lunedì 3 gennaio 2011

Egitto, dopo la strage l'islam minaccia il Papa


Benedetto XVI condanna l'attentato in Egitto e teme un piano mondiale contro i cristiani. Ma l'imam Al-Azhar, una delle massime autorità religiose sunnite, lo attacca: "Parole inaccettabili, è un'ingerenza". Per la prima volta il Pontefice parla di una strategia contro i cristiani. I copti in piazza chiedono vendetta.


Di Andrea Tornielli (vedi qui)

Le parole pronunciate dal Papa in favore dei cristiani perseguitati rappresentano un «interven­to inaccettabile negli affari dell’Egitto». Quella di Benedetto XVI è «una visione sbilanciata su musul­m­ani e cristiani che rischiano di essere uccisi in tut­to il mondo: perché il Papa non ha chiesto la protezione dei musulmani quando venivano massacrati in Irak?».
C’è da trasecolare nel leggere le dichiarazioni di Ahmed al- Tayeb, gran sceicco dell’università egiziana Al-Azhar, il più importante e prestigioso centro dell’islam sunnita. Accusa Ratzinger di ingerenza, perché continua a richiamare l’attenzione sui cristiani e a invocare l’intervento dei responsabili delle nazioni in favore della libertà religiosa. Si rimane stupiti innanzitutto perché lo sceicco di Al-Azhar è considerato un liberale moderato e dialogante, spesso presente agli incontri interreligiosi, che proprio ieri ha voluto recarsi di persona dal capo della Chiesa copta, Shenuda III, esprimendogli le condoglianze per il barbaro attentato che ha provocato 21 vittime fuori da una chiesa ad Alessandria. Al-Tayeb ha voluto dunque bollare come eccessivi e sbilanciati gli interventi papali in favore dei cristiani. Cristiani che, nel caso delle vittime di Alessandria, non sono cattolici, ma appartengono all’antichissima comunità precalcedonese copta.
Il Papa, insomma, di fronte alle stragi di Natale e di Capodanno, di fronte alle autobombe nelle chiese o alle bombe usate per «sfrattare» i cristiani iracheni, non dovrebbe neppure alzare la voce. O meglio, può anche farlo, basta che si limiti a chiedere preghiere, ma senza appellarsi alle autorità dei vari Paesi, perché, in questo caso, si tratterebbe di ingerenza. Che cosa h a detto il Papa? In San Pietro, il giorno di Capodanno ha invitato l’umanità a non «mostrarsi rassegnata alla forza negativa dell’egoismo e della violenza » spiegando che «non deve fare l’abitudine a conflitti che provocano vittime e mettono a rischio il futuro dei popoli». Ha parlato delle «discriminazioni», dei «soprusi» e delle «intolleranze religiose, che oggi colpiscono in modo particolare i cristiani». Ha esortato «tutti a pregare», aggiungendo che per costruire la pace «non bastano le parole, occorre l’impegno concreto e costante dei responsabili delle nazioni».
E ieri ha definito «vile gesto di morte» l’attentato di Alessandria come pure le bombe in Irak, parlando di una «strategia di violenze che mira ai cristiani». È un po’ difficile leggere questi appelli come un’ingerenza o come uno «sbilanciamento » del Papa, dato che proprio dalla Santa sede - a suo tempo peraltro contraria alla guerra contro l’Irak - sono sempre arrivate condanne per ogni tipo di violenza, non soltanto per gli attacchi contro i cristiani. Le parole di Benedetto XVI attestano comunque una preoccupazione crescente nei vertici della Chiesa. Il Papa non aveva mai parlato così esplicitamente di una «strategia» che mira ai seguaci di Gesù. Anche per questo colpisce l’annuncio dato tre giorni fa della convocazione di una riunione ad Assisi dei leader delle religioni mondiali il prossimo ottobre, per «rinnovare solennemente l’impegno dei credenti di ogni religione a vivere la propria fede religiosa come servizio per la causa della pace».

L’occasione èil 25˚ anniversario dell’incontro presieduto da Giovanni Paolo II nel 1986, un appuntamento sul quale si appuntarono molte critiche per alcune sbavature e alcuni abusi dovuti alla leggerezza degli organizzatori, che concessero luoghi di culto cattolici per preghiere tribali. Abusi che non si ripeterono in occasione delle altre due giornate di Assisi, convocate sempre da Papa Wojtyla nel 1993 e nel 2002. Tra coloro che avevano prestato più attenzione alle obiezioni sulle modalità di svolgimento del primo incontro di Assisi c’era proprio l’allora cardinale Joseph Ratzinger. Il quale, in un libro, parlò di «pericoli innegabili» e di interpretazioni errate: la riunione di tutti i leader religiosi poteva dare l’idea che ogni credo si equivalesse. Ma Ratzinger spiegò anche che queste occasioni devono restare «solo come un segno in situazioni straordinarie, in cui, per così dire, si leva un comune grido d'angoscia che dovrebbe riscuotere i cuori degli uomini e al tempo stesso scuotere il cuore di Dio».
Nell’86 c’era il timore di un conflitto nucleare, nel ’93 la guerra in Jugoslavia, nel 2002 il rischio dello «scontro di civiltà » dopo l’attentato alle Torri gemelle. Oggi Benedetto XVI, per ripetere quel gesto, deve ritenere «straordinaria » la situazione che l’umanità sta vivendo. E di fronte a chi strumentalizza la religione per fomentare odio, divisione, terrorismo rilancia al mondo un appello in favore della libertà religiosa, invitando i leader delle varie fedi a costruire la pace per arginare il fondamentalismo e i suoi registi occulti.

