venerdì 6 novembre 2015

Breaking news: le Francescane dell'Immacolata commissariate, per un puro reato di opinione


Ci sono Ordini religiosi i cui vertici organizzano finte perquisizioni della Guardia di Finanza per truccare le elezioni interne (i Camilliani) o il cui Superiore, insieme ai confratelli, frequentava marchettari cui offriva droga (i Carmelitani scalzi), per non parlare di quelli che trovano normale stuprare i dodicenni (i Salesiani olandesi). Nessuna di queste amabili congregazioni è stato oggetto di commissariamento. Trattamento ben più aspro è invece riservato ai Francescani e alle Francescane dell'Immacolata, ancorché non sia ancora saltato fuori alcun fatto 'pruriginoso': né a sfondo sessuale, né economico (le indagini circa presunte distrazioni si sono arenate: i soldi non erano dei frati, ma di benefattori che, giustamente, sono liberi di non approvare il nuovo corso e di non consegnarli ai Commissari del Popolo inviati dal Vaticano).

Insomma, dopo accurate visite apostoliche palesemente volte a distruggere l'Ordine, alla fine non è apparso nulla di nulla. Ma l'hanno commissariato egualmente, col fine evidente di distruggerlo, come bene ricorda Blondet nell'articolo riportato qui sotto. Le suore sono colpevoli, come plasticamente riconosce il decreto di commissariamento che pubblichiamo in anteprima, solo del capitale delitto di non essere "riuscit(e) ad assimilare adeguatamente ed applicare nel contesto della propria vita e missione apostolica le ricchezze dell'insegnamento conciliare e del successivo magistero papale sulla vita consacrata".

Questo smentisce, per inciso (e non ve n'era nemmeno bisogno!), le insinuazioni raccolte dal Corriere della Sera in merito a pratiche estreme ed innaturali di mortificazione e di obbedienza praticate nell'Ordine. Ora, che i Francescani dell'Immacolata applicassero la clausura e la regola francescana sine glossa (a differenza dei sullodati carmelitani, per esempio), non stentiamo a crederlo. Ma evidentemente senza alcuno di quegli abusi parasessuali che il quotidiano sembra insinuare. State certi che, se ci fosse stata anche solo una parvenza di ciò, il Vaticano ci sarebbe andato a nozze, pur di screditare l'Ordine troppo poco conforme al nuovo corso e alle necessità di 'aggiornamento'.

La morale è sempre quella: sodomizzatevi pure, drogatevi e rubate, ma non toccate il Concilio Vaticano II.

Viva la Chiesa della Misericordia di Papa Francesco!


Enrico


53 commenti:

  1. ---- RINGRAZIAMO LA TRASMISSIONE - LA VITA IN DIRETTA PER AVER DATO VOCE A CHI NON HA VOCE. -------------------------------MA RINGRAZIAMO SOPRATTUTTO - DI CUORE - L'EX SUORA PER IL CORAGGIO E LA GRANDE CARITA' CHE HA AVUTO NEL DIRE LA VERITA'. -------------------------------------------------------------------HA APERTO UNA BRECCIA DI GRANDE VALORE. ------------------------A LEI VA LA NOSTRA IMMENSA AMMIRAZIONE E LA NOSTRA STIMA PER LA SUA PARRESIA CHE TANTE IN QUELL'ISTITUTO DOVREBBERO IMITARE PER IL BENE DI TUTTI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rivendico la mia libertà di considerare le righe scritte dall'anonimo delle 22.27, delle mere battute ironiche.

      Elimina
  2. Anche qua vengono a spammare questi disgustosi congiurati traditori! Andatevene all'inferno dove brucerete per l'eternità!

    RispondiElimina
  3. All'anonimo delle 22.27
    VERGONA! VERGOGNA! VERGOGNA!

    RispondiElimina
  4. All'anonimo 22:27

    http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2015/11/un-ultimo-appello-alla-ragione-contro.html

    http://www.allchristian.it/dinamico.asp?idsez=11&idssez=12&id=57

    RispondiElimina
  5. Lasciare la Medaglia Miracolosa di Maria! Non invocare San Massimiliano Maria Kolbe!
    Bergoglio e' possesso dal diavolo! Non e' Capo della Chiesa!

    RispondiElimina
  6. Che commenti "imbecilli" !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi non sono "commenti imbecilli". Guarda tutto quello che accade nella Chiesa! Ricordo que nell1972 il giorno della Festa di San Pietro al parlare il Papa Paolo VI del fumo di satana nella Chiesa molti come tu lo chiamarono : imbecillle, il Papa ha perduto la testa. Io aveva quindici anni ed era postulante al Convento carmelitano di Caravaca de la Cruz, a Murcia, in Spagna.

      Elimina
    2. Ribadisco il concetto "commenti imbecilli" ... aggiungo: come si sta ad andare a braccetto con i progressisti ? Visto il tempismo ... fini ultimi comuni, vedo ...

      Elimina
    3. Orgoglioso! Umillta', umilta' e' l virtu' che piu' importa! E se insulti posta il tuo nome.
      JOSE RICARDO SIMEON VIVES
      VALENCIA SPAGNA

      Elimina
  7. Copio una domanda che io ho rivolto su chiesaepostconcilio a proposito del medesimo argomento di riflessione : il commissariamento delle Suore Francescane dell'Immacolata.
    "Da due giorni mi chiedo incessantemente : soltano noi stiamo a difendere quelle povere Suore Francescane dell'Immacolata dalla pubblica gogna e dal pubblico ludibrio?
    Possibile che non intervenga alcun Vescovo diocesano, in carica o emerito, nessun Parroco, nessun prete responsabile di un frammento di vita diocesana?
    Queste povere suore, di vita attiva o claustrale, sembrano essere delle "aliene" provenienti da un'astronave e rimaste nascoste chissà in quali riserve.
    Eppure qualsiasi ordine per entrare in una Diocesi abbisognano del permesso dell'Ordinario.
    Come hanno fatto queste "aliene" ad entrare in tante diocesi italiane e straniere?
    Come hanno carpito il permesso dell'Ordinario ?
    Possibile che nessuna Curia, soprattutto dopo diverse denunce ( ci sono state anche durante i pontificati di GPII e BXVI da parte di ex suore o di ex monache) non abbiano mai controllato il rifugio di quelle aliene?
    Oppure quelle aliene facevano parte della struttura diocesana collaborando con gli uffici diocesani?
    L'assordante silenzio dei Vescovi, ordinari e/o emeriti, e dei preti diocesani rendono legittima la domanda che pongo (su chiesaepostconcilio non ha avuto alcuna risposta).
    Premetto che si tratta solo di una domanda senza alcuna venatura polemica.
    Mi chiedo se le Suore, di vita attiva Francescane dell'Immacolata, hanno affiancato ed aiutato SOLO quelle parrocchie e quei santuari retti dall'ordine maschile oppure erano impegnate attivamente nella pastorale ordinaria anche nelle parrocchie "normali" guidate da parroci diocesani.
    Se qualcuno volesse cortesemente ragguagliarmi su questo quesito gliene sarei molto grato.
    Dopo la risposta al mio quesito fiorirà automaticamente anche una seconda domanda : "allora perchè non intervengono a difesa di quelle poverette anche quei vescovi e quei parroci che hanno tratto benefici dall'opera della suore ( catechismo, carità, organizzazioni varie parrocchiali ecc ecc ecc ) ?
    Considerato il "silenzio" delle non-risposte degli amici di chiesaepostconcilio immagino quale sarà la conclusione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è stata risposta evidentemente perché non ce l'abbiamo neppure noi.

      Elimina
    2. E' plausibile che dipenda dall'aria che tira...

      Elimina
    3. Se un Vescovo osasse prendere posizione in difesa delle Nostre, dove pensate lo mandino ? O quanti ausiliari gli "affiancherebbero" ? C'è un clima di minacce neanche tanto velate ...

      Elimina
  8. Aggiungo, per far comprendere meglio il mio quesito : se io dovessi essere accusato di aver commesso un reato alle ore 10,45 di domenica 1 novembre nella piazza del mio paese saranno i miei Superiori che testimonieranno a difesa "Impossibile. A quell'ora Andrea si trovava a suonare la messa da noi..."
    Dovrebbero intervenire a difesa delle Francescane dell'Immacolata soprattutto i Vescovi, in carica o emeriti, e i preti diocesani che hanno usufruito dell'opera ecclesiale delle Suore nel loro territorio diocesano o parrocchiale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I vescovi hanno paura. Siamo in dittatura

      Elimina
    2. Oliveri protestò... ed il coadiutore con pieni poteri arrivò!
      Burke protestò ed a Malta lo esiliò!

