lunedì 6 dicembre 2010

Il rabbino: "vorrei che i cristiani in Europa diventassero più cristiani"

Uno dei luminari della Comunità ebraica internazionale, il rabbino David Rosen, ha messo in guardia che l’Europa rischia di essere "sopraffatta" dall'Islam a meno che non ritrovi le sue radici cristiane.

Parlando ai giornalisti in una riunione a Gerusalemme venerdì (26 novembre), il rabbino Rosen, direttore degli affari interreligiosi del Congresso Ebraico Americano con sede a Washington, ha detto che una società occidentale europea prevalentemente secolare e liberale è minacciata dalla rapida crescita delle comunità islamiche che non vogliono integrarsi con i loro vicini.

“Io sono contro l’erezione di barricate. La mia umanità è il mio componente più importante. Ma la società occidentale, molto chiaramente, non ha una forte identità. Vorrei che i cristiani in Europa diventassero più cristiani... quelli che non hanno una forte identità sono facilmente sopraffatti da coloro che la hanno", ha ammonito il rabbino.

"Penso che ci siano assai buone probabilità che i suoi nipoti, se non saranno musulmani, allora saranno cattolici romani molto forti", ha detto a un giornalista italiano. "Non credo che un'identità tiepida possa resistere alla sfida".

L’opinione del rabbino Rosen è condivisa da un buon numero di commentatori ebraici, che osservano la crescita demografica dei musulmani in Europa, con la stessa trepidazione della crescita demografica degli arabi in Israele.

"Avete un problema che non vedete: siete innamorati con l'idea di multi-culturalismo, ma non parlate arabo. In un'epoca di liberalismo, come proteggete il vostro modo di essere? Qual è il contratto [con l'Islam]?", ha detto Moti Cristal, un negoziatore israeliano professionista dell'impresa di risoluzione di conflitti nel settore privato Nest Consulting.

Nachman Shai, membro del Parlamento per il partito Kadima centrista in Israele, ha osservato che la presunta minaccia morbida all’identità europea occidentale è affiancata dalla minaccia dura contro la sicurezza dei gruppi islamici radicali.

"Se si seguono i flussi correnti nel mondo arabo, e ora tutti avete delle comunità musulmane nei vostri paesi e leggete questi sviluppi, e potete vederli anche da voi, allora si vede che i musulmani si muovono verso l'estremismo, non verso il centro, non verso il compromesso. Mantengono le proprie tradizioni. Mantengono il proprio modo di vita e stanno diventando sempre più religiosi e sempre più radicali”, ha detto. [..]

66 commenti:

  1. E non ha tutti i torti. Qui noi abbiamo già alcuni vescovi che se non solo musulmani poco ci manca .....

    RispondiElimina
  2. .....per forza perdiamo l'identita'.....al posto della vera Santa Messa..ci hanno datto una finta...degna di una tavolata all'osteria......chiese devastate......le moderne non sono piu' chiese......piu' di cosi'!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Non è la S. Messa in sè, ma Sacramenti dati a tutti indistintamente anche quando le famiglie promettono solo a parole di trasmettere la Fede ai figli che loro stessi non hanno. Il problema è alla radice!

    RispondiElimina
  4. QUALE fede e quali famiglie?

    RispondiElimina
  5. Invece è propro la S. Messa è la radice e il culmine di tutto e, se non preavalebunt, è perché non è stata sepolta come avrebbero voluto, anche se adesso soffre le persecuzioni di chi dovrebbe promuoverla!

    RispondiElimina
  6. <span>Invece è propro la S. Messa la radice e il culmine di tutto e, se non preavalebunt, è perché non è stata sepolta come avrebbero voluto, anche se adesso soffriamo le persecuzioni di chi dovrebbe promuoverla!</span>

    RispondiElimina
  7. sagge parole purtroppo inascoltate dalla maggior parte dei cattolici politicamente corretti,che,ignoranti della propria e dell altrui religione non trovano di meglio che calar le braghe all oscurantismo musulmano che avanza lento ed inesorabile.

    RispondiElimina
  8. Un cattolico serio non ascolta e non riporta le dichiarazioni astute e menzognere di codesto tristo figuro >:o , megafono della propaganda in appoggio ai ben più efficaci sistemi di dominio della s<span>ò</span>la democrazia.

    RispondiElimina
  9. le parole del rabbino  sono lucide ed oneste. Chi non  è lucido e, forse, neppure onesto, è l'occidente secolarizzato e anticristiano. Ho paura, certo che ho paura dalla crescita esponenziale della presenza musulmana in Europa, favorita dalla mentalità pseudo tollerante del secolarismo imperante e dalla mentalità pseudo evangelica della stragrande maggioranza del clero cattolico che pensa di seguire il Vangelo mettendosi una serpe in seno o che pensa di essere molto buono solo perchè lascia le porte aperte a chiunque voglia entrare.

    Sono ciechi gli europei secolarizzati ed anticristiani e sono ciechi i vescovi, i preti e i cattolici "adulti" mondanizzati e protestantizzati dalle riforme di questi ultimi 50 anni. E non vedono qiondi il pericolo enorme costituito dall'immigrazione islamica.

    Ho paura, certo. Ma ho anche speranza. Speranza che prima o poi i ciechi inizino a vedere; speranza che quando l'islam inizierà a creare seri problemi in Europa, possa rinsacere e crescere una riscoperta delle radici cristiane oggi tanto aborrite.

