giovedì 30 settembre 2010

"Io non vedo Cristo, vedo pane"... e gli danno lo stesso la Comunione



Berna, Svizzera, Chiesa della Trinità. Il parroco Gregor Tolusso ha inscenato una (parodia di) messa con il pastore protestante Manfred Stuber.

E non l'ha fatto alla chetichella: la sacrilega celebrazione è stata ripresa in direta dalla TV di Stato e potete gustarne una parte nel video qui sopra.

Il protestante ha completato il canone, dopo la consacrazione (che ci auguriamo invalida), "con parole sue", ossia con un sermoncino.

Tanto, anche la preghiera eucaristica era stata una libera creazione del parroco Tolusso. Arriva perfino a spezzare l'ostia prima della consacrazione...

Alla comunione, tutti invitati, pure i non cattolici: il parroco proclama: "Chiunque ha udito e condivide l'invito di Gesù di partecipare alla sua mensa, come abbiamo appena pregato, può ricevere la Comunione".

Detto questo, il parroco dà la comunione al pastore protestante. La televisione svizzera, forse perché quelle immagini sono davvero di una pornografia eccessiva, ha tagliato il pezzo in cui il protestante ingolla l'Eucarestia, naturalmente nelle due specie (solo la particola, fa troppo tradizionale).

Poi il pastore prende il calice e lo somministra agli altri presenti in presbiterio; finito ciò, aggrampa un ciborio e distribuisce la comunione al pubblico presente. Insomma: un pastore protestante che fa il ministro straordinario della comunione ad una messa cattolica (insomma... 'cattolica' qui è una parolona...) è una bella novità.

Il video mostra anche l'intervista che i due "concelebranti" hanno rilasciato alla televisione. L'intervistatore, a giudicare dalle domande, appare molto più ortodosso dei due sodali (e ci vuol poco...). Così, alla richiesta se possa predicare chi non sia sacerdote cattolico, il parroco risponde che "non è una cosa nuova", bensì "una lunga tradizione" (in realtà è un abuso, tuttora e anche per il novus ordo).

Il parroco Tolusso ammette che ci sono differenze con i riformati, come il Papato, la gerarchia e la comprensione dei sacramenti. Ma poi aggiunge: "Se un cristiano riformato può dire di sì ad una comprensione cristiana, allora può partecipare alla comunione cattolica".

Il pastore, a quel punto, ha però tenuto a precisare di non concordare con l'idea cattolica di Eucarestia. Per lui la Cena del Signore è solo un simbolo: "Io non vedo Cristo, io vedo pane". Ma queste considerazioni, in fondo ovvie provenendo da un protestante, non sono tali da far deflettere il parroco Tolusso, che sostiene di avere scoperto una "Teologia del consenso", e afferma che il vero scandalo è la separazione, non la "ospitalità eucaristica".

Significativamente, don Tolusso si lascia andare a entusiastici apprezzamenti per la nuova messa postconciliare, che considera un "simbolo di comunità". La Messa non può essere usata per dividere, ha detto. E la ricezione della Comunione senza essere di fede cattolica è qualcosa che egli vede come un "sostentamento lungo la via verso l'unità".


Fonte: kreuz.net

242 commenti:

  1. ...Ha spezzato davvero l'Ostia prima della consacrazione! Questo fa allibire anche me che ho 24 anni! Ci vuole più formazione nei seminari!

    RispondiElimina
  2. Christus Spes Mea30 settembre 2010 08:52

    Notare poi la Chiesa con al centro, sventolante, la bandiera svizzera =-O

    RispondiElimina
  3. Ho dovuto rileggere nuovamente il post, perchè alla prima lettura non volevo crederci. Purtroppo, tale fenomeno di "lettura - incredulità - rilettura - sgomento" sta divenendo sempre più frequente. Sembra quasi che sia in corso una gara a chi riesce a dare maggiormente scandalo.

    RispondiElimina
  4. Ex Guardia svizzera30 settembre 2010 09:01

    Manderò il link al segretario della conferenza episcopale svizzera! Spero in una risposta!!! Scandaloso. Purtroppo in Svizzera certe cose non sono eccezioni :-(((((((((((((((((((((((
    San Nicolao della Flüe prega per noi; Santa Vergine Madre di Dio prega per noi.

    RispondiElimina
  5. "Se un cristiano riformato può dire di sì ad una comprensione cristiana, allora può partecipare alla comunione cattolica".

    Ma a quale 'comprensione cristiana' si riferisce? a quella sua?

    RispondiElimina
  6. Anche la Legge Basaglia (sull'abolizione dei manicomi) ha fatto tanti danni ....

    RispondiElimina
  7. Vi scandalizzate tanto perché "arriva perfino a spezzare l'ostia prima della consacrazione"? Allora non guardate regolarmente la Messa in diretta su TV2000; almeno una volta a settimana c'era un "presidente" della Messa (almeno per tutto il periodo estivo) che, oltre a fare una rito tutto suo, spezza regolarmente l'Ostia alle parole "lo spezzò". E questo non sulla tv di stato, ma su quella della CEI. Per non parlare di tutte le Messe nelle nostre parrocchie, in cui questo accade.

    RispondiElimina
  8. Tantum ergo Sacramentum veneremur cernui!!!

    RispondiElimina
  9. Siamo in Svizzera amici! A casa mia!
    Da notare che Berna fa parte della Diocesi di Basilea  quella di Monsignor Koch, fino a poco tempo fa....e fatti del genere non sono nuovi.
    Quel genere di scandalo, quel genere di intercelebrazione in nome dell`Ecumenismo, non succede solo a Berna, ma in molte parti della Svizzera tedesca, a Ginevra, mi sono fatta aggredire verbalmente da bravi cattolici all`uscita di una "Messa" concelebrata dal parroco e dal pastore protestante...ero contro l`ecumenismo e l`unità dei cristiani....durante un funerale, Comunione distribuita a tutti senza eccezione, perchè siamo tutti fratelli in Cristo e che Dio ama tutti.
    Da notare che lo scandalo di Berna si riprodurrà l`anno prossimo ma si svolgerà nel tempio protestante e sempre all`occsaione della Festa del "digiuno federale"( da qui la bandiera svizzera nella Chiesa).
    Chi ha permesso che tutto ciò avvenga? La Svizzera è un piccolo Paese, il Nunzio è perfettamente informato...informa Roma? E se Roma sa, e sa, perchè ha lasciato fare e lascia fare?
    Roma tace, tace ancora e sempre, forse ancora per paura di suscitare scismi? Ma non si rende conto che lo scisma  c`è già e nemmeno strisciante? Che quei pastori eretici non riconoscono più l`autorità del Successore di Pietro, del suo Magistero? Che navigano per conto loro?

    RispondiElimina
  10. Christus Spes Mea30 settembre 2010 09:27

    <span>...informa Roma? E se Roma sa, e sa, perchè ha lasciato fare e lascia fare? </span>

    Purtroppo, chi tace acconsente.

    RispondiElimina
  11. Un paio di anni fa, in agosto, assistevo alla messa prefestiva in una chiesa di Taormina. Al momento della comunione il celebrante comincia ad affannarsi..nel Tabernacolo non c'erano Ostie (o forse non c'erano a sufficienza) ed ovviamente si era ben guardato dal controllare in precedenza! Come viene risolta la questione? Semplice: l'ineffabile "presibitero" spedisce la beghina di turno a recuperare una pisside contenente le Ostie in un'altra chiesa!! E così la gentile signora, tronfia per l'incarico ricevuto, si avventura per le strade piene di turisti di Taormina e torna dopo una decina di minuti portando la Pisside. me ne sono andato disgustato...

    RispondiElimina
  12. Rafminimi13@libero.it30 settembre 2010 09:58

    In un paese vicino al mio (Campania), sono almeno 35 anni che il parroco (che va in giro in borghese, ma con la berretta a tre punte) "celebra" con un canone, approvato solo per la Svizzera francese, un canone che NON SEPARA LE DUE CONSACRAZIONI, cioè, con la stessa ed unica formula, detta una volta sola, si "consacrano" entrambe le speci, non si usa il campanello, ma lo xilofono e la maggior parte della celebrazione è occupata da una lunga predica filo-comunista.

    RispondiElimina
  13. ...è già tanto che non abbia fatto il furbetto aggiungendone di quelle ancora da consacrare.

    RispondiElimina
  14. <span>
    <p><span><span>Roma conosce, è ben informata su tutto ciò che accade. Le parrocchie in Svizzera sono “AMMINISTRATE” da consigli con membri “anche” protestanti, luterani o calvinisti che siano, questi impongono la programmazione delle attività e arrivano persino a dettare al parroco l’omelia domenicale. Se a ciò si aggiunge la formazione “protestante” del clero in materia della morale e della spiritualità, non risulterà sorprendente il prodotto ….</span></span>
    </p><p><span><span>A Roma, il Papa spiega, precisa, ma la Segreteria di Stato ORDINA la strategia del “politicamente corretto”, del lasciar correre, addirittura in campo ecumenico!</span></span>

    </p></span>

    RispondiElimina
  15. Beh dai.. ringraziando Iddio non si può dire che avvenga proprio in tutte le parrocchie.. Io non l'avevo mai vista fare questa cosa.

    RispondiElimina
  16. Una naturale conseguenza delle ventate ecumeniche, niente di strano.

    RispondiElimina
  17. Sicuramente riceveranno applausi scroscianti e benedizioni dal Vaticano, dove i vescovi si sfregano le mani per il compiuto misfatto. E godono.

    RispondiElimina
  18. Se la notizia fosse stata che il "parroco" era scappato per sposarsi con il sagrestano, mi scandalizzavo di meno!

    RispondiElimina
  19. guardate al lato positivo... se non altro aveva la stola sotto la casula...

    Che tristezza di video...

    RispondiElimina
  20. io non ne sarei così sicuro... queste sono polemiche fasulle e sterili

    RispondiElimina
  21. In una situazione analoga, don Bosco operò il miracolo della moltiplicazione delle ostie, per poi dire: "È un miracolo più grande che del pane diventi corpo di Nostro Signore, moltiplicare delle semplici ostie è molto più facile"...ma certo, ci vuole la Fede.

    RispondiElimina
  22. <span> "un canone, approvato solo per la Svizzera francese"</span>

    ???
    Mai visto! Ok, non ho fatto un lungo passaggio nelle messe inventive postconciliari, di creazioni ne ho viste parecchie, ma questo proprio non l`ho mai visto. Può darmi maggiori precisioni? Grazie!

    RispondiElimina
  23. embè? non è una croce?

    RispondiElimina
  24. Ah....... ho capito. Il prete ed il pastore sono una coppia gay :*

    RispondiElimina
  25. ma cosa vi aspettate dagli svizzeri??!! sono un branco di materialisti che pensano solo ai quattrini!

    RispondiElimina
  26. un amico, vai a farti benedire che ne hai bisogno!!

    RispondiElimina
  27. Nella mia purtroppo sì...

    RispondiElimina
  28. Quali sono polemiche fasulle e sterili? Tutto il discorso? O il commento sopra? In tal caso ti rimando a un mio commento di ieri, dove dicevo che durante la grande con-celebrazione di ieri dei vescovi riuniti per il gran-consiglio CEI (diretta su TV2000, sempre lei) si è cantato "Agnello di Dio che vieni a salvare il mondo...Agnello di Dio che vieni a portare il regno..."(o cose del genere, comunque non certamente quello che c'è scritto sul Messale), più canticini insulsi come è ormai approvato dal repertorio marchiato CEI. E con-celebravano praticamente tutti i vescovi italiani, in prima fila Bagnasco, Nosiglia, Scola, Poletto, Romeo, Tettamanzi. Quindi i vescovi sanno, e ormai su quello che ha detto "Un amico", a questo punto, non mi sento più di porre i miei dubbi.

    RispondiElimina
  29. un'altra indegna pochade sacrilega.

    RispondiElimina
  30. Mi viene riferito che anche nella parrocchia dove sono nato, il nuovo parroco spezza l'ostia durante le parole "lo spezzò", nonostante in rito ambrosiano esista un momento apposito con un'andifona chiamata appunto "confrattorio", che si colloca al posto dell'Agnus Dei. 

    RispondiElimina
  31. Ok, tutti ad indignarsi, e a ragione. Tuttavia vi ricordo qualche piccolo dato: pochissimo tempo fa, il noto mons. Nourrichard, non si è vergognato di posare mentre partecipava attivamente all'"ordinazione" di alcune pretesse anglicane, lo stesso Benedetto XVI è stato visto in mondovisione far comunella con finte pretesse e finti preti in quel d'Inghilterra, per non parlare di preghiere congiunte, benedizioni congiunte, vescovi cattolici che si fanno benedire da vescovesse luterane, processioni del Corpus Domini con vescovesse luterane che portano in processione la Bibbia accanto all'ostensorio (mi pare il tutto documentato anche da questo sito) e da ultimo, reitero la massiccia presenza di protestanti nella formulazione del nuovo messale paolino. 
    Alla luce di tutto questo, che c'è da agitarsi tanto? Qui non siamo di fronte ad un fatto increscioso, ma isolato, siamo di fronte ad un modus operandi oramai ampiamente diffuso e mai sanzionato, nel quale la Fede in Nostro Signore, la Fede cattolica, la Fede nell'unica Chiesa e nella SS. Eucaristia viene svenduta, immolata sull'altare dell'ecumenismo. Perfino le uccisioni dei vescovi vengono minimizzate per non minare il dialogo con i maomettani!

    RispondiElimina
  32. Lo scrissi tempo fa: Roma e i vescovi ci costringono a fuggire verso Econe. Lei, cara Luisa, che se non sbaglio abita in zona, fugga per rimanere cattolica.

    RispondiElimina
  33. Avete però notato che la chiesa è meza vuota? E che l'età dei fedeli è piuttosto elevata? Questo fa ben sperare che cose di questo tipo scompaiano dalla faccia della terra

    RispondiElimina
  34. Ciò che più sconvolge è che questi pazzi furiosi sono lasciati liberi di uccidere le anime. Sono veramente stanca di sentir predicare bene e razzolare male. Possibile che mesi fa Benedetto XVI parlasse di un certo BASTONE, ma non si è ancora visto volteggiare sulle crape vuote di tali ministri? Ma il buon Dio potrà ancora attendere a lungo?

    RispondiElimina
  35. Scandalizzato, soppeso la nostra situazione, guardo il Crocifisso e poi mi dico: eh, già, tanto a Roma solo i "lefebvriani" sono eretici e scismatici; solo noi tradizionalisti dobbiamo dichiarare la nostra adesione al magistero papale, vedi la querelle sul messaggio del vescovo di Ferrara ai fedeli che hanno ottenuto la messa di sempre... per gli altri tutto ciò non è richiesto. Ma verrà un giorno...! come disse fra Cristoforo.

    RispondiElimina
  36. Mettiamoci il cuore in pace: Benedetto XVI non userà mai il bastone, e paradossalmente il fatto che lo abbia detto tante volte lo dimostra. Personalmente credo che il Santo Padre sia sceso a compromessi con certi settori mondani e di curia che lo ricattano (chissà su che cosa, forse uno scisma?); mal per lui e per noi, perché la mancanza di forza muscolare riinvierà il risanamento di altri cinquant'anni. Dico questo con dolore, da estimatore del card. Ratzinger e della liberalizzazione della messa di sempre da parte sua.
    Altri prima di me hanno invocato il bastone, ma se non hanno ascoltato loro...

    RispondiElimina
  37. trattandosi di una parodia di messa...messa male direi. Spero sia invalida.

    RispondiElimina
  38. Come si chiamava quella mistica che scrisse "Roma perderà la fede"?

    RispondiElimina
  39. Rafminimi13@libero.it30 settembre 2010 11:29

    già "togli" è una traduzione sbagliata e infedele. La traduzione corretta è che "TI CARICHI" dei peccati del mondo

    RispondiElimina
  40. Rafminimi13@libero.it30 settembre 2010 11:32

    su un numero di 30 Giorni del 1991, se ne parlò a lungo. In particoalre, fu intervistato il cardinae Oddi, che, non solo ribadì che a suo avviso, tale canone era invalido ed inefficace, ma, altresì, si lamentò che lo si stava comincandoa d usare persino a Roma, anzi, gli risultava che qualche volta fosse stato usato persino in San Pietro.

    RispondiElimina
  41. In generale tutte le chiese sono mezze vuote; già, perché i tradizionalisti della FSSPX celebrano messa in affollatissimi garages; ma manca loro la patente di cattolicità.

    RispondiElimina
  42. Che non si tratti della V preghiera eucaristica, quella svizzera?

    RispondiElimina
  43. Redazione di Messainlatino.it30 settembre 2010 11:44

    Benedetto XVI non ha fatto "comunella" con finte pretesse e finti preti; si è trattato di gesti di cortesia, magari opinabili, ma che non equivalgono ad un'approvazione. O pensate che il Papa, in cuor suo, ritenga quelle ordinazioni valide?
    Inoltre, Roma non perderà mai la fede, nel senso che la Santa Sede non potrà mai insegnare l'errore; o la promessa del Cristo, "Non praevalebunt", forse non è più valida?

    RispondiElimina
  44. Redazione di Messainlatino.it30 settembre 2010 11:44

    <span>Benedetto XVI non ha fatto "comunella" con finte pretesse e finti preti; si è trattato di gesti di cortesia, magari opinabili, ma che non equivalgono ad un'approvazione. O pensate che il Papa, in cuor suo, ritenga quelle ordinazioni valide?  
    Inoltre, Roma non perderà mai la fede, nel senso che la Santa Sede non potrà mai insegnare l'errore; o la promessa del Cristo, "Non praevalebunt", forse non vale più?</span>

    Francesco

    RispondiElimina
  45. Non credo. Quel che è certo è che sono una coppia di eretici sacrileghi. Che è sicuramente peggio che essere dell'altra sponda.
    Questi non hanno profanato il proprio corpo: HANNO PROFANATO IL CORPO DI CRISTO!!!!!

    RispondiElimina
  46. L'hanno detto in tanti... Tra gli ultimi i veggenti di La Salette: Maximin Giraud e Melanie Calvat; "Roma perderà la fede e diventerà la sede dell'anticristo"... mi sa che forse -quasi- ci siamo.... i precursori si stanno dando un gran daffare....

    RispondiElimina
  47. Basta spezzarle in caso di bisogno con un ostia si pososno comunicae anche 4 o 5 perosne

    RispondiElimina
  48. Io cos'ha il Papa nel suo cuore non lo posso sapere, ma quello che hanno visto tutti è il Papa in processione col "decano" dell'abazia di Westminster pregare con quest'ultimo in una ex chiesa cattolica occupata da eretici dagli ordini invalidi. Fate un po' voi...soprattutto ora che siamo in una società dell'immagine, dove se non sei in televisione non sei nessuno, cosa pensate che trasmettano quelle immagini? Gesto di cortesia? Ma era proprio irrinunciabile l'incontro ecumenico e quello con gli infedeli? È così importante il "dialogo" nell'agenda della Chiesa e dello stesso Sommo Pontefice da non pensare al disorientamento che un atto simile può creare nei fedeli? Intanto una cattolica inglese che conoscevo (tra l'altro anche terziaria francescana) mi disse di andare anche alla "messa" anglicana perché "è uguale" (testuali parole). Quindi se scusate questi atteggiamenti per lo meno superficiali, non stupitevi poi che possano allegramente succedere fatti come quello in oggetto in questo articolo.

    Poi l'avviso della Madonna a La Salette mi sembra poco equivoco: Roma perderà la Fede e diventerà la sede dell'anticristo. Guardate un po' in che situazione siamo messi e ditemi un po' se non sono parole da iniziare a prendere in considerazione. La Santa Sede non potrà mai insegnare l'errore? E la libertà religiosa, l'ecumenismo, le tavole al posto degli altari, l'approvazione dei NC e quant'altro da chi sarebbero arrivati?

    RispondiElimina
  49. Christus Spes Mea30 settembre 2010 12:34

    Belle parole, peccato che poi, l'autore dell'enciclica in questione, ha iniziato a distribuirLe sulla mano come fossero biscottini...

    RispondiElimina
  50. Alla stragrande maggioranza dei vescovi della CEI della liturgia in genere importa un fico secco ... si vede che i presuli sono distratti da altre priorità!

    RispondiElimina
  51. Come mai né un Papa, né nessun vescovo ha mai presenziato in mitra e piviale o in abito corale alle ordinazioni di Ecône e visitato la tomba di Mons. Lefèbvre? Così, per cortesia, non certo per approvazione. Non è mai successo. Eppure Papi e vescovi non disdegnano di visitare per cortesia moschee, sinagoghe, templi delle più astruse religioni...evidentemente sanno benissimo che quei gesti, fatti o non fatti hanno una grande valenza sull'immagine di Chiesa e di Papato che si vuole trasmettere.

    RispondiElimina
  52. Un altro eretico!

    RispondiElimina
  53. Concordo! Tutto fa brodo per "star bene in compagnia". Eresie, abusi, chierichette, comunioni sulle mani, porte Pie, suore e frati danzanti, ostie in tasca, musica profana e teatri in Cattedrale...
    Il Papa precisa ed indica la buona strada in maniera financo commovente ma tutto il resto è allo sballo. (pardon allo sbando). Meglio accettare uno scisma salvando l'integrità della fede cattolica che assistere ad una deflagrazione in mille pezzi alla protestante.

    RispondiElimina
  54. In effetti basta anche un solo frammento per comunicarsi interamente con tutto Nostro Signore ( ma forse il sacerdote non lo sapeva oppure non ci ha pensato, e spero all'ultima ipotesi).

    RispondiElimina
  55. Ospite delle 13.12 chi sarebbe eretico. Chiarisci il tuo concetto perchè non si capisce a chi o che cosa ti riferisci. Vorrei aggiungere che quel prete svizzero ha compiuto ripetutamente sacrilegio  concelebrando .bevendo allo stesso calice e dando da distribuire la Comunione ad uin eretico, perdon fratello separato, che non crede alla presenza reale oltre che ad interpretare la celebrazione in modo molto lontano anche dalle scarse rubriche del NO. Non si capisce perchè questo individuo debba essere considerato DENTRO la chiesa  mentre i veri cattolici vengono lasciati fuori dalla porta a pietire. Le congregazioni della dottrina della fede e dei sacramenti, nonchè quella del clero hanno qualcosa di dire o tutto va ben madame la marquise?

    RispondiElimina
  56. Va in giro in borghese con la berretta? =-O Ma dove ha avuto l'ispirazione per un abbigliamento del genere?
    Nessuno ha mai fatto dell'ironia su questo? :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D

    RispondiElimina
  57. ke porcheriaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa..è un incesto intollerabile qst!!! eresia allo stato purooooooooo

    RispondiElimina
  58. Non c'è limite all'orrore!  :'( :'( :'( :'( :'( :'( :'(

    RispondiElimina
  59. e meno male!!!...almeno si trattava di particole presumibilmente consacrate. In altri casi il presidente le ha fatte prendere in sacrestia....

    RispondiElimina
  60. Mah... tante bastonate al prete infedele... e la gente che vi partecipa? Cosa dobbiamo pensare? I fedeli hanno perso la testa? Non ragionano più davanti al triste spettacolo al quale li tocca partecipare? Quale grado d'istruzione cattolica hanno? Tale e quale quello del prete? VERGOGNAAAAAAA!!!!!  >:o >:o >:o >:o >:o >:o >:o >:o >:o >:o

    RispondiElimina
  61. Faccio una proposta (giusto per non ripetere quanto e' gia' stato detto).
    Qualche tempo fa S.E. Mons. Bernard Fellay annuncio' l'inizio di una Crociata Spirituale del Santo Rosario, ispirato dalle vittorie di Lepanto e Vienna contro i turchi. La Consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria ha condotto alla caduta del muro e del comunismo.
    Perche' Messa in Latino non organizza una Crociata Spirituale del Santo Rosario con l'intenzione e' proprio quella di sostenere il S. Padre nella sua opera contro la distruzione della Fede? Magari proprio sullo stile di quella organizzata dalla Fraternita' S.Pio X.
    Credo che la preghiera sia davvero molto importante in questo momento per il bene della Chiesa e la tutela della Fede, farla in modo organizzato e comunicare al Santo Padre che siamo con Lui elevando preghiere incessanti, potrebbe anche darGli la forza di usare il bastone.

    RispondiElimina
  62. Roma a perdu la foi

    RispondiElimina
  63. Ha baciato per cortesia un Corano, ha abbracciato per cortesia un Dalai Lama, ha pregato per cortesia alla Moschea Blu ad Istanbul.

    RispondiElimina
  64. Che tipo trash...

    RispondiElimina
  65. purtroppo è vero: l'intercomunione è una pratica piuttosto diffusa in certe realtà ecclesiali.

    RispondiElimina
  66. Nobis quoque peccatoribus30 settembre 2010 15:25

    E' da molto che contepliamo il pozzo dell'abisso, aperto e senza poterne vedere il fondo e nell'indifferenza generale.

    La Messa non può essere usata per dividere
    La S. Messa e' stata sempre <span>una</span>, ma "qualcuno" se ne e' voluto  privare sua sponte.

    Domenica scorso ho assistito alla S. Messa in una chiesa moderna. Il parroco ha 'investito' una ministra straordinaria dell'Eucaristia, comprensibilmente emozionata. Ha chiesto all'assemblea di alzar la mano in gesto benedicente e alla fine un grande applauso.
    Ma poi tutti in ginocchio dal Sanctus a padre nostro.
    Sulla parete di fondo una croce con Creisto risorto (e vestito) anziche' morto crocifisso (e seminudo).

    Chi vo capi' capisca...


    FdS

    RispondiElimina
  67. muhahahahahah :-D :-D :-D
    beh, effettivamente.. almeno se ne sarebbe andato una volta per sempre, e sarebbero fatti suoi.. verrebbe sostituito da un altro parroco..
    Questo invece, suona la grancassa persino in tivvù..

    RispondiElimina
  68. <span>muhahahahahah :-D :-D :-D  
    beh, effettivamente.. almeno se ne sarebbe andato una volta per sempre, e sarebbero fatti suoi.. verrebbe sostituito da un altro parroco..  
    Questo invece, profana l'Eucarestia e suona la grancassa persino in tivvù..</span>

    RispondiElimina
  69. era un'altra era... glaciale.

    RispondiElimina
  70. nel rito ambrosiano l'ostia non si spezza all'Agnus Dei, ma prima del Padre Nostro, è lì l'antifona viene recitata o cantata.

    RispondiElimina
  71. Veramente la visita di un papa alla Moschea Blu è del 2006!

    RispondiElimina
  72. Quando si perde il senso della sacralità, l'anima assetata cerca di sostituirlo con droghe e simulacri come questi.

    RispondiElimina
  73. I fedeli sono schiavi dello "spirito del Concilio" che li ha messi sul pulpito e sull'ambone al posto del prete, donando loro un'inedita e inusitata cassa di risonanza. Non torneranno mai indietro, sarebbe meglio aspettare la loro estinzione per motivi anagrafici. Poi toccherà a noi dissodare da capo il terreno dell'Europa. Gerarchie permettendo.

    RispondiElimina
  74. Rafminimi13@libero.it30 settembre 2010 15:58

    Anche Giovanni Paolo II ha benedetto i fedeli presenti, insieme al primate anglicano pro tempore. pERTANTO, ALLA luce dell'Apotolicae Curae (atto INFALLIBILE), colui che stava al suo fianco è un laico.

    RispondiElimina
  75. Rafminimi13@libero.it30 settembre 2010 16:03

     Nella versione orginale, dell'esorcismo di Leone XIII, c'è la frase, censurata nelle edizioni successive alla morte di San Pio X : "UBI SEDES BEATISSIMI PETRI, AD LUCEM GENTIAM CONSTITUTA ESSE, IBI TRONUM POSUERUNT ABOMINATIONES IMPETATIS SUAE, UT PERCUSSO PASTORE ET GREGEM DISPERDE VALEANT" Perdonate il pessimo 

    RispondiElimina
  76. Redazione di Messainlatino.it30 settembre 2010 16:04

    Giovanni Paolo II bacia il Corano? Benedetto XVI prega in una moschea? Vuol forse dire che, in cuor loro, questi due papi non credono più che Gesù sia il Figlio di Dio, morto e risorto per i nostri peccati, e che la Rivelazione si concluda in realtà con Maometto, ultimo e più grande dei profeti?
    Benedetto XVI abbraccia il Dalai Lama? Vuol dire che crede nella reincarnazione, e considera il raggiungimento del nirvana l'unica via di salvezza?
    Ovviamente no.
    Certo che si può discutere dell'opportunità di simili gesti, specialmente nella nostra società dell'immagine. Io stesso, credetemi, non ne sono entusiasta. Ma ciò che ritengo inaccettabile è che, a partire da essi, s'insinui che Benedetto XVI non esprima una genuina fede cattolica. E così, magari, altri papi prima di lui. Siamo ad un passo dal sedevacantismo. Un rischio che non si può correre.
    Alle domande del Milanese: "Ma era proprio irrinunciabile l'incontro ecumenico e quello con gli infedeli? È così importante il "dialogo" nell'agenda della Chiesa e dello stesso Sommo Pontefice da non pensare al disorientamento che un atto simile può creare nei fedeli?" il papa evidentemente risponde di sì; al giorno d'oggi è un'esigenza irrinunciabile. È davvero così? Incontrando gli Anglicani, egli ha inteso contribuire ad un riavvicinamento dei medesimi alla Chiesa cattolica: è la strategia giusta? Non è Magistero infallibile, se ne può parlare. Ma che il Papa consideri la cattolica come l'unica vera Chiesa fondata da Cristo come strumento di salvezza per tutti gli uomini, mi sembra fuori discussione.
    "Simone, Simone, ecco: Satana vi ha cercati per vagliarvi come il grano; ma io ho pregato per te, perché la tua fede non venga meno. E tu, una volta convertito, conferma i tuoi fratelli".
    Allora, o si crede che Gesù parlasse solo per Pietro e non anche per i suoi successori, o si crede che la sua preghiera sia risultata inefficace, o si crede che non abbia mai veramente detto queste cose. In tutti e tre i casi, non si è cattolici.