68 commenti:

  1. Se Benedetto XVI ritiene che ci sia un grosso pericolo, non dovrebbe, a mio parere fare un incontro ad Assisi, ma convocare tutti i vescovi e fare finalmente la consacrazione della Russia al cuore Immacolato di Maria come richiesto troppi anni fa dalla Madonna. Mi sa che lo sbaglio sia credere che l'uomo con i propri mezzucci diplomatici possa fare qualcosa, mentre l'uomo senza la Grazia non può un bel nulla, sarebbe bene ricordare che a fare tutto è Dio e la Madonna è onnipotente per grazia. Dunque perchè gli unici mezzi di salvezza, i pilastri su cui ancorare la Chiesa (sogno di don Bosco)che sono l'Immacolata e l'Eucarestia, vengono disdegnati per preferire un incontro con le false religioni che essendo false sono opera del Demonio e non di Dio?Forse che il Demonio può salvare il mondo? proprio lui che sta lavorando, molto bene per perdere più anime possibili? Vieni Gesù, qui non ci difende più nessuno!

    RispondiElimina
  2. Regina Martyrum

    RispondiElimina
  3. Christe eleison3 gennaio 2011 13:31

    Non era meglio preferire una celebrazione Eucaristica di suffragio in S. Pietro e celebrazioni Eucaristiche in tutte le diocesi?

    è il Signore che salva mediante il Suo Sacrificio che i cristiani ri-presentano al Padre per suo comando fino alla fine dei tempi, e semmai ispira la politica, non i grandi raduni 

    RispondiElimina
  4. Miserere nostri Domine!3 gennaio 2011 13:39

    Già era meglio la celebrazione eucaristica. Questi incontri non servono a nulla, anche perché non è vero che i maomettani "strumentalizzano la religione" facendo gli attentati ma anzi fanno proprio quello che la loro religione gli richiede. Seguono l'esempio di maometto e fanno quello che gli dice di fare il corano. Che l'islam sia una religione pacifica è una balla. L'incontro ecumenico fà solo danni è uno scandalo. punto. il resto è fuffa. sbobba buonista riscaldata per l'ennesima volta.  :'(  

    RispondiElimina
  5. gianluca.cruccas3 gennaio 2011 13:47

    Una celebrazione col Novu Ordo Missae o con la vera Messa vetus ordo?...

    RispondiElimina
  6. Povero Tornielli. Costretto al vintage per cercar di farci digerire l'indigeribile. E cioè il cattolicesimo debole del nuovo corso vaticano dell'ultimo anno. Avanti così e la rimpatriata di Assisi non potrà che aprirsi con le scuse al mondo islamico per le parole con cui S.Francesco provò a convertire il sultano. (e con l'interpretazione del giormo dopo di Padre Lombardi)

    RispondiElimina
  7. Quella consacrazione è già stata fatta.

    RispondiElimina
  8. Ormai questo blog serve da cassa di risonanza dell'untuoso Tornielli e del "cattolicissimo" Introvigne, che tra qualche ora ci propinerà un articolo in cui giustificherà l'incontro di Assisi citando magari Plinio o San Pio X. Mi chiedo: è lo stesso Introvigne socio di una società "vampiresca", difensore di tutte le sette, partecipante a messe nere? Risponda chi sa; chi, invece, fa continuamente a gara in acrobazie e servilismo, taccia in eterno. 

    RispondiElimina
  9. Non mi risulta.
    Quando sarebbe stata fatta? e da chi?

    RispondiElimina
  10. Bellarmino 1°3 gennaio 2011 15:57

    Marco, con tutta evidenza questo sembra sempre più un amplificatore delle suggestioni "neo-con", qui sembra esserci un'appiatttimento (poco cristiano a dire il vero) per Hungtinton e il suo "scontro di civiltà".

    Solo un passo rubo a Tornielli, le ultime due parole: "registi occulti"....bene, questi "registi occulti" potrebbero non essere quelli che superficialmente potremmo pensare.....

    RispondiElimina
  11. la Consacrazione come richiesta dalla Madonna aFatima non è ststa mai fatta!

    RispondiElimina
  12. Bellarmino 1°, guarda che non c'era bisogno di Tornielli. Ne siamo ben consci (quasi) TUTTI, sia chi lo accenna sia chi - prudentemente - tace. Se è per questo non è ancora del tutto chiara la vicenda di Mons. Padovese.

    RispondiElimina
  13. <span>Bellarmino 1°, guarda che non c'era bisogno di Tornielli. Ne siamo ben consci (quasi) TUTTI, sia chi lo accenna sia chi - prudentemente - tace. Se è per questo non è ancora del tutto chiara la vicenda di Mons. Padovese.</span>

    RispondiElimina
  14. PER LA REDAZIONE 

      vi risulta in CANADA a TORONTO . UNA SACERDOTESSA HA AMMINISTRATO L' EUCARESTIA AD UN CANE !?!?!?!?!?!?!?!?!??!?!? ........

    MA E' VERO ?????? SE NE PUO' SAPERE DI PIU'  ????????????????????? .......... se è vero aspetto il DILUVIO .......... di fango e sangue ........... !!!!!!!!!! 

    RispondiElimina
  15. <span>Non mi risulta.  
    Quando sarebbe stata fatta? e da chi?</span>

    RispondiElimina
  16. <span><span>Non mi risulta.    
    Quando sarebbe stata fatta? e da chi?</span></span>

    RispondiElimina
  17. Bellarmino 1°3 gennaio 2011 16:44

    dici bene, "quasi"... In questo "quasi" come si inserisce la redazione?

    RispondiElimina
  18. Scusate, ma tutto questo baccano attorno ad una NOTIZIA (non un fatto ma una NOTIZIA) è fuori luogo...

    L'eventuale "Assisi 2011" si terrebbe tra 10 mesi.
    Ricordiamo che il cardinal Ratzinger fu assai critico dell'Assisi 1986.
    Pertanto quello del 2011 non può averlo ideato lui.
    E se proprio vi sarà costretto a partecipare (dai soliti cardinali esperti di FATTO COMPIUTO)...state sicuri che al momento buono farà qualcosa di "ratzingeriano".

    Infine, nel peggiore dei casi (ma proprio peggiore peggiore peggiore peggiore), se per assurdo fosse stato lui stesso a voler promuovere il sincretismo (cioè diventare SINCRETINO), io continuerò a stimarlo perché a suo tempo ha osato l'inosabile (quel Motu Proprio che da solo rende storico il suo pontificato) e perciò sento di potergli perdonare volentieri anche qualche osceno peccatuccio come il patetico "Assisi 2011".


    Per Vittorio: stai commettendo lo stesso errore: fidarti ciecamente di una NOTIZIA fatta apposta per farti infuriare... è sempre divertente vedere come certi cattolici siano così tonti da bersi ogni squallore presentato da ogni notiziario!

    "Sacerdotessa" è una parola ridicola perché il sacramento dell'ordine funziona solo sugli uomini e soltanto entro certe condizioni (validità dell'ordinante, intenzione non contraria dell'ordinando, eccetera).

    Per cui la "sacerdotessa" (cioè donna travestita da prete) non può aver amministrato l'Eucarestia, ma soltanto un'ostia non consacrata.

    Quel cane è la dimostrazione che coloro che si allontanano dall'unica vera fede finiscono per compiere gesti più ridicoli che tragici.

    RispondiElimina
  19. Non penso che una "sacerdotessa" possa amministrare l'Eucarestia, perchè mica Gesùscende nel pane della sacerdotessa , al massimo al cane avrà dato un panino. Gesù non ha dato il mandato alle sacerdotesse, solo ai veri sacerdoti, consacrati con il sacramento del sacerdozio. Le sacerdotesse fanno teatro e nulla più!

    RispondiElimina
  20. se ne è già parlato tante volte, ma quando si affronta questo argomento, per tanti versi scottante, insorgono vari catto-adulti pronti a bollare con l'accusa di "millenarismo" e fanatismo geovista (!) (blogger & redattori...) chiunque OSI parlare della Madonna che a Fatima consegnò avvisi gravissimi ai tre pastorelli, specie il 3. segreto, consegnato da Lucia al Vaticano, con la richiesta di divulgarlo entro e non oltre il 1960, a tutto il mondo, e invece messo sotto chiave dai Papi, e MAI svelato per intero, ma ben manipolato e travisato nell'anno 2000, ad uso del Gregge ignaro, che tale doveva rimanere, circa le gravissime situazioni che si annunciavano, sia riguardo alle condizioni future del mondo, sia all'apostasia immane dilagante nel mondo cattolico, iniziante dai vertici della Chiesa.
    Eventi tutti che si stanno verificando palesemente dal CVII ad oggi, e la cui parte peggiore DEVE ANCORA ACCADERE, come ha lasciato intendere il Papa attuale a Fatima il 13 maggio scorso.

    RispondiElimina
  21. <span>se ne è già parlato tante volte, ma quando si affronta questo argomento, per tanti versi scottante, insorgono vari catto-adulti pronti a bollare con l'accusa di "millenarismo" e fanatismo geovista (!)  chiunque OSI parlare della Madonna che a Fatima consegnò avvisi gravissimi ai tre pastorelli, specie il 3. segreto, consegnato da Lucia al Vaticano, con la richiesta di divulgarlo entro e non oltre il 1960, a tutto il mondo, e invece messo sotto chiave dai Papi, e MAI svelato per intero, ma ben manipolato e travisato nell'anno 2000, ad uso del Gregge ignaro, che tale doveva rimanere, circa le gravissime situazioni che si annunciavano, sia riguardo alle condizioni future del mondo, sia all'apostasia immane dilagante nel mondo cattolico, iniziante dai vertici della Chiesa.  
    Eventi tutti che si stanno verificando palesemente dal CVII ad oggi, e la cui parte peggiore DEVE ANCORA ACCADERE, come ha lasciato intendere il Papa attuale a Fatima il 13 maggio scorso.</span>

    RispondiElimina
  22. Anche perché il teologo di riferimento di papa Benedetto XVI è il famoso cardinale Joseph Ratzinger...!

    RispondiElimina
  23. ...e poi ci sono i soliti catto-caifa pronti a stracciarsi le vesti se si pronuncia la parola
    ABOMINIO DELLA DESOLAZIONE, già usata da Nostro Signore !

    RispondiElimina
  24. Conscia (sicuramente il duce). Ma si adegua.

