martedì 5 marzo 2013

Ecco tutti i cardinali elettori del sucessore di Bendetto XVI

Proponiamo ai nostri lettori il sapiente lavoro preparato (e ragionato) dall'ottimo S. Magister.
Non solo un elenco, ma una presentazione, con incarichi, funzioni, provenienze, che, insieme ad altri fattori qui non compresi, aiutano a meglio conoscere i singoli porporati, e a immaginare le dinamiche delle congregazioni generali e, verosimilmente, del conclave.
Roberto


 Il "Chi è" degli elettori del nuovo Papa
da Diario Vaticano di S. Magister del 05.03.2013



CITTÀ DEL VATICANO, 5 marzo 2013 – Tolti i due che hanno rinunciato a prendere parte al conclave, cioè lo scozzese Keith Michael Patrick O’Brien e il gesuita indonesiano Julius Darmaatmadja, i cardinali che entreranno nella Cappella Sistina per eleggere il successore di Benedetto XVI sono al momento 115.
Eccoli qui di seguito elencati per continente e per nazione, con il luogo di attività di ciascuno, la sigla dell'eventuale ordine religioso di appartenenza, la data di nascita e l'indicazione del papa che ha loro conferito la porpora, Giovanni Paolo II (GP-II) o Benedetto XVI (B-XVI).
E a seguire altre notazioni sui loro ruoli e provenienze.
*

EUROPA – 60 cardinali (37 Benedetto XVI e 23 Giovanni Paolo II)

Italia – 28 (20 B-XVI e 8 GP-II)

AMATO Angelo sdb, curia, 1938 (B-XVI)
ANTONELLI Ennio, ex curia, 1936 (GP-II)
BAGNASCO Angelo, arciv. Genova, 1943 (B-XVI)
BERTELLO Giuseppe, curia, 1942 (B-XVI)
BERTONE Tarcisio sdb, curia, 1934 (GP-II)
BETORI Giuseppe, arciv. Firenze, 1947 (B-XVI)
CAFFARRA Carlo, arciv. Bologna, 1938 (B-XVI)
CALCAGNO Domenico, curia, 1943 (B-XVI)
COCCOPALMERIO Francesco, curia, 1938 (B-XVI)       
COMASTRI Angelo, curia, 1943 (B-XVI)       
DE PAOLIS Velasio cs, ex curia, 1935 (B-XVI) 
FARINA Raffaele sdb, ex curia, 1933 (B-XVI)
FILONI Fernando, curia, 1946 (B-XVI)
LAJOLO Giovanni, ex curia, 1935 (B-XVI)
MONTERISI Francesco, ex curia, 1934 (B-XVI)
NICORA Attilio, curia, 1937 (GP-II)         
PIACENZA Mauro, curia, 1944 (B-XVI)  
POLETTO Severino, arciv. em. Torino, 1933 (GP-II)
RAVASI Gianfranco, curia, 1942 (B-XVI)  
RE Giovanni Battista, ex curia, 1934 (GP-II)
ROMEO Paolo, arciv. Palermo, 1938 (B-XVI)
SARDI Paolo, ex curia, 1934 (B-XVI)
SCOLA Angelo, arciv. Milano, 1941 (GP-II)
SEPE Crescenzio, arciv. Napoli, 1943 (GP-II)
TETTAMANZI Dionigi, arciv. em. Milano, 1934 (GP-II)
VALLINI Agostino, Vicario generale Roma, 1940 (B-XVI)
VEGLIO’ Antonio M., curia, 1938 (B-XVI)
VERSALDI Giuseppe, curia, 1943 (B-XVI)

Germania – 6 (3 B-XVI e 3 GP-II)

CORDES Paul Josef, ex curia, 1934 (B-XVI)   
KASPER Walter, ex curia, 1933 (GP-II)        
LEHMANN Karl, vescovo Magonza, 1936 (GP-II)
MARX Reinhard, arciv. Monaco, 1953 (B-XVI)
MEISNER Joachim, arciv. Colonia, 1933 (GP-II) 
WOELKI Rainer M., arciv. Berlino, 1956 (B-XVI)

Spagna – 5 (3 B-XVI e 2 GP-II)

ABRIL Y CASTELLÓ Santos, curia, 1935 (B-XVI)
AMIGO VALLEJO Carlos ofm, arciv. em. Siviglia, 1934 (GP-II)
CAÑIZARES LLOVERA Antonio, curia, 1945 (B-XVI)
MARTÍNEZ SISTACH Lluís, arciv. Barcelona,1937 (B-XVI)
ROUCO VARELA Antonio María, arciv. Madrid, 1936 (GP-II)

Francia – 4 (2 B-XVI e 2 GP-II)

