capisco questa continua esposizione mediatica, secondo me sotto ci sono altri interessi. Non è d accordo ne parli con il diretto interessato. Fino a prova contraria AL è è testa n solco della tradizione. Questi cardinali in cerca di fama mediatica fanno pena. Spero nn crediate davvero che un concilio generale restituisca Francesco, Signori il medioevo è finito per il mondo 200 anni fa per la Chiesa solo 50 ma cmq è finito. Buono scisma Signori. Davide83

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trump, Putin, ora anche l'Europa centrale: c'è un innegabile ritorno alle tradizioni, il progressismo sta scemando e gli adepti del pensiero debole stanno prendendo schiaffi da tutte le parti, mi sa che dovrai fartene una ragione. Ora torna a giocare.

      Elimina
    2. Cosa intendi con la locuzione "cardinali veri"? Sentiamo.

      Elimina
    3. E te chi sei? Perché violi la privacy di Burke? Sei invidioso?

      Elimina
    4. Guarda l unico orizzonte è Cristo. Di Trump , Putin e compagnia briscola mi importa poco. Beh è voi chi siete per giudicare Eretico Francesco? Fino a prova contraria lui ha l'assistenza dello Spirito Santo Burke ancora no. Oppure siete sede vacantisti Cassiciacum? Cardinali nominati da un papa regnante. Se studi lo scisma d occidente e le obbedienze romana, avignonese e pisana forse capisci...Davide83

      Elimina
    5. Perdi il controllo? Tutto il mondo sta ritornando alla Tradizione. Vi è rimasto solo Bergoglio, che è l'eccezione che conferma la regola. È inutile che batti i piedini: Santa Romana Chiesa non sarà mai "progressista". Così è sempre stato, e così sempre sarà.

      Elimina
    6. Esposizione mediatica di Burke?
      E il Papa?
      Ma la cosa grave è che i Dubia sono stati consegnati in privato e il Papa dopo 5 mesi non si è degnato di rispondere.
      Come dice Gesù Cristo, dopo l'interrogazione privata passa a quella pubblica.

      Elimina
    7. Giusto, concordo!
      Coraggio amici sempre avanti nella Verità!!

      Elimina
    8. Tristi davvero queste entrate piene di veleno contro il Papa e quarda caso sempre da anonimi signori! Con grande delicatezza Cardinal Burke nella sua ex Diocesi di St.Louis veniva chiamato: "a pompous ass", oltre a iniziare i dubia ora sta sottilmente insinuando l'idea di un Pontefice eretico, questa e la piu' grande buffonata mai sentita. Senza entrare nella polemica e' chiaro che Card.Burke per una "correzione formale" porta tanta gente a pensare che i cardinali hanno un' autorità giuridica formale sopra il papa, che è quindi soggetto ai loro giudizi. Ciò porrebbe i cardinali al di sopra del papa, un capovolgimento dell'autorità della Santa Sede e chiaramente in contrasto con la costituzione divina della Chiesa senza parlare del diritto canonico; e mi meraviglia che un esperto del Diritto canonico come Card. Burke non abbia in mente il (c. 1404)il quale afferma che: "La prima Sede non è giudicata da nessuno" e gli atti del Magistero pontificio sono atti giuridici della stessa Santa Sede. http://www.vatican.va/archive/cod-iuris-canonici/ita/documents/cic_libroVII_1404-1416_it.html#TITOLO_I Il signor Cardinale prima di iniziare dubbi e controversie dovrebbe chiedere al buon Dio che gli dia un po UMILTA' e tante altre cose delle quali il Cardinale dimostra di essere carente. La sua arroganza mi lascia semplicemente a bocca aperta!

      Elimina
  6. E se fosse eletto un antipapa!? Del tipo Pio XIII...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un altro antipapa? ne abbiamo già uno

      Elimina
  7. Si magari un Papa eletto da cardinali veri ma di obbedienza tradizionale.....ma per favore

    RispondiElimina
  8. C'è già l'antipapa, non lo avete ancora capito?
    Il Card. Burke sta facendo quel che dovrebbero fare tutti i Card. di Santa Romana Chiesa.
    Sta mettendo in guardia tutto il mondo sulla interpretazione arbitraria dell'A.L.
    Lo scisma c'è già, nel momento in cui il papa non fa chiarezza e non vuole farla:
    1° perché se la conferma (l'A.L.) lo scisma diverrebbe palese da parte sua dal resto della
    Chiesa
    2°se non la conferma renderebbe palesi gli errori dottrinali inseriti.
    Per cui tace e..... tana liberi tutti di fare quel che..... ci pare.