    Perchè il cristianesimo è la religione della tolleranza e dell'amore, l'islam è la religione dell'intolleranza e dell'odio.
    Prima o poi anche gli anticristiani più esagitati capiranno che è meglio vivere tra i cristiani, che non ti ammazzano se la pensi diversamente che tra i musulmani che ti uccidono se esprimi idee diverse.

    Un solo esempio: i gay europei, oggi così livorosi verso la Chiesa, capiranno che è meglio vivere con il papa che dal balcone di san Pietro lancia loro addosso solo innoffensive parole di riprovazione, che tra un imam che incita i suoi a punire i sodomiti con la morte.

    RispondiElimina
  10. micapizza&fichi7 dicembre 2010 08:42

    Come cristiano prego per la conversione di tutti, compresi quelli che prima degli altri avrebbero dovuto capire e che invece della religione oggi fanno un uso adatto al mantenimento e consolidamento di un sistema di potere attualmente molto vantaggioso... in cui la morte ammazzata di molti fedeli in preghiera nei rispettivi luoghi di culto è aizzata da quelli per cui "dio" è solo una leva di potere.

    RispondiElimina
  11. Spin doctor al lavoro.

    RispondiElimina
  12. Mantengono le proprie tradizioni. Mantengono il proprio modo di vita e stanno diventando sempre più religiosi e sempre più radicali”, ha detto. [..]

    E ha ragione il rabbino Rosen!
    Vogliamo metterci le fette di prosciutto sugli occhi?
    Le giovani generazioni musulmane non solo non sono "pervertite" dalla civiltà e dai costumi occidentali (idea di chi banalizza e relativizza il fenomeno dell`immigrazione musulmana) ma diventano senpre più radicali, vediamo così giovani fare il Ramadan,  affollare le scuole coraniche nelle moschee generosamente concesse, manifestare con violenza nelle scuole dove pretendono diritti alle dispense varie, menu hallal, il velo per le ragazze e via dicendo.
    Certi quartieri, come a Parigi, sono già musulmani con la vita che si ferma durante le 5 preghiere, le strade invase dai tappettini, le preghiere urlate dagli altoparlanti, a Londra la sharia è applicata in diversi quartieri e sono ammessi perfino tribunali islamici.
    La poligamia è conosciuta e lo scandalo è tollerato, la prole, di diverse "mogli", gode di tutti i vantaggi del sistema sociale e di cure francese, rido(un sorriso amaro) quando vedo le autorità rallegrarsi della crescita dela demografia, il nome più usato per i neonati...Mohammed.
    I musulmani godono e approffittano di tutti i vantaggi della nostra democazia, e li rivendicano, ma non si inseriscono, anzi, restano sottomessi al Corano,  rispettano e rispetteranno sempre in primis il Corano.
    Sì, ha ragione il rabbino Rosen ed è drammatico che sia un rabbino a ricordarci certe realtà.

    RispondiElimina
  13. <span>Mantengono le proprie tradizioni. Mantengono il proprio modo di vita e stanno diventando sempre più religiosi e sempre più radicali”, ha detto. [..]  
     
    E ha ragione il rabbino Rosen!  
    Vogliamo metterci le fette di prosciutto sugli occhi?  
    Le giovani generazioni musulmane non solo non sono "pervertite" dalla civiltà e dai costumi occidentali (idea di chi banalizza e relativizza il fenomeno dell`immigrazione musulmana) ma diventano senpre più radicali, vediamo così giovani fare il Ramadan,  affollare le scuole coraniche nelle moschee generosamente concesse, manifestare con violenza nelle scuole dove pretendono diritti alle dispense varie, menu hallal, il velo per le ragazze e via dicendo.  
    Certi quartieri, come a Parigi, sono già musulmani con la vita che si ferma durante le 5 preghiere, le strade invase dai tappettini, le preghiere urlate dagli altoparlanti, a Londra la sharia è applicata in diversi quartieri e sono ammessi perfino tribunali islamici.  
    La poligamia è conosciuta e lo scandalo è tollerato, la prole, di diverse "mogli", gode di tutti i vantaggi del sistema sociale e di cure francese, rido(un sorriso amaro) quando vedo le autorità rallegrarsi della crescita dela demografia, il nome più usato per i neonati...Mohammed.  
    I musulmani godono e approffittano di tutti i vantaggi della nostra democazia, e li rivendicano, ma non si inseriscono, anzi, restano sottomessi al Corano,  rispettano e rispetteranno sempre in primis il Corano.  
    Sì, ha ragione il rabbino Rosen ed è drammatico ch</span>

    RispondiElimina
  14. <span>Mantengono le proprie tradizioni. Mantengono il proprio modo di vita e stanno diventando sempre più religiosi e sempre più radicali”, ha detto. [..]  
     

    E ha ragione il rabbino Rosen!  
    Vogliamo metterci le fette di prosciutto sugli occhi?  
    Le giovani generazioni musulmane non solo non sono "pervertite" dalla civiltà e dai costumi occidentali (idea di chi banalizza e relativizza il fenomeno dell`immigrazione musulmana) ma diventano senpre più radicali, vediamo così giovani fare il Ramadan,  affollare le scuole coraniche nelle moschee generosamente concesse, manifestare con violenza nelle scuole dove pretendono diritti alle dispense varie, menu hallal, il velo per le ragazze e via dicendo.  
    Certi quartieri, come a Parigi, sono già musulmani con la vita che si ferma durante le 5 preghiere, le strade invase dai tappettini, le preghiere urlate dagli altoparlanti, a Londra la sharia è applicata in diversi quartieri e sono ammessi perfino tribunali islamici.  
    La poligamia è conosciuta e lo scandalo è tollerato, la prole, di diverse "mogli", gode di tutti i vantaggi del sistema sociale e di cure francese, rido(un sorriso amaro) quando vedo le autorità rallegrarsi della crescita della demografia, il nome più usato per i neonati...Mohammed.  
    I musulmani godono e approffittano di tutti i vantaggi della nostra democazia, e li rivendicano, ma non si inseriscono, anzi, restano sottomessi al Corano,  rispettano e rispetteranno sempre in primis il Corano.  
    Sì, ha ragione il rabbino Rosen ed è drammatico che debba essere un rabbino a ricordarci certe realtà.
    </span>

