martedì 11 gennaio 2011

Santità, abbiamo paura per l'incontro di Assisi





Santo Padre Benedetto XVI,

siamo alcuni cattolici gratissimi dell’opera da Lei compiuta come pastore della Chiesa universale in questi anni; riconoscenti per la sua grande valutazione della ragione umana, per la concessione del "Motu proprio Summorum pontificum", per il Suo proficuo rapporto con gli Anglicani che ritornano all’unità, e per molto altro ancora.

Abbiamo preso il coraggio di scriverle dopo aver sentito, proprio nei giorni del massacro dei cristiani copti in Egitto, dell’ intenzione di convocare ad Assisi, per il mese di ottobre, un grande raduno interreligioso, venticinque anni dopo "Assisi 1986".

Tutti noi ricordiamo quell’evento di tanti anni fa.

Un evento anche mediatico come pochi, che, a prescindere dalle intenzioni e dalle dichiarazioni di chi lo convocò, ebbe un contraccolpo innegabile, rilanciando, proprio nel mondo cattolico, l’indifferentismo ed il relativismo religioso.

Proprio da quell’avvenimento prese vigore presso il popolo cristiano l’idea che l’insegnamento secolare della Chiesa, "una, santa cattolica e apostolica", sull’unicità del Salvatore, fosse in qualche modo da archiviare.

Tutti noi ricordiamo rappresentanti di tutte le religioni in un tempio cattolico, la Chiesa di santa Maria degli Angeli, allineati con in mano un ramoscello di ulivo: quasi a significare che la pace non passa da Cristo ma, indistintamente, da tutti i fondatori di un credo, quale che esso sia (Maometto, Budda, Confucio, Kalì, Cristo…)

Ricordiamo la preghiera dei mussulmani in Assisi, cioè nella città di un santo che aveva fatto della conversione degli islamici uno dei suoi obiettivi.

Rammentiamo la preghiera degli animisti, la loro invocazione degli spiriti elementali, e quella di altri credenti o di rappresentanti di religioni atee come il giainismo.

Quel pregare "insieme", qualsiasi fosse il fine, volenti o nolenti ebbe l’effetto di far credere a molti che tutti pregassero "lo stesso Dio", solo con nomi diversi.

Invece le Sacre Scritture parlano chiaro: "Non avrai altro Dio all’infuori di me" (I comandamento); "Io sono la Via, la Verità e la Vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me" " (Gv, 14, 6).

Chi scrive non nega certamente il dialogo, con ogni persona, di qualsiasi religione essa sia.

Viviamo nel mondo, e tutti i giorni parliamo, discutiamo, amiamo, anche chi non è cristiano, perché ateo, incerto, o di altre religioni. Ma questo non ci impedisce di credere che Dio stesso sia venuto sulla terra, e si sia fatto uccidere, per insegnarci, appunto, la Via e la Verità, e non solo una delle tante e possibili vie e verità. Cristo è per noi cristiani il Salvatore: l’Unico Salvatore del mondo.

Ricordiamo dunque con sgomento, tornando a quell’avvenimento di venticinque anni fa, i polli sgozzati sull’altare di santa Chiara secondo riti tribali e la teca con una statua di Budda posta sopra l’altare della chiesa di san Pietro, sopra le reliquie del martire Vittorino, ammazzato, 400 anni dopo Cristo, per testimoniare la sua fede.

Ricordiamo i sacerdoti cattolici che si sottoposero a riti iniziatici di altre religioni: una scena raccapricciante, dal momento che, se è "sciocco" battezzare nella fede cattolica una persona adulta che non vi crede, altrettanto assurdo è il fatto che un sacerdote cattolico si sottoponga a un rito cui non riconosce alcuna validità né utilità. Così facendo si finisce infatti solo per far passare una idea: che i riti, tutti, non siano altro che vuoti gesti umani. Che tutte le concezioni del divino si equivalgano. Che tutte le morali, che da ogni religione promanano, siano intercambiabili.

Ecco, quello "spirito di Assisi", su cui poi i media e i settori della Chiesa più relativisti ricamarono a lungo, gettò confusione. Ci sembrò estraneo al Vangelo e alla Chiesa di Cristo, che mai, in duemila anni, aveva scelto di fare altrettanto. Avremmo voluto riscrivere, allora, queste ironiche osservazioni di un giornalista francese: "In presenza di tante religioni, si crederà più facilmente o che esse sono tutte valide o che sono tutte indifferenti; vedendo così tanti dei, ci si chiederà se tutti non si equivalgono o se ce n’è uno solo vero. Il parigino beffardo (scettico ed ateo, ndr) imiterà quel collezionista scettico, il cui amico aveva appena fatto cadere un idolo da una mensa: ‘Ah! Disgraziato, poteva essere il Dio vero’".

Trovammo conforto, allora, alle nostre perplessità, in tantissime dichiarazioni di pontefici che avevano sempre condannato un siffatto "dialogo".

Un Congresso di tutte le religioni era stato già organizzato, infatti, a Chicago, nel 1893, e a Parigi, nel 1900. Ma papa Leone XIII era intervenuto a vietare qualsiasi partecipazione cattolica.

Lo stesso atteggiamento tenne Pio XI, il papa che condannò l’ateismo comunista e quello nazionalsocialista, ma che deplorò nel contempo il tentativo di unire gli uomini in nome di un vago e indistinto senso religioso, senza Cristo.

Scriveva quel papa nella sua "Mortalium Animos" (Epifania del 1928), proprio a riguardo dei congressi ecumenici: "Persuasi che rarissimamente si trovano uomini privi di qualsiasi sentimento religioso, sembrano trarne motivo a sperare che i popoli, per quanto dissenzienti gli uni dagli altri in materia di religione, pure siano per convenire senza difficoltà nella professione di alcune dottrine, come su un comune fondamento di vita spirituale. Perciò sono soliti indire congressi, riunioni, conferenze, con largo intervento di pubblico, ai quali sono invitati promiscuamente tutti a discutere: infedeli di ogni gradazione, cristiani, e persino coloro che apostatarono da Cristo o che con ostinata pertinacia negano la divinità della sua Persona e della sua missione. Non possono certo ottenere l’approvazione dei cattolici tali tentativi fondati sulla falsa teoria che suppone buone e lodevoli tutte le religioni, in quanto tutte, sebbene in maniera diversa, manifestano e significano egualmente quel sentimento a tutti congenito per il quale ci sentiamo portati a Dio e all’ossequente riconoscimento del suo dominio. Orbene, i seguaci di siffatta teoria, non soltanto sono nell’inganno e nell’errore, ma ripudiano la vera religione depravandone il concetto e svoltano passo passo verso il naturalismo e l’ateismo…".

Col senno di poi, possiamo dire che Pio XI aveva ragione, anche solo sul piano della mera opportunità: quale è stato, infatti, l’effetto di "Assisi 1986", nonostante le giuste dichiarazioni di papa Giovanni Paolo II, volte ad impedirne una simile interpretazione?

Qual è il messaggio che hanno rilanciato talvolta gli stessi organizzatori, i media, ed anche non pochi ecclesiastici modernisti, ansiosi di ribaltare la Tradizione della Chiesa?

Ciò che è passato, presso moltissimi cristiani, tramite le immagini, che sono sempre le più evocative, e tramite i giornali e le tv, è molto chiaro: il relativismo religioso, che è poi l’equivalente dell’ateismo.

Se tutti pregano "insieme", hanno concluso in tanti, allora le religioni sono tutte "uguali": ma se così è, significa che nessuna di esse è quella vera.

A quell’epoca, Lei, cardinale e prefetto della Congregazione della Fede, insieme al cardinal Giacomo Biffi e a tanti altri, fu tra coloro che espressero forti perplessità. Per questo, negli anni successivi, non partecipò mai alle repliche proposte ogni anno dalla Comunità di Sant’Egidio.

Infatti, come Lei ha scritto in "Fede, Verità e Tolleranza. Il cristianesimo e le religioni del mondo" (Cantagalli, 2005), proprio criticando l’ecumenismo indifferentista, al cattolico "deve risultare nettamente che non esistono ‘le religioni’ in generale, che non esiste una comune idea di Dio e una comune fede in Lui, che la differenza non tocca unicamente l'ambito della immagini e delle forme concettuali mutevoli, ma le stesse scelte ultime..".

Lei concorda perfettamente, dunque, con Leone XIII e con Pio XI sul pericolo di contribuire, con gesti come quelli di "Assisi 1986", al sincretismo ed all’indifferentismo religioso.

Rischio messo in luce anche dai padri conciliari del Vaticano II, che in Unitatis Redintegratio, a proposito, si badi bene, dell’ecumenismo non con le altre religioni, ma con gli altri "cristiani", invitavano alla prudenza: "Tuttavia la comunicazione nelle cose sacre non la si deve considerare come un mezzo da usarsi indiscriminatamente per il ristabilimento dell’unità dei cristiani…" Lei ha insegnato, in questi anni, non sempre compreso neppure dai cattolici, che il dialogo avviene e può avvenire non tra diverse teologie, ma tra diverse culture; non tra le Fedi, ma tra gli uomini, alla luce di ciò che tutti ci contraddistingue: la ragione umana.

Senza ricreare l’antico Pantheon pagano; senza che l’integrità della Fede venga messa a repentaglio dall’amore per il compromesso teologico; senza che la Rivelazione, che non è nostra, venga rimaneggiata dagli uomini e dai teologi intenti a conciliare l’inconciliabile; senza che Cristo, "segno di contraddizione", debba essere messo sullo stesso piano di Budda o di Confucio, che tra il resto non dissero mai di essere Dio.

Per questo siamo qui a esporLe la nostra preoccupazione.

Temiamo che qualsiasi cosa Lei dirà, tv, giornali e tanti cattolici interpreteranno alla luce del passato e dell’indifferentismo imperante; che qualsiasi cosa affermerà, l’evento sarà letto come la continuazione della manipolazione della figura di Francesco, trasformato, dagli ecumenisti odierni, in un irenista e in un sincretista senza fede. Sta già succedendo…

Abbiamo paura che qualsiasi cosa Lei dirà, per fare chiarezza, i fedeli semplici, come siamo anche noi, in tutto il mondo non vedranno (e non gli sarà fatto vedere, ad esempio in tv) altro che un fatto: il vicario di Cristo non che parla, discute, dialoga con i rappresentanti di altre religioni, ma che prega con loro. Come se il modo e l’obiettivo della preghiera fossero indifferenti.

E molti, sbagliando, penseranno che anche la Chiesa ormai ha capitolato, ed ha riconosciuto, in sintonia con la mentalità New Age, che pregare Cristo, Allah, Budda o Manitù sia la stessa cosa. Che la poligamia islamica e animista, le caste induiste o lo spiritismo politeista animista… possano stare insieme alla monogamia cristiana, alla legge dell’amore e del perdono ed al Dio Uno e Trino.

Ma come ha scritto sempre Lei, nel libro citato: "Con l’indifferenziazione delle religioni e con l’idea che esse siano tutte sì distinguibili, e tuttavia propriamente uguali, non si avanza".Santo Padre, noi pensiamo che con una nuova "Assisi 1986" nessun cristiano in terre d’Oriente verrà salvato: né nella Cina comunista, né in Corea del nord, né in Pakistan o in Iraq…tanti fedeli, invece, non capiranno più perché proprio in quei paesi c’è ancora oggi chi muore martire per non rinnegare il suo incontro non con una religione, ma con Cristo. Come sono morti gli stessi apostoli.

Di fronte alla persecuzione, ci sono vie politiche, diplomatiche, dialoghi personali e di Stato: si seguano tutte, nel modo migliore possibile. Con la Sua amorevolezza e il Suo desiderio di pace per tutti gli uomini.

Ma senza che sia possibile a chi vuole confondere le acque e rilanciare il relativismo religioso, anticamera di ogni relativismo, una opportunità, anche mediatica, così ghiotta come la "riedizione" di "Assisi 1986".

Con devozione filiale

Francesco Agnoli
Lorenzo Bertocchi
Roberto de Mattei
Corrado Gnerre
Alessandro Gnocchi
Camillo Langone
Mario Palmaro



A questo accorato appello aderisco toto corde e, per l'occasione, mi firmo anche col cognome, per quanto indegno di associarmi alla bella scola dei redattori della supplica. Ci rassicura il pensiero del Santo Padre Benedetto XVI sul rischio di derive sincretiste o relativiste, che proprio lo spirito di Assisi può incoraggiare (fu l'allora cardinal Ratzinger, con un gesto di dissenso straordinariamente clamoroso - anche perché in contrasto con la sua indole bonaria e con la sua abituale sintonia con Giovanni Paolo II - a rifiutarsi di partecipare al primo e più disgraziato incontro di Assisi). Sappiamo anche che l'idea ratzingeriana di dialogo interconfessionale si ferma opportunamente su un gradino pre-religioso: è inutile discutere di teologia con chi non ha fede in Gesù Cristo, ma può essere opportuno raggiungere punti di convergenza su questioni etiche (la difesa della vita, della famiglia, della pace), per avere più forza nella lotta al secolarismo. Infine, non ci manca la speranza che la prevista futura ammucchiata di Assisi voglia proprio essere uno strumento per appannare, sovrapponendovi un evento assai più ortodosso, il ricordo dello scandalo inaudito di 25 anni fa. Ma con tutto ciò, non possiamo non dire, come in questo appello: "abbiamo paura". Abbiamo paura che, qualunque discorso sia letto e pronunziato (tanto lo leggeranno in pochissimi); qualsiasi gesto sia compiuto (tanto i media selezioneranno solo i più clamorosi); qualsiasi precisazione sia fatta dalla - per giunta non impeccabile - macchina di comunicazione vaticana, il messaggio che passerà nella mente di milioni sarà quello che espresse la suora intervistata alla morte di Giovanni Paolo II: "sono grata a Papa Woityla perché ci ha insegnato che tutte le religioni sono uguali".

Enrico Spitali

319 commenti:

  1. Conto che il S. Padre, che ha tanto buon senso, sappia indirizzare per il verso giusto l'iniziativa.
    Rilevo anche, come ha giustamente evidenziato Enrico, che su certi temi "prereligiosi" il dialogo con le altre religioni ha dato dei frutti: inter alia, se non c'erano i musulmani, la conferenza Onu del Cairo (1991?) si sarebbe traformata in una vittoria totale per gli abortisti. Idem sul problema dell'omosessualità e del gender nella successiva conferenza di Pechino.
    Suggerirei, per il buon esito di tutto, di pregare e far penitenza secondo le intenzioni del Sommo Pontefice

    RispondiElimina
  2. Volevo chiedere alla redazione se è a conoscenza che in questo momento i Buddisti (ritenuti pacifici da molti cattolici moderni e dagli atei) stanno distruggendo chiese cristiane in india per ora sembrerebbe 20 e hanno minacciato di distruggerne altre 200  e di uccidere tutti i missionari presenti li. Mi è arrivata questa notizia da un'amica e sono molto preoccupata, visto che conosco delle suore missionarie li. Sapete dirmi se la notizia è vera? Pare che questa notizia sia stata inviata dal superiore provinciale dei OFM. Spero sia una falsa notizia, ma temendo che sia vera, visto che ormai buddisti, induisti, mussulmani non hanno altro da fare che distruggere e massacrare, supplico il Papa di smetterla con gli incontri d'Assisi e che inizi a difendere i cristiani con denunce ed appelli.