    Francesco

    RispondiElimina
  77. Ho una sola consolazione: quella ignobile parodia di messa e' invalida, e quel immondo figurante vestito da prete ha perso 'ipso facto' qualsiasi dignita' sacerdotale. Penso che una ipotetica 'messa' celebrata per finta da Giuda Iscariota, Nerone ed Hitler, sarebbe stata altrettanto valida di quella satanica profanazione.

    RispondiElimina
  78. Redazione di Messainlatino.it30 settembre 2010 16:06

    Non tutti in Vaticano benediranno ed applaudiranno. Certo non Benedetto XVI, né mons. Marini né altri prelati. Resta da vedere se vi saranno interventi, e quali.

    Francesco

    RispondiElimina
  79. Più che "infedele", oserei osservare che si tratti di una traduzione "illetterata", dedotta probabilmente dal fatto che il verbo "aufero", essendo difettivo come molti dei composti di "fero", nei tempi mancanti - come in quello relativo alla formula in considerazione - usa del verbo principale, il cui significato principale è, per l'appunto, quello di "togliere".

    A me queste cose le hanno insegnate in terza media, ma, evidentemente, la preparazione culturale del clero conciliare si è ridotta a decadere, addirittura ben al di sotto di questo limite minimale ...

    RispondiElimina
  80. Adesso capisco perchè sul blog di Tornielli un blogger angelico mi chiedeva con insistenza se apprezzavo le Messe trasmesse la domenica in TV, come prova della mia cattolicità!

    RispondiElimina
  81. Per favore non postate a tradimento 'sta roba! Ma cos'è il balletto delle tre colìtiche su musica della sorella di Cocciante? Roba da matti. Avvisate prima!

    RispondiElimina
  82. Sono una grande ignorante che cerca di recuperare il ritardo, ma quel poco tempo che ho assistito a Messe NOM, e per quel che io sappia, mi ha "insegnato" che di preghiere eucaristiche ce ne sono 4....ma la sua era ironia nevvero?

    RispondiElimina
  83. Beh...allora non resta loro che una sola soluzione: intervenire e sanzionare!

    RispondiElimina
  84. i fedeli, cara Miserere, non ricevono più insegnamenti chiari ed INEQUIVOCABILI, da più di 40 anni !
        ed è ovvio e fisiologico che siano immersi nella più totale confusione: gli errori, di qualsiasi gravità, NON VENGONO MAI CORRETTI, nè MAI I TRASGRESSORI VENGONO DIFFIDATI dal ripeterli: e allora, come possono pensare che stanno sbagliando ?
    E lei non ha mai sentito dire:   verba volant,  exempla trahunt ?
    come si fa a dare la colpa a quegli sventurati, che hanno bevuto a FONTANE INQUINATE ?
    QUALI PASTORI ce li hanno portati, ingannandoli e facendo credere loro che l'acqua da bere era quella sana di sempre  ?
    chi darà mai loro la pietra di paragone tra GIUSTO E INGIUSTO, SE DA 45 ANNI la Chiesa docente ha smesso di insegnare e fromare al retto discernimento tra GIUSTO E INGIUSTO, in nome dell'inclusività = va bene tutto e il suo contrario, perchè "Dio ci accetta tutti come siamo" e "nella Chiesa c'è posto per tutti (= tuttii diversamente cattolici, PURCHE' non amino troppo la Tradizione e non pretendanio restaurarla, insieme con la Messa di S. Pio V) ?

    RispondiElimina
  85. Scusa Francesco, tu continui a dire "vuoi dire che in cuor suo...", ma ti ripeto, non siamo qui ad esaminare i cuori, perché quello lo può solo Nostro Signore. Tu dici "ovviamente no" e sostieni che non si può insinuare che Benedetto XVI non esprime una genuina fede cattolica. Però anche tu stai cercando di leggere nel suo cuore, perché dici "nonostante abbia fatto x, y, z, OVVIAMENTE esprime la genuina fede cattolica". Per restare su quello di cui si parla nell'articolo, anche il Card. Joseph "Ermeneutica-della-continuità" Ratzinger diede pacificamente la comunione (tra l'altro in mano) al guru di Taizé durante il funerale di Giovanni Paolo II...anche quello l'avrà fatto per cortesia? 
    Mi spiace, ma non si può gridare all'eresia quando una cosa la fa don X e poi sorvolare quando la stessa cosa la fa il Papa perché è il Papa, ci vorrebbe un attimo di serietà intellettuale. Con questo non voglio assolutamente essere "ad un passo dal sedevacantismo" (per quello che mi riguarda i sede non sono nemmeno cattolici), ma non voglio nemmeno considerare santo ed intoccabile qualunque cosa che fa il Papa, come se l'azione del Papa fosse "cattolicizzante" di per sé. Purtroppo l'infallibilità papale non funziona così. 
    Per quanto riguarda la tua citazione evangelica, è vero che Gesù ha detto quello che ha detto a Pietro e anche ai suoi successori, ma è anche vero che non è che perché una persona è Papa, allora è privato del libero arbitrio. Gesù non OBBLIGA il Papa a confermare nella fede i suoi fratelli, così come non ha obbligato Pietro a non rinnegarlo e non ha obbligato Giuda a non tradirlo....come non ha obbligato Adamo ed Eva a non commettere il peccato originale. Dio lascia sempre tutti liberi, mostra una strada, la strada per la salvezza, ma non obbliga nessuno a percorrerla, nemmeno un Papa. Quindi è del tutto possibile che un Papa non esprima in toto la dottrina cattolica, mi spiace, ma è così. E questo non lo dico allegramente, perché tanto so che c'è la Fraternità, lo dico col pianto nel cuore, perché sono il primo a volere che il Papa confermasse nella Fede i suoi fratelli (in questo caso le sue pecorelle). 

    RispondiElimina
  86. <span>i fedeli, cara Miserere, non ricevono più insegnamenti chiari ed INEQUIVOCABILI, da più di 40 anni !  
        ed è ovvio e fisiologico che siano immersi nella più totale confusione: gli errori, di qualsiasi gravità, NON VENGONO MAI CORRETTI, nè MAI I TRASGRESSORI VENGONO DIFFIDATI dal ripeterli: e allora, come possono pensare che stanno sbagliando ?  
    E lei non ha mai sentito dire:   verba volant,  exempla trahunt ?  e che l'esempio (sia buono che cattivo) viene sempre dall'alto e da lì fa la massima presa ?
    come si fa a dare la colpa a quegli sventurati, che hanno bevuto a FONTANE INQUINATE ?  
    e QUALI PASTORI ce li hanno portati, ingannandoli e facendo credere loro che l'acqua da bere era quella sana di sempre  ?  
    chi darà mai loro la pietra di paragone per misurare ciò che è giusto e/o ortodosso, SE DA 45 ANNI la Chiesa docente ha smesso di insegnare e formare al retto discernimento tra GIUSTO E INGIUSTO, in nome dell'inclusività = va bene tutto e il suo contrario, perchè "Dio ci accetta tutti come siamo" "cerchiamo sempre ciò che ci unisce <span>(=anche con tutti gli erranti di qualunque orientamento)"</span> e "nella Chiesa c'è posto per tutti (= tutti i diversamente cattolici, PURCHE' non amino troppo la Tradizione e non pretendano restaurarla, insieme con la Messa di S. Pio V) ?</span>

    RispondiElimina
  87. No so camminante che cosa significhi "dissodare", ma di sicuro per l`Europa sembra che ci siano progetti di riveangeliizzaione...affidati a chi? Preferisco =-X

    RispondiElimina
  88. <span>No so camminante che cosa significhi "dissodare", ma per l`Europa sembra che ci siano progetti di rievangelizzazione....affidati a chi? Preferisco =-X </span>

    RispondiElimina
  89. <span></span><span><span>Non so camminante che cosa significhi "dissodare", ma per l`Europa sembra che ci siano progetti di rievangelizzazione....affidati a chi? Preferisco =-X </span></span>

    RispondiElimina
  90. <span>.....conferma i tuoi fratelli".  </span>
     è precisamente un comando divino, sempre valido per tutta la storia, fino alla fine dei secoli.

    RispondiElimina
  91. Quando vedo scempi come quello di Berna, mi viene spontaneo il pensiero che Monsignor Lefebvre è stato profetico, ha intuito dove sarebbe andata la Chiesa, il sacerdozio,  e NON si è sbagliato.
    Se lo stato di necessità esiteva nel 1988, che cosa direbbe e farebbe oggi?
    Non c`è forse uno stato di necessità oggi?

    RispondiElimina
  92. <span>

    e perchè in questi oltraggi ripetuti in varie forme, in episodi di varia e crescente gravità, non si comincia ad invocare la famosa<span> </span>tolleranza zero  ?   e non si  applica adeguata e intransigente vigilanza ?
    evidente: il<span> </span><span>vietato vietare deve continuare  !</span>  
    </span>

    RispondiElimina
  93. Mons. Lefèbvre è stato un grande profeta dei suoi tempi (che non sono tanto lontani dai nostri): ha visto il problema, l'ha studiato, ne ha individuate le cause, ha studiato una soluzione e l'ha perseguita contro tutto e tutti sapendo di essere nel giusto e di star lavorando per la Chiesa e per Nostro Signore, per portare le anime a Lui, che è tutt'ora il lavoro che sta facendo la Fraternità. Quando saranno passati questi tempi bui di apostasia, a Mons. Lefèbvre verrà riconosciuto il posto che gli compete.