    RispondiElimina
  15. So benissimo dove volete andare a parare, a non lo condivido perchè io per prima non ho mai frequentato la Messa tridentina (anche se non sono contraria ad essa) eppure mia figlia non ha neanche 4 anni che ha già chiaro il concetto di Gesù Sacramentato, vuole venire a Messa, ama starmi vicino quando prego. E questo perchè ho sempre mostrato una Fede viva e vissuta alla mia piccola da quando è nata.

    Che le famiglie "più sante" secondo voi siano solo nella Messa tridentina è una grande sciocchezza e presunzione. Basta un poco di logica per capire che essendo un gruppo minoritario dove non è presente la massa del popolo cristiano, ha al suo interno cristiani sicuramente più maturi piuttosto che persone che vanno in parrocchia solo per andare e timbrare un cartellino la domenica. Non illudetevi, accadrebbe la stessa cosa se si tornasse ad avere la Messa Tridentica come unica opzione disponibile. 

    I problemi sono altri, sono a monte, e personalmente (per carità posso anche sbagliare) ritengo che si dovrebbe iniziare a dire qualche NO a certi matrimoni. Giusto per fare un esempio, il mese scorso si è sposata una mia amica di università. Oggi ha 33 anni, fa sesso da quando ne ha 17 con pillola contraccettiva, ha avuto 3, 4 fidanzati diversi ... non crede nella Chiesa nè ha mai confessato di avere la Fede in Nostro Signore e da quando la conosco non va mai in Chiesa. Anzi ... io ero la malata del gruppo, la povera allocca abindolata dai preti.  Eppure si è sposata in Chiesa, con il suo bell'abito bianco ... con una bella confessione sacrilega non valida ... e se avrà dei figli li battezzerà, guardandosi bene dal trasmetterle una Fede che non ha mai avuto. Ecco i veri mali della Chiesa.

    RispondiElimina
  16. Un cattolico serio rispetta anche il peggior nemico, cosa che per altro non riconosco negli ebrei. Non si chiude a riccio escludendo tutto ciò che può essere scomodo.

    RispondiElimina
  17. <p><span><span>Nella santa messa Gesù si offre per noi. Il sacerdote è offerta ed offerente. Questo è lo spazio privilegiato per l’offerta di noi stessi a Cristo Gesù. Noi creature ci offriamo a Gesù, Dio fatto uomo, per unirci alla Volontà del Padre. Una creatura ha fatto questo più di tutte: Maria. Così la nostra offerta è più “facile”, realistica e realizzata, affidandola alle sue mani immacolate. Alla sua volontà di essere in tutto ancella del Signore e Madre di noi, Chiesa, sposa di Gesù, uniti a Lui, come i tralci alla vite. Nell’offerta della messa, in unione al sacrificio eucaristico, per il bene nostro e di tutta la Sua santa Chiesa, fondata su Pietro e che da Pietro deriva in successione apostolica. Fuori da questo modo di pensare e di agire si moltiplicheranno solo illusioni, misfatti e violenze. Tutte “giustificate” dal “fare qualcosa”, “per l’uomo” ed anche “per Dio”. Che in realtà ha già fatto tutto ciò che serve. Attende solo che ci offriamo liberamente a Lui, per essere strumenti di grazia per tutte le sue creature. Purtroppo molti “ecclesiali” si ritengono ben più che “servi inutili”. Non ritengono decisiva l’offerta della nostra vita a Gesù. Il sacramento è tutt’altro dal “volemose bene”.<span>   Ed è Dio ad essersi umiliato facendo uomo, per salvarci. Purtroppo c'è chi non ha capito. E vorrebbe fare dell'uomo "dio". Perchè in fondo un Dio crocifisso a chi attende un messia potente non interessa niente. A meno che i suoi seguaci servano a frenare gli eccessi di zelo di un altro popolo che "in nome di Dio" mena fendenti di scimitarra.  </span></span></span>
    </p><p><span><span><span>Un po' più "sottomessi", TUTTI, è meglio... Se no celebriamo l'uomo. Il popolo. La comunità. Noi stessi. Forse sta succedendo già. E il Signore ci richiama. C'è chi digiuna tutto il ramadan e chi organizza pranzi in oratorio nei venerdì di quaresima. I giovani islamici si stanno "radicalizzando"? O i giovani cristiani sono stati maleducati, da chi li doveva "radicalizzare"? E diamo la colpa agli altri?  </span></span></span></p>

    RispondiElimina
  18. I mussulmani non sono ipocriti come tanti cattolici e personalmente non li temo. Temo di più di cattolici solo di facciata, perchè se chi si professa cristiano vivesse anche da cristiano non ci sarebbe il problema dell'invasione islamica, perchè il volto di Cristo sarebbe ben visibile nella Sua Chiesa e non porterebbe a tante conversioni all'Islam da parte di cittadini europei.

