mercoledì 6 aprile 2011

Strane smentite in merito all'Istruzione sul motu proprio


Andrea Tornielli, che si è preoccupato in passato e tuttora si preoccupa di smentirci ogniqualvolta mostriamo di saperne più di lui circa l'Istruzione sul motu proprio, ha inaugurato ieri il suo nuovo blog contraddicendo - ma senza degnarsi di citarci - l'informazione da noi data sabato sull'argomento. L'articolo di Tornielli è carsicamente scomparso dal suo sito; ne attendiamo la riapparizione. Comunque, secondo lui, "il testo dell’istruzione non è stato inviato agli episcopati, che riceveranno il testo latino e la traduzione nelle rispettive lingue quando tutto sarà completato".

Peccato che quanto da noi riferito circa la distribuzione in corso agli episcopati sia stato affermato nero su bianco dall'agenzia di stampa di uno di questi episcopati: Kerknet.be, il sito che per primo ha dato la notizia, è il portale ufficialissimo della Chiesa belga, sezione fiamminga. E se il sito dei destinatari delle missive dice che le stesse stanno arrivando, a chi dobbiamo credere: ai destinatari, o al vaticanista?

Tornielli scrive anche: "Aggiungo che, nonostante si affermi il contrario, il testo dell’istruzione non è stato modificato in seguito alle anticipazioni preoccupate secondo le quali il documento avrebbe annacquato la portata del motu proprio di Benedetto XVI". Al tempo stesso riferisce che la pubblicazione, originariamente prevista per inizio aprile (così affermava lui stesso: vedi qui) è slittata a maggio e porterà la data del 30 aprile. Tutto questo ritardo - ci dice - per consentire il lavoro di traduzione. Affermazione risibile: perfino del motu proprio Summorum Pontificum mancano a tutt'oggi, dopo quasi quattro anni, tutte le traduzioni ufficiali tranne quella in ungherese (guardate qua), e ci si vuol far credere che invece un documento meramente applicativo, quindi di gran lunga meno importante di quello stesso motu proprio, non può uscire senza la previa redazione delle traduzioni in tutte le lingue, dall'afrikaans allo zulù... Ma ci facciano il piacere, direbbe Totò.

La verità è che, benché le fonti di Tornielli non vogliano assolutamente che si sappia, il Papa ha ripreso felicemente in mano il testo dell'Istruzione, dopo che a febbraio si è diffusa la notizia di un pericoloso annacquamento delle disposizioni. Che sono state quindi riscritte in alcuni punti sensibili (anche se non tutti, purtroppo), sottoposte nuovamente agli organi competenti - cosa che prende il suo tempo - e solo ora giungono nuovamente al lavoro di traduzione. Rodari il 16 febbraio scriveva che il documento era pronto e si attendeva solo che finissero le traduzioni... due mesi e mezzo per un lavoro che era solo da "finire" e quindi doveva essere già a buon punto? suvvia, si posson trovare scuse migliori.

L'unico passaggio verosimile del pezzo di Tornielli è dove ipotizza che il documento porterà la data del 30 aprile e uscirà qualche giorno dopo. Questo è credibile: non solo perché al 30 aprile cade, come si fa notare, la memoria di San Pio V (secondo il novus ordo: per il calendario tradizionale, la festa è - duplex - il 5 maggio; una buona data per la pubblicazione effettiva); ma soprattutto perché in quei giorni l'attenzione mediatica sarà distratta dalla baraonda della beatificazione del Santo Subito. E dato che l'Istruzione tocca una materia sensibile e controversa, meglio approfittarne: del resto il motu proprio stesso non era uscito a ridosso del letargo estivo? 


Enrico

106 commenti:

  1. Simon de Cyrène6 aprile 2011 08:02

    La morale di questa storia: niente vale meglio che i fatti veri, dimostrati, pubblici e controllabili.
    La morale della morale di questa storia: bisogna fuggire dalle dietrologie ed dai processi di intenzione come la peste bubbbonica.
    La morale della morale della morale di questa storia: c'è chi ha il munus regendi e chi no e bisogna rispettare questo stato di fatto e viverlo gioiosamente da cattolico vero.
    La morale della morale della morale della morale di questa storia: Ubi Petrus Ibi Ecclesia. I.P.

    RispondiElimina
  2. Altra morale della storia è che, cari amici, qualcuno ci dia lezioni di "bon ton ecclesiale". O no? Ogni riferimento è assolutamente voluto.

    RispondiElimina
  3. Volevo dire, scusate, che è abbstanza fuori luogo che qualcuno, dall'alto della sua autoproclamata ed indiscutibile superiorità, ci dia lezioni di "bon ton ecclesiale".

    RispondiElimina
  4. Non metto in dubbio le fonti di Messainlatino e, quindi, sono portato a credere a quanto esso afferma. Detto questo, tuttavia, è effettivamente un pò strano che un Papa come Benedetto XVI, il quale non si è mai dimostrato nè forte nè risoluto e che non ha mai preso di petto situazioni drammatiche di anarchia (caso Thiberville, nomine episcopali deleterie, ecc...), abbia voluto personalmente mettere mano ad un documento curiale soltanto perchè alcuni cattolici preoccupati e allarmati hanno gridato "al lupo al lupo"!
    Chissà se il Papa sia neanche stato informato delle nostra proteste...onestamente ci credo poco...

    RispondiElimina
  5. Effettivamente il nuovo sito sembra avere dei problemi, già ieri Tornielli lo aveva spiegato per la moderazione.
    Vedremo se il post riapparirà con i suoi commenti, penso e spero di sì.
    Come dicevo là, dico qui che sia le anticipazioni, che ci hanno allarmato, che le smentite, riprese da Tornielli, provengono da fonti che non hanno per noi un nome, che vogliono o devono restare anonime, che anche attraverso quei filtri mediatori ciò che esce  ci permette di  intravedere solo un pallido riflesso   della sottile e oscura trama dei giochi di potere intra muros vaticani.
    Ma aggiungo qui che se Enrico, e con lui molti altri,  hanno dato da subito credito alle anticipazioni è perchè la fonte era, ed è sicura, e affidabile.
    Di questo ne sono certa, allora ancora grazie a tutti coloro che si sono mossi, non ci diranno di certo mai che il Papa è intervenuto, ma quel che conta è il risultato finale, anche con le riserve sui due punti che conosciamo.

    RispondiElimina
  6. <span>Effettivamente il nuovo sito sembra avere dei problemi, già ieri Tornielli lo aveva spiegato per la moderazione.  
    Vedremo se il post riapparirà con i suoi commenti, penso e spero di sì.  
    Come dicevo là, dico qui che sia le anticipazioni, che ci hanno allarmato, che le smentite, riprese da Tornielli, provengono da fonti che non hanno per noi un nome, che vogliono o devono restare anonime, che anche attraverso quei filtri mediatori ciò che esce  ci permette di  intravedere solo un pallido riflesso   della sottile e oscura trama dei giochi di potere intra muros vaticani.  
    Ma aggiungo qui che se Enrico, e con lui molti altri,  hanno dato da subito credito alle anticipazioni è perchè la fonte era, ed è, sicura e affidabile.  
    Di questo ne sono certa, allora ancora grazie a tutti coloro che si sono mossi, non ci diranno di certo mai che il Papa è intervenuto, ma quel che conta è il risultato finale, anche con le riserve sui due punti che conosciamo.  
     
    </span>

    RispondiElimina
  7. Non sarei così pessimista.
    Anzi ho il "sentore" che il Papa sia stato informato.

    RispondiElimina
  8. Purtroppo Tornielli ha ragione - come spesso succede, tra l'altro - e tutta questa buffonata degli appelli e degli allarmi ha gettato ancora più discredito su tutti noi, facendo gongolare lefevriani e sedevacantisti ufficiali e facendo associare tutti i fedeli del rito antico alle comari isteriche che svillaneggiano il Papa e molti suoi collaboratori. Tutta questa cagnara è basata su fonti anonime quanto quelle di Tornielli, che però ha un solido record di accuratezza dalla sua.

    Il Papa, tra l'altro, non ha ancora visto l'istruzione e perciò non c'è stato nessun intervento. Persone non tradizionaliste ma neanche nostre nemiche vengono calunniate e speriamo non comincino a mettere bastoni tra le ruote a forza di essere vilipese. Nessun intervento sul testo è stato finora diverso dalle normali revisoni e aggiustamenti che si fanno quando si elabora un qualunque atto di governo. Non cìè nessuna "bozza Pozzo" e nessuna bozza alternativa "modernista". L'Ecclesia Dei deve già fare fronte a tante pressioni e ostilità, ma poche cose la danneggiano come i disastri mediatici creati dai bene informati e più "tradizionalisti" del custode della Tradizione, che è il Papa.

    I peggiori nemici della Tradizione sono i "tradizionalisti" che offrono assist da finale dei Mondiali di calcio ai modernisti coll'attaccare il Papa e la curia con una biliosità e un'incompetenza da capogiro. 

    Significativo anche l'insolenza sulla "beatificazione del Santo Subito". Che il Signore vi perdoni. Non sarà certo grazie a queste bassezze che potremo continuare ad adorare il Signore come i nostri antenati, e come abbiamo sofferto tanto per poter continuare a fare. Anche attaccare ingiustamente una voce del mondo mediatico seguita come Tornielli, mai stato nostro nemico e sempre equilibrato, è davvero una gran furbata. 