    RispondiElimina
  9. Burke vive in un attico di 417 metri quadri e Francesco in una stanza a Santa Marta......ma per favore!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno che valuta la verità con i metri quadrati ha seri problemi mentali.

      Elimina
    2. Non sono povero, ma vivo sobriamente, come il Papa e non come Burke e i suoi compari che fanno una vita da nababbi fregandosene dei poveri e contraddicendo con il loro stile di vita lo stesso vangelo

      Elimina
    3. I ricchi all'inferno e i poveri anche se atei in Paradiso (teologia della liberazione)...

      Elimina
    4. Povero o non povero è meglio che studi prima di aprire bocca su cose serie come la Fede.

      Elimina
    5. Io mi limito ad ascoltare quello che dice il Papa appoggiato da svariate decine di Cardinali sicuramente più dotti di te e del Cardinale Burke.

      Elimina
    6. Sì, sei un bell'esempio di seguace di Bergoglio. E con ciò s'è detto tutto.

      Elimina
    7. a chi sottolinea il fatto che il cardinale Burke abiti in un appartamento di oltre 400 metri quadrati, faccio notare che Nostro Signore Gesù Cristo non se ne faceva nulla delle statue pagane contenute nei Musei Vaticani, e finché non vedrò i Musei Vaticani chiusi e occupati dai clandestini che stanno invadendo l'Italia, vi prego di non sottolineare la metratura dell'appartamento del cardinale Burke e, vi rendete sempre più ridicoli

      Elimina
    8. Leggetelo bene il Vangelo. E soprattutto, traducetelo bene, senza interpretazioni pauperiste e moraliste. Il Cattolicesimo è sempre stato (anche) bellezza, sfarzo e lusso. Gesù stesso s'improfumava e amava essere bello, amava lo sfoggio. Gesù malediceva i farisei e chi blatera di povertà. Naturalmente, all'epoca, e in Palestina in particolare, il lusso era quel che era...

      Elimina
    9. i punti cardinali: pedofilia, Ior, escort,

      Elimina
  10. A santa Marta oltre un attico vuoto... paramenti nuovi oltre quelli vecchi...auto nuove invece della vecchia papamobile... ma non son cose che interessano. Interessa Dio e la sua legge!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto......"è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che un ricco entri nel regno dei cieli"......

      Elimina
    2. ma un eretico non ci entra proprio! ricco o povero...

      Elimina
  11. finalmente ve la cantate chiare: voi siete i figli del demonio, non lui: http://www.repubblica.it/vaticano/2016/12/22/news/papa_francesco_alla_curia_vaticana_da_tradizionalisti_resistenze_malevole_alla_riforma_-154645227/?ref=HREC1-3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei capire perche' i modernisti progressisti conciliari leggano e commentano su questo blog. La natura umana e' davvero strana...

      Elimina
    2. Io lo faccio ogni mattina per farmi quattro risate. E' più divertente sentire le vostre stupidaggini e vedere quanto rosicate che guardarsi un film comico.....

      Elimina
  12. E cosa c'entrano i vani catastali di un appartamento con la dottrina? Il pauperismo è forse garanzia di retta dottrina? Se Francesco è eretico o meno lo dice il suo stesso magistero. Io non sono in grado di dirlo, ma forse qualche cardinale elettore sì. Giuseppe73

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un Burke che si lamenta (probabilmente perchè estromesso dalla Curia e messo come un soprammobile all'ordine di Malta che immagino quanto possa piacere a Francesco) ci sono altri 200 che stanno con il papa, e molti di questi sono più autorevoli di Burke

      Elimina
    2. Lo diceva anche Berlusconi quando un milione di persone scendevano in piazza contro di lui: gli altri 59 milioni di italiani sono tutti con me. Dovrebbe chiedere un copyright, ma adesso mi sa che ha altre gatte da pelare.

      Elimina
    3. I 200 sono solo sulla carta e nella mente di qualche bergogliano confuso, dati alla mano finora tra cardinali e vescovi si sono pronunciati sui dubia in 13, di cui 6 a favore dei dubia e 7 contro; inoltre diversi Prefetti delle Congregazioni pur non prendendo posizione (ovviamente dato il ruolo che ricoprono) hanno dichiarato che serve effettivamente una qualche formula di discussione tra le parti per dirimere la questione...il che mostra un bilanciamento numerico decisamente più equilibrato di quanto i bergogliani vogliano far credere.