    Loro sono tutti bene compattati, come se fossero un corpo solo ... noi passiamo il tempo a lirigarci gli uni con gli altri dimenticandoci di essere parte di una sola famglia ... si raccolgono semplicemente i frutti cari signori.

    RispondiElimina
  19. Quanto è vero. Noi purtroppo (se va bene), al massimo parliamo di "rivendicare le radici cristiane", ma non basta, oggi nessun cattolico combatte più per riavere uno STATO CRISTIANO. Non ci illudiamo, finchè alla base delle nazioni europee e del concetto stesso di Europa vi sarà il pensiero illuminista e liberale, non vi potranno essere vere svolte: non è la 'libertà religiosa' la soluzione, ma è solo Nostro Signore l'unica soluzione. Tutto il resto è fuffa.

    RispondiElimina
  20. c' è una fondamentalle differenza fra la nostra e la cultura musulmana .

    la cultura  musulmana è una cultura che si appoggia all' altare ...... la nostra ha rotto dalla data fatidica del  1789 ......... 

    RispondiElimina
  21. non parlavo solo delle famiglie che seguono la Messa tridentina. Ci sono molti cristiani che seguono il NO <span> nella consapevolezza che la Riforma parte dalla Liturgia correttamente intesa e vissuta e dalla purificazione dello spirito e non dalla creatività frenetica e fanatica e</span>

    inoltre non sta né in cielo né in terra il fatto che tutti i cristiani vivano la fede per abitudine e non una fede viva e che questo sia possibile solo in certi contesti e non in altri 

    come vede non c'entrava la messa Tridentina di per sé anche se è certo che porta un fiume di grazie e ribadisco che è comunque la S. Messa la fonte e il culmine di tutta la nostra fede.
    I veri mali della Chiesa non sono la fede abitudinaria o stereotipata che è un male di tutte le generazioni, dal quale ogni vero credente viene fuori. I veri mali della Chiesa sono i falsi profeti e i cattivi maestri, che enfatizzano la 'mensa della Parola' e il Convivio fraterno' nonché l'esultanza della Comunità' e diluiscono fino ad espungere il Sacrificio di Cristo, senza il quale NON C'E' SALVEZZA...

    RispondiElimina
  22. non parlavo solo delle famiglie che seguono la Messa tridentina. Ci sono molti cristiani che seguono il NO  nella consapevolezza che la Riforma parte dalla Liturgia correttamente intesa e vissuta e dalla purificazione dello spirito e non dalla creatività frenetica e fanatica e  

    inoltre non sta né in cielo né in terra il fatto che tutti i cristiani vivano la fede per abitudine e non una fede viva e che questo sia possibile solo in certi contesti e non in altri   

    come vede non c'entrava la messa Tridentina di per sé anche se è certo che porta un fiume di grazie e ribadisco che è comunque la S. Messa la fonte e il culmine di tutta la nostra fede.  
    I veri mali della Chiesa non sono la fede abitudinaria o stereotipata che è un male di tutte le generazioni, dal quale ogni vero credente viene fuori. I veri mali della Chiesa sono i falsi profeti e i cattivi maestri, che enfatizzano la 'mensa della Parola' e il Convivio fraterno' nonché l'esultanza della Comunità' e diluiscono fino ad espungere il Sacrificio di Cristo, senza il quale NON C'E' SALVEZZA...

    RispondiElimina
  23. il cristiano non escude, ma 'si assume' ciò che può essere scomodo. un cristiano l'unica cosa che esclude, nel senso che lo rifiuta, è il male perché lo riconosce e lo vince in Cristo

    RispondiElimina
  24. sono d'accordo che non è la libertà religiosa ma il Signore la soluzione; ma è il Signore che incontriamo e riceviamo nella Sua Chiesa e non dai tanti surrogati secondo le mode del momento

    RispondiElimina
  25. attenzione al 'sottomessi'. Io lo intendo sottomessi e quindi obbedienti al Signore e a chi Lo trasmette, non 'acquiescenti' a chi lo tradisce

    RispondiElimina
  26. D'accordissimo: infatti "sottomessi" è virgolettato.

    RispondiElimina
  27. NO, NON HA RAGIONE !  mentitore professionale, odiatore di Pio XII e del cattolicesimo, semina l'odio e la corruzione, e poi pretende di addossarne la colpa alle vittime dei suoi inganni.  Lo so anch'io che ci sono in giro molti musulmani favorevoli o artefici di violenze. Ingannati e manipolati e strumentalizzati da quelli che hanno tutto l'interesse alla "guerra di civiltà" tra cristianesimo e islam, per asservirli e distruggerli entrambi.        Corruzione omosessuale ?  Ci sarà un motivo, se tel Aviv è ufficialmente la città più omosessuale del mondo.

    RispondiElimina
  28. Bellissimo spunto: oggi molti cristiani parlano di "valori evangelici" e "libertà religiosa" quasi fossero dei totem salvifici.
    In realtà è Gesù Dio incarnato, crocifisso e risorto, l'Unico Salvatore. I "valori evangelici" esistono in forza dell croce/risurrezione, non del "discorso della montagna" (soprattutto se lo si riduce ad un elenco di frasi da mettere nei cioccolatini, senza nemmeno fare la fatica di leggersi tre capitoli di Vangelo, che riservano amari retrogusti per i "cioccolatai"). La libertà religiosa è un bene sociale, per permettere a tutti di seguire una fede: ma non tutte le fedi sono ugualmente VERE. Siccome il vero, il bello e il buono sono tutt'uno in Cristo, lontano da Lui un po' di bellezza e bontà ce le giochiamo e non è un danno per una parte, ma per tutti...     

    RispondiElimina
  29. non ne facciamo una questione tra cristiani ed ebrei, per favore, che di panni sporchi ne abbiamo tutti da lavare ognuno in casa propria.
    E' chiaro che il rabbino ha parlato anche 'pro domo sua', ma ha detto la verità

    RispondiElimina
  30. intervento un po' duro, ma non privo di sostanza... =-X

    RispondiElimina
  31. <span> "personalmente non li temo."</span>

    Io non temo i musulmani, intesi come le persone che incontro, ma non sono cieca e so a che cosa l`Europa (ma non solo) sta andando incontro se non ci svegliamo, come si può non temere la prospettiva di essere "islamizzati", di essere sottomessi al Corano, di avere la propria vita regolata in modo ferreo dalla sharia?
    Come si può non temere la prospettiva di ciò che precederà e accompagnerà questa "conquista"?
    Ma è vero che l`avanzata islamica può farsi in parte anche perchè il pieno musulmano trova il "vuoto " cristiano, un Dio gettato fuori dalle frontiere, una società che vive come se Dio non esistesse.
    Come è vero che assistiamo ad una "montée" una reazione anti-islamica  in molti Paesi europei, avendo come appiglio elementi esterni come il burka, il velo, e le pretese di musulmani a diritti concessi loro per il fatto della loro religione,  ...i minareti.
    L`immigrazione musulmana pone un grosso problema all`Europa, negare questa evidenza è far prova, a mio avviso, di irenismo e anche di ignoranza.

    RispondiElimina
  32. il commento di questo rabbino è triste ma inesorabile. gli eretici seguaci del diabolico concilio spalancano le porte alla religione più menzognera, più avversaria e più anticristica dell'orbe terrestre. tuttavia il disegno di scristianizzazione della culla della cristianità non prevarrà, e questo non per la opposizione dei pochi depositari della verità (i cattolici romani di sempre) ma per volontà di Dio, per volontà dell'Onnipotente, del creatore, della Verità, del Verbo. Penso che accadrà quel che è accaduto a me personalmente. Paradossalmente l'Europa dovrà nuovamente crocifiggere il cristo, per riscoprire la Sua Divinità. Siamo nella fase degli sberleffi, degli sputi, dei tradimenti, siamo solo all'inizio della nuova via crucis, i seguaci dell'anticristo maomettano compiranno innumerevoli misfatti ed innumerevoli sacrilegi in danno di Gesù di nazaret, e i pseudo apostoli di Gesù lo tradiranno nuovamente proprio come fece Pietro, lo crocifiggeranno, e solo allora il Messia tornerà sotto il segno della Sua definitiva vittoria sul menzognero, sull'anticristo, sull'islam.

    RispondiElimina
  33. Tabità, precisiamo che se la tua amica in stato di schizofrenia spirituale battezzerà i figli farà comunque benissimo, visto che è in ballo la salvezza della loro anima che non dipende assolutamente, nei primissimi anni di vita, dalla fede dei genitori (la dottrina del Purgatorio non è ancora stata abolita, mi sembra).

    Per il resto concordo abbastanza con lei, lo Spirito Santo soffia dove vuole e l'ipotesi che ci si possa santificare solo all'interno del recinto "tridentino" la trovo insieme presuntuosa ed agghiacciante.

    RispondiElimina
  34. <span>Loro sono tutti bene compattati, come se fossero un corpo solo ... noi passiamo il tempo a lirigarci gli uni con gli altri dimenticandoci di essere parte di una sola famglia ... </span>

    Noi non siamo una famiglia come intende lei, dove lo zio comunista e il nonno paolotto è bene che vadano d'accordo mettendo da parte le differenze per il bene comune, ma una società divinamente fondata,  ordinata gerarchicamente e basata su di una Verità non compromissibile; se ci scanniamo tra noi mentre i lupi ci divorano è perchè qualcuno ha avuto la responsabilità di fomentare le discordie annacquando la verità e poi di aprire i cancelli del recinto. L'irenismo che lei propone come soluzione ("muti e compattiamoci") è già stato tentato da 40 anni a questa parte, con scarsi risultati.

    RispondiElimina
  35. In effetti, il discorso del rabbino mi sa molto di minestrone riscaldato neo-con. Vorrei vedere se la Chiesa fosse ancora in forma come quella dei tempi di Sisto V o di S. Pio X se si augurerebbe ancora che l'Europa fosse "più cristiana". Purtroppo c'è in giro una grande confusione sul significato di parole abusate come "Occidente".

    Sugli islamici, bisognerebbe fare qualche distinguo. Da un lato sono utilizzati come strumento per scardinare, insieme agli altri immigrati, gli usi costumi e tradizioni millenarie d'Europa. Dall'altro sono una scheggia impazzita di anti-modernità in un mondo pagano, e come tali comodi capri espiatori da utilizzare per mettere insieme vaste coalizioni per combattere battaglie quantomeno ambigue ("la libertà della donna", "la laicità dello stato", "il pluralismo religioso"). Essendo la loro morale una caricatura grossolana della morale naturale che anche noi siamo tenuti a seguire, i liberali, i massoni e altri che non posso nominare hanno buon gioco ad attaccarla, tirandosi dietro un fronte che va dai radicali ai monsignori "conservatori". I musulmani sono quindi insieme strumento e prima vittima della globalizzazione; da un punto di vista provvidenziale, come inattesa conseguenza del processo, essi possono anche essere visti come il giusto castigo per l'apostasia di massa di quella che un tempo era la Christianitas.