    RispondiElimina
  9. <span>Purtroppo Tornielli ha ragione - come spesso succede, tra l'altro - e tutta questa buffonata degli appelli e degli allarmi ha gettato ancora più discredito su tutti noi, facendo gongolare lefevriani e sedevacantisti ufficiali e facendo associare tutti i fedeli del rito antico alle comari isteriche che svillaneggiano il Papa e molti suoi collaboratori. Tutta questa cagnara è basata su fonti anonime quanto quelle di Tornielli, che però ha un solido record di accuratezza dalla sua.  
     
    Il Papa, tra l'altro, non ha ancora visto l'istruzione e perciò non c'è stato nessun intervento. Persone non tradizionaliste ma neanche nostre nemiche vengono calunniate e speriamo non comincino a mettere bastoni tra le ruote a forza di essere vilipese. Nessun intervento sul testo è stato finora diverso dalle normali revisoni e aggiustamenti che si fanno quando si elabora un qualunque atto di governo. Non c'è nessuna "bozza Pozzo" e nessuna bozza alternativa "modernista". L'Ecclesia Dei deve già fare fronte a tante pressioni e ostilità, ma poche cose la danneggiano come i disastri mediatici creati dai bene informati e più "tradizionalisti" del custode della Tradizione, che è il Papa.  I peggiori nemici della Tradizione sono i "tradizionalisti" che offrono assist da finale dei Mondiali di calcio ai modernisti coll'attaccare il Papa e la curia con una biliosità e un'incompetenza da capogiro.   
     
    Significativo anche il commento sulla "beatificazione del Santo Subito". Che il Signore vi perdoni. Non sarà certo grazie a queste bassezze che potremo continuare ad adorare il Signore come i nostri antenati, e come abbiamo sofferto tanto per poter continuare a fare. Anche attaccare ingiustamente una voce del mondo mediatico seguita come Tornielli, mai stato nostro nemico e sempre equilibrato, è davvero una gran furbata. </span>

    RispondiElimina
  10. <span>Purtroppo Tornielli ha ragione - come spesso succede, tra l'altro - e tutta questa buffonata degli appelli e degli allarmi ha gettato ancora più discredito su tutti noi, facendo gongolare lefevriani e sedevacantisti ufficiali e facendo associare tutti i fedeli del rito antico alle comari isteriche che svillaneggiano il Papa e molti suoi collaboratori. Tutta questa cagnara è basata su fonti anonime quanto quelle di Tornielli, che però ha un solido record di accuratezza dalla sua.    
       
    Il Papa, tra l'altro, non ha ancora visto l'istruzione e perciò non c'è stato nessun intervento. Persone non tradizionaliste ma neanche nostre nemiche - dentro e fuori la Curia -  vengono calunniate e speriamo non comincino a mettere bastoni tra le ruote a forza di essere accusate di cose che non hanno mai fatto e nemmeno inteso fare. Nessun intervento sul testo è stato finora diverso dalle normali revisoni e aggiustamenti che si fanno quando si elabora un qualunque atto di governo. Non c'è nessuna "bozza Pozzo" e nessuna bozza alternativa "modernista". L'Ecclesia Dei deve già fare fronte a tante pressioni e ostilità, ma poche cose la danneggiano come i disastri mediatici creati dai bene informati e più "tradizionalisti" del custode della Tradizione, che è il Papa.  I peggiori nemici della Tradizione sono i "tradizionalisti" che offrono assist da finale dei Mondiali di calcio ai modernisti coll'attaccare il Papa e la curia con una biliosità e un'incompetenza da capogiro.     
       
    Significativo anche il commento sulla "beatificazione del Santo Subito". Che il Signore vi perdoni. Non sarà certo grazie a queste bassezze che potremo continuare ad adorare il Signore come i nostri antenati, e come abbiamo sofferto tanto per poter continuare a fare. Anche attaccare ingiustamente una voce del mondo mediatico seguita come Tornielli, mai stato nostro nemico e sempre equilibrato, è davvero una gran furbata. </span>

    RispondiElimina
  11. <span>adorare il Signore come i nostri antenati,</span>

                       QUALI   antenati,  esattamente  ?

    RispondiElimina
  12. <span><span>adorare il Signore come i nostri antenati,</span>  
     
                       QUALI   antenati,  esattamente  ?</span>
    QUANTI,    E DI QUALI E QUANTI  anni  o  secoli, nell'arco di     1977   anni  ?

    RispondiElimina
  13. quale   santità, secondo lei, dimostra un Papa che ordina di respingere la statua della Madonna, Madre SS.ma di Nostro Signore, lasciandola <span>fuori dal gran consesso</span> dei "diversamente oranti", perchè secondo lui offende gli altri credenti nel favoloso meeting di Assisi1986  ?

    RispondiElimina
  14. Io francamente sono un po' stufo del tono poco caritatevole e inutilmente polemico che assumono certi post (quello di specie, oggi, nei confronti di Tornielli). Sono anni che vi seguo, ma se non cambiate tono scusate tanto ma mi cancello dal RSS, poi fate un po' vobis

    RispondiElimina
  15. toglierò questi miei due commenti, perchè non voglio alimentare un OT.
    Ma resta la gravità dellora buia che la Chiesa di Cristo sta attraversando, nella quale non si capisce più nemmeno QUALE sia il concetto della SANTITA' che essa aveva sempre insegnato, perseguito e autenticato secondo la Dottrina di sempre.
    i cattolici di oggi, al 99% non sanno più che cosa sia la santità, non viene più insegnato dai pastori piccoli e grandi, e si arriva a canonizzare seguendo i criteri moderni della POPOLARITA', soprattutto.
    E son queste le cose gravissime su cui è urgente meditare, avvicinandosi la Santa Passione di Nostro Signore, che ha versato tutto il suo sangue per redimere il mondo peccatore, ma viene e verrà silenziato tranquillamente davanti al mondo, in un HAPPENING che non ha nulla di SANTO, NE' di santificante per le anime, cattoliche, nè di attraente alla conversione alla Fede Cattolica  !
    e tuttavia quell'HAPPENING mondano-politico-mediatico sarà da tutti considerato santo, perchè  voluto e fatto da un Papa beatificato, con gran clamore di pubblicità che stanno riempiendo il pianeta....
    TUTTO da meditare, caro ospite,  questo  buio succedersi di eventi rumorosi (più mondani che altro....) davanti alla Croce di Nostro Signore, che verrà oscurata anch'essa, in seguito a questa beatificazione clamorosa !

    RispondiElimina
  16. questa storia non ha anocra una morale perché dobbiamo ancora attenderne la conclusione.
    Francamente siamo stanchi di prendere lezioni da chi si ostina a confondere con "rumori" o dietrologie notizie, la cui attendibilità è commisurata all'autoerevolezza delle fonti diffuse dalla Redazione che, se così non fosse, non ne avrebbe tenuto alcun conto.
    Continuare ad affermare il contrario significa mancare di rispetto alla Redazione ed alle sue fonti.
    Vivere gioiosamente da cattolico vero non significa chiudere gli occhi alla purtroppo macroscopica crisi della nostra Chiesa. Sembra un paradosso, ma per un vero cristiano non lo è: si può abbracciare la Croce e accettarne la sofferenza - che per quanto riguarda la Chiesa di oggi viviamo sulla nostra pelle e nelle profondità del nostro cuore -  ma nello stesso tempo custodirvi la gioia del Signore Risorto che già ora sta salvando e sempre salverà la sua Chiesa.

    RispondiElimina
  17. <span>toglierò i miei due commenti, perchè non voglio alimentare un OT.  
    Ma resta la gravità dell'ora buia che la Chiesa di Cristo sta attraversando, nella quale non si capisce più nemmeno QUALE sia il concetto della SANTITA' che essa aveva sempre insegnato, in quasi 20 secoli, perseguito, riconosciuto e autenticato nei suoi Santi, secondo la Dottrina di sempre.  
    I cattolici di oggi, al 99% non sanno più che cosa sia la santità, non viene più insegnato dai pastori piccoli e grandi, e si arriva a canonizzare seguendo i criteri moderni della POPOLARITA', soprattutto.  
    E son queste le cose gravissime su cui è urgente meditare, avvicinandosi la Santa Passione di Nostro Signore, che ha versato tutto il suo sangue per redimere il mondo peccatore, ma viene e verrà silenziato tranquillamente davanti al mondo, in un HAPPENING che non ha nulla di SANTO, NE' di santificante per le anime cattoliche, nè di attraente alla conversione alla Fede Cattolica  !  
    e tuttavia quell'HAPPENING mondano-politico-mediatico sarà da tutti considerato "santo", perchè  voluto e fatto da un Papa beatificato, con gran clamore di pubblicità che sta riempiendo il pianeta....  
    TUTTO da meditare, caro ospite,  questo  buio succedersi di eventi rumorosi (più mondani che altro....) davanti alla Croce di Nostro Signore, che verrà oscurata anch'essa, in seguito a questa beatificazione clamorosa !</span>

    RispondiElimina
  18. Non condivido, ospite, il suo allarmismo. Non credo che le nostre preoccupazioni manifestate nei confronti delle norme applicative siano state eccessive o controproducenti, anzi. Che abbiano o meno contribuito a modificare positivamente il testo finale, sono comunque state opportune e anche utili.
    Per quanto mi riguarda, può essere accaduto di tutto: con sicurezza non possiamo sapere nè se siano più fondate le affermazioni di Tornielli, nè se lo siano quelle di Messainlatino. Sappiamo bene quali guerre intestine, di potere e di influenza vi siano dentro e fuori le sacre mura tra le diverse fazioni in cui è purtroppo divisa la Chiesa da quando c'è stato l'ultimo concilio (il quale ne ha rotto la monolitica unità).
    Riguardo a Giovanni Paolo II, sono d'accordo sul fatto che sarebbe utile ormai rassegnarci di fronte alla decisione, certamente negativa e non opportuna sotto svariati aspetti, di beatificarlo. Speriamo che Wojtyla venga presto dimenticato, come sta già accadendo per l'altro mostro sacro del XX secolo, l'inossidabile Giovanni XXIII.

