Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

sabato 16 gennaio 2016

Card. Sarah: Santa Comunione e selfie...


Ecco, dico. E possibile che non se ne siano accorti anche altri loro confratelli o i rispettivi ordinari? Certo che sì, ma tanto che importa... Che sarà mai?
L.


"Sono stato colpito dalla figuraccia di diversi sacerdoti, che nel contesto della concelebrazione della Messa insieme al Santo Padre a conclusione dell'Incontro Mondiale delle Famiglie a Philadelphia, proprio durante la processione per ricevere la Sacra Comunione, si dilettavano a prendere foto o a scattare dei "selfie"."

(Card. Robert Sarah, "La Liturgia salverà il mondo", Radici Cristiane, n. 110, dicembre 2015, pag. 44).

5 commenti:

  1. tutte le frasi ed i titoli pubblicati finora su questo sito , rivolti agli ECCELLENTISSSSSSSSIMI ed ai EMINENTISSSSSSSSSSMI sono ben confermate e meritate , dalle poche parole del Cardinale Sarah , uomo veramente degno di rispetto e con una DIGNITA' .
    se mai gli altri sanno ancora cosa E' e che COSA SIGNIFICA RICEVERLA !!!

    RispondiElimina
  2. Card. Sarah ... ti aspettiamo ! ...

    RispondiElimina
  3. Da tempo sacerdoti scattano foto durante le con(diss)acrazioni papali, visto che non hanno niente da fare che alzare un braccio, ad un certo punto. Altro che 'santo sacrificio'!, è una profanazione!

    RispondiElimina
  4. Il papa nero doveva essere lui altro che l'argentino

    RispondiElimina
  5. Ho visto sacerdoti a Roma (specialmente giapponesi) che anche senza la presenza del Papa, hanno al collo l'immancabile macchinetta e durante la celebrazione, nel luogo in cui si trovano come pellegrini, scattano foto a tutto spiano...non ci sono parole.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione