lunedì 11 marzo 2013

Al card. Scherer cade un'ostia a terra e...


Ieri i cardinali elettori hanno celebrato la S. Messa nelle rispettive chiese titolari. Dei due porporati che stanno per entrar papi in conclave, ossia Scola e Scherer (col rischio di bloccarsi a vicenda, come Siri e Benelli nel '78) ci hanno colpito alcune cose delle loro liturgie.

Iniziamo da Scherer, il candidato dei progressisti e dei marpioni di Curia. Manco a dirlo, un modus celebrandi sciatto e al limite dell'abuso giuridico. Ad esempio, la distribuzione della comunione senza il piattino, che pur sarebbe obbligatorio anche secondo le rubriche del novus ordo e che, perlomeno quando officia un principe della Chiesa - cui non mancano certo i ministranti - non v'è motivo di omettere.

E le omissioni hanno conseguenze: un'ostia consacrata è scivolata di mano al presule, e in assenza di piattino è caduta a terra. Il cardinale si è limitato a raccoglierla, ma nulla più. Eppure, in questi casi, si dovrebbe detergere il pavimento ove l'ostia è caduta con un purificatoio, anziché lasciar calpestare come se nulla fosse il suolo dove, inevitabilmente, sono rimasti frammenti del Corpo del Signore.

Per quanto concerne il cardinale Scola dobbiamo segnalare una mancanza, seppur veniale: possibile che in una chiesa di Roma non si trovassero paramenti rosacei (era infatti la domenica Laetare), anziché quella casula viola riluccicante come di brillantini? Per inciso, impeccabile invece quel simpaticone del card. Dolan, tutto in rosa come una caramella extralarge.

Ma tant'è. Scola si è riscattato con questo passaggio della sua omelia: "preghiamo perché lo Spirito Santo offra alla sua Chiesa l'uomo che possa condurla sulle orme segnate dai grandi pontefici degli ultimi 150 anni". Centocinquanta, si noti, non cinquant'anni. Esisteva qualcosa di buono anche prima del Concilio, ha implicitamente detto il card. Scola; una discreta ma inequivoca adesione all'ermeneutica della continuità predicata da Benedetto XVI. Centocinquantanni: facendo due conti, anche Pio IX è quindi della partita dei 'grandi pontefici'. Il che, nonostante la beatificazione di papa Mastai Ferretti, è tutt'altro che assodato nell'opinione di molti ecclesiastici.

Enrico

Ecco le immagini di Scherer. Sulla musica liturgica, velo pietoso

 

125 commenti:

  1. Deduzione ovvia:
    il card. Scherer non crede alla Presenza Reale di Cristo nelle Sacre Specie, altrimenti avrebbe un diverso atteggiamento di sacro rispetto, (nonchè adorazione obbligata, come sapevamo nei 1930 anni pre-cv2).
    Come tutti i NC. Dunque c'entra eccome la sua spiccata simpatia per il kikianesimo, checchè ne dicesse chi minizzava il problema

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Compreende-se imediatamente como não têm conhecimento mínimo da pessoa e da missão de Dom Odilo Pedro Scherer, Cardeal da Igreja. Que pena!!!

      Elimina
  2. Scola lo abbiamo avuto qui a Venezia per parecchi anni. Carrierista, politicante, parolaio, inesistente come pastore e comunicatore. Un disastro. Spero che lo Spirito Santo soffi nella direzione giusta: Sean Patrick O' Malley

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scola è un ottimo comunicatore, sarebbe perfette come prossimo Papa!

      Elimina
    2. Ottimo comunicatore? Ha il potere di rendere cervellotico anche il concetto più semplice. Un vuoto parolaio.

      Elimina
    3. pero' ha il vantaggio di sostuitire il valium...quindi un sicuro risparmio per chi ha disturbi del sonno...basta leggere le sue omelie

      Elimina
  3. Già nel solo "tragitto" tra le mani del sacerdote alla bocca del comunicando c'è una dispersione di microparticelle dell'ostia, dobbiamo purificare ogni volta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non si tratta di maniacalità ma di segni di devozione.

      E' ovvio che anche con il piattino si perdono microframmenti ma il segno stesso del piattino e la cura con cui si cerca di evitare la caduta a terra della Particola è simbolo forte della devozione verso il vero Corpo di Cristo.