    RispondiElimina
  3. "Non abbiate paura!"

    RispondiElimina
  4. Condivido il parere di Luigi C e lo ringrazio per l'invito (sempre utile e necessario) a pregare e fare penitenza per il Santo Padre. Che diversamente da noi può contare su una grazia speciale e particolare, la quale ci dovrebbe d'istinto (un istinto cattolico) orientare a una fiducia nei confronti della sua persona, delle sue scelte e della sua guida. Capisco bene che i firmatari della lettera intendono mostrarsi rispettosi (come certamente si sforzano di essere), ma rimane il fatto che gli stanno dicendo cosa fare, anziché dire "quando il Papa parla, noi ascoltiamo": e non è un bello spettacolo.

    RispondiElimina
  5. Simon de Cyrène11 gennaio 2011 12:48

    Caro Enrico, l'argomento di dire al Santo Padre perchè sarà frainteso non regge. Di questo passo dovrebbe sempre starsene zitto visto che, ad ogni modo, i nemici del Cristo e della Chiesa sempre manipoleranno e storceranno quel lui dice.
    Questo dura da duemila anni.
    Pietro, gli Apostoli ed i discepoli sono mandati in missione per annunciare la Buona Novella, non per mettere la luce sotto il moggio per paura che la gente cattiva distogliendo i suoi occhi veda solo le ombre e non la chiarezza. I.P.

    RispondiElimina
  6. Simon de Cyrène11 gennaio 2011 12:49

    <span>Caro Enrico, l'argomento di dire al Santo Padre di non compiere gesti o di non esprimersi perchè sarà frainteso non regge. Di questo passo dovrebbe sempre starsene zitto visto che, ad ogni modo, i nemici del Cristo e della Chiesa sempre manipoleranno e storceranno quel lui dice.  
    Questo dura da duemila anni.  
    Pietro, gli Apostoli ed i discepoli sono mandati in missione per annunciare la Buona Novella, non per mettere la luce sotto il moggio per paura che la gente cattiva distogliendo i suoi occhi veda solo le ombre e non la chiarezza. I.P.</span>

    RispondiElimina
  7. Non so proprio immaginare quale saranno i messaggi che scaturiranno da tale futuro incontro, mi auguro che il Santo Padre inviti alla conversione i rappresentanti delle altre religioni.
    Datemi pure del sognatore, ma non vedo altro motivo per il quale la Vera Religione debba venire a contatto con le false in un raduno organizzato.

    RispondiElimina
  8. ....si ha paura quando non si è sicuri di se!!! io posso trovarmi anche nell'arena che la mia fede in Gesu' nella Chiesa non cambia!!!...
    infine non sarei così severa nel giudizio con Giovanni Paolo II se crediamo sappiamo che Lui ha agito ed è stato messo sul  soglio di
    Pietro non dai Cardinali ma dallo SPIRITO SANTO!!! Se crediamo dobbiamo farlo fino in fondo anche sulle cose a noi non chiare e incomprensibili......

    RispondiElimina
  9. ......dal sacro palazzo...11 gennaio 2011 13:11

    <span>Giovanni Paolo II istituisce una Commissione per facilitare la piena comunione ecclesiale dei sacerdoti e fedeli legati a Lefebvre con la Chiesa cattolica nel rispetto delle loro tradizioni liturgiche, ed invita i vescovi ad una più ampia e generosa applicazione dell' "indulto" per l'uso del Messale Romano del 1962, già concesso nel 1984. Ciò produrrà negli anni larghe defezioni di sacerdoti e fedeli della FSSPX verso la comunione con Roma, che si aggiungono alle defezioni dei sacerdoti che hanno lasciato la FSSPX a causa di divergenze teologiche (alcuni dei quali fonderanno l'Istituto Mater Boni Consilii, di orientamento sedevacantista). Alcuni sacerdoti che celebrano la Santa Messa secondo il rito di san Pio V, in comunione con il Santo Padre, fondano la Fraternità Sacerdotale San Pietro secondo quanto previsto dal Motu proprio "Ecclesia Dei". </span>

    RispondiElimina
  10. Seminarista affranto11 gennaio 2011 13:13

    Ecco cosa ci aspetterà in un poco lontano futuro (esempio di una povera donna ingannata dal mondo e dai cattivi maestri, noi a che punto stiamo?).... ormai vedo la Santa Casa di Dio, la Chiesa Cattolica da Lui fondata, un agglomerato informe di opinioni ove non si leva più un'unica voce... le pecorelle smarrite prendono l'una o l'altra posizione e come in un moderno parlamento entrambi gli schieramenti pretendono di non essere nell'errore e  la tunica di Cristo viene continuamente stracciata.  Noi pochi, poveri ed inermi sappiamo benissimo che la nostra Santa Madre Chiesa non è un moderno parlamento ma in sè detiene la Verità infallibile che le viene dettata da Nostro Signore Gesù Cristo, volontà espressa negli atti e nelle  parole del Sommo Pontefice Suo Vicario in Terra...
     
    http://www.youtube.com/v/Bm1_hJ2bTco" type="application/x-shockwave-flash" width="200" height="165
     

    RispondiElimina
  11. Seminarista affranto11 gennaio 2011 13:15

    Questo filmato è stato girato a Milano....

    RispondiElimina
  12. (tanto lo leggeranno in pochissimi) ... e questo quale arroganza culturale lo ha stabilito?
    Fai il tuo lavoro e diffondi le cose giuste e vedrai che lo leggeranno in molti di più di quanti lo hanno letto fino ad ora.
    O ammetti la tua incapacità a farti leggere?
    Matteo Dellanoce
    Ubbidiente al Papa perchè lui è il Papa e non degli intellettuali o giornalisti che sicuramente sanno leggere ma NON SONO a capo della Chiesa.

    RispondiElimina
  13. C'entra come i cavoli a merenda.
    Non è stata ordinata da cattolici. Oltretutto per assurdo, pur volendo, NON si possono elevare al sacerdozio donne.
    La Chiesa Romana misconosce in tutto e per tutto tali possibilità.
    Il fatto che si dialoghi con chi compie tali errori non significa che si approvi l'errore, ma, anzi, si tende a far recedere dall'errore.
    Ultimo, mi sono affaticato inutilmente a spiegare a chi non vuol capire.
    Augh!

    RispondiElimina
  14. <span>La paura non é una virtù cristiana.</span>

    RispondiElimina
  15. Suggerisco, per il buon esito della conferenza, di pregare, far penitenza secondo le intenzioni del Sommo Pontefice e di organizzare una recita teatrale su San Francesco dal titolo " San Francesco predica agli uccelli e al Sultano", da svolgersi ad Assisi per la sera del primo incontro O:-) .

    RispondiElimina
  16. La vita a volte ci costringe a passaggi ambigui, che ci fanno soffrire. Ma un conto e' esservi costretti dalle cose e dalle situazioni, un altro tuffarvici in continuazione. Assisi III mi pare appartenga al secondo caso.
    Penso che la Chiasa come  la societa' civile  abbia  un enormita' di problemi, e le due cose sono concatenate. Mi pare anche evidente un ritardo enorme della Chiesa sui fatti e la storia.  Fiano a pochi decenni fa' usava al pieno la sua Autorita', condannava e questo le permetteva di entrare nelle questioni storiche o politiche o di fede con una rapidita' efficiente e salutare per  lei stessa e per i fedeli.
    Oggi, di fatto rinunciando alla sua Autorita',  non condannando piu' e' costretta ad inseguire il mondo.  E non serve a nulla. Specialmente ora che il mondo si  presenta con crepe morali e finanziarie cosi' larghe da far capire a tutti  lo stato prossimo di una catastrofe sociale e finanziaria.
    Chi parla alle famiglie del fallimento della politica monetaria di stampa di moneta dal nulla.... che scivolera' in una iperinflazione????  chi paghera' il conto???   Caffe', cotone cereali sono cresciti l'ano scorso anche del 100 per cento.... con che soldi si comprera' tutto questo???  Quante questioni vitali e urgenti, mi sia concesso ben piu' urgenti di un raduno simile.
    Leggendo di Assisi, mi viene in mente  il rapido accrescersi delle sette in america latina e lo stato di quasi paganita' della Francia, specie quella meridionale.
    Direi silenzio sull'essenziale.... e molto di politicamente corretto.

    RispondiElimina
  17. <span>

    Ce ne sono di motivi per aver paura...sono ancora sotto gli occhi di tutti le conseguenze dello "spirito di Assisi", a sua volta consueguenza di "Nostra Aetate" ed "Ecclesiam Suam", quei frutti marci che continuano oggi a lerciare la Santa Chiesa, non a caso...

    ...oggi il sincretismo si insegna nelle scuole, dove l'ora di Religione Cattolica è ormai "l'ora di religione", dove si spiega con irenico spirito ai scolari la storia e le credenze dell''islam, del buddismo, dello scintoismo, del luteranesimo, del calvinismo...

    ...oggi il sincretismo si insegna nelle parrocchia della stessa Roma, dove le famiglie consegnano i figli ai sacerdoti e ai catechisti per imparare la dottrina e questi insegnano a colpi di cartelloni, arcobaleni e bandiere della pace "l'uguaglianza"

    ...oggi il sincretismo si insegna nel cuore della Città Eterna, a due passi dal Santo Padre, dove rabbini tengono Lectiones Divinae...

    ...oggi il sincretismo si insegna nel fu glorioso associazionismo Cattolico, ove si insegna il naturalismo e il panteismo (vedi scoutismo) e si ammettono maomettani, giudei: non sia mai per convertire, ma in nome di indefinite "accoglienza" e "uguaglianza"...

    ...e si potrebbe continuare all'infinito con "celebrazioni ecumeniche", "incontri interreligiosi", ecc. ecc. Tra i fedeli regna la confusione più totale.

    Per non parlare di altri "frutti", come il rinnovato vigore con cui i cristiani vengono perseguitati e sterminati in ogni angolo del mondo.
    "Si, si, no, no", si parli chiaro: conversione dei pagani e degli infedeli e instaurazione del Regno di Nostro Signore Gesù Cristo su tutte le genti, questo l'unico possibile obiettivo di una nuova Assisi. Tutto il resto è un tranello del demonio. 
    </span>

    RispondiElimina
  18. Qualche anno fa'...credo su "La Stampa" ed altri giornali , giro' la notizia che il Dalai Lama vieto' il culto di un demone, praticato da un gruppo buddista in cui si erano verificati anche omicidi. Se lo diceva lui che sarebbe l'incarnazione di non so chi! Inoltre , io ho vissuto in mezzo ad islamici ed induisti per parecchi anni. Nel korano esistono dei mantra che sono delle vere e proprie "fatture dell'amore", per far innamorare le donne. L'induismo poi non e' altro che esosterismo e magia nera, i vari bramini  e pendeta, i sacerdoti , praticano solo magia nera, rituali sacrificali , cimiteriali, la gente e' nelle loro mani vincolata da riti di protezione o vendetta, guarigioni varie.....una valanga di soldi spesi per pagare questi sacerdoti stregoni  con cerimonie assurde....quanti sacrifici anche umani..poi c'e' la magia bianca a cui si arriva facendo prima quella nera.....non sto qui a dirvi tutti i particolari aberranti. E quanto sicretismo da parte anche di religiosi cattolici  di origine locale  che mischiano tutto!!!!Queste sono religioni sataniche...ma come si fa' ad arrivare all'ecumenismo religioso, che altro non e' che un principio gnostico massonico, noi, la Chiesa Cattolica che e' la Luce Totale....Gesu' nel Vangelo non ha mai fatto alcun ecumenismo, alcun sincretismo con il paganesimo .....e c'e' ancora chi ci discute sopra!!!!! Non c'e' niente da dimostrare, da spiegare.....il Vangelo e' chiaro. La pace degli uomini non e' la Pace di Dio!!! Come e' posibile che lo stesso Dio faccia tante religioni ognuna in contraddizione con l'altra ed addirittura negandosi a vicenda!!!!! Ed io non sono un teologo!!!!

    RispondiElimina
  19. L'incontro ad Assisi ha un valore sociale, morale, culturale ed anche teologico. La teologia è sempre più immersa nel capire le cose in profondità e la nuova società globalizzata avrà una teologia che saprà dire le cose di sempre nei nuovi contesti multietnici.Ogni uomo , anche se ignora il suo Creatore  ha da lui la vita e l'anima, il rapporto naturale e non confessionle tra Dio e tutti gli uomini è un problema serio per la teologia. Noi abbiamo un rapporto confessionale, confessiamo il vero Dio, abbiamo avuta questa grazia, ma chi non ha avuto tale dono, chi professa altre religioni, a volte politeiste,che rapporto ha con l'unico vero Dio, possono esserci in via misteriosa canali di grazia?  La via da seguire oggi è solo quella del dialogo. Il Papa saprà fare un incontro dove non si insinueranno dubbi sincretistici, panteismi o il mito,di sapore neo gnostico, di un unico stesso dio presente in tutte le religioni e da tutte conosciuto in maniera diversa e vera. Si, Dio è Uno per tutti, i semi della sua Verità sono ovunque, innanzi tutto ogni uomo è vero e buono perchè è ad immagine del suo Creatore  ma Dio è il Dio di Gesù Cristo, ed in nome di Gesù, che  parlava con tutti: dai samaritani ai pagani, dai pubblicani alle prostitute ai farisei, dobbiamo essere in dialogo vero , teologico, con tutti.Il Papa fa benissimo ad andare ad Assisi e ci donerà, sicuramente come è nel suo stile, una magistrale pagina di teologia, da annali, su come considerare questi aspetti che toccano la relazione tra Dio e l'interezza del genere umano.

    RispondiElimina
  20. Mi associo al commento di Luigi C.
    Prego inoltre perché in quell'occasione il Papa celebri finalmente una S. Messa di S. Pio V. Non ci sarebbe occasione migliore!

    RispondiElimina
  21. "Eminenza, se mi sono rivolto a voi è perché non posso dubitare dei vostri sentimenti in proposito" c'era anche J.R.tra i destinarii? Perchè allora Lefebvre avrebbe preso un bell'abbaglio.... visto cosa accade oggi.

    RispondiElimina
  22. PICCOLO GREGGE ..........................

    RispondiElimina
  23. Nostro Signore non "parlava" ai samaritani, ai pagani, ai pubblicani, alle prostitute e ai farisei: INSEGNAVA. La Santa Chiesa è già in possesso della Verità: il fine deve essere sempre la confutazione e la conversione, verà carità.

