sabato 14 maggio 2011

Suor Maria Francesca FFI: l'eternità della Messa tradizionale

Suor Maria Grazia ha letto l'intervento di suor Maria Francesca (suora di clausura), entrambe dell’Immacolata – dei benemeriti Francescani dell’Immacolata - ed ha tenuto l’intervento  “Le origini apostolico-patristiche della ‘Messa Tridentina’” dove ha spiegato – in maniera  analitica – l’antichità della Messa Tridentina che ha origini precedenti non solo a S. Gregorio Magno, ma addirittura apostoliche. L’eresia antiliturgica – portata avanti dai novatores che si sono succeduti nei secoli -  ha sempre cercato di attaccare i libri liturgici tradizionali. Ricordiamo che la Tradizione è anteriore alla parte neotestamentaria della S. Scrittura.

La creazione di nuova liturgica può indebolire la fede e la  dottrina.
Gesù – come dice l’Aquinate – è stato lui stesso il vero artefice della liturgia cattolica, con le sue modalità, pronunciando la formula eucaristiche e chiedendo che tutto ciò venisse ripetuto. Gli Atti degli Apostoli inoltre osservano che Gesù apparve agli apostoli molte volte e la tradizione dei Padri ci dice che insegnò agli stessi molte azioni liturgiche durante queste apparizioni.
S. Basilio scrive che molti atti liturgica (preghiera verso oriente, benedizione dell’acqua, etc.) hanno origine apostolica come riferisce, inter alia, S. Giustino.
Ha analizzato inoltre  il ruolo di S. Pietro nell’elaborazione della prima liturgia romana come suggerisce anche Dom Gueranger.
Hia nel III secola la Messa aveva acquisito una forma definita.
La grande codifica della Sacra Liturgia avvenne da parte di  S. Gregorio Magno. Che inserì alcune innovazioni, come la recita del Pater appena prima della S. Comunione. C’è una tradizione costante che indica  S. Gregorio come l’ultimo che intervenne a modificare il Canone.
L’intervento di S. Pio V fu solo una codifica di questa Messa antichissima. Nessuno propose un Novus Ordo Missae, cosa ritenuta scandalosa.
Nel 1969 entra nella storia della Chiesa il Novus Ordo Missae che i cardinali Bacci e Ottaviani non esitarono a manifestare dubbi sulla sua opportunità  e la definizione di “liturgia costruita a tavolino “ è del card. Ratzinger.
L’intervento di suor Maria è stato lungamente applaudito.

Luigi

22 commenti:

  1. :-D certi Vescovi e Cardinali, invece di correre da Kiko appena fischia dal suo monte "santo" .... dovrebbero andare dall'UMILE ANCELLA DEL SIGNORE, CONSACRATA che ben rammenta come va fatta la "nuova evangelizzazione", ossia ripartendo dalle radici ECCLESIALI e non da altro....

    RispondiElimina
  2. Rombo di tuono14 maggio 2011 20:09

    A breve fischio d'inizio... Speriamo che il Cagliari faccia bella figura... Se no... Articolo 19 anche ai giocatori.. E gli neghiamo pure di essere un gruppo stabile. Vengono da diverse diocesi ma non si sono stabilizzati

    RispondiElimina
  3. Cosa vogliono i Francescani dell'Immacolata ?14 maggio 2011 20:25

    Quanto sono bravi questi frati....quando c' é da dire una cosa che potrebbe causare guai la fanno dire ad una suora....insomma come quando fanno ritirare i post a Messainlatino e non si firmano, poi loro dicono allegramente la Messa nuova....incomprensibili e ci parlano d'obbedienza fino alla noia, noia, noia....

    Brava la sorella, non ce l'ho con lei, che ha dimostrato coraggio, ce l'ho coi suoi superiori che non si capisce mai da che parte stiano...

    RispondiElimina
  4. ma cosa vuole lei?14 maggio 2011 21:15

    Senta un pò:   1°) i post  con notizie non corrispondenti al vero devono esser levati.  2°) quali guai causerrebbe quello che ha detto la Suora?    3°) che male c'è a dire la Messa nuova? L'istruzione "universalis Ecclesiae" parla anche di validità e legittimità del Novus Ordo. Secondo lei fanno peccato i sacerdoti FI a celebrare anche la Messa "nuova"?  4°)  I  Superiori F.I.  stanno dalla parte del Motu Proprio.   Lei, invece, da che parte sta?

    Brava la Sorella.  Almeno su questo sono d'accordo con lei, caro anonimo.

    RispondiElimina
  5. Redazione:    la sigla dell'Istituto di  Suor Maria Francesca è SFI    :  Suore Francescane dell'Immacolata          FFI   è    la sigla dei Frati.

