giovedì 15 agosto 2013

Il soglio di Pietro nuovamente sbeffeggiato: dopo essere stato lasciatovuoto in Aula Nervi, ora addirittura ceduto goliardicamente per unafoto che ha dell'irriverente

"Habemus Papam! ... qui sibi nomen imposuit Lavezzi. " 

I giocatori delle Nazionali di calcio Italia e Argentina accolti in Vaticano all'udienza d Vescovo-di-Roma Francesco (13 agosto 2013). 
Imbarazzante foto di gruppo.... Ma il Papa? Non c'è. Che amarezza... 
Dopo il rifiuto di firmarsi Papa ora Francesco cede il soglio di Pietro per una goliardica e beffarda foto di gruppo... 
Ennesimo gesto che rischia di dissacrare il Papato e il suo Alto e Divino Ruolo. E il brutto è che i più apprezzeranno. 

Un povero ignaro (pare Lavezzi) siede sul Sacro Seggio del Pontefice Massimo incapace di rendersi conto dove si trova; è l'augusto Trono del quale Pio VII rispose ai propri persecutori che gli intimavano di abbandonare il Sacro Principato con la famosa frase 'non possiamo, non dobbiamo, non vogliamo'; egli avrebbe preferito dare il sangue che umiliare il proprio Celeste Ufficio.Oggi quel Sacro Scanno - il più alto che l'umana schiatta possa concepire,perché è lo scanno del Vicario di Dio in terra- è sempre più umiliato e deriso.Che Dio perdoni coloro che offendono la Sacra Dignità e ingannano le anime, a cominciare dai Pastori.

1 commento:

  1. Il soglio di Pietro ha iniziato ad essere sbeffeggiato quando un certo Paolo VI smise la tiara consegnandola ad un suo amico pagano.
    Da allora è iniziato un piano inclinato umanamente inarrestabile.
    Non ci dobbiamo stupire per questa foto, ne vedremo di peggio: è solo la naturale conseguenza di papi che hanno via via sempre di più perso coscienza del loro ruolo e della dignità del papato, che è infinitamente maggiore della loro umile (a volte neanche troppo) persona.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.