    RispondiElimina
  24. Mi dispiace ma queste sono parole da falso profeta. Gesu' ha parlato con la samaritana dicendo che era Lui la  sorgente dell'acqua che avrebbe placato la sua sete. Gesu' ha elogiato la fede del soldato romano pagano  che ha chiesto a Gesu'  di guarire un suo servitore...lui ha creduto in Gesu', non nel suo idolo. Gesu' ha parlato con peccatori,prostitute, pubblicani, farisei, pagani ...con tutti ha detto che Lui era la  Salvezza, molti si son convertiti,  altri non lo hanno seguito  "Chi vede me vede il Padre". Non ha detto di cercare semi di verita' nei loro idoli o nella loro cultura o stile di vita. Ha solo elogiato la spiritualita'  in tanti pagani come nei gentili , ha letto  il loro cuore capace di  ricerca della Verita'.....pagani forzati ad essere tali  per essere nati in certe culture, solo Dio  puo' salvare anche chi non e' ancora nella Chiesa ma che potrebbe entrarci in qualuncue momento e magari nel punto di morte . Anche Satana dice 9 verita' e poi una menzogna che distrugge tutto .....lo sanno bene gli esorcisti. E questo non significa che in Satana si trova la verita' e la salvezza, poiche' queste verita' sono solo uno specchietto delle allodole, inganno che porta ad accettare poi le menzogne. Cosi' sono tutte le religioni che non sono il Cristianesimo , sara' Dio a decidere, non quelli che fanno i teologi e che pretendono che noi abbandoniamo tutta la Verita' per mischiarla con mezze verita' od anche una sola verita' di altre religioni mischiate a 1000 menzogne. Questo lo vuole Satana , non Gesu'. E se anche ci fosse il seme di verita' come lo chiamate voi, se questo seme non porta all'albero della vita che e' Gesu'...allora il seme non viene da Dio. Satana conosce tutte le Verita' ma non le segue e puo' usarle per far finta di essere Dio, l'Anticristo, o  fingersi angelo di luce. Tutto scritto nel Vangelo, quello vero......!!

    RispondiElimina
  25. qualunque...non qualuncue...scusate ....

    RispondiElimina
  26. anche Eva non aveva ebbe paura di parlare al serpente, e si sentiva sicura .... ma sappiamo tutti ( o quasi ) come è andata a finire .......

    RispondiElimina
  27. anche Eva non ebbe paura .......

    RispondiElimina
  28. la chiesa INSEGNA Prudenza ..... che mi sembra essere una virtù teologale se non erro .....

    L'articolo firmato è quanto di più realista e corretto che abbia letto. Se poi i soliti nemici della Chiesa pensano il contrario, non stanno facendo altrimenti che il loro "lavoro".

    RispondiElimina
  29. Una aggiunda che è una domanda: ma se io non provo a convertire, e per farlo devo chiamare al dialogo, non commetto il peccato di omissione?
    Come dire ... non divento socio in affari di Satana lasciandogli gli altri?
    Mi dite, una buona volta, come fate a convertirli? Con le bombe? Con le scomuniche? Come uazz fate a convertirli?
    MD

    RispondiElimina
  30. Ma Eva andò contro. Qui si va invece per e con come insegna Cristo!
    MD

    RispondiElimina
  31. Paragonare il Papa ad Eva come lo chiamate?
    Io sedevacantismo. Ma mi posso sbagliare!
    MD

    RispondiElimina
  32. Alexander Von Trotta11 gennaio 2011 14:44

    E se ad Assisi III fossero invitati anche i non credenti? Molti verrebbero di certo volentieri. Così si mostrerebbe abbastanza chiaramente che non si tratta di un incontro sincretistico di preghiera comune, ma di un incontro fra persone civili che si scambiano vedute su problemi molto pratici e concreti. Il messaggio ambiguo di Assisi I e II sarebbe raddrizzato (vorrei vedere se la suorina candida se ne verrebbe fuori con un "sono grata a Sua Santità per averci mostrato che anche gli atei dicono le stesse cose che diciamo noi").

    RispondiElimina
  33. secondo me lei ha qualche problemino di apprendimento, ossia la sua o è malafede o è ignoranza della religione cattolica.

    RispondiElimina
  34. caro Bartimeo vedo che lei continua a perseverare nella sua ignoranza. Eva si sentì sicura non ebbe paura e si lasciò ammagliare dal serpente. Dove stà scritto che Eva ebbe l'intenzione di andare contro Dio?

    E a proposito come insegna Gesù? Non ha detto forse di andate e battezzate nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo? chi crederà sarà salvo chi non crederà non saràò salvo? che forse ad Assisi si è assistito ad un battesimo in Cristo Gesù di massa, e quindi alla conversione di quanti non credono in lui?

    RispondiElimina
  35. ma prova a leggere come fece Gesù e successivamente legga gli Atti degli Apostoli, nonchè le Lettere di S. Paolo.

    RispondiElimina
  36. Indiciamo una crociata!
    Dai! Però chiedo che la divisa da militare la indossino tutti quei tradizionalisti che si lanciano in vari anatemi. Poi prendete ed andate di là! Avanti! Sono aperte le iscrizioni per il nuovo esercito! Attendo firme sotto questo post di arruolamento.
    Dai! Su muoversi! Don Camillo cosa aspetti! Milanese? Raffaella? Annarita? Hpoirot? Memo? Placentium? Mons. Fellay? Mons. Nitoglia? avanti coraggiosi, vendete tutto ed andate in Iran a costruire Chiese! Andate in Orissa, abbiate il coraggio di comportarvi come San Francesco ed andate a convertire il Saladino.
    su, dai, oppure bla, bla, bla, bla, bla al calduccio econiano?
    MD

    RispondiElimina
  37. Ad Assisi I e II, infatti sono stati invitati i NON credenti, ma che cosa è successo? ...... niente per i NON credenti anzi, si sono rafforzati nel loro errore, ma per i poveri credenti è successo quello che è successo alla suora in questione, ovvero il messaggio che è passato è quello che le religioni sono tutte uguali, tanto più che sopra all'Altare si è fatto spazio per il budda e si sgozzarono delle galline (rito non so che cosa) ...... grazie davvero!!!!

    RispondiElimina
  38. Peter Moscatelli11 gennaio 2011 15:05

    E non solo insegnava, chiamava alla conversione; III mistero luminoso del Pontefice di Assisi I e II.

    RispondiElimina
  39. a me risulta che ci sia tutto un movimento di non credenti che comunque lavora strenuamente per la difesa della Vita e del diritto naturale, ad esempio. A Lei no?
    Non so in che mondo vive, ma le garantisco che in quello reale sta nascendo una forte e costante opposizioni verso il laicismo anche nel mondo laico.
    MD

    RispondiElimina
  40. Ognuno risponde delle proprie omissioni e/o piccole grandi vigliaccherie: io rispondo delle mie, tu rispondi delle tue!

    RispondiElimina
  41. Non mi sta rispondendo. Gradirei lo facesse. nel XXI secolo, secolo del Villaggio globale, della democrazia, della prevalenza della tecnica sulla scienza e di questa sulla religione, secolo dell'impero massmediatico, Lei come uazz me li converte gli altri?
    MD
    Partiamo dal Gesù andò da tutti e dal fatto che i signori econiani non hanno intenzione di andare da nessuno e poi iniziamo a parlare di coerenza, adesione al Vangelo, capacità di lettura.

    RispondiElimina
  42. <span> Invitassero tutti in una bella sala di un albergo! Non nelle nostre Chiese a profanarle. Noi stessi praticanti portiamo rispetto per i luoghi sacri.......e questi fanno profanazioni autorizzate? E poi si nega l'accesso della statua della Madonna di Fatima a casa sua? E le offese verso noi Cattolici non contano? Gli atei cosa hanno di uguale da dire con Cristiani o buddisti? Si parli di temi sociali, politici in un albergo! E gli atei chi pregano, Marx. Odifreddi, Garibaldi? Ognuno si faccia i syoi riti e letture nella camera d'albergo e poi vada al convegno a parlare di temi sociali. Tanto poi decidono i politici.</span>

    RispondiElimina
  43. Mi associo anima e cuore all'appello. Vedo che tutti diciamo "passerà"." ci penserà il Santo Padre", "bisogna pregare" "io farei così così, io farei cosà" ma sotto sotto quasi tutti pensiamo che sia una gran bischerata. Probabilmente esagero ma non ho problemi a riconoscee  di aver fatto fatica a prendere sonno quando ho appreso la notizia. Personalmente credo che l'appuntamento sarà l'apoteosi del cattolicesimo debole vaticano preticato nell'ultimo anno. ( L'euforica felicità della Finocchiaro sul TG2 ne è la prova) Altro che disastro profilattico, ad Assisi ne vedremo delle belle, non mi stupirei che fossero già pronte bandane arcobaleno da applicarsi all'ultimo momento alla testa del Papa.  Insomma dall'anno sacerdotale che cassa il curato d'ARS all'anno della pace sincretista celebrata nei luoghi simbolo della Teologia della Liberazione.  NO! MI DIPIACE STA ROBA NON VA BENE! Neppure se ci autorizzassero a fare, per le vie d'Assisii,in contemporanea  processioni tradizionali a Maria Immacolata con immagini croci e canti in latino! Adesso scandalizzo tutti: neppure se là il Papa celebrasse Messa Tradizionale. Io non prego perchè venga bene, non mi piace che la Chiesa vada, sotto ricatto, ad elemosinare interpretazioni e messaggi positivi dai media. E' dal 1 gennaio che non riesco a tacere (vedasi ANNO DOMINI di ALMA PREX) da allora ho cominciato a pregare la Madonna  perchè non si faccia!

    RispondiElimina
  44. Io ho la certezza di essere ignorante. Non ho ne l'arroganza ne la superbia di andare contro chi lo Spirito Santo ha messo sopra di me.
    Posta questa semplice dichiarazione di fede e fiducia mi spiega lei come intende operare?
    Una cosa del tipo. Signori siccome nel mondo ci sono dei delinquenti e siccome quei delinquenti sono tutti roba Vostra venite ad Assisi a convertirvi. Bene! Domanda: in quanti vengono lì?
    Nessuno. E manco il Papa ci va!
    Allora, una persona un minimo intelligente, cosa fa. Dice. C'è un problema. Qualcuno usa la religione, le NOSTRE religioni, per uccidere. Facciamo vedere al mondo ( mondo del mass media) che noi non siamo nemici ma che, proprio perchè riteniamo che la funzione della religione sia quella di combattere la violenza tutta (incluso aborto eutanasia ecc ecc ecc) facciamo vedere che ci inconriamo che preghiamo e che abbiamo volontà di dialogo. Che siamo amici ( "vos autem amico dixit") e diamo slancio a quelle forze ( anche politiche) positive che permettano di aiutare tutti a vivere in Pace.
    Nessun irenismo! Nessun sincretismo ma la volontà comune di andare oltre la violenza.
    MD

    RispondiElimina
  45. La prudenza non è l'immobilismo!
    MD

    RispondiElimina
  46. Lei si qualifica da sola.
    MD

    RispondiElimina
  47. Dicendo che Gesu' e' il figlio del Dio vivente,, l'unico vero Dio.... quello che dicevano gli apostoli, i religiosi , i missionari e  tutti i Santi in 2000 anni che ne hanno convertite di gente . Pero' bisogna prima seguire Gesu', pregare, imitarlo, solo cosi' la Grazia di Dio aiuta chi porta la  Buona Novella  e porta conversione. Poi il fatto che la gente segue la scienza invece che la religione non e' mica un buon segno. Anche la grande apostasia e' stata profetizzata come l'avvento del'Anticristo sul mondo prima della Parusia...e come pure il fatto che la gente avrebbe seguito le favole. Pero' il Cristiano deve sempre annunciare la Verita', altrimenti, se si vergogna di fronte al mondo globalizzato, si danna. Per cui si tiene duro in questo tempo di prova.........anche di fronte alla scienza, tecnica, budda, islam , mass media!!!! E molti ancora si convertono , stia tranquillo! Spero che almeno lei pensi alla sua conversione , se ancora non lo ha fatto, e se invece e' nel gregge, pensi gia' ad altre pecorelle...ha il Vangelo che insegna!

    RispondiElimina
  48. Caro Bartimeo, vedo che continua a fare orecchie da mercante. Le ho risposto molto chiaramente ma riprovo. Che cosa c'entra il villaggio globale con la trasmissione della Fede? che forse vorrebbe dirmi che poichè  siamo stati invasi da alttre religioni i cattolici non debbano dire che la Chiesa cattolica E' l'unica via di Salvezza? ha forse paura di dirlo? o che Gesù Cristo E' l'unico vero Dio? ha forse paura di affermarlo? Come operava la Chiesa prima della scoperta dell'ecumenismo del concilio pastorale vaticano II? Che forse prima non convertiva? prima di dire o scrivere stupidaggini caro Bartimeo legga un po' di Storia dei santi o dei Missionari Cattolici ne vaà del suo bene spirituale.

    P.S. ma non è lei e alcuni altri suoi concordanti, che hanno appena finito di scrivere che la paura non è un sentimento cristiano?  

    RispondiElimina
  49. facciamo un gruppo su facebook? "NO AD ASSISI 2"

    RispondiElimina
  50. Ah! se lo dice lei siamo tutti più tranquilli ..... certo che a leggere le sue fumose letterine ci vuol una bella boccata di ossigeno.

    RispondiElimina
  51. <span>ma la smetta una buona volta, con le chiacchiere diversive, rispetto all'amarissima realtà che dobbiamo osservare, ( e come cristiani perseguitati SUBIRE)
    ogni giorno peggiore, circa la vera natura carnale, diabolica e anticristiana di tutte le credenze umane, realtà che non può più illudere nessuno, se non gli struzzi !</span>

    RispondiElimina
  52. Dove sta scritto che Eva ebbe l'intenzione di andare contro Dio?

    Forse in Genesi 3,4-5. Il serpente tenta Eva con queste parole:
    "Non morirete affatto! <sup></sup>5Anzi, Dio sa che il giorno in cui voi ne mangiaste si aprirebbero i vostri occhi e sareste come Dio, conoscendo il bene e il male"."

    ...e dopo aver sentito il serpente parlare così di Dio, Eva decide di dare ascolto a lui piuttosto che a Dio. Suvvia, da chi sbraita in continuazione che gli altri sono ignoranti, non è bella una simile dimostrazione di evidente non conoscenza delle Sacre Scritture!

    RispondiElimina
  53. Evade continuamente la risposta.
    Se poi non capisce la differenza di azione che intercorre tra un mondo globalizzato ed uno no! Beh!
    Fine della discussione.
    MD

    RispondiElimina
  54. Sugerisco a Bartimeo un mese di astinenza da BLOG per la sua salute e per quella di chi è costretto a leggerlo. Un conto è il dialogo lo facciamo giornalmente con cento persone che non sono cristiane, nei posti di lavoro in famiglia con gli amici. Un conto è il sincretismo il pericolo di mettere sullo stesso piano le religioni come di fatto è avvenuto ad Assisi nel 1986: un grave scandalo non certamente doloso ma anche la colpa per leggerezza è grave! Ritengo quindi corretto la supplica inviata al Papa. Quanto a Nostro Signore era un "intransigente" affermava Io sono la via la vita e la vertà. chi non crede in me non avrà la vita eterna, chi non è con con me è contro di me. Diceva anche rivolto agli apostoli chi non è con voi non è contro di voi, a significare che con gli uomini di buona volontà si può fare comuni battaglie ma uomini di buona volontà e mettendo bene il chiaro che Nostro Signore è l'unica via di salvezza. Certamente dialogo non con un ISLAM che ha alla base un libro non solo falso ma radicalmente anti cristiano o con i cari fratelli maggiori scatenati contro il cristianesimo. Caro Bartimeo l'apostolato lo dobbiamo fare tutti i giorni nel posto che il Signore ci ha assegnato.

    RispondiElimina
  55. Il mondo reale? Perche' c'e solo lei in quel mondo?La solita offesa dell'ateo per chi non la pensa come lui! Gli altri non sono nel mondo reale!!!! Faccia esempi concreti.Anche i filososi del mondo romano e greco, stoici e pitagorici criticavano il paganesimo. Ed infatti il Cristianesimo  si fece strada nell'occidente antico. Ripeto, Gesu' apprezzava molto la potenziale fede nei pagani, in molti di loro il loro cuore era gia' di Dio.  Noi in occidente eravamo tutti pagani! Pero' ,molti hanno accolto il Cristianesimo. Certo avevano capacita' di elevarsi non perche' erano pagani o come ora atei , ma perche' avevano un cuore che poteva essere conquistato da Dio. Quanti fior fior di illustri pagani o atei devoti si sono convertiti in 2000 anni....S, Agostino per esempio. Solo questione di tempo ed umilta'. Magari lei puo' pensare alla sua conversione e se gia' fatto a quella degli altri. Non vedo preghiere interreligiose la risposta totale che e' invece tutta in Gesu'. Ho esaurito i miei commenti per oggi. Saluti

    RispondiElimina
  56. Evade la domanda e gira la frittata.
    Se poi non conosce la differenza di azione tra un contesto non globalizzato ed uno globalizzato allora lascimao perdere.
    In secondo luogo in merito al suo PS. I concordanti con me non anno PAURA DI AMARE ANCHE IL NEMICO e per questo con lui si incontrano. Gli altri che hanno paura gli girano alla larga.
    Questione di coerenza. Il Papa insegna all'uomo l'Amore. I suoi concordanti si muovono tra la paura di scoprirsi nudi e l'odio.
    Fine. Le lascio volentieri l'ultima parola.
    MD

    RispondiElimina
  57. Verissimo, Gesù ha detto alla samaritana di essere la sorgente dell'acqua viva. Ma prima che lei comprendesse la Verità ha sostenuto con lei un lungo e profondo dialogo. Non si è presentato dicendole: buongiorno, io sono il Messia e se lei non crede in me finirà dritta nel più profondo degli inferi perché voi samaritani siete dei porci eretici. Questo genere di approccio sarebbe probabilmente servito a farla scappare lontano e a stroncare sul nascere la sua conversione.

    RispondiElimina
  58. Ribadisco. lei si qualifica da sola.
    MD

    RispondiElimina
  59. bisogna pregare perchè il Signore Dio padre Onnipotente, che ha donato il Suo Figlio Unigenito Gesù Cristo per la salvezza del mondo, scampi la Chiesa da questo abominio:
    un raduno di uomini  di  "religioni diverse e di pari (?) significato e valore", nel quale sarà OSCURATO E DISCONOSCIUTO il Suo Santo Nome di Gesù Unico Dio Salvatore, davanti al mondo INCREDULO, che non lo ha conosciuto -O CHE LO HA CONOSCIUTO E RIFIUTATO, come gli Ebrei- e a tutti gli adoratori degli  dèi falsi e bugiardi !
    e che in conseguenza di questo disconoscimento (affine a rinnegamento) da parte della Chiesa Cattolica, per un falso rispetto degli uomini, ne soffra l'umanità intera:
    che non avrà visto brillare da quella eccelsa Cattedra di Pietro la
    LUCE ETERNA, GESU' LUCE DEL MONDO, VENUTO TRA I SUOI, non solo 2010 anni orsono, ma anche in questo 3° millennio, nella sua Santa Chiesa, dalla quale rischia di NON ESSERE PIU' ANNUNCIATO, ma
    tenuto dietro le quinte, come GIA' ACCADE NELLE CHIESE, scacciato dal centro della chiesa, con i tabernacoli sempre più nascosti, come di uno di cui CI SI VERGOGNA !

    RispondiElimina
  60. Caro MD (Matteo della Noce?) non solo lei si giudica ignorante nelle cose della Fede, ma a me  pare molto confuso. Confusione sul fatto che lei affermi come opera di Spirito Santo ogni cosa o ogni iniziativa, o idea non importa poi quale che sia basta che sia una nuova idea e tutto diventa spirito ....

    La Prudenza la vuole e la esige lo Spirito Santo, altrimenti che Spirito E'? Prudenza virtù Teologale è tale da discernere ciò che è bene o ciò che male. Ora se per dare un segnale distensivo fosse bastato Assisi I e Assisi II perchè di seguito si è continuato  al massacro? Se bastasse il dialogo perchè in tutti questi decenni non è scoppiata la Pace?

    P.S. che non sia scoppiata perchè non si è pregato l'unico vero Dio ma bensì qualcun altro ha pregato degli idoli? mi ritorna in mente il colosso dai piedi di argilla .....che si è accartocciato su se stesso!!

    RispondiElimina
  61. Questa mi mancava!
    Mi sono preso oltre alla solita tiritera di insulti del nomodernista, del neocatecumenale, dell'ignorante in materia di cattolicità, ma dell'ateo mai!
    E' la prima volta. Cavolo! E' proprio vero. Anche all'interno dei tradizionalisti non si va d'accordo!

    MD

    RispondiElimina
  62. <p> 
    </p><p>Già ma oggi come ieri, persino nel secolo del "villaggio globale", il vero "dialogo" nel senso cattolico del termine è solo quello dell'"aut-aut", il dialogo della fede, che espone sempre lucidamente e senza ambiguità, la Verità ai non credenti: e se questo significa trovarsi emarginati dal "villaggio globale" cosa importa? Non è qua giù che dobbiamo cercare la salvezza! Certo, questo sempre che puntiamo alla vera conversione, e non solo a riempire le statistiche o a infarcire le pastorali attiviste di "masse" per riempire le piazze (intese nel senso peggiore del termine, quelle che magari urlano per il Papa ma se ne infischiano di quello che dice sul sesso prematrimoniale).  
    </p><p>Non a caso quando all'interno della Santa Chiesa la dottrina era ben ferma, non si parlava troppo di pastorale, ma fiorivano conversioni, vocazioni, ordini e congregazioni e i seminari erano pieni da scoppiare.</p>

    RispondiElimina
  63. I buddisti in India sono meno dello 0,2% degli abitanti; credo che la tua amica si riferisse agli induisti (80%)...

    RispondiElimina
  64. di chi è costretto a leggerlo .... e chi è costretto a leggerlo se non chi lo vuole leggere?
    Nostro signore era intransigente? Vero ci insegna l'intransigenza dell'Amore!
    Ma vogliamo prima scoprire chi è contro di noi oppure lo facciamo a tavolino?
    Mi sembra, ma mi posso sbagliare, che nell'Islam ci sia un grande rispetto per la Madonna. Sbaglio?
    MD

    RispondiElimina
  65. ribadisca ..... ribadisca ..... e siamo tutti più tranquilli! :-D

    RispondiElimina
  66. Quello che scrive Scettico, avrei voluto scriverlo io.
    Una sana ironia veritiera ed evangelizzante.

    RispondiElimina
  67. <span>Caro Simon, il discorso di Enrico regge eccome. Se il papa si limitasse a fare il papa, ovvero proclamare la Verità che è Cristo, con tutti i suoi corollari cattolici di sempre, non ci sarebbe problema e il mondo non lo fraintenderebbe, ma semplicemente lo attaccherebbe (come ha sempre fatto in 2000 anni). Dal momento invece che il papa fa cose che non spettano al Vicario di Cristo, come convocare assemblee interreligiose dove sicuramente avverranno riti che per noi cattolici sono o vuoti o demoniaci, allora il mondo, invece che perseguitarlo, avrebbe tutto lo spazio per fraintenderlo. </span>
    <span>Sto ancora cercando di capire come tenersi per mano con i rappresentanti di altre religioni sia proclamare la Buona Novella! Solo in un caso ad Assisi 2011 il papa riuscirebbe a proclamarla: chiedendo a tutti di convertirsi -ma già sappiamo che non lo farà. </span>
    <span>Tanto vale correggere diversi passi del Vangelo: povero Gesù, così antiquato, così fondamentalista.  
    Riprendo le mie parole relative a diversi passaggi di Luce del mondo: là meglio tacere, qui meglio non convocare</span>

    RispondiElimina
  68. Per ss, nn: Cristo andava e parlava con tutti,  al dottore della legge che era da Lui interrogato disse: -Quale di questi tre ti sembra il prossimo di colui che aveva incontrato i briganti?- ed il dottore della legge, che ripugnava i samaritani come eretici e nemici, rispose al Cristo:- Quello che ebbe compassione di lui- e Gesù ripose lui:- Và e fa anche tu lo stesso-( Lc 10, 36-37). Gesù era in dialogo teologico con tutti, a tutti annunciava la Verità da lui Rivelata, ma era in dialogo, trasgrediva le norme della ''siepe'', era accusato di non fare abluzioni, di trasgredire il sabato, i suoi erano accusati di spigolare il sabato, era critico sulle pratiche relative alla purezza, ma era in dialogo perfino con i greci ( cfr. Gio 12, 20-22). Quanto al dialogo straordinario con la samaritana c'è un saggio di ''dialogo tra le religioni'' che avviene all'interno del Vangelo , vorrei copiare questo dialogo tra la donna samaritana, educata alla maniera del'' nord'' a interpretare l'ebraismo in maniera diversa dai giudei del sud. Disse la samaritana nella versione giovannnea a Gesù:- Signore vedo che tu sei profeta,. I nostri Padri adorano su questo monte e voi dite che è a Gerusalemme che bisogna adorare-una domanda  che chiede a Gesù lumi su questioni prettamente religiose, il Signore si presta al dialogo, lui giudeo, e risponde: - Credimi , donna, che viene un'ora in cui né su questo monte né a Gerusalemme adorerete il Padre...- Gesù risponde che si adorerà in spirito e verità ed in tutto il dialogo egli si presenta come il Salvatore, l'Aqua di vita eterna. Gesù , in quel contesto storico, ed è questa la prova della ''discontinuità, cioè Gesù aveva atteggiamenti di dialogo, per convertire, che all'epoca erano impensabili per dei giudei. Gesù, che invita addirittura a pregare per i nemici, insegna la carità ed il dialogo. All'epoca il solo avvicinare i pagani era considerato impuro.Chi nel XXI secolo ha paura del dialogo è anacronistico. Poi si sfugge il problema che non ci si può chiudere nei confronti di miliardi di non cristiani, ma creati da Dio e viventi per Lui.  Il papa saprà stupirci tutti.

    RispondiElimina
  69. scettico .... caro, Eva decise di dare ascolto al serpente dopo che non avendo avuto paura di dialogare con lui ( troppo sicura? ) ne rimase ingannata. Saper leggere è cosa buona e giusta! Meglio magari aiutandoci con il Magistero e il Deposito Millenario della Chiesa, Quel Deposito che E' stato mantenuto vivo dalla Tradizione e guarda caso proprio grazie  chi in tutti questi anni di confusione dottrinale, lo ha mantenuto tale e quale. 

    P.S. altrimenti molti di noi saremmo diventati dei protestanti.

    RispondiElimina
  70. Bartimeo consolati. A volte meglio ateo.
    Megli colui che non conosce, "ne riceverà poche". Chi conosce "ne riceverà molte"

    RispondiElimina
  71. preghiamo intensamente lo Spirito Santo, che è lo Spirito di Gesù che guida la Chiesa, Spirito di Sapienza, Intelletto, Consiglio, Fortezza, Scienza, Pietà, Timor di Dio perchè ricordi al Papa tutto quello che Nostro Signore ha insegnato a Pietro e agli Apostoli, dall'inizio della Chiesa ad oggi, perchè fosse trasmesso alle generazioni inalterato, perhè gli ricordi tutte le Sue parole, senza tralasciare nè cambiare uno iota, comprese quelle in cui dice:
    <span><span><span><span>Chi dunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch'io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch'io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli». </span></span>    
    -------    
    sono parole chiare e forti, inequivocabili, ineludibili :</span>  
    <span>valide e imprescindibili per tutti gli uomini, dal più grande al più piccolo, per tutti i secoli della storia, fino alla fine del mondo.</span></span>

    RispondiElimina
  72. C'hanno la tentazione del "circolo chiuso", del club del piccolo branco, pardon, "gregge".

    RispondiElimina
  73. Bartimeo, da un lato criticavi una donna -Luisa- perché secondo te tirava sempre fuori a sproposito i neocat, ma tu fai altrettanto con i sedevacantisti! Temo che anche tu ti qualifichi da solo. E poi, che cosa ti hanno fatto di male le donne, che sei sempre pronto a criticarle usque ad... esasperazione?

    RispondiElimina
  74. Le dò un consiglio: si legga il capitolo 5 della regola di San Benedetto, poi il 7 e poi ne riparliamo.
    Poi, faccia uno sforzo, si compri il libro "Elogio della vita eremitica" del beato Paolo Giustiniani e si legga da pagina 95 a pg 204 poi parli agli altri di confusione umiltà ed obbedienza.
    Gesù fu così obbediente da accettare la messa in Croce ... perchè io dovrei essere diverso da Cristo e disobbedire al Papa che LUI ha posto lì? Chi è il confuso? perchè non dovrei accettare il martirio? Perchè dovrei deporre la mia Croce sugli altri? Perchè dovrei chiudermi in una conventicola? perchè non dovrei vivere IL tempo che mi è stato donato? Perchè dovrei avere "schifo" dei luterani, ebrei, mussulmani o altro? se Dio me li ha messi sul cammino perchè dovrei evitarli?
    Rispondere alle domande. Grazie
    Matteo Dellanoce
    PS è azione prudentissima quella dell'obbedienza. Senza obbedienza zero prudenza. Perchè? Semplicemente si sostituisce IO a ciòche mi vien dalla Chiesa di Dio.

    RispondiElimina
  75. Spero con tutto il cuore che ad Assisi 3 il Papa parli, discuta tratti con i rappresentanti delle varie credenze su come tollerarsi e convicere pacificamente in tutti i luighi del mondo.  Pero' che non ci sia alcun momento di preghiera in nessun modo e per nessun motivo con i pagani e gli eretici. Spero che B16 ricordi che Pio XI proibi', pena la scomunica, preghiere comuni con i non cattolici. 