      Basterebbe maneggiare l'Ostia come si fa con una Reliquia.. Qualcuno si immagina cosa accadrebbe se scivolasse dalle mani di Sepe l'ampolla con il sangue di San Gennaro e cadesse a terra???

      La simbologia è il segno significante della liturgia.

      andrea s.

      Elimina
    2. L'ampolla del sangue di S.Gennaro andrebbe analizzata con tutto il contenuto, questa non è devozione, è ignoranza e superstizione.

      Elimina
    3. Immagino allora sia superstizione anche la presenza reale di Cristo nell'Ostia consacrata.
      temo che con analisi chimiche risulti essere pane per i non credenti!

      andrea s.

      Elimina
    4. Sono cose completamente diverse e lo sai benissimo.

      Elimina
    5. @ il novo

      palesemente ignorante, figlio del CICAP che pretende di dar spiegazioni dall'alto della sua ignoranza. Chi l'ha detto che il Sangue dell' Ampolla di S. Gennaro non sia stato analizzato?

      Certo che se a farlo vi son scienziati del "calibro" Tucson Arizona e Company, autori le analisi al C14 sulla Sacra Sindone, possiamo dormire tranquilli.... povero trollino logorroico..fossi almeno simpatico, invece sei portatore di molta crassa ignoranza.

      Elimina
  4. Prima di parlare informatevi su cosa dice il Messale in proposito: "OGMR 280: Se un’ostia o una particola scivolasse via, si raccolga con rispetto; se poi si versasse qualche goccia del Sangue del Signore, si lavi il luogo con acqua, e l’acqua si versi nel sacrario che si trova in sagrestia."
    Quindi si "deterge" il pavimento solo nel caso che sia il sacratissimo Sangue a cadere. Per il Corpo di cristo è previsto soltanto di raccoglierlo con rispetto.
    Quindi non è Scherer che non crede alla presenza reale, è l'anonimo delle 7:15 che è ignorante e non capisce un tubo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E meno male che saremmo noi, i rubricisti ottusi ! Se la rubrica moderna del Messale moderno è insufficiente, guardiamo l'esempio dei santi, o comunque dei sacerdoti pii, e poi sappiatemi dire se una Sacra Particola in terra è da trattare come le briciole per i cagnolini.

      Elimina
    2. Caro leodavinci purtroppo di sacerdoti santi oggi ce ne sono pochi, tanti sono invece interessati a peccare senza vergogna. Poi non ci lamentiamo se il diffuso malcostume dei sacerdoti porta a queste eresie. Se la base dei preti non è santa non possiamo pretendere che i vescovi e cardinali lo siano. I preti devono tornare ad essere santi se vogliamo che la Chiesa risorga!

      Elimina
    3. Caro leodavinci, è indegno accusare un cardinale di S.R.C. di non credere alla Presenza Reale dando ad intendere che non segue le rubriche del Messale quando questo è FALSO.

      Elimina
    4. Ma chi lo decide che una rubrica è insufficiente? Voi laici tradizional-feticisti? Montate casi assurdi per piccolezze, può capire a tutti quanto accaduto all'Eminentissimo. Il piattino non è obbligatorio nel Novus Ordo. Come al solito siete i peggio, all'Ecclesia Dei ridono a lacrime quando arrivano le vostre proteste irreali, del tipo "non ha usato il campanello", "la casuala era corta", ecc... E peggio voi disprezzate il sacerdozio, perché i preti che raggirate in realtà vi servono solo per garantirvi la transustanziazione, il resto del carnevale ve lo gestite voi. Siete l'effetto collaterale del Motu Proprio: laici molesti che hanno creato una tradizione artificiale... E questo velo dice non un prete NeoCat ma uno che dice tutti i giorni e solo la Messa di Sempre!

      Elimina
    5. Io parlo solo per me, e solo per queste righe. Non allargo il discorso a nessun genere di categoria universale. Voglio solo dirti, che a me, un'Ostia Consacrata, non sembra "una piccolezza".

      Elimina
    6. un'ostia consacrata non è una piccolezza, ma insinuare che siccome per sbaglio una è caduta un cardinale non crede alla presenza reale è ridicolo. Ti sei qualificato da solo, solito maniaco tradizional-feticista privo di umanità e con seri problemi col mondo reale.

      Elimina
    7. Strano, la stessa cosa non la insinua in qualche modo anche Enrico? Anche lui maniaco?

      Elimina
    8. Tu l'hai detto.

