lunedì 1 febbraio 2016

Perché a mons. Galantino e a chi la pensa come lui dà tanta noia il Family Day?


Riceviamo e pubblichiamo da  un nostro caro amico.
MIL



Perché a mons. Galantino e a chi la pensa come lui dà tanta noia il Family Day? Molti pensano perché scombinerebbe i progettati accordi con il governo Renzi in merito a non so che cosa: dunque per ragioni politiche.

È una spiegazione convincente? A me sembra di no. Inoltre, non fa onore a mons. Galantino: non credo che un Vescovo prenda una posizione così significativa su una questione così cruciale per meri calcoli di contingente utilità politica. Credo che lo faccia seguendo un preciso disegno pastorale. E mi domando quale possa essere.

Vengo subito alla risposta: secondo me, è da tempo che una larga fetta di pastori (dell'alto e basso clero), probabilmente maggioritaria nelle sedi dove si conta davvero, si è convinta che per sopravvivere nella modernità la Chiesa non possa più condannare ciò che invece il mondo - cioè il pensiero mainstream, come viene veicolato dai media - approva; mentre possa tranquillamente condannare ciò che anche il mondo condanna (per cui non è vero che la Chiesa si astiene dalle condanne tout-court: si astiene solo da quelle scomode). Da ultimo, questa tendenza si è spontaneamente evoluta: da incapacità-indisponibilità a condannare, a volontà di approvare. Ciò che il mondo approva, la Chiesa non si limita più a non condannarlo: si sente tenuta ad approvarlo anch'ella. Per motivi pastorali, perché questa sarebbe la pastorale adeguata ai tempi che viviamo, la pastorale di vicinanza all'uomo moderno, che forse è ancora battezzato, ma la cui cultura non è più cristiana.

Così, sembra addirittura superato anche il mantra per cui certe cose la Chiesa non potrebbe dirle, perché "la gente non capirebbe". Si è ormai visto che la gente (cioè il mondo) in realtà capisce benissimo, ma vuole continuare a pensarla (male) a modo suo, ed a volere ciò che la Chiesa, sino a ieri, condannava. Per cui si torna sempre lì: all'approvazione con il mondo di ciò che il mondo approva.

Con riguardo alle unioni omosessuali, il percorso seguito in questo senso è palese: dapprima sostanziale afasia (non condanno, non approvo: sto in silenzio), poi aperta simpatia. Fra poco, potremmo giungere anche alla formale derubricazione: da (false) unioni basate sul disordine, ad apprezzate espressioni di vera affettività umana, portatrici di bene, amore, stabilità, solidarietà, assistenza ecc. ecc.....  Tutto ciò perché, quanto alle unioni civili, ciò che il mondo approva, lo approvi anche la Chiesa. D'altra parte, non sta avvenendo qualcosa di simile anche quanto ai divorziati civilmente risposati? Se li si ammettesse alla Comunione, non si finirebbe per assentire, insieme al mondo, alla loro "ricerca della felicità", all'idea della "seconda chance", del "rifarsi la vita"? Per chi segue questa linea pastorale, probabilmente S. Paolo avrebbe dovuto impostare la sua predicazione agli aeropagiti in modo da evitarne scrupolosamente il dileggio, e averne solo il consenso. 

E la dottrina? Per questa "opzione di fondo" pastorale, è un bell'impiccio. Che non si risolve modificandola, anche perché l'operazione pare assai complicata (almeno finché ci sarà ancora qualcuno che riesca a far valere il principio di non contraddizione). Molto meglio ignorarla, relegarla nell'ambito se non dell'irrilevante, dell'almeno opinabile, del non decisivo. E additando chi la invoca per sollevare qualche obiezione come ipocrita, farisaico, legalista, spietato ecc. ecc..

Questa, secondo me, è la posizione di mons. Galantino e della corrente di pensiero cui si ispira.