BARBARIN Philippe, arciv. Lione, 1950 (GP-II)
RICARD Jean-Pierre, arciv. Bordeaux, 1944 (B-XVI)
TAURAN Jean-Louis, curia, 1943 (GP-II)
VINGT-TROIS André, arciv. Parigi, 1942 (B-XVI)

Polonia – 4 (3 B-XVI e 1 GP-II)

DZIWISZ Stanislaw, arciv. Cracovia, 1939 (B-XVI)
GROCHOLEWSKI Zenon, curia, 1939 (GP-II)
NYCZ Kazimierz, arciv. Varsavia, 1950 (B-XVI)
RYLKO Stanislaw, curia, 1945 (B-XVI)

Portogallo – 2 (1 B-XVI e 1 GP-II)

MONTEIRO DE CASTRO Manuel, curia, 1938 (B-XVI)
POLICARPO José da Cruz, Patriarca Lisbona, 1936 (GP-II)

Altri – 11 (5 B-XVI e 6 GP-II)

BACKIS Audrys Juozas, arciv. Vilnius, Lituania, 1937 (GP-II)
BOZANIC Josip, arciv. Zagabria, Croazia, 1949 (GP-II)
BRADY Sean Baptist, arciv, Armagh, Irlanda, 1939 (B-XVI)
DANNEELS Godfried, arciv. em. Bruxelles, Belgio, 1933 (GP-II)
DUKA Dominik op, arciv. Praga, Repubblica Ceca, 1943 (B-XVI)
EIJK Willem Jacobus, arciv. Utrecht, Olanda, 1953 (B-XVI)
ERD? Peter, arciv. Esztergom, Ungheria, 1952 (GP-II)
KOCH Kurt, curia, Svizzera, 1950 (B-XVI)
PULJIC Vinko, arciv. Vrhbosna-Sarajevo, Bosnia, 1945 (GP-II)
RODÉ Franc cm, ex curia, Slovenia, 1934 (B-XVI)
SCHÖNBORN Christoph op, arciv. Vienna, Austria, 1945 (GP-II)


AMERICHE – 33 (17 Benedetto XVI e 16 Giovanni Paolo II)


AMERICA LATINA – 19 (8 B-XVI e 11 GP-II)

Brasile – 5 (3B-XVI e 2 GP-II)

AGNELO Geraldo Majella, arciv. em. São Salvador da Bahia, 1933 (GP-II)
BRAZ DE AVIZ Joao, curia, 1947 (B-XVI)
DAMASCENO ASSIS Raymundo, arciv. Aparecida, 1937 (B-XVI)
HUMMES Cláudio ofm, ex curia, 1934 (GP-II)
SCHERER Odilo Pablo, arciv. São Paulo, 1949 (B-XVI)

Messico – 3 (1 B-XVI e 2 GP-II)

RIVERA CARRERA Norberto, arciv. Mexico, 1942 (GP-II)
SANDOVAL IÑIGUEZ Juan, arciv. em. Guadalajara, 1933 (GP-II)
ROBLES ORTEGA Francisco, arciv Guadalajara, 1949 (B-XVI)

Argentina – 2 (1 B-XVI e 1 GP-II)

BERGOGLIO Jorge Mario sj, arciv. Buenos Aires, 1936 (GP-II)
SANDRI Leonardo, curia, 1943 (B-XVI)

Altri – 9 (3 B-XVI e 6 GP-II)

CIPRIANI THORNE Juan Luis, Opus Dei, arciv. Lima, Perù, 1943 (GP-II)
ERRAZURIZ OSSA Francisco J., Schönstatt, arciv. em. Santiago, Cile, 1933 (GP-II)
LOPEZ-RODRIGUEZ Nicolas de Jesus, arciv. Santo Domingo, 1936 (GP-II)
ORTEGA Y ALAMINO Jaime Lucas, arciv. L'Avana, Cuba, 1936 (GP-II)
RODRIGUEZ MARADIAGA Oscar A. sdb, arciv. Tegucigalpa, Honduras, 1942 (GP-II)
SALAZAR GOMEZ Ruben, arciv. Bogotà, Colombia, 1942 (B-XVI)
TERRAZAS SANDOVAL Julio cssr, arciv. Santa Cruz de la Sierra, Bolivia, 1936 (GP-II)
UROSA SAVINO Jorge Liberato, arciv. Caracas, Venezuela, 1942 (B-XVI)
VELA CHIRIBOGA Raul Eduardo, arciv. em. Quito, Ecuador, 1934 (B-XVI)

NORDAMERICA – 14 (9 B-XVI e 5 GP-II)

Stati Uniti – 11 (8 B-XVI e 3 GP-II)