    RispondiElimina
  94. <span>
    <p><span></span>
    </p><p><span>ecco che dà bella dimostrazione della sua avanzata -INDISTURBATA-  l' allegra Chiesa dell'ET-ET, con la sua amorevole <span>condivisione del Pane eucaristico</span>, secondo inclusività ecumenista conciliare: aggiungi un posto alla mensa, perchè il Signore è contento di vedere uniti tutti con tutti, senza differenze nè barriere, nè balaustre....and so on....in una mega-comunione  ecu-sincretista, ed ecco la prova pratica che la Chiesa di Cristo subsistit in.....ecc.</span>
    </p><p><img></img>

    </p></span>

    RispondiElimina
  95. <span><span>ecco che dà bella dimostrazione della sua avanzata -INDISTURBATA-  l' allegra Chiesa dell'ET-ET, con la sua amorevole <span>condivisione del Pane eucaristico</span>, secondo inclusività ecumenista conciliare: aggiungi un posto alla mensa, perchè il Signore è contento di vedere uniti tutti con tutti, senza differenze nè barriere, nè balaustre....and so on....in una mega-comunione  ecu-sincretista, ed ecco la prova pratica che la Chiesa di Cristo subsistit in.....ecc.</span>  </span>
    :(

    RispondiElimina
  96. <span><span><span>ecco che dà bella dimostrazione della sua avanzata -INDISTURBATA-  l' allegra Chiesa dell'ET-ET, con la sua amorevole <span>condivisione del Pane eucaristico</span>, secondo inclusività ecumenista conciliare: aggiungi un posto alla mensa, perchè il Signore è contento di vedere uniti tutti con tutti, senza differenze nè barriere, nè balaustre....and so on....in una</span> mega-comunione  ecu-sincretista : <span>ed ecco la prova pratica che la Chiesa di Cristo subsistit in.....ecc.</span>  </span>  
    :( </span>

    RispondiElimina
  97. <span><span>.....conferma i tuoi fratelli".  </span>  
     è precisamente un comando divino, sempre valido per tutta la storia, fino alla fine dei secoli, al quale i successori di Pietro devono conformarsi con fedeltà costante, in parole e fatti.</span>

    RispondiElimina
  98. <span><span>.....conferma i tuoi fratelli".  </span>  
     è precisamente un comando divino, sempre valido per tutta la storia, fino alla fine dei secoli, al quale i successori di Pietro devono conformarsi con fedeltà costante, in parole e fatti.</span>

    RispondiElimina
  99. caro Moscardò, non possiamo pretendere preavvisi ! si ricorda ?
                     ESTOTE PARATI  !
    ormai dobbiamo essere pronti a tutto, in ogni momento;  il crollo procede senza sosta, mentre qua e là si cerca di apporre piccoli puntelli......
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  100. Rafminimi13@libero.it30 settembre 2010 17:18

    per amor del vero, al funerale di mons.Lefebvre, tutti i preti presenti, compreso il vescovo locale, il nunzio ed il segretario del cardinale Thiondum, hanno benedetto la salma con l'aspersorio.

    RispondiElimina
  101. Rafminimi13@libero.it30 settembre 2010 17:19

    Qui, non so se, quella benedizione CONGUINTA DA San Pietro, a cosa sia dovuta e, soprattutto, quaLE effetto abbia avuto sugli spiriti deboli.

    RispondiElimina
  102. <span>  <span>a Mons. Lefèbvre  verrà riconosciuto <span>  il posto che gli compete.</span></span></span>
    solo SE  e quando la Chiesa avrà ritrovato la ragione, insieme con la Fede: SE ritornerà a distinguere il Vero dal falso; ma la strada da imboccare, che prevede un necessario epocale MEA CULPA per le deviazioni inaudite in 19 secoli precedenti,   per tornare a quella Fede di sempre, (ora palese Via Crucis) è ancora lunghissima e sempre più aspra, il Calvario è tutto ancora da percorrere (confermato dal Papa stesso a Fatima: "Si illuderebbe chi pensasse che il 3. segreto di Fatima è concluso". Ed eccolo, davanti a noi, con noi coinvolti, tutta la Chiesa, come Corpo Mistico che vive la sua Passione, esso è in pieno concreto avveramento).

    RispondiElimina
  103. <span><span> <span>a Mons. Lefèbvre  verrà riconosciuto <span>  il posto che gli compete.</span></span></span>  
    solo SE  e quando la Chiesa avrà ritrovato la ragione, insieme con la Fede: SE ritornerà a distinguere il Vero dal falso; ma la strada da imboccare, che prevede un necessario epocale MEA CULPA per le deviazioni inaudite in 19 secoli precedenti,   per tornare a quella Fede di sempre, quella strada che ora è <span>palese Via Crucis, </span>è ancora lunghissima e sempre più aspra, il Calvario è tutto ancora da percorrere (confermato dal Papa stesso a Fatima: "Si illuderebbe chi pensasse che il 3. segreto di Fatima è concluso". Ed eccolo, davanti a noi, con noi coinvolti, tutta la Chiesa, come Corpo Mistico che vive la sua Passione, esso è in pieno concreto avveramento).</span>

    RispondiElimina
  104. Rafminimi13@libero.it30 settembre 2010 17:24

    <span><img></img><span>Rafminimi13@libero.it</span> 
    <span> Nella versione orginale, dell'esorcismo di Leone XIII, c'è la frase, censurata nelle edizioni successive alla morte di San Pio X : "UBI SEDES BEATISSIMI PETRI, AD LUCEM GENTIAM CONSTITUTA ESSE, IBI TRONUM POSUERUNT ABOMINATIONES IMPETATIS SUAE, UT PERCUSSO PASTORE ET GREGEM DISPERDE VALEANT" Perdonate il pessimo</span>Mentre stavo scrivendo ciò, la tastera è andata in tilt, il modem si sconnesso e tanti piccoli grattacapi informatici, in sè e per sè non strani, "stranamente" sono successi tutti assieme. Comunque, se avessi potuto completare l'anacoluto ("SANCTE MICHAEL ARCANGEL, DEFENDITE NOS IN PROELIO..")avrei scritto perdonate il pessimo latino, ma penso che NON ci sia bisogno di tradurre!</span>

    RispondiElimina
  105. @Luisa: dissodare significa preparare un campo per la semina, cioè scompattarlo, romperlo per poter arare. 
    Concordo con Camminante e fatti e parole: è vero che ci vuole stomaco a partecipare ad un'assise del genere, ma probabilmente quei fedeli sono stati "educati" da qualcuno come il mio ex parroco. Una volta (ero ancora modernista) lo interrogai sull'opportunità di comunicarsi più volte nella giornata se si partecipava a più messe. La risposta fu: "si è mai visto essere invitati a cena da qualcuno e non mangiare?"...e lui era un prete "normale", non tradizionalista, ma non avvezzo a stramberie/sincretismi/profanazioni. Evidentemente gli ordini di scuderia sono quelli. 

    RispondiElimina
  106. Christus Spes Mea30 settembre 2010 17:31

    Beh, in Francia pare ce ne siano 15 e quando Mons. Lefebvre lo fece notare a Paolo VI, nel 1977, lui rispose: Lo sò Eccellenza Lo sò!
    Il premio fu, quello, di far calare il gelo dopo l'incontro e la ricezione di una lettera un mese dopo in cui Paolo VI chiedeva, ovviamente, a Mons. Lefebvre di sbaraccare il seminario.
    Il resto è cosa nota.

    RispondiElimina
  107. Dalle mie parti si dice "aspetta e spera".

    Non per parlar male, Francesco, ma che interventi ti aspetti? Se il papa prenderà provvedimenti (e dico se) comunque gli diranno che "non ne ha il potere", perché spetta alla CEI...E la CEI era tutta lì bella e schierata, come dice un amico sfregandosi le mani e godendo.

    RispondiElimina
  108. Se noi diciamo tutti nella Messa "riformata",  prima della Comunione:
    <span><span>"Signore, non son degno di partecipare alla tua mensa ecc."  
    .... allora,  chi mi impedisce di pensare che mi accosto ad un  lieto ed amichevole e ACCOGLIENTE <span>convito</span> con i fratelli e con il Signore, amico e fratello MOLTO ospitale tra tanti amici, che vuole tutti uniti per amore suo  ?  che male c'è ad accogliere altri convitati  ?
    </span></span>
    e chi impedisce di coltivare lo stesso pensiero a quei fedeli "meno" cattolici di noi, che sono qui riuniti in amorevole convivio  ?
    Chi si sente di scoraggiare questa BELLA E PACIFICA manifestazione di UNITA' ? perchè dobbiamo cercare "il pelo nell'uovo"  ?  non siamo forse tutti largamente e comprensivamente <span>cristiani, sia cattolici che protestanti </span>? perchè continuare con i vecchi  muri di divisione, quando tutta l'umanità si dirige speranzosa verso
    UNA RADIOSA NUOVA ERA DI UNIONE E DI PACE E DI FRATELLANZA,  QUELLA CIVILTA' DELL'AMORE UNIVERSALE che fu propugnata proprio all'apertura del Mega-Concilio (quo maius cogitari non potest), anno 1962 (rileggere per verifica....)  ? 
    :(
    <span><span>Siamo qui (nel filmato) presenti  tutti <span>come cristiani</span>, rappresentati in una bella cerimonia UNITIVA, che deve oltrepassare le distinzioni (lat. trans-gredi....): cerchiamo dunque ciò che ci unisce, tralasciamo ciò che ci divide: e se a dividerci è la Fede nella presenza Reale, che importa ?  passiamo sopra anche a quella ! il Signore sa che lo facciamo per amore dell'unità, e capirà ed ACCETTERA', non vi pare ?
    </span></span>
    <span><span>Bisogna<span> cercare il bene comune, NON LA VERITA' CHE DIVIDE !  </span>
              dunque, è naturale che da 45 anni nessuno vieta nulla e nessuno sanziona le tras-gressioni e gli oltraggi di questo tipo, e simili !<span> </span> 
    ....e nessuno pensa di dover riparare qualcosa di rotto o ferito  !   (se non pochi veri adoratori, nella preghiera umile, costante e nascosta, nella vera Fede di sempre....)  : anzi, ci viene insegnato che </span></span>
    "la Messa non può essere usata per dividere" ! !
    bene,, questo che vediamo è un esempio di Messa davvero.....unitiva !
    in nome di che cosa?...... :'(

    RispondiElimina
  109. È forse quello che sta facendo un certo cammino che scompatta, rompe, ara e semina "altro", un altro che di cattolico ha ben poco?

    RispondiElimina
  110. <span><span><span></span>.... e poi, se la Messa NON E' ALTRO CHE una "cena", che cosa pretendiamo ? infatti dice colui che spiega il rito unitivo: "</span></span>il vero scandalo è la separazione, non la "ospitalità eucaristica".
    <span><span> da quale pulpito sentiremo allora più definire e condannare quello che sarebbe (?) da considerare (...fino al 1962 era ritenuto) un SACRILEGIO ?  </span></span>
    QUALE AUTORITA' DOCENTE vorrà intervenire per chiarire, a vantaggio DI TUTTI I FEDELI discenti di ogni età e livello intellettuale e culturale, le idee confuse da decenni, che diventeranno ormai sempre più caotiche, all'insegna del TUTTO E' PERMESSO, PERCHE' NULLA E' VIETATO ESPRESSAMENTE  ?
    (....si attendono risposte, da 45 anni....due generazioni e oltre.....)

