mercoledì 1 giugno 2011

I castighi di Dio nella Fede cattolica: il Professor de Mattei risponde a Padre Mucci s.j.


Sull’ultimo numero de “La Civiltà Cattolica” è apparso un articolo, a firma del padre Giandomenico Mucci s.j., dal titolo La verità e lo scandalo (1). Lo scandalo è quello suscitato dal discorso da me tenuto a “Radio Maria”, il 16 marzo scorso, sulla tragedia giapponese. Non si comprende bene invece quale sia la “verità”, anche perché l’articolazione del pensiero di padre Mucci non è chiarissima. Proverò comunque a riassumere le sue tesi.
Mucci premette che soltanto il Magistero dei Concili e dei Papi, e non quello dei singoli vescovi, gode della prerogativa dell’infallibilità (e ciò perché, a sostegno delle mie idee, avrei citato “l’opinione di un antico vescovo siciliano”, che non nomina, ma che è mons. Orazio Mazzella (2), autore, nel 1909, di una riflessione sul terremoto di Messina da me citata non perché infallibile, ma perché riflette fedelmente l’insegnamento della Chiesa su questo punto).
Per spiegare che cosa insegna la Chiesa Cattolica, padre Mucci si richiama peraltro non a Papi o a Concili, ma solo al Nuovo Catechismo della Chiesa cattolica (nn. 272 ss; n. 309 e 310) e alla voce Male del Nuovo Dizionario di Teologia, da cui trae alcune considerazioni sulla sofferenza e sul dolore, secondo cui Dio ricava il bene dal male per vie che conosceremo pienamente soltanto nella vita eterna. “Questo, e soltanto questo, – scrive Mucci – è ciò che la Chiesa, educata dalle Scritture, insegna sul male fisico. Il resto sono elucubrazioni private, di scuola o di studiosi singoli”(3).
In merito al terremoto del Giappone lo scrittore gesuita esclude categoricamente che si possa essere trattato di un castigo, anche perché, scrive, “pur ammettendo che il Signore voglia punire le colpe degli uomini, non riusciamo a capire con quale giustizia egli potrebbe aver punito un popolo a prevalenza scintoista e non, poniamo, l’Europa che ha dimenticato e misconosciuto la sua vocazione cristiana e sembra avviarsi a un’ampia scristianizzazione”(4).
L’essenza della tesi di padre Mucci è insomma nella rimozione del termine e dell’idea di “castigo divino”, perché “la sofferenza non ha il senso di un castigo del peccato, ma quello di una misteriosa conformazione e associazione all’opera redentrice di Cristo” (5).
Poi, la repentina conclusione: “La dottrina cattolica può essere accettata o respinta, ma, in tutte le sue parti, come non manca di nobiltà, così non è priva di coerenza, e non merita di essere derisa e incautamente esposta a essere diffamata” (6).


Negli stessi giorni in cui appariva l’articolo de “La Civiltà Cattolica”, Benedetto XVI, nell’udienza generale del 18 maggio, parlava della preghiera di intercessione di Abramo per Sodoma e Gomorra, le due città bibliche punite da Dio a causa dei loro peccati, perché Abramo non poté trovare in esse neppure dieci giusti, che ne meritassero la salvezza.
Il Signore voleva questo: un numero anche minimo di giusti per salvare la città. “Ma – afferma il Papa – neppure dieci giusti si trovavano in Sodoma e Gomorra, e le città vennero distrutte. Una distruzione paradossalmente testimoniata come necessaria proprio dalla preghiera d’intercessione di Abramo. Perché proprio quella preghiera ha rivelato la volontà salvifica di Dio: il Signore era disposto a perdonare, desiderava farlo, ma le città erano chiuse in un male totalizzante e paralizzante, senza neppure pochi innocenti da cui partire per trasformare il male in bene. Perché è proprio questo il cammino della salvezza che anche Abramo chiedeva: essere salvati non vuol dire semplicemente sfuggire alla punizione, ma essere liberati dal male che ci abita. Non è il castigo che deve essere eliminato, ma il peccato, quel rifiuto di Dio e dell’amore che porta già in sé il castigo. Dirà il profeta Geremia al popolo ribelle: «La tua stessa malvagità ti castiga e le tue ribellioni ti puniscono. Renditi conto e prova quanto è triste e amaro abbandonare il Signore, tuo Dio» (Ger 2,19)” (7).
Il Papa ricorda dunque che “non è il castigo che deve essere eliminato, ma il peccato, quel rifiuto di Dio e dell’amore che porta già in sé il castigo”. Il peccato porta con sé, come conseguenza, il castigo, sia sul piano individuale che su quello collettivo.
Con queste parole Benedetto XVI non ha fatto altro che collegarsi ai suoi immediati predecessori, quei Papi il cui Magistero gode, come ricorda padre Mucci, della prerogativa dell’infallibilità, quando, nel loro Magistero ordinario, ribadiscono la continuità di un insegnamento pontificio.
Papa Benedetto XV ricorda, nel corso della Prima Guerra mondiale, che “le private sventure sono meritati castighi, o almeno esercizio di virtù per gli individui, e che i pubblici flagelli sono espiazione delle colpe onde le pubbliche autorità e le nazioni si sono allontanate da Dio” (8) poiché “Dio, che governa il mondo nel tempo e nell’eternità, premia e punisce gli uomini, sia individualmente, sia nelle comunità, secondo le loro responsabilità” (9).
Pio XII, in occasione della rivolta di Ungheria, insegna che il Signore “come giusto giudice, se punisce spesso i peccati dei privati soltanto dopo la morte, tuttavia colpisce talora i governanti e le nazioni stesse anche in questa vita, per le loro ingiustizie, come la storia ci insegna” (10). Il Beato Giovanni XXIII afferma che “l'uomo, che semina la colpa, raccoglie il castigo. Il castigo di Dio è la risposta di Lui ai peccati degli uomini”; perciò “Egli [Gesù] vi dice di fuggire il peccato, causa principale dei grandi castighi” (11).
Come siamo meschini, come siamo davvero colpevoli al punto da meritare i castighi del Signore!” (12), esclama Paolo VI; mentre Giovanni Paolo II spiega che Dio “esige sì soddisfazione, e tuttavia è anche clemente, e non ci punisce tanto quanto meriteremmo” (13); “Dio ricorre al castigo come mezzo per richiamare sulla retta via i peccatori sordi ad altri richiami” (14).
Non diverse sono le parole dei santi: a “Radio Maria” ho ricordato quelle di sant’Annibale di Francia (1851-1927), che il 16 novembre 1905 preannunciò il terribile terremoto di Messina del 28 dicembre 1908 con queste parole:
Senza mezzi termini, senza reticenze e timori, io vi dico, o miei concittadini, che Messina è sotto la minaccia dei castighi di Dio: essa non è meno colpevole di tante altre città del mondo che sono state distrutte o dal fuoco o dalle guerre o dai terremoti: deve dunque aspettarsi da un momento all’altro di subire anch’essa la stessa sorte... Ecco il terribile argomento del mio lacrimevole discorso. Io comincio da farvi una enumerazione di tutti quei motivi pei quali i castighi del Signore su questa città appariscono alla mia atterrita fantasia quasi inevitabili.
1° Il primo motivo è che i nostri peccati reclamano i castighi di Dio. Presso di noi “peccato” è una parola di poco peso. Lo commettiamo con la massima facilità, ci abituiamo assai naturalmente, arriviamo a bere l’iniquità come acqua e con l’anima piena di peccati e di delitti ridiamo, scherziamo, dormiamo e pensiamo ad acquistarci il ben vivere per peccare ancora di più. Se qualche volta ci pentiamo, è un pentimento superficiale e momentaneo: ben presto si torna al vomito. Leggiamo la Sacra Scrittura, interroghiamo la storia di tutti i secoli, e noi troviamo che Dio punisce non solo nell’altra vita, ma anche in questa. Diluvi sterminatori, terremoti distruttori, guerre, epidemie devastatrici, carestie, siccità, mali sempre nuovi e incogniti: tutto dimostra che Iddio castiga severamente i peccati anche in questa vita. (…)
2° Un secondo motivo per cui dobbiamo ritenere per certi i castighi di Dio, è che tante altre città a noi vicine hanno già avuto questi castighi, appunto perché avevano i nostri stessi peccati. Ora, se Dio punì quelle città che avevano questi stessi peccati, perché non punirà anche noi? Dio è giusto.
3° I castighi di Dio verranno su di noi perché abbiamo avuto diversi avvisi e non ne abbiamo fatto caso. Undici anni or sono, la terra ci tremò sotto i piedi. Dopo 4 anni, il 1898, terremoti: minore fervore. Finalmente 40 giorni fa terremoti. Che si fece? Nulla! Il popolo, le famiglie rimasero indifferenti! Ci siamo abituati. Ci sembra che godiamo d’un privilegio d’immunità presso Dio e che possiamo peccare a nostro bell’agio. Ah, non è così! Tutti questi replicati avvisi non sono che i lampi e i tuoni precursori dell’imminente scoppio dell’uragano!
4° La nostra storia, fin dall’origine, ci accerta che Messina, quando in un’epoca quando in un’altra, è stata visitata sempre dal divino flagello. Il passato insegna l’avvenire. Se Iddio per tanti secoli ha fatto così con questa città, perché deve mutare adesso la sua condotta?”.
Il terremoto, concludeva sant’Annibale, “per quanto è terribile ha però questo di buono, che apporta una conversione generale! È un gran missionario. Si resiste alle prediche. Ma quando ci sentiamo tremare
…” (15).
Come dimenticare poi i sogni profetici e i preannunci di castighi di san Giovanni Bosco?
Alla vigilia della seconda sessione del Concilio Vaticano I, il 6 gennaio 1870, don Bosco ebbe una visione in cui gli fu rivelato che “la guerra, la peste, la fame sono i flagelli con cui sarà percossa la superbia e la malizia degli uomini”. Così si espresse il Signore: “Voi, o sacerdoti, perché non correte a piangere tra il vestibolo e l’altare, invocando la sospensione dei flagelli? Perché non prendete lo scudo della fede e non andate sopra i tetti, nelle case, nelle vie, nelle piazze, in ogni luogo anche inaccessibile, a portare il seme della mia parola? Ignorate che questa è la terribile spada a due tagli che abbatte i miei nemici e che rompe le ire di Dio e degli uomini?”.
Padre Mucci saprà che questo vaticinio fu pubblicato proprio da “La Civiltà Cattolica” dell’anno 1872, vol. VI, serie III, pp. 299-303 (16). Chi non vede l’attualità di queste parole?
Questo è il linguaggio dei santi, rifiutato da coloro che si fanno un’immagine di Dio a loro uso e piacere, non rendendosi conto che rifiutando il Dio giusto rifiutano anche il Dio misericordioso.