Per questa corrente di pensiero, una manifestazione come il Family Day è davvero una bella grana. "Ma come", potrebbe infatti dire chi la pensa come sopra, "qui ci affatichiamo notte e dì per approvare anche noi la radiosa primavera antiomofoba, che tanto piace alla gente che piace, che è ciò che il mondo approva, e voi scendete in piazza per dire che non ci state? E siete pure tanti, a prescindere dal numero preciso? E ci dite che voi non solo non l'approvate, ma addirittura vi opponete? Vi limitaste alla questione dell'utero in affitto, beh, potemmo anche tollerarlo: non è ancora detto che tutto il mondo lo approvi, forse un po' di flessibilità potremmo permettercela. E vi lasceremmo tranquillamente lottare contro la penuria di asili nido: è una cosa che anche il mondo condanna, ci mancherebbe! Ma le unioni civili, suvvia! Quelle le dobbiamo benedire anche noi, in nome dei diritti! Altrimenti, continueremmo ad essere la Chiesa del no, poco evangelica. Non deve essere il nostro parlare sì sì, e poi ancora sì sì?".

Ecco, questo potrebbe essere il discorso di chi, nella gerarchia, è stato infastidito  dal Family Day. Un discorso col quale verremmo al nodo cruciale, alla scoperta del cuore del problema: quella con cui abbiamo a che fare non è una questione pastorale; con l'atteggiamento di chi ha malvisto il Family Day, a ben vedere, la pastorale c'entra poco. C'entra la fede. O meglio, non c'entra: è la grande assente... Auxilium Christianorum, ora pro nobis.
Enrico Roccagiachini



46 commenti:

  1. ma mons. Galantino ha FEDE ?????? Il Predicatore della Casa Pontificia che è titubante riguardo i temi sulla Madonna , ha FEDE ????????????????? secondo me NO !! pertanto cosa vogliamo aspettarci , lo sfascio c'è e continua ad esserci .......
    preghiamo , preghiamo così da uscire vittoriosi da questa massa di increduli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, già il popolo del Belli si poneva queste domande. Nel sonetto, 'Li cardinali in Cappella' del 1846,osserva:
      Dice che insin ch'è stato monsignore
      Forzi ognuno de loro; Angiolo mio,
      Ha puzzato un tantin de peccatore
      E mò che so Eminenze ? Mò, dich'io
      Saria curioso de legeje in core
      Quanti de quelli lì credono in Dio.

      Elimina
  2. Dagli ultimi eventi e il comportamento dei "pastori" mi sembra che si rafforzi questa visione del quadro della situazione: una Chiesa italiana formata da pochissimi vescovi consapevoli della situazione e fermi, altri completamente venduti al mondo, e una maggioranza di don Abbondio, che stanno al balcone a vedere chi vincerà, per poi salire sul suo carro;
    un Vaticano, poi, ormai in mano ad una potentissima lobby gay, che quindi lascia andare le cose verso questa deriva omosessualista;
    il papa che asseconda questa tendenza e ne fa il gioco.
    Questo mi sembra il quadro, drammatico della situazione odierna.
    Però c'è ancora un popolo cristiano, (e forse è una sorpresa per gli stessi "pastori") che è ancora cattolico, vive nella verità e va avanti con fede, senza scoraggiarsi. il Signore vincerà attraverso questo popolo sano, fedele, determinato, mite e fermo.

    RispondiElimina
  3. Carissimo anonimo delle 08:38, la lobby gay potentissima nel Vaticano c'è stata ai tempi di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI.........ci dimentichiamo cosa ha combinato Giovanni Paolo II con il fondatore dei Legionari di Cristo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci ricordiamo (ma i gay non c'entravano, mi pare). Ma il magistero era di tuutt'altra pasta, tutt'altra: una delle ipocrisie più grandi della chiesa di oggi è l'assurdo accostamento tra l'invocazione a Giovanni Paolo II come santo e la sua continua sconfessione nella pratica e distorsione nella predicazione.

      Elimina
    2. Succede sempre ai Santi purtroppo.....vediamo come è stato travisato Padre Pio...

