domenica 24 luglio 2016

“Accatatavill …No grazie”: una televendita in salsa religioso-papale è la “risposta” alle emergenze attuali?

Sembra incredibile, ma è tutto vero.
In un video diffuso su YouTube (link sotto) papa Francesco, in lingua spagnola, ha salutato tutti i Millennials (i giovani nati dal 2000), riuniti al National Mall a Washington lo scorso 16 luglio.
In questo video, Papa Francesco ha parlato dell’"irrequietezza nei loro cuori", e li ha incoraggiati ad incanalare le loro energie cercando Gesù.
Nulla di scandaloso direte voi.
Anzi, abbastanza normale per un papa invitare le giovani generazioni nella ricerca del Signore…
Ed è vero.
Nulla di strano. 
Però…

In effetti, c’è qualcosa che non va.
Il Papa, in effetti, promuoveva un incontro interconfessionale, al di à delle differenze teologiche tra le confessioni cristiane, denominato “Together 2016”, che vedeva al centro dell’incontro di preghiera dei “millenari”, riuniti per il “Next Great Awakening”, un tema comune: Gesù cambia tutto, e solo Lui può annullare le nostre differenze, con l’hashtag #JesusChangesEverything.
Nel messaggio promozionale, ha parlato, dunque, dell’irrequietezza delle giovani generazioni, invitandole a trovare una risposta a questo malessere.
Nessun riferimento, ovviamente, alla verità cattolica, ma ad una figura di Gesù, a tal punto umanizzata, da offuscare quasi la Sua natura divina.
Nessun riferimento al fatto, insomma, che solo conoscendo pienamente la Verità tutta intera (di cui la Chiesa Cattolica è depositaria), i giovani potranno essere autenticamente liberi; liberi dall’irriquietezza che il Nostro dice essere afflitti.
E, concludendo, li ha invitati a Washington ad incontrare chi avrebbe messo fine a quest’inquietudine (non è chiaro se si riferisse ai protestanti o a Gesù).
Non solo, ma – in stile televendita – li ha invitati pure ad indossare la tshirt “Together 2016” ( immagine 2 sotto) e che, in quest’incontro ecumenista, ciascuno avrebbe incontrato Gesù (sic!).
Ed ha chiuso (non si sa se riferita all’indossare la maglietta o a Gesù): “Provateci! Non avete nulla da perdere! Provatelo. Poi mi direte”.
Inutile dire che quest’incontro, per nulla cattolico, a cui partecipavano, oltre al variegato sottobosco di congregazioni e comunità di stampo protestante americane, le Assemblee di Dio, Battisti, Pentecostali, la Grace Communion International, ed alcune celebrità del mondo protestante statunitense, era stato promosso dal World Evangelical Alliance, il cui Segretario Generale e Presidente dell’Advisory Board of Christian Media Corporation, Dr. Geoff Tunnicliffe, nel suo colloquio con il Santo Padre lo scorso 10 giugno, auspicava un incontro – nello spirito del Vangelo di Giovanni cap. 17 – incentrato sulla figura di Gesù, di là delle differenze teologiche di ognuno. 
L’evento era nato su iniziativa di Nick Hall, pastore di un college americano e fondatore del PULSE, un movimento di preghiera e di evangelizzazione per potenziare la chiesa (non cattolica) e risvegliare la cultura intorno alla figura di Gesù.
Questo pastore aveva lanciato l’idea di riunire gli altri pastori e leader cristiani insieme ad un milione di persone "nella speranza di ispirare un vero risveglio in America".
Ma un incontro di tal genere è utile per un cattolico? 
Per un cattolico varrà sempre quel che insegna il grande Pio XI nell’enciclica Mortalium animos: “Persuasi che rarissimamente si trovano uomini privi di qualsiasi sentimento religioso, sembrano trarne motivo a sperare che i popoli, per quanto dissenzienti gli uni dagli altri in materia di religione, pure siano per convenire senza difficoltà nella professione di alcune dottrine, come su un comune fondamento di vita spirituale. 
Perciò sono soliti indire congressi, riunioni, conferenze, con largo intervento di pubblico, ai quali sono invitati promiscuamente tutti a discutere: infedeli di ogni gradazione, cristiani, e persino coloro che miseramente apostatarono da Cristo o che con ostinata pertinacia negano la divinità della sua Persona e della sua missione. ….
A tali condizioni è chiaro che la Sede Apostolica non può in nessun modo partecipare alle loro riunioni e che in nessun modo i cattolici possono aderire o prestare aiuto a siffatti tentativi; se ciò facessero, darebbero autorità ad una falsa religione cristiana, assai lontana dall’unica Chiesa di Cristo. … 
Potrà sembrare che questi pancristiani, tutti occupati nell’unire le chiese, tendano al fine nobilissimo di fomentare la carità fra tutti i cristiani; ma come mai potrebbe la carità riuscire in danno della fede? 
Nessuno certamente ignora che lo stesso apostolo della carità, San Giovanni (il quale nel suo Vangelo pare abbia svelato i segreti del Cuore sacratissimo di Gesù che sempre soleva inculcare ai discepoli il nuovo comandamento: « Amatevi l’un l’altro »), ha vietato assolutamente di avere rapporti con coloro i quali non professano intera ed incorrotta la dottrina di Cristo: « Se qualcuno viene da voi e non porta questa dottrina, non ricevetelo in casa e non salutatelo nemmeno » (II Ioann., 10). 
Quindi, appoggiandosi la carità, come su fondamento, sulla fede integra e sincera, è necessario che i discepoli di Cristo siano principalmente uniti dal vincolo dell’unità della fede….. 
Pertanto, Venerabili Fratelli, facilmente si comprende come questa Sede Apostolica non abbia mai permesso ai suoi fedeli d’intervenire ai congressi degli acattolici; infatti non si può altrimenti favorire l’unità dei cristiani che procurando il ritorno dei dissidenti all’unica vera Chiesa di Cristo, dalla quale essi un giorno infelicemente s’allontanarono: a quella sola vera Chiesa di Cristo che a tutti certamente è manifesta e che, per volontà del suo Fondatore, deve restare sempre quale Egli stesso la istituì per la salvezza di tutti”.