      Elimina
  5. o Scola <--> o O'Malley ?
    =
    o padella <--> o brace

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Pelè o Maradona?

      Elimina
    2. Zoff... non vorrei che ci accusassero di profanare il conclave! Sento puzza di rogo...

      Elimina
  7. Risposte
    1. Milva rimane la migliore...

      Elimina
    2. Burke sembra una maschera di carnevale, con i suoi strascichi chilometrici. E' folkloristico.

      Elimina
    3. caro anonimo delle 11:19 tu non capisci: quelo strascico server per risparmiare sulle imprese di pulizie...siamo in tempi tìdi austerity e allora va bene anche quel cencio per pulire i pavimenti

      Elimina
  8. Enrico, sei di fuori comme un terrazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vattene via, radicato nella fece.

      Elimina
    2. Perchè radicato nella fece? Che roba brutta.

      Elimina
  9. Il Signore sceglierà la guida per la sua Chiesa. Chiunque sia sarà la guida di Dio.

    RispondiElimina
  10. Queste panzane liturgiche, questo pressapochismo , sono indegni di un blog che si vorrebbe difensore della vera liturgia. Nascondetevi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vatti a nascondere tu, anonimo 10:11!

      Elimina
  11. nei 150 anni ci stanno in pieno anche San Pio X e Pio XII.

    RispondiElimina
  12. Sono meravigliato della pochezza degli argomenti che squalificano questo blog. Quelle evidenziate sono quisquglie se si pensa che cardinali come Ravasi mettono im dubbio la veridicità e storicità dei vangeli e preefetti di congregazioni (es Dottrina della Fede) non credono alla preenza reale , alla verginità della Madonna ed alla resurrezione. Giovanni Paolo II e Benedetto sembra abbiano fatto a gare per riempire il "sacro" collegio di eretici, ignoranti ed agnostici. D'altra parte a dare il colpo di grazia al Papato ci ha pensato Ratzinger : Che cosa ci dobbiamo aspettare per il nuovo papa espressione di quella congrega, Che il Signore abbia pietà di noi. Kirie eleison. BARBARUS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente hai ragione ma, a maggior ragione, adesso è meglio rallentare i ritmi editoriali ed incrementare il raccoglimento e la preghiera. Strillare dai blog non credo servirebbe a molto.
      Solidarietà a Enrico e alla redazione, nessuno vi costringe su queste pagine.

      Elimina
    2. BARBARUS non è necessario che tu frequenti questo blog se lo trovi così scadente. Purtroppo quelli come te minacciano solo l'abbandono ma poi sono sempre qui ad infastidire. Apri un tuo blog, magari con gli altri criticoni, e vedremo il successo che avrai: molto più realisticamente creerai l'ennesimo microblog filo-sedevacantista dove i soliti quattro gatti ( per lo più nostalgici e falliti) si danno ragione a vicenda...

      Elimina
    3. @ il novo

      spiegami caro che cosa è per te filo sedevacantista, visto che in nessun commento ho letto pensieri sedevacantisti, dimostri una tale ignoranza che parli solo per slogan preconcetti, frutto della tua diabolica eresia modernista, la salamoia alla candeggina ti farebbe un gran bene.

      Elimina
  13. Interessante, ma avrei evitato di scrivere "tutto in rosa come una caramella extralarge." Oremus

    RispondiElimina
  14. Cerimoniere Ambrosiano11 marzo 2013 10:49

    Vorrei far notare all'estensore del post, che forse è competente nel rito romano, ma non sa che Sua Eminenza il Card. Scola è il "Caporito" del Rito Ambrosiano. Come lei sa nel Rito Ambrosiano non si conosce il colore rosaceo nella IV domenica di Quaresima, ma si usa sempre il morello (un viola particolare). Il colore rosaceo, tra l'altro, è facoltativo pure nel rito romano. Quindi, probabilmente, il Card. Scola non ha voluto un colore completamente estraneo alla tradizione da cui proviene e per giunta non obbligatorio nel rito in cui celebrava ieri.
    Come lei comunque saprà, tra l'altro, i sacerdoti cattolici di qualunque rito, quando celebrano o concelebrano in un altro rito, ritengono comunque le vesti del proprio rito.
    Distinti saluti.