    RispondiElimina
  36. @paradosso: il mio "tutti" era ovviamente da prendere non in senso stretto. Diciamo che almeno dall'esperienza che ho io su una parrocchia piena ce ne saranno 10 che vivono la S. Messa devotamente ... gli altri dopo aver chiaccherato e aver guardato continuamente l'orologio, appena il sacerdote si gira scappano.chiedo perdono perchè avevo compreso che si riferisse solo alle famglie che frequentano la S. Messa tridentina. Avevo capito male.

    @ Guy: certo, ma quando si battezza un bambino piccolo la Chiesa ci chiede di promettere di trasmettere la Fede. E quale valore può avere la promessa di chi già di per se non crede nella Chiesa e battezza i figli solo per un fatto culturale e si presenta in Chiesa solo per battesimi, credime e matrimoni? Questo volevo dire. Non ci sarebbe da mettere un freno a questo? Non si tratta di dare dei Sacramenti a persone che non ne comprendono il significato e l'importanza? Lo stesso non avviene con i matrimoni? Poi ci si lamenta che aumentano i divorzi ... la maggior parte si sposa non credendo nel vincolo indissolubile del matrimonio, e vanno all'altare con in tasca l'opzione del divorzio senon dovesse funzionare.

    RispondiElimina
  37. <span>Ma è vero che l`avanzata islamica può farsi in parte anche perchè il pieno musulmano trova il "vuoto " cristiano, un Dio gettato fuori dalle frontiere, una società che vive come se Dio non esistesse. </span>

    E' quello che volevo dire io. Se si fa un giro in YouTube o in blog, si trovano tantissime testimonianze di ex cristiani convertiti, donne disposte a velarsi in paesi come il Belgio e che non provengono da una famiglia di origine mussulmana, ma magari cristiana (cattolica e non). Perchè questo? Perchè c'e' come hai detto tu il vuoto ... se i cristiani cattolici mostrasseno nel mondo veramente con coscienza la Fede, la bellezza della dottrina cattolica, forse questo problema sarebbe molto ridimensionato.

    RispondiElimina
  38. <span><span> "personalmente non li temo."</span>  
     
    Io non temo i musulmani, intesi come le persone che incontro, ma non sono cieca e so a che cosa l`Europa (ma non solo) sta andando incontro se non ci svegliamo, come si può non temere la prospettiva di essere "islamizzati", di essere sottomessi al Corano, di avere la propria vita regolata in modo ferreo dalla sharia?  
    Come si può non temere la prospettiva di ciò che precederà e accompagnerà questa "conquista"?  
    Ma è vero che l`avanzata islamica può farsi in parte anche perchè il pieno musulmano trova il "vuoto " cristiano, un Dio gettato fuori dalle frontiere, una società che vive come se Dio non esistesse.  
    Come è vero che assistiamo ad una "montée" una reazione anti-islamica  in molti Paesi europei, avendo come appiglio elementi esterni come il burka, il velo, e le pretese di musulmani a diritti concessi loro per il fatto della loro religione,  ...i minareti. 
    L`immigrazione musulmana pone un grosso problema all`Europa, negare questa evidenza è far prova, a mio avviso, di irenismo e anche di ignoranza.
    </span>

    RispondiElimina
  39. Mi dispiace ma per me la Chiesa è una famiglia, la Famiglia di Dio. Se lei la vede in modo differente non mi sorprende. E' una triste realtà vedere cattolici che credono nella stessa dottrina cattolica farsi guerra per spiritualità e sensibilità differenti che consentono di vivere in modo uguale e diversa la stessa medesima Fede.

    RispondiElimina
  40. Il battesimo è principalmente a beneficio del battezzando, che per definizione, se neonato, non ne capisce l'importanza, ma ne beneficia casomai dovesse dipartirsi prematuramente da questo mondo.

    Anche sul non concedere il matrimonio ci andrei cauto. Meglio sposare una coppia col dubbio che la loro fede non sia salda che condannarli allo scandalo permanente e certo di una convivenza.

    Inoltre, ammesso che i preti che li amministrano ci credano ancora, i Sacramenti portano con sè la Grazia soprannaturale, che potrà magari aiutare a crescere nella fede i genitori o la coppia di sposi (il salto non è mai da pessimo a ottimo, ma si va per gradi).

    L'unico sacramento veramente banalizzato ai giorni nostri è putroppo il più importante, ossia la Santa Comunione; la cosa curiosa è che spesso i parroci martellano fidanzanti e neogenitori con corsi di approfondimento di ogni genere e durata glissano accuratamente sui rischi di una comunione sacrilega e di come evitarla, tant'è che nelle file per ricevere c'è sempre il pienone.

    RispondiElimina
  41. <span>E' una triste realtà vedere cattolici che credono nella stessa dottrina cattolica</span>

    Il punto è tutto qui: non è assolutamente verificato che la dottrina in cui io e lei crediamo sia la stessa; il fatto che l'autorità deputata rifiuti di pronunciarsi in merito da quarant'anni a questa parte perchè non sa da che corno prendere le aporie scaturite da Concilio e Postconcilio non aiuta certo la concordia, men che mai la chiarezza necessaria alla Verità.