BURKE Raymond Leo, curia, 1948 (B-XVI)      
DINARDO Daniel Nicholas, arciv. Galveston-Houston, 1949 (B-XVI)
DOLAN Timothy Michael, arciv. New York, 1950 (B-XVI)
GEORGE Eugene Francis omi, arciv. Chicago, 1937 (GP-II)
HARVEY James Michael, curia, 1949 (B-XVI)
LEVADA William Joseph, ex curia, 1936 (B-XVI)
MAHONY Roger Michael, arciv. em. Los Angeles, 1936 (GP-II)
O’BRIEN Edwin Frederick, curia, 1939 (B-XVI)
O'MALLEY Sean Patrick ofm cap, arciv. Boston, 1944 (B-XVI)
RIGALI Justin Francis, arciv. em. Philadelphia, 1935 (GP-II)
WUERL Donald William, arciv. Washington DC, 1940 (B-XVI)

Canada – 3 (1 B-XVI e 2 GP-II)

COLLINS Thomas Christopher, arciv. Toronto, 1947 (B-XVI)
OUELLET Marc pss, curia, 1944 (GP-II)
TURCOTTE Jean-Claude, arciv. em. Montreal, 1936 (GP-II)


AFRICA – 11 (6 Benedetto XVI e 5 Giovanni Paolo II) 

 Nigeria – 2 (1 B-XVI e 1 GP-II)

OKOGIE Anthony Olubunmi, arciv. Lagos, 1936 (GP-II)
ONAIYEKAN John Olorunfemi, arciv. Abuja, 1944 (B-XVI)

Altri – 9 (5 B-XVI e 4 GP-II)

MONSENGWO PASINYA Laurent, arciv. Kinshasa, RD Congo, 1939 (B-XVI)
NAGUIB Antonios, Patriarca em. Alessandria dei Copti, Egitto, 1935 (B-XVI)
NAPIER Wilfrid Fox ofm, arciv. Durban, Sudafrica, 1941 (GP-II)
NJUE John, arciv. Nairobi, Kenya, 1944 (B-XVI)
PENGO Polycarp, Dar es Salaam, Tanzania, 1944 (GP-II)
SARAH Robert, curia, Guinea, 1945 (B-XVI)
SARR Theodore-Adrien, arciv. Dakar, Senegal, 1936 (B-XVI)
TURKSON Peter Kodwo Appiah, arciv. Cape Coast, Ghana, 1948 (GP-II)
ZUBEIR WAKO Gabriel, arciv. Khartoum, Sudan, 1941 (GP-II)


ASIA 10 (7 Benedetto XVI e e 3 Giovanni Paolo II)

India – 5 (3 BVI e 2 (GP-II)

ALENCHERRY George, Arciv. maggiore Ernakulam dei Malankaresi, 1945 (B-XVI)
DIAS Ivan, ex curia, 1936 (GP-II)
GRACIAS Oswald, arciv. Bombay, 1944 (B-XVI)
THOTTUNKAL Baselios Cleemis, Arciv. maggiore Trivandrum dei Malankaresi, 1959 (B-XVI)
TOPPO Telesphore Placidus, arciv. Ranchi, 1939 (GP-II)

Altri – 5 (4 B-XVI e 1 GP-II)

PATABENDIGE DON A. M. Ranjith, arciv. Colombo, Sri Lanka, 1947 (B-XVI)
PHAM MINH MAN Jean-Baptiste, arciv. Ho Chi Minh, Vietnam, 1934 (GP-II)
RAI Bechara Boutros, Patriarca Antiochia dei Maroniti, Libano, 1940 (B-XVI)
TAGLE Luis Antonio, arciv. Manila, Filippine, 1957 (B-XVI)
TONG HON John, vescovo Hong Kong, Cina, 1939 (B-XVI)


OCEANIA - 1 (Giovanni Paolo II)

PELL George, arciv. Sydney, Australia, 1941 (GP-II)
*

Non al conclave ma alle congregazioni generali che lo precedono possono partecipare anche i cardinali ultraottantenni. All'inizio della sede vacante costoro erano 90, di cui 52 europei (21 gli italiani), 11 latinoamericani (4 i brasiliani), 8 nordamericani (tutti dagli Stati Uniti), 9 asiatici, 7 africani e 3 dall’Oceania.
Una curiosità: entrerà in conclave anche il cardinale tedesco Kasper, che ha compiuto ottant'anni il 4 marzo. Con la normativa precedente a quella emanata da Giovanni Paolo II nel 1996 non vi sarebbe stato ammesso.