    RispondiElimina
  76. C'è qualcosa che non funziona, i miei post escono con "ospite" ed il browser ogni tanto aggiorna la finestra dicendo di una impossibilitata visualizzazione.

    RispondiElimina
  77. Temo che sia l'ospite a non voler capire il seminarista affranto. Se il papa dialogasse con gli anglicani e dicesse CHIARAMENTE, sì siamo amici, sì Cristo ci unisce MA Dio non può approvare l'ordinazione femminile perché intrinsecamente invalida e peccato grave ai suoi occhi, allora il dialogo avrebbe un senso; ma se non fai la critica difficilmente chi ti ascolta tende a recedere dall'errore.
    Augh!

    RispondiElimina
  78. Bene, Bartimeo, spiegami cosa c'azzeccano i riti tribali, le bendizioni animiste, il budda sopra l'altare di Santa Chiara con l'irenismo (in senso buono) di cui parli tu. Oppure sei già sicuro che le idolatrie compiute ad Assisi 1986 non si ripeteranno ad Assisi 2011? Personalmente voglio sperarlo, ma sarà dura visti i precedenti.

    RispondiElimina
  79. Eccelso Bartimeo .... che dirle vedo che aggiunge ignoranza ad ignoranza. Non solo le ho risposto, ma le ho fatto delle domande a cui lei "sapientemente" NON ha voluto rispondere, se non con la classica rispostina da lupo che dà dell'intollerante all'agnello.

    Le ripropongo la domanda:

    Lei ha paura di affermare in pubblico che Gesù Cristo E' l'unico vero Dio? e che la Religione Cattolica E' l'unica via di salvezza? Se ad Assisi si farà questo allora E' lo Spirito Santo che  è sceso altrimenti è solo spirito del mondo, per andare incontro al mondo, per di più avendo paura di affermare la verità.

    Questa Verità può creare degli scontri? ebbene non si faccia e si preghi e si inginocchi davanti a Dio che abbia ad illuminare e a convertire quelli che lo rifiutano.

    <span> Come operava la Chiesa prima della scoperta dell'ecumenismo del concilio pastorale vaticano II? Che forse prima non convertiva? prima di dire o scrivere stupidaggini caro Bartimeo legga un po' di Storia dei santi o dei Missionari Cattolici ne vaà del suo bene spirituale. </span>

    P.S. AMARE il nemico non vuol dire dialogare ma bensì volere il suo vero bene che E' la salvezza dell'anima, quello che ha ordinato Gesù ai suoi. Ora lasciare intendere che le religioni sono tutte uguali E' vero amore?


    Suvvia MD un po' di coerenza .......e magari si ripassi la " De Civitate Dei"  di S. Agostino.

    Cordialità

    RispondiElimina
  80. La paura è un pessimo sentimento, cosa da animi pusilli. E' chiaro che tutte le religioni del mondo non sono affatto uguali. Può essere uguale la domanda spirituale che nelle religioni cerca risposta. E deve essere uguale il diritto che le singole persone hanno di scegliere a quale religione rivolgersi per cercare quella risposta.

    RispondiElimina
  81. <span>in che senso saprà stupirci ?  
       ANNUNCIANDO O NON ANNUNCIANDO che Gesù è il Vero Unico Dio Salvatore del mondo ?  
    o tacendolo, ritenendo che lo vengano a sapere tutti, per ispirazione interna diretta, senza nessuno che glielo annunci ? di questo "tacere" e sottintendere non  mi stupirei, sarebbe in linea col suo predecessore.  
    Mi stupirebbe invece (e diremmo alleluia) se dicesse a tutti quei vario-credenti:  
            Non abbiate paura: aprite le porte a Cristo, convertitevi e credete al Vangelo !  
    ma deve dirlo <span>a chiare lettere, </span>e allora lo Spirito Santo farà le cose meravigliose CHE NOI NON POSSIAMO FARE, egr. ospite !  
    Gesù ha detto chiaramente:  
              SENZA DI ME NON POTETE FARE NIENTE !</span>

    RispondiElimina
  82. Ma senti chi parla di evadere le risposte!

    RispondiElimina
  83. Per le altre (false) religioni si chiede la libertà religiosa, per la nostra (unica vera) tolleranza. Il male sia libero e il bene sia tollerato. Il mondo va al contrario ...

    RispondiElimina
  84. Al Papa ci si rivolge con il Voi, somari!

    Francesco AgnoliLorenzo BertocchiRoberto de MatteiCorrado GnerreAlessandro GnocchiCamillo LangoneMario Palmaro

    RispondiElimina
  85. Be' dai Bartimeo, un'offesa in cambio di altre 40. Riequilibriamo il karma, no? (ultimamente ho abbracciato il verbo ecumenista)

    RispondiElimina
  86. <span>...ma questa è appunto la 3.a ipotesi prospettata da mons. Fellay, il quale ha sorriso, ritenendola impossibile umanamente, impensabile. Ma possibile lo diventa solo invocando la Potenza dell'Altissimo, se si crede nella forza della preghiera fatta con FEDE, e che Dio può tutto ciò che noi non possiamo.</span>

    RispondiElimina
  87. Caro bartimeo ..... che cosa c'entra adesso il rispetto dell 'islam verso la Madonna? come a dire ragazzi guardate che loro adorano lo stesso Dio. Peccato però che sul Corano ( quello che è stato baciato da Giovanni paolo II purtroppo) stà scritto a morte tutti gli infedeli, e gli infedeli sono tutti i non musulmani.

    Che forse dopo tutti questi anni di dialogo e dopo gli incontri ad Assisi I e II siano state cancellate quelle frasi dal Corano? ..... a me non risulta e a lei?

    RispondiElimina
  88. <span>
    <p><span><span>Sono certo che il Santo Padre, ancora una volta saprà dare l’indirizzo giusto a questo evento, penso CORREGGENDOLO! Sebbene i timori degli Illustri scriventi, fosse solo per il fatto stesso di aver osato, sono forniti di fondamento.</span></span>
    </p><p><span><span>Il problema sarà il dopo Assisi. Ognuno RE-INTERPRETERA’.</span></span>
    </p><p><span><span>Suggerisco di GIRARE l’autorevole Lettera ai membri, di recente nomina, del nuovo Pontificio Consiglio per la promozione della Nuova Evangelizzazione, uno a caso, il narcisista Mons. Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti, il “Teologo del NULLA” che ama farsi definire “amico del Papa”!</span></span>

    </p></span>

    RispondiElimina
  89. Mah! Visto che è tutto anticristiano, usando il metodo paolino titavo fuori ciò che c'è di buono.
    La sua è una semplificazione. Gli infedeli sono i non credenti poi ci sono i dhimmi!
    Aggiornarsi.
    MD

    RispondiElimina
  90. solo per il fatto che sto a confrontarmi con sto branco di lupi testimonio la mia fede eccome.
    Poi dei suoi consigli! Beh! Mi spiega Lei come fa a volere il vero bene se parte con un "vai all'inferno"'
    Resta un fatto, molto chiaro. Lei non risponde, se non per slogan io lo ho fatto più volte (checchè ne dica camminate) ma lei continua a fare oltre che del sarcasmo da due soldi, cosa vuole, è tipico del serioso non saper ridere.
    Il dialogo di cui la Chiesa parla è "dialogo di salvezza". Mai letto i doumenti di Paolo VI? già! Ergo si salva il prossimo dialogando con lui! A meno che Lei non abbia la bacchetta magica! Cosa che non mi stupisce perchè frequentando i tradizionalisti on line ho scoperto un numero impressionante di mamma ebe e mago do nascimento.
    MD
    PS ma quando un Papa si presenta in pubblico cosa rappresenta se non la Chiesa cattolica che professa l'unico vero Dio?
    Vero è che dopo lutero ed econe qualcuno ha pensato di sostituirsi al Papa. Ma va da sè! Agli occhi del mondo il Papa è Papa .

    RispondiElimina
  91. <span>se si vuol essere realisti, dal momento che è impensabile che il Papa voglia convertire CHICCHESSIA di quei personaggi convocati, è del tutto sbagliato e illusorio l'intento stesso di questo raduno, che è quello di pregare un "dio comune": idea aberrante per noi cattolici che abbiamo la vera Fede nel Vero Dio Trinitario rivelatosi in Gesù Nostro Signore; sarebbe soltanto un regresso al buio comune precristiano che avvolge coloro che non l'hanno ancora conosciuto.  
    Allora esso è non solo inutile, ma anche dannoso, ricordando San Paolo:  
          "Che cosa c'è in comune tra Cristo e Belial ? "</span>

    RispondiElimina
  92. E tu camminate, mettini nei panni di un induista o altri e dimmi che significato ha per lui il Padre Nostro o l'Eucarestia.
    Da dove parti a spiegarglielo? Non parti frse da ciò che ci accomuna ovverosia la ricerca e la relazione con Dio?
    Magari il testo della Stein ( Santa) sull'Empatia può servire a qualcosa. o no?
    Cristo non è il Marchese del Grillo!
    MD

    RispondiElimina
  93. don MAZZI DICE CHE GESU' FU UN GRANDE PROFETA!!! don mazzi è uomo...forse una donna non avrebbe detto questo ma che Gesu' è il figlio di Geova!!!!! 

    RispondiElimina
  94. Camminate. Questa è pari all'accusa di razzismo che si fa a chi non è d'accordo con Obama.
    Anzi! A differenza di chi lapida o ostracizza le donne io, proprio perchè credo nella loro pari dignità nei confronti dell'uomo, le prendo in considerazione esattamente come faccio con un uomo.
    Niente misoginia ma tanta considerazione.
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  95. Caro don Franco, girare l'autorevole lettera ad altri sarebbe inutile. Intorno è lo sfacelo.
    Suggerirei invece di pregare perché lo Spirito Santo lo illumini e lo assista dandogli la forza e la capacità di comportarsi da Vicario di Cristo.

    RispondiElimina
  96. facendo semplicemente del BUON Catechismo, e ribadendo ciò che la Chiesaha sempre insegnato l'induista capirà, e sarà consapevole se accettare oppure no! Dio ci ha creati liberi ma alla fine dovremmo rendergli conto di come abbiamo usato la libertà.

    Se invece li lasciamo fare  e per di più in casa nostra dentro alle nostre Chiese, che messaggio recepiranno? a lei la risposta Bartimeo.

    Lei parla di martirio ebbene allora perchè ha così tanta paura di andare lì ad Assisi e dire chi è il vero Dio e quale la vera ed unica religione? oppure non va' nei paesi islamici a dirlo? S. Benedetto, .... ha detto bene. Peccato ( si fa per dire) che S. Benedetto, grazie la sua intrasingenza e la sua caparbietà nell'insegnare ai  Barbari chi sia il vero Dio e la vera religione, (a volte non senza dolore)  sia riuscito a convertirli e a salvare loro le anime, senza l'ecumenismo e il dialogo di oggi.

    RispondiElimina
  97. Questo detto di San Macario il Grande, va in direzione  di ciò che fa e dice il Papa e della liberta e dialogo religioso:


    "Raccontavano che il padre Macario l’Egiziano salì un giorno da Scete al monte di Nitria e, quando stavano per arrivare, disse al discepolo: “Va’ un poco più avanti”. Mentre camminava un po’ avanti a lui, il fratello incontrò un sacerdote pagano, e gli gridò: “Ehi, ehi, demonio, dove corri?”. Quello, voltatosi, gliele diede di santa ragione, tanto da lasciarlo mezzo morto; quindi, preso il suo bastone, proseguì il cammino. Poco dopo, mentre si affrettava per la strada, incontrò il padre Macario. Questi gli disse: “Salute, salute a te che sei affaticato!”. Stupito, l’altro gli si avvicinò e gli chiese: “Cosa hai trovato di buono in me, che mi hai rivolto la parola?”. L’anziano gli dice: “Perché ho visto che ti stanchi, e non sai di affaticarti invano”. Allora il sacerdote gli dice: “Io sono stato preso da compunzione al tuo saluto e ho capito che tu appartieni a Dio. Invece un altro cattivo monaco che ho incontrato mi ha offeso e l’ho percosso a morte”. L’anziano capì che si trattava del suo discepolo. E il sacerdote, afferrandogli i piedi, disse: “Se non mi fai monaco, non ti lascio andare”. Giunsero poi dove giaceva il fratello, lo caricarono sulle loro spalle e lo portarono alla chiesa del monte. Si meravigliarono di vedere con lui il sacerdote pagano. E lo fecero monaco; e molti pagani per merito suo divennero cristiani. Il padre Macario soleva dire: “Una parola cattiva rende cattivi anche i buoni e una parola buona rende buoni anche i cattivi”.
    San Macario il Grande, Abate di Scete

    RispondiElimina
  98. <span><span><span>QUALE PACE si può invocare insieme con gli adoratori di Baal ?</span>    
    <span>Quale pace può ottenere il mondo da Dio se non SOLO QUELLA che Cristo Signore ha promesso, CONTRAPPOSTA  a quella del mondo, solo menzognera ?</span>    
    infatti Egli ha detto:    
    <span><span><span><span><span>Vi lascio la MIA PACE, vi dò la MIA PACE;  Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore."</span></span></span></span></span>    
    Dunque è inutile andare a pregare insieme con i pagani per chiedere la vera pace che solo Nostro Signore dà a noi che crediamo in Lui e apparteniamo a Lui, invocandoLo anche per gli altri che non credono in Lui. Com'è pensabile chiederla ad altri che a Lui ?  
    Infatti ha detto anche:    
           <span><span><span><span><span>"Nessuno viene al Padre se non attraverso ME!"</span></span></span></span></span>    
    Sarebbe invece molto meglio che il Papa, come qualcuno ha suggerito, celebrasse una Santa Messa speciale per invocare la Pace di Cristo sul mondo tormentato da odi e guerrre: il SS.mo Sacrificio di Nostro Signore ha valore salvifico e reale potenza infinita di Grazia, che i pagani ed increduli non possono nè capire nè immaginare.    
    (Altro che preghiera comune....)</span></span>

    RispondiElimina
  99. <span><span><span><span>QUALE PACE si può invocare insieme con gli adoratori di Baal ?</span>      
    <span>Quale pace può ottenere il mondo da Dio se non SOLO QUELLA che Cristo Signore ha promesso, CONTRAPPOSTA  a quella del mondo, solo menzognera ?</span>      
    infatti Egli ha detto:      
    <span><span><span><span><span>Vi lascio la MIA PACE, vi dò la MIA PACE;  Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore."</span></span></span></span></span>      
    Dunque è inutile andare a pregare insieme con i pagani per chiedere la vera pace che solo Nostro Signore dà a noi che crediamo in Lui e apparteniamo a Lui, invocandoLo anche per gli altri che non credono in Lui. Com'è pensabile chiederla ad altri che a Lui ?    
    Infatti ha detto anche:      
           <span><span><span><span><span>"Nessuno viene al Padre se non attraverso ME!"</span></span></span></span></span>      
    Sarebbe invece molto meglio che il Papa, come qualcuno ha suggerito, celebrasse una Santa Messa speciale per invocare la Pace di Cristo sul mondo tormentato da odi e guerrre: il SS.mo Sacrificio di Nostro Signore ha valore salvifico e reale potenza infinita di Grazia, che i pagani ed increduli non possono nè capire nè immaginare.      
    (Altro che preghiera comune....)</span></span></span>

    RispondiElimina
  100. <span>  Bartimeo, risponda per favore:</span>

    <span>
    <span> Come operava la Chiesa prima della scoperta dell'ecumenismo del concilio pastorale vaticano II? Che forse prima non convertiva? prima di dire o scrivere stupidaggini caro Bartimeo legga un po' di Storia dei santi o dei Missionari Cattolici ne vaà del suo bene spirituale. </span></span>


    <span>Lei parla di martirio ebbene allora perchè ha così tanta paura di andare lì ad Assisi e dire chi è il vero Dio e quale la vera ed unica religione? oppure non va' nei paesi islamici a dirlo? S. Benedetto, .... ha detto bene. Peccato ( si fa per dire) che S. Benedetto, grazie la sua intrasingenza e la sua caparbietà nell'insegnare ai  Barbari chi sia il vero Dio e la vera religione, (a volte non senza dolore)  sia riuscito a convertirli e a salvare loro le anime, senza l'ecumenismo e il dialogo di oggi.</span>

    Vuol forse dire che S. Benedetto ha avuto meno amore? o è stato disubbediente? o che anche lui si è sostituito al papa? o semplicemente ha fatto il suo dovere di Sacerdote? perchè S. benedetto non è considerato disobbediente mentre lei si ostina a spargere fango e nozioni sbagliate sulla fraternità?  che poi non capisco tutto questo astio, parla di amore al nemico, che forse per lei la fraternità è peggio che il nemico? .....

    o vuol forse dire che in quegli anni di tremende invasioni barbariche alla fine non era che un villaggio globale anch'esso? Se conosce la storia saprà che l'Italia E' sempre stata la Nazione più invasa di tutte le altre nazioni del mondo .... quindi un bel villaggio globale anch'esso.