A titolo di cronaca va detto che l’incontro nel National Park Service è stato interrotto  a causa delle alte temperature, congiunte ai tassi di umidità, raggiunte quel giorno a Washington: temperature ben oltre i trenta gradi, percepite però nell’ordine dei quaranta.

(da un nostro Corrispondente intra moenia
***

Fonti :
 a) evento: http://www.christianpost.com/news/together-2016-pope-francis-urges-millennials-to-find-the-one-who-can-give-you-an-answer-to-your-restlessness-166598/

http://www.piratechristian.com/berean-examiner/2016/6/the-pope-and-hillsong-will-unite-together-2016-in-washington-dc?rq=pape

b) video del Papa : https://youtu.be/Pxe_K975jZI

17 commenti:

  1. Papa Francesco che ha chiesto di acquistare con internet una maglietta per scopi di beneficenza mi piace assai!
    Dovrebbe essere seguito in tutte le chiese per combattere la fame nel mondo e le disuguaglianze sociali.Bravo papa Francesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il compito della Chiesa e' la salvezza delle anime e annunciare il Vangelo di Cristo, non combattere la fame e le disuguaglianze sociali.

      Elimina
    2. Gesù non aveva capito propio nulla. Meno male che ora c'è don Bergoglio ed il codazzo dei suoi "consigliori" e Franciscolatri. Bastava istituire un Ottavo Sacramento: moltiplicare i pani ed i pesci et voilà ogni bocca sfamata nelle sale parrocchiali. Perchè non lo ha fatto? Perchè, poverino, non aveva nessun "mandato" del Dio Infinitamente Misericordioso ed allora non c'era l'Illuminato di Santa Marta. Buon appetito a tutti....

      Elimina
  2. A me sinceramente fa molta tristezza che un tale personaggio faccia merchandising in tv come un qualsiasi venditore di oggetti di ogni tipo.....facesse seriamente il papa e difendesse la chiesa cattolica dagli assalti che sta subendo mi farebbe sentire sicuro.....i proventi delle vendite, come le campagne onlus, quango e ONU vanno dappertutto fuorché a chi veramente ne ha bisogno.