    RispondiElimina
  19. memory, ti ho già detto altrove di smetterla coll'onanismo

    RispondiElimina
  20. <span>Confessore, ti ho già detto altrove di smetterla di dire assurdità...</span>
    <span></span>
    <span>memory ha ragione "I cattolici di oggi, al 99% non sanno più che cosa sia la santità"</span>
    <span>ma la colpa non é loro, é perché la Chiesa ha perso la nozione di santo, basti vedere chi si beatificherà tra un mese...</span>

    RispondiElimina
  21. Eco il tipico commento di chi scrive un "noi"  ("ha gettato ancora più discredito su tutti noi...") riferendosi immagino ai cattolici detti "tradizionalisti" ma che dalla prima all`ultima riga mostra un disprezzo che rende il suo "noi" poco credibile...buffonata...comari isteriche che <span><span>svillaneggiano il Papa (Enrico apprezzerà)....biliosità e incomprtenza da capogiro, bassezze e ...che Dio ci perdoni </span></span> O:-) .
    E poi questa frase, lei sì da capogiro: "il  Papa, tra l'altro, non ha ancora visto l'istruzione e perciò non c'è stato nessun intervento"
    Ma dai! Il testo è alla traduzione ma il Papa non l`ha visto!
    Il troppo storpia, se  proprio vuole screditare Enrico e chi con lui si è mosso, ha agito o anche solo commentato, cerchi di farlo con altri argomenti.

    RispondiElimina
  22. avevo dimenticato l'altro onanista di professione ;-)   scusami!

    RispondiElimina
  23. visto che sei Confessore  puoi spiegarmi cos'é il peccato?

    RispondiElimina
  24. Ecco appunto uno dei custodi del "bon ton ecclesiale" ... L'Ospite che non si firma ... non sia mai che il suo nom e compoaia su un sito ambiguo come messainlatino ... 
    nibinagh@alice.it

    RispondiElimina
  25. <span>La santità che gli è riconosciuta dll'Unica Chiesa Cattolica. Almeno che lei ne segua un'altra.
    </span>

    RispondiElimina
  26. Ma dai! I poco caritatevoli e polemici sono i cattolici, è Enrico, che riprende e da spazio alle notizie senza dubbio date da fonti affidabili e sicure e non Tornielli che non è infallibile, che riprende e da spazio ad  altre fonti che smentiscono.
    Una cosa è sicura, Enrico e con lui chi ha ripreso la notizia,  sono persone serie, competenti, formate che mai avrebbero preso l`iniziativa dell`appello e dei post qui e altrove, in Italia come altrove, se non fossero sicuri della serietà e credibilità della fonte e, sopratutto, sono cattolici legati alla Santa Messa di sempre, questo non può essere detto nè di Tornielli, che per altro stimo e rispetto, nè probabilmente delle sue fonti.

    RispondiElimina
  27. <span>E l'aiuto per salvare la Chiesa Una, Santa, Cattolica ed Apostolica, sarebbe quello che lei ci ha chiestio, cioè dare soldi a coloro che dalla Chiesa sono ggettivamente separati ?
    </span>

    RispondiElimina
  28. <span></span><span>Ma dai! I poco caritatevoli e polemici sono i cattolici, è Enrico, che riprende e da spazio alle notizie senza dubbio date da fonti affidabili e sicure e non Tornielli che non è infallibile, che riprende e da spazio ad  altre fonti che smentiscono.  
    Una cosa è sicura, Enrico e con lui chi ha ripreso la notizia,  sono persone serie, competenti, formate che mai avrebbero preso l`iniziativa dell`appello e dei post qui e altrove, in Italia come altrove, se non fossero stati sicuri della serietà e credibilità della fonte e, sopratutto, sono cattolici legati alla Santa Messa di sempre, questo non può essere detto nè di Tornielli, che per altro stimo e rispetto, nè probabilmente delle sue fonti.</span>

    RispondiElimina
  29. <span>E quando sarà canonizzato, e quindi la Chiesa impegnerà la sua infallibilità, cosa direte ?
    </span>

    RispondiElimina
  30. :-[  Caro Enrico.... in casi come questi è saggio usare molta prudenza.... confesso che da tempo non comprendo con "chi stia" il dott. Tornielli e francamente da tempo ho smesso di preoccuparmene, ognuno qui sembra portare avanti il proprio sapere, il proprio scoop, un susseguirsi di informazioni e di informatori atti solitamente più a dividere che ad unire....

    In questo momento una mia amica al telefono da Roma mi ha detto, mentre parlavamo, che si è avvertita una scossa di terremoto....
    come basterebbe poco, se Dio lo volesse, per affossare ogni nostra superbia e presunzione... e quante volte Dio ci rammenta: "i miei pensieri non sono i vostri pensieri...."

    Non si accori Enrico... ma più prudentemente lei prosegua per la strada che questo Blog si è prefissata e che tanto sta dando nell'informazione specifica a queste tematiche che stanno a cuore non soltanto a noi, ma principalmente a Dio, LEGISLATORE E AUTORE DELLA LITURGIA.... ;)
    attendiamo con fiducia... le chiacchiere le fanno i giornalisti, noi ci affidiamo e ci fidiamo di DOCUMENTI UFFICIALI...

    Santa Quaresima a tutti!

    RispondiElimina
  31. ...giusto, allora diamo soldi a quelli che sono dentro: ai NEOCAT va bene ?

    RispondiElimina
  32. <p><span>Commento simpatico da parte di chi da lezioni di governo della Chiesa al Papa stesso</span></p>

    RispondiElimina
  33. <span>Se sono Cattolici e in comunione con Pietro, e visto gli ultimi pronunciamenti sembra che lo siano, meglio ai neocat che agli scismatici.
    </span>

    RispondiElimina
  34. sempre meglio agli scismatici fatti passare per tali da chi lo è de facto, anche se de iure  è 'approvato'...

    RispondiElimina
  35. ... e nel frattempo, prima che i documenti ufficiali ci freghino - cosa niente affatto improbabile con l'aria che tira - traiamo le nostre conseguenze dalle notizie che abbiamo e facciamo sentire la nostra voce (come abbiamo fatto) nella speranza quanto meno di arginare la fregatura...

    RispondiElimina
  36. <span>Il problema, per voi, è che non siete voi che decidete chi è scismatico e chi non lo è. Grazie a Dio c'è Pietro, e non sono mic, poirot & C. Comunque il fatto stesso che ci proviate la dice lunga sul vostro senso ecclesiale. Altro che obbedienza alla Tradizione! In ogni caso, non ci sono solo FSSPX e neocat al mondo. Se proprio i neocat non vi vanno giù, i soldi si possono dare a altre realtà cattoliche e non scismatiche.
    </span>

    RispondiElimina
  37. il motivato e parlatro spesso garbato dissenso viene qualificato come 'lezione di governo'!!!
    Questi nostri interlocutori stanno sovvertendo tutto il lessico ecclesiale...

    RispondiElimina
  38. <span>il motivato e peraltro spesso garbato dissenso viene qualificato come 'lezione di governo'!!! 
    Questi nostri interlocutori stanno sovvertendo tutto il lessico ecclesiale...</span>

    RispondiElimina
  39. <span>il motivato e peraltro spesso garbato dissenso, espresso sulla base della Tradizone oscurata, viene qualificato come 'lezione di governo'!!! 
    Questi nostri interlocutori stanno sovvertendo tutto il lessico ecclesiale...</span>

    RispondiElimina
  40. Chi credi di fare fessi Tornielli? Da che pulpito, uno che cambia casacca dopo quindici anni senza nemmeno un accenno, una motivazione, un ringraziamento. Che vergogna, le uniche parole che mi vengono da dire, che oscena vergogna.
    Ma qui tutti l'avevano già capito. Voltafaccia.

    RispondiElimina
  41. Carissima Luisa, ho bisogno di parlare con te! Posso avere gentilmente, il tuo numero di telefono?
    Grazie!
    Ciao

    RispondiElimina
  42. di che cosa sta parlando, confessore  ?  a CHI lei ritiene di rivolgersi  in quei termini intimidatori ?   confessore =   di che tipo ?
    che cosa significa esattamente quel vocabolo, che nessuno nella mia vita mi ha mai affibbiato, applicato alle mie considerazioni circa l'ALTERAZIONE inaudita dei significati e dell'intero sistema di concetti dottrinali cattolici ?

