mercoledì 6 novembre 2013

Novus Horror Missae: don Spartà "in gonnella" al battesimo della figlia di Carmen Russo

Un lettore ci segnala alcune circostanze tristi, avvenute durante un lieto evento. 
Si tratta del battesimo di Maria, figlia di Carmen Russo e Enzo Paolo Turchi, celebrato lo scorso 19 ottobre 2013, nella parrocchia di S. Lorenzo Martire, a Formello (Rm). 
Siamo lieti per la piccola nuova figlia di Dio, ma inorriditi per quanto andiamo a segnalare. 
Premettiamo, onde calmare i più disincantati tra i lettori, che siamo ben consapevoli che orrori del tipo di quelli che stiamo per dire sono iniziati negli anni '70, e non sono quindi novità dei nostri giorni, ma tristi conferme. Sappiamo pure che al peggio non c'è mai fine... ma ogni volta è una sofferenza tale ci induce a "denunicare" queste cose anche per non abbassare la guardia e non fare cadere questi abusi nell' "indifferente
 accettazione".
Un'altra premessa: alcuni diranno che siamo troppo bacchettoni: a costoro ricordiamo che il momento per i festeggiamenti, le foto di rito, i balletti... sarebbe dovuto essere solo successivo a quello del rito del sacramento e in altro luogo, rispetto alla chiesa.

Tre cose sono da notare e da stigmatizzare:
Innanzi tutto l' "abbigliamento liturgico" del famoso don Santino Spartà, considerato il "parroco" dei Vip, che durante la celebrazione indossava.... tenetevi forte, solo una cotta sopra al clergyman... e quindi senza talare (la cotta si mette sopra la talare) con pantaloni in vista e una stola che arrivava fino ai piedi.


  Secondo: una considerazione... disinvolta (e quindi un uso improprio) del presbiterio, che diviene un palcoscenico per fare foto,  e dell'altare (non più mistico Golgota dove si ripete l'incruento sacrificio della Croce, ma mensa-appoggia-tutto, alla stregua di qualsiasi tavolo Ikea).

 

 

Infine: non poteva mancare l'omaggio ai genitori ballerini: un duo sgambettante, in abiti succinti: ovviamente in chiesta, e bene davanti all'altare.



Una cosa ci consola: il battesimo è valido comunque.

Roberto

22 commenti:

  1. come possiamo stupirci? il Concilio ha desacralizzato lo spazio del culto e svilito la liturgia. Se a tutto cio' aggiungiamo che Bergoglio e' salito al soglio di Pietro.... a breve nelle chiese si ballera' il tango!

    RispondiElimina
  2. Niente in confronto al prete ballerino brianzolo che si esibisce nel corso di una messa nuziale, avendo trasformato la chiesa in discoteca. E' stato trasmesso ad un TG tra mezzogiorno e le 13.

    RispondiElimina
  3. ..devo dire la verità ..appena vi ho conosciuto (come blog) non vi condividevo, per gli "attacchi" al papa ( Bergoglio) che mi aveva molto ben impressionato.....sono passati 9 mesi, ed ho scoperto che la mia era solo ignoranza ...ignoranza derivante da una cattiva o incompleta formazione cattolica ( che si dovrebbe impartire correttamente fin dai primi anni del catechismo) che in questi mesi da autodidatta sto iniziando a colmare . Adesso, mi riscopro a guardare queste immagini del sacerdote , con molto fastidio e timore per quello che sarà....! un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Marika non permettere a nessuno di questi buffoni sculettanti, apostati, eretici e protestanti di mettere in pericolo la tua fede. Curala, proteggila e coltivala, e anche di fronte a tempi bui e difficili come questi non scoraggiarti mai
      perchè Cristo sarà sempre con la vera ed unica chiesa da lui fondata. Il cattolico onora e rispetta il papato in quanto
      istituzione infallibile, ma non rende culto al papa, bensì a Cristo. Il cattolico non è e non può essere papolatrico, la latria è per il cattolico destinata solo a Dio, e ai santi si concede la dulia, l'iperdulia per la vergine immacolata.

      La Chiesa non è del papa, ma di Cristo ed il papa da suo vicario non può pretendere di non rendere
      conto al padrone di casa, anzi egli deve servire la chiesa e non piegarla ai suoi desideri.


      Al Papa va riservato il rispetto dovuto alla sua carica, come pure la carità della correzione fraterna, a maggior stima proprio della sua carica grave ed importantissima.

      Se un papa sbaglia il papato no, se un papa diventa eretico non è il papato a fallire ma l'eretico che smette di essere papa.

      Quindi non temere, le porte degli inferi non prevarranno e a prescindere dal nome del papa di oggi ieri e domani, il papato e e resterà infallibile e i vescovi di roma come vengono se ne vanno. Così è sempre stato, così sarà sempre.