    RispondiElimina
  25. <span><span> dalla  SEQUENZAdel Corpus Domini, </span></span>
    <span><span>recitata in onore del</span></span>
    <span><span> </span></span><span><span>SANTISSIMO CORPO E SANGUE DI CRISTO</span></span>
    ......
    <span><span><span><span><span>Ecco il pane degli angeli,
    pane dei pellegrini,
    vero pane dei figli: </span></span>
    </span></span></span>
    <span><span><span><span><span>non dev'essere gettato.

        IN LATINO:

       
    Ecce Panis Angelorum,
     
       factus cibus viatorum:
       
    vere panis flliorum,
                   non mittendus canibus.
    </span></span>
    </span></span></span>


    <span><span><span><span><span><span> </span></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span>non mittendus canibus !!!
    </span></span>
    </span></span></span>
    <span><span><span><span><span>non mittendus canibus ! ! ! </span></span></span></span></span>
    <span><span><span><span><span>----------</span></span></span></span></span>
    <span><span><span><span><span>Miserere nostri, Domine !
    </span></span>
    </span></span></span>

    RispondiElimina
  26. Da Giovanni Paolo II, o sbaglio?

    RispondiElimina
  27. Ospite ingrato3 gennaio 2011 17:11

    Graziaddio, se a "consacrare" era stata la "sacerdotessa", l'"eucaristia" non era certo valida. Però ragazzi, che orrore e che scervellatezza.

    RispondiElimina
  28. allora si cerchi di appurare se si è trattato di una messa in scena, ma con QUALE SCOPO didattico, e in quale contesto (cattolico?) è anche importante saperlo !

    RispondiElimina
  29. su Google ho trovato questa, risalente al 26 luglio:
    Canada, prete anglicano dà la comunione a un cane: centinaia di proteste

    Toronto - (Adnkronos) - Durante la messa un parroco di Toronto ha pensato di dare il benvenuto a un neofita <span>concedendo l'eucaristia anche al suo 'amico'</span>, un meticcio alsaziano di nome Trapper. Ma l'episodio non è piaciuto a uno dei fedeli che ha denunciato l'accaduto all'arcivescovo della diocesi.
    http://www.adnkronos.com/IGN/News/Esteri/Canada-prete-anglicano-da-la-comunione-a-un-cane-centinaia-di-proteste_737640956.html

    RispondiElimina
  30. ....
    "Il prete mi ha salutato e mi ha detto di avvicinarmi a prendere la comunione", ha dichiarato Keith. "Trapper è venuto con me e il prete ha dato la comunione anche a lui". "<span>Ho pensato che fosse un modo carino per darmi il benvenuto, pensavo fosse una cosa accettabile</span>", ha spiegato, sottolineando come "un'anziana donna è diventata raggiante quando ha visto la scena.
    ......
    nessun provvedimento è stato adottato contro il sacerdote."
    :'(

    RispondiElimina
  31. <span>Da Giovanni Paolo II, o sbaglio?</span>

    "...Tuttavia, persino Papa Giovanni Paolo II ha riconosciuto che la Consacrazione della Russia non è ancora stata compiuta come richiesto dalla Madonna. Subito dopo aver consacrato il mondo, il 25 marzo 1984, il Santo Padre si staccò dal testo preparato, e pregò: “Illumina specialmente quei popoli dei quali Tu Stessa stai aspettando la nostra consacrazione ed il nostro affidamento”. Il Papa aveva in questo modo riconosciuto, pubblicamente e dinanzi a 250.000 persone, che la Madonna di Fatima sta ancora aspettando la Consacrazione della Russia. Il giorno seguente, il quotidiano del Papa – L’Osservatore Romano – riportò le parole qui citate (vedi la riproduzione fotografica de L’Osservatore Romano del 26 marzo 1984); vedi inoltre L’Osservatore Romano del 10 aprile 1984 [in Inglese] per la riproduzione della traduzione inglese."

    http://www.fatima.org/it/consecrussia/ppope.asp

    RispondiElimina
  32. legga sotto: è stato un prete anglicano.

    RispondiElimina
  33. Beh! vediamola così: a certe messe ci vanno solo i cani! :-D ah1ah!ah!

    RispondiElimina
  34. Bellarmino 1°3 gennaio 2011 18:12

    Grazie Cesare.

    RispondiElimina
  35. Bellarmino 1°3 gennaio 2011 18:22

    Da un 'intervista aAbdel Fattah (Fratelli musulmani) "La nostra amicizia è più forte dell’odio" (da il Sussidiario)

    http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2011/1/3/CRISTIANI-UCCISI-Abdel-Fattah-Fratelli-musulmani-la-nostra-amicizia-e-piu-forte-dell-odio/138400/

    «Sappiamo che gruppi estremisti, non so se con la complicità o meno di forze di sicurezza deviate, hanno dichiarato di voler prendere di mira i luoghi di culto dei cristiani. Occorre fare attenzione a tutti i segni di allarme e di instabilità, da qualunque parte provengano. Sorvegliare Al Qaeda, come tenere d’occhio certi elementi del Mossad che reclutano giovani egiziani in povertà usandoli per i loro scopi. Ma noi musulmani abbiamo a cuore la pace, e faremo di tutto per contrastare la violenza».