    RispondiElimina
  15. Il tocco descrittivo "tutto in rosa" è una noticina scenografica di colore simpatica, che "smitizza la kermesse....
    Invece è vero che la questione centrale URGENTE, è quella del dilagare di eresie e apostasie nel clero, relativismo imperante, che non rassicura.
    Piaghe ultradecennali, MAI curate, ma aggravate per colpa dei medici "pietosi" (> perniciosa "medicina della misericordia=tutto vaben, vietato-vietare ecc.)che hanno portato il Malato all'agonia finale.
    Le falle della Barca si stanno allargando, con buona pace di chi dice "tutto OK madama...."
    Una frana che prosegue rapidissima, dopo il colpo di grazia dell'11 febbraio: concordo don Barbarus.
    Inutile illudersi con le belle parole di facciata: tutti i prelati e pastori dicono di volere il "bene della Chiesa"; ma il problema è: il clero alto e basso di OGGI, che cosa intende con questa frase ? sono le stesse cose di ieri ?
    In tempi di relativismo imperante ciò che era male ieri diventa bene oggi e viceversa (ad es. pensare ai vescovi pro-pillola killer).
    Tempo di togliersi gli occhiali rosa.
    Il Vangelo ci invita al realismo : "Non chi mi dice Signore Signore..."

    RispondiElimina
  16. Meno male che c'è qualcun altro che la pensa come me. Fate solo RIDERE, chiudette questo INUTILE BLOG Siete solo FOLLI. Mi faccio sempre tre risate quando entro i questo sito. Meno male che avete le ore contate.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu invece vivrai in eterno? Dalla rabbia che schiumi non si direbbe che ti fai qualche risata! Non riversare le tue frustrazioni sugli altri, prega e medita.

      Elimina
    2. e tu chi sei per dispensare questi consigli "prega e medita"? Sarai di nuovo Il Borbone? Ma trovati un ragazze e non riversare sulla gente i tuoi problemi!

      Elimina
    3. *un ragazzo

      Elimina
    4. Anche omofobico, sei proprio un concentrato di frustrazioni. OK, NON pregare e NON meditare! Alla fine un fallito sarà sempre un fallito.

      Elimina
    5. ahahahaha "omofobico"?????????????????????????????? Ahahahahahahahahahahahah sei pazza

      Elimina
    6. IL NUOVO vatti a cercare qualcuno da amare (RAGAZZA O RAGAZZO NON IMPORTA) e non perdere tempo con queste stupidaggini o questioni pseudoreligiose che col Vangelo non hanno niente a che vedere. Ah, all'anima zelante che mi ha consigliato la preghiera dico che lo faccio ogni giorno con la Liturgia delle Ore, ed è proprio il confronto col Vangelo e la Preghiera che mi ma capire quanto siete FOLLI e come siate un male per la Chiesa. AVETE LE ORE CONTATE!!!

      Elimina
  17. sul serio ,siete veramente folli , temo che il preconclave vi stia dando alla testa ,questo è fariseismo allo stato puro ,e voi pretendereste di conquistare i giovani cosi??!!!, va' bene la devozione ma questo è ritualismo e basta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vai a dedicarti ai tuoi rituali tre minuti di onanismo.

      Elimina
    2. con questo tono ti ci rivolgi a qualcun'altro ,sarai uno di quelli che viene vedendo i camici in pizzo ,quindi taci

      Elimina
  18. Nel momento stesso in cui il Card. Scola afferma che:
    "preghiamo perché lo Spirito Santo offra alla sua Chiesa l'uomo che possa condurla sulle orme segnate dai grandi pontefici degli ultimi 150 anni"...
    ... allude si alla questione terribile dell'ermeneutica della continuità ma anche a quella della rottura. Infatti vi è rottura con i Papi prima di Pio IX!

    In sostanza tra continuità e rottura l'unico che ha veramente "rotto" (ci ha rotto!) è lui!
    Povera Chiesa!