      Elimina
  4. L'atteggiamento della Gerarchia si spiega con l'accettazione della dottrina della LAICITA' dello Stato, avvenuta col Concilio Vaticano II, dopo quasi due millenni di dottrina contraria. Da lì è iniziata la corsa ad accettare i diritti dell'uomo a tutto campo, come se la verità rivelata valesse solo per i credenti, mentre tace chi dovrebbe difendere con le parole e coi fatti i diritti di Dio. In breve: la più grande violazione del primo comandamento, col rifiuto della piena signoria di Dio su tutte le realtà celesti e terrestri, individuali e sociali. L'albero della fede, così tagliato alla radice, non può più dare frutto. Fortunatamente nel popolo, alieno da calcoli politici, interessi di potere e speculazioni intellettualistiche, rimane ancora un po' di sensus fidei. Preghiamo che non si riduca ulteriormente!
    TEOFILATTO

    RispondiElimina
  5. Vorrei invitarvi alla lettura di questo articolo: http://www.lastampa.it/2016/01/31/vaticaninsider/ita/nel-mondo/la-geopolitica-della-misericordia-secondo-papa-francesco-HccKl2D5MjH26ANyoUVMuN/pagina.html.
    Un po’ di luce in questo blog di tenebre non può che far bene.

    RispondiElimina
  6. La verità è che questi sono solo burocrati, vogliono tenersi le comode poltrone e del resto non importa loro nulla. Riguardo la fede, poi, è solo il mezzo con cui prosperano, per questo ci tengono, alla fede degli altri però perché loro a Cristo non credono più se mai avessero mai creduto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo, a loro interessa il mantenimento dell'8x1000, nient'altro, calcolato fa circa 1 mld. di euro, mica brustoline......ah, la vil pecunia, avidi e corrotti, speriamo in qualcosa di buono dal basso.....

      Elimina
    2. I Vescovi pensano solo ai loro interessi e li chiamano "pastorale".
      Bergoglio invece fa un deserto e lo chiama misericordia.

      Elimina
  7. Epilogo fatale dell'ideologia modernista del 'dialogo' e 'della non condanna', iniziata, con superficiale bonomia da papa Giovanni, canonizzata da Paolo VI con l'Ecclesiam suam', rappresentata nel teatrino di Assisi da GPII, invano ostacolata da papa Benedetto e ora proclamata in piazza da Bergoglio ( chi sono io.....)( E.F.)

    RispondiElimina
  8. Papa Francesco è un uomo di Dio.
    Lo testimonia la sua vita e la fedeltà al Vangelo.
    Lo evidenzia la sua carità, la più grande delle virtù, che lo porta ad amare Dio e il prossimo suo come se stesso (cose che in questo blog, purtroppo, non trovano spazio).
    Auguro, a voi di questo blog, di rendervi conto, alla luce del Vangelo, del grave errore che state commettendo: state diventando persecutori della Chiesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della gerarchia deviata, se vuole, ma non certo del Vangelo che parla chiaro!

      Elimina
    2. Invece è vero.
      Non avete capito che l'incenso e i vostri pizzi e merletti allontanano il diav..ehm la gente dalla Chiesa!
      LA manifestazioni contro i diritti civili dei gay allontanano l'assegno alla CEI.
      Senza la gente ed i soldi mi spiegate voi cosa la Chiesa di Roma ci debba fare con le vostre pianete colorate del c.!

      Elimina
    3. Ovviamente l'Anonimo delle 11,14 scherza.

      Elimina
    4. Per te, caro h.12.22 è sufficiente che venga indossata la sola pianeta nera, gli altri colori li lasciamo a migliori liturgie. Ecco cosa ce ne facciamo delle nostre pianete!

      Elimina
    5. No no ! Lo dica pure: allontanano il diavolo !
      El.