      Elimina
  9. Leggete bene il decreto, terzo paragrafo: "a cui non sono estranei altri fattori", e fatevelo spiegare bene da un canonista. In un decreto di commissariamento, che apre a successive indagini, non si nominano esplicitamente possibili comportamenti infamanti per i destinatari, che però ci sono elementi sufficienti per sospettare fondati. E talvolta non lo si dice esplicitamente neanche dopo: vedi Santa Croce in Gerusalemme soppressa per "abusi liturgici"; guardate la vicenda, sinistramente simile se le accuse saranno provate, della Comunità di Villaregia (di tutt'altro orientamento liturgico-ecclesiale). Non fatevi annebbiare dall'ideologia, provvedimenti così non si prendono senza ragione e vengono vagliati a vari livelli di responsabilità.
    don Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dopo due anni e passa di questo andazzo da schifo di questo pontificato io a queste vaccate, mio caro don, non ci credo più. Non ne posso più.Se avete qualcosa da dire ,ditelo e siate chiari.Siate onesti.Ne ho le scatole piene ,ma veramente piene del vostro dire e non dire, delle supercazzole e di tutto il resto. Caro mio, che Cristo perdoni noi per la nostra rabbia, ma a voi vi perdoni per lo schifo che fate e per quello che giustificate filtrando un' inezia ed ingoiando un cammello.... che schifo,che schifo,che schifo....

      Elimina
  10. Non fare battute stupide tipo viva la Chiesa della Misericordia...la situazione delle suore non è così rosea e santa come dici tu

    RispondiElimina
  11. Don Stefano, tu non farti annebbiare dall'anonimato: scrivi con nome, cognome, indirizzo, città, diocesi. Non mi meraviglierebbero interessi di baracca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa ai tuoi interessi di baracca lefebvriana!
      Mi chiamo Gianni e non don Stefano

      Elimina
    2. Bhé Gianni, hai perso un'occasione per startene zitto ! Per sputare sentenze e giudizi a vanvera, senza approfondire chi, come e quando, sono bravi tutti i figli di quella madre sempre incinta ...

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Io mi sono rivolto a chi sopra s'è firmato "DON STEFANO".
      A meno che tu, anonimo 16,45, e don Stefano non siate la stessa persona. Ma, a occhio e croce, direi che tu non hai letto bene ciò che precede. E qui mi fermo perché dovrei, altrimenti, avanzare altre e ben più dure ipotesi.
      E lascia stare i lefebvriani che in questo caso non c'entran proprio

      Elimina
    5. Sì, bravo, fermati, così eviti di dire ulteriori sciocchezze

      Elimina
    6. Ne hai già scritte tante di bischerate, e sei così cieco mentalmente da non riconoscer neppure la differenza tra la tua persona di Gianni senza Pinotto e don Stefano. Quindi continua pure, poveraccio.
      REDAZIONE, i troll sono in azione. Siamo alle solite

      Elimina
    7. Gentile professore, Le rispondo per rispetto. Non mi chiamo Giorgio neppure di quarto nome ... Siccome però sono un religioso e ciò che dico esprime il mio personale pensiero, non aggiungo il resto delle generalità, non voglio coinvolgere il mio Istituto: però mi creda, nessun interesse di bottega, non abbiamo nulla a che fare con I Francescani dell'Immacolata, e nessun particolare apostolato in concorrenza. Solo ho visto da vicino parecchi casi consimili in "nuove" comunità, dove gli ingredienti che fanno scattare i provvedimenti della S. Sede (che non bada all'orientamento ideologico) sono sempre tre (tutti, o uno o due): abuso di autorità (grave), soldi e sesso, spesso, è vero, coperto da fedeltà alla Tradizione. Talvolta la verità è lunga da provare (forse 15 anni per Villaregia, un po' meno per la comunità di Lanuvio ...). I vescovi: non intervengono normalmente su una congregazione di diritto pontificio, perché non ne hanno la veste giuridica (a meno che fatti conclamati non coinvolgano pubblicamente la pastorale ordinaria) e alcuni anche per comodo: i religiosi si possono sempre a tempo debito scaricare ... Nel caso specifico so direttamente di un vescovo che si lamentava (in privato, ovvio) della vita sanitariamente malsana imposta alle suore. Altro nel caso specifico non so. Il mio è solo un invito alla prudenza.
      Questo posso dirle.
      don Stefano

      Elimina

  12. An unbelieving pope further clamps down on Fr. Stefano Manelli F.I
    http://eucharistandmission.blogspot.it/2015/11/an-unbelieving-pope-further-clamps-down.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e torna il sedevacantista in servizio permanente effettivo.