    RispondiElimina
  111. Mi fanno proprio pena, loro ed i caproni* dei loro fedeli che ci stanno.








    * non le "docili pecore" che ascoltano la voce del Signore, ma il capro che ascolta quella del demonio.

    RispondiElimina
  112. Christus Spes Mea30 settembre 2010 18:19

    Il nome di questo cammino ce l'ho sulla punta della lingua... 8-)

    RispondiElimina
  113. Ah dimenticavo: per quel che resta dello pseudo prete cattolico riduzione allo stato laicale, così il pane se lo guadagna col sudore della fronte, e scomunica.


    Sogni di inizio autunno:  domenica prossima il Romano Pontefice che prolude all'angelus: "Reverendo "X" lei è da subito ridotto allo stato laicale, ah! Ed anche scomunicato, faccia pure le valige ed arrivederci; buona domenica."

    RispondiElimina
  114. Vi supplico per amore alla santissima Eucarestia riproducete questo video su molti dischetti e inviateli alle competenti autorità vaticane. Non si può permettere che la santissima eucarestia venga profanata e si continui a predicare ai fedeli un messaggio colmo di sincretismo. Sono a dir poco frastornato.

    RispondiElimina
  115. Bravo don Tolusso...la ghettizzazione di altri cristiani e' uno scandalo...
    I farisei che si preoccupano piu' di adempiere a complicati riti piuttosto che di mettere in pratica gli insegnamenti di Gesu' ci saranno sempre.....e non trovano di meglio da fare che puntare il dito(dimenticando le 3 dita che rimangono puntate verso di loro)
    Gesu' e' stato il primo a infrangere i precetti religiosi del tempo,guarendo un uomo di sabato.E non e' un caso che come esempio di servizio da dare ai suoi discepoli non presenta un levita o un sacerdote...ma il buon samaritano,cioe' un eretico.
    Benedizioni

    RispondiElimina
  116. non si finisce mai d'imparare, sob:(..
    Sarà che mi ostino a vedere tutto ciò che di buono questo Papa sta facendo.. e se penso alla chiesa che gli sta sotto, è veramente il topolino che cerca di spostare la montagna.
    Con l'aiuto di Dio, ce la farà.

    RispondiElimina
  117. Per fortuna c'è su una croce.

    RispondiElimina
  118. don camillo.. DOBBIAMO LAPIDARLI.
    ops, siamo cattolici.. e non siamo senza peccato.
    Gli è andata bene..

    RispondiElimina
  119. Che vaccata! Perché non dovrebbe abbracciare il Dalai Lama?

    RispondiElimina
  120. Filmati come quello su youtube ce ne sono molti, troppi, vescovi che fanno la hola, fraticelli danzanti, gesuita indiano danzante, suore danzanti, vestali danzanti....pagliacci (veri) attorno all`altare, messe country, messe palloncini, messe con comunione servita al posto, messe self service, messe?
    Leggo nella Sacrosanctum Concilium:

    La liturgia nel mistero della Chiesa
    2. La liturgia infatti, mediante la quale, specialmente nel divino sacrificio dell'eucaristia, «si attua l'opera della nostra redenzione» [1], contribuisce in sommo grado a che i fedeli esprimano nella loro vita e manifestino agli altri il mistero di Cristo e la genuina natura della vera Chiesa.


    Ah bon! è questa la genuina natura della vera Chiesa?
    Leggo ancora:
    10. Nondimeno la liturgia è il culmine verso cui tende l'azione della Chiesa e, al tempo stesso, la fonte da cui promana tutta la sua energia.
    Dalla liturgia, dunque, e particolarmente dall'eucaristia, deriva in noi, come da sorgente, la grazia, e si ottiene con la massima efficacia quella santificazione degli uomini nel Cristo e quella glorificazione di Dio, alla quale tendono, come a loro fine, tutte le altre attività della Chiesa.
    A tale piena e attiva partecipazione di tutto il popolo va dedicata una specialissima cura nel quadro della riforma e della promozione della liturgia. Essa infatti è la prima e indispensabile fonte dalla quale i fedeli possono attingere il genuino spirito cristiano, e perciò i pastori d'anime in tutta la loro attività pastorale devono sforzarsi di ottenerla attraverso un'adeguata formazione. Ma poiché non si può sperare di ottenere questo risultato, se gli stessi pastori d'anime non saranno impregnati, loro per primi, dello spirito e della forza della liturgia e se non ne diventeranno maestri, è assolutamente necessario dare il primo posto alla formazione liturgica del clero. Pertanto il sacro Concilio ha stabilito quanto segue.

    ....
    Formazione liturgica del clero??

    E poi ancora:
    L'ordinamento liturgico compete alla gerarchia
    22.
        1.    Regolare la sacra liturgia compete unicamente all'autorità della Chiesa, la quale risiede nella Sede apostolica e, a norma del diritto, nel vescovo.
        2.    In base ai poteri concessi dal diritto, regolare la liturgia spetta, entro limiti determinati, anche alle competenti assemblee episcopali territoriali di vario genere legittimamente costituite.
        3.    Di conseguenza assolutamente nessun altro, anche se sacerdote, osi, di sua iniziativa, aggiungere, togliere o mutare alcunché in materia liturgica.

     23.  Infine non si introducano innovazioni se non quando lo richieda una vera e accertata utilità della Chiesa, e con l'avvertenza che le nuove forme scaturiscano organicamente, in qualche maniera, da quelle già esistenti.


    Questa la lettera, questo il documento, rispettato?
    O anche in questo documento conciliare sono già visibili le breccie nelle quali si sono infilati i vari novatores per farle diventare delle porte aperte su ogni innovazione?
    Concilio, spirito del Concilio, Liturgia, spirito della Liturgia, continuità? O discontinuità?

    RispondiElimina
  121. =-O....=-O....=-O   ???????????????????

    RispondiElimina
  122. "complicati riti"  =   quali  ?????????????????

    RispondiElimina
  123. "Quanto di nuovo appare nel Novus Ordo Missae e,
    per contro, quanto di perenne vi trova soltanto un
    posto minore o diverso, se pure ancor ve lo trova, potrebbe
    dar forza di certezza al dubbio, già serpeggiante
    purtroppo in numerosi ambienti, che verità
    sempre credute dal popolo cristiano possano mutarsi
    o tacersi senza infedeltà al sacro deposito dottrinale
    cui la fede cattolica è vincolata in eterno.
    Le recenti riforme hanno dimostrato a sufficienza che
    nuovi mutamenti nella liturgia non porterebbero se non
    al totale disorientamento dei fedeli che già danno segni
    di insofferenza e di inequivocabile diminuzione di
    Fede. Nella parte migliore del Clero ciò si concreta in
    una torturante crisi di coscienza di cui abbiamo innumerevoli
    e quotidiane testimonianze.
    "
    link cit.

    RispondiElimina
  124. esatto!! concordo con la Redazione!
    ho seguito la diretta e il Papa non ha fatto alcuna comunella....la pretessa era in riga con gli altri, il Papa si è limitato semplicemente a rispondere al saluto e per altro egli era OSPITE e la pretessa semmai era a casa sua!

    RispondiElimina
  125. Rafminimi13@libero.it30 settembre 2010 21:16

    <span>Lo sò Eccellenza Lo sò!  </span>
    Anzi, aggiunse che Mons. si sbagliava per difetto: erano molti di più. Anzi, non so in quale paese, ma, neglia nni '70 (e spero non più dopo, ma temo che se è cambiato qualcosa, lo è stato in peggio9, in seminario erano insegnati degli schemi base, per comporre nuovi canoni "personalizzati".

    RispondiElimina
  126. per quanti anni continueremo a sognare ?.... mentre nella realtà la Chiesa segue il suo nuovo corso "ecumenico-sincretista" ? 
    esiste ancora la scomunica, a parte quella che ha colpito i difensori a oltranza della Tradizione  ?

    RispondiElimina
  127. lui realmente ha tentato un coraggioso inizio di inversione di rotta: ma le resistenze sono gigantesche, proprio di una montagna di fronte ad un piccolo operaio;  e in noi oggi resiste solo la speranza che il suo successore dia seguito a quella manovra appena iniziata. L'impresa è sovrumana e, come diceva mons. Fellay, il suo compimento, come tutto ciò che a noi è impossibile, starà solo nelle mani di Dio (pressochè interamente, a me pare).

    RispondiElimina
  128. antonio peschechera da Barletta30 settembre 2010 21:35

    Nella cattedrale di Barletta, l'altro sabato, alla celebrazione di un matrimonio, il sacerdote ha chiamato gli sposi sull'altare a "fare l'offertorio" facendo elevare calice e ostia rispettivamente a lui e a lei. Che siano maledetti per le continue offese che recano al Sacratissimo Corpo e Sangue di Nostro Signore.

    RispondiElimina
  129. fosse solo quello.....!

    RispondiElimina
  130. con dietro quel coro nerovestito, con il pastore con un'aria funerea dipinta in volto, con quello che hanno fatto a Nostro Signore l'unica cosa che trasmettono quest'immagini è un'infinita tristezza con un retrogusto mortifero

    RispondiElimina
  131. La nuova teologia condannata è una cosa, il progresso teologico di cui sono portatori questi Santi Padri è di difficile comprensione per chi non sa guardare oltre il proprio ombelico!
    D'altra parte anche Rosmini, su mandato di certi tradizionalisti, fu "scomunicato" ( tra virgolette; così i superpignoleristi sapranno usare il termine giusto).  Già! Oggi Rosmini è beato!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  132. se è per questo dalle mie parte c'è un parroco che fa domandare  il consenso ai testimoni ("poverini altrimenti non si sentono coinvolti")..................................