      Elimina
    6. l carità parla chiaro, perchè altrimenti non è carità, la carità dice la verità, altrimenti non è carità, la carità rincuora ed esosrta i buoni cattolici e li infiamma d'amore verso Dio, altrimenti non è carità, la carità riprende i peccatori e chiama peccato il peccato, giudica e condanna il peccato perchè vuole il peccatore salvo. Mi dispiace Anonimo, ma Papa Francesco manca di carità perchè non vuole più dire la verità e lascia peccare i peccatori, li lascia dannare e quel che è peggio permette l'offesa a Dio, quel Dio che ha sacrificato se stesso sulla croce, viene oggi offeso nelle chiese e fuori, senza che il Papa ne abbia compassione, senza che al papa si spacchi il cuore dal dolore di vedere il suo Dio così maltrattato, anzi lui stesso lo offende mettendolo allo stesso piano degli dei e dei demoni delle altre false religioni. Il Papa che perseguita coloro che onorano la Madonna, che prende per i fondelli quelli che sgranano rosari, quelli che fanno figli, quelli che vogliono rimanere cattolici. Il papa che invece di prepararsi per onorare la Madonna nel centenario di Fatima si prepara ad onorare Lutero un assassino di anime e di corpi. Ma scherziamo? Un Papa che non ha una parola di apoggio per le famiglie cattoliche che lottano contro leggi inique, mentre apoggia i leoncavallini, mentre esorta Pannella e la Bonino, due mostri, a continuare il loro lavoro diabolico. Questo papa secondo lei ha carità? Forse è lei che non sa più distinguere la vera carità dal mieloso menefreghismo che impregna la nostra società, dove i deboli (specialmente i bambini) sono oppressi e i malvagi assecondati in ogni loro turpe vizio, con un unico fine, quello di dannare più persone possibili, perchè quelli che oggi il papa non si sente di giudicare (il Papa è tenuto a giudicare sulla Fede e sulla morale, altrimenti va a fare qualcos'altro)se non troveranno chi dice loro la verità, cioè che la sodomia è un peccato che grida vendetta al cospetto di Dio, andranno all'Inferno. Questa non è carità è pura cattiveria.

      Elimina
    7. Buon senso 11:56, ma non ti vergogni di sputare queste calunnie? Impara a dire la verità!

      Elimina
    8. Mi dica: chi perseguita i Francescani dell'Immacolata? Chi ha detto che chi fa più di tre figli è un coniglio? Chi ha messo in discussione con un sinodo l'indissolubilità del matrimonio? Chi ha preso appuntamento per il 31 ottobre con i Luterani per festeggia l'erewtico Lutero? Chi va a dire che ognuno trova Dio in qualsiasi religione (Gesù dunque perchè si è disturbayto a farsi crocifiggere?) chi ha detto dei cattolici che sono degli sgranatori di rosari, come se direw il rosario fosse cosa assurda? Chi tace sui martiri cristiani e va a bracetto con gli aguzzini osannando l'Islam ed il Corano come portatori di pace? Chi ha fatto quel video blasfemo dove Gesù bambino (il crocifisso poteva disturbare troppo gli ebrei) viene messo alla stregua degli altri simboli religiosi? Chi ha scritto ul libro sull'ecologia e parlato del Gesù cosmico e verde? Chi ha affermato: chi sono io per giudicare i gay? Chi ha detto a quei teppisti del Leoncavallo che fanno bene a fare ciò che fanno? chi ha invitato la Bonino, abortista incallita, che ha praticato aborti con le sue stesse mani in vaticano in mezzo ai bambini come se fosse un esempio da seguire? Chi ha detto a Bonino e Pannella di continuare con il loro "prezioso" lavoro (di sterminio del genere umano), chi è tanto contento di farsi intervistare da Repubblica un giornale anticattolico? Chi si rifiuta di benedire i cattolici ad una manifestazione contro una legge mostruosa come la Cirinnà, mentre si dice dispiaciuto per i tranvieri di Roma che purtroppo (a causa naturalmente della gente che è andata a Roma al Family day) hanno dovuto lavorare troppo? E poi l'elenco non finisce, ma sarebbe troppo lungo. Si informi lei caro Anonimo e dica lei la verità, se ancora sa cosa sia.