*

Sono 19 i cardinali appartenenti ad ordini religiosi che parteciperanno al conclave (15 sono gli ultraottantenni).
I più numerosi sono i salesiani con 4 cardinali: Amato, Bertone, Farina, Rodriguez Maradiaga. Seguono i frati minori francescani con 3: Amigo Vallejo, Hummes, Napier. I domenicani ne hanno 2: Schonborn e Duka. Un solo cardinale elettore avranno poi i gesuiti (Bergoglio), i lazzaristi (Rodé), i redentoristi (Terrazas), i cappuccini (O’Malley), gli oblati (George), i sulpiziani (Ouellet) e i membri dell’Istituto di Schönstatt (Errazuriz Ossa).
Il collegio degli elettori del papa comprende anche un membro dell’Opus Dei (Cipriani Thorne), un esponente storico di Comunione e Liberazione (Scola) almeno un paio di amici del movimento dei Focolari (Antonelli e Braz de Aviz). Fortemente simpatizzanti dei Neocatecumenali sono invece Filoni, Cordes e Cañizares. Vicino al movimento carismatico è Dias.

*

Sono 40 i cardinali elettori che lavorano o hanno finito il loro "cursus honorum" ecclesiastico in curia o in altri uffici romani.
Gli italiani sono 19, dei quali 13 in attività (Amato, Bertello, Bertone, Calcagno, Coccopalmerio, Comastri, Filoni, Nicora, Piacenza, Ravasi, Sardi, Vegliò e Versaldi) e 6 in pensione (Antonelli, De Paolis, Farina, Lajolo, Monterisi, Re).
Gli statunitensi sono 4 (3 in attività – Burke, Harvey e O’Brien – e il pensionato Levada). Gli spagnoli sono 2 (Cañizares, Abril y Castelló) e altrettanti i polacchi (Grocholewski e Rylko), tutti i attività. Sono 2 anche tedeschi, ma entrambi in pensione: Cordes e Kasper.
Dall’America latina vengono l’argentino Sandri e il brasiliano Braz de Aviz (in attività) e l’altro brasiliano Hummes (in pensione).
Dall’Europa vengono il francese Tauran, il portoghese Monteiro e lo svizzero Koch – tutti in attività – e il pensionato Rodé, sloveno.
Sono curiali africani, in attività, il ghanese Turkson e il guineano Sarah. Curiale in attività è anche il canadese Ouellet, mentre è pensionato l’indiano Dias.
Di questi 40, la metà hanno avuto esperienza pastorale come vescovi: Antonelli, Bertone, Calcagno, Coccopalmerio, Comastri, Nicora, Versaldi, Kasper, Rodé, Canizares Llovera, Koch, Hummes, Braz de Aviz, Burke, Levada, O’Brien, Ouellet, Dias, Turkson e Sarah.
Mentre tra i cardinali ora a capo di una diocesi che hanno avuto in precedenza incarichi di responsabilità in Vaticano ci sono Sepe, Vallini, Dziwisz, Backis, Agnelo, Hummes, Errazuriz Ossa, Rigali, Patabendige Don. Hanno poi lavorato a lungo in curia, ma come officiali, anche Scherer, Wuerl e DiNardo.

*

Infine ecco i 16 porporati  elettori che provengono dalla diplomazia pontificia. Sono: Bertello, Filoni, Lajolo, Monterisi, Re, Romeo, Sepe, Vegliò, Tauran, Abril y Castelló, Monteiro de Castro, Backis, Sandri, Harvey, Rigali, Dias.
Il cardinale Sardi poi, pur non avendo frequentato la pontificia accademia ecclesiastica, acquisì la qualifica di nunzio apostolico, con i benefici annessi, quando, da responsabile dell'ufficio dei "ghost writer" pontifici, venne
promosso arcivescovo da Giovanni Paolo II

54 commenti:

  1. Un pò di colore: notavo che Turkson si chiama Pietro, così anche Erdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pietro II...

      Elimina
    2. Sono 5 che si chiamano Pietro : Tarcisio Pietro Bertone,Ricard Jean-Pierre,RAI Bechara Boutros,Turkson Peter ,Erdo Peter

      Elimina
  2. Oggi su La Stampa leggo di un 1/2 endorsement di Ruini per Erdo e O'Malley, mentre Bagnasco punterebbe su Coccopalmerio (!).


    La posizione di Ruini mi fa pensare, pensavo che la "vecchia guardia" fosse piu' per uno Scola.....mah vedremo.

    RispondiElimina
  3. Secondo me sarà eletto Scola ma O Malley mi piacerebbe molto è un uomo pregevole.

    Sono d'accordo con chi ha detto che con questo Papa dimissionario si chiude il Concilio di Trento credo che chi sarà eletto,sarà un Papa ordinato Sacerdote dopo il Concilio Vaticano II.

    Sono convinto che mi attirerò le antipatie di questo blog ma ritengo che progressivamente sul Summorum Pontificum sarà abbandonato o modificato in senso restrittivo.Credo che non accadrà subito,per rispetto al Papa emerito, ma sono convinto che,con il tempo e la scomparsa di J.Ratzinger,si andrà incontro ad una restrizione del 'uso del Messale promulgato da Pio V.Credo che si ritornerà a quanto prevedeva il motu proprio promulgato da G.P.II limitando a gruppi ristratti e che danno garanzia di ortodossia e adesione piena al Magistero del Vaticano II.