      Elimina
  13. Posso capire la rabbia,ma da qui a voler far intendere che il papa è un indemoniato...per favore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rabbia, no. Il bene delle Anime. E ci sono due Papi. Papa Giovanni Paolo diceva nell 1994 che nella Chiesa non c'e posto per un Papa Emerito. Va bene? Vuol tu sapere piu che il Papa? Benedetto ha dimostrato avere paura.
      Ha lasciato orfane le peccorelle. Si rinunzia non solo all onere, ma anche all onore. Guarda come ha lasciato la Chiesa. La Storia giudichera'.

      Elimina
    2. Benedetto ha solo fatto in modo che nessuno facesse a nome suo quello che non avrebbe potuto evitare per anzianità e condizioni di salute ad essa collegate. Rispetto a 10 anni fa i lupi sono aumentati in numero e in potenza, non avrebbe avuto qualcuno a difendere la dottrina per lui in maniera efficace. La responsabilità è passata a un altro, non sappiamo cosa sarebbe successo se fosse rimasto e altri avessero preso in mano la situazione approfittando delle sue condizioni, con il suo nome e la sua responsabilità però. Invece di giudicare chi proprio non andrebbe messo alla gogna, preghiamo.

      Elimina
    3. Posso capire la rabbia,ma da qui a voler far intendere che il papa è un indemoniato...per favor.
      Ci sarebbe da sperarlo ed augurarglielo. Sarebbe meno responsabile.

      Elimina
  14. che schifo ragazzi !
    Si commissariano l' Ordine dell' Immacolata , con quello che è successo in Vaticano in questi giorni ..... altro che scomuniche ! ...
    S. PIO X ha sporporato per molto meno !!!

    RispondiElimina
  15. .I TRADIZIONALISTI - ANCHE SE HANNO DOTTRINA DIVERSA - SONO TANTO ERETICI QUANTO I MODERNISTI. VOI DIFENDETE AD OCCHI CHIUSI QUELL'ISTITUTO SOLO PERCHE' CELEBRAVANO LA MESSA TRIDENTINA. GLI ABUSI E LO SPORCO CHE ESISTE DIETRO LA FACCIATA - IN QUELL'ISTITUTO - VERRA' COMPLETAMENTE FUORI E NE AVRETE UNO SHOK ANAFILATTICO. ANCHE DECOLLADO - IL FONDATORE DEI LEGIONARI DI CRISTO, DAL 1948 AL 1969 CELEBRAVA LA MESSA TRIDENTINA MA QUESTO NON GLI HA IMPEDITO DI COMMETTESSE ABUSI E NEFANDEZZE. FINALMENTE STANNO VENENDO FUORI TUTTI I PANNI SPORCHI DI QUELL'ISTITUTO, MA SOPRATTUTTO DEL FONDATORE. GLI IMBECILLI SONO QUELLI CHE SI FANNO INGANNARE DELL'IMMAGINE E DALLE APPARENZE CHE MANELLI E' ABILE A COSTRUIRE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi parla di costruzioni! I dossieratori schifosi! Sono anni che stanno costruendo queste porcate! Brucerete all'inferno!

      Elimina
    2. Anonimo delle 17.43, sei ridicolo!

      Elimina
    3. Eretico è chi non segue il Magistero di sempre della Chiesa, la sua Dottrina, chi vuole eliminare l'ordine dei F.I. perché troppo mariani.E io difendo questo Istituto perché conosco frati,suore, fondatori e SO che il veleno che stanno sputando loro addosso non ha fondamento se non nel demonio. Non c'entra la S: Messa tradizionale, bensì la purezza della loro Fede, il loro carisma perfettamente francescano e mariano, che tanto disturba le coscienze di quelli che dovrebbero essere testimoni di Cristo.

      Elimina
  16. Mi sa che quel tale pasqualino scriva in maiuscolo per non farsi riconoscere.

    RispondiElimina
  17. Certo son ridicole le beghe tra anonimi, che tanto ricordano i danteschi "che mai non fur vivi"