    RispondiElimina
  43. onde evitare malintesi (creati anche a bella posta, con la solita malignità mistificatoria), ripeto ciò ho detto tempo fa:
     è probabile e credibile che Papa GPII sia in Paradiso, avendo fatto una lunga purificazione di sofferenza con la sua malattia, ma ciò non toglie che la Chiesa debba attentamente vagliare la causa di beatificazione e canonizzazione di un pontefice il cui periodo di pontificato è stato lungo e per tanti aspetti controverso, cioè presenta luci e ombre: per portare un qualsiasi figlio della Chiesa  o servo di Dio all'onore degli altari, penso che sarebbe stato opportuno un più attento e ponderato lavoro di ricerca e studio sulla sua vita, ovvero sulle ben note VIRTU' CRISTIANE praticate in GRADO EROICO. 
    In tal senso la mia domanda significava:
    "Quale  grado di santità possiamo osservare -riconoscere - apprendere, noi fedeli, da questa figura, così velocemente esaminata, (pur essendo variamente controversa)    e per eventualmente seguirlo come MODELLO DI SANTITA', oltre che invocarlo per grazie ?"
    Con questa beatificazione SPRINT, mi pare che la Chiesa sta tralasciando la sua consueta Prudenza, usata per 19 secoli: come mai ? si intravedono chiaramente motivi propagandistici finalizzati ad Assisi3, e solo gli struzzi potrebbero negarlo (o i narcotizzati a oltranza dal regime postcv2, ben saldo ai posti di potere)   !

    RispondiElimina
  44. Dicebamus heri6 aprile 2011 13:45

    <span>un Papa che ordina di respingere la statua della Madonna, Madre SS.ma di Nostro Signore, lasciandola <span>fuori dal gran consesso</span> dei "diversamente oranti", perchè secondo lui offende gli altri credenti nel favoloso meeting di Assisi1986  ?</span>
    Può sembrare un distinguo di lana caprina e forse lo è, ma non credo che la buonanima di GP2 (Requiem aeternam..)avesse responsabilità dirette nell'organizzazione pratica della giornata.

    RispondiElimina
  45. lo spero, Dicebamus !
    tuttavia ha dovuto tollerare, una volta avviata la macchina dell'happening  sincretista, TUTTO l'apparato, comprendente gli scempi del gallo sgozzato sull'altare di Gesù Cristo, la statua di Buddha e la Madonna respinta : certamente, nell'andare entusiasta a "celebrare" un enorme epocale evento di "preghiera collettiva indifferenziata" come fu Assisi1, -sommamente diseducativo per migliaia di giovani e meno giovani di allora (oltre che per i loro figli, come vi mostrerò....)- egli sapeva benissimo a quali conseguenze andava incontro, e forse ne fu avvisato da consiglieri prudenti come l'allora card. Ratzinger; ma il suo entusiasmo fu più forte di tutto, questa è evidentemente la deduzione che oggi noi facciamo. l'entusiasmo gli fece perdere di vista la necessaria Prudenza che un Vicario di Cristo deve sempre usare, ricordando soprattutto la MORTALIUM ANIMOS DI PIO XI ....(o si piegò a certe imposizioni di poteri "forti" attorno a lui.....)
    ....se la famosa CONTINUITA' DEL MAGISTERO perenne fosse reale , e non solo nominale  !|

    RispondiElimina
  46. Dicebamus heri6 aprile 2011 14:05

    a) La Chiesa non ha stabilito che la canonizzazione impegna l'infallibilità (per quanto la stragrande maggioranza dei teologi lo pensa, che la impegni);
    b) Se così fosse, che impegna l'infallibilità (e non è certo, per quanto sia, ohimè, altamente probabile) Potrebbe essere la prova provata della Sede Vacante.

    RispondiElimina
  47. Un prete dannato mette in guardia contro l'inferno   http://www.preghiereagesuemaria.it/libri/un%20prete%20dannato%20mette%20in%20guardia%20contro%20l'inferno.htm
    é possibile leggere l'estratto dell'esorcismo del 5 aprile 1978 fatto vicino a Brescia... il demonio é costretto a spiegare quasi un catechismo sul peccato
    molti passaggi sono molto interessanti, il passaggio sulla messa, sull'apostolato ...

    Verdi Garandieu - L’amore del prossimo é anche quando a volte si deve far male all’altro; quando si presume che si farà del male a chi bisogna parlare. Egli si renderà conto, presto o tardi, che quanto li per li gli è sembrato un colpo di frusta era, in realtà, il rimedio. I preti dovrebbero usare molto di più sul pulpito la frusta e le parole decise, perché vi è realmente la giustizia e 1’eternità (a voce forte) ed esiste 1’inferno. Ma molti non lo fanno più perché essi stessi non credono più all’inferno, e neanche al Cielo in tutta la sua profondità e la sua verità. Se credessero ancora, come potrebbero sviare migliaia di uomini che dovrebbero invece essere condotti verso LASSÙ? (gesto verso 1’alto). Che cosa sono questi preti? Io stesso non posso certo vantarmi, ma non ho mai fatto cio che fanno oggi molti preti, mai ho parlato con tanta viltà! Essi si rovinano con le proprie mani. Per molti, devo dirlo, anche se molti non lo credono, per molti, giù (nell’inferno) è preparato fin d’ora (grida, pianto d’immensa disperazione) il posto verso il quale vanno...  

    La Chiesa insegna che il peccato é innanzitutto un mistero. L'uomo non potra mai penetrarlo, mai capire anche solo in parte la profondità e gravità di solo un piccolo peccato.
    E' una grazia data solo a pochi santi. La Chiesa ha perso il senso della santità perché ha perduto anche il senso della gravità del peccato... questo tipo di scritti come quelli di don Tommaselli sull'inferno aiutano a ricollocare l'offesa a Dio al suo posto, per quanto possibile...

    RispondiElimina
  48. <span>Un prete dannato mette in guardia contro l'inferno   <span>http://www.preghiereagesuemaria.it/libri/un%20prete%20dannato%20mette%20in%20guardia%20contro%20l'inferno.htm</span>  
    é possibile leggere l'estratto dell'esorcismo del 5 aprile 1978 fatto vicino a Brescia... il demonio é costretto a spiegare quasi un catechismo sul peccato  
    molti passaggi sono molto interessanti, il passaggio sulla messa, sull'apostolato ...  
     
    Verdi Garandieu - L’amore del prossimo é anche quando a volte si deve far male all’altro; quando si presume che si farà del male a chi bisogna parlare. Egli si renderà conto, presto o tardi, che quanto li per li gli è sembrato un colpo di frusta era, in realtà, il rimedio. I preti dovrebbero usare molto di più sul pulpito la frusta e le parole decise, perché vi è realmente la giustizia e 1’eternità (a voce forte) ed esiste 1’inferno. Ma molti non lo fanno più perché essi stessi non credono più all’inferno, e neanche al Cielo in tutta la sua profondità e la sua verità. Se credessero ancora, come potrebbero sviare migliaia di uomini che dovrebbero invece essere condotti verso LASSÙ? (gesto verso 1’alto). Che cosa sono questi preti? Io stesso non posso certo vantarmi, ma non ho mai fatto cio che fanno oggi molti preti, mai ho parlato con tanta viltà! Essi si rovinano con le proprie mani. Per molti, devo dirlo, anche se molti non lo credono, per molti, giù (nell’inferno) è preparato fin d’ora (grida, pianto d’immensa disperazione) il posto verso il quale vanno...    
     
    La Chiesa insegna che il peccato é innanzitutto un mistero. L'uomo non potra mai penetrarlo, mai capire anche solo in parte la profondità e gravità di solo un piccolo peccato.  
    E' una grazia data solo a pochi santi. La Chiesa ha perso il senso della santità perché ha perduto anche il senso della gravità del peccato... questo tipo di scritti come quelli di don Tommaselli sull'inferno aiutano a ricollocare l'offesa a Dio al suo posto, sempre per quanto possibile...</span>

    RispondiElimina
  49. il papa é capo e monarca della Chiesa: ha autorità e responsabilità su TUTTO! Quell'autorità gliel'ha data Dio stesso, se lui la rifiuta ne deve rispondere...
    E' come se io rifiutassi di educare i miei figli con la scusa che ho dato alllo zio l'incarico di farlo !!!
    Il giorno del giudizio Dio mi chiedera comunque dove sono le anime dei miei figli...  e dovro' risponderne come tutti i papa!

    RispondiElimina
  50. <span>Se così fosse, che impegna l'infallibilità (e non è certo, per quanto sia, ohimè, altamente probabile) Potrebbe essere la prova provata della Sede Vacante.</span>

    Eccoci, finalmente ci siamo. L'importante è essere chiari. E ovviamente questo non riguarda soltanto lei, spett.le dicebamus, ma tutti coloro che la quotano e che quota sull'argomento. Il che vuol dire la grande maggioranza dei frequentatori di questo blog. E questo, voglio sperare, al di là delle intenzioni della moderazione. Anche se il tono di Enrico mi sembra che vada, purtroppo, in questa direzione.

    RispondiElimina
  51. MessaInLatino sta diventando sempre più il covo ufficiale del sedevacantismo il più truce e ottuso

    RispondiElimina
  52. c'é anche da dire che sono 50 anni che la Chiesa non vuole fare più niente di definitivo (punire, affermare qualcosa rigorosamente...)
    c'é da chiedersi, questa Chiesa vuole ancora impegnare la sua infallibilità per qualcosa di soprannaturale ?

    RispondiElimina
  53. il papa é capo e monarca della Chiesa: ha autorità e responsabilità su TUTTO! Quell'autorità gliel'ha data Dio stesso, se lui la rifiuta ne deve rispondere... 
    E' come se io rifiutassi di educare i miei figli con la scusa che ho dato alllo zio l'incarico di farlo !!! 
    Il giorno del giudizio Dio mi chiedera comunque dove sono le anime dei miei figli...  e dovro' risponderne come tutti i papa!
    puo' esserci una svista perché il papa non puo' fisicamente occuparsi di tutto, ma non 50 anni si eccessi talvolta impuniti e addirittura talvolta istituzionalizzati...

    RispondiElimina
  54. Dicebamus heri6 aprile 2011 15:13

    Veramente c'è una terza ipotesi 
    c)<span> Se così fosse, che impegna l'infallibilità (e non è certo, per quanto sia, ohimè, altamente probabile) potrebbe, tale canonizzazione, avere luogo con (come è stato, forse casualmente/"provvidenzialmente" o forse volutamente) con dei vizi di forma tali da far sorgere, ad un'analisi eseguita  con attenzione, più di un qualche fondato dubbio sul fatto che sia stata davvero compiuta VALIDAMENTE.</span>

    RispondiElimina
  55. <span>il papa é capo e monarca della Chiesa: ha autorità e responsabilità su TUTTO! Quell'autorità gliel'ha data Dio stesso, se lui la rifiuta ne deve rispondere...   
    E' come se io rifiutassi di educare i miei figli con la scusa che ho dato alllo zio l'incarico di farlo !!!   
    Il giorno del giudizio Dio mi chiedera comunque dove sono le anime dei miei figli...  e dovro' risponderne come tutti i papà!  
    </span>
    <span>possono esserci delle sviste perché il papa non puo' fisicamente occuparsi di tutto, ma non 50 anni di eccessi impuniti, talvolta addirittura istituzionalizzati...</span>

    RispondiElimina
  56. Domine miserere nobis.......a questo punto si rafforza in me la convinzione di essere tradizionalista e quasi quasi mi fate anche venire voglia di essere sedevacantista.......

    RispondiElimina
  57. <span>Arrampicarsi sugli specchi non è mai stato uno sport con buoni risultati. Molto meglio guardare la realtà in faccia: la Chiesa è questa: o dentro o fuori.</span>
    Mi sembrava molto più onesto da parte sua (e non è poco) il post delle 14:05.

    RispondiElimina
  58. Solo molto deluso da questi interventi: mi sono sempre considerato tradizionalista e simpatizzante lefebvrista, ma questi interventi mi fanno ricredere sulla giustezza di questa simpatia che visibilmente è in contraddizione con il fatto di essere un sacerdote cattolico.

    RispondiElimina
  59. esatto, hpoirot : i papi del post-cv2 dovranno rispondere a Dio delle frequenti e gravi OMISSIONI nei loro precisi compiti inerenti alla loro Autorità suprema, proprio come nell'amministrazione civile è  contemplata l'  omissione d'atti d'ufficio; o come (peggio) se un insegnante evitasse di proposito , per indolenza e/o noncuranza- di correggere errori gravi e ripetuti commessi dai discenti  -che restano esposti a lungo così a peggiorare nei loro apprendimenti lacunosi o inquinati o deformati-  o addirittura insegnasse egli stesso nozioni e concetti ERRATI o fuorvianti rispetto all'INTEGRITA' della disciplina da lui insegnata !
    .... ma chi sa perchè oggi, nel 3. millennio della Chiesa di Cristo, dobbiamo noi laici fare ripetutamente queste considerazioni,  che una volta erano<span> lapalissiane</span>, e quasi quasi siamo anche costretti a dimostrarle, come fossero teorie astruse,  provocati -sfidati -  da  chi ci accusa stoltamente  (e a mo' di disco rotto)   di non essere   cum e sub Petro....

    RispondiElimina
  60. I nostri due onanisti memory e hpoirot continuano indefessi nella loro opera oscena con ritmo sempre più accelerato, ossessivo e compulsivo

    RispondiElimina
  61. intanto il money-marketing-beatificazione continua

    http://www.youtube.com/v/BOioM-VXHBA" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140


    "Tu Es Christus", il nuovo cd musicale con la voce di Papa Giovanni Paolo II e la partecipazione di Prodotto da Multimedia San Paolo in collaborazione con Radio Vaticana e Sony Music Italia.
    L’album sarà in distribuzione, sia su supporto fisico che digitale, da martedì 29 marzo 2011.  Il lavoro ha comportato più' di un anno di preparazione ed e' stato registrato a Roma, in Toscana, a Londra, in Irlanda e a New York....  ma come hanno dato la notizia ufficiale il 14 gennaio 2011 (perché si doveva verificare e riconoscere il miracolo) e il CD era in peparazione da un anno ??!!??

    RispondiElimina
  62. <span>intanto il money-marketing-beatificazione continua  
     
       <embed></embed>  
     
    "Tu Es Christus", il nuovo cd musicale con la voce di Papa Giovanni Paolo II e la partecipazione di Prodotto da Multimedia San Paolo in collaborazione con Radio Vaticana e Sony Music Italia.  
    L’album sarà in distribuzione, sia su supporto fisico che digitale, da martedì 29 marzo 2011.  Il lavoro ha comportato più' di un anno di preparazione ed e' stato registrato a Roma, in Toscana, a Londra, in Irlanda e a New York....  ma come hanno dato la notizia ufficiale il 14 gennaio 2011 (perché si doveva verificare e riconoscere il miracolo) e il CD era in peparazione da un anno ??!!??</span>
    <span></span>
    <span>PS - San Paolo Multimedia sono ancora le ED.Paoline, quelle che non pubblicano NIENTE di palmaro-gnocchi, siccardi...</span>

    RispondiElimina
  63. <span><span>intanto il money-marketing-beatificazione continua    
       
       <embed></embed>    
       
    "Tu Es Christus", il nuovo cd musicale con la voce di Papa Giovanni Paolo II e la partecipazione di Andrea Bocelli,Placido Domingo...  prodotto da Multimedia San Paolo in collaborazione con Radio Vaticana e Sony Music Italia.  L’album sarà in distribuzione, sia su supporto fisico che digitale, da martedì 29 marzo 2011.  </span></span>
    <span><span></span></span>
    <span><span>Il lavoro ha comportato più' di un anno di preparazione ed e' stato registrato a Roma, in Toscana, a Londra, in Irlanda e a New York....  </span></span>
    <span><span>ma come? hanno dato la notizia ufficiale il 14 gennaio 2011 (perché si doveva verificare e riconoscere il miracolo) e il CD era in peparazione da un anno ??!!??</span>  
    <span></span> 
    <span>PS - San Paolo Multimedia sono ancora le ED.Paoline, quelle che non pubblicano NIENTE di palmaro-gnocchi, siccardi...</span></span>

    RispondiElimina
  64. è molto facile insultare con epiteti offensivi chi afferma qualcosa, SENZA però portare argomenti seri per confutare l'avversario: manca l'onestà intellettuale per farlo, o mancano gli argomenti 
     seri  ?
    risponda con serietà, se può, alle osservazioni che le ho esposto circa la questione della rapidità mai vista in una beatificazione. Ma lei, forse vuole solo offendere, non argomentare...
    INOLTRE:
    -> qualcuno dica, e spieghi : CHI , QUANDO e perchè  ha eliminato il cosiddetto  
        avvocato del diavolo   ?

    RispondiElimina
  65. <span>è molto facile insultare con epiteti offensivi chi afferma qualcosa, SENZA però portare argomenti seri per confutare l'avversario: manca l'onestà intellettuale per farlo, o mancano gli argomenti   
     seri  ?  
    risponda con serietà, se può, alle osservazioni che le ho esposto circa la questione della rapidità mai vista in una beatificazione. Ma lei, forse vuole solo offendere, non argomentare...  
    INOLTRE:  
    -> qualcuno dica, e spieghi : CHI , QUANDO e perchè  ha eliminato il cosiddetto    
        avvocato del diavolo   ?</span>

    RispondiElimina
  66. Si pero' i kit&kat sono dentro con tanto di approvazione e sviolinata del Santo Padre! 


    http://www.youtube.com/v/chYoS2eElFE&feature" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140


    Benedetto XVI ha ribadito nell'udienza al Cammino Neocatecumenale (gennaio 2011) che

    "La Chiesa ha riconosciuto nel Cammino Neocatecumenale un particolare dono suscitato dallo Spirito Santo: come tale, esso tende naturalmente ad inserirsi nella grande armonia del Corpo ecclesiale.
    Il Papa ha sottolineato il positivo cammino ecclesiale che si è concluso con l'approvazione dello Statuto nel 2008 e, in questi giorni, con l'approvazione del Direttorio catechetico..."

    Le facessero alla messa VO certe concessioni...

    RispondiElimina
  67. <span>Si pero' i kit&kat sono dentro con tanto di approvazione e sviolinata del Santo Padre!    
     
       <embed></embed>  
     
    Benedetto XVI ha ribadito nell'udienza al Cammino Neocatecumenale (gennaio 2011) che :
     
    "La Chiesa ha riconosciuto nel Cammino Neocatecumenale un particolare dono suscitato dallo Spirito Santo: come tale, esso tende naturalmente ad inserirsi nella grande armonia del Corpo ecclesiale.  
    Il Papa ha sottolineato il positivo cammino ecclesiale che si è concluso con l'approvazione dello Statuto nel 2008 e, in questi giorni, con l'approvazione del Direttorio catechetico..."  
     