    Del resto gli interessati alla Messa Tridentina sono pochissimi e in questi anni non abbiamo assistito ad una corsa a questa Messa,come forse qualcuno sperava.Quelli che erano interessati prima lo sono anche adesso ma la maggior parte dei Cattolici è rimasta del tutto fredda.

    Non credo ci sarà alcuna riforma della riforma della liturgia.Mi chiedo cosa faranno liturgisti come Don Nicola Bux nel caso la linea del nuovo Papa non collimi con quello precedente.Che farà dopo che in questi anni si è sbilnciato troppo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo più o meno su tutto.
      Per quanto riguarda il quesito su Bux è la domanda fondamentale che ci coinvolge tutti e che molti, credo, hanno già cominciato a farsi.
      Io l'ho fatto e, per quello che mi riguarda, alla fine dei giochi io abito in una zona equidistante sia da Roma sia da Albano.
      Non so dove risiede Bux, ma un priorato dovrebbe comunque trovarlo.
      E saremo una marea, non possiamo lasciarci sfuggire l'invito latente che il Papa emerito ci ha fatto ripetutamente in questi anni.
      Quando il dito indica la luna, solo lo stupido continua a guardare il dito. Ecco il perché delle sue dimissioni.

      Elimina
  4. Purché cattolico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cattolico, Casto e Coerente

      Elimina
    2. Detesto le ridondanze: cattolico sufficit

      Elimina
    3. Cattolico, casto, coerente e conciliare!

      Elimina
  5. Signore, fa che abbiamo la forza di accettare il Papa che tu sceglierai per guidare la nostra Chiesa. Ti prego, dacci la forza di accettare il futuro Papa, chiunque esso sia, anche se si fa chiamare Milva e gira in reggicalze. Dona a noi la fede. Amen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Signore dacci la forza di perdonare le stupidaggini scritte da anonimo delle 14.08 e soprattutto dona alla Tua Chiesa un Papa che non si faccia chiamare Milva e NON giri in reggicalze, ma difenda con chiarezza e tenacia la FEDE CATTOLICA espressa con chiarezza dal Magistero Tradizionale della Chiesa Cattolica Apostolica Romana, come hanno fatto per tanti secoli numerosi Pontefici santi, come San Pio V e il Beato Pio IX , San Pio X ed i due ottimi Pii del Ventesimo Secolo, Papa Ratti e Papa Pacelli!

      Elimina
  6. Ti contraddici, anonimo delle 12.43: il Summorum pontificum non interessa quasi a nessuno e ci si muoverà per eliminarlo? E' il contrario, semmai: se lo si vorrà togliere di mezzo sarà perché dà fastidio, e se dà fastidio non è certo perché è stato accolto con indifferenza. Non è solo una questione di numeri bruti. I fedeli non hanno tutti lo stesso peso specifico.

    RispondiElimina
  7. Ti sei dimenticato il Beato Giovanni Paolo II. ma era solo una distrazione, nevvero ?

    RispondiElimina
  8. Intanto preghiamo che esca Burke o Ranjith!

    RispondiElimina
  9. O'Malley mi sembrerebbe il più adatto: sicura dottrina, umile, ha dimostrato polso di ferro con i collaboratori ambigui e non ha esitato a buttarli fuori e fare pulizia. Con l'aria che tira a Roma sarebbe ottimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente uno che fa pulizia e butta fuori chi non si comporta secondo il ruolo richiesto!

      Elimina
  10. "Burke o Ranjit", bisogna essere realisti, in Conclave sotto la loro lunghezza d'onda non ce ne sono. Gli unici due che c'erano (Arinze e Castrillon) sono fuori per limiti di eta', chi li votera'?

    Che poi avete visto gli americani, vanno in giro in blocco, ma Burke e' come se non ci fosse, il passo lo portano Dolan e Wuerl e non credo proprio che spenderanno lo loro influenza "continentale" per Leo Burke.


    Prendetela per un gioco, tanto di piu' non vale e nemmeno vuole valere, ma alla fine il discorso e' semplice, se "vincono" gli italiani avremo Scola, se "vincono" gli americani O'Malley.......mediazione Schirer o Erdo.

    Sorpresa: Sandri o Piacenza

    RispondiElimina
  11. Chi mi sa dare due spiegazioni ?
    1) Perché il gesuita indonesiano Julius Darmaatmadja, ha rinunciato ?
    2)perché al n. 64 del Motu Proprio è prescritto che a ogni cardinale siano consegnate due o tre schede, e non soltanto na come mi sembrerebbe logico ?