    <span> 
     
    </span>

    RispondiElimina
  101. Domanda: come fa a portarli al catechismo?
    MD
    PS. San Benedetto ha convertito i barbari con la MITEZZA! Accettandoli così come erano e non lasciandoli fuori dai conventi!
    PS Io ad Assisi non vado perchè sono già rappresentato. Ci va il Papa. Sul coraggio? Non sono io che indico crociate. E' Vostro l'onere della prova.
    PS Seconda domanda: secondo Lei come può essere accolto il Papa, dopo che si comporta come volete voi, in un viaggio apostolico in una regione a prevalenza islamica?
    Come risponde alla violenza? Con altra violenza? Ed in che cosa è allora differente la sua religione dalle altre?

    RispondiElimina
  102. e chi sono i dhinni se non i cristiani che vivono nei paesi islamici, che per rimanere vivi e a casa loro, devono versare la tassa (dhinnitudine) agli islamici?

    ...... vedo che non è molto informato .....appunto .....

    RispondiElimina
  103. Mi spiace per lei. Il dhimmo non è trattato come un infedele. per il secondo c'è la morte e sola quella per il primo no.
    Lasci perdere wikipedia!
    MD

    RispondiElimina
  104. come faccio a portarli al catechismo? Semplicemente leggendo loro il Catechismo, con annesso Magistero, come fece S. Benedetto.

    la mitezza non è sinonimo di debolezza o di diaologo a tutto tondo. Da quel che scrive credo che lei non abbia mai letto la storia di S. Benedetto e nemmeno quella di certi Santi Missionari. Che forse essi non ebbero l' autorevolezza nell'insegnamento?

    Constato in lei sempre una maggiore paura nell'ammettere ciò che ha ordinato Gesù, ovvero andate predicate Battezzate nel nome del padre del figlio e dello Spirito Santo ( ma queste parole a lei suonano male vero? ) ahi ahi, credo che abbia più paura lei di tutti quanti noi.

    Vada ad Assisi e si metta al fianco del Papa e gli infonda il coraggio per dire queste cose ai non credenti ..... guardi un po' S. Benedetto ha fatto esattamente così ed era in un villaggio globale, circondato da popoli  barbari di tutti i tipi, proprio come oggi, ovvero circondati come siamo da mille tipi di religioni ....

    Suvvia Bartimeo non divaghi troppo non le rende onore.

    P.S. chi ha parlato di violenza? che forse le conversioni fatte dai Santi furono violente? o i Santi andarono sempre e solo al sodo della questio? Che forse dire no ad Assisi III è violenza?

    Suvvia Bartimeo la prego .....

    RispondiElimina
  105. Non confonda. La battaglia si svolge su due fronti. Uno interno, l'occidente e la'ltro esterno, l'Oriente.
    Nel primo caso la barbaria è la negazione del Logos attraverso la tecnica, nel secondo caso la barbaria è portare Dio in punta di spada. Cosa accomuna le due realtà la violenza. Come rispondere alla violenza? Con la violenza?
    Due questioni.
    uno. Non siamo più ai tempi del colonialismo. Ergo non c'è più quella sorta di "protezione" che esisteva prima. nel terzo mondo i governi ormai sono per la maggior parte "locali" e fanno riferimento a religioni ed ideologie autoctone. Quindi la Chiesa deve trovare la maniera di tutelare chi non è più così tutelato come prima. E' imperativa la necessità di dialogo con le altre religioni per garantire ( leggere il Papa al corpo diplomatico e la sua richiesta di cancellazione della legge sulla blasfemia) ai missionari se non altro la tranquillità necessario per fare missione. Ritenere inutile o dannoso il dialogo con le altre religioni e con i governi è stolto ed egoista.
    Secondo. Il problema in occidente è la democrazia. Ovverosia la Chiesa deve convertire il più possibile le persone affinchè attraverso il metodo democratico evitino che le ideologie ( secolarismo e tecnoscentismo) prendano di nuovo il sopravvento in occidente. Il dialogo allora si rende necessario per formare cittadini consapevoli dei rischi che si corrono. Tra i cittadni ci sono anche appartenenti ad altre confessioni cristiane ed ad altre relgioni. Il dialogo allora è necessario anche in occidente. La Chiesa non ha più potere sul "re" dal 1789. E' stupido ed incoscente non dialogare.
    Concludo: posto queste questioni ( semplificate) non si debba dialogare è una castroneria enorme e stupisce che a farlo siano giornalisti e storici. Mi domando se il virus conventicolare non stia creando ulteriori danni!
     Qui non è in questione solo la fede, ma la vita del singolo e la soppravvivenza del mondo intero.Cosa che ai tempi delle invasioni barbariche non era in questione.
    Attendo risposte su come risolvere i problemi. Concrete!
    Grazie
    Matteo Dellanoce
    PS io non getto fango sulla Fraternità. Ricordo solo dei fatti.

    RispondiElimina
  106. Guarda Bartimeo che la Maria di cui si parla nel corano non è affatto la Vergine e madre di NSGC e lo si desume da altri dettagli , vedi legami di parentela , sempre presenti nel corano . Questa è una delle tante leggende ecumeno-buoniste !!!

    RispondiElimina
  107. No ho qui con me il testo di Jaki, Islam e cristinaità, ma glielo consiglio!
    Oppure quello di Ellul!
    MD

    RispondiElimina
  108. ma allora lei vuol prendermi in giro, e non conosce abbastanza il mondo islamico.

    il dhinni come ho detto ( e guardi wikipedia la lascio a lei) E' quel cattolico ( o altra religione di estrazione cristiana) che per rimanere in vita nei paesi islamici DEVE PAGARE la tassa. NON ho detto che i dhinni vengono uccisi ..... perchè per rimanere in vita APPUNTO devono pagare. Quando non avvessero soldi per pagare allora se gli va (agli islamici) vengono perseguitati e uccisi.

    credo che quanto ha scritto sinora con tanta foga e poca concentrazione non le abbia reso onore, perchè ne stà dicendo di cotte e di crude. Se nemmeno tra di noi cattolici ( o almeno lo spero) il dialogo non funziona,  si figuri se può funzionare con quanti non sono cattolici e che non credono anzi hanno in abominio  la Fede cattolica .....

    RispondiElimina
  109. e pensare a tutte quelle icone stupende o quadri dell' Immacolata, venerati nei secoli dai fedeli , con il serpente e la mezzaluna schiacciati dai suoi piedi.....Che razza di intolleranti e poco dialoganti sti artisti !!!!

    RispondiElimina
  110. Domanda io : come fa Lei a portarli al catechismo?
    Risposta Lei: semplicemente leggendolo.
    Appunto. Io dico Roma e Lei risponde Econe.
    Ciao core!
    Matteo Dellanoce
    Vedo che adesso Lei sa anche quello che ho letto .... wanna marchi e do nascimento abundat in orbe econarum ( maccheronico ma suona bene)

    RispondiElimina
  111. Aderisco ben volentieri a questo appello, in spirito di filiale devozione al Santo Padre. La confusione tra dialogo, ecumenismo, sincretismo, relativismo, si traduce poi nella rinuncia da parte di tanti cattolici ad annunciare la Salvezza, che viene solo e unicamente da Cristo. Assisi 1986 è stato fonte di mille equivoci; non c'è alcun motivo per farli rinascere

    RispondiElimina
  112. ma chi è Jaki....? il fratello di lapo ???? :-P legga dal corano che è meglio e se ne faccia una idea da sola.....

    RispondiElimina
  113. Caro Camminante, sinceramente non so se la notizia sulle distruzioni di chiese in India sia fondata, ma mi è stato riferito che erano i buddisti, anche se so che già altre volte la persecuzione dei cristiani era da parte degli induisti che certamente sono in maggioranza. Boh! vedremo in questi giorni se esce qualcosa! Anche se spesso i media sorvolano sulle persecuzioni che riguardano i cristiani, mica siamo panda da salvare! ;)

    RispondiElimina
  114. Mi associo ad Agnoli, Gnocchi, Palmaro e gli altri firmatari, per questa bella lettera!

    RispondiElimina
  115. Secondo me, l'incontro interreligioso svoltosi ad Assisi nell'86, non è stato altro che una dimostrazione di riti di tutte le religioni, cioè ognuno ha voluto dimostrare al mondo la sua appartenenza come capo, approfittando dell'eco mondiale che avrebbe riscosso. Stiamo pur certi che nessuno cambierà o si convincerà che la nostra religione cattolica sia quella vera.
    E poi, quale credibilità avrà  nel caos attuale, se non viene riportata alle sue origini? 

    RispondiElimina
  116. membro onorario della Pontificia Accademia delle Scienze e aveva ricevuto il Premio Templeton nel 1987 dalle mani del principe Filippo di Edimburgo. Nato in Gyor (Ungheria) nel 1924, era stato inviato dalla sua abbazia ungherese di Pannonhalma a Roma per completare gli studi. Ordinato sacerdote ad Assisi nel 1948, e dopo aver ottenuto una laurea in teologia al Sant'Anselmo di Roma, era stato inviato dal suo ordine in Usa, dove ha conseguito una seconda laurea in fisica nel 1957, avendo come relatore il premio Nobel H. Hess. Per motivi di salute è stato (nelle sue parole) damnatus ad litteras, ossia condannato

    RispondiElimina
  117. Ma che ti vada di traverso..11 gennaio 2011 18:31

    "calduccio econiano", poi.. non l'avevo mai sentita. Una frase "deficiente" perchè manca del senso della sofferenza con cui Econe affronta il postribolo post-conciliare.
    Tutti fanno un po' quel cacchio che gli pare: e diciamolo! Vescovi farncesi che negano la resurrezione di Cristo, Bagnaschi che dicono che non è compito della Chiesa convertire gli ebrei, femminismo, giovanilismo.. messali "canovaccio" su cui inventare, creare, fare, togliere.. gente che da piccola giocava col pongo e con la play-mobil, e ora "dice messa" nello stesso modo.
    Solo i tradizionalisti si devono piegare a 90° a qualsiasi levata di sopracciglio..? Ma ci faccia il piacere.
    Si notino i toni della lettera: preoccupati, ma amorevoli, devoti e rispettosi. Si legga il libro con l'imprimatur di quel vescovo francese (vescovo "materialiter", a questo punto..) che dice una massa di oscenità anti-cattolche tipo: <span>la Chiesa ha tradito il Vangelo" e la sua storia "è una profonda alleanza con i ricchi e i potenti", con un Vaticano che "rifiuta lo sviluppo dell'umanità, al quale invitava il Cristo", perché è gestito da "spiriti sclerotizzati, incapaci di liberarsi da una tradizione diventata superstizione"..</span>

    Indire una crociata?.. Perchè no. Quando il Papa la proclamerà, ci andremo (lei invece probabilmente disobbedirà vestito da fricchettone "mettete i fiori nei vostri cannoni").
    Per ora il Papa fa altro.. ma proprio "altro".
    Probabilmente l'ermeneutica della continuità esclude Pio XI. O crede che Pio XI non avesse capito bene. Ovvio: prima delle messe con le tette fuori in polinesia erano tutti oscurantisti. GPII ha insegnato alle suore che tutte le religioni sono uguali, e BXVI.. staremo a vedere. Magari farà lo stesso, ma con mozzetta e rocchetto. Magari NO. Vedremo..

    Nel frattempo: Resistere, Resistere, Resistere!!

    RispondiElimina
  118. .."aprite le porte a Cristo, a Buddha, a Visnù, a Allah"...e a tua sorella...

    RispondiElimina
  119. Appunto, Cristo non è il marchese del grillo, e quindi non possiamo fare sui suoi altari le buffonate di altre religioni. Che c'entri poi lo sgozzamento gallinesco o la benedizione di santoni indù o il buddino sull'altare con l'accettazione del Padre nostro e di Cristo unico salvatore del mondo, non so proprio.

    RispondiElimina
  120. ahha ho capitoooo , ha ricevuto il premio Templeton dalle mani niente di meno del principe Filippo di Edinburgo.... Ma quel Filippo di Edimburgo membro della massoneria scozzese ??? Guarda un po' che dice Wikipedia ?

    RispondiElimina
  121. Ospite: questo dettaglio sembra essere irrilevante per Tettamanzi, che ha accolto in gran pompa (oh cielo, ma si potrà ancora dire se lei è donna...?) la pastoressa in questione.