    RispondiElimina
  36. Credo che stiamo uscendo dal seminato. Bene ha fatto il Santo Padre a richiamare le Nazioni riguardo a ciò che stanno vivendo sulla loro pelle tanti buoni cristiani in Iraq, Egitto, Palestina, Libano, Turchia tanto per citarne alcune. Orribili le notizie che giungono dalle comunità cristiane di quelle Nazioni, non è più il fondamentalismo terroristico islamico a perseguitare i cristiani, loro connazionali, ma adesso ci si sono messi in mezzo anche i cosìddetti "moderati". L'Islam talvolta parla per mezzo di suoi imam, ma ricordiamoci di come tale religione sia frammentata, spesso priva di vera e propria autorità spirituale, ma pittosto in mano a uomini senza scrupoli. Se dalle loro parti è stata pronunciata, magari in segreto, la guerra santa contro i "crociati"cristiani, state pur certi che non li fermerà nemmeno la subdola riunione di Assisi e in ben 25 anni si sono visti tutti e dico tutti i progressi pacifici dopo la ben famosa prima riunione. L'Occidente ha gli occhi bendati e li vuole tenere bendati perchè ha forti interessi e investimenti in quelle Nazioni "islamiche". Siamo arrivati al punto che per un semplice pretesto, gruppi islamici armati vanno ad ammazzare senza scrupoli. Il teologo-vescovo Bruno Forte farebbe meglio a tacere questa volta, qualcuno gli vada a dire che non c'è nessuna minaccia di scontro tra civiltà, com'egli sostiene e che non bisogna sempre e comunque abbassare le brache e consentire a certi fanatici di far piazza pulita dei cristiani in Medio Oriente. Noi cristiani siamo sempre per loro "gli infedeli", mettiamocelo in testa una volta per tutti, anche per quei moderati dell'Islam che con ogni probabilità prenderanno il fresco d'ottobre ad Assisi, tra dieci mesi. E nel frattempo altri cristiani troveranno la morte. Come si dialoga con tali persone? Come ottenere la convivenza pacifica?

    RispondiElimina
  37. Non è da ridere!

    RispondiElimina
  38. Come mai il vaticano tace sempre di fronte a questi atti di intolleranza?
    Solo il Papa sta alzando la voce...
    Sarà l'effetto progressista???

    RispondiElimina
  39. <span>Come si dialoga con tali persone? Come ottenere la convivenza pacifica?</span>

    Con una bella e cristiano-sionista bomba atomica pregando i fratelli maggiori di GPII (sbaglierò, ma per me con questo termine li ha presi per i fondelli), che tanto ci amano e che ne hanno due o tre centinaia almeno, di sganciarne una tanto per cominciare sull'Iran cattivo colpendone uno per educarne 100?
    Temo che tu abbia sbagliato blog.

    RispondiElimina
  40. "sento di potergli perdonare ... qualche osceno peccatuccio come Assisi 2011" ???????????????????

    Ma quale peccatuccio ? Assisi é stato lo scandalo più grande di tutta la cristianità !!!!

    Ricordo solo che
    1) c'erano decine di statue di idoli pagani ma NESSUNA statua della Madonna (per non urtare le sensibiltà protestanti)
    2) pur parlando spessissimo di Dio ad Assisi 1986 NON E' MAI STATO FATTO IL NOME DI GESU'

                             

    RispondiElimina
  41. mentre la santa sede si adopera nella discrezione ,necessaria in questi momenti critici ,per difendere i cristiani, (vi ricordate la discrezione di Pio XII nel difendere gli ebrei, tacciato da alcuni imbecilli come filonazista?)mentre il papa con coraggio difende il suo gregge,da parte di un nutrito numero di commentatori di questo articolo,invece si serrare i ranghi ed unirsi al Santo padre, non si trova altro da dire se non le solite critiche becere in cui si vuol insegnare al papa cosa dovrebbe fare e cosa non fare.Prima di invitare il papa a giuste consacrazioni e preghiere(come se foste davanti all ultimo dei cattolici,)pregate perchè il Signore vi dia l umiltà e la fedeltà al successore di Pietro,a meno che per far questo non dobbiate come altre volte sentire il parere di qualche prete della fsspx...che spero sia più prudente di voi.arrivederci quinta colonna dei nemici del Papa!

    RispondiElimina
  42. è incredibile come il Capo visibile della Chiesa Cattolica, in quella circostanza, abbia potuto, a nome di tutta la Chiesa, regredire al punto della storia in cui Gesù Cristo non era ancora venuto: ha dovuito far finta di non averLo mai conosciuto ?
    io e i miei amici, allora ragazzi, pensammo che in fondo si potesse trovare il vero Dio anche lontano dal Cristianesimo: cominciammo a dubitare che la nostra religione fosse quella vera....(come già lamentò Paolo VI a CVII finito ! se qualcuno non ci crede, posterò il passaggio in cui disse quella frase storica....)
    era ricominciata la grande ricerca degli uomini antichi precristiani, nel BUIO, A TENTONI, di quella Verità assoluta, che la Chiesa nostra Madre (!) sembrava non piu' POSSEDERE Nè POTERCI ADDITARE, dopo 19 secoli e oltre di storia, fatta di santi e martiri, testimoni di Nostro Signore !
    di nuovo cercavamo il Dio ignoto, come già i Greci a cui S. Paolo,<span> invano, </span>volle annunciare Gesù Vero Dio fatto UOmo !
    di nuovo cominciava il grande <span>vagabondaggio di tanti apostati</span> giovani e meno giovani alla ricerca del guru di turno (v. Sai baba, Dalai Lama, santoni di Visnù, monaci Zen, ecc.) che mostrasse loro la via dell'illuminazione, verso un DIO non meglio identificato, che non potesse salvarci dalla nostra carne di peccato e dalla morte !
       E OGGI ?  di nuovo, cari cattolici stupefatti di tutto il mondo, di nuovo assisteremo a questa preghiera COMUNE   di uomini   immeersi nel BUIO dell'ignoranza al   DIO IGNOTO, che non salvi nessuno e<span> non offenda nessuno</span>, pretendendo di salvarlo dal peccato che dà la morte, e di donargli la Sua stessa Vita ?
    di nuovo, come se Gesù Cristo NON FOSSE MAI VENUTO ?
    :(