      Elimina
  13. Tesi di Cassiciacum, san Bellarmino, san tommaso d'Aquino.

    RispondiElimina
  14. Per l'anonimo delle 15.15. La Verità fu messa ai voti 2000 anni fa e sappiamo tutti come è andata a finire. Già i grandi santi del medioevo ricordavano come il Buon Dio alcuni Papi ce li dona, la maggior parte li tollera, alcuni li infligge. Questo ce lo ha certamente inflitto, ce lo siamo meritati grazie alla nostra poca fede e temo ce lo dovremo tenere. Bergoglio è troppo furbo per cadere in eresia palese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'affermazione dello scrivente delle 16:31 è intrisa di profonda spiritualità : "... ce lo siamo meritati grazie alla nostra poca fede e temo ce lo dovremo tenere" anche perchè, aggiungo, è il nostro Papa eletto in virtù dello Spirito Santo. Ubi Petrus ibi Ecclesia.

      Elimina
  15. Ma perché il buon Francesco, che è così alla mano, così aperto, così misericordioso, che si fa fare i selfie con il primo che passa e ha una buona parola per tutti, non va da Burke, lo prende sottobraccio e gli dice con un sorriso: "A Rà, che te rode? Parliamone un po', spieghiamoci, non ti va bene un nì invece di un sì o un no?". Invece dichiara che chi non è con lui è ispirato dal demonio, nientepopodimeno. A me viene quindi il dubbio che Francesco non sia questo agnellino di zucchero e questa delizia del genere umano che ci viene dipinta nei santini televisivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Agnellino? Ma non vedi che è sempre incacchiato con qualcuno! Dovrebbe essere il papa di tutti, ma evidentemente c'è sempre qualcuno che preferisce scartare!

      Elimina
  16. Vedo che il discorso si è molto alzato di livello.... ��. Vorrei solo far notare che il papa non ha detto o scritto nulla di Eretico. Ha solo chiesto discernimento per le situazioni irregolari caso per caso. Ripeto tutto quello che sta avvenendo e solo un regolamento di conti tra Burke e il Papa. La correzione come atto formale non esiste nella storia della Chiesa, Santa Caterina invitava il Papa di Avignone a tornare a Roma, ma lo ha sempre chiamato Dolce Cristo in terra. Meditate ....! Lo ripeto qui vedo poco Cristianesimo e tanto fariseismo. I primi a comunicarsi dopo la risurrezione secondo Luca sono due peccatori, che non credevano nemmeno più i discepoli di Emmaus. Il corpo di Cristo è farmaco contro i peccati, e aiuto nelle difficoltà, dottrina cattolica docet. E smettela di chiamarci modernisti solo per darci degli eretici o teologi della liberazione quando non sapete nemmeno che la teologia non fu mai condannata Gutierrez insegna, furono condannate le derive. Davide83

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Discernimento di situazioni caso per caso. Ovvero: possibilità, in alcuni casi, di concedere i sacramenti a vive pubblicamente in peccato mortale. Non è una dottrina cattolica. I farisei rerredifendevanoano quelli che difendevano la possibilità di sciogliere i matrimoni, certo, valutando caso per caso...

      Elimina
    2. Il problema sta nel concetto di vivere pubblicamente....e se lo facesse in segreto allora potrebbe?siete degli ipocriti. Peccato mortale e non accorgersi del bisogno dell'altro.Cavolo ma se uno non può tornare indietro cosa deve fare spararsi...io ne sono convinto Gesù li accoglierebbe gli farebbe capire l'errore ma gusrderebbe avanti non indietro. I sacramenti sono al servizio dell'uomo, non viceversa.Avete fatto dell'eucaristia un idolo vergognatevi.

      Elimina
    3. Manco sapete di cosa parlate... Se Gesù Cristo avesse pensato che non c'è niente di male a divorziare e risposarsi sarebbe bastato per lui rimanersene zitto. Il divorzio ai suoi tempi esisteva, la gente si risposava tranquillamente e in sinagoga erano tutti contenti.

      Elimina
    4. Viva la sincerità ! Così dei sacramenti l'uomo ne fa quello che vuole e non quello di Colui che li ha istituiti.

      Elimina
    5. Non ma tu stai male. L'Eucarestia è Dio.

      Elimina
    6. Quindi Davide83 segui la teologia cattolica p la teologia della liberazione? Perché sai... son cose diverse. Altrimenti non l'avrebbero chiamata diversamente.

      Elimina
    7. Non spararsi ma separarsi. E se non fosse moralmente giusto (caso classico: ci sono dei figli) convivere come fratello e sorella e accedere ai sacramenti senza dare scandalo. Non si può volere la botte piena e la moglie ubriaca...