Suggerisco inoltre a padre Mucci e agli altri miei detrattori di rileggere la quaestio della Summa Theologica dedicata alla liceità della “vendetta”, considerata da san Tommaso d’Aquino una specifica virtù (17), una perfezione divina che “consiste nel punire, rispettando in tutte le circostanze la debita misura” (18).
Scrive il Dottore Angelico: “Quando è tutto il popolo che pecca, la vendetta va fatta su tutto il popolo, come furono sommersi nel mar Rosso gli Egiziani che perseguitavano i figli d'Israele, e come furono colpiti in blocco gli abitanti di Sodoma; oppure va colpito un numero rilevante di persone, come avvenne nel castigo inflitto per l'adorazione del vitello d'oro. Invece altre volte, se si spera l'emenda di molti, la severità della vendetta deve colpire pochi esponenti, la cui punizione incuta timore negli altri: come si legge nel libro dei Numeri, che il Signore comandò di impiccare i capi per il peccato di tutto il popolo. Se invece il popolo non ha peccato in blocco ma in parte, quando i colpevoli possono essere riconosciuti, la vendetta deve esercitarsi su di essi: se però il castigo è possibile senza pregiudizio per gli altri. Altrimenti si deve perdonare al popolo a scapito della severità. Lo stesso si dica per il principe che rappresenta il popolo. Infatti il suo peccato va tollerato, se non può essere punito senza scandalo dei sudditi: a meno che non sia tale da nuocere al popolo, nell'ordine spirituale o temporale, più dello scandalo che potrebbe nascere dalla punizione” (19).
Secondo san Tommaso, “L'ignoranza causa involontarietà. Ma talora la vendetta raggiunge anche chi è nell'ignoranza. Infatti i bambini dei Sodomiti, sebbene fossero nell'ignoranza invincibile, perirono insieme ai loro genitori, come si legge nella Scrittura. Parimenti per il peccato di Datan e di Abiron furono ingoiati anche i loro piccoli. Anzi, per il peccato degli Amaleciti, Dio comandò di uccidere persino gli animali bruti privi di ragione. Perciò la vendetta talora va esercitata anche contro le colpe involontarie” (20).


A chi dice che, poiché il castigo è dovuto al peccato, ogni peccato è volontario, e dunque la vendetta deve esercitarsi solo su coloro che han voluto la colpa (21), risponde san Tommaso: “La pena, o castigo, può essere considerata sotto due aspetti. Primo, sotto l'aspetto di punizione. E come tale, la pena è dovuta solo al peccato: perché con essa viene ristabilita l'uguaglianza della giustizia, nel senso che colui il quale peccando aveva troppo assecondato la propria volontà, viene a subire cose contrarie al proprio volere. Perciò, siccome ogni peccato è volontario, compreso quello originale, secondo le spiegazioni date, è evidente che nessuno viene punito in questo senso, se non per atti compiuti volontariamente.
Secondo, una pena può essere considerata come medicina, non solo per guarire dai peccati già commessi, ma per preservare dai peccati futuri, e per spingere al bene. E sotto quest'aspetto uno può essere castigato anche senza colpa: però non senza una causa. - Si deve però notare che una medicina non priva mai di un bene maggiore, per procurarne uno minore: un medico, p. es., non accecherà mai un occhio per sanare un calcagno; tuttavia egli potrà infliggere un danno in cose secondarie per soccorrere quelle principali. E poiché i beni spirituali sono i beni supremi, mentre quelli temporali sono tanto piccoli; talora uno viene castigato nei beni temporali senza alcuna colpa, ed è così che Dio infligge molte penalità della vita presente come prove e umiliazioni: nessuno invece viene mai punito nei beni spirituali, sia nel tempo presente che nella vita futura, senza sua colpa; poiché codeste punizioni non sono medicinali, ma accompagnano la dannazione dell'anima
” (22).
Tutte le pene di questa vita, anche quelle degli innocenti, come i bambini, sono pene o conseguenze del peccato originale. Infatti, spiega san Tommaso, “secondo il giudizio di Dio i bambini sono puniti con le pene temporali assieme ai genitori, sia perché appartengono ad essi, e sia perché in loro Dio punisce i genitori. E infine anche perché questo ridonda a loro bene: perché se dovessero sopravvivere, sarebbero portati a imitare le colpe dei genitori, e quindi meriterebbero pene più gravi. - La vendetta poi viene esercitata sugli animali e sulle altre creature prive di ragione, perché in tal modo ne vengano puniti i proprietari. E anche per incutere orrore del peccato” (23).
Potrei continuare all’infinito con innumerevoli citazioni. Nei miei interventi su questo tema a “Radio Maria” del 16 marzo e 21 aprile 2011 non ho espresso, e non mi sarei mai sognato di esprimere, alcuna opinione personale. Ho esposto invece la dottrina cattolica sul male, che va attinta non solo al Nuovo Catechismo della Chiesa Cattolica, ma anche all’insegnamento costante dei Papi e alla buona teologia e filosofia, oltre che all’esempio e alle parole dei santi.
Spero che padre Mucci non voglia obiettare che san Tommaso d’Aquino è superato (lo stesso Concilio Vaticano II lo ha raccomandato due volte alle scuole cattoliche (24), né che il Vaticano II ha spostato l’accento dal Dio “vendicativo” a quello misericordioso. Nei millenovecento anni precedenti l’ultimo Concilio, la Chiesa non ha mai cessato di ricordare, accanto all’infinità misericordia di Dio la sua infinita giustizia e se questo concetto viene rimosso, il risultato è uno sfiguramento della dottrina della Chiesa, non per affermazione, ma per omissione. Oggi l’insegnamento del Vangelo viene trasmesso in modo parziale e non integrale, per il pestilenziale influsso di teologi eterodossi e per il pavido timore del giudizio del mondo. Spiace che la già gloriosa “Civiltà Cattolica” si accodi a questo andamento autodemolitorio.


Roberto de Mattei

NOTE
(1) Giandomenico Mucci, La verità e lo scandalo, in “La Civiltà Cattolica” quaderno 3862 (21 maggio 2011), pp. 351-356, quaderno 3862 (21 maggio 2011).
(2) Orazio Mazzella, La provvidenza di Dio, l'efficacia della preghiera, la carità cattolica ed il terremoto del 28 di Dicembre 1908: cenni apologetici, Desclée e C., Roma 1909.
(3) G. Mucci, La verità e lo scandalo, cit., p. 355.
(4) Ivi.
(5) Ivi, p. 356.
(6) Ivi.
(7) Benedetto XVI, Udienza generale del 18 maggio 2011.
(8) Benedetto XV, Discorso ai predicatori quaresimali di Roma del 19 febbraio 1917.
(9) Benedetto XV, Enciclica In praeclara summorum del 30 aprile 1921.
(10) Pio XII, Enciclica Datis Nuperrime del 5 novembre 1956.
(11) Beato Giovanni XXIII, Radiomessaggio del 28 dicembre 1958.
(12) Paolo VI, Omelia del 13 marzo 1966.
(13) Giovanni Paolo II, Omelia del 22 febbraio 1987.
(14) Giovanni Paolo II, Udienza generale del 13 agosto 2003.
(15) S. Annibale M. Di Francia, Appunti di predica, 15 novembre 1905, in Scritti, s. d., Curia Generalizia dei Regazionisti, vol. 55, doc. 2005. Cfr. anche Ignazio Cannavò, Chiesa e terremoto (Messina 1908). Solidarietà e polemiche, Bonanno, Acireale-Roma 2009, pp. 133-135.
(16) Cfr. anche Memorie biografiche del venerabile don Giovanni Bosco. Raccolte del sac. Salesiano Giovanni Battista Lemoyne, edizione extra commerciale, vol. IX, Tipografia S.A.I.D. “Buona Stampa”, Torino 1917, p. 782.
(17) S. Tommaso d’Aquino, Summa Theologica, q. 108, a. 2.
(18) Ivi, IIª-IIae q. 108 a. 2 ad 3.
(19) Ivi, IIª-IIae q. 108 a. 1 ad 5.
(20) Ivi, IIª-IIae q. 108 a. 4 arg. 3.
(21) Ivi, IIª-IIae q. 108 a. 4 s. c.
(22) Ivi, IIª-IIae q. 108 a. 4 co.
(23) Ivi, IIª-IIae q. 108 a. 4 ad 3.
(24) Decreto sulla formazione sacerdotale Optatam totius, n. 16; Dichiarazione sull’educazione cristiana, Gravissimum educationis, n. 10.

64 commenti:

  1. Ringrazio il Prof. de Mattei per questa precisa e profonda risposta al superficiale e qualunquista articolo del teologo (?) padre Mucci s.j., ombra di quelli che furono un tempo lontano i valenti e santi teologi della Compagnia di Gesù, oggi ridotta per lo più ad un serraglio di  mediocri teologastri modernisti capaci solo di produrre aria fritta e scempiaggini varie.......
    Perdonate l'acrimonia del mio parlare, ma sono convinte che il Prof. de Mattei merita tutta la stima e l'approvazione della Chiesa e dei suoi autentici Pastori, è grazie a laici cattolici come il Prof. de Mattei che Gesù fa ancora sentire la sua voce autorevole di Verita.
    Voglio proprio vedere come a Civiltà Cattolica adesso avranno il coraggio e la preparazione teologica per tentare di confutare
    quello che il Prof. de Mattei ha detto con solare evidenza.......
    I modernisti non meritano alcuna pietà......

    RispondiElimina
  2. mah, era proprio necessario aprire anche questo nuovo fronte?

    RispondiElimina
  3. Tutti gli articoli pubblicati dalla Civilta Cattolica, passano un certo... vaglio.

    Il Papa nel discorso citato, dice tutta un'altra cosa, e la parte citata è "estrapolata" dal contesto a proprio uso e consumo...

    RispondiElimina
  4. Definire padre Mucci un progressista è semplicemnte assurdo, per chi lo conosce e per chi sa come la pensa... Sono d'accordo con Angelo, non era necessario aprire questo nuovo fronte che in 2000 anni di sotria nessuno è riuscito a risolvere definitivamente... 

    RispondiElimina
  5. Non capisco il tuo modo di ragionare...... perchè non entri nel merito e non provi a riflettere sugli argomenti portati dal Prof. de Mattei???.....
    Che vuol dire che la Civiltà Cattolica passa un certo....vaglio? Non vorrà mica dire che è infallibile????
    Questa è la prova provata che siete figli di Satana padre della menzogna.
    Il demonio ha sempre diffuso i suoi frutti mortiferi con la menzogna......
    Ma ora i vostri piani sono smascherati......
    continuate pure a mentire.....
    così facendo si capisce ancora meglio quanto siete falsi......

    RispondiElimina
  6. Ravvediti... "finchè sei in tempo"...