    Le facessero alla messa VO certe concessioni ...  é la chiesa di tutti ormai  (nel senso di cani e porci...)</span>

    RispondiElimina
  68. SE i tuoi argomenti fossero seri, la tua opera farneticante NON sarebbe oscena.
    Non sarò il tuo complice: continua pure a solleticarti da solo.

    RispondiElimina
  69. <span><span>No i neocat proprio non mi vanno giù anche se sono sono dentro con tanto di sviolinata del Santo Padre!      
       
       <embed></embed>    
       
    Benedetto XVI ha ribadito nell'udienza al Cammino Neocatecumenale (gennaio 2011) che :  
       
    "La Chiesa ha riconosciuto nel Cammino Neocatecumenale un particolare dono suscitato dallo Spirito Santo: come tale, esso tende naturalmente ad inserirsi nella grande armonia del Corpo ecclesiale.    
    Il Papa ha sottolineato il positivo cammino ecclesiale che si è concluso con l'approvazione dello Statuto nel 2008 e, in questi giorni, con l'approvazione del Direttorio catechetico..."    
       
    Le facessero alla messa VO certe concessioni ...  é una chiesa ormai aperta a tutti (nel senso che entrano cani e porci !)</span></span>

    RispondiElimina
  70. <span>C'è sempre stato chi guadagna sul religioso, vedi Padre Pio, Lourdes, Fatima,... Questo non vuol dire niente sulla sostanza.
    </span>

    RispondiElimina
  71. se il CD era in preparazione da un anno,
    mi pare che l'evento assuma sempre più i contorni di un business, perchè tanto.....CHI MAI, tra milioni di cattolici odierni e moderni (e spensierati) si andrà mai a chiedere  che cosa significhi essere santi, secondo la santità  riconosciuta e venerata in 19 secoli e mezzo ?   nessuno: quel che conta è l'EVENTO, il fatto eclatante, entusiasmante, trascinante, coinvolgente EMOTIVAMENTE, DI un personaggio dotato di qualità  che fanno presa sulle folle, di grande presenza e   fascino,   ma che ci importa se sia stato   eroico  nelle virtù cristiane ?  quel che conta è la sua popolarità, la sua simpatia, la sua insuperabile   comunicativa  (il papa mediatico ecc....)   ! questo è il nuovo contenuto da dare alla parola  "santità":
    leader carismatico = trascinatore delle folle emozionate/coinvolte/entusiasmate.....
    (un po' come abbiamo visto per il fenomeno del CARISMATISMO, che è la remota scaturigine del pensiero conciliare: la novella pentecoste della Chiesa, che regalerà a tutti una SANTITA' a buon mercato: basta inneggiare nelle piazze, fare la "ola" alle messe, alzare le mani al cielo.....et voilà !    saremo TUTTI SANTI, perchè tutti carismatici, attirati da un leader "carismatico" (termine diventato di uso comune molto largo) che CI SA COINVOLGERE  : 
    ed è lo stesso concetto che sta alla base della MESSA-SHOW: precisamente,  proprio quello del presidente-celebrante-regista di un'assemblea CREATIVA (e anche "creattiva"= attiva,dove non esiste più contemplazione nè UMILE adorazione del Mistero di Dio che ci trascende infinitamente.....)
    il fedele  medio di oggi è sollecitato da EMOZIONI E SENTIMENTI, suscitatigli in cento modi da mega-eventi, mega-raduni, SPETTACOLARIben pubblicizzati, sollecitato nella sfera più superficiale della psiche, nella sua carnalità emotiva: LE KERMESSES, di ogni tipo, di cui Assisi è un bell'esempio : Areki lo chiamò "passerella" MEDIATICA, io aggiungo  "FOLKLORISTICA".
    Anche qui, come ben rileva il  prof. de Mattei, assistiamo alla modificazione/ alterazione profonda di significati: parole che perdono il loro senso originario (bimillenario) per assumerne di nuovi, i significati mondani e terreni che il Potere sa persuadere -anno dopo anno, tenacemente, ut gutta cavat lapidem- ad attribuire a quelle parole !

    RispondiElimina
  72. Quanti sepolcri imbiancati anche qua... e il primo si chiama Andrea Tornielli.

    Al sacerdote don M. (non sia mai che faccia sapere il suo nome, che dopo i suoi amichetti lo deridono... vergogna!) replico: si è accorto dai commenti che la dottrina che seguiva era contro la fede cattolica? Ma mi faccia il piacere, bifolco de un bifolco.

    RispondiElimina
  73. <span>se il CD era in preparazione da un anno,  
    mi pare che l'evento assuma sempre più i contorni di un business, perchè tanto.....CHI MAI, tra milioni di cattolici odierni e moderni (e spensierati) si andrà mai a chiedere  che cosa significhi essere santi, secondo la santità  riconosciuta e venerata in 19 secoli e mezzo ?   nessuno: quel che conta è l'EVENTO, il fatto eclatante, entusiasmante, trascinante, coinvolgente EMOTIVAMENTE, DI  poter esaltare e venerare un personaggio dotato di qualità  che fanno presa sulle folle, di grande presenza e   fascino,   ma che ci importa se sia stato   eroico  nelle virtù cristiane ?  quel che conta è la sua popolarità, la sua simpatia, la sua insuperabile  <span> </span><span>comunicativa </span><span> e presenza sulla scena  mondiale (il papa mediatico </span>ecc....)   ! questo è il nuovo contenuto da dare alla parola  "santità":  
    leader carismatico = trascinatore delle folle emozionate/coinvolte/entusiasmate.....  
    ....un po' come abbiamo visto per il fenomeno del CARISMATISMO, che è la remota scaturigine del pensiero conciliare: la vagheggiata novella pentecoste della Chiesa, che regalerà a tutti una SANTITA' a buon mercato: basta inneggiare nelle piazze, fare la "ola" alle messe, alzare le mani al cielo.....et voilà ! .....   saremo TUTTI SANTI, perchè tutti carismatici, attirati da un leader "carismatico" (termine diventato di uso comune molto largo) che CI SA COINVOLGERE  ;   
    ed è lo stesso concetto che sta alla base della MESSA-SHOW: precisamente,  proprio quello del presidente-celebrante-regista di un'assemblea CREATIVA (e anche "creattiva"= attiva, dove non esiste più contemplazione INTERIORE nè UMILE adorazione del Mistero di Dio che ci trascende infinitamente.....) ; siamo tutti proiettati e travolti nell'ESTERIORITA' viviamo per APPARIRE grandi agli occhi del mondo, NON di Dio, laddove una volta si riteneva santo chi amava iL NASCONDIMENTO, e il rinnegamento di sè.... (l'essere disprezzati dal mondo, che a sua volta conta NULLA agli occhi del Santo, a paragone di Dio.....)</span>
    <span>Il fedele  medio di oggi è sollecitato da continue EMOZIONI E SENTIMENTI, suscitatigli con arte in cento modi da mega-eventi, mega-raduni, SPETTACOLARI, ben pubblicizzati da megafoni di regime che lo plasma e spinge in una direzione studiata-voluta, sollecitato nella sfera più superficiale della psiche, nella sua carnalità emotiva: LE KERMESSES, di ogni tipo, di cui Assisi è un bell'esempio : Areki lo chiamò "passerella" MEDIATICA, io aggiungo  "FOLKLORISTICA".  
    Anche qui, come ben rileva il  prof. de Mattei, assistiamo allamodificazione/ alterazione profonda di significati: parole che perdono il loro senso originario (bimillenario) per assumerne di nuovi, i significati mondani e terreni che il Potere sa persuadere -anno dopo anno, tenacemente, ut gutta cavat lapidem- ad attribuire a quelle parole !</span>

    RispondiElimina
  74. @la Redazione
    si può, per favore cancellare ogni messaggio che rechi questo termine schifosamente insultante, ripulendone il blog, qualora dovesse essere ripetuto?

    RispondiElimina
  75. e quando cerchi i testi di mons. Gherardini e De Mattei cadono dalle nuvole, non li conoscono... 

    RispondiElimina
  76. c'è un motivo che sia uno di mostrare qualsiasi rispetto a uno come Tornielli, che si è dimostrato mille volte un vile?

    RispondiElimina
  77. effettivamente dovrebbe, essendo sacerdote, avere una posizione fondata sul ragionamento, lo studio, qualunque posizione sia. Non come molti commentatori qui (lefebvristi o modernisti o vie di mezzo), che scrivono a caso. Ma a dei laici lo si può perdonare. A un sacerdote si chiede di dare ragione di tutto quello che crede e che fa fino in fondo, e certamente non sono i deliri di qualche laico che possono smuoverlo. Al massimo gli faranno provare il desiderio di istruire gli ignoranti

    RispondiElimina
  78. Si mette in dubbio la validità delle canonizzazioni ufficiali e contemporaneamente si prendono come autorità le testimonianze di un prete dannato(!). In più ci mancava la scossa di terremoto a Roma. Fate come volete, ma se continuate così davvero non avete futuro (che poi,nella storia millenaria della Chiesa, non sarebbe nemmeno un gran dramma)

    RispondiElimina
  79. si continua a marciare con la solita malafede sul termine "sedevacantista", fingendo di non saperne affatto il vero significato.....
    si continua a falsificare ostinatamente gli altrui discorsi e la realtà: a dimenticare che i sedevacantisti ritengono i papi del post-cv2 NON validi: invece per noi sono validissimi, validamente eletti, ma hanno -ahinoi- commesso numerose omissioni,  negligenze, e compromessi (con lo spirito del mondo) nel loro compito di pastori del gregge, da 45 anni....