      Studi le retta dottrina e preghi coltivando la fede in Nostro Signore Gesù Cristo Unico Vero Dio, e nella sua regalità sociale perchè solo e vero Re dei Re.

      Bertoldo

      Elimina
  4. Io vorrei sapere questi buffoni, ballerine, soubrette e saltimbanchi e cialtroni (prete compreso) per quale motivo insistono a voler fare scempio della Santa Romana Chiesa e del cattolicesimo quando sono chiaramente protestanti.

    (sarà anche valido il battesimo ma c'è poco da scherzare con questi sacrilegi).

    Polimar

    RispondiElimina
  5. Mi verrebbe da ridere per certe foto ma è molto tragico, ed è brutto dirlo ma ormai io non mi stupisco più di nulla. Mi fa molto dolore vedere una Chiesa ridotta a perseguitare i giusti e a tacere e spesso ad approvare queste funzioni che dicono "accolgono il diverso".... "solidarizzano" "umanizzano" .... (tutte giustificazioni per nascondere la loro vera natura dissacrante)

    La verità la sappiamo, è che il relativismo religioso di oggi imbevuto ben bene a dipendenza del caso di protestantesimo, giansenismo, cristianesimo zen, cristianesimo new age cristianesimo liberal-borghese ecc. è un malaccio tremendo per l'integrità della fede e della Tradizione.

    Ma questi che gliene frega della sacralità ? Sono solo borghesi annoiati e pieni di sé che vivono di apparenza cercando di attirare l'attenzione del pubblico in ogni momento. Conosco gente che sta bene con i soldi, ma che non ha bisogno di fare la vamp o i vips del momento. Questa tendenza a esibirsi è trasversale in ogni classe sociale, colpisce i personaggi famosi, come le classi più agiate ma anche i poveri. Non ci sono più i poveri di una volta! Molti poveri hanno la stessa mentalità di questa gente!!!!! Quindi la povertà di spirito descritta nel Vangelo non è tanto una condizione di povertà materiale ma un modo di vivere timorati di Dio, con semplicità e devozione (devozione espressa da compostezza, senso del sacro e rispetto)

    Cosa ci ha tolto questa Chiesa apostata negli ultimi 50 anni? Proprio il timor di Dio, la semplicità e la devozione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai detto bene,Michele. Questa e' una Chiesa apostata ( papa compreso).

      Elimina
    2. ricordiamoci sempre il"fumo di satana" citato da Paolo VI...oramail il fumo è diventato un incendio, l'abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni. e bergoglio non cel fa scordare nemmeno per un istante

      Elimina
  6. e questo sarebbe invece il famoso "sentire cum ecclesia" per il quale i frati dell'immacolata sono stati commissariati?
    queste porcherie sarebbero invece in accordo con i documenti del VII? ma li hanno letti in Vaticano?

    RispondiElimina
  7. provate a dirlo a certuni, che solo a provare a manifestare perplessita nei confronti di bergoglio e del suo continuo demolire prendono fuoco come cerini bagnati di benzina. occorre restare saldi e se possibile uniti nella vera Fede in Dio, in Cristo, e nella Devozione alla Beata Vergine Immacolata ed alla Santa Chiesa di sempre. non dobbiamo farci intimorire o peggio ipnotizzare dalle falsita o dalle pressioni o minacce che in modo piu o meno esplicito vengono fatte verso i gruppi tradizionalisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non occorre essere Poirot per capire da dove vengano siffatte pressioni...quanti siti/blogger/gruppi "tradizionalisti"i sono fatti convertire come San Paolo sulla via di Damasco da bergoglio e dai suoi corifei?

      Elimina
  8. Intanto un nuovo commissariamento ? http://vaticaninsider.lastampa.it/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/29416/

    RispondiElimina
  9. Posso chiedere una cosa a tutti i commentatori, compreso a Roberto, l'autore dell'articolo? La domanda che sto per farvi la faccio con lo stesso sgomento che avete voi. Intristito, scoraggiato e - perché no? - disgustato come voi. Ma proprio per questo vi faccio la domanda.

    Roberto termina scrivendo: "una cosa ci consola: il Battesimo è valido comunque". Ecco, a me vedendo scene come quelle che avete documentato, mi vengono invece delle crisi di fede atroci. Mi chiedo e vi chiedo: bisogna credere che una cosa del genere abbia davvero lavato la colpa del peccato originale e infuso la Grazia? Lo so, conosco bene il Catechismo, il sacramento ex opere operato, d'accordo...ma vi vorrei rendere partecipe del mio smarrimento. Sarà che ne ho viste troppe, ormai, ma quando vedo una scena di questo tipo ormai mi chiedo sempre: ecco, mettiamo che un bambino battezzato in tal modo disgraziatamente muoia: io cattolicamente devo credere che andrà in Paradiso perché gli è stata trasmessa...cosa? La fede? E invece, un bimbo giapponese morto nello tsunami, incolpevole di non avere il sacramento perché i genitori non hanno mai conosciuto il Vangelo, è andato nel Limbo o comunque si trova in una condizione peggiore di quella del bimbo battezzato ballando e sculettando?