    RispondiElimina
  42. questo di don Camillo è il commento più azzeccato di tutti quelli inseriti finora.
    Aggiungo una differenza: oggi non si limitano ad armare la mano nostra (come quella di Pilato contro Gesù) contro i loro nemici che comunque è innegabile insidiano la nostra Fede e la nostra cultura e quel che resta della nostra civiltà; ma usano anche la loro di mano armata.
    E' ovvio che l'intervento è interessato; ma ha ragione. Non nel senso che dobbiamo armarci contro i musulmani; ma che dobbiamo cingere la armi della Fede viva e testimoniata erga omnes

    RispondiElimina
  43. <span>questo di don Camillo è il commento più azzeccato di tutti quelli inseriti finora.  
    Aggiungo una differenza: oggi non si limitano ad armare la mano nostra (come quella di Pilato contro Gesù) contro i loro nemici che comunque è innegabile insidiano la nostra Fede e la nostra cultura e quel che resta della nostra civiltà; ma usano anche la loro di mano armata.  
    E' ovvio che l'intervento è interessato; ma ha ragione. Non nel senso che dobbiamo armarci contro i musulmani; ma che dobbiamo cingere la armi della Fede viva e testimoniata erga omnes</span>

    RispondiElimina
  44. L'AntiCristo è (collettivo e/o singolo?) ebreo!

    RispondiElimina
  45. =-X  (che ce tocca fà pe' campà...)

    RispondiElimina
  46. Ci sono effettivamente sempre più  cattolici che si convertono all`islam, dovrei dire "cattoliche" e sono le più agressive, le più intransigenti, ne ho qualche esempio dalle mie parti, gli uomini che si convertono lo fanno il più sovente per ...amore...perchè la donna musulmana non può sposare un non musulmano e "obbliga" il fidanzato alla conversione...5 frasi ed è fatta, se poi in seguito quell`uomo vuole  abbandonare l`islam sarà considerato un apostata e sappiamo quale è la sorte riservata dall`islam agli apostati.

    RispondiElimina
  47. Don Camillo, sono d'accordo con lei. Le chiedo: secondo lei chi o cosa è oggi il Katechon? Personalmnte non credo sia il Papa di questa Chiesa post-cattolica.

    RispondiElimina
  48. Don Camillo, sono d'accordo con lei. Le chiedo: secondo lei chi o cosa è oggi il Katechon? Personalmnte non credo sia il Papa di questa Chiesa post-cattolica. Forse i piccoli gruppi rimasti fedeli alla dottrina cattolica tramandata fino al 1958?

    RispondiElimina
  49. Forse don Camillo ha ragione, non sto qui ad esaminare il perchè il rabbino Rosen ha tenuto quel discorso e il come lo ha tenuto, il fatto è che ha ragione, non ha forse ragione quando dice:

    "...Ma la società occidentale, molto chiaramente, non ha una forte identità. Vorrei che i cristiani in Europa diventassero più cristiani... quelli che non hanno una forte identità sono facilmente sopraffatti da coloro che la hanno""
    L`identificazione dei musulmani alla loro religione è fortissima e lo è sempre di più, la consapevolezza della loro identità musulmana, con tutto ciò che implica, è fortissima , un musulmano prima di essere italiano, svizzero, francese, tedesco, ecc. è musulmano, quella è la loro identità e ora vorrebbeero imporre all`Europa, che li accoglie, le esigenze coraniche in diversi campi, ma la resistenza si sta organizzando, nella speranza che non diventi l`appannaggio di estremisti violenti.

    RispondiElimina
  50. Sul battesimo ok, ma sul matrimonio sinceramente non sono d'accordo. Posso sbagliare, anzi sicuramente le mie idee posso essersi formate anche per mancanza di conoscenza su certe cose, ma se uno non crede nel Matrimonio come Sacramento e va in Chiesa solo per l'atmosfera, può benissimo andare in comune e affrontare pure lo scandalo (ma quale scandalo poi? Per il mondo è uno scandalo???). Tanto la maggior parte hanno già avuto rapporti sessuali e anche convissuto ... quindi ...

    RispondiElimina
  51. Sinceramente ho conosciuto gente come voi che ama la S. Messa tradizionale e non ho ho trovato differenti contrastanti con i principi basilari della Fede che professo e lo stesso dicasi per persone conosciute che sono parte del Rinnovamento dello Spirito e associazioni varie. Crediamo nella ispirazione divina che ha permesso la scrittura della Bibbia, crediamo nell'importanza fondamentale della tradizione che è insieme alla Bibbia la Rivelazione, crediamo nel Papato e nell'essere infallibile in questioni di Fede quando le proclama, crediamo nella risurrezione, nella comunione dei Santi, nella Presenza vera e reale del SS. Corpo e Sangue di Nostro Signore nella Eucarestia e Vino consacrato, consideriamo Maria Madre di Dio, Madre della Chiesa, Madre nostra, crediamo nella Sua Immacolata Concezione e Assunzione in cielo ... ecc ecc.

    Non ho sicuramente le conoscenze che avete voi tutti quì, ma quando trovo in un cristiano queste stesse basi, per me è parte della mia stessa famiglia. Vediamo se il concetto che volevo esprimere è più chiaro.