      Elimina
    8. @Anonimo del 22/12/2016 20:20
      "Avete fatto dell'eucaristia un idolo vergognatevi."
      Per forza che ne abbiamo fatto un idolo: è Dio!

      Elimina
    9. Allora se leggi il Vangelo sai che anche in ogni povero c'è Dio, è scritto nel vangelo, tanto quanto l'istituzione dell'eucaristia. Per me la Chiesa (di mattoni) non è casa di Dio, ma casa del popolo di Dio, il concetto di casa di Dio è un concetto della classicità romana, in cui la residenza degli Dei era il Tempio, concetto passato poi in epoca Teodosiana alla nascente cristianità, ma affermatosi solo dopo il Concilio Tridentino, in risposta alla scisma luterano. Il santissimo messo sull'altare centrale è una novità tutta Tridentina sempre in risposta al luteranesimo, nel medioevo sull'altare vi era solo la croce come in tutte le Chiese non cattoliche d'oriente e d'occidente. L'altare è già simbolo di Cristo morto e risorto, giusto quindi spostare la riserva eucaristica altrove, magari in un posto più appartato e intimo dove andare a trovarlo e capire cosa ci dice giorno dopo giorno.

      Un ultima considerazione, ho il sospetto che con i vari anonimo e nomi di fantasia, qui dentro scrivano un bel pò di pretozzi e monsignorotti curiali, che hanno paura di trovarsi con il fondo schiena a terra e si aggrappano è le ultime corde di cristianesimo senza Cristo. Avete paura che Francesco faccia saltare baracca e burattini e di trovarvi a dover gestire una parrocchia magari nella periferia di qualche grande città e confrontarvi con la gente cosi com'è, come ha fatto N.S. dicendo chiara la dottrina e la regola, ma non rendendosi mai schiavo della regola, ma guardando sempre alla persona davanti a lui al suo percorso al suo cammino. Questo Papa è una benedizione di Dio e balsamo di purificazione per la Chiesa tutta.
      Possibile che non li capite i segni dei tempi? Benedetto ha fissato i paletti le regole chiare, Francesco ha preso le regole e senza cambiarle le ha messe nel concreto nel vissuto di ogni giorno di ciascuno di noi nel cammino che stiamo facendo.
      Sono due facce della stessa medaglia tanto da dire che non sono due pontificati ma, uno solo nel magistero.
      Davide83

      Elimina
    10. Davide83, premesso che non è mia intenzione giudicare e neppure criticare, ti chiedo ma sei anche tu convinto che Papa Francesco per salire sulla Cattedra di Pietro ha a organizzato tutto meticolosamente, con al seguito un buon apparato, per sostituire Benedetto XVI? Io ne sono ultraconvinto!Le conseguenze stanno a dimostrarlo.

      Elimina
    11. Sinceramente no.
      Lo trovo assurdo, penso invece che qualcosa di strano sia successo nel conclave 2005.Recentemente sono uscite le parole che il confessore di Martini avrebbe detto prima di morire riguardanti il conclave del 2005. A parte le sue esternazioni, io sono convinto che Benedetto XVI uomo di Curia ma lontano anni luce dal modo di pensare e vivere dei curiali, abbia preso il compito di riformare la Curia stessa, ma vuoi per mitezza (Joseph Ratzinger è un uomo fondamentalmente mite) vuoi per non conoscenza dei veri problemi delle diocesi periferiche rispetto alla curia. giunto a un certo punto abbia lasciato il compito ad altri.
      Francesco esce a quel punto, ma dubito fortemente che lui si sia candidato. Vero attore dello scorso conclave è il potente (quanto nascosto) Cardinale Re (sottodecano del collegio e quindi presidente del conclave 2013). Ovvio che poi il Papa fa il Papa, mi stupisce sempre che un sito tradizionalista non sia più Papista, finchè c'era Benedetto XVI da sempre vicino alla tradizione, tutti a incensarlo e a tacciare chiunque altro di modernismo, ora parti mutate, il Papa è modernista eretico scismatico, i 4 Cardinali dei campioni dell'ortodossia. In tutta sincerità non capite Francesco, perchè non avete letto e appreso Martini, mi stupisco di come le sue parole abbiamo anticipato di una decina di anni questo pontificato. Martini è il padre spirituale di questo pontificato, che è una ventata di aria fresca per tutta la Chiesa. Davide83

      Elimina
    12. Davide83 prendo atto della tua risposta, ma credimi che sono ultra convinto di ciò che ho affermato è perché ho motivi validi, che risalgono a qualche anno prima della rinuncia di BXVI. A questo riguardo aggiungo che BXVI è stato mandato via (stretto e costretto).