    RispondiElimina
  7. "nessuno invece viene mai punito nei beni spirituali, sia nel tempo presente che nella vita futura, senza sua colpa"
    Mi vengono in mente le parole del Signore a Geremia: "Tu, poi, cingiti i fianchi, alzati e di' loro tutto ciò che ti ordinerò; non spaventarti alla loro vista, altrimenti ti farò temere davanti a loro."
    "altrimenti ti farò temere daventi a loro", ecco una punizione nei beni spirituali che mi ricorda la terrificante timidezza mia e di noi cristiani di oggi, un timore che viene forse punito con dal Signore con l'abbandono sdegnato ad ulteriori paure che prontamente nascondiamo sotto al manto del rispetto, del tatto, della comprensione. E' un atteggiamento, questo di Dio, simile a quello di un innamorato che, non corrisposto adeguatamente, somministra il farmaco doloroso del distacco e della lontananza per far comprendere la profonda ingiustizia patita da questo "amore non amato" ed eccitare l'amore della persona amata.
    Forse arriverà il giorno in cui le nostre chiese deserte di cristiani e di preti ci costringeranno a guardare oltre "le programmazioni pastoriali", "le condivisioni di linee guida diocesane", "i lineamenti", "i confronti", "i progetti formativi" e via dicendo: vedremo finalmente che al di là di queste nostre strutture, spesso tecniche e vuote di cuore perchè tenute in piedi da persone stanche e sfiduciate, c'è un mondo che attende un annuncio forte e credibile fatto "nei momenti opportuni e inopportuni", "non con spirito di timidezza ma di forza", sostenuto assolutamente da una coerente testimonianza di vita, animato dall'entusiasmo sgomento provato davanti all'amore del Crocifisso e davanti alle Sue Piaghe di Risorto che continua incessantemente ad offrirsi sugli altari e nelle nostre stesse carni. Avere un obiettivo davvero alto e trascendente come quell'unico comando che Cristo ha lasciato ai discepoli prima di ascendere al cielo può far tornare d'un balzo la fiducia a coloro i cui obiettivi si riducono spesso a "programmazioni", "condivisioni", "verifiche" e "ascolti", parole vane dette e scritte, carte e documenti stilati da addetti ai lavori e rivolti a un mondo che non ha sete di nulla di tutto ciò, visto che spesso neppure gli addetti ai lavori hanno voglia di leggere queste relazioni e questi documenti o lo fanno per freddo senso di responsabilità.
    Ci insegnano che i pilastri di una comunità cristiana sono 4: catechesi, liturgia, carità e animazione e sotto questi cappelli ricade tutto, dalla Santa Messa pasquale alle costicine della Sagra, in un perfetto meccanismo organizzativo che prosciuga le forze e assorbe la vitalità di coloro (sempre di meno) che cercano di tenerlo in vita! Ora bisogna chiedersi: Cristo cosa ci chiede come parrocchia in questo territorio? A volte la risposta più gettonata riguarda la carità, il servizio. Bene! Qual è la prima forma di carità e di servizio, l'unica specifica della Chiesa di Cristo, la più alta, che solo Lei più dare, se non l'ANNUNCIO, il NUOVO ANNUNCIO di un VANGELO SINE GLOSSA, SENZA COMPROMESSO, attinto a tutta la Tradizione viva della Chiesa, ispirata incessantemente dallo Spirito Santo nel suo approfondimento e nella sua trasmissione: solo in essa trova senso e vita ciò che di Nostro Signore resta percepibile ai nostri sensi, cioè i Sacramenti, la Scrittura, il Magistero, la Chiesa stessa come comunità di fedeli uniti nel Corpo del Signore? Abbiamo bisogno di priorità! Se questo annuncio (non un annuncio parziale o di fantasia personale) è la priorità, perseguirlo genererà senza dubbio "il servizio delle mense", cioè il servizio di carità, la fraternità vissuta anche nelle sagre, e perfino un vero dialogo con chi cristiano non è nel rispetto della verità e nella dinamica del dono.
    Prego il Signore [...]

    RispondiElimina
  8. Caro Fabio grazie per il tuo contributo....... sono daccordo con te.......... e prego per il tuo impegno in A. C...... Il Signore ti sta illuminando, continua a seguirlo coraggiosamente andando contro corrente.....

    RispondiElimina
  9. Rombo di tuono1 giugno 2011 21:52

    Io però ho letto l'articolo della Civiltà Cattolica (e voi?) e il prufissori De Mattei come sempre mi sembra capzioso e disonesto. L'articolo non dice che non esistono i castighi di Dio. Se lo dicesse sarebbe cretino l'articolista. I gesuiti talora sono malandrinus ma non sono cretini. L'articolo dice che posto che i castighi di Dio esistono (a) perché diavolo il Giappone dovrebbe essere più colpevole di altri e (b) presentando in poche battute questa materia estremamente complicata e incomprensibile al mondo del 2011 si rischia d fare fare alla Chiesa la figura dei tifosi della Torres.. Come è puntualmente avvenuto

    RispondiElimina
  10. ha ragione de mattei

    RispondiElimina
  11. Io credo che lo stesso Benedetto XVI confermi in sostanza le riflessioni del prof. De Mattei con la sua Catechesi quando dice, soprattutto:

    <span>È questa, ha sottolineato il Papa, “una tentazione costante nel cammino di fede: eludere il mistero divino costruendo un dio comprensibile, corrispondente ai propri schemi, ai propri progetti. Quanto avviene al Sinai mostra tutta la stoltezza e l’illusoria vanità di questa pretesa”. </span>
    <span>Perciò il Signore reagisce e dice a Mosè: “Ora lascia che la mia ira si accenda contro di loro e li divori”.</span>

    <span>Quel “lascia che la mia ira si accenda” è detto proprio “perché Mosè intervenga e Gli chieda di non farlo, rivelando così che il desiderio di Dio è sempre di salvezza”.</span>

    RispondiElimina
  12. Care Don Areki...chissà come spiegherebbe, padre Mucci, il capitolo 3 di Ezecchiele
     18 Se io dico al malvagio: Tu morirai! e tu non lo avverti e non parli perché il malvagio desista dalla sua condotta perversa e viva, egli, il malvagio, morirà per la sua iniquità, ma della sua morte io domanderò conto a te. 19 Ma se tu ammonisci il malvagio ed egli non si allontana dalla sua malvagità e dalla sua perversa condotta, egli morirà per il suo peccato, ma tu ti sarai salvato.
    20 Così, se il giusto si allontana dalla sua giustizia e commette l'iniquità, io porrò un ostacolo davanti a lui ed egli morirà; poiché tu non l'avrai avvertito, morirà per il suo peccato e le opere giuste da lui compiute non saranno più ricordate; ma della morte di lui domanderò conto a te. 21 Se tu invece avrai avvertito il giusto di non peccare ed egli non peccherà, egli vivrà, perché è stato avvertito e tu ti sarai salvato».
    ********************

    mi viene a mente l'assurda legge che volevano imporre una ventina d'anni fa e che poi mitigarono: I GENITORI NON POTEVANO PIU' PUNIRE I PROPRI FIGLI.... perfino il famoso scappellotto, rischiava di diventare UN REATO.....
    Siamo oramai nel tempo della MISTIFICAZIONE e della profezia di Isaia: HANNO CAMBIATO CIO' CHE è MALE IN BENE ....
    Per parlare della VERA MISERICORDIA DI DIO che per altro è iniziata con l'Incarnazione e dal SACRO CUORE DI GESU' si è estesa maggiormente, poichè questi teologi modernisti NON sanno più come SPIEGARLA, eliminano LA PUNIZIONE, IL CASTIGO, LO SCAPPELLOTTO.... si dimenticano quando san Paolo per punire un fedele recidivo nell'incesto, LO CONSEGNA A SATANA PERCHE' VENGA PUNITO....
    ma si sa.... oggi si usa il Vangelo epurato, DELLA POLITICA CORRETTA..... le lobby omosessuali stanno chiedendo L'EPURAZIONE DELLA BIBBIA, epurare le parole di san Paolo..... e poichè non ci stanno riuscendo, tentano di MODIFICARE L'INTERPRETAZIONE delle Scritture...
    mah!

    RispondiElimina
  13. Caro Ospite, il Papa si è spiegato fin troppo bene.... SE NON C'E' CHI PREGA E CHI SI SACRIFICA, ARRIVA LA PUNIZIONE DI DIO...
    il Papa sottolinea infatti che Sodoma e Gomorra vennero distrutte DA DIO perchè non trovò neppure una sola persona che pregasse e fosse nel giusto....
    Così come ha spiegato oggi per Mosè: la malvagità dell'uomo ACCENDE L'IRA DI DIO il quale spinge Mosè ALLA PREGHIERA INCESSANTE AFFINCHE' CIO' NON AVVENGA....

    dall'UOMO DIPENDE LA PUNIZIONE DI DIO E DALL'UOMO DIPENDE SMUOVERE LA MISERICORDIA DIO...
    e in definitiva, in che senso giudicherebbe lei la MISERICORDIA DIVINA se non ci fosse il fatto reale che c'è UN MALE CHE DIO PERMETTE PER LA NOSTRA CORREZIONE?
    Perchè INVOCARE LA MISERICORDIA DIVINA SE NON CI FOSSE IL RISCHIO DI INCORRERE NELLA SUA "IRA"?
    Che senso ha SUPPLICARE DIO se da LUI non provenisse il castigo?
    E perchè Giobbe dice: se da Dio accettiamo il bene, perchè non accettare anche il male?
    e perchè Giobbe viene lasciato ai sollazzi di Satana?
    E perchè a Fatima la Madonna parla di CASTIGHI?
    Come farebbe il Papa a venerare l'evento di Fatima e poi non credere nelle parole della Vergine?
    E perchè la Madonna fa vedere L'INFERNO a tre BAMBINI?

    Si svegli ospite.... Dio è bene assoluto ma PERMETTE ANCHE IL MALE.....
    DIO E' PADRONE DELLE NOSTRE VITE....e può riprendersele quando vuole....e nel modo che vuole.... ed è grazia quando ci da una spiegazione...

    RispondiElimina
  14. il prof. De Mattei ha pienamente ragione.

    RispondiElimina
  15. Rombo perdoni .... ma quando mai Dio ha colpito direttamente i colpevoli? ;)
    Solitamente Dio INSEGNA-PUNENDO con sistemi diversi dalla nostra mentalità...Giobbe le dice nulla?
    e la strage degli Innocenti come la giustifica?.... perchè Dio pensa a salvare SOLO SUO FIGLIO e lascia MORIRE TUTTI GLI ALTRI INNOCENTI?
    Perchè il BUON Dio avverte Giuseppe che può mettere in salvo la divina Famiglia, ma non manda ad avvisare gli altri gruppi familiari? EPPURE GLI ANGELI ANDARONO per annunciarne la NASCITA.... ;)

    Perchè IL BUON Dio ha permesso che si salvasse dalla malattia UNA SUORA per mezzo di GPII CON UN MIRACOLO...e sta lasciando morire di cancro un padre di famiglia con due figlie che vanno ancora all'asilo, cattolico osservante e da sempre un giusto timorato di Dio?

    Certo le risposte NON le abbiamo, ma sappiamo che Dio alcuni li salva altri NO, li vuole VITTIME ESPIATRICI.... altri preferisce PUNIRLI, CASTIGARLI, LUI SOLO SA.... ma questo fatto che solo LUI SOLO SA non ci autorizza a togliere a Dio LO SCETTRO DEL COMANDO che è misericordia, ma è anche punizione e castigo, RICHIESTA DI VITTIME SACRIFICALI come fece con il Suo Figlio....


    La materia è certamente complessa, ma la si è complicata di più tentando una nuova teologia PACIFISTA, DI UN DIO PACIFISTA...
    il professor De Mattei ha portato moltissimi elementi di prova....ha portato IL MAGISTERO ECCLESIALE, della Tradizione...
    basta leggere i Santi, oppure per il corso della politica corretta dobbiamo epurare anche loro?