    RispondiElimina
  80. <span>si continua a marciare con la solita malafede sul termine "sedevacantista", fingendo di non saperne affatto il vero significato.....  
    si continua a falsificare ostinatamente gli altrui discorsi e la realtà: a dimenticare che i sedevacantisti ritengono i papi del post-cv2 NON validi: invece per noi sono validissimi, validamente eletti, ma hanno -ahinoi- commesso numerose omissioni,  negligenze, e compromessi (con lo spirito del mondo-spirito-ecumenico delcv2) nel loro compito di pastori del gregge, da 45 anni....</span>

    RispondiElimina
  81. non mescoliamo tutto! é chiaro che una rivelazione privata non é mai vincolante per la fede, tuttavia la lettura di quel prete dannato é molto edificante...

    RispondiElimina
  82. egr. Benevolo, devo informarla di qualcosa che lei forse non sa: che S. Giovanni Bosco ebbe nella sua vita molti sogni profetici, tra i quali motli gli preannunciarono la sua futura missione di santo educatore dei giovani, molti erano simbolici, finalizzati proprio alla sua pedagogia cristiana che svolse egregiamente allevando come onesti cittadini ed ottimi cristiani quei ragazzi che sarebbero altrimenti cresicuti sbandati (e ce ne fossero oggi alcuni sacerdoti come lui, la Chiesa sarebbe risanata, dalle ultime generazioni.....);
    altri ancora furono profetici, e nient'affatto buonisti o rosei circa l'epoca attuale.
    Mi riferisco, se non li ha mai letti, a quelli che annunziavano eventi funesti, riportati nel <span>libro I sogni di don Bosco (Torino, editrice Elle Di Ci), dove leggiamo che il santo, nel suo sogno del 5 gennaio 1370, ebbe la visione di terribili avvenimenti che sconvolgeranno la terra, in particolare in Francia, Parigi, e in Italia, Roma. </span>
    legga alcuni passaggi:
    <span>"La vigilia dell'Epifania dell'anno corrente 1870, scomparvero gli oggetti materiali della camera e mi trovai in presenza di cose sovrannaturali. (...)</span>
    <span>Le leggi di Francia non riconoscono piú il Creatore, ma il Creatore si farà conoscere e la visiterà per tre volte con la verga del suo furore. La prima volta, Egli abbatterà la sua superbia con le sconfitte, con il saccheggio e con la strage dei raccolti, degli animali e degli uomini..... Parigi… Parigi! Invece di armarti nel nome del Signore, tu ti circondi di case di immoralità! Ma esse saranno distrutte da te stessa! L'idolo tuo, il Panteon, sarà incenerito, affinché si avveri che <span>mentita est iniquitas sibi</span> (l'iniquità ha mentito a sé stessa). ....</span>
    <span> Ma guai a te se non riconoscerai la mano di chi ti percuote! </span>
    <span>Io voglio punire l'immoralità, l'abbandono, il disprezzo della mia legge! La terza volta, tu cadrai in mano straniera: i tuoi nemici vedranno da lontano i tuoi palazzi in fiamme, le tue abitazioni divenute un mucchio di rovine, bagnate dal sangue dei tuoi prodi che non sono piú! Ma ecco un gran guerriero dal Nord che tiene, nella sua mano destra, uno stendardo sul quale è scritto: "Irresistibile mano del Signore!". </span>
    <span>e sull'Italia:</span>
    <span>"Ma tu Italia, terra di benedizioni, chi ti ha immersa nella desolazione? Non dire: nemici, ma gli amici. Non senti che i tuoi figli domandano il pane della Fede e non trovano chi loro lo spezzi? Che farò?… Io picchierò i pastori, Io disperderò il gregge, affinché coloro che siedono sulla cattedra di Mosè cerchino dei buoni pascoli e il gregge ascolti docile e si nutra.  
    </span>
    <span>Ma sopra il gregge e sopra i pastori peserà la mia mano: la carestia, la pestilenza e la guerra faranno sí che le madri dovranno piangere il sangue dei figli e dei mariti, morti su terra nemica! ....</span>
    >
    <span>    </span>

    RispondiElimina
  83. <p><span><span> </span></span>
    <span>
    <p>
    </p><p><span> </span>
    <span>

    <span>"E  te Roma, che sarà?… Roma ingrata, Roma effeminata, Roma superba!… Tu sei giunta a tale che non cerchi altri, né altro ammiri nel tuo Sovrano se non il lusso, dimenticando che la tua e la sua gloria sta nel Golgota!… Ora egli è vecchio, cadente, inerme, spogliato; però con la sua sola parola, egli fa tremare il mondo! </span>
    <p><span>Roma!… Io verrò quattro volte a te!… </span><span>La prima volta, percuoterò le tue terre e gli abitanti di esse. La seconda volta, porterò la strage e lo sterminio fino alle tue mura.(....)</span><span></span>
    </p></span>

    <span>Vi saranno prevaricazioni tra i dotti e gli ignoranti; e il tuo sangue e quello dei tuoi figli laveranno le macchie che tu fai alle leggi del tuo Dio. (...)
    E voi, sacerdoti, perché non correte a piangere, tra il vestibolo e l'altare, invocando la sospensione dei flagelli? Perché non prendete lo scudo della Fede e non andate sopra i tetti, nelle case, nelle vie, sulle piazze, in ogni luogo, anche inaccessibile, a portare il seme della mia parola? Ignorate, forse, che essa è la terribile spada a due tagli che abbatte i miei nemici e che infrange l'ira di  Dio e degli uomini?  
    Queste cose dovranno inesorabilmente venire, l'una dopo l'altra. Ma l'augusta Regina del Cielo è presente. La potenza del Signore è nelle sue mani. Ella disperde i suoi nemici come nebbia! Ella riveste il venerando vecchio di tutti i suoi antichi paramenti!</span><span>  ...</span>

    </p><p><span>…Arriverà ancora un violento uragano. L'iniquità è consumata; il peccato avrà fine e, prima che trascorrano due pleniluni del mese dei fiori, l'iride di pace comparirà sulla terra.............</span><span></span>
    </p><p><span>Ecco allora che la "visione" che Don Bosco ebbe nel 1870, non può che colpirci per la sua aderenza ai "fatti" che sono sotto gli occhi di tutti. E ben si comprende come il santo ne ebbe un cosí grande spavento che esclamò: «Non vorrei esserci! ». Mentre noi, mostro malgrado, ci siamo!"</span>
    </p><p>------------------
    </p><p><span>letto su </span>
    </p><p><span>http://www.unavox.it/017b.htm</span>
    </p><p>
    </p><p><span>...ora provi a spiegarci se don Bosco era un geovista, un delirante fanatico, o....un sedevacantista....o tradi-protestante ante litteram !</span>






    </p><p>
    </p></span>



    </p>

    RispondiElimina
  84. <span><span>

    <span><span>"E  te Roma, che sarà?… Roma ingrata, Roma effeminata, Roma superba!… Tu sei giunta a tale che non cerchi altri, né altro ammiri nel tuo Sovrano se non il lusso, </span>dimenticando che la tua e la sua gloria sta nel Golgota!…<span> Ora egli è vecchio, cadente, inerme, spogliato; però con la sua sola parola, egli fa tremare il mondo! </span>  
    </span>
    <span>Roma!… Io verrò quattro volte a te!… </span><span>La prima volta, percuoterò le tue terre e gli abitanti di esse. La seconda volta, porterò la strage e lo sterminio fino alle tue mura.<span>(....)</span></span><span></span>   
    </span><span>Vi saranno prevaricazioni tra i dotti e gli ignoranti; e il tuo sangue e quello dei tuoi figli laveranno le macchie che tu fai alle leggi del tuo Dio. (...)  
    E voi, sacerdoti, perché non correte a piangere, tra il vestibolo e l'altare, invocando la sospensione dei flagelli? Perché non prendete lo scudo della Fede e non andate sopra i tetti, nelle case, nelle vie, sulle piazze, in ogni luogo, anche inaccessibile, a portare il seme della mia parola? Ignorate, forse, che essa è la terribile spada a due tagli che abbatte i miei nemici e che infrange l'ira di  Dio e degli uomini?    
    Queste cose dovranno inesorabilmente venire, l'una dopo l'altra. Ma l'augusta Regina del Cielo è presente. La potenza del Signore è nelle sue mani. Ella disperde i suoi nemici come nebbia! Ella riveste il venerando vecchio di tutti i suoi antichi paramenti!</span><span>  ...</span>  
    <span>…Arriverà ancora un violento uragano. L'iniquità è consumata; il peccato avrà fine e, prima che trascorrano due pleniluni del mese dei fiori, l'iride di pace comparirà sulla terra.............</span><span></span>  


    <span>Ecco allora che la "visione" che Don Bosco ebbe nel 1870, non può che colpirci per la sua aderenza ai "fatti" che sono sotto gli occhi di tutti. E ben si comprende come il santo ne ebbe un cosí grande spavento che esclamò: «Non vorrei esserci! ». Mentre noi, mostro malgrado, ci siamo!"</span>
    ------------------
    <span>letto su <span>http://www.unavox.it/017b.htm</span>  </span>
    ...ora provi pure a spiegarci se don Bosco era un geovista, un delirante fanatico, o....un sedevacantista....o tradi-protestante ante litteram 
    </span>

    RispondiElimina
  85. Su un totale di un po' più di 60 interventi abbiamo UN TERZO di ossessive e compulsive oscenità dei soli memory e hpoirot: povero blog!