    RispondiElimina
  43. <span>è incredibile come il Capo visibile della Chiesa Cattolica, in quella circostanza, abbia potuto, a nome di tutta la Chiesa, regredire al punto della storia in cui Gesù Cristo non era ancora venuto: ha dovuito far finta di non averLo mai conosciuto ?  
    io e i miei amici, allora ragazzi, pensammo che in fondo si potesse trovare il vero Dio anche lontano dal Cristianesimo: cominciammo a dubitare che la nostra religione fosse quella vera....(come già lamentò Paolo VI a CVII finito ! se qualcuno non ci crede, posterò il passaggio in cui disse quella frase storica....)  
    era ricominciata la grande ricerca degli uomini antichi precristiani, nel BUIO, A TENTONI, di quella Verità assoluta, che la Chiesa nostra Madre (!) sembrava non piu' POSSEDERE Nè POTERCI ADDITARE, dopo 19 secoli e oltre di storia, fatta di santi e martiri, testimoni di Nostro Signore !  
    di nuovo cercavamo il Dio ignoto, come già i Greci a cui S. Paolo,<span> invano, </span>volle annunciare Gesù Vero Dio fatto UOmo !  
    di nuovo cominciava il grande <span>vagabondaggio di tanti apostati</span> giovani e meno giovani alla ricerca del guru di turno (v. Sai baba, Dalai Lama, santoni di Visnù, monaci Zen, ecc.) che mostrasse loro la via dell'illuminazione, verso un DIO non meglio identificato, che non potesse salvarci dalla nostra carne di peccato e dalla morte !  
       E OGGI ?  di nuovo, cari cattolici stupefatti di tutto il mondo, di nuovo assisteremo a questa preghiera COMUNE   di uomini   immersi nel BUIO dell'ignoranza al   DIO IGNOTO, che STIA BENE AL POSTO SUO, NELL'INCONOSCIBILE IPERURANIO, stia attento a rispettare le CREDENZE ( mi ripugna chiamarle fedi) di tutti i vario-credenti, soprattutto non si accosti al cuore di nessuno, non lo scuota dall'inerzia dell'ego-latria e<span> non offenda nessuno</span>, pretendendo di salvarlo dal peccato che dà la morte, e di donargli la Sua stessa Vita ?  
    di nuovo, come se Gesù Cristo NON FOSSE MAI VENUTO ?  
    :( </span>

    RispondiElimina
  44. <span>baccano attorno ad una NOTIZIA....</span>
    altro che notizia, Ospite ! è stato riferito l'<span>annuncio del Papa</span>, da tutti i tg, di voler organizzare la riunione "ecumenica" (così hanno detto) in cui i capi delle religioni "declineranno insieme il nome della pace" (Tg2 ore 20.30): questo il verbo usato per descrivere il summit pseudo-religioso.
    ma che significa  realmente    declinare il nome della pace ?
    una PACE ANONIMA, che neghi ogni differenza di credo, come se quei personaggi si rivolgessero allo stesso Dio ?
    Davvero siamo diventati così stolti e ciechi ?
    se per noi cattolici, come ci ricorda San Paolo, CRISTO E' NOSTRA PACE, ne consegue che se il Vicario di Cristo declinerà il nome di una pace senza nome, di fatto, rinnegherà Cristo Signore, che E' NOSTRA PACE, disconoscendolo (oscurandolo) a nome di tutta la Chiesa, a nome di ognuno di noi !

    RispondiElimina
  45. guarda che fai un po di confusione Demetrio...! Pio XII fu certamente discreto ma non andò mai a qualche adunata nazista .

    RispondiElimina
  46. caro ospite scherzare su cose del genere non mi sembra il caso

    RispondiElimina
  47. il papa da un lato lascia intendere e dall'altro fa il contrario.
    Avete letto il suo libro intervista? E cosa dice?
    non prendiamoci in giro

    RispondiElimina
  48. guarda che non sto affatto scherzando , un conto è mantenere "i toni bassi" ,come giustamente fece PIO XII, per non suscitare rappresaglie peggiori e un conto è confondersi col nemico per essere ancora più credibili....
    Lungi da me giudicare il Santo Padre , ma forse sarebbe stata  meglio una semplice e silenziosa preghiera per la conversione degli increduli e  violenti di ogni falsa credenza nata dalla corruzione umana
    Preghiamo per il Papa "affinchè non arretri di fronte ai lupi"!!