      Elimina
  17. Ma di cosa ci preoccupiamo, papa Francesco ha compiuto da poco 80 anni , scamperà ancora qualche anno e poi passerà a miglior vita come tutti.
    Il successore rimetterà tutto in ordine ,come sempre è avvenuto in passato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari sarà il Cardinale Burke!

      Elimina
    2. Questo è certo. Con buona pace di chi ha "sbagliato religione"...

      Elimina
    3. Ci vorranno decenni per riparare i guasti provocati e rimettere tutto in ordine, senza contare il fatto che, viste le nomine cardinalizie fatte da Bergoglio, il numero dei modernisti che faranno parte del futuro Conclave è paurosamente aumentato. Il che non fa presagire - umanamente - nulla di buono. Ma il Capitano della malmessa barca di Pietro sta solo dormendo: al momento opportuno sarà Lui a riportare ordine e calma. Questa la nostra speranza certa.

      Elimina
  18. A rigà questo è l'ultimo, anzi il precedente è stato l'ultimo, adesso siamo a interim in attesa del Padrone e lasciate stare lo Spirito Santo, non si fa vedere da un bel pezzo.....

    RispondiElimina
  19. A margine di questa discussione mi limito ad osservare che Papa Francesco ha già affermato che il suo Pontificato volge al termine. Non è il caso di aggiungere altro sul significato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece ha detto orgogliosamente e fieramente che "sarà il Papa che passerà alla storia per aver diviso la Chiesa" e ha sempre ribadito che non ha nessuna intenzione di abdicare.

      Elimina
  20. Caro anonimo delle 20,20 nell'Eucaristia è presente Gesù in corpo sangue anima e divinità. Che Gesù abbia dato la vita per gli uomini è vero ma siamo noi a doverlo adorare e servire.
    Andiamoci piano con i Sacramenti al 'servizio' dell'uomo.....

    RispondiElimina
  21. No non ci vado piano, i sacramenti sono al servizio dell'uomo e non viceversa. Sono convinto che l'eucaristia E' la presenza reale di Cristo in anima e corpo, in forma sacramentale.Dio non ha bisogno dei sacramenti lui sussiste in se stesso tutto intero Padre-Figlio e Spirito. Quelli sono fatti per noi per renderci presente il suo Amore.
    Davide83

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la Nettezza Urbana è al servizio dell'uomo, ma non ci autorizza ad usarlo a nostro arbitrio, ad es. a gettare le immondizie in strada.

      Elimina
  22. Vorrei capire - ma è cosa ardua - per quale ragione si concede spazio ai farneticamenti dei soliti agit-prop conciliari, mentre non si esita a censurare interventi forse duri ma almeno argomentati. Sarebbe opportuno, prima di sputar sentenze, leggere con attenzione il contenuto dei dubia ed avere le conoscenze dottrinali e canoniche che legittimino eventuali obiezioni. I fans di Bergoglio, a giudicare da quel che scrivono, ricordano i trinariciuti di Guareschi. Tra l'altro, non gli rendono servigio, e dimostrano quanto siano faziosi e prevenuti. Tipico di chi non ha argomenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè questo sito è collegato a unavox....conciliaristi tradizionalisti, la messa tridentina inglobata nel modernismo.

      Elimina
  23. Credo che la richiesta avanzata dai cardinali sia assolutamente lecita. Ma prego ogni giorno affinché lo Spirito Santo ci illumini tutti e affinché il Papa trovi il modo di fare convivere le giusta necessità di un approccio pastorale calato nella realtà del nostro tempo con la dottrina di sempre cosi come è arrivata sino a noi nei secoli. Dio non voglia che veramente si arrivi a uno scisma !

    RispondiElimina
  24. << Anche per la Chiesa verrà il tempo delle sue più grandi prove. Cardinali si opporranno a Cardinali; Vescovi a Vescovi. Satana marcerà in mezzo alle loro file, e a Roma ci saranno cambiamenti. Ciò che è putrido cadrà, e ciò che cadrà, più non si alzerà. La Chiesa sarà offuscata, e il mondo sconvolto dal terrore. >> testo apocrifo Terzo segreto di Fatima

    RispondiElimina
  25. Andate ale Messe in rito antico! L'unica medicina contro la devastazione attuale della Fede

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.