mercoledì 2 aprile 2014

Notizia importante per Roma!

Prendiamo conoscenza di questa BELLA E IMPORTANTE NOTIZIA  e ne diamo diffusione. 

Il Vicariato di Roma ha concesso a don Mark Haussman di riprendere l'apostolato fondato da Mons. I. Barreiro e che si svolge ormai a San Giuseppe Capo le Case (via Crispino). 


15 commenti:

  1. A parte il fatto che è via Crispi (una traversa di via del Tritone), e che l'apostolato era la Messa tridentina non in orario di parrocchia, e che don Hausmann era sempre stato disponibile a supplire al mons. Barreiro... la "buona notizia" sarebbe che il Vicariato ha generosamente deciso di non sopprimerla?

    RispondiElimina
  2. Ma come mai questa sostituzione dell'ottimo mons. Ignazio Barreiro Carambula, un cui articolo ebbi l'onore d'ospitare in "Una Voce dicentes" qualche anno fa??

    RispondiElimina
  3. Ma come mai questa sostituzione dell'ottimo mons. Ignazio Barreiro Carambula, un cui articolo ebbi l'onore d'ospitare in "Una Voce dicentes" qualche anno fa??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da qualche anno mons. Barreiro non è più in perfetta salute.

      Elimina
  4. La considerazioni che emerge ex corde da questo caso specifico, così pure dall'ottima celebrazione di Domenica scorsa di Mons. Zuppi è omogenieamente improntata nella stessa direzione : il successo e labontà dell'accoglienza della Messa Antica dipendono esclusivamente DA COLUI O DA COLORO CHE NE FANNO RICHIESTA.
    Certo se i richiedenti sono sempre polemici, non riconoscono questo o quello, si presentano con gagliardetti da ultrà ... irriducibili per cercare lo scontro ... cosa ne ricevono in cambio ?
    La stessa cosa dicasi anche nei blog e nei siti ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzo l'irresistibile comicità del commento anonimo qui sopra.

      La Messa tradizionale è un diritto dei fedeli, un diritto troppo a lungo negato (il che spiega l'esistenza e le ragioni delle polemiche).

      Il pregiudizio contro i tradizionalisti, dipinti come "sempre polemici", è fondato sull'odio verso la Messa tradizionale.

      Elimina
  5. Sottoscrivo a piene lettere quanto scritto su, spesso certi gruppi di persone tradi si organizzano come tifosi ultrà, comportandosi non proprio cristianamente, spesso insultandosi tra di loro ed estremizzando le loro posizioni, la messa VO è buona chiunque la celebri, sia un sacerdote diciamo normale, sia uno appartenente a certe ben determinate fraternità, si celebra lo stesso Dio, non ce n'è di 'particolari'......a volte ti fanno pensare a perché tanto astio, forse non se ne rendono neppure conto.....andiamo avanti, il Signore vincerà....

    RispondiElimina
  6. E' significativo che i primissimi commenti a una buona notizia siano sempre scioccamente livorosi come se la notizia fosse cattiva. Il che conferma:

    a) che i peggiori nemici della Tradizione sono certi soggetti autopatentatisi araldi della tradizione medesima, isolati e sterilissimi, ma grazie a internet più visibili di migliaia di brave persone che faticano per la buona battaglia liturgica per amore di Gesù, non di sé stessi

    b) che permettere i commenti sui blog favorisce molto più i perdigiorno che le persone di buon senso

    c) che non ci vuole molto a capire come mai i modernisti abbiano tanto successo a dipingerci come una mandria di spostati: gli basta far leggere i commenti (e spesso gli articoli stessi) che girano su internet

    RispondiElimina
  7. Mi affianco a quanto scritto sopra dagli Anonimi che mi hanno preceduto : il successo delle recenti inziative romane sta a confermare quanto la Tradizione ha bisogno di fedeli che sappiano " sentire cum Ecclesia" e non di individui che vogliono scrivere a mo' di nojoso ritornello sempre le stesse cose ... " La Messa tradizionale è un diritto dei fedeli, un diritto troppo a lungo negato...". Rimarranno soli è inevitabile .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quant'è bravo l'anonimo a scrivere e commentarsi positivamente.

      Elimina
    2. Vogliamo sommessamente ricordare che quel livoroso signore di cui sopra EP e' stato incapace di riconoscere Una vecchia busta postale riciclata attribuendo "Il triste tratto di penna" all'ignaro commissario Volpi subentrato al "triste tratto di penna" solo Una decina di anni dopo ?

      Elimina
  8. Tenho grande e sincera estima tanto por Mons. Ignacio Barreiro Carambola quanto pelo Rev. Pe. Mark Haussman. Faço a ambos dignos sacerdotes meus melhores votos.
    Pe. João Batista de Almeida Prado Ferraz Costa
    Brasil

    RispondiElimina
  9. Tutti possono fare errori ... basta correggerli però ... http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2014/03/quel-triste-tratto-di-penna.html

    RispondiElimina
  10. Un'ottima notizia che profondamente mi rallegra.
    Conservo un ottimo ricordo della celebrazione a S.Giuseppe così come della spiccata Fede ed accoglienza cordialissima della comunità che ivi si raduna, in particolare dei ragazzi di Militia Christi.
    Un trevigiano.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.