    RispondiElimina
  49. sapevamo, dalla lettura dell'AT, che
    Omnes dii gentium sunt daemonia: Tutti gli dei delle genti sono demoni (Sal 95, 5).
    E ora, come possiamo accettare e approvare come cosa buona che il Capo della unica vera religione divina, rivelata in Gesù Figlio di Dio, si metta a pregare insieme con coloro che invocano i demoni, e che non riconoscono Gesù come Vero Dio ?
    lasciando credere -a loro increduli e a noi cristiani- che tutti stanno pregando la stessa divinità, il "dio comune" ?

    RispondiElimina
  50. E sosa potrebba fare di tanto originale?
    Non aspettiamoci certo i discordi di S. Pietro... Certo si tratterà di un incontro diverso rispetto all' '86...ma sempre un abominio.
    Leggete qui, il p. Scalese ha trovato la giusta chiave di lettura

    http://querculanus.blogspot.com/2011/01/come-non-detto.html

    RispondiElimina
  51. ....e perchè non ceda alle loro attrazioni fatali verso una falsa pace, voluta da satana, per oscurare Nostro Signore davanti al mondo, nella coscienza di tutti, cristiani e miscredenti !

    RispondiElimina
  52. <span>....e perchè non ceda alle loro attrazioni fatali verso una riunione menzognera di falsa pace, voluta da satana, per oscurare Nostro Signore davanti al mondo, nella coscienza di tutti, cristiani e miscredenti !</span>

    RispondiElimina
  53. confondersi con il nemico...che miseria....

    RispondiElimina
  54. e continuate imperterriti a voler far da maestri e criticare il papa.

    RispondiElimina
  55. E' proprio sicuro che si tratti di pretesi maestri e non, piuttosto, di semplici fedeli scandalizzati?

    RispondiElimina
  56. cattolico militante4 gennaio 2011 01:57

    Mi sa proprio che la Santa Chiesa cattolica, apostolica, romana sia ormai giunta non alla frutta, ma ahimè a digestione ultimata!!!!! Un sacerdote che da la comunione ad un cane!? Questa mi è proprio nuova..... Ed oltretutto, parrebbe che il vescovo locale non abbia preso alcun provvedimento!!!!!! Roba da manicomio criminale!!!!! Non tanto per il sacerdote (poverino, sicuramente non ha tutte le rotelle al posto giusto....), quanto per il vescovo!!!!!! 
    Per quanto riguarda il giudizio espresso dall'Imam su quanto detto dal Santo Padre: Il papa deve essere zittito in tutti i modi e farsi i fattacci suoi, in qualunque argomento, sia di carattere politico, di morale, di etica etc etc etc è considerato da molti e talvolta anche dagli stessi pseudo cattolici un pò troppo ficcanaso negli affari altrui!!!! Che dire, la libertà dell'uomo moderno va salvaguardata, ed ognuno poi risponderà delle proprie idee ed azioni direttamente al Creatore, qualora dovesse realmente esistere......... Nessuno può osare dire cosa sia giusto e cosa sbagliato!!! Se ritornasse in questo istante Gesù stesso sulla terra, sarebbero capaci di zittire pure lui, in nome della modernità, che tutto sa, che tutto capisce , che tutto può.......
    Per l'incontro ecumenico di Assisi, spero solo che Benedetto XVI, a prescindere che abbia deciso lui di indirlo o che vi sia stato costretto, sappia comportarsi nel modo giusto al momento giusto: in quest'ultimo periodo, grazie anche alle riflessioni che suscitano in me certe argomentazioni del blog ho come avvertito la sensazione che il nostro amato papa, voglia stare con i piedi in due staffe e dare cosi un colpo all'incudine ed uno al martello..... Non lo nego e non me ne vergogno, io che di fede ne ho avuto e ne ho tanta, di fronte alla situazione attuale della chiesa, al comportamento delle autorità eclesiastiche, alle idee della maggior parte dei fedeli anche se praticanti, vengo assalito spesso e volentieri dal dubbio che quella che è stata considerata per secolil a giusta e santa religione, non sia veramente una favoletta inventata dagli uomini per soggiogare altri uomini....... Non ci resta che dire: Misere nostri Domine!

    RispondiElimina
  57. Filippo Burighel4 gennaio 2011 02:17

    Invece lo è, visto che era la messa di un prete anglicano. Quindi non era una messa e non c'era nessun prete. Era solo una scenetta da teatro del grottesco. :-D

    RispondiElimina
  58. Semplice ritorsioine o destabilizzazione pianificata?

    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=print&sid=7826

    credo sia lecito avere dubbi.

    RispondiElimina
  59. Tutto ciò che distrugge il senso del sacro non è mai da ridere!

    RispondiElimina
  60. <span> "E’ Ipotizzabile che l’ennesimo tentativo di seminare discordia tra comunità religiose, sia stato progettato per destabilizzare l’Egitto a vantaggio degli interessi di Usa e Israele, così come dichiarato da Hezbollah, oppure come ritorsione immediata all’individuazione della cellula del Mossad.