    RispondiElimina
  86. <span>Su un totale di un po' più di 60 interventi abbiamo UN TERZO di ossessive e compulsive oscenità dei soli memory e hpoirot, ai quali possiamo aggiungere gli interventi senza reale contenuto di mic per un gran totale di più di 50% di interventi di una povertà intellettuale e spirituale da capogiro: povero blog!</span>

    RispondiElimina
  87. Guarda, per fortuna che ci sei tu, ogni volta che ti leggo me la faccio addosso per l'emozione dovuta all'altissimo contenuto dei tuoi scritti, compresa questa volta.

    RispondiElimina
  88. Meglio scrivere 1/3 del blog cercando di difendere la fede, che scrivere (come hai fatto tu oggi) 3 piccole righe dando per 3 volte dell'onanista a degli sconosciuti...

    RispondiElimina
  89. ammettendo anche di scrivere baggianate, come concentrato di idiozia non ti arriviamo alla caviglia...

    RispondiElimina
  90. <span>Meglio scrivere 1/3 del blog cercando di difendere la fede, che scrivere (come hai fatto tu oggi) 3 piccole righe dando per 3 volte dell'onanista a degli sconosciuti...</span>

    RispondiElimina
  91. <span>ammettendo anche di scrivere baggianate, come concentrato di idiozia non ti arriviamo alla caviglia...</span>

    RispondiElimina
  92. ma dunque, ci dia la sua ricchezza, confessore, riguardo ai temi da esaminare: stiamo ancora aspettando i suoi santi argomenti, depurati se possibile dal veleno e dalle sconce e luride offese che lei sa unicamente lanciare agli interlocutori, come se non sapesse dire altro.

    RispondiElimina
  93. <span>ma dunque, ci dia la sua ricchezza, confessore, riguardo ai temi da esaminare: stiamo ancora aspettando i suoi santi argomenti, depurati se possibile dal veleno e dalle sconce e luride offese che lei sa unicamente lanciare agli interlocutori, come se non sapesse dire altro,  e inoltre</span>
    dimenticando che Nostro Signore ha detto: 
    <span>"Chi poi dice al fratello ' stupido' sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: 'pazzo' sarà sottoposto al fuoco della Geenna."</span>

    RispondiElimina
  94. io non ho mai offeso lei: e  lei, perchè mi offende ?
    e poi vale sempre quella domanda, posta da Nostro Signore a chi lo schiaffeggia:
    <span>    "Se ho parlato male, dimostra il male che ho detto; ma se ho parlato bene,perché mi percuoti?” ( Giovanni 18:23 ).</span>

    RispondiElimina
  95. Bravi, continuate così!

    RispondiElimina
  96. @REDAZIONE: se ci siete potete battere un colpo?

    È inaccettabile che questo "maschio" (?) usi certi termini, e evito di aggiungere altro per rispetto per questo spazio.

    RispondiElimina
  97. @ REDAZIONE: per favore intervenite!

    E quel maschio represso vada a "sfogarsi" altrove!

    RispondiElimina
  98. <span>@ REDAZIONE: per favore intervenite!  
     
    E quel "maschio" vada a "sfogarsi" altrove!</span>

    RispondiElimina
  99. Confessore, sa che lei è caricaturale?  E non aggiungo altro.
    Stia attento alle proiezioni.

    RispondiElimina
  100. Il distintissmo confessore dimentica le sue proiezioni, sulle quali si potrebbe dire molto ma in un altro spazio consacrato alla psicologia.
    Materiale interessante il suo.

    RispondiElimina
  101. Andrea Tornielli7 aprile 2011 09:47

    Gentile Enrico,

    mi dispiace sinceramente che lei creda che io voglia smentirvi. Dopo aver appreso della vostra anticipazione, ho cercato conferme, con l'intenzione di scrivere un articolo. Siccome le mie fonti (che non sono certo migliori delle vostre, ma che evidentemente sono diverse) mi hanno detto cose diverse, non ho più scritto l'articolo ma mi sono limitato a un post sul blog. E' stato un errore non citarvi, e mi scuso. Ma nella fretta ho pensato che siccome prendevo una posizione diversa, motivata da ciò che era stato raccontato a me, ho glissato sulla fonte dell'informazione che ritenevo sbagliata in base a ciò che ho raccolto io.
    In questi giorni la mia vita professionale è complicata a causa del passaggio dal Giornale a La Stampa e dall'aver portato il blog fuori dal server del Giornale, con evidenti problemi, come quelli che si sono verificatei nelle ultime 48 ore. Sono sotto pressione, e dunque chiedo un pizzico di comprensione.
    Ripeto le mie scuse per la mancata citazione.
    Anche se voi dire che l'istruzione è stata cambiata grazie alle vostre anticipazioni, permettete che io - sulla base delle mie informazioni - certamente meno affidabili delle vostre - possa esprimere un parere diverso, senza che questo venga considerato un atto di lesa maestà nei vostri confronti o una mia pervicace volontà di smentirvi, anche perché questa volontà non mi è mai appartenuta.
    Prendo atto del fatto che l'istruzione è arrivata a tutti i vescovi.
    Ma se davvero esce nella prima decade di maggio, come mi è stato autorevolmente detto, resta da spiegare per quale ragione il testo sia stato già inviato con così largo anticipo a tutti i vescovi del mondo: cosa che implica - lo so per esperienza - che nel giro di 24/48 ore tutto sia pubblico sui giornali.
    Personalmente non escludo che qualcosa sia stato inviato a qualcuno. Ma a me è stato autorevolmente detto che nulla è stato inviato ai vescovi.
    Scusandomi nuovamente per la mancata citazione, e chiedendo nuovamente comprensione. Non leggete tutto come se fosse pensato contro di voi o contro la Tradizione...

    con amicizia

    andrea tornielli

    RispondiElimina
  102. Grazie Dott. Tornielli per la sua onestà e per i suoi articoli accurati e attendibili. Con tutto cuore da un fedele della liturgia antica che ha motivo di credere che le sue informazioni su questa storia siano accurate. Sappia che ha lettori grati e assidui tra di noi anche se meno rumorosi dei critici ad ogni costo. 

    RispondiElimina
  103. Redazione di Messainlatino.it7 aprile 2011 11:24

    Caro Dott. Tornielli,

    non ha bisogno di scusarsi perché non ce n'è proprio motivo. Anche la mia risposta può essere sembrata un po' rude (e me ne scuso); ma penso sia normale dialettica, considerato che, come sa, a noi è difficile avere il necessario distacco, visto che giornalisti non siamo e solo la passione, purtroppo a volte partigiana, ci motiva.

    L'osservazione circa il fatto che se il testo arrivasse a tutti i vescovi, finirebbe sui giornali immediatamente dopo, è in effetti pertinente. Epperò anche il sito della Chiesa belga lo dice. Vedremo.

    Sul resto. La mia replica parte da questa considerazione: noi non abbiamo certo la Sua autorevolezza e credibilità. Una Sua smentita ci fa passare per visionari o, peggio, mestatori, come molti anche hanno scritto nei commenti. Ora: se a Lei risultano cose diverse contrarie e diverse da quelle che abbiamo scritto fa non bene, ma benissimo a scriverlo e contraddirci. Ma ci piacerebbe che insieme riconoscesse esplicitamente la veridicità delle anticipazioni che anche a Lei risultano confermate, o comunque non contraddette. Ad es.: il ruolo di Scicluna, le regole su ordinazioni e riti non romani, il meccanismo di ricorso all'Ecclesia Dei, ecc.

    Se invece si limita alle smentite su alcuni punti, e glissa sugli altri, il lettore normale arriva facilmente alla conclusione che siamo dei mitomani. Tutto qui.

    Grazie davvero della Sua risposta

    Enrico

    RispondiElimina
  104. Frasi da spirito di patata come "beatificazione del Santo Subito" sono semplicemente cafonaggini da evitare nel modo più assoluto. Punto.
    Quello che verrà proclamato beato è stato un uomo di Dio che a Lui e alla Sua santissima Madre ha dato testimonianza in ogni occasione.
    Certo non altrettanto fanno certuni i quali intervengono in questo blog usando espressioni da trivio con richiamo a organi genitali nonché mormorazioni e diffamazioni.
    Il famigerato incontro di Assisi può anche essere letto in un altro modo: come un tentativo di richiamare a una maggiore vita spirituale di fronte al modo di vita materialista che cerca di dominare il mondo moderno. Siete proprio sicuri che dei "tradizionalisti", quali voi dite di essere, non c'entrerebbero in nulla con questo discorso?
    Invito tutti a maggiore serietà. Se non vi va bene, andatevi a vedere le partite di calcio, passatempo sicuramente a voi gradito e in cui avrete modo di sfogare tutta la vostra "cultura".

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.