    RispondiElimina
  12. Sono d'accordissimo con gli anonimi delle 15.47 e 15.45:
    Burke
    Ranjith
    O'Malley
    Preghiamo per loro

    RispondiElimina
  13. Nell'ordine: O'Alley, Erdo, Scola, Scherer. Piacenza è bravo ma è curiale.
    Burke e Ranjit prenderanno un voto ciascuno: l'uno dell'altro!

    RispondiElimina
  14. Non ci sperate in Burke e ranjit. O'Malley non sarebbe davvero male a pensarci.

    RispondiElimina
  15. STA' STORIA CHE BURKE SAREBBE "IMPOSSIBILE" MI FA RIDERE!


    Intanto a roma in queste ore oltre ai cardinali e' pieno di capisetta a "conciliabolare", A TRAMARE NELL'OMBRA SATANICA!

    E il famoso popolo sommurum che fa'?! 'ndo sta'?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prega e fa penitenza. Siamo in Quaresima.

      Elimina
    2. Di quali capisetta parli? E cosa fanno?

      Elimina
  16. Francesco B.5 marzo 2013 17:37

    Sono abbastanza convinto che sarà eletto un italiano. Un pontefice italiano, in quanto nato e vissuto nel recinto di Roma, è l'unico a poter fornire una garanzia di equidistanza rispetto agli interessi delle varie potenze e inoltre tutti i cardinali riconoscono che gli italiani sono i più preparati e i più saggi, checchè se ne dica circa vatileaks e compagnia cantante.
    Ci vuole una persona che conosca bene la mentalità, il temperamento e la lingua italiana: i papi stranieri hanno dimostrato di avere dei limiti, primo fra tutti la difficoltà ed esprimersi decentemente in lingua italiana (sia Woytjla sia Ratzinger spesso non si riusciva neppure a capire quello che dicevano, visto che entrambi avevano la tendenza a mangiarsi le parole. Quando si cambia lingua in età avanzata, è molto difficile assimilarla bene). Inoltre, Ratzinger era stato eletto non in quanto tedesco, ma in quanto abitante a Roma da 24 anni, per cui si poteva tranquillamente definire un italiano aquisito.
    Per quanto riguarda i nomi, ritengo che coloro che hanno più possibilità di essere eletti, sono, in ordine: Scola, Ravasi, Bagnasco, Piacenza, Moraglia (quest'ultimo non è cardinale formalmente ma è quasi come se lo fosse e raccoglie le simpatie di Piacenza, Bagnasco, Bertone e del maestro Guido Marini, con cui è stato allevato nella covata del cardinal Siri).
    Nessuna possibilità per gli americani del nord e del sud, nè per africani e asiatici. Gli europei non italiani, a mio avviso, non sono sufficientemente preparati nè equilibrati e hanno tutti tendenze troppo marcatamente progressiste per essere considerati affidabili e adatti a conservare nel tempo la dottrina e i costumi cattolici (O'Brien è soltanto la punta dell'iceberg, ma quasi tutti gli europei sono sulla stessa linea d'ombra, compresi spagnoli e portoghesi. Policarpo, ad esempio, si è apertamente dichiarato a favore del sacerdozio femminile!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà un Papa italiano!

      Elimina
    2. Francesco non condivido del tutto, a favore di un Papa italiano gioca il fatto che il collegio cardinalizio e' composto soprattutto da curiali, a prescindere dalla nazionalita', vale a dire gente che vive a Roma.

      Ma in giro per il mondo, l'irritazione appare abbastanza marcata per la piega che hanno preso i pettegolezzi curiali, ed in generale la governance della Santa Sede.

      Oltre a questo c'e' il tema delle sfide: la Cina, l'Africa in crescita ma dottrinalmente a zero, il pentecostalismo panamericano, l'insubordinazione nordeuropea, gli scandali sessuali etc.

      Scola andrebbe benissimo, voglio dire anche in termini di "fisicita'", ma ho l'impressione che alla fine la scelta cadra' su di un americano (inteso come continente), le parole di Ruini, se non sono una sorta di "melina" per tenere coperto il candidato "buono", sono indicative.

