martedì 24 aprile 2012

"Avvenire": parroco disdice l'abbonamento

E dopo il parroco che ha disdetto l'abbonamento al periodico "VitaPastorale" (si veda un post del 05.03.2012), eccone un altro che disdisce quello al quotidiano "Avvenire".


Roberto



"Caro Avvenire,
nel 1962 iniziavo il liceo: Tu ti chiamavi “Avvenire di Italia” e io litigavo con i miei compagni per dire che eri un “bel giornale”.
E’ ormai 30 anni che ogni domenica vendo in chiesa 10 copie, che prendo alle due edicole vicine.
Oggi però disdico l’abbonamento personale, che non avevo ancora pagato e lo faccio per tre motivi, il primo dei quali ti avevo già perdonato e che si riferiscono tutti tre a risposte del direttore alle lettere.
1) Dino Boffo invitando ad uno stile di vita sobrio in risposta ad un prete milanese, faceva riferimento solo a Berlusconi. Tutti debbono vivere sobriamente anche quelli della opposizione che sono finti moralisti e puritani e riducono la morale ai soli soldi. Sobri(?) ma contro i principi non negoziabili. (sono un cattolico integrale: non faccio mai l’amore con la sinistra).
2) L’osceno attacco a Mons. Livi e la difesa del sig. Bianchi che tu ostinatamente chiami monaco. Forniscimi un attestato di una curia vescovile o di un superiore religioso che lo qualifichi tale e non laico.
3) La difesa della "merda" di Ligabue al funerale di Morosini. Ci vuole il coraggio di dire che un prete è andato contro le norme liturgiche. Oppure hai paura che i vescovi tuoi padroni ti sgridino?
Non temere, perdendo me perdi poco. Tutti i giovani del funerale che il direttore ha lodato per l’espressione del loro dolore, si abboneranno come ringraziamento, così come tutti i seguaci di Bianchi abbandoneranno la Repubblica e la Stampa per te.
A Modena ci sono 10 preti “bosiani” Nessuno ti legge. Te lo garantisco perché li conosco bene.
Di stampa cattolica, con le idee chiare e non sempre e unicamente subalterna alla cei, (che non è soggetto di magistero, cfr. “Ad Apostolos Suos” ) ce n’è tanta.
Ti dico addio.


Lettera firmata

2 commenti:

  1. Sottoscrivo in pieno, parola per parola.

    RispondiElimina
  2. Avvenire NON E' UNA RIVISTA CATTOLICA...nemmeno FAMIGLIA CRISTIANA....leggeteli attentamente e noterete che NON SONO RIVISTE CATTOLICHE...Avvenire ha "canonizzato" Lutero, leggete cos'ha scritto e rimarrete basiti!!! Famigli Cristiana è diventata la paladina delle cause dei "risposati"....CHE SCHIFO!!!!!!!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.