      Elimina
    9. Chi ha "scassato" ... ? Tu !
      El.

      Elimina
    10. E tu chi sei El per giudicare chi ha "scassato"? Vai e scassati nella fossa delle Marianne, tonto luter.....ano.

      Elimina
    11. Adesso vi ci mettete pure con gli insulti.Basta.
      Io non ci capisco più niente sono nel pallone più completo.
      Qualcuno mi sa spiegare cosa è questo lutero in affitto?A me mi avevano detto che aveva la casa di proprietà con la Von Bora.

      Elimina
    12. Buon senso 13:43. Lei si sente di escludere che il commissariamento dei F.F.I. sia stato reso necessario per problemi interni all'ordine? In base a che cosa trae queste conclusioni? Quando mai, Papa Francesco, ha messo in discussione l'indissolubilità del matrimonio? Quando mai ha criticato le famiglie numerose? Perché, quando lei riporta la frase sui gay, omette la prima parte della risposta di Papa Francesco stravolgendone il significato? Forse perché è un amante della verità? Non mi dilungo oltre, la invito solamente ad amare la verità.

      Elimina
    13. Ma infatti nessuno qui ha detto che Papa Bergoglio è la bestia che viene dal mare ma solo che proviene dall'altra parte dell'Oceano e si esprime male.

      Elimina
    14. X Ano.... 14:58:
      e tu chi sei per giudicare chi giudica chi ha "scassato"?
      Semplice: un super "scassatore" ...
      El.

      Elimina
    15. buon senso ha semplicemente ragione.

      Elimina
    16. Bergoglio è un tragico equivoco. Prima torna nella pampas e meglio è, sparito lui si potrà mandare i vari galantini direttamente coi valdesi e i luterani direttamente in scandinavia a spalare la neve e a pascolare le renne.

      Elimina
    17. Non so anonimo delle 13,43 se le è capitato di sentire qull'incontro, registrato da chi era presente, dove il Papa dice chiaramente ai FFI: "non date la colpa a padre Volpi per la vostra sittuazione, sono io che vi perseguito...." dicendo questo più volte, fintanto che alla fine del discorso ha detto: " è il demonio che vi perseguita...". Inquietante mi pare. Si cerchi sul web il discorso tenuto privatamente ad un gruppo di FFI. Riguardo a mettere in discussione l'indissolubilità del matrimonio, basta il solo fatto di indire un sinodo che parli di questo, come se non fosse già chiaro che il matrimonio è un sacramento insissolubile. Sarà che io ho le travegole, però mi pare di vedere che anche molti sacerdoti abbviano capito da questo sinodo che si può ormai dare la comunione ai divorziati e risposati, visto che lo fanno tranquillamente già in molte parrocchie senza per questo essere ripresi. Poi se anche il Sinodo avesse ribadito l'indissolubilità del matrimonio, lei è al corrente del documento papale che da la possibilità oggi di andare dal proprio vescovo con un'autocertificazione che dice che noi siamo certi che il nostro matrimonio è nullo e diventa nullo detto-fatto? Divorzio breve anche per la Chiesa cattolica? Si informi meglio, legga i documenti che escono dal Vaticano e poi mi dica se non minano per nulla, anzi rafforzino la nostra Fede. Non sono solo le frasi sui gay mozzate che fanno il fatto, sono i gesti pubblici: ospitare coppie gay in vaticano, non per convertirle, ma per far quattro chiacchiere tra amici, come se tutto fosse normale. Anche il silenzio può uccidere caro anonimo. Comunque lei rimanga pur contento di ciò che accade, creda che tutto va bene, che non siano entrati cambiamenti che intaccano la dottrina della Chiesa, che non ci sia una crisi peggiore dell'eresia ariana, in atto, ognuno è libero di illudersi, però le consiglio di informarsi meglio, innazi tutto prendendo in mano un catechismo di S.Pio e si accorgerà che sono cambiate molte cose e la nostra Fede è in pericolo. però se lei non sente, non vede nessuna inconguenza con ciò che i Papi hanno sempre insegnato, con ciò che oggi si fa e si dice, si vede che nessuno le ha mai fatto conoscere la vera dottrina della Chiesa. Si legga il Sillabo di Pio IX dove vengono condannate tutte le idee che oggi vengono invece propagandate come cose buone. Lo sapeva che S.Pio V aveva messo un anatema (scomunica) per tutti coloro che avessero cambiato il suo Messale? Io avrò scassato e me ne scuso, ma era mica per desiderio di offendere nessuno, tanto meno il Papa per il quale c'è da pregare perchè serva come vero Vicario Gesù, avrò scassato, ma lei guardi oltre la tv o senta oltre radio Maria, si informi meglio leggendo la vita dei santi, studiando il catechismo, possibilmente quello di S.Pio X, veda se è cattolico il pregare assieme alle false religioni, scopra se la pace può essere ricercata dialogando con chi odia Gesù, o lo rinnega o se la pace si trova solo sotto il santo nome di Gesù.