    RispondiElimina
  18. Oggi ho assistito alla S. Messa nel Santuario ove fino a ieri c'erano le suore F.I. e che da oggi non ci sono più, causa il commissariamento che di fatto sta facendo chiudere diverse loro case. C'era un senso di vuoto, una tristezza di fondo, anche se il bravo sacerdote ha cercato di ovviare, dissimulando il suo magone. Perché questa vacanza di spiritualità che prima impregnava la vita del Santuario lascia un segno profondo, specie a coloro che sono coscienti dei momenti terribili che sta vivendo la Chiesa Cattolica, sempre più ex-cattolica, sempre più filo protestante. Il caso dei FI, frati e suore, è emblematico. Bergoglio vuole distruggerli perché troppo mariani, troppo ligi alla Dottrina e al Magistero di sempre, troppo lontani dal suo concetto di chiesa universale, acerrimi nemici della teoria della liberazione e della massoneria, insomma ostacolo alle sue mire ... diaboliche ! Silvano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'anonimo delle 21,44 - Voglio solo chiedere un chiarimento: perché queste suore hanno lasciato la loro casa a causa del commissariamento? Con il commissariamento né si chiudono automaticamente le case, né si propone di chiuderle ma solo di di purificare l'Istituto dalle derive sopraggiunte. Trovo strano che solo per il commissariamento che - di fatto - è solo ai primissimi passi, venga chiusa una casa. Gentilmente può darmi una risposta?

      Elimina
  19. Il prossimo regalo di Bergoglio sarà la comunione ai divorziati risposati.Purtroppo il favore interessato dei media ed il carattere autoritario e dispotico lo portano ad un attivismo sfrenato. Attualmente è letteralmente incapace di moderarsi.

    RispondiElimina
  20. ma voi che commentate, siete consapevoli che per queste vostre opinioni sarete presi a mazzate? A mazzate misericordiose, ovviamente....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beati coloro che saranno perseguitati...
      Certo, gli anonimi non corron pericoli di sorta.

      Elimina
  21. Chiedo, per onor di verità, una correzione all'articolo: il carmelitano accusato è uno solo e non è il superiore, ma uno che lavorava in curia; gli altri, al massimo, non avranno preso i giusti provvedimenti, ma non hanno commesso queste cose. E nemmeno li si può accusare di aver voluto coprire, come lasciano intendere giornali e accusatori. Il Card. Vallini si è dissociato dai firmatari della lettera, e ha detto che lo scandalo poteva essere evitato in quanto i superiori avevano già preso provvedimenti.

    RispondiElimina
  22. Non riesco a capire il vero motivo di questa assurda - a mio modesto parere - persecuzione nei confronti dei Fdi (frati e suore è indifferente), perché il discorso CVII lo vedo solo come una scusa! Non capisco perché sia proprio il Papa a perseguire i religiosi e le religiose di quest'ordine che tutto mi sembrano fuorché in dis-comunione con la Chiesa Cattolica e con N.S. Gesù Cristo. Trovo grave il non poter fare riferimento a San Kolbe, ma ancor più grave è il fatto che gli si sia imposto di scucirsi di dosso la medaglietta della Madonna Miracolosa e l'aver chiesto di non fare più riferimento al voto mariano! Io personalmente conosco qualche frate, ed uno è anche il mio confessore, e posso solo dire che mi hanno sempre fatto una ottima impressione e che mai mi è sembrato che sussistessero quelle problematiche delle quali vengono accusati. Prego l'Immacolata Vergine Maria affinché tutto possa risolversi al meglio per i FdI, e che possano tornare ad esercitare le loro funzioni religiose e sacerdotali come hanno fatto sino a poco tempo fa. Viva Gesù, viva Maria!

    RispondiElimina
  23. Non ho visto pubblicato il mio commento... Eppure mi sembra di non aver offeso nessuno!

    RispondiElimina
  24. Come canonista, vorrei chiedere all'anonimo esagitato che scrive tutto in maiuscolo come mai, se c'è tutto questo marcio nei FF.II, ancora non è venuto fuori non dico una prova, ma nemmeno un indizio di tutto quello che lui accusa.
    In oltre due anni e mezzo di commissariamento c'era tutto il tempo di scoperchiare la pentola. E invece non è venuto fuori nulla di tutto quello che dici.
    Mentre altri superiori e altri monsignori, anche in dicasteri importanti, hanno commesso fior di scandali e nulla si è mosso.
    Fate bene a levarvi la Medaglia miracolosa, voi frati ammutinati.

    RispondiElimina
  25. E per favore:
    Sua Eminenza il Cardinale Burke NON È ESILIATO A MALTA !
    Finiamola con questa fesseria.
    È Cardinale Patrono presso il Sovrano Militare Ordine di Malta, a Roma.
    E finalmente non deve più alzarsi alle cinque ogni mattina per lavorare quasi invano.
    Tanto i modernisti il codice lo usano ( quando lo usano) a seconda di come gli fa comodo. E sennò aboliscono i Tribunali in nome della misericordia, massì.

    RispondiElimina
  26. In questo sito si avverte la mancanza di un moderatore generoso nel bannare provocazioni.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.