    RispondiElimina
  16. Cara Caterina è proprio questo l'errore modernista: tenere tutto sotto controllo, voler spiegare tutto e capire tutto.
    Proprio questo oggi dicevo ai bambini al ritiro di prima Comunione.
    Mosè chiese a Dio il nome (episodio del roveto) e il Signore gli rispose: "perchè mi chiedi il nome? il mio nome è misterioso", solo dopo Dio dirà "io sono colui che sono" come a dire "io mi chiamo come mi chiamo" lasciando quindi intatto il mistero....... mistero e senso della trascendenza che è ben manifestato dall'uso della lingua latina nella sacra liturgia......
    L'errore modernista è invece quello di credere di poter spiegare tutto e quello di insegnare a Dio come fare Dio......
    Poveri illusi, hanno perso la FEDE e non lo hanno ancora capito!!!!!
    E peggio, dall'alto delle loro cattedre di cartaccia (cfr. Civiltà Cattolica, Fanghiglia Cristiana, ecc.) vorrebbero far perdere la fede anche a chi ancora va appresso ai loro vaniloqui......
    don Bernardo

    RispondiElimina
  17. Vi ricordate di quel figlio spirituale di Padre Pio, papà di tanti figli (mi sembra 20) che per eccesso di mezzi di correzione, fu condannato a 30 mesi (TRENTA MESI) di carcere ed a 9 mesi (NOVE MESI) di allontanamento dalla famiglia? In carcere non ci andò, ma i 9 mesi glieli fecero scontare per intero, senza mitigazione di un solo MINUTO, nonostante che la vecchia madre, la moglie e gli altri figli (ovviamente non quello che lo aveva denunciato) riempissero il tribunale di petizioni in suo favore?
    L'aspetto peggiore fu il "compiatimento" del vicario della sua diocesi, che, dal pulpito, oltre che dai microfoni di una radio locale, affermò che chi usa punizioni corporali verso i figli, non è da condannare, ma è un "povero pazzo" da compatire. 

    RispondiElimina
  18. Caro Angelo, cosa intendi?!?

    RispondiElimina
  19. <span> (a) perché diavolo il Giappone dovrebbe essere più colpevole di altri </span>
    Mi permetto solo di far notare:
    a)Le leggi di Natura, non sono indipendenti da DIO. Anzi,
    sono le "Cause seconde" (o forse, addirittura "Terze") di cui DIO ama
    servirsi. Prima ancora di creare il mondo, DIO sapeva tutti & i singoli gli
    eventi di oggi. Nel momento in cui ha, per così dire "Scritto" tali leggi,
    con le loro evenienze (sismicità in certe zone, meno che in certe altre,
    etc.) lo ha fatto, tenendo conto ache delle lezioni che voleva dare agli
    uomini  e delle meditazioni che voleva spingere in loro. E sapeva bene anche
    che ci sarebbero stati coloro che ne avrebbero, magari in buona fede,
    esagerato o minimizzato la portata. Forse, il "male minore" è proprio
    "Esagerarla". Forse non farà da "parafulmine" per determinati eventi (ma chi
    lo ha detto? perchè non, quanto meno, potrebbe "Alleggerli"?) ma certamente
    costituirà merito per l'unica cosa che conta: l'altra vita;
    b) E se nei piani di DIO, proprio il permettere che fosse colpito il
    Giappone, può essere la base, affinchè (quanto meno) le generazioni future,
    capiscano che i loro dèi NON li hanno protetti e possa essere il punto di
    partenza da dove, l'intercessione di San Michele, patrono dell'Impero
    Giapponese, e dei santi martiri le cui vicende sono narrate da Cammilleri ne
    "Il Crocifisso del samurai"ottengano una fioritura di fede e penitenza (non
    dimenticare il profeta Giona ed i niniviti), tale da farlo diventare una
    terra cattolica? Ed in ciò un ruolo importante può essere giocato dalle
    piccole, ma combattive comunità di tradizionalisti giapponesi?

    RispondiElimina
  20. Cara Caterina ho letto con gioia e commozione le Parole del Santo Padre alla catechesi odierna. Sono parole che rendono giustizia al prof. de Mattei e dovrebbero far meditare i teologi della Civiltà Cattolica

    RispondiElimina
  21. Ubi Petrus, ibi Ecclesia...... IL SANTO PADRE DA RAGIONE A DE MATTEI !!!! 

    Solo ora ho letto la splendida catechesi del mercoledì del Santo Padre: spero che Padre Mucci s.j. e anche Padre Cantalamessa imparino come stanno le cose e la smettano di fare i patetici adulatori del mondo moderno. La gente se ne infischia dei falsi profeti come loro che invece di parlare di Dio e della sua maestà solleticano le orecchie dei poveri peccatori con il loro buonismo e le loro vuote parole.
    don Bernardo

    RispondiElimina
  22. Non "Rombo"....... ma  rompi .......

    RispondiElimina
  23. Circa le critiche alla figura di de Mattei:
    <span><span><span><span>Ospite</span>   
    <span>infatti lo è ed è detestabile ogn elogio anche indiretto di persone del genere, non ché ogni collaborazione con loro. Ma ad alcuni l'esperienza passata, o l'esperienza dei loro stessi padri, non ha insegnato nulla.</span></span>  
    Premesso che, egregio ospite, hai ragione al 112%, purtroppo, o grazie al Cielo, certi temi li stanno sdoganando loro. De Mattei ha qualche (raro)accesso alla TV. Purtroppo, noi trad. "puri & duri" DOC & DOP/DPG, cominciando da me, prendiamone atto, da soli NON SIAMO IN GRADO (o forse, neppure lo vogliamo davvero) uscire dal ghetto (per non parlare del tunnel).</span></span>

    RispondiElimina
  24. <span>Perchè IL BUON Dio ha permesso che si salvasse dalla malattia UNA SUORA per mezzo di GPII CON UN MIRACOLO..</span>
    Stendiamo un  pietoso velo, su un miracolo molto discusso & discutibile.

    RispondiElimina
  25. Quel vicario ha detto bene. I trogloditi devono stare in carcere o nelle caverne, soli con la loro clava!

    RispondiElimina
  26. Luciana Cuppo2 giugno 2011 06:54

    Le quali comunita', guidate dai loro vescovi, non hanno accettato i neocatecumenali (mi perdoni, redazione, ma co ce vo', ce vo').

    RispondiElimina
  27. Io non sono una teologa, ma sono d'accordo con quanto detto dal Prof. de Mattei.
    Dio è Amore, è Misericordia, ma non possiamo scordarci mai il Suo essere Giustizia. L'essere Amore di Dio non avrebbe senso se non fosse anche Misericordia e Giustizia, così come l'essere Misericordia non avrebbe valore se non fosse Amore e Giustizia. L'essere Giustiazia, inoltre è proprio nel Suo essere Amore e Misericordia.
    Due anni fa accadde un fatto molto grave in una parrocchia di mia consocenza. In 5 minuti la natura mostrò tutta la sua potenza, devastandola in modo brutale. Le persone che furono colpite erano più colpevoli di noi, di me? No! Probabilmente io per prima sono più colpevole di loro, ma mentre la natura si scatenava qualcuno stava pregando e invocava Misericordia. Dio si è realmente chinato su quella parrocchia e NESSUNO è morto, nemmeno la persona che fu colta per strada, sulla cui testa cadde un pilone di cemento e che venne ritrovata 2-3 ore dopo l'accaduto perchè nessuno sapeva dove fosse. Quella parrocchia aveva celebrato la Divina Misericordia.
    Il giorno dopo era domenica e mi ricordo che il sacerdote che celebrava disse che quanto accaduto non era frutto della Giustizia di Dio, bensì del cambiamento climatico. Non si vuole parlare mai della Giustizia così come non si vuole affrontare il tema della Croce. Il problema è legato al fatto che non sappiamo più cosa sia il peccato e il male che questo causa nel Cuore di Dio.
    Domenica scorsa un sacerdote dal pulpito ha detto che non è importante insegnare i 10 comandamenti ai bambini, ma amare Gesù. ( non voglio aprire un altro fronte)
    Se ci scordiamo dell'esistenza del peccato, se non consideriamo le conseguenze del peccato, è naturale che la Giustizia è meglio nasconderla sotto il tappeto e guardare solo alla Misericordia e all'Amore.
    Da tutto questo mi nasce spontanea una domanda. Se ci comportiamo così, se ci abbandoniamo a questi pensieri o convinzioni, guardiamo all'Unico Dio oppure ci stiamo costruendo un surrogato di Dio? 
    Dire qualcosa è difficile, comunque per quel che mi riguarda faccio adorazione e invoco Misericordia.

    RispondiElimina
  28. <span>

    concordo, Caterina, sulle importanti sottolineature da troppo tempo dimenticate, anzi non più insegnate ;
     farei però una piccola precisazione circa la teologia PACIFISTA.....
      <span> </span>Qui avresti fatto meglio a dire  BUONISTA: rende più l'idea di un Dio "bonaccione"  che perdona tutti, qualunque peccato facciano, anche SENZA PENTIMENTO, anche recidivi e <span>mai disposti a cambiar vita,</span> (spesso in tal senso ci hanno ricordato -e sconsideratamente insegnano ai giovani- che certo bisogna perdonare 70 volte 7, e Dio stesso perdona infinite volte, senza condizioni, si direbbe, perchè è AMORE INFINITO, ci AMA COSì COME SIAMO, come ricordava giorni orsono qui  chi citò quella pericolosa preghiera buonista di mons. Lebrun....) e perchè tanto, sembra oggi voler dire ai suoi figli, con infinita tolleranza: "sono ragaazzi....", quasi che gli uomini fossero ragazzi a vita, simiili a tanti peter pan che non crescono mai, attaccati ai vizi come se questi fossero segni di bella spontaneità e autenticità (o anche <span>umiltà!</span> come fanno credere in certi movimenti, suggerendo: PECCA FORTITER!, che tanto Gesù ha già risolto tutto....)  e non avessero mai il dovere di fare un esame di coscienza al fine di RICONOSCERE IL MALE insito nel peccato commesso o che seduce ancora, dichiararsene colpevoli, ODIARLO il peccato, come causa di offesa a Dio e Passione-Crocifissione di Nostro Signore, e decidere di  non commetterne più ; come se non dovessero MAI CORREGGERSI dei propri VIZI  e mai coltivare -con SACRIFICIO della volontà- le virtù cristiane, come se si potesse RINVIARE SINE FINE LA CONVERSIONE, fino al momento della morte, quando forse la Fede è perduta, e la vita morale è diventata cristallizzata nel peccato e nell'indurimento del cuore, e l'anima, sulla soglia decisiva, rischia di rifiutare la salvezza di Cristo, per l'eternità....
    come constatiamo, ancora una volta, manca da 45 anni la PEDAGOGIA fondamentale, che educa alla vigilanza sulla propria debole natura che la coscienza cristiana dev e mantenere, e che matura nel continuo esame di sè, nella consapevolezza del grave dovere di discernere il BENE DAL MALE, per respingere il PECCATO  e tornare o mantenersi sulla via della VIRTU', con l'aiuto della Grazia santificante (con le BUONE OPERE "CHE IO DEBBO E VOGLIO FARE", diceva l'Atto di SPERANZA cattolico)  così come la Chiesa aveva sempre insegnato a fare e come DAL CONCILIO in poi, ripetiamo, ha deciso di NON fare più, per aver escluso "l'arma del rigore" e preferito "la medicina della misericordia": ed è questa la terribile mistificazione INIZIALE, il tremendo equivoco in cui ci dibattiamo da mezzo secolo, l'origine di TUTTI I GUAI che stiamo vivendo e vivremo in crescendo, finchè la Chiesa Docente non se ne pentirà e non tornerà decisamente sui propri passi che l'hanno spinta nelle braccia del mondo alla ricerca del mitico "aggiornamento"; Essa ha preteso così di aggiornare il Vangelo, che è INTRANSIGENTE col peccato, anche minimo, quando dice: "siate perfetti", o anche. "la vostra giustizia sia superiore a quelle degli scribi e farisei", o "se il tuo occhio ti è di scandalo, gettalo via da te"; il linguaggio di Nostro Signore è duro e chiaro quando parla della  "geenna" dove sarà pianto e stridor di denti, e quando dice: "E'<span> meglio per te entrare nella vita con un occhio solo, che avere due occhi ed andare nella Geenna...."</span>  
    </span>