      Elimina
    18. Anonimo, non posso dire altro che questo: si cerchi la registrazione fatta ad un'udienza privata del Papa con i FFI e senta cosa dice: "sono io che vi perseguito" detto più volte, per poi terminare con: "è il demonio che vi perseguita". Guardi poi se le pare logico che si istituisca un Sinodo per la famiglia per disutere sull'indissolubilità del matrimonio e sulla comunione ai divorziati risposati. Non ci si può riunire per discutere cose non discutibili: il matrimonio per volere di Dio è un sacrametno inissolubile e pertanto non ci si può divorziare e tanto meno risposare ed è logica conseguenza che prendere l'ostria consacrata in statro di peccato mortale, non è possibile. Seconda cosa, se anche dal Sinodo fossero rimbombati chiari i principi della dottrina cattolica, ci aveva già pensato papa Francesco a minare l'inissolubilità matrimoniale, con un documento uscito prima del sinodo, che permette in concreto ad una persona di recarsi dal proprio vescovo e con un'autocertificazione dire che il proprio matrimonio è nullo. Più semplice di così, persino i politici non sono riusciti a fare un divorzio breve così semplice. Si informi meglio anonmo, ma soprattutto studi il catechismo di S.Pio X e magari si legga il Sillabo di PuoIX che condanna tutte le eresie che oggi invece ci propagandano come cose sacrosante. Si legga la vita dei santi, si formi meglio, veda se nella dottrina cattolica, venga ritenuto mezzo lecito per arrivare alla pace, il dialogo con i nemici di Gesù e con chi lo ripudiano. Veda se nel passato queste riunioni intereligiose, questi baci ai corani, questi inchini ai protestanti, queste riunioni private in vaticano con coppie gay, queste simpatie per divorzisti, abortisti, eutanasisti e il dire come ultima chicca al direttore di Repubblica: "non si converta"siano atti cattolici. Non è per giudicare il Papa, per il quale bisgna pregare, perchè torni ad essere il Vicario di Cristo, ma è che non si può non vedere e sentire e far finta che tutto va bene. Se però a lei da meno dolore far finta di nulla, che tutto procede bene, che non c'è in atto l'eresia peggiore di tutte, chiamata modernismo e denunciata da papi coma S.Pio X e Pio XII, veda lei.

      Elimina
  9. Monsignor Galantino è un professionista.
    E' stato messo in una posizione di rilievo poichè è bravissimo a dire al popolo quello che il popolo vuole sentirsi dire e cioè niente!
    Invece voi beceri tradizionalisti,farisei della parrocchietta, con il vostro latino confondete le idee alla vecchietta che darà i soldi ai maghi e alle fattucchiere e sottrarrà preziose risorse a Sua Santità per il suo progetto di riforma della Chiesa.