    RispondiElimina
  133. Risus abundat ....
    MD

    RispondiElimina
  134. Cara Luisa,
    sono una grande igorante. Bravissima. ottimo punto per progredire! Mai disperare!
    MD

    RispondiElimina
  135. Francesco... notare che tra le compiacenti rispetto alla "comunella di BXVI" ci sono i soliti comari e compari che vogliono aiutare il Santo padre e poi sono sempre pronti/e a tirargli dietro la solita palata di "complimenti"!
    Fate voi!
    MD

    RispondiElimina
  136. Francesco ... occhio che fra un po' i soliti comareggianti e compareggianti ti mandano un "proiettile" in posta elettronicia! Ma scherzi? Difendere i Papi e cercare di usare la testa? Ma sei matto?
    Auguri! E prega che ti bannino ... vuol dire che vai contro la corrente!
    MD

    RispondiElimina
  137. Ed in effetti, Mons. lefebvre ha intuito giusto, peccato che di fronte al martirio ed alle difficoltà ... sia scappato!
    Attendo smentire pastorelline! Nuove però! Perchè non è stato ancora smentiro il fatto che abbia deposto la sua Croce sulle spalle di Pietro!
    MD

    RispondiElimina
  138. Prendo atto dell'uso smodato di sostanze psicotrope fatto dai protagonisti di questa pagina folle della storia della Chiesa.

    RispondiElimina
  139. DANTE PASTORELLI30 settembre 2010 23:24

    ...per motivi di comprensione.

    RispondiElimina
  140. Cattedrale di Barletta? Chi è il vescovo?
    Beh oggi ci sono i telefonini, una foto e via al vescovo, se mai fosse all`oscuro, alla Santa Sede, a Messa in Latino.....
    Le parole non bastano, mi direte che nemmeno le foto bastano, vedi Nourrichard, ma forse è tempo che quegli indegni pastori sappiano che non sono riusciti a lobotomizzare tutti i fedeli cattolici, che ci sono ancora fedeli che posseggono i concetti di base della loro Fede.

    RispondiElimina
  141. DANTE PASTORELLI30 settembre 2010 23:29

    Non sempre si posson salvar capre e cavoli. Bisogna protegger l'orto come l'ovile.

    RispondiElimina
  142. DANTE PASTORELLI30 settembre 2010 23:31

    Non c'è bisogno di fuggire a Econe. Basta sapersi difender dai preti indemoniati.

    RispondiElimina
  143. DANTE PASTORELLI30 settembre 2010 23:35

    Bisogna che però il frammento sia tale che possa esser inghiottito.
    L'imprevidenza del prete è grave. Invece di portar in modo non degno a spasso Nostro Signore, poteva avvertire i fedeli che non poteva distribuir la Comunione. Chi ne avesse sentito la mancanza avrebbe potuto tornar la sera o il giorno dopo. Magari dietro confessione.

    RispondiElimina
  144. DANTE PASTORELLI30 settembre 2010 23:44

    Il dramma è tutto qui: lasciar fare, lasciar passare. Ed in tal modo si scarnifica la Chiesa.

    RispondiElimina
  145. DANTE PASTORELLI30 settembre 2010 23:45

    Mai dire mai.

    RispondiElimina
  146. DANTE PASTORELLI30 settembre 2010 23:46

    Ma i vertici della Chiesa confessan qualche volta i loro gravi peccati di omissione?

    RispondiElimina
  147. Mons. Giovanni Battista Pichierri, ancora un amico del Summorum Pontificum...che si occupi anche di ciò che succede nella sua concattedrale.

    http://www.unavox.it/ArtDiversi/div084_Vesc_Trani.htm

    RispondiElimina
  148. Qualcuno mi può spiegare perchè la Messa NOM in francese prevede quattro preghiere eucaristiche, mentre in italiano avete cinque preghiere eucaristiche, la quinta andando da A a D?
    Ognuno fa quello che vuole? 
    Grazie!

    RispondiElimina
  149. E costui sarebbe un prete degno della sua sacra ordinazione...

    San Giovanni Crisostomo ammoniva i sacerdoti che distribuivano la santa Comunione senza il dovuto rispetto.
    "Anche se qualcuno, per ignoranza, si accosta alla Comunione, impediscilo, non temere. Temi Dio, non l'uomo. Se infatti temi l'uomo, costui ti schernirà; se invece temi Dio, sarai rispettato anche dagli uomini. Sarò disposto a morire, piuttosto che dare il Sangue del Signore ad una persona indegna; verserò il mio sangue, piuttosto che dare il venerato Sangue del Signore in modo inadeguato."

    RispondiElimina
  150. Luis Moscardò1 ottobre 2010 01:23

    Si può star parati  e rimaner fregati: mi dice "belle cose", mi rilasso un po' e mi trovo ster tre sgallettone... dài....
    Quanto merito ha avuto il fuoco nella storia umana....

    RispondiElimina
  151. Rafminimi13@libero.it1 ottobre 2010 01:27

    Rosmini fu una gran brava persona, però la beatificazione NON è un atto infallibile e, comunque, è anche nella lista dei beati del Post-Concilio, che difficilmente invocherò mai, accanto a Roncalli, Escriva, etc.

    RispondiElimina
  152. Non accetto che si infanghi così la memoria di Mons. Lefèbvre! VERGOGNATI BARTIMEO! Sciacquati la bocca col sapone! 

    RispondiElimina
  153. Purtroppo le parole del Santo dalla Bocca d'Oro sono perse nelle pieghe del tempo...tempi cattolici, in cui per la Fede si combatteva e si moriva, si dava tutto per Nostro Signore. Doveva essere meraviglioso, non si conosceva il culto dell'uomo e non ci si vergognava di fare tutto per piacere a Dio. Oggi non si vuole offendere Tizio e Caio, si arriva anche a lasciarli marcire nell'errore e nell'infedeltà pur di non dar loro noia e non crearsi problemi, ed il tutto per attirarsi i sorrisi ed i plausi di altri uomini incollati ai loro televisori; nel frattempo Nostro Signore viene continuamente calpestato e di nuovo flagellato e crocifisso. Benvenuti nella religione dell'uomo. 

    RispondiElimina
  154. " io non vedo Cristo, vedo pane"...Io invece vedo un salame vestito come un giudice di Forum !
    'Gnurant !!!

    RispondiElimina
  155. Sono andata a ripescare nella mia biblioteca il "mattone" di Bugnini sulla riforma liturgica,effettivamente trovo alla pag 471 che la Svizzera fu la prima a chiedere e ottenere una preghiera eucrastica particolare.Beh,leggo che per Bugnini  " col pluralismo eucologico e la flessibilità rubricale , ritrovati dopo secoli di fissismo, era impensabilie che la situazione monolitica del canone potesse durare a lungo" ...Beh mi sembra che il monilitismo ha ceduto il posto ad un`indiscutibile creatività che,  secondo sempre Bugnini, non fu " un`audacia insopportabile" ma un ritorno alla tradizione autentica", superando il deplorevole depauperamento prodotto da secoli di decadenza liturgica" !Cercherò di trovare il tempo, senza troppo innervosirmi, di leggere le pagine del libro di Bugnini sulle preghiere eucaristiche.

    RispondiElimina
  156. Christus Spes Mea1 ottobre 2010 08:50

    No non si vergogna, forse perchè non ci arriva...

    RispondiElimina
  157. Ho cancellato per errore un mio commento in cui chiedevo perchè in italiano avete 5 preghiere eucaristiche ,la quinta andando da A a D, mentre in francese ve ne sono 4, e chiedevo se ogni conferenza episcopale è stata libera di fare a modo suo.
    <span><span>Aspettando le eventuali vostre spiegazioni, sono andata dunque a ripescare nella mia biblioteca il "mattone" di Bugnini sulla riforma liturgica, effettivamente trovo alla pag 471 che la Svizzera fu la prima a chiedere e ottenere una preghiera eucaristica particolare.</span></span>
    <span><span>Leggo che per Bugnini  " col pluralismo eucologico e la flessibilità rubricale , ritrovati dopo secoli di fissismo, era impensabilie che la situazione monolitica del canone potesse durare a lungo" ...</span></span>
    <span><span>Beh mi sembra che il monilitismo ha ceduto il posto ad un`indiscutibile creatività che,  secondo sempre Bugnini, non fu " un`audacia insopportabile" ma un ritorno alla tradizione autentica", superando il deplorevole depauperamento prodotto da secoli di decadenza liturgica" !</span></span>
    <span><span>Cercherò di trovare il tempo, senza troppo innervosirmi, di leggere le pagine del libro di Bugnini sulle preghiere eucaristiche.</span></span>

    RispondiElimina
  158. Christus Spes Mea1 ottobre 2010 08:52

    <span>il progresso teologico di cui sono portatori questi Santi Padri è di difficile comprensione per chi non sa guardare oltre il proprio ombelico!  </span>

    E' evidente che non hai mai letto l'Humani Generis di Pio XII, ma ciò non mi sorprende.

    <span>D'altra parte anche Rosmini...</span>

    Ma non sai nemmeno chi è Rosmini!

    RispondiElimina
  159. Christus Spes Mea1 ottobre 2010 08:54

    Gli amici sono tali solo perchè sperano nella berretta.

    RispondiElimina
  160. caro Rafminimi, concordo con lei, ma lascerei fuori da quella lista san Padre Pio, (anche lui beatificato nel postCVII), quale Santo "altamente invocabile", senza alcuna incertezza sulla sua conformazione a Cristo e quindi sul suo potere di intercessione !

    RispondiElimina
  161. pagina folle che non sarà nè la prima nè l'ultima, caro amico: vedremo ben di peggio nei prossimi anni, man mano che ci inoltriamo nella grande tribolazione, e procede inarrestabile (e mai stoppata nè raddrizzata da nessuna autorità) l'avanzata della falsa chiesa "costruita contro ogni regola" come Dio fece vedere alla beata Emmerich !