    Vi prego di non fraintendermi, la mia non è una provocazione, ma un vero problema interiore. Io credo fermamente ai Sacramenti, ma quando li vedo amministrati così, da persone di cui dubito seriamente abbiano la fede (sacerdote e genitori), in modalità quasi blasfeme e certamente abusanti, cado nello sconforto. A qualcuno di voi capita mai la stessa cosa? Cosa ne pensate? Grazie. Mario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mario ,sono anche io santamente indignata difronte a questi abusi, non cado nello sconforto perche' Dio vede tutto e sa' tutto! Confidenza in lui e' cio che ci occorre. Non perder tempo a chiederti quesiti ai quali per ora non avremo risposta. Ma Dio sa' il perche' . Preoccupiamoci invece di far ogni giorno riparazione a Dio per I molti affronti che riceve nell'altare, nella sua chiesa...perche' sta' scritto che Sodoma e Gomorra saranno piu' lievemente giudicate il giorno del Giudizio di coloro che hanno avuto la Legge e la sua parola ...ma non l'hanno ascoltata. Anche Pilato e' stato giudicato meno colpevole dei sacerdoti del Sinedrio!

      Elimina
    2. Capisco bene i dubbi dell'anonimo delle 00:06: Questo sacerdote è degno di servire Cristo? Altri lo sarebbero meglio di lui. Ma non dimenticare che non battezza il sacerdote ma Cristo, e perciò il battesimo ( con forma, materia ed intenzione ) è vero.
      Il cristiano guarda alla realtà ( il peccato originale non c'è più ) e non giudica il malcostume del clero.
      Altrimenti cerca la morale e non la salvezza eterna.
      Anche Lutero era scandalizzato dai sacerdoti corrotti dei suoi tempi e li credette per questo indegni ( sbagliando e peccando mortalmente con lo scandalo ).

      Elimina
  10. Il discorso picchia sempre lì: hanno commissariato i Frati Francescani dell'Immacolata esclusivamente perché utilizzano il vecchio Messale e poi si tollerano questi scempi....incredibile....ma verrà un giorno in cui qualcuno pagherà per tutto questo scempio. Non spetta a noi il Giudizio ovviamente ma a Qualcuno molto più in alto....

    RispondiElimina
  11. L'unica cosa che distingue i veri cristiani dai falsi sono le reazioni alle persecuzioni ... che presto arriveranno.

    RispondiElimina
  12. Caro Roberto,ma sei proprio così sicuro che il Rito,quindi il Battesimo,sia valido lo stesso?
    Io ho dei forti dubbi,come credo di averne riguardo le consacrazioni delle messe moderne,,,

    RispondiElimina
  13. Siamo divenuti tutti come una cosa impura
    e come panno immondo sono tutti i nostri atti di giustizia
    tutti siamo avvizziti come foglie,
    le nostre iniquità ci hanno portato via come il vento.

    Nessuno invocava il tuo nome,
    nessuno si riscuoteva per stringersi a te;
    perché tu avevi nascosto da noi il tuo volto,
    ci hai messo in balìa della nostra iniquità.

    Ma, Signore, tu sei nostro padre;
    noi siamo argilla e tu colui che ci dà forma,
    tutti noi siamo opera delle tue mani.

    Signore, non adirarti troppo,
    non ricordarti per sempre dell'iniquità.
    Ecco, guarda: tutti siamo tuo popolo.

    Le tue città sante sono un deserto,
    un deserto è diventata Sion,
    Gerusalemme una desolazione.

    Il nostro tempio, santo e magnifico,
    dove i nostri padri ti hanno lodato,
    è divenuto preda del fuoco;
    tutte le nostre cose preziose sono distrutte.

    Dopo tutto questo, resterai ancora insensibile, o Signore,
    tacerai e ci umilierai sino in fondo?

    (Is 64, 5-11)

    RispondiElimina
  14. il limbo non esiste mario

    RispondiElimina
  15. Mah......che dire...... Tutto questo scandalizzarsi su vesti talari o clergyman o mantelli vari......Sara' nel cuore di Cristo o sara' considerato da Lui ipocrita farisaica farina del maligno che intorta la testa di tanti ingenui?.... Difficile dirlo..... Ma il dubbio resta. Anche perche' con la stessa misericordia che usiamo nel " giudicare" cosi' facilmente saremo giudicati.............. Non dimentichiamolo mai.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.