    RispondiElimina
  19. E perchè dovremmo avere le ore contatte? Anzi credo che d'ora in poi ci sarà necessità di una critica sincera e di un costante pungolo. Dinanzi al nemico non si fugge ma si deve affinare l'arte della lotta e la strategia. Siamo cattololici apostolici romani e tali vogliamo restare. Le avversità ci fortificano perchè crediamo in Cristo che è via, verità e vita. Crediamo nel suo Vangelo al di là di interessate interpretazioni che quel tale o tal'altro biblista vorrebbe ammannirci. Basta con la collegialità. Il Papa ritorni ad essere il depositario delle chiavi, il successore di Pietro al quale soltanto furono affidate, il Vicario di nostro Signor Gesù Cristo ed il dolce Cristo in terra al quale TUTTI debbano filiale obbedienza. Se non si tornerà a questo verranno tempi bui in cui in nome dell'ecumenismo e del volemose bene verrà fatto d'ogni erba un fascio. Tu quando ci leggi ti fai tre risate, a me viene solo da piangere per la tua pochezza di spirito e di interlletto. BARBARUS.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, certo, salvo poi criticarlo da tutte le parti quando non agisce come voi vorreste!

      Elimina
    2. Ancora qui BARBARUS? Attento che possiamo contagiarti con la pochezza dei nostri argomenti!

      Elimina
    3. Perchè siete tanti frustrati. Inviterei questi "INTELLETTUALI" della Chiesa a venire nelle periferie delle città del sud e a raccontare queste frottole alla gente. Vediamo che vi rispondono. Continuo a dirlo: SIETE FOLLI!!!

      Elimina
  20. E' ben difficile!!!

    RispondiElimina
  21. Cosa ne pensa Scola delle riunioni di Assisi? Delle visite in moschea? Delle visite in sinagoga? Della libertà religiosa? Della collegialità ecc.... ?
    Come al solito attenti al colore del paramento e ad una frasetta, ma ciechi davanti a tutto il resto....

    RispondiElimina
  22. Ma qui abbiamo iniziato una campagna elettorale dichiarata... pazzia!!! Mi è sempre piaciuto il blog, ma in questi ultimi giorni ci sono state delle pubblicazioni veramente insane e fuori della realtà come questa che sta a insinuare che il card. Scola sia così tanto bravo!!! Non che sia a favore di Scherer...

    RispondiElimina
  23. sulle orme segnate dai grandi pontefici degli ultimi 150 anni"...


    150 = perchè ?
    non capisco perchè non si vogliono ricordare i papi di 1900 anni,a partire da San Pietro I Martire, e vedendo bene quelli che furono FEDELI CUSTODI DEL DEPOSITUM, e magari prendendo a modello i PAPI SANTI e/o martiri ;
    sicchè, S. Leone I non conta nulla ?
    S. Gregorio VII non merita di essere venerato e seguito? (oggi che ce ne vorrebbe uno come lui!)

    E S. Pio V, secondo Scola, non ha nessun merito e nessun valore agli occhi dei cattolici di oggi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un discorso tortuoso che rischia di portarci tutti in un ginepraio.
      Non possiamo sapere con certezza perché abbia detto 150 e non 200, ad esempio.
      Certamente era un'allusione alla ermeneutica della continuità, e questo è un segno importante soprattutto per gli altri cardinali elettori, con lui ci sarebbe continuità sul piano dottrinale con Benedetto XVI. E' in se una informazione fondamentale.
      Poi il perché abbia detto 150 potrebbe dipendere da tante cose:
      1- Se avesse detto 2000 anni sarebbe stata una indicazione troppo generica che sarebbe passata inosservata ai più, quasi ovvia direi anche se oggi come oggi abbiamo imparato a nostre spese che nulla più è ovvio.
      2- forse è una segnale bivalente, significativo anche sul piano politico, considerate che sono da poco passati 150 anni dalla predazione savoiarda, pardon dall'unità d'Italia. Da questo punto di vista la dichiarazione di Scola avrebbe anche un valore sulla politica italiana, come a dire che lui non creerebbe problemi con lo stato italiano.

      In definitiva il suo messaggio potrebbe essere visto come un'assicurazione di stabilità a 360 gradi, come anche una naturale vocazione al cerchiobottismo.

      Questo non sta a me valutarlo, dipende da quelle che sono le tendenze di ciascuno di noi.

      In ogni caso, penso sia inutile eccedere nella dietrologia, anche se rimane una dichiarazione molto pesante e spero e credo in senso buono.

      Elimina
  24. Da quanto e' stata reinserita la possibilita' di commentare si svolgono discussioni da bar dello Sport se non peggio... botte-e-risposte alle quali stavolta mi sottraggo perche' mi sembrano infruttuose.

    E' una guerra fra le varie frangie del Tradizionalismo, con l'aggiunta dei soliti Troll ipermodernisti... io mi chiamo fuori, ma se mi cercate sono su facebook con tanto di nome e cognome: Davide Carollo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Davide, a presto.