      Elimina
    3. Francesco B.5 marzo 2013 19:05

      Non sono d'accordo, Lucio. Come spiegheremmo al mondo che la superpotenza americana, ora, avrebbe contemporaneamente, oltre al potentissimo presidente federale che ha in mano le sorti del mondo, anche il capo supremo della chiesa cattolica? Non credi che l'America potrebbe dare l'impressione di voler dominare il mondo e di incarnare un imperialismo spinto al limite estremo? No, è assolutamente improbabile, se non impossibile, che il mondo possa accettare un papa statunitense e i cardinali americani lo sanno benissimo. Tant'è vero che il cardinale Wuerl ha detto chiaramente che un papa americano sarebbe non opportuno e non auspicabile "per varie ragioni". Così come sarebbe inopportuno un papa francese, inglese, brasiliano e indiano, cioè un papa che appartenga ad una delle grandi potenze mondiali: non sarebbe credibile. No, è necessario che venga eletto un uomo che non sia assolutamente ambizioso, cioè uno che non cerchi per sè il papato, solo così può essere credibile agli occhi del mondo. E mi pare che proprio i cardinali italiani stiano dimostrando, in questi giorni, di non essere nè ambiziosi nè di voler cercare un papa per il proprio orgoglio nazionale (la caratteristica degli italiani è proprio quella di non essere affatto nazionalisti, come invece lo sono i francesi e gli americani). Proprio per questo verrà eletto con ogni probabilità un italiano, cioè un uomo super-partes e al di sopra di ogni interesse nazionale.

      Elimina
    4. Peccato solo che... dei cardinali italiano nessuno sia adatto al papato! Si parla di Scola, ma Scola è solo un professore: non è un pastore (rara è la sua presenza alle celebrazioni, quasi sempre sostituito da ausiliari, mentre costante è la sua partecipazione a seminari di studi e conferenze), non è un uomo di governo (a Venezia si era perfino fatto nominare un ausiliario pur di poter continuare i suoi studi) e non è un liturgista (le sue celebrazioni non brillano affatto). E' un professore.

      Bagnasco, benché provenga dalla fucina del cardinale Siri, non ha neanche un po' lo stesso pugno di ferro del delfino di Pio XII. Ha provato, come presidente della CEI, a seguire le orme del suo predecessore Ruini, ma con scarsi e incolori risultati. Non è neanche un uomo di governo, e, nella sua diocesi, il clero è un po' all'anarchia (vedi i vari don Gallo, don Seppia, don Farinella, eccetera).

      Di Ravasi non parlo nemmeno: alcune sue posizioni teologiche non sono nemmeno cattoliche, particolare che ha suscitato ampie prese di distanze anche all'interno del Sacro Collegio, tali da rendergli totalmente impossibile l'elezione.

      Piacenza è un curiale, buon prete ma sconosciuto. Moraglia, purtroppo, non è cardinale. E' vero che non è necessaria la porpora per essere eletti papa, ma è da secoli che il Collegio Cardinalizio sceglie, tradizionalmente, il nuovo eletto fra le proprie file. Inoltre dubito fortemente che i cardinali si umilierebbero al punto da ritenersi tutti indegni fino a eleggere un non cardinale.

      Elimina
    5. Anche Benedetto XVI era solo un teologo, non adatto al papato, ma quante cose ha fatto per la Chiesa come Papa!

      Elimina
    6. Ratzinger era un teologo, un curiale, un liturgista, un ex pastore (era stato arcivescovo di Monaco)... L'unica sua "pecca" era non essere un uomo di governo (e infatti si vide fin da subito). Per il resto, Ratzinger aveva le qualità che a Scola mancano.

      Elimina
    7. Fortunatamente, per buona pace di tutti, il nuovo Papa sara' delka Chiesa Cattolica, quindi Universale e non solo dell'Italia.
      Mi auguro, a dispetto vostro, che sia un Sant'Uomo straniero che non parli bene l'italiano, tanto da farvi ritorcete le budella ogni volta che lo sentiate parlare al mondo intero.

      Elimina
    8. Placet anonimo 10:28. Un uomo SANTO!

      Elimina
  17. Francesco B.5 marzo 2013 18:19

    Gli unici non italiani che, a mio avviso, hanno qualche piccola chance di essere eletti sono il canadese Oullet e l'austriaco Schonborn. Il primo perchè ha esperienza di Curia (anche se breve) ed è considerato abbastanza equilibrato. Il secondo in quanto proveniente da un paese confinante con l'Italia, è di nobili origini e parla l'italiano molto bene. Inoltre è arcivescovo di Vienna da lunga data, per cui ha molta esperienza pastorale. Il suo limite è quello di essere un ratzingeriano di sinistra (come Oullet) e di aver avuto, in passato, alcune aperture progressiste un pò troppo spinte o spregiudicate (ad esempio è considerato troppo accondiscendente con i ribelli di "Noi siamo chiesa") e anche riguardo all'etica sessuale e al matrimonio dei preti non è mai stato sufficientemente intransigente.
    Riguardo al Summorum Pontificum e alla cosiddetta riforma della riforma sono anch'io dell'avviso che siano entrambi largamente sottovalutati dagli attuali membri del Sacro Collegio, cioè non presi sufficientemente sul serio. D'altronde, Ratzinger non è mai stato incisivo ed efficace nel far trasparire l'importanza vitale e paradigmatica di queste due questioni: il mondo non l'ha dunque percepita. Temo anch'io che il Summorum Pontificum, col tempo, possa subire dlle correzioni di tipo restrittivo. E temo anche che il prossimo Papa, a meno che non sarà un Piacenza, un Bagnasco o un Moraglia (cioè qualcuno della scuola di Siri), non capirà nè l'urgenza della riforma della riforma, nè l'importanza di rispettare gli accorgimenti celabrativi ratzingeriani (comunione in ginocchio, crocifisso e candelieri sull'altare, ecc...). In questo senso, sarà basilare la scelta del prossimo papa circa il tenersi o meno come cerimoniere mons. Guido Marini, un fedele interprete della liturgia ratzingeriana.