    RispondiElimina
  29. <span>

    <span>La Chiesa rinnovata dal CV2 ha voluto falsificare la Misericordia tramutandola in buonismo</span><span>,</span>
    <span>dimenticando che<span> </span><span>la prima misericordia di cui abbiamo bisogno è la Verità,</span><span> </span>circa la nostra natura di peccato, e la tendenza al male, che dobbiamo sempre combattere, COLLABORANDO ATTIVAMENTE con lal Grazia Santificante ! ha dimenticato che la vita cristiana è MIILITIA contro il peccato, contro le tentazioni del mondo e le passioni della carne, ha dimenticato quelle parole di S. Paolo:  
    </span><span><span><span>"Non riesco a fare il bene che voglio, ma faccio il male che non voglio"</span></span></span><span><span>,</span></span><span><span> </span></span><span><span>e</span></span><span> l'ha fatto dimenticare a tutti i cristiani, illudendoli da 45 anni sulla possibile<span> </span><span>santità a buon  mercato,</span><span> </span> e che basti dialogare, amare il prossimo -senza amare Dio con la fuga dal peccato-  e che sia solo necessario e importante, per essere buoni e santi, essere<span> </span>accoglienti con tutti, aiutare i bisognosi con opere di carità MATERIALI,  mistificando la frase di S. Agostino:<span> </span>"Ama e fa' quel che vuoi", dimenticando così le chiare parole del Vangelo (di Domenica scorsa), laddove Gesù dice: "CHI MI AMA OSSERVA I MIEI COMANDAMENTI".</span>
    <span>La Verità è essa stessa MEDICINA per tutti i mali, Essa stessa è Carità, perchè insita nella Persona di Nostro Signore: Verità e Carità esse sono  insindibilmente unite in Lui come la Giustizia e la Misericordia entrambe infinite e perfette.</span>
    <span>Veritas summa Caritas.</span><span></span>
    <span>MA il grande equivoco,</span><span> pernicioso per le coscienze delle generazioni seguenti al CV2, e che sta all'origine di tutti i terribili (inestirpabili) <span>fraintendimenti che hanno rovinato la pastorale, la catechesi e la vita morale, dal<span> </span>1962 in<span></span> </span></span><span>poi,</span>  sta in quell'ASSURDA PRETESA insita in quelle parole: "la Chiesa non vuole più usare l'arma del rigore", parole ingannevoli e ANTIEDUCATIVE, perchè hanno di colpo fatto credere a tutto l'orbe cattolico che da quel fatidico giorno d'inizio concilio la CHIESA DIVENTAVA D'UN TRATTO PIU' BUONA CHE NEI 19 SECOLI precedenti, come una Madre che si pentiva di essere stata TROPPO SEVERA (o cattiva o poco ACCOGLIENTE E CARITETEVOLE)   e che, magari, era ora pronta a chiedere scusa al mondo per questa CATTIVERIA PASSATA  (come abbiamo poi effettivamente visto nel pontificato di GPII...)   
    </span>

    RispondiElimina
  30. <span><span>...e il grande pernicioso equivoco continua a seminare confusione nelle coscienze, come sentiamo nel 99,9% delle omelie domenicali, purtroppo! così son dovuta fuggire via da una Messa, con disgusto e amarezza, cercando (invano) rifugio altrove, dopo aver sentito in diverse parrocchie ripetere lo stessoritornello  melenso, buonista e INGANNATORE DI ANIME, (quello stesso che sta lamentando la Ospite più sopra):</span>  
    <span>i preti non fanno altro che ripetere che ..."Gesù non è venuto a portare una religione, ma ad incontrare i cuori [o i popoli e le civiltà, varianti leggere da un celebrante all'altro...]....e che il cristianesimo, cari fedeli, non dovete pensare che<span> </span>significhi rispettare delle norme, per paura di fare peccato...no no, non è questo !...."    :(  </span> 
    <span>dimenticando così  quelle parole di Nostro Signore che dice:    
    </span><span><span>“Non pensate che io sia </span></span><span>venuto ad abolire la Legge</span><span><span> o i Profeti; </span></span><span>non sono venuto</span><span><span> per </span></span><span>abolire</span><span><span>, ma per dar loro compimento.”</span></span><span></span>  
    <span><span>(Mt. 5,17)</span></span><span></span>  
    <span>....e i pastori di anime confuse continuano a farsi ciechi e guide di ciechi ! </span>  
    <span>perchè non vogliono parlare NE' di SALVEZZA eterna, che è sempre in pericolo a causa delle tentazioni, NE' della necessità della buona battaglia, per CONSERVARE LA FEDE, in tutte le prove, cioè nelle tentazioni contro tutte le virtù cristiane, milizia sempre necessaria, INEVITABILE fino alla fine della vita; tutto ciò tralasciano di insegnare, dimenticando così anche l'altro monito di S. Agostino:</span>  
    <span>COLUI CHE TI HA CREATO SENZA DI TE, NON TI SALVERA' SENZA DI TE !</span></span>

    RispondiElimina
  31. <span>"è proprio questo l'errore modernista: tenere tutto sotto controllo, voler spiegare tutto e capire tutto"</span>
    Si, don Bernardo, questo aspetto a cui non avevo mai pensato mi sembra calzi a pennello con la situazione attuale. Stiamo arrivando ormai a psicanalizzare Dio perchè non sopportiamo l'esistenza di un mistero, quindi della trascendenza. E' l'ultimo atto estremo di un illuminismo razionalista penetrato nella Chiesa di Cristo. Vorremmo rendere la nostra fede tutta spiegabile scientificamente, vorremmo non che fede e ragione si completassero, ma che coincidessero. Allora mi domando: se fede e ragione dicono la stessa cosa, se sono uguali, che bisogno c'è del salto fiducioso della fede quando posso affidarmi all'evidenza della ragione? Aggrappandoci al dogma dell'Incarnazione facciamo di Dio un fratello dimenticandoci che è anche Padre; ne facciamo soltanto il nostro Salvatore (in base alle nostre esigenze) dimenticandoci che è anche Creatore e proprio perchè ci ha creati ha saputo redimerci; facciamo di lui, alla fin fine l'amico invisibile con cui parlare nei momenti di afflizione, dimenticandoci che Egli ci tiene amorevolmente nella sua mano, Rex regum et Dominus dominantium, che spazzerà la sua aia, che domina con scettro di ferro, che verrà come giusto giudice, che ci ama di amore infinito proprio perchè essendo il Giusto non ci ama per connivenza e indifferenza rispetto alla nostra condotta, ma ci ama e allo stesso tempo si sdegna a motivo della giustizia e dell'amore per i quali ci ha creati; dimentichiamo che la sua trascendenza ha la massima espressione sulla Croce: un amore imparagonabile al nostro, un mistero incomprensibile davanti al quale ci si copre la faccia e dinnanzi al quale i re si chiuderanno la bocca.

    RispondiElimina
  32. <p><span>IL CASO DE MATTEI. LA GIUSTIZIA E LA MISERICORDIA DIVINE. LETTERA APERTA A P. GIANDOMENICO MUCCI - di P. Giovanni Cavalcoli, OP </span>
    E' un poco lungo da leggere, ma credo ne valga la pena. Riporto unicamente il seguente passaggio, assai significativo per il riferimento alla usuale azione pastorale dei nostri Reverendi Episcopi:

    </p><p><span>"Ma, come ho detto in altre occasioni, la cosa secondo me più conturbante è stato il silenzio dell’episcopato, che ha lasciato solo l’eroico De Mattei. Ma di che cosa il Vescovo deve soprattutto parlarci con parresia e tempestività se non del senso cristiano del bene e del male, della santità e del peccato, del premio e del castigo, del paradiso e dell’inferno, della gioia e della sofferenza, della giustizia e della misericordia di Dio, della sua bontà ed onnipotenza, del perdono, della Redenzione, di Gesù Crocifisso, delle sofferenze dei santi, confutando gli errori contrari e facendo tacere gli sciocchi e gli empi, come dice la Bibbia?"</span></p>

    RispondiElimina
  33. Antonio Assisi2 giugno 2011 11:51

    CONCORDO.
    SANTA MARIA REGINA DELL'UNIVERSO PREGA PER NOI

    RispondiElimina
  34. Io non ho una conoscenza teologica da poter intavolare una discussione per appoggiare il De Mattei o meno, ma nella mia semplicità mi affido alla lettura della Parola di Dio e delle esortazioni dei Santi, prima tra tutti San Francesco (quello vero, non quello dei media e dei film) per comprendere lda che parte stia la Verità.

    RispondiElimina
  35. Dio è amore ma è anche un giudice giusto e il peccato merita una punizione. Tutta la Chiesa per 2000 anni ha insegnato questo, i Santi, la Parola di Dio ... capisco che è più facile far passare un "Dio" languido pronto solo a dispendare carezze, ma non è il Dio di Abramo, Isacco e Giacobbe, ma il "Dio" creato ad uso e consumo di questa società che vuole tutto e che tutto sia permesso, in ogni campo, quello spirituale compreso.

    E anche nell'educazione dei figli, dire sempre SI senza qualche NO e qualche punizione o scappellotto, non si fa il bene dei propri figli (come mostra la società di oggi) e Dio è un Padre che ama e che spesso corregge proprio per amore.

    RispondiElimina
  36. <span>Si scansi, cara Luciana, che adesso arriva il fulmine della Redazione. Qui è severamente vietato accennare alla setta innominabile da lei menzionata. Ovviamente tale divieto scatta solo se si osa usare accenti critici...</span>

    RispondiElimina
  37. <span>infatti è Dio stesso che dice:  
    <span> Tutti quelli che amo, io li riprendo e li correggo; sii dunque zelante e ravvediti.</span>  
    (Ap 3: 19)</span>

    RispondiElimina
  38. Passa, fin dalla fondazione nel 1951, al vaglio della Segreteria di Stato. Fino a Pio XII incluso il Papa riceveva due volte al mese il direttore. Da Giovanni XXIII a Paolo VI il direttore era ricevuto con la stessa cadenza dal Segretario di Stato. Da Casaroli in poi il direttore (a causa di malefatta commessa dal direttore Sorge) fu ricevuto da un funzionario della Segreteria di Stato. Casaroli non volle più avere a che fare con Sorge. Con la direzione di Salvini il direttore iniziò ad esser ricevuto due volte al mese dal Sostituto della Segreteria di Stato o dal Segretario per i rappori con gli Stati. Cappittomihhai? 