      Elimina
  25. sentite, secondo me è una dichiarazione di buon auspicio.
    Cerchiamo di non vedere sempre tutto al negativo.
    150 significa che c'è garanzia di continuità, la discontinuità è stata individuata in concomitanza con il secondo concilio vaticano, da questo punto di vista possiamo stare tranquilli, almeno a livello di dichiarazioni.
    Nessuno si è mai sognato di dubitare della continuità tra Leone XIII e S. Pio X, non vedo perché porsi ora il problema.
    Scola questo lo sa e da buon comunicatore ha fatto intendere che tutelerà sia la dottrina sia i rapporti con il mondo della politica.
    Poi se dobbiamo ridiscutere anche sull'unità d'Italia allora alzo le mani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. W il regno delle due sicilie!!!!
      A noi non interessa il colore della pelle del papa, come non interessa la cittadinanza. Fosse pure italiota!!!
      A noi interessa che sia ispirato dallo Spirito Santo e che faccia gli interessi di Cristo.
      Gli Italioti queste cose non le capiranno mai!!!!
      Queste inutili discussioni servono solo ad Enrico che ha problemi con il suo cervello.
      Quanto a "il nuovo" dico che mi ritrovo a pensarla allo stesso modo. Dico anche che Barbarus ha detto per la prima volta una cosa che reputo giusta. Cambiate nome a questo blog! Chiamatelo SCANNATOIO, oppure MISTIFICATOIO o ancora meglio RING.
      Messa in latino, per gli argomenti proposti da Enrico, mi sembra fuori luogo.

      Elimina
  26. Scola è stato l'unico cardinale, tra quelli che ho visto ieri in televisione, a celebrar messa indossando l'amitto. Anch' esso sarebbe obbligatorio nel novus ordo. Il problema è che quasi nessuno lo usa più, neppure i principi della Chiesa. E' dai piccoli dettagli che si può notare la grnandezza di un uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cioè da un amitto??? Ah ah ah ah ah ah ecco il tradizionalismo malato che non si smentisce mai

      Elimina
    2. C'è poco da ridere. Non sarebbe meglio scoprire che cos'è?

      L’amitto - un panno di lino rettangolare munito di due fettucce che si appoggia prima un attimo sul capo in quanto rappresenta «l’elmo della salvezza», poi vien posto sulle spalle, si fa aderire al collo e infine si lega attorno alla vita. Deriva dal fazzoletto che la nobiltà romana teneva per riparare la gola. Indica anche la castigatio vocis, cioè la mortificazione della parola, che deve proteggere colui che lo porta dalle tentazioni del demonio.
      Il sacerdote, mentre lo indossa, come per ogni altra veste liturgica, prega e si prepara...

      Elimina
    3. C'è chi c'ha l'amitto e chi fa l'emancipato col tamburello.
      Io preferisco l'amitto.

      Elimina
    4. ma ragazze vi pare che uno può essere qualificato "tradizionalista" solo perché ha l'amitto?? Ma è un discorso assurdo

      Elimina
  27. Su come oggi si crede nella Presenza Reale.

    Ieri S.Messa al campo sulla cima del monte Musinè: celebrante solo in camice e stola dal colore indefinito, no prime e seconda lettura, ma solo Vangelo e salmo letti entrembi da laici, no Credo, nel Canone inserita una preghiera responsoriale.
    Consacrazione non di ostie ma di normale pane bianco che alla comunione è stato messo su delle ciotole da cui ognuno si serviva, con il celebrante in dispate; questi è stato poi per fortuna scruploso nel "piluccare" le briciole avanzate; al che una signora dietro di me fa: "ma lasciamole agli uccellini le briciole" ed io, paonazzo, "ma è mica pane, anche se sembra, è corpo di Cristo!". Sono stato guardato come un marziano verde con le antennine.
    Naturalmente dopo tutti a lodare la cerimonia, sentita, partecipata, viva, etc.

    Guidotorinese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allucinante, non riesco a crederci ... .

      Elimina
  28. ma non c'è un priorato dalle tue parti?

    RispondiElimina
  29. O'Malley non conosce una parola di italiano. Vescovo di Roma che non conosce la lingua del suo gregge? Impossibile per lui diventare papa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlerà in latino.....