    RispondiElimina
  18. Anonimo di 12:43,
    Le dimissioni di questo Papa no chiudono il Concillio di Trento ma dimostrano il fallimento del modello montiniano-woytiliano - corotto e ambiguo. Il Papa ha provato di coreggerlo in qualche modo pero era troppo mite, insicuro e le macavano le forze . Senza un ritorno alla tradizione millenaria non ce futuro per la Chiesa. Presto o tardi Il nostro Signore trovera il modo e le persone adatte per realizzare questo ritorno. Da altra parte il Summorum con tutti i suoi difetti e gia diventato una "magna charta libertatum" per noi tradizionalisti che abbiamo gia sentito il gusto della Liturgia di Sempre e ogni tentativo di tornare allo status quo precedente sara impossibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il clero corrotto, ambiguo e peccatore deve essere estromesso.

      Elimina
  19. Scusate, ma Bertone non è il camerlengo? e se non sbaglio il camerlengo non può essere eletto nè parteciapre al conclave, e perchè è presente in questa lista?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dove l'hai pescata questa? Ti sbagli di grosso!

      Elimina
    2. Angeli e Deomni!

      Elimina
  20. Burke è stato rovinato proprio dai tradizionalisti, per questo non sarà mai papa. Si è ritrovato (suo malgrado) imbrigliato in gruppi di fanatici "paramentofili" che lo hanno ridotto, agli occhi dei fedeli e dei suoi confratelli cardinali, solo ad un porporato ambulante specializzato in riti antichi, nient'altro.

    O'Malley aveva ereditato una diocesi in difficoltà, quella di Boston, ed è riusciuto a trasformarla in una diocesi disastrata, arrivando a svendere persino le parrocchie. Impossibile le sua elezione a papa.

    Idem per Schonborn, che ricevette un'Austria difficile e la rese una nazione quasi completamente scristianizzata, tenuta sotto scacco da protestanti e da gruppi di "laici impegnati" pseudocattolici che fanno il bello e il cattivo tempo. Anche per lui, realisticamente le possibilità di elezione sono zero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltretutto, O'Malley non conosce una parola di italiano.

      Elimina
    2. Per O'Malley rovesci la frittata. Ha ricevuto una diocesi agonizzante a causa dei vari scandali di pedofilia, ha venduto l'episcopio e altri beni per pagare i danni e ricominciare da capo. Ha fatto pulizia dei preti colpevoli, e adesso la sua diocesi sta ricominciando a vivere, le vocazioni sono in aumento e la pratica religiosa ricomincia, dopo che tantissimi avevano abbandonato la Chiesa a causa degli scandali. Se poi non parla italiano: macchisenefrega.

      Elimina
    3. Se ha cacciato preti omosessuali e colpevoli di condotte sessuali riprovevoli merita di essere papa O'Malley!

      Elimina
    4. Non mi interessa che sia italino o no.
      Mi augoro che chiunque esso sia, dimostri di essere all'altezza con l'esempio e con i fatti.
      Spero sia un Sant'uomo e basta!!!

      Elimina
    5. Placet anonimo 10:39

      Elimina
  21. Grazie mille !ben fatto meglio dell'elenco del sito della Santa Sede 10 e lode.
    Per quello dell Santa Sede in ordine alfabetico voto 3 meno meno.

    RispondiElimina
  22. Sono giunto in questo in questo sito per sbaglio... Tra i vari commenti ho letto alcune "tirate" reazionarie allucinanti! Se, come temo, la maggior parte dei cardinali la pensa come questi, siamo messi male...

    RispondiElimina
  23. Ma quanto siete stupidi, tardi e duri di cuore, a fare tutte queste parole vane... sarà eletto questo, sarà eletto l'altro, perché ha queste doti, perché ha detto così, perché ha fatto cosà, perché mi piace a me, perché ti piace a te... Ma finitela, ammasso di bambini capricciosi e ignoranti! Sarà eletto chi sarà scelto e voluto dallo Spirito Santo. E se non sarà così: allora sarà peggio per tutta la Chiesa e per il mondo!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.