    RispondiElimina
  39. E' la solita tesi modernista, tipica anche de La Civiltà cattolica (che trasuda di modernismo): rinunciamo a proclamare la nostra fede in tutta la bellezza e radicalità perchè se non faremmo la figura dei cretiti.
    Ma i modernisti sono tali (cretini) già quando iniziano a ntemere il giudizio del mondo

    RispondiElimina
  40. Sentite ... sono stato abbonato a La Civiltà Cattolica per venti anni (1991-2010), poi ho detto basta. A parte il livello sempre più infimo della nuova generazione di gesuiti (Larivera, Cucci, Spadaro che è incomprensibile), quella è una banda di modernisti. Forse ne va esente il vecchissimo P. Rulli o P. Macchi. Però ... è un modernismo fortissimamente voluto dalla Segreteria di Stato perchè tutti gli articoli, prima di andare in pubblicazione, DEVONO essere approvati dalla Segreteria di Stato. TUTTI. Ringraziamo pertanto gli eminentissimi cardinali di S.R.C.: Jean Villot, Agostino Casaroli, Angelo Sodano e, dulcis in fundo, Tarcisio Bertone

    RispondiElimina
  41. Ecco tutta la vicenda:
    ""A chi rimetterete i peccati saranno rimessi"(Jov. XX,23)
    21 Dicembre 2004, Sant'Anastasio d'Antiochia, Vescovo & Martire
    fORSE alcuni di voi sanno già di che si tratta.
    Il testo è lungo.
    Leggetelo con attenzione e fatemi sapere che ve ne sembra. La mia
    impressione
    è che è un vero miracolo l'esistenza di personaggi così. Inoltre, NON
    CAPISCO come il Nalin si trovi a proprio agio in una situazione come
    l'attuale corso ecclesiale, dove sono più in carattere tizi come i suoi
    critici.
    Infine, a parziale compresione (che, sia ben chiaro, non è certo
    GIUSTIFICAZIONE) dei comportamenti del figlio, c'è da dire un particolare
    che, in effetti, è stato notato dallo stesso Nalin.
    Quando dichiara:- " Mariano deve aver fatto delle brutte esperienze", forse
    si riferisce proprio ai due anni in Convento. Certo è che, se, il
    Post-Concilio ha colpito qualche cosa, la più colpita è stata la vita
    consacrata. Disse un anziano Cappuccino che, dopo il Concilio e grazie al
    Concilio, tra i religiosi è entrato il D.D.T.
    Ovvero DONNE, DENARI E TITOLI (Accademici e nobiliari). Di conseguenza,
    molti hanno aggiunto ai tre voti degli attributi:
    Obbedienza "Dialogata";
    Castità "Arrangiata"
    Povertà "MEGLIO NON PARLARNE". Con tali presupposti, quando il Mariano ha
    messo a confronto l'austero stile di vita paterno, con i televisori in cella
    (pardon, in camera) che può aver trovato tra i frati, fate un po' i conti
    voi

    RispondiElimina
  42. Dice che Satana gliel'aveva giurata, con la voce cavernosa
    di una ragazza indemoniata: "Te la farò pagare cara!".
    Raccontò il fatto al cardinale Albino Luciani, una volta che
    ebbero occasione di pranzare insieme, e il futuro papa ne fu
    molto turbato. Quel giorno, a Lourdes, il barelliere Claudio
    Nalin, pensionato di 59 anni, figlio spirituale di padre Pio
    e terziario francescano, stava per afferrare un santino di
    San Michele arcangelo custodito nel portafoglio. "Fermo! Non azzardarti a
    prendere ciò che tieni nella tasca! Noi di qua non ce ne andiamo", gli
    intimò il principe delle tenebre,
    vomitando bestemmie dalla bocca del giovane corpo
    rattrappito su un lettino, gli occhi ribaltati all'insù, le
    unghie delle mani bluastre, le labbra violacee della morte.
    È stato di parola: 36 mesi di reclusione. Così ha
    sentenziato il tribunale di Bolzano. Nalin maltrattava
    quattro dei sette figli, che oggi hanno dai 34 ai 19 anni.
    La più ignominiosa delle condanne per un padre, soprattutto
    se a denunciarti è uno dei sette, il tuo maschio
    primogenito. Soltanto sulle tre femmine, secondo i giudici,
    l'uomo non ha mai alzato le mani. Ottenendo peraltro ottimi
    risultati dal suo punto di vista: si sono fatte tutte suore.
    Elena, 30 anni, addirittura missionaria a Togliattigrad, in
    Russia. È venuta in aula a scagionare il papà dalle tremende
    accuse di Mariano, 28, un passato da aspirante frate, ora
    gelataio, scappato di casa e andato a vivere con una ragazza
    in Val Sarentina. 

    RispondiElimina
  43. "Ne ho parlato con un santo vivente. Mi ha detto: "Caro
    Claudio, dovevi aspettartela questa macchinazione diabolica"".
    E invece no, l'omone lungo un metro e 86 non se la sarebbe
    mai aspettata. Ingenuo. Bastava che leggesse con più
    attenzione l'Alto Adige. Quando il giornale della città dove
    vivi ti sbatte in pagina una quindicina di volte in otto
    mesi, titolando "Una storia da Medioevo" il 26 febbraio,
    "Una storia medioevale" il 1° aprile, "Una storia da
    Medioevo" il 26 giugno, c'è poco da stare allegri, anche con
    riferimento alla fantasia dei giornalisti. Se poi ti
    definiscono per una ventina di volte "fanatico religioso" e
    "padre-padrone", difficile schiodarsi di dosso l'ombra del
    pregiudizio che alla lunga farà di te appunto un
    pregiudicato.
    La cosa più sbalorditiva è che Claudio Nalin, già socio di
    un'azienda per l'import di legname ma ripetutamente definito dai medesimi
    cronisti "falegname" forse per una
    allusione al padre-padrone San Giuseppe, dimostra animo
    lieto e cuore sgombro persino dopo il processo. Riesce
    ancora a sorridere, parla con pacatezza e ha la stessa
    espressione di serafica beatitudine che ho visto irradiare
    dal volto di un altro uomo abituato a baruffare spesso col
    demonio, il francescano Mariangelo da Cerqueto, noto come Frate Indovino.
    Del quale Nalin ha l'identica barba candida, che su una camicia priva di
    colletto e chiusa fino all'ultimo bottone potrebbe obiettivamente farlo
    assomigliare a un ministro iraniano.Non si può dire che i metodi educativi
    desunti dal capo d'imputazione
    siano d'uso corrente: qualche colpo di flagello invece degli
    scapaccioni, una dormita sul pavimento, lavate di capo sotto il rubinetto,
    digiuno a pane e acqua, divieto di introdurre in casa le musicassette dei
    Duran Duran.

    RispondiElimina
  44.  Episodi sporadici e datati. Ma raccolti in mazzo ed esibiti
    prima sulla stampa e poi nelle aule di giustizia hanno avuto un effetto
    dirompente. I difensori, il professor Mauro Ronco di Torino, ordinario di
    diritto penale all'Università di Padova ed ex membro del Consiglio superiore
    della magistratura, e l'avvocato Giuseppe Silvestri di Bologna, faranno di
    tutto per dimostrare in Appello e in Cassazione che Nalin ha
    semplicemente applicato quello ius corrigendi, diritto di
    correzione, previsto dal codice nell'esercizio della potestà
    genitoriale.
    Nonostante non si sposti in calesse come gli Amish della
    Pennsylvania, e parli in diretta satellitare quattro volte
    la settimana su Teleradio Buon Consiglio, e usi il
    telefonino, Nalin appartiene a un altro tempo senza far
    nulla per nasconderlo. È il tempo di suo padre, dei suoi
    nonni, dei suoi bisnonni, che tuttavia non risulta sia stato
    abolito per decreto legge. Lui vive in pace con se stesso
    nel proprio mondo, che non è il mondo secolarizzato d'oggi.
    Forse si tratta d'un estremo tentativo di conformarsi alla
    dottrina del suo Cristo, e anzi superarla di slancio: "Voi
    siete di quaggiù, io sono di lassù; voi siete di questo
    mondo, io non sono di questo mondo" (Giovanni VIII, 23). Una volta
    l'avrebbero chiamata santità.

    RispondiElimina
  45. Mi descriva la sua giornata tipo.
    "Sveglia alle 6. Messa dai carmelitani. Aiuto mia moglie
    nelle faccende di casa: me l'hanno distrutta, con questa
    brutta storia, le sono crollate le difese immunitarie, le è
    venuto il cancro, è stata operata due volte. Il pomeriggio
    dialogo con gli ascoltatori della radio".
    Di che parla?
    "Ieri ho commentato il brano evangelico dell'uomo che costruisce la casa
    sulla sabbia: cade la pioggia, straripano
    i fiumi, soffiano i venti e la casa viene giù. Così le
    famiglie d'oggi, fondate su sesso e soldi. Bisogna costruire
    la casa sulla roccia perché stia in piedi.
    Dalle 21 alle 22 adorazione nella chiesa del Sacro Cuore".
    Niente Tv?
    "Per il Giubileo ne avevo messa in funzione una molto
    vecchia, trovata in soffitta. L'è s-ciopà e con tanta gioia
    ho detto basta. Padre Pio lo predisse: "Quando entrerà nelle
    case l'Imperatrice", la televisione, "ne uscirà la Regina".
    Del Rosario, intendeva. Volevano fargli vedere Coppi e
    Bartali sullo Stelvio: rifiutò".
    Ha conosciuto padre Pio?
    "Guarì all'istante mia mamma Adelina, sfiorandola col dorso della mano
    piagata dalle stimmate. A 48 anni era mezza morta. Adesso ne ha 94 ed è
    ancora un fringuello. Mio padre, verniciatore, spese le ultime 10.000 lire
    per pagarle il treno fino a San Giovanni Rotondo. A 15 anni andai anch'io a
    conoscere il santo di Pietrelcina. Mi pose una mano in capo: un segno di
    protezione. In seguito padre Pio ordinò che il responsabile del suo gruppo
    di preghiera a Bolzano fosse il più giovane: ero io".
    L'ha più rivisto?
    "Gli chiesi di farmi conoscere una ragazza con la quale
    poter formare una famiglia cristiana. Dopo sette giorni la
    incontrai. Sono stato con lei da padre Pio per un mese.
    Marisa e mia madre hanno avuto una grazia stupenda e
    terribile: furono presenti a un esorcismo che il padre operò
    su due sorelle toscane possedute. Le videro volare di
    schiena, volare letteralmente. Io ho assistito a guarigioni
    e partecipato agli incontri con i suoi figli spirituali, lo
    scienziato Enrico Medi e l'attore Carlo Campanini, il mio
    amico Carletto".

    RispondiElimina
  46. Com'è finito sotto processo?
    "Nel 2002 bussano alla porta tre carabinieri con un mandato
    di perquisizione. Scopro d'essere stato denunciato da mio
    figlio Mariano. Hanno una telecamera. Mi buttano all'aria la
    casa. Filmano tutto. Li sento parlare di bastoni.
    Sequestrano un'asta di legno che Giuseppe, 26 anni,
    ascensorista, usava per fare ginnastica. Poi frugano nella
    mia camera matrimoniale e trovano due discipline".
    Due fruste.
    "Non è esatto. Erano formate da cinque cordicelle lunghe 30 centimetri,
    ognuna con tre nodi. La prima era un pezzo d'antiquariato proveniente dal
    convento delle agostiniane di Montefalco".
    E l'altra?
    "L'avevo intrecciata io col Perlon, una fibra tessile
    sintetica, per insegnare ai francescani come si faceva a
    costruirla. Sa, loro prima usavano le corde. Poco igieniche:
    non si possono lavare, si sfaldano".
    Discipline in Perlon.
    "Padre Pio adoperava le catenelle di ferro ed è diventato
    santo".
    Come si applica la disciplina?
    "Te lo indica il padre spirituale".
    Che cosa ci si batte?
    "Natiche, schiena... Non sono un esperto. So soltanto che
    Santa Margherita Maria Alacoque, volendo contemplare la
    flagellazione di Cristo, si batté per mezz'ora anziché per i
    dieci minuti consigliati dal suo confessore. Alla fine le
    apparve Gesù che la rimproverò: "I primi dieci minuti l'hai
    fatto per me, gli altri venti per il demonio"".
    Infatti, sembrerebbe una perversione.
    "Abbiamo impulsi a fare cose sbagliate. Il peccato è il male
    più grande. Tutti i mezzi sono buoni per evitarlo. San
    Francesco si buttò in mezzo alle spine del roveto per non
    cadere in tentazione. La carne desidera piacere e tu le
    infliggi sensazioni contrarie".
    Che c'è di sbagliato nel piacere?
    "Gli animali si uniscono per procreare. Gli uomini hanno una facoltà in più:
    conoscono i giorni fecondi e quelli
    infecondi".
    Non essendo animali...
    "Mi sembrano più ordinati gli animali. L'uomo vive solo per i sensi,
    s'illude che facciano la sua felicità. Secondo lei
    perché negli Stati Uniti migliaia di giovani intelligenti si
    votano alla castità prima del matrimonio ed alla fedeltà dopo? L'erotismo
    distrugge le famiglie".