      Elimina
    2. Bene. Almeno cosi' lo comprendera' il resto del mondo.
      Cristo parlava in aramaico e non si e' posto il problema della lingua usata.
      Se poi il Santo Padre volesse farci la gentilezza di parlare anche in italiano. . . . sarebbe gradito!
      Quanti inutili problemi tirate fuori dal vostro inutile cervello.

      Elimina
    3. Ma che problema è questo? Cerchiamo di esser seri.

      Elimina
    4. Comunque O'Malley parla un italiano fluente, anche se con un forte accento straniero.

      Elimina
    5. Al tg2 hanno detto che parla benissimo lo spagnolo ma che non parla italiano. Infatti, è l'unico cardinale statunitense a non aver studiato a Roma da giovane.

      Elimina
    6. meglio ,almeno non ha conosciuto la allegra merderia che in vaticano regna sovrana

      Elimina
  30. Presto spiegati i 150 anni di cui parla il card. Scola: sono suppergiù gli anni che il Papato non è più Stato della Chiesa. Non che i Papi di prima non contino, ma un Papa di oggi si confronta in primis con quelli venuti dopo, i quali si sono trovati in una situazione simile a quella in cui egli stesso si trova. Potremmo quindi arguire che il cardinale ha in mente un Papa che si confronta con il mondo, con la società prima che con la Chiesa come entità a parte.

    RispondiElimina
  31. O'Malley venderebbe il Vaticano con tutti i suoi tesori per pagare le vittime dei preti pedofili. E' pericoloso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' di povertà francescana farebbe bene al Vaticano.

      Elimina
    2. @ per il novo ( ovvero il vecchio volpone eretico modernista summa di tutte le eresie)

      A te invece una buona salamoia con candeggina ti farebbe un gran bene....

      Elimina
    3. Il nuovo,
      sono daccordo con te!

      Elimina
    4. se quel branco di maiali pervertiti dei preti pedofili se lo fossero tenuto nelle mutande ,O'Malley non sarebbe stato costretto a vebdere tutto e comunque sia ha ragione il nuovo , a quel branco di arruffoni vaticani un po' di poverta' farebbe piu' che bene

      Elimina
  32. Come al solito si fa disinformazione... I riti di purificazione sono necessari solo se cade per terra il vino consacrato, non l'ostia:

    OGMR 280: Se un'ostia o una particola scivolasse via, si raccolga con rispetto; se poi si versasse qualche goccia del Sangue del Signore, si lavi il luogo con acqua, e l'acqua si versi nel sacrario che si trova in sagrestia.

    RispondiElimina
  33. Libera nos Domine!

    RispondiElimina
  34. Bravo il Nuovo !
    Mettiamo un poco di sano francescanesimo anche sul blog che è diventato pagano : niente 'indicazione di una preghiera per il Conclave, niente suppliche all'Altissimo solo valutazioni umane degne del più laico dei giornali !
    Complimenti per aver mostrato il lato più laico e più opportunista dei cosiddetti tradizionalisti !
    Ormai nella chieesa nessuno crede più a nulla neppure coloro che scrivono e che seguono messainlatino !
    Vergogna !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu ancora qui stai? Vuoi pregare? E prega, che ne sai gli altri quando pregano? Già che ci sei vai a polemizzare anche con le testate laiche che si occupano del toto papa

      Elimina
  35. Scherer, «un principe della Chiesa»?
    «Un principe»?

    RispondiElimina
  36. O'Malley si e presentato meglio: http://www.accionliturgica.blogspot.com/2013/03/esplendor-de-la-liturgia-en-roma.html

    Angel

    RispondiElimina
  37. Ma come mai Scherer non vieta nel suo titulus le chitarre e i bongo? Sono vietati dall'IMS. Abusi, su abusi... Praecentor

    RispondiElimina
  38. Lho già detto ma lo ripeto. Chiunque sia sarà scelto dal Signore come guida della sua Chiesa. Il resto son chiacchiere.

    RispondiElimina
  39. Naturalmene era 'L'ho già detto..'

    RispondiElimina
  40. ahahahaha!!!!! Vivo nell'arcidiocesi di San Paolo, è così che si vive la liturgia da queste parti!!! Se il cardinale Scherer viene eletto papa preparatevi! è da lì in peggio!

    RispondiElimina
  41. Si, a San Paolo provincia di Bs.