    RispondiElimina
  3. Per combattere la fame nel mondo e le disuguaglianze sociali esiste già una pletora di associazioni ed organizzazioni inutili alle quali non è il caso che si unisca la Chiesa Cattolica, costituita da Ns Signore Gesù Cristo per la salvezza delle anime, non per la pienezza delle pance!

    RispondiElimina
  4. Questo Papa è semplicemente un genio.Si comincia con le magliette e poi si può continuare con le pentole.I coperchi però non sono di sua competenza......

    RispondiElimina
  5. E chi te l'ha detto che con quei soldi combatterà la fame nel mondo?
    L'anno scorso, mi pare abbia dato 100,000 € agli Ebrei ma non mi sembra che quelli abbiano fame.

    RispondiElimina
  6. Ma come osate a criticare il vostro dolcecristointerra come vi ostinate a chiamarlo voi? Sveglia! Sveglia! Aprite gli occhi e abbiate il coraggio di riconoscere per chi sta lavorando l'argentino. Cosa deve fare ancora perché riusciate a capirlo?

    RispondiElimina
  7. Bravo anonimo..... Ti indicano la luna e tu cosa noti? Il dito.

    RispondiElimina
  8. Evidentemente 'salus animarum' non è più 'suprema lex'. E non su ritiene più che Fede e Grazia siano necessarie per la salvezza.
    In altre parole la chiesa ha perso di vista la sua missione.

    RispondiElimina
  9. l'unico commento? Papa Francesco ha affermato:"Gesù fa un po' lo scemo", "Gesù manca, ha mancato la morale". Perché nessuno si rende conto di cosa sta veramente combinando questo personaggio? E che cosa sta succedendo realmente intorno a noi...
    Sul sito del Vaticano hanno già corretto tutto (come succede spesso ultimamente). Internet però ricorda:

    https://www.youtube.com/watch?v=mmNOvTyDGBs

    Gesù «fa un po’ lo scemo» (1:04:37-40), e Gesù «ha mancato la morale» (1:05:40-42)

    Il papa UMILE che ha affermato "CHI SONO IO PER GIUDICARE?" ora afferma che Gesù ha MANCATO LA MORALE...


    RispondiElimina
  10. Non solo è importante ma è necessario. Sta operando un profondo cambiamento nella Chiesa, cambiamento che tanti aspettavano.

    RispondiElimina
  11. Bravo, bravissimo...

    RispondiElimina
  12. IN EPISCOPORVM COLEGIO
    FRANCISCO FVLGET GLORIA
    INSIGNI PRIVILEGIO
    CHRISTI PORTANS MISERICORDIA
    PAPA FRANCISCO DICATVM

    RispondiElimina
  13. Ma beh ! Perche ora parlate male di questo Antipapa e domani pregate per lei? Ho letto l'intervista a Mons. Ganswein. Confusione dopo confusione. Come diceva San Vincenzo Ferreri nell suo De Hodierno Schismate : e'eretico affermare che possono essere due Papi. Un solo Pastore. Vescovi, molti. Papi,uno solo. Anche Papa Giovanni Paolo II diceva nell Policlinico Gemelli l'anno 1994: Imposibile nella Chiesa un Papa Emerito. E' contro la Costituzione Divina della Chiesa e contro la Legge Canonica. Possibile che nessun Cardinale, canonista o teologo si renda conto ? E finisco con le parole di San Vincenzo Ferreri a Perpignan davanti a Papa Benedetto XIII Luna: OSSA ARIDA, AUDITE VERBUM DEI !

    RispondiElimina
  14. a voi proprio papa Francesco non piace, non ce n'è! potrebbe fare qualsiasi cosa, che voi sarete lì, famelici, pronti per sbranare l'ottimo papa Francesco che ancora grandi cose deve fare e le farà, vedrete. Lo so che per voi è indigesta una chiesa povera, ma è Cristo a volerlo.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.