    RispondiElimina
  47. Torniamo alla perquisizione.
    "I carabinieri si sono portati via anche una piccozza. Hanno
    lasciato i manici delle scope, non capisco perché. Tutti
    questi reperti sono saltati fuori al processo. Le discipline
    sono state presentate come fruste. Ma le fruste sono quelle
    che si usano sugli animali. O, a proposito di quadrupedi,
    che adoperano i sadici, i masochisti, quelli che fanno
    quelle porcate lì".
    In aula sua moglie ha ammesso che su due figli lei ha usato
    la cosiddetta cordicella. Però sua figlia suor Elena l'ha
    contraddetta sostenendo di non aver mai visto fruste per
    casa. A chi delle due devo credere?
    "Non vi è alcuna contraddizione. Prima di tutto ho usato la
    cordicella molto raramente. Elena, che è entrata in convento
    a 19 anni, non era presente. Poi non ho mai battuto i
    ragazzi per casa. Li portavo nel bagno".
    Quante volte è accaduto?
    "Cinque o sei in tanti anni e solo con i maschi ormai
    adolescenti".
    Dove li batteva?
    "Sul sedere. Non è stata una prassi punitiva corrente.
    Continuavano a combinarne di tutti i colori. Dopo dieci
    volte che avevo promesse di suonargliele, che dovevo fare?
    Lasciar correre? Avrei perso la credibilità".
    Su di sé ha mai provato la cordicella?
    "Qualche volta. È una pratica di penitenza".
    Che effetto fa?
    "Dà dolore, ma non ferisce; è concepita apposta per non
    procurare lesioni, solo un arrossamento. Ti scalda ben bene
    la parte frustata. Per carità, cos'ho detto: disciplinata".
    Non lascia segni?
    "Se la usi per ore, può darsi, non so. Mai procurato
    sanguinamenti. Quelle poche volte che l'ho impiegata alla
    fine i ragazzi ridevano come matti".
    Non mi risulta che San Giuseppe abbia staffilato Gesù con la cordicella.
    "Ah be', era Gesù!".
    Ma non le ripugnava tenere in casa uno strumento di tortura?
    "Non di tortura. Di disciplina. Il numero di questi
    interventi è stato così limitato che la mia figlia maggiore
    non li ha neppure visti. In tribunale ne hanno fatto una
    carneficina".
    Ammetterà che in Italia non sono molti i genitori disposti
    ad approvare il suo modo d'esercitare lo ius corrigendi.
    "In Italia non sono molti neppure i genitori che hanno più
    di due figli. Provi lei a tenerne sette. Padre Pio mi
    diceva: "Mazze e panelle fanne i figghiei belli", mazzate e
    pane fanno i figli belli. I carabinieri mi hanno persino
    sequestrato una mia meditazione su Fatima e sul valore del
    castigo, in cui osservavo che la parola viene dal latino
    castus, casto".
    Ma nel Vangelo o nel catechismo non v'è traccia di castighi
    corporali da infliggere ai figli.
    "Non so".
    Come non sa? Che cristiano è?
    "Io ricordo la frase di padre Pio".
    Lasci stare padre Pio. Parlo del Vangelo.
    "Io so che il flagellato fu Cristo".
    Non per nulla ancora ce lo ricordiamo.
    "Ma lo stesso Gesù intrecciò una sferza di cordicelle e
    scacciò a frustate dal tempio di Gerusalemme i
    cambiavalute".

    RispondiElimina
  48. Suo figlio Mariano sostiene che lei bastonava o frustava lui
    e i suoi fratelli tre volte al mese per far capire loro "che
    cosa è giusto e che cosa è sbagliato".
    "Deve rispondere delle enormi dichiarazioni che fa. Perché
    non sono vere. Di bastonate non ne ha prese mai, neanche
    una. Né lui né i fratelli. Un padre che facesse una cosa
    simile sarebbe manifestamente uno squilibrato. Ora è
    indubbio che se io avessi qualche problema d'equilibrio
    mentale, dopo tutte le diffamazioni e le sofferenze che mi
    sono state inflitte a quest'ora mi sarei già buttato dalla
    finestra. Invece sopporto pazientemente. Nella Bibbia è
    scritto: "Il Signore castiga coloro che gli stanno vicino"".
    È vero che ha costretto i suoi figli a dormire sul
    pavimento?
    "Una sola volta, Mariano e Giuseppe, per due ore. Hanno
    dormito su un tappeto steso sul parquet, ben coperti. E
    quando mi sono coricato io, si sono infilati nel letto anche
    loro. In campeggio la gente dorme per terra all'addiaccio
    per un mese e nessuno trova nulla da ridire".
    Perché li fece dormire due ore sul pavimento?
    "Per punizione. Non ricordo il motivo".
    Che senso ha?
    "I santi eremiti riposavano per terra. L'unico problema del
    dormire è aver sonno. In casa mia, grazie a Dio, nessuno ha
    mai preso il Tavor. E poi non capisco: gli ortopedici
    consigliano di mettere l'asse sotto il materasso per dormire
    sul duro. Che cosa c'è di meglio del pavimento, dico io".
    È vero che li ha tenuti a pane e acqua?
    "È accaduto un venerdì santo a mezzogiorno. Il digiuno
    prescritto dalla Chiesa. E solo per i figli più grandi, che
    hanno aderito spontaneamente".
    E che li ha privati della televisione, della radio, del
    computer?
    "Della Tv ho già detto. Di radioregistratori me ne hanno
    scassati quattro o cinque. Il primo computer fu acquistato
    per Chiara, 21 anni, che frequentava il liceo artistico. Ora
    ne hanno tre o quattro, uno collegato a Internet".
    È vero che imponeva ai figli maggiorenni di rincasare non
    oltre mezzanotte e mezzo e se ritardavano rischiavano, com'è accaduto in un
    paio d'occasioni, di doversi cercare giacigli di fortuna?
    "Se sia accaduto due volte o una sola, non lo rammento. Ma
    avevo imposto questa regola perché fossero tutti in grado,
    il mattino seguente, di fare il loro dovere sul posto di
    lavoro. Non credo che se uno va a letto alle tre il giorno
    dopo sia in grado di rendere al meglio".
    E dove sono andati a dormire quelle due notti, o una?
    "In auto. Ma era estate".
    Come mai non dava ai suoi figli le chiavi di casa?
    "Era solo Mariano che creava problemi. Non potevo aver
    fiducia in lui perché aveva dimostrato d'essere... non so
    che termine usare, molto disordinato, ecco. Gli altri figli
    mi hanno confidato che in mia assenza s'era portato su le
    ragazze e aveva fatto di tutto. 

    RispondiElimina
  49. Una volta la famiglia al
    completo è andata a trovare suor Maria Pia, clarissa in
    Liguria, e lui s'è rifiutato di venire con noi. Al rientro
    abbiamo trovato la porta spalancata: aveva chiamato un
    fabbro ferraio per far scassinare la serratura col trapano".
    È vero che per una musicassetta dei Duran Duran punì i
    quattro maschi?
    "Gradivo sapere che cosa mi entrava in casa. Gli Stati
    mettono le dogane e io come capofamiglia non ho il diritto
    di sapere che cosa mi entra in casa? La cassetta era stata
    nascosta, fu trovata da mia moglie. Non so neppure, neanche adesso, chi siano i Duran Duran.
    Ma era stato infranto un principio. Volevo che dicessero la verità. Chiesi
    di chi fosse il nastro.
    Nessuno dei ragazzi rispose. Li feci stare sul pianerottolo
    una mezz'oretta".
    Dal processo è emerso che lei ha impedito ai suoi figli
    persino di giocare?
    "Ma se casa nostra era più animata di un asilo infantile! Un
    disastro di giochi. Per raccoglierli da terra mia moglie e
    io dovevamo usare il box pieghevole del bambino più
    piccolo".
    Davanti ai giudici Mariano ha raccontato: "Non dimenticherò mai quanto
    accadde un giorno a uno dei miei fratelli, Giovanni o Giuseppe. Aveva
    mangiato un dolce senza autorizzazione: la ritorsione fu pesantissima. Mio
    padre lo prese e gli ficcò la testa in una bacinella colma d'acqua,
    tenendolo fermo sino ai primi sintomi di soffocamento".
    "È falso. Non ricordo chi fosse dei due. Gli ho solo messo
    la testa un attimo sotto l'acqua corrente del rubinetto per
    rinfrescargli le idee".
    I suoi "non ricordo" sono un po' troppo frequenti.
    "Sto solo cercando di ricostruire, mi creda, d'interpretare
    queste esternazioni del mio disagio davanti a certe
    ribellioni dei figli. Il fatto che non ricordi è la
    dimostrazione che li ritenevo atti normali, né ingiusti né
    pericolosi".

    RispondiElimina
  50. In tribunale Mariano ha mostrato al giudice Silvia Monaco
    una cicatrice vicino al naso, esito di una ferita che lei
    gli avrebbe procurato a colpi di bastone, tanto che suo
    figlio si fece medicare al pronto soccorso dell'ospedale San
    Maurizio.
    "Non è vero, non è assolutamente vero. Non esiste agli atti
    del processo nessun referto medico o certificato di pronto
    soccorso che attesti lesioni traumatiche sui miei figli.
    Mariano ha una piccola cicatrice vicino al naso per una
    ferita che s'è procurato da solo con la lente degli
    occhiali".
    Insomma, lei sarebbe vittima di una macchinazione? È questo che mi sta
    dicendo?
    "Le racconto solo un episodio. In gita al lago di Carezza
    suor Elena è inciampata ed è caduta a faccia in giù,
    rompendosi due denti e spaccandosi il labbro. La prima
    domanda che le hanno rivolto al pronto soccorso del San
    Maurizio è stata: "Suo padre le ha dato un paio di pugni?".
    Si sono organizzati per questa cosa, sa? La cricca di
    massoni ha contatti estesi. È un piccolo centro, Bolzano.
    Però cari miei...".
    La psicologa Lucia Martinelli ha certificato che il suo
    ultimogenito soffre di disturbi della personalità provocati
    dall'ansia accumulata in famiglia.
    "Il pubblico ministero Donatella Marchesini ha ordinato
    questa perizia dalla quale risulterebbe che Emanuele, a quel
    tempo minorenne, aveva una personalità "borderline". Mio
    figlio oggi ha 19 anni e studia da chef all'Alberghiero di
    Merano. È stato visitato dal professor Anselmo Zanalda,
    neuropsichiatra di Torino, un luminare, che lo ha trovato
    perfettamente normale. Idem una psicologa di Bologna".
    Suor Elena durante la deposizione ha rivelato: "Ricordo che
    mia nonna si lamentava perché Mariano andava da lei per
    guardarsi film in cassetta a luci rosse". Non pensa che
    questa dichiarazione provi il fallimento dei suoi sistemi
    pedagogici?
    "No. Il sistema pedagogico di Gesù verso gli apostoli non
    doveva produrre un Giuda. "Il cuore dell'uomo è un posto
    libero: puoi edificarci un paradiso o scavarci un inferno",
    recita un proverbio della saggezza ebraica. Lucifero era un
    angelo di luce ed è diventato un demonio. Martin Lutero era
    partito bene ed è finito male. Dalla sera alla mattina
    possiamo diventare di tutto. Anche svegliarci musulmani".