    RispondiElimina
  42. Evitate le signorine BARBARUS e IL NUOVO, son sempre le stesse frustrate che non sanno cosa fare e pensano di essere le migliori. Bacchettano tutti e troncano ogni dibattito invitando alla preghiera, come se nessuno - tranne loro ovviamente - lo facesse. Scusate care ma vi siete accorte che questo è un blog? E' su un blog si dibatte, si espongono le proprie idee, ecc... mica si trascrivono preghiere! Per quello nessuno ha motivo di dubitare o per lo meno può dimostrare che gli altri non lo facciano. Su, care, non fate le villane e lasciateci un pace. Fatevi il vostro blog e sparite ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A differenza di barbarus, il nuovo argomenta con spirito Cattolico.
      L'invito alla preghiera non e' mai fiato sprecato.
      In tutte le epoche la Madonna non si e' mai stancata di invitarci alla preghiera. Dov'e' lo scandalo?

      Elimina
  43. Caro Enrico ma ti rendi conto di quello che hai scritto?E' finita!Avete avuto lìoccasione di rientrare nella Chiesa ma l'avete sprecata.Ora i nodi vengono al pettine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah, esilarante.

      Elimina
    2. E' finita? Che funambolica minchiata, in perfetto equilibrio tra demenzialità, patetismo e buffoneria.

      Elimina
  44. ma al posto di ciarlare e vedere ciò che stà accadendo ai nostri "Papabili" pregassimo e sgranassimo rosari alla Vergine Santa affinchè illumini veramente i Padri Conclavisti per domani e giorni successivi ...Figlioli andiamo a pregare davanti al S.S. SACRAMENTO...forza...fides fides. IL PROTOCANTORE

    RispondiElimina
  45. Anonimo dwllw 22,27 della signorina ancora non me lo aveva dato nessuno. Anzi nei miei verdi anni ero ambito dal gentil sesso. Hai perso ancora un'altra occasione di risparmiarci le tue bischerate. E ora basta. BARBARUS

    RispondiElimina
  46. Ti da della signorina perché per lui è un'offesa, da buon misogino

    RispondiElimina
  47. Em São Paulo, Brasil, sede cardinalícia de D. Sherer a liturgia é um desastre.

    RispondiElimina
  48. E além disso, favoreceu a vitoria da esquerda!

    RispondiElimina
  49. RANJITH RULEZ!
    The restoration is coming...
    --Instaurare omnia in Christo--

    RispondiElimina
  50. ¡¡¡¡Pero ¿¿¿¿cómo permiten esas músicas en las Iglesias de Roma y en presencia de Cardenales????!!!! ¡¡¡¡Indignante!!!! Si esas cosas se hacen en Roma, ¿qué se espera que suceda en todo el Orbe Católico? No me lo puedo creer. Terrible. No hay palabras.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo secondo te è terribile???? Mah, SENZA PAROLE!!!!!!

      Elimina
  51. Nessun cardinale dei presenti in conclave, tantomeno i papabili, riporterano la chiesa sul solco della tradizione, della sana dottrina, della bellezza liturgica. NESSUNO. gli unici che sarebbero stati in grado si trovano ad Econe e non sono membri del conclave.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, sono i romani post conciliari ad essere usciti dalla Cattolicità e dalla Tradizione non il contrario.
      Il santo monsignor Lefvebre ha conservato la fede espressa anche attraverso la Santa Liturgia di sempre. La bellezza liturgica, la simbologia, unita alla musica e all'arte sacra (la forma)avvicina a Dio, si percepisce il Mistero e la Bellezza. Nella S.Messa nuova si parla troppo e si percepisce non la Bellezza di Dio ma dell'uomo

      Elimina
  52. CHIUDETE QUESTO BLOG!!!!!!!! GESU' E' STATO UCCISO DA GENTE COME VOI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, il Corpo di Cristo è stato fatto cadere a terra da gente come voi!

      Elimina
  53. Dom Odilo Pedro Scherer é uma pessoa comum como tantas outras, e assim como ser humano também tem falhas, pois se fosse este homem perfeito, ele deveria estar sentado a direita de Deus pai todo poderoso.
    Existiram tantos outros que nunca deixar cair, mas que cometeram tantas várias outras barbares. O problema é essa doutrina egocentrista do catolicismo, que prega como se fossem deuses esses serem humanos.
    Quem nunca deixou algo cair? Um pouco de realidade e menos egocentrismo vai fazer bem a esta comunidade

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.