    RispondiElimina
  122. <span>(suo post delle 16,39)  
    "Peccato però che sul Corano ( quello che è stato baciato da Giovanni paolo II purtroppo) stà scritto a morte tutti gli infedeli, e gli infedeli sono tutti i non musulmani" questo lo ha scritto Lei. Glielo rileggo: stà scritto a MORTE tutti gli INFEDELI e gli INFEDELI sono TUTTI non mussulmani.  
    ( mio post 16,50) "La sua è una semplificazione.Gli infedeli sono i non credenti poi ci sono i dhimmi"  
    Concludo; io so cosa scrivo e so anche leggere. Mi piacerebbe dire lo stesso di Lei. In effetti dialogare con chi intende il dialogo come o con me o contro di me non funziona. Saluti cari.  
    Cordialità  
    Matteo Dellanoce</span>

    RispondiElimina
  123. <span>"solo per il fatto che sto a confrontarmi con sto branco di lupi testimonio la mia fede eccome. "</span>
    <span>"Cornuto!" disse un giorno il bue all'asino.</span>

    RispondiElimina
  124. Il tuo commento mi piace, ma non approvo quel "non certamente doloso". il papa non è un vecchietto che soffre di problemi vari; i discorsi e gli eventi li legge e li approva, se non li approvasse non li celebrerebbe o non li direbbe! Parliamo dell'ex prefetto della congregazione della dottrina della fede, di uno degli animatori del concilio vaticano II, non di mio nonno con l'alzheimer!

    RispondiElimina
  125. Già! Pensa un massone che si china davanti ad un sacerdote scienziato di fama mondiale!
    Bravo! Sei proprio furbo!
    MD

    RispondiElimina
  126. Bartimeo, io sono già stato minacciato da musulmani che mi hanno detto al lavoro "uscendo di qui ti tagliamo la testa"
    quindi quando dici calduccio econiano... come al solito parli a vanvera!

    La francia é un paese con tante di quelle tensioni che non si puo' dire che i preti di econe siano al sicuro per le strade
    ne conosco alcuni che sono già stati attaccati (per ora verbalmente) mentre camminavano...

    RispondiElimina
  127. Ma dobbiamo insegnare noi al S. Padre che evitare è meglio di correggere?

    RispondiElimina
  128. La Chiesa di Dio non si può contraddire in modo così clamoroso.
    Quando lo fa.. peggio per lei.

    RispondiElimina
  129. oh! guardi abbiamo tanta di quella potenzialità se solo volessimo usarla ,che resterebbe di stucco.

    soluzioni concrete:

    1) a scuola innanzitutto, leggere e studiare la storia di questo paese,che è impregnata di Dio ma non quella scritta da certi studiosi, quella bensì scritta dei paleografi, ossia coloro che sono in grado di leggere gli archivi in lingua antica. La storia vera, quella SENZA ideologie marxiste, illuministe, laiciste, protestanti parte da li!! ....  questo è catechizzare i lontani.

    2) Evitare, come è giusto che sia, studiare la storia di ogni cultura che ci siamo trovati accanto. Motivo? sono i migranti che devono integrarsi conoscendo la nostra storia e la nostra cultura, non noi. E poichè questa parla di Dio è catechizzare. Perchè? perchè già raccontando a loro chi ha fondato le scuole pubbliche, gli ospedali, gli orfanatrofi etc.... é già parlare di Dio,  chi li ha inventati è sempre stato Dio che attraverso Santi Sacerdoti o Suore li ha ispirati.

    3) infine fare Catechismo in parrocchia come Dio comanda e non come chi comanda. Ecco che avendo questi anticorpi saremmo in grado di affrontare a testa alta e senza paura il virus dell'incredulità e dell' infedeltà!!

    ma questa ovviamente è un'utopia da "De Civitate Dei"

    Perciò se noi non vogliamo rendere giustizia alla storia delle nostre radici cristiane, pertendo proprio da quà, la partita verrà sicuramente persa, e gli incontri tipo Assisi ci scaverà ancor più la fossa!

    La variante teologica e dottrinale, ne determina la variante sociale!

    prego.... :)

    RispondiElimina
  130. Chissà perché ho l'impressione che il frutto di Assisi 2011 sarà il contrario di questo apoftegma; non mi risulta che dopo il 1986 milioni di credenti non cattolici si siano fatti battezzare, né altrettanto dopo il famoso bacio woytiljano al Corano.

    RispondiElimina
  131. le Sacre Scritture parlano chiaro:
    "Non avrai altro Dio all’infuori di me" (I comandamento);
    "Io sono la Via, la Verità e la Vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me" " (Gv, 14, 6).

    RispondiElimina
  132. confermo il dire di raffaella, in+ in certi paesi (come in egitto) si scrive sulla carta d'identità CRISTIANO (come si faceva con gli ebrei)
    i cristiani poi non possono occupare certi posti, non possono comprare terreni immobili come gli altri... e ovviamente pagano la tassa
    per restare in vita...

    comunque non si preoccupi raffaella da quello che vedo in francia tra meno di 10 anni avremo lo stesso problema in europa.
    allora una mattina un barbuto scimitarrato suonerà minaccioso allla porta di bartimeo
    questi aprirà in pigiama,  e terrorizzato avra il tempo di dire "ma io ho fatto assis..." prima di avere la testa mozzata!

    RispondiElimina
  133. <span>Sei talmente ridicolo da essere imbarazzante.  
    Questa tua frecciatina esonda di malefede in modo epico.  
    Dimmi un po' o bartimeo: vai a Messa la domenica (quella della parrocchia..) e domanda chi s'è preso la briga di leggere una qualsiasi allocuzione alla Curia... o l'Enciclica Deus Caritas.. o la Spe Salvi... o la Sacramentum Caritatis.  
    Chiedi ai GGGiovani dell'azione cattolica "mandiamo-fiori-e-colori-in-rwanda" se hanno letto il discorso ai GGGiovani di Sua Santità in occasione del suo viaggio in Inghilterra...  
     
    Ma smettila!!..  
    Ha ragione Enrico: come per il caso "ratisbona" o epr il caso "profilattico" (in Angola..) ci si becca due o tre scempiaggini televisive ed "ecco! il Papa ha detto questo"... e buona notte al secchio. Ci sarà si e no un 10% che va a leggersi il testo per intero..  
     
    Ha ragione Enrico, che obbedisce al Santo Padre più di quanto non lo facciano molti prelati.. ma c'è differenza tra l'obbedienza di figlio e il servilismo d'un lecchino.  
    Ma forse, questa difefrenza le è oscura.</span>

    RispondiElimina
  134. Pensare che oggi, tutto quello che ha condannato lei è de facto parte integrante del credo di molti "cattolici" (gente che pensa d'esser tale..)

    RispondiElimina
  135. Probabilmente il Dellanoce ha visto il Musical Jesus Christ Superstar...
    La vicenda della cananea e del pane dei figli che "non mittendum canibus" gli è scappato.

    Ma tanto a lui, chejefrega: domenica suona il GenVerde!...

    RispondiElimina
  136. Claudio Sinclair11 gennaio 2011 19:22

    No è stato girato a Roma presso la Chiesa Anglicana (in full communion con la Chiesa Vetero Cattolica)

    RispondiElimina
  137. E in Spagna non hai visto quante cappelle di vescovi con lo scudo della mezzaluna rovesciato contro quello episcopale.

    RispondiElimina
  138. Mi scuso per eventuali offese....ma lei parla da ateo mi scusi!!!!!!! Dice le stesse cose...per me che sono uovo al forum , al primo approccio lei dialoga come un ateo!!!! Sara' un effetto di internet.....oppure e' un ateo devoto? Chiede a me ed altri cose che sono nel Vangelo , se lei e' credente ...dovrebbe saperle!!!!

    RispondiElimina
  139. Cara Raffaella, io però non sono per nulla sicuro che questa interpretazione dell'episodio della tentazione di Eva come una messa in guardia contro i pericoli del dialogo sia coerente con il Magistero e la Tradizione della Chiesa Cattolica: potrei sbagliarmi, ma certamente non l'ho mai sentita prima d'ora; sarei curioso di colmare la mia ignoranza in materia.

    Già che ci siamo, la prudenza è virtù cardinale, non teologale! Il CCC la definisce così:

    "La prudenza è la virtù che dispone la ragione pratica a discernere in ogni circostanza il nostro vero bene e a scegliere i mezzi adeguati per compierlo. L’uomo « accorto controlla i suoi passi » (Prv 14,15). « Siate moderati e sobri per dedicarvi alla preghiera » (1 Pt 4,7). La prudenza è la « retta norma dell’azione », scrive san Tommaso 62 sulla scia di Aristotele. Essa non si confonde con la timidezza o la paura, né con la doppiezza o la dissimulazione. È detta « auriga virtutum – cocchiere delle virtù »: essa dirige le altre virtù indicando loro regola e misura. È la prudenza che guida immediatamente il giudizio di coscienza. L’uomo prudente decide e ordina la propria condotta seguendo questo giudizio. Grazie alla virtù della prudenza applichiamo i principi morali ai casi particolari senza sbagliare e superiamo i dubbi sul bene da compiere e sul male da evitare."

    Personalmente ho fiducia in Benedetto XVI e credo che sia perfettamente in grado di valutare quali siano "il bene da compiere e il male da evitare" per gestire bene questo incontro. Chi lo segue e si dà la pena di cercare di ascoltarlo, capirà; gli altri si faranno come al solito incantare dalle versioni tarocche dei media, ma la stupidità della gente e la possibilità di essere fraintesi non sono ragioni per non fare nulla.

    RispondiElimina
  140. Mustafà Pascià11 gennaio 2011 19:25

    "Non abbiate paura!" Le nostre lame sono "speciali" non vi accorgerete di nulla!

    RispondiElimina
  141. Nascita dell’U.R.I. la “One-World Church”
    “Il mondo stà evolvendo verso un’unità in termini di economia globale, media globali, sistema ecologico globale. Ciò che manca è un’anima globale”, predicava Swing, preconizzando in tal modo 1′assetto ideologico della nuova organizzazione.
    “A fianco di Swing si schierarono subito altri due vescovi anglicani, James Ottey, osservatore anglicano all’ONU e Samir Kafity, vescovo di Gerusalemme, seguiti da esponenti del mondo protestante. I cattolici invece si divisero: Swing nel 1996, dopo una visita a Giovanni Paolo II, incontrava vanamente il cardinale Arinze, preposto al dialogo interreligioso, mentre 1′arcivescovo Michael Fitzgerald declinava l’invito di partecipare ad una conferenze delta nuova organizzazione. Favorevolissimi invece il Consiglio Mondiale delle Chiese (W.C.C.) di Ginevra, l’arcivescovo di Canterbury e Sir Sigmund Sternberg che Swing incontrò lo stesso anno.
    “Sostenitori dell’U.R.I. si dichiararono, fra gli altri, il cardinale Evaristo Arns, il rettore del collegio gesuitico di San Francisco, p. John LoSchiavo, i teologi Paul Knitter e Hans Kung e, naturalmente, p. Louis Dolan assieme alla suora Joan Kirby, entrambi esponenti del “Tempio della Comprensione” di New York, al quale, come si ricorderà, è affidata la gestione della Cappella della Meditazione al Palazzo di Vetro.
    “Le conferenze U.R.I. vennero in breve allargate ai cinque continenti, con la partecipazione di cristiani, ebrei, musulmani, buddisti, baha’i, indù, sikh, zoroastrani, seguaci del New Age e della Wicca (movimento neopagano di cultori delta stregoneria), ecc. Nel corso di una conferenza a carattere riservato tenuta alla Stanford University della California tra il 23 e il 27 giugno 1997, alla presenza di 200 delegati selezionati fra le figure emergenti del mondialismo, la United Religions assumeva it carattere di istituzione permanente cot nome di The One-World Church (lett.: La Chiesa del Mondo Unificato).
    “Venne anche deciso di stendere una “Carte” entro la metà del 2000, coinvolgendo politici in vista, col concorso di iniziative di “preghiera” comune – stile Assisi – per procedere infine alla fondazione ufficiale delta nuova organizzazione. Per tale cerimonia I’U.R.I. aveva pianificato di coinvolgere non meno di 60 milioni di persone, “un movimento su scala mondiale per creare le Religioni Unite come realtà vissuta localmente e regionalmente, in tutto it mondo”. Dove riecheggiano luoghi già noti, raccolti al Club di Roma, alla Trilaterale, alle Nazioni Unite….
    “La necessità dell’URI veniva sottolineata da Muller in questi termini: “Le Nazioni Unite sono it cervello globale iniziale dell’umanità [...]. Abbiamo ancora bisogno di un’anima globale, vale a dire la nostra coscienza e la fusione con 1′intero universo e col fluire del tempo”, allegando: “I nostri supremi interessi includono l’apoteosi del genere umano [...] le maggiori religioni in fin dei conti mirano tutte alla stessa cosa”.
    “L’U.R.I. tutto questo l’aveva recepito nella sua Carta, la dove pone 1′obiettivo di “promuovere una durevole cooperazione interreligiosa quotidiana, porre fine alla violenza per motivi religiosi e creare culture di pace, giustizia e salutari per la Terra e ogni essere vivente”. Ne consegue la necessità di indurre religiosi e laici ad un’accettazione graduale della Nuova Religione, attraverso un “atteggiamento dell’U.R.I. atto a “riorientare” i capi religiosi, come pure i chierici e i laici, nella filosofia dell’ecologia spirituale”.

    CREDETE VOI NELL'URI ?

    RispondiElimina
  142. La "informazione" di Annarita è DENIGRATORIA. A perseguitare i cristiani in India sono gli islamici e gli induisti. Nel subcontinente i buddisti sono una infima e oltremodo pacifica minoranza d'importazione. Speriamo invece che i blondettiani de noantri leggano il commento di hpoirot.

    RispondiElimina
  143. E invece bisogna chiedre la libertà religiosa anche per la nostra!

    RispondiElimina
  144. Se poi ci mettiamo a esaltare l'islam per dare qualche scarpata agli ebrei, lo sfacelo non farà che peggiorare.

    RispondiElimina
  145. Tratto dall'articolo FATIMA E LA SFINGE DELLE RELIGIONI UNITE di Arai Daniele .

    RispondiElimina
  146. comunque ti facevo + intelligente, ti stavo dando un 7 
    dopo questa sparata mi sei passato a -12...

    RispondiElimina
  147. Io spero di no. Qualcuno direbbe che "Assisi val bene una Messa". Comunque il rischio è nullo, già si parla di togliere i Crocifissi dalle pareti ....... 

    RispondiElimina
  148. un tempo ( quando ancora non ero nato per capirci ) si parlava di santo sacerdote quando lo si voleva lodare , oggi si dice " sacerdote scienziato di fama mondiale" . Mala tempora currunt....

    RispondiElimina
  149. Sottosegretariante11 gennaio 2011 19:51

    Per trovare un accordo sui temi etici, i valori non negoziabili ecc. era sufficiente un sano congresso, non un equivoco incontro di preghiera.