    RispondiElimina
  6. Lei deve aver preso troppo sole in testa oppure è stato morso da una tarantola. L'esposizione documentata di un legittimo pensiero di una (illustre) esponente religiosa facente parte di un ordine inattaccabile per fede, coraggio, umiltà, perseveranza, cultura, intelligenza, ... e chi ne ha più ne metta, è assolutamente legittima. Lei può non essere d'accordo con quanto esplicato, ma non può o meglio non deve accusare i Frati Francescani dell'Immacolata delle meschinità che ha detto. Che cosa mai ha detto di così pericoloso da creare guai ? E poi perchè lei reputa una "suora" inferiore a un frate (" ... le fanno dire a una suora" )?  E con "allegramente" cosa intende, che la S. Messa la dicono superficialmente o alla moda neocat o similare ? Che i F.F.I. siano anche allegri (dopo la S. Messa) è un segno di edificante prova di fede e di consapevolezza di ciò che hanno appena celebrato. E infine le posso assicurare che conoscendo più a fondo "i suoi superiori" capirà benissimo da che parte stanno, non si sono mai nascosti dietro ipocrisie o anonimati, non ne hanno bisogno.  Assista di più alle funzioni dei F.F.I. e forse conoscerà un modo serio ed efficace di "dire la Messa nuova", accettabilissimo in sostituzione del sempre amato  e preferito (da loro stessi) Vetus Ordo.

    RispondiElimina
  7. Spiace per il Cagliari ma si chiude in bellezza....E per tutti art. 8, a/c

    RispondiElimina
  8. ...stanno dalla parte del Papa!!!! e non è poco! La "sorella" che ha relazionato è perfettamente all'altezza della situazione, per questo è stata scelta, non perchè i frati abbiano paura di esporsi!

    RispondiElimina
  9. Questa è la linea della Santa Sede, nel documento applicativo del Motu Proprio. Se si è cattolici romani, non è possibile non tenerne conto.

    <span><span>“<span>I fedeli che chiedono la celebrazione della forma extraordinaria non devono in alcun modo sostenere o appartenere a gruppi che si manifestano contrari alla validità o legittimità della Santa Messa o dei Sacramenti celebrati nella forma ordinaria e/o al Romano Pontefice come Pastore Supremo della Chiesa universale” (n. 19).</span></span></span>

    RispondiElimina
  10. per voi solo magnificare, come merita, la forma extraordinaria già significa essere contrari, ecc....
    ma andate a ramengo...

    RispondiElimina
  11. E il naufragar me dolce nella disobbedienza15 maggio 2011 13:06

    Qualcuno lo dica a Suor Maria Francesca che il "Breve esame critico del Novus Ordo Missae
    lo scrisse Michel Guérard des Lauriers
    che fu autore anche della tristemente nota " tesi teologica detta di Cassiciacum"

    RispondiElimina
  12. <span>Qualcuno lo dica a Suor Maria Francesca che il "Breve esame critico del Novus Ordo Missae"   
    lo scrisse Michel Guérard des Lauriers  
    che fu autore anche della tristemente nota " tesi teologica detta di Cassiciacum"</span>

    RispondiElimina
  13. ospite, sei male informato, perché alla stesura di quel documento contribuirono molte persone, tra cui anche Cristina Campo e di Certo Ottaviani e Bacci lo revisionarono e lo approvarono, visto che ci hanno messo la loro firma.

    RispondiElimina
  14. Ma quello che si legge sono concetti di Suor Maria Francesca o un sunto del redattore?

    Così come si legge dalle ultime righe il giudizio sul Novus Ordo è chiaramente pesante.

    RispondiElimina
  15. Ma quello che si legge sono concetti di suor Maria Francesca o un sunto del redattore?

    Mi sembra che le ultime righe esprimano un giudizio chiaro e importante sul NOM

    RispondiElimina
  16. attendiamo di poter leggere tutto il testo dell'interessantissimo studio di Suor Maria Francesca.

    RispondiElimina
  17. Rispondere senza volgarità...non è proprio possibile???

    RispondiElimina
  18. Cattolico Tradizionalista15 maggio 2011 18:55

    Ero presente al Convegno. L'intervento di suor Maria Francesca, letto da un'altra suora, è stato stupendo, teologicamente preciso e molto coraggioso. La Superiora delle Francescane dell'Immacolata ha difatti difeso la Tradizione e il Rito Antico come pochi e senza peli sulla lingua.

    RispondiElimina
  19. Cosa vogliono i Francescani dell'Immacolata ?15 maggio 2011 22:52

    Ancora peggio, quel che lei dice é ancora peggio. Vuol dire che ha detto che per Ottaviani la Messa nuova si allontano da Trento e poi fa parte di un ordine che difende la Messa nuova ?

    O allora anche i Francescani dell'Immacolata ce l'hanno con la Messa nuova (ma non é quel che dicono) o forse no o forse....dipende dall'interlocutore....

    Comunque brava la suora, più coraggiosa di tanti altri vestiti di grigio....

    RispondiElimina
  20. Cosa vogliono i Francescani dell'Immacolata ?15 maggio 2011 22:57

    Non ho capito se i superiori sottoscrivono le critiche di Ottaviani oppure no come la suora, la suora ho capito cosa pensa, ma quel che raccontano i superiori non é la stessa cosa, é un fatto. Se vuole lo neghi, ma è un fatto.

    E poi scusi, prima si dice che la Messa nuova si allontana da Trento gravemente (non se lai ha letto Ottaviani....) poi si dice "che male c'é a dire la Messa nuova"???? Ma mettetevi d'accordo oppure dite che siete dei "mezzi tradizionalisti"

    RispondiElimina
  21. cosa vuole lei?16 maggio 2011 09:04

    amico datti una calmata.  Qual è la mancana di coraggio che attribuisci ai Frati ?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.