    RispondiElimina
  10. Questo blog si trova in una gran brutta strada. Trovate il coraggio di osservare lo spirito che vi anima e cercate di ravvedervi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che è ? La riscossa de ......
      El.

      Elimina
  11. c'è da credere che dentro al vaticano ormai ci siano degli infiltrati nemici di Dio e delle anime, non si può pensare altro di mons Galantino e di molti altri che circolano nell'harem di papa Bergoglio. Hanno in odio tutto ciò che Dio ama, ecco perchè odiano le famiglie naturali. Non so crederanno che il loro mandato sia far carriera, accumulare soldi e consensi tv, forse credono che certi divertimenti peccaminosi che sono entrati anche dentro la Chiesa come fossero cosa naturale (ultimi scandali di pratica omosessuale tra sacerdoti) non saranno puniti. Accecamento, stupidità,ignoranza, malizia diabolica, boh! E' certta una cosa, oggi, specialmente tra i ministri di Dio non può sussistere l'ignoranza invincibile, cioè quell'ignoranza che potevano avere quei popoli che vivevano nella foresta amazonica, o queipopoli pagani che ancora non avevano ricevuto dei missionari. Perciò visto che solo l'ignoranza invincibile può essere in qualche modo perdonata, loro, Galantino, Papa Francesco e prelati vari non hanno nessuna giustificazione, perchè hanno ogni mezzo possibile, per conoscere Dio, amarlo e servirlo (anzi sono tenuti a far questo in misura del loro mandato), ma hanno apostatato. Dunque perchè Galantino è infastidito dl family day? Perchè è un apostata.

    RispondiElimina
  12. Anonimo 11:37, a te che sguazzi nelle menzogne sarebbe salutare ricordare chi ne è il padre.
    Papa Francesco è un uomo e un dono di Dio.
    Chi si mette contro il nostro Papa Francesco, guarda caso, usa l'arma della menzogna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhe diciamo che chi usa l'arma della menzogna usa Papa Francesco.

      Elimina
  13. Oh che parolacce.... Menzogne?! Ma no,per carità, basta ascoltare il telegiornale di tv2000 per aver conferma che purtroppo è tutto vero.

    RispondiElimina
  14. Anonimo 12:50, continui a mentire!

    RispondiElimina
  15. Ma no che non mente, riguarda tv2000 in streaming, vedrai che è tutto vero.....

    RispondiElimina
  16. Caro Papa Francesco,
    siamo tre catechiste della Parrocchia della Madonna del Ponte della Strada.
    Sappiamo che Lei ama gli animali,la natura,i laghi,i fiumi,i ruscelli, gli stagni.
    Due di noi sono lesbiche e l'altra è rimasta incinta di un minorenne spacciatore negro del Congo.
    Volevamo sapere se era meglio l'aborto oppure l'adozione da parte delle altre due di noi con l'unione civile.
    Volevamo chiedere al nostro prete ma lui è polacco,non parla bene l'italiano e adesso si veste da donna pure di giorno.
    Le mandiamo un disegno fatto dai bambini della Parrocchia dove si vede il Papa che parla ai dinosauri.
    Grazie Santità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovevano abortire le vostre mamme.

      Elimina
    2. Dio a volte i Papi c'è li dona, altre volte li tolera, altre ce li infligge. Ci meritiamo questo, forse sarà perchè dobbiamo farci santi?

      Elimina
  17. Non disturbatelo, per favore, che sta girando il suo primo film da co-protagonista nella parte di se stesso, ossia the pop(e)star, lasciate perdere Zalone, questo è meglio, è più comico ancora....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm ma mi sono perso qualcosa?
      Ma non era Nerone quello che mentre Roma bruciava faceva l'attore,dialogava con gli ebrei e perseguitava i cristiani?
      Speriamo non gli venga in mente di crocifiggere Ratzinger a testa in giù!

      Elimina
    2. Ragazzi non mi fate ridere così!!! Grottesco ma perfettamente vero quello che dite!!!!

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.