    RispondiElimina
  150. <span>A volte, caro ospite, ha persino ragione.</span>
    Uno degli ostacoli alla conversione dei conciliaristi/biritualisti spesso è proprio lo zoccolo duro dei fedeli d'acciaio della lotta per <span>La Messa</span>...
    Agli occhi di un neofita che se ne esce dalla sua buona parrocchietta per vedere <span>La Messa</span>, sembrano "incattiviti", o "ossessionati" da questioni che gli appaiono di secondaria importanza...
    il punto è... che è inevitabile. E' gente che ha vissuto nella semiclandestinità fino al Summorum Pontificum, mentre i pretacci diocesani della Chiesa "rinnovata" buuttavano in vacca Dottrina e Sacra Liturgia..
    Vedere fior fior di Basiliche barbarizzate da "liturgie" oscene e terzomondiste mentre si è costretti a far celebrar <span>La Messa</span> di nascosto vicino AI CESSI del Santuario della Madonna della Corona... sono cose che lasciano il segno.
    Se questi neofiti però hanno la pazienza e La Grazia di resistere.. beh.. tempo qualche mese, e saranno persino peggio;) heheheh.. gli si apriranno orizzonti che prima mai avrebbero creduto... scorpiranno la lotta fratricida all'interno della Chiesa, fatta di colpi bassi e tiri mancini.

    Però La Tradizione non è così: la Tradizione è APERTA (quelle sono le VERE aperture!) e Missionaria! Non a caso al pastore svedese cui il Vescovo "modernista" aveva consigliato di rimanere nell'eresia, non è rimasto altro che scegliere la San Pio X per ABIURARE  e divenire Sacerdote Cattolico. Ed è tutt'altro che un fanatico scissionista..!
    Stiamo assistendo ad un cambio generazionale, e sono fiducioso... molti giovani si avvicinano alla Tradizione perchè non vedono più nulla di cattolico nelle scemate del post-concilio.. tuttavia non vogliono vivere la loro fede oggi col livore del passato e con l'amarezza dello scontro.. ma questo dipende dai Pastori e dai "pretacci" che aprono le braccia a TUTTI, ma dico TUTTI... solo quando incontrano dei tradizionalisti chiudono braccia, pugno e alzano il medio.

    RispondiElimina
  151. Non mi sento molto edificato da questi vostri discorsi.
    Apparentemente animata dallo zelo per il decoro della Sposa, ma con l'eccesso di zelo di continuare a trovarle difetti.
    Ed il Redattore Enrico anche lui casca sulla buccia di banana con un errore teologico che attribuisce alla suora: è vero, tutte le religioni sono uguali, perchè sono un prodotto dell'uomo e si rivolgono al Dio unico, pur in svariate forme anche impersonali e ateistiche. La differenza è la Fede. Il cristianesimo non è una religione la la risposta alla Parola rivelata in Cristo.

    Detto questo, in questo blog manca a mio parere la parola “dialogo”, che, prima di tutto, nasce dalla disponibilità ad ascoltare le ragioni dell’altro, senza partire da preconcetti inamovibili, cogliendo e accogliendo il buono, il bello e il vero nelle nelle posizioni dell'altro; l'altro è un sacramentale!
    L'alternativa è il muro contro muro, che non edifica ma distrugge.

    L'errore di Enrico, di confondere Fede con religione porta diritto verso l'integralismo e il fondamentalismo, che sono  del tutto refrattari all’ascolto degli altri; esercizio poco virtuoso di superiorità, di chi pretende di avere ragione a tutti i costi, di saper leggere i segni dei tempi in maniera  giusta e incontrovertibile.
    Manifestazione  di  rigidezza,  origine di enormi danni, della cultura del nemico da combattere e da eliminare in un modo o nell’altro.
    Ma per fortuna (Assisi lo dimostra) non tutti sono fondamentalisti.

    RispondiElimina
  152. Senti, al Papa ci s'è rivolti persino col tu.
    Prima si usava il Voi.. oggi gli urlano "beee ne deee tooo!" coi tambuirelli e striscioni e gli danno del "tu".
    DarGli del Lei... è una via di mezzo: è l'ermeneutica veltroniana del "ma anche.."... è l'ermeneutica della continuità.

    RispondiElimina
  153. chi se ne frega se la maria del corano é o no la madre di uno che si chiama Gesu !!!
    non é di certo la amdre di NSJC visto che la Maria del corano non rispetta almeno 3 dogmi mariani

    Divina Maternità (per i musulmani é una gravissima bestemmia dire che maria  é madre dio)
    Immacolata Concezione (il corano non riconosce il peccato originale)
    Assunzione in Cielo (non riconoscono il nostro paradiso )


    ma dimentichiamo l'assioma di Barti [un dogma=un penny]
    e il suo corollario [tutti i penny sono uguali]  
     

    RispondiElimina
  154. Vede ggente che torna sul blog ma con altro nome o nicche mme fa G O D E'.

    RispondiElimina
  155. I congressi sono la piaga del mondo moderno..e così pure gli incontri interreligiosi, i dialoghi  ecumenicin ecc...ecc, Mai in tutta la storia  dell'umanità gli adepti delle varie religioni si sono odiati tanto a vicenda come da quando c'è l'"ecumenismo"!!!!
    Ma la smettessero di  "dialogare" e si occupassero di più  invece di cose più serie come l'istruzione dei  bambini e dei giovani, unico modo per formare degli uomini buoni e  savi e non dei fanatici.

    RispondiElimina
  156. Sta a vedere che gli eretici tra poco saremo noi che crediamo che Gesù è l'unica via di salvezza.... :(

    RispondiElimina
  157. Sta a vedere che gli eretici tra poco saremo noi che crediamo che Gesù è l'unica via di salvezza.... :(

    RispondiElimina
  158. Sta a vedere che gli eretici tra poco saremo noi che crediamo che Gesù è l'unica via di salvezza.... :(

    RispondiElimina
  159. Sta a vedere che gli eretici tra poco saremo noi che crediamo che Gesù è l'unica via di salvezza.... :(

    RispondiElimina
  160. Sta a vedere che gli eretici tra poco saremo noi che crediamo che Gesù è l'unica via di salvezza.... :(

    RispondiElimina
  161. Sta a vedere che gli eretici tra poco saremo noi che crediamo che Gesù è l'unica via di salvezza.... :(

    RispondiElimina
  162. ma se si fa come in parocchia i frutti sono opzionali
    basta che si siano fatti i cartelloni ...

    RispondiElimina
  163. "Quando parla il Papa noi ascoltiamo" Non solo! NOI, a differenza di tanti suoi vescovi e sacerdoti, ubbidiamo. e ubbidiremo. Ma, proprio per questo, contemporaneamente Gli diciamo apertamente: CARO BXVI, SU ASSISI NON SIAMO D'ACCORDO!

    RispondiElimina
  164. E' opera del demonio.

    RispondiElimina
  165. Davverooooo? Non è che forse non sono cristiani? Come considerano Maria le altre religioni? O gli altri sono un po' meno non cristiani dei musulmani?

    RispondiElimina
  166. Sicuramente non di Nostro Signore Gesù Cristo

    RispondiElimina
  167. <span>opera satanica e massonica</span>

    RispondiElimina
  168. non conosco ma piacerebbe saperne di più...

    RispondiElimina
  169. lo siamo già; è in atto il rovesciamento diabolico della Verità, per cui il  Bene viene chiamato male e viceversa. Era stato predetto da Isaia.

    RispondiElimina
  170. <span>AVVERTENZA:</span>
    <span>da Francesco Maria Guacci, Compendium maleficarum, Milano 1608, lib. II, pag. 135: " Bratimaius (Bartimaius, Bartimeus, Bartippas, Tippas), sotto uffiziale della IV legione infernale di sottordine al Gran Conte Asmodeo. Già empiamente adorato sinanco con cruento sacrifizio per il popolo pastore Gonorreo sin nell'epoca dell'Antico Testamento, è demone minore spezialmente preposto da' suoi nefasti superiori all'eccitazione de la discordia et confusione nel discernimento. Così ne testa fede puranco il Ven. Brunone da Getarnt che riuscì ne l'opera sua di fugarlo con esorcismo affatto particolare, dappoiché quell'essere nefandissimo et pernizioso s'era fraudoilentemente impossessato del corpo di uno de' monaci dell'Abbazia d'I<span><span>nkäsemesser."</span></span> </span>

    RispondiElimina
  171. Un tempo i comunisti avevano trovato un modo geniale di bollare chi non la pensava come loro :erano "nemici del popolo". Oggi certi cattolici hanno trovato il modo di bollare chi nion lòa pensa come loro sono "fondamentalisti" e "integralisti". Di fornte all'orribile aggettivo un disgraziato non può che difendersi. no, io non sono integralista.. ma non può fare nulla la forza dell'aggettivo lo inchioda!!!.
    non più "eretico" ma "fondamentalista " è la grande    offesa dell'era contemporanea.

    RispondiElimina
  172. caro preoccupato, siamo solidali di sicuro con la sua grave preoccupazione, anche se lei non la moltiplica x 5 !
    :)

    RispondiElimina
  173. Perchè la Chiesa ripudia la scienza?
    Fideista da tre soldi!
    MD

    RispondiElimina
  174. Come si fa a sottoscrivere la lettera ?

    RispondiElimina
  175. Non risulta a voi che vivete ad "Econe" a me risulta e non poco ...
    Ma perchè non vi domandate come mai aumentano le stragi e le persecuzioni?
    La risposta non è forse perchè il cristianesimo sta aprendo una breccia saldabile solo con la violenza in quei popoli che ancora non hanno conosciuto Cristo o incominciano a conoscerlo?
    Sapete la riscossa cristiana va oltre certi siti che parlano di riscossa ma poi se la fanno addosso nel momento del confronto.
    Matteo Dellancoe

    RispondiElimina
  176. Tu sei l'asino o il bue!
    MD

    RispondiElimina
  177. Benissimo.
    Come fai a fare ciò che dici tu senza ad esempio libertà di educazione?
    Prego!
    MD

    RispondiElimina
  178. Ah, scusate.... adesso ho capito come si deve fare per non ripetersi

    RispondiElimina
  179. caro pastor ille quando tu dici : che Enrico della redazione corre nell' errore di chi pretende di avere la ragione a tutti i costi dici una grande verità . MA NOI ABBIAMO RAGIONE !!!! E non perchè ce l' ha detto Maometto , Budda o Visnù ma perchè " et Vebum caro factum est et habitavit ". Se non credi in questo non credi in niente !!!<span>
    </span>

    RispondiElimina
  180. Vedo con piacere che il Papa sbaglia a convocare Assisi ... però alla crociata si va solo se la indice lui!
    Alla faccia del paraculismo!
    MD

    RispondiElimina
  181. Ospite, io non ho mai 'esaltato' l'Islam. Sono convinto che non sia da qualche secolo a questa parte il pericolo maggiore da cui guardarsi così come sono convinto che al momento i fautori del NWO lo demonizzino perché rappresenta, contrarimente all'attuale Chiesa Cattolica, un ostacolo al conseguimento del loro immondo programma.
    Aggiungo che da cattolico quale mi professo e pur senza l'assistenza speciale dello Spirito Santo, ma grazie a quella normale conferitami col Battesimo e con la Cresima, MAI e poi MAI bacerei un Corano così come MAI e poi MAI andrei a pregare in una sinagoga o qualificherei gli attuali giudei come 'fretalli maggiori' o peggio ancora come 'padri nella fede', MAI e poi MAI metterei un 'Budda' non dico sopra un tabernacolo ma nemmeno in un ripiano inferiore del mobile sul quale tengo una statuina della Madonna di Fatima.
    Credo che, se il programma rimarrà invariato, il prossimo mese di ottobre di questo 2011 sarà per tanti il mese di 'sofferte' decisioni.

    RispondiElimina
  182. Tutti fanno un po' quel cacchio che gli pare ... Mons. Lefebvre incluso, vero?
    MD

    RispondiElimina
  183. Il sig. Ospite non sa che se usa le "lettere" "word" sulla tastiera del pc lo deve ad un sacerdote gesuita: padre Roberto Busa.
    Certo, probabilmente in certi circoli chiusi certe cose non si sanno.
    Ora che lo sapete non usate più le lettere sulla tastiera mi raccomando!

    RispondiElimina
  184. Bartimeo caro lei per caso è un focolarino?

    RispondiElimina
  185. Ma allora è vero? il Bartimeo è un focolarino? adesso si che è tutto chiaro!!!!

    RispondiElimina
  186. Lame?
    Non c'è bisogno. Basta battere i piedi a terra che scappi via a 220 Km\h

    RispondiElimina
  187. <span>

    <span>Tale Bartimeo Scrivi Lei continua  a ironizzare sulla legge Basaglia e sui tanti drammi che interesso solo per fare dell'ironia che non solo non è cattolica ma neppure umana . Contento Lei di fare queste figure .</span>
    <span>X La redazione Rimango sempre dell'opinione  Tale soggetto non andrebbe pubblicato </span>.
    </span>

    RispondiElimina
  188. Libertà di educazione? please? traduzione non ho capito che cosa intende .... ma lei  per integrazione di  coloro che vengono da fuori e che si "piantano"  in un contesto che non conoscono, che cosa mai insegnerà la storia dei sette nani o la storia e la cultura del paese che li ospita?

    RispondiElimina
  189. Chiamate il 118!!!!

    RispondiElimina
  190.  Bartimeo caro, ma non sono i focolarini come lei che predicano l'amore a tutto e a tutti? Non siete voi che pregate tutti insieme appassionatamente con islamici, buddisti, induisti, ebrei etc .... quindi persone che non amano affatto la religione cattolica, na la Chiesa e quindi anche il Papa ? E non siete voi che predicate la tolleranza a tutto e a tutti? perchè mai allora tutto questo astio e odio contro la FSSPX?

    RispondiElimina
  191. <span>filosofia dell’ecologia spirituale”.  </span>
    e che sarebbe ? qualcosa che supera il Vangelo, vero ?
      bene, ecco i primi suadenti termini che fanno ala all'avvento dell'anticristo: è il linguaggio dei suoi precursori prossimi.

    RispondiElimina
  192. pure i focolarini .... anzi quelli molto peggio ..... caro Bartimeo  mi si raddrizzano i capelli, al sol pensare come certi movimenti siano potuti entrati a far parte della Chiesa, altro che Mons. Lefebvre.

    RispondiElimina
  193. Assisi si farà!
    E sarà un successo!!!
    W il Papa!
    W il Papa!
    W il Papa!

    RispondiElimina
  194. Caro Bartimeo, prima che arrivasse l'islam l'Oriente era stato quasi tutto evangelizzato, poi arrivò l'islam e uccise tutti i non fedeli. Oggi siamo alle solite .... chi è il violento?

    Forse chi usa legittimamente la lgittima difesa?

    Ci risiamo ..... il lupo che disse intollerante all'agnello!!!

    E come mai dopo tutti questi anni di mani tese non è ancora scoppiata la pace? Eppure il Cattolicesimo continua a tendere la mano ..... ma poichè lei è un focolarino certe realtà non le può e non le vuole vedere ...... lei manca di raziocinio e di spirito critico verso la realtà che la circonda.

    RispondiElimina
  195. ma la figura del lupo chi la fa?
    MD

    RispondiElimina
  196. Il "papa tradizionalista" e i "cattolici brontoloni"...

    RispondiElimina

I commenti, tranne alcune occasioni, non sono sottoposti a previo controllo ed il loro contenuto è nella esclusiva responsabilità dei loro autori.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.