    RispondiElimina
  52. Io non ho nessunissima conoscenza, ma l'ortodossia (gli articoli che Lei giustamente elenca, dalla S. Trinità all'Assunzione di Maria) si deve necessariamente esplicitare in un'ortoprassi (liturgica ed esistenziale) altrimenti resta aria fritta e lettera morta. Un neocatecumenale, ad esempio, può raccontarmi fin che vuole che crede <span>nella Presenza vera e reale del SS. Corpo e Sangue di Nostro Signore nella Eucarestia e Vino consacrato</span><span>, ma se i suoi comportamenti (liturgici) smentiscono questa affermazione, allora non facciamo parte della stessa "famiglia". Nel 95% delle parrocchie della mia diocesi (esagero, ma non ci siamo lontani ormai) a sermoni vacui e politicizzati tenuti da sacerdoti in camice di poliestere e tristola seguono i ferrei articoli del credo pronunciati dall'assemblea tutta, poi il pane e il vino vengono consacrati in ciotole di terracotta, distribuiti da donne (pardon, ministranti) e riposti in sgabuzzini laterali (pardon, tabernacoli) senza genuflessione alcuna. Siamo sempre della stessa famiglia? E' ancora la stessa religione?
    </span>

    RispondiElimina
  53. Il problema  è che forse io ho avuto un ottimo sacerdote fino a quando a settembre è stato fatto vescovo. Sempre con i vestiti liturgici a posto, la messa in rito post conciliare ma degna del nome di S. Messa e con l'organo a canne ... omelie sempre profonde e mai noiose ... forse inizio a comprendere che sono stata fortunata. Ho visto cose che non vanno nelle Chiese, ma diciamo che il imo Parroco ha sempre fatto rigare un bel pò di gente diritta.

    Scusa, ho compreso quello che volevi dire e non posso darti torto se la mettiamo su questo piano.

    RispondiElimina
  54. Avercela a morte con gli ebrei ... ancora quì stiamo?????

    RispondiElimina
  55. Non ci siamo... non si tratta di 'averla a morte' con chicchesia ma di essere fedeli alla dottrina cattolica che certamente non insegna questo ma anzi invita a pregare per chi è privo di fede.
    Preghiera questa che gaurda caso, da cinquant'anni viene sempre più annacquata e si tende ad abolire.
    Non te ne faccio una colpa, mi rendo conto che per i nati dopo il 1958, anche grazie ai travisamenti operati dall'infausto ultimo concilio, dai suoi fautori, grazie a Dio oggi in gran parte scomparsi, e dai loro seguaci (apostati), è difficile capirlo.

    RispondiElimina
  56. OK Luisa, ma condividi anche quanto afferma Nachman Shai, membro del Parlamento per il partito Kadima centrista in Israele? quando osserva che "la presunta minaccia morbida all’identità europea occidentale è affiancata dalla minaccia dura contro la sicurezza dei gruppi islamici radicali"? Quando dice che "...si vede che i musulmani si muovono verso l'estremismo, non verso il centro, non verso il compromesso."? E soprattutto (da che pulpito...) che "...mantengono  le proprie tradizioni. Mantengono il proprio modo di vita e stanno diventando sempre più religiosi e sempre più radicali”?
    I gruppi islamici soltanto? E che dire allora dei correligionari di chi fa queste riflessioni?
    Sono i gruppi islamici responsabili della scristianizzazione dell'Europa?
    Sono loro che hanno, occupando (anche) culturalmente i nostri paesi, eliminato le nostre tradizioni, i valori alla base delle nostre società?

    RispondiElimina
  57. E meno male che nono state sempre più annacquate!!! Ti ringrazio per non avermene fatta una colpa ma Nostro Signore stesso era ebreo, per cui perdonami ma non mi permetterei mai di scrivere cose come "l'Anticristo è ebreo". E se hanno messo in croce Nostro Signore, evidentemente era nei piani di Dio che ciò accadesse. Poi che certi ebrei non riconoscano il bene che la Chiesa ha fatto loro anche durante la seconda guerra mondiale e alle volte non si siano comportati male, guardando al loro passato posso anche comprenderli e perdonarli.

    RispondiElimina
  58. Io reagisco alle dichiarazioni sulla situazione attuale in Europa, è evidente che sarebbe ridicolo e falso dire che i musulmani son la causa della scristianizzazione dell`Europa e nessuno lo ha detto, mi sembra,  ma è vero, che di questa scristianizzazione loro  ne stanno approffittando con l`aiuto di quel sistema che vomitano ma che dà loro le libertà e i diritti che reclamano.

    RispondiElimina
  59. @ bartimeo, eraclio73, ospite

    Spero siate 'dupe' inconsapevoli.

    RispondiElimina
  60. <span> Chi o cosa è oggi il Katechon?</span>

    RispondiElimina
  61. c'è un sito sulla costruzione del nuovo Tempio

    RispondiElimina
  62. una volta si diceva che fosse il Papa. Oggi non lo so.

    RispondiElimina
  63. <span>Cosa è o chi è il Katechon, vi invito ad andare su Maranatha e ivi andate a consultare la CATTOLICISSIMA Bibbia del SALES (se potete scaricatela!!) ultimo baluarso assolutamente cattolico, le note in calce di II Tessalonicesi 6,7. Un vero capolovoro!  
     
    I padri non sapevano ci fosse o cosa fosse perchè solo oggi credo è possibile distinguerlo! A mio giudizio l'islam potrebbe essere in qualche modo colui che trattiene l'Anticristo (...)</span>

    (avrei aggiunto altro, ma la potente mano censoria, purgò)

    RispondiElimina
  64. Siate, Cristiani, a muovervi più gravi:
    non siate come penna ad ogne vento,
    e non crediate ch'ogne acqua vi lavi.



    Avete il novo e 'l vecchio Testamento,
    e 'l pastor de la Chiesa che vi guida;
    questo vi basti a vostro salvamento.



    Se mala cupidigia altro vi grida,
    uomini siate, e non pecore matte,
    sì che 'l Giudeo di voi tra voi non rida!


    Paradiso, V, 73-81

    Non siate come penna ad ogni vento...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.