    RispondiElimina
  51. Perché Mariano è diventato così? Se l'è mai chiesto?
    "L'ho sempre visto come un figlio che nei disegni divini
    poteva dare e fare tanto. Stava per diventare francescano.
    Ha vissuto per un paio d'anni in convento a Cassino".
    E dunque?
    "È il mysterium iniquitatis che Sant'Agostino condensa nelle parole amor sui
    usque ad contemptum Dei, l'amore di sé fino al disprezzo di Dio. È il
    disordine morale che disintegra l'ordine originario voluto dal Creatore.
    Mariano deve aver fatto delle brutte esperienze, visto qualcosa. Per
    reazione è passato dalla religione dello spirito a
    quella della carne. Mi sono trovato un kamikaze in casa.
    Dava cattivi esempi ai fratelli".
    Tipo?
    "S'alzava a mezzogiorno, bighellonava al bar, si metteva in
    malattia per non andare al lavoro. Ha cambiato una decina di posti. Nessuno
    gli garbava. Diceva che i padroni sfruttano gli operai".
    Lei riconosce d'aver commesso qualche reato o esagerato?
    "Se ho fatto qualcosa, mi rivolgo a Domineddio che vede e sa e può
    giudicare. Personalmente credo d'aver sempre amato i miei figli e d'aver
    cercato di correggerli, anche con metodi forti quando serviva. Però i fatti
    sono stati gonfiati. S'è costruito un libro di balle".
    Fu picchiato o punito severamente da piccolo?
    "Ai miei tempi le prendevano tutti. Sberle dal papà. Sberle
    dalla mamma. Sberle dal curato. Sberle dal maestro. A scuola ci percuotevano
    le nocche delle dita col metro di legno. Sa che cosa mi hanno detto i
    carabinieri quando sono stato convocato in caserma? "Guardi, signor Nalin,
    le carceri di via Dante sono piene di giovani che non hanno mai preso una
    sberla in vita loro"".

    RispondiElimina
  52. Quali strumenti educativi sono leciti, a suo avviso, in
    famiglia?
    "La cultura in cui sono cresciuto io era questa: se facevi
    qualcosa di sbagliato, lo era per tutti, i genitori, il
    maestro, il prete, gli amici, il vigile. Li avevi contro,
    erano solidali nel farti capire le tue mancanze. Adesso
    dicono che i nuovi criteri pedagogici sono migliori. Però mi
    risulta che Benjamin Spock, osannato fautore del
    permissivismo in famiglia, prima di morire sia tornato sui
    propri passi, abbia detto: "Scusate tanto, mi sono
    sbagliato". Ed era titolare di una cattedra di sviluppo
    infantile in America. Il suo libro sulla cura del bambino l'avevano
    ribattezzato "la Bibbia delle madri". Non ho mai né traumatizzato né ferito
    i miei figli. Sono belli, nutriti,
    educati. "Ce ne fossero al giorno d'oggi di ragazzi così!",
    esclamano quelli che li conoscono".
    Si sente perseguitato?
    "Sì, e non credo d'essere l'unico di questi tempi, basti
    pensare al linciaggio subìto da Rocco Buttiglione per aver
    espresso le sue opinioni sulla famiglia davanti al sinedrio
    europeo. Non mi reputo un delinquente, eppure la prima
    sanzione è stata quella di allontanarmi per sei mesi da
    casa. Moglie e figli hanno presentato un'istanza al Pm per
    farmi rientrare. Bocciata. Ho dovuto scontare fino all'ultimo
    secondo l'esilio dalle mura domestiche, nonostante i miei
    cari m'aspettassero a braccia aperte".

    RispondiElimina
  53. È sicuro di questo?
    "Arcisicuro. Ho chiesto a padre Pio una famiglia fondata sulla roccia, non
    sulla sabbia. Hanno fatto di tutto per buttarmela giù con questo fiume di
    calunnie e di fango. Non ci sono riusciti. È stata persino prospettata a mia
    moglie la possibilità di andare a vivere per conto suo, insieme con i
    ragazzi, chiedendo la separazione. "Io amo mio marito", ha risposto Marisa,
    "sono d'accordo con il suo modo di educare, non lo lascerò mai"".
    Dove ha abitato in quei sei mesi?
    "Da amici e conoscenti. È stato umiliante".
    È vero che in casa ha una cappella?
    "Sì. Tre metri per due".
    Con le vetrate policrome.
    "Una piccola immagine dell'Immacolata fissata alla
    finestra".
    E le stazioni della via crucis.
    "Anche. Sono di carta".
    E decine di statue di santi.
    "Solo un padre Pio scolpito nel legno, un Cristo e una
    Madonna. Non credo che sia reato. Però quelli che si mettono in casa la
    Venere di Lesbo sono considerati normali mentre io passo per un pervertito".
    Possibile che non ci sia nulla di vero in ciò che ho letto sui giornali?
    "Hanno scritto che obbligavo i miei figli a pregare tre-quattro ore al
    giorno. Assurdo. Mi hanno diffamato in tutti i modi. L'Alto Adige ha
    strombazzato che ero nel mirino della Curia di Bolzano. Ho alzato il
    telefono e ho parlato col vescovo in persona. "Claudio, non ne so niente",
    mi ha risposto. Per scrupolo ha provato a chiedere al suo vicario generale:
    "Menzogne". Be', ho replicato io, allora fate una smentita. Se n'è
    incaricata la Consulta diocesana dei movimenti laici, di cui faccio parte. È
    uscita solo dopo un mese di sollecitazioni. Un francobollo di due righe a
    pagina 23".
    Però don Fabio Chiarani, cappellano a Caldaro, ha dichiarato che i suoi
    "atteggiamenti vanno giudicati con molta severità", e che "il tribunale ha
    fatto molto bene a infliggere una dura pena a chi distorce in questo modo la
    fede", e che lei ha bisogno di "cure adeguate, perché, non ci sono dubbi, un
    soggetto simile è malato".
    "Potrei denunciarlo. Ma non lo faccio. A Bolzano lo sanno
    anche i sassi che si tratta di un prete un po' sbilenco. Tempo fa ha
    invitato tutti i divorziati desiderosi di accostarsi ai Sacramenti ad andare
    da lui che gliela dà. Celebra riti con gli islamici. L'Alto Adige lo
    interpella sulle questioni di fede come fosse il Papa e cestina le lettere
    in mia difesa".
    Ma se ho visto con i miei occhi la lettera della signora Cristina Bissaro,
    madre di sei figli, che si onora d'esserle amica e afferma d'aver messo su
    una famiglia così numerosa seguendo il suo esempio.
    "È stata subito controbilanciata da questa risposta di un'altra lettrice:
    "Anche nella persona più esemplare si può nascondere un mostro". Testuale:
    un mostro".
    Come mai ha affrontato l'udienza preliminare davanti al giudice Carla
    Scheidle col rosario fra le dita? Non ha fiducia nella giustizia?
    "Tenevo la corona nella mano nascosta sotto la spalla. È bastato che la
    spostassi un attimo per metterla in tasca e i cronisti mi hanno fulminato.
    Padre Pio definiva il rosario "l'arma". Lo usava contro il Maligno. I
    diavoli prendevano a legnate il santo, la sua cella era piena di schizzi di
    sangue. Comunque Gesù ha insegnato: "Beati voi quando, mentendo, diranno
    ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate".
    Nel mio animo c'è gioia. Non sarei mai capace di riversare su chi mi
    perseguita tutto l'odio che ho ricevuto. A me preme soprattutto la
    giustizia di Dio. In quella ho piena fiducia". Signor Nalin, quand'è stata
    l'ultima volta che ha baciato o abbracciato i suoi figli? "Io questo
    veramente non lo so. Li ho baciati e coccolati quand'erano piccoli. Poi
    subentra il pudore dei sentimenti, sono loro i primi a non gradire le
    smancerie dei [...]

    RispondiElimina
  54. Avevo letto della scandalosa vicenda, emblematica circa il disprezzo della famiglia che trasuda da certe sentenze. Il troglodita è colui che definisce troglodita un padre che esercita il suo ruolo.

    RispondiElimina
  55. In questi casi urge il trattamento sanitario obbligatorio! Scimmie!!!

    RispondiElimina
  56. DIO aborrisce il peccato  quindi  terremoti e altro sono anche castighi che LUI PERMETTE  io sono un Arcangelo che cerca solo di far capire che senza i
    castighi il mondo andrebbe in rovina totale. rifellette ora prima che sia troppo
    tardi

    RispondiElimina
  57. Con tutto rispetto, caro Filippo, il trattamento sanitario obbligatorio necessiterebbe a lei.

    RispondiElimina
  58. Caro Silente,
    si vede lontano un miglio che quelle di Filippo sono battute sarcastico-paradossali, che volgiono lanciare un messaggio OPPOSTO a ciò che sembrano affermare.

    RispondiElimina
  59. No, assolutamente. Io non sono affatto sarcastico in questo caso. Vorrei chiedere, a quanti considerano il tale Nalin una specie di martire della fede, visto che
    ritenete del tutto leciti i metodi educativi di questo signore, li applichereste ai vostri stessi figli e familiari? Proibireste ai vostri figli di ascoltare la musica che amano? Se disobbedissero ai vostri ordini e proibizioni, li fareste dormire sul nudo pavimento per punirli? Qualora mangiassero un ciccolatino senza permesso, metteresta la loro testa sotto l'acqua fredda del rubinetto??? Forza, vediamo se avete il coraggio di rispondere.

    Enrico, tu non dici nulla? Faresti quelle cose ai tuoi figli?

    RispondiElimina
  60. Appunto, quod erat demostrandum. Ecco un apolegeta del dott. Spock, pentito troppo tardi, del '68 e del permissivismo. Spero che i suoi figli si candidino al "Grande Fratello".  

    RispondiElimina
  61. Io spero invece che tu e quelli come te non abbiate mai figli.

    RispondiElimina
  62. De Mattei è ormai incontrollabile, sembra Bossi. Cita sempre Sodoma e Gomorra, episodio nel quale Dio scatena la vendetta ma solo dopo aver accertato la totale assenza di innocenti (altrimenti avrebbe risparmiato il castigo) ma dimentica di citare quell'altro passo della Genesi in cui Dio, subito dopo il diluvio universale, proclama solennemente che mai più avrebbe colpito indistintamente gli uomini. E' questo l'insegnamento ricordato dal padre Cantalamessa nell'omelia del venerdì santo: questi eventi calamitosi dove periscono senza differenze giusti e ingiusti non possono essere attribuiti a Dio.
    Il castigo del peccato è l'infelicità in terra e l'inferno nell'altra vita (credo si riferisse a questo anche Benedetto XVI) e non credo che sia una conseguenza migliore.

    RispondiElimina
  63. dire che Mucci possa anche solo lontanamente appartenere alla falange modernista mi sembra semplicemente dettato da ignoranza o malafede

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.