    Intanto i cantori dello “scontro di civiltà”, inebriati dagli attacchi alle comunità cristiane orientali, continuano indisturbati nell’opera di manipolazione dell’opinione pubblica europea, preparandola a future crociate “democratiche”, ma questa volta rischiano l’estinzione. </span>
    (link cit.)
    ----------------
    e questo chi glielo va a spiegare al mio vescovo, che continuamente parla di scontro di civiltà, che si può arginare solo col rispetto della libertà religiosa di tutte le fedi, secondo copione conciliare, avallato dall'annuncio-invito del papa al prossimo raduno di Assisi ?
    ...<span>continuano indisturbati nell’opera di manipolazione dell’opinione pubblica europea,.....</span>
     ah, ecco ! questo è, come sempre, da 50 anni, il fine recondito (ma non troppo) di tali cantori: così si spiega tutto.
    (Sempre che le masse inerti degli spettatori occidentali -credenti e non-vogliano aprire gli occhi in tempo...ma la narcosi è potente e capillare, e nell'orbe cattolico-adulto il mega-concilio è il suo gran cavallo di battaglia, di legno ovviamente....)

    RispondiElimina
  61. Quando i guerriglieri Afghani erano dei “nostri”
    http://saigon2k.altervista.org/?p=2673

    RispondiElimina
  62. Te lucis ante terminum7 gennaio 2011 18:56

    E' incredibile, di fronte alle stragi di cristiani in Iraq, Egitto, Indonesia, Filippine, Sudan, Nigeria ecc..., di fronte alla condizione di oggettiva inferiorità giuridica dei cristiani in moltissimi paesi islamici, invece di cercare un modo di salvarli, di alzare la voce per farsi sentire e chiederne il rispetto come fa il nostro Papa si assiste ai deliri antisemiti di alcuni utenti che accusano sistematicamente Israele citando come fonte Hezbollah o siti da ricovero psichiatrico...Una domanda: la redazione condivide queste tesi? Se fosse così mi dissocio totalmente, da cattolico fedele al Papa, non antisemita e amante della Tradizione mi sento distante anni luce da queste "teorie", mi ricordano quelle dei pagani che accusavano sempre e di ogni cosa i primi cristiani, persino di essere cannibali... 

    RispondiElimina
  63. "l'islam minaccia il papa"

    Non si capisce bene l'identità del soggetto di questa frase.
    Come fa "l'islam" a "minacciare il papa" ? E' una persona l'Islam ? Ha un indirizzo fisico, un numero di telefono, un'email, un sito internet, un blog, un'ambasciata, una casa... ? La frase scritta così non ha alcun senso logico. Sarebbe come scrivere "l'ebraismo minaccia il papa", o "il buddismo minaccia il papa". Una religione è una cosa "astratta", come un'idea: non ha form fisica, né voce, e quindi non può "minacciare nessuno". La frase "l'islam minaccia il papa" sembra voler creare un nemico metafisico, invisibile (essendo l'islam una religione), da utilizzare come spauracchio quando serve, e per demonizzare il miliardo e mezzo di fedeli musulmani che ci sono nel mondo.

    Una frase simile avrebbe avuto senso solo se quel miliardo e mezzo di musulmani che ci sono nel mondo avesse, ognuno di loro, mandato un telegramma di minaccia al papa. Ma così non è stato, quindi il titolo di questo articolo non ha senso.

    Ha poco di "cristiano" demonizzare un intero gruppo umano per le malefatte e i crimini di una percentuale microscopica di quel gruppo umano. Così facendo poi si rischia di divenire vittime dello stesso tipo di demonizzazione, come quelli che accusano tutti i cristiani di essere pedofili solo perchè qualche prete è stato coinvolto in casi pedofilia, oppure qualcuno potrebbe accusare tutti i cristiani di essere assassini perchè il capo della agenzia di mercenerari Blackwater, un cristiano, ha dichiarato di essere in guerra contro i musulmani e di avere l'obiettivo di ucciderne quanti più possibile, come d'altronde ha fatto il suo gruppo in Iraq.

    Insomma, non fomentiamo lo "scontro di civiltà", parlando di "islam che minaccia il papa". Parliamo piuttosto di "alcuni fondamentalisti islamici che minacciano il papa".

    Vi ricordo che Ratzinger qualche tempo fa è andato in Turchia a pregare in Moschea, diretto verso la mecca, e nessun "islam" l'ha ucciso, ma anzi è stato ben accolto dai musulmani.

    RispondiElimina
  64. Te lucis ante terminum8 gennaio 2011 13:32

    Giusto Juma. Però finiamola anche di raccortare la barzelletta che i fondamentalisti sono una minoranza: se si tenessero delle elezioni regolari in molti paesi islamici vincerebbero i fondamentalisti, per cui è giustissimo non generalizzare, perché ci sono sicuramente i moderati (che magari dovrebbero farsi sentire un po' di più) ma è giusto anche non girare con il paraocchi facendo finta che il problema non esista o sia ristretto a tre gatti, è quello che cerca di spiegare padre Shamir (che quella realtà la conosce ben più di noi) in ogni intervista perché commetteremmo l'errore speculare di quelli che generalizzano. Il problema è come fare in modo che i moderati si facciano sentire di più e i fondamentalisti diminuiscano es. il problema della formazione degli Imam. Infine, purtroppo, il responsabile di Al Azhar, che si permette di fare la morale al Papa perché parla dei cristiani perseguitati, non è proprio una personalità di secondo piano; per cui, concludendo non generializziamo e non minimizziamo troppo, sarebbero entrambi grossi errori!

    RispondiElimina
  65. Certo che quelli di Klebekler che non mi citano Kiko, Paolo VI e c. non fanno un grande servizio alla Verità! E che cavolo! Ma no li leggono i post su messainlatino?
    MD

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.