    RispondiElimina
  162. l'ignoranza fu invitata ad entrare nella Chiesa già 50 anni orsono, e fece da valida e servizievole ancella alla Menzogna, che ora regna sovrana in essa, oltre che nella società. e per questo il male viene chiamato e bene e viceversa, il vero viene detto falso, l'obbediente alla Legge eterna di Dio e alla Dottrina perenne viene chiamato ribelle, scismatico e sovversivo ecc.....
    La Verità è stata detronizzata e  la menzogna ha occupato le menti: tutto iniziò quando si volle accogliere in una grande abbraccio "caritatevole" verità ed errori, catechesi ortodosse insieme -a fianco- a quelle eretiche, in nome dell'inclusività, del dialogo ecumenico-rispettoso del DIVERSO: diverso credere, diverso pensiero, diversa teologia diverso cammino ecc. ......(infatti leggete come quel tizio parla di "Teologia del consenso" : consenso a tutto, acnhe allo scempio della Dottrina e della Fede!....)
    Ignoranza e Sapienza hanno ricevuto pari diritti e dignità in una folle assegnazione di PAR CONDICIO, ASSURDA PARITA' E RISPETTABILITA', CHE MAI prima d'allora si era vista nella Chiesa di Cristo:
    mai    -     fino al 1962.
    Fu allora che si volle proclamare il principio: "Cerchiamo sempre ciò che ci unisce".
    Ed esso fu sempre applicato alla lettera, CON TUTTO E TUTTI.
    Questa che vediamo realizzata ad oltranza è la Chiesa dell'ET-ET: in essa c'è posto per il Vero e il falso, a pari merito, senza discriminazioni.
    E' l'approdo (non ancora definitivo) di quella DERIVA iniziata 48 anni fa.
    E vinca il "migliore" ! 
    :(

    RispondiElimina
  163. <span>l'ignoranza fu invitata ad entrare nella Chiesa già 50 anni orsono, e fece da valida e servizievole ancella alla Menzogna, che ora regna sovrana in essa, oltre che nella società. e per questo il male viene chiamato  bene e viceversa, il Vero viene detto falso, l'obbediente alla Legge eterna di Dio e alla Dottrina perenne viene chiamato ribelle, scismatico, nemico dell'unità accogliente, sovversivo ecc.....  
    La Verità è stata detronizzata e  la menzogna ha occupato le menti: tutto iniziò quando si volle accogliere in una grande abbraccio "caritatevole" verità ed errori, catechesi ortodosse insieme -a fianco- a quelle eretiche, in nome dell'inclusività, del dialogo ecumenico-rispettoso del DIVERSO: diverso credere, diverso pensiero, diversa teologia, diverso cammino ecc. ......(infatti leggete come quel tizio parla di "Teologia del consenso" : consenso a tutto, anche allo scempio della Dottrina e della Fede, TUTTO E' PERMESSO !....)  
    Ignoranza e Sapienza hanno ricevuto pari diritti e dignità in una folle assegnazione di PAR CONDICIO, ASSURDA PARITA' E RISPETTABILITA', CHE MAI prima d'allora si era vista nella Chiesa di Cristo:  
    mai    -     fino al 1962.  
    Fu allora che si volle proclamare il principio: "Cerchiamo sempre ciò che ci unisce".  
    Ed esso fu sempre applicato alla lettera, CON TUTTO E TUTTI.  
    Questa che vediamo realizzata ad oltranza è la Chiesa dell'ET-ET: in essa c'è posto per il Vero e il falso, a pari merito, senza discriminazioni.  
    E' l'approdo (non ancora definitivo) di quella DERIVA iniziata 48 anni fa.  
    E vinca il "migliore" !   
    :( </span>

    RispondiElimina
  164. <span><span>l'ignoranza fu invitata ad entrare nella Chiesa già 50 anni orsono, e fece da valida e servizievole ancella alla Menzogna, che ora regna sovrana in essa, oltre che nella società. e per questo il male viene chiamato  bene e viceversa, il Vero viene detto falso, l'obbediente alla Legge eterna di Dio e alla Dottrina perenne viene chiamato ribelle, scismatico, nemico dell'unità accogliente, sovversivo ecc.....    
    La Verità è stata detronizzata e  la menzogna ha occupato le menti: tutto iniziò quando si volle accogliere in una grande abbraccio "caritatevole" verità ed errori, catechesi ortodosse insieme -a fianco- a quelle eretiche, in nome dell'inclusività, del dialogo ecumenico-rispettoso del DIVERSO: diverso credere, diverso pensiero, diversa teologia, diverso cammino ecc. ......(infatti leggete come quel tizio parla di "Teologia del consenso" : consenso a tutto, anche allo scempio della Dottrina e della Fede, TUTTO E' PERMESSO !....)    
    Ignoranza e Sapienza hanno ricevuto pari diritti e dignità in una folle assegnazione di PAR CONDICIO, ASSURDA PARITA' E RISPETTABILITA', CHE MAI prima d'allora si era vista nella Chiesa di Cristo:    
    mai    -     fino al 1962.    
    Fu allora che si volle proclamare il principio: "Cerchiamo sempre ciò che ci unisce".    
    Ed esso fu sempre applicato alla lettera, CON TUTTO E TUTTI.    
    Questa che vediamo realizzata ad oltranza è la Chiesa dell'ET-ET: in essa c'è posto per il Vero e il falso, a pari merito, senza discriminazioni.    
    E' l'approdo (non ancora definitivo) di quella DERIVA iniziata 48 anni fa.    
    (e l'assurda gara tra Vero e falso continua....e vinca il "migliore" ! )
    :( </span></span>

    RispondiElimina
  165. Condivido. E' ora di finirla con tutte queste "gentilezze" ... e' ora di tornare a chiamare le cose con il loro nome e al diavolo l'ecumenismo.

    RispondiElimina
  166. A casa sua???? A me risulta essere a casa nostra ... una chiesa cattolica occupata da usurpatori che hano voluto creare una loro chiesa per questioni di ... lo sapete tutti. 

    RispondiElimina
  167. Non può usarlo ... è più facile che lo usino contro di lui. Paolo VI (che Dio lo perdoni) ha deposto la tiara ... e questo è il risultato.

    RispondiElimina
  168. I fedeli si adeguano all'andazzo.

    Ma cosa si vuole pretendere ... se si battezzano bambini di famiglie che non credono con matrine e padrini non credenti ... si comunicano e si cresimano ragazzi che non conoscono neppure il Credo ... e che appena han fatto tutto spariscono a gambe levate dalla chiesa per la maggior parte dei casi ... si sposano coppie che vanno in Chiesa solo per la bellezza del rito confessando persone non pentite e che spesso non conoscono neanche l'atto di dolore. Si celebrano esequie dove persone che non andavano in Chiesa neppure per Pasqua e Natale han già la vita eterna insieme agli angeli conodonando il Purgatorio di cui non si parla neppure più?

    I fedeli seguono l'andazzo dei pastori.

    RispondiElimina
  169. Fino a qalche anno fa non lo avrei mai creduto ... ma inizio a ringraziare Dio per Mons. Lefebvre ...

    RispondiElimina
  170. Ecco un altro figlio dei fiori ... dico ma hai mai dato un'occhiata alla storia della Chiesa di Gesù Nostro Signore nei 2000 anni di storia? Sveglia!!

    RispondiElimina
  171. Un importante sito di informazione tedesca presenta il prete in questione come "pastore protestante". E' comunque interessante la sua posizione su un tema "caldo": http://www.swissinfo.ch/ita/Prima_pagina/Archivio/Zurigo_e_Berna_si_aprono_ai_gay.html?cid=2498452

    RispondiElimina
  172. Rafminimi13@libero.it1 ottobre 2010 10:21

    concordo, anzi, lo ho SEMPRE INVOCATO, anche prima

    RispondiElimina
  173. Bisogna cominciare a operare le dovute distinzioni, perché gli atti sopra descritti si pongono su piani molto diversi. Altra cosa è infatti abbracciare il rappresentante di un'altra "religione" (e di un altro stato, visto che qui c'è sempre una piccola falange di teocrati), altra dare la mano a una pseudopretessa facendo ingresso in casa "sua" (qui le virgolette sono legittimate dal fatto che lì dentro la pseudopretessa è in realtà una squatter, come lo sono tutti i protestanti impadronitisi di chiese da loro non costruite), altra entrare in una sinagoga o in una moschea e altra ancora - e simbolicamente ben più grave - baciare il "libro sacro" della religione massimamente ostile al Cristianesimo, oltre che di quella meno giustificata, dal momento che la sua presunta rivelazione è avvenuta molti secoli dopo la venuta di Cristo (se le antiche religioni possono inverarsi nel Cristianesimo, il maomettanesimo si propone come superamento del Cristianesimo, e dunque nasce come falsa religione). Trattare allo stesso modo un indiscutibile atto di cortesia, una discutibile incombenza protocollare, un'inopportuna iniziativa diplomatica e un inaccettabile atto di doulia (indipendentemente dal fatto che chi lo ha compiuto lo intendesse o no come tale), significa ingenerare confusione e aderire a un profilo ideologico che - come ha scritto giustamente qualcuno - conduce al sedevacantismo de facto.

    RispondiElimina
  174. qui trovate il video completo................http://www.videoportal.sf.tv/video?id=8e693e5d-3111-4253-ab76-16f580d2c526

    liturgicamente devastante anche se musicalmente notevole

    RispondiElimina
  175. In compenso so riconoscere uno a cui piace tanto la canzone di Vecchioni!
    In effetti dalla Humani Generis in poi la Chiesa non ha più scritto nulla! Ah! Già! Cristo si è fermato ad Eboli? No! A 2000 anni fa! Tradizionalisti! Muffa, fuffa, lamentele e balle!
    MD

    RispondiElimina
  176. odddddiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiioooooooooooooooooooooo    il vangelo è proclamato dall'apostata protestante..................nooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  177. Ragazzi, quante polemiche inutili per un qualcosa che invece dovrebbe farci gioire: due comunità riunite sotto lo stesso tetto che condividono il medesimo pane.
    E poi non me pare che Gesù fosse cosi attento ai formalismi come siete voi!!
    O Gesù ha detto qualcosa in merito ai formalismi?

    RispondiElimina
  178. Non hai torto sulle visite di cortesia, infatti non dimentichiamoci che il Papa è anche capo di stato, quindi incontra tutti ed è giusto che sia così. Le mie preoccupazioni derivano dl fatto che molti questi incontri si fanno in un contesto di preghiera congiunta a cui purtroppo ci hanno abituati in questi decenni. Ricordo con amarezza Benedetto XVI non come turista nella moschea blu, ma nella posizione dell'orante musulmano...allora lì le cose si complicano. Proporre al mondo un'immagine del genere, come quelle ben più vergognose del meeting di Assisi, favorisce la creazione di una forma mentis secondo la quale, se il Papa prega assieme gli sciamani e ai bonzi, allora il Papa riconosce come valide queste religioni. Per il resto il Papa può e deve incontrare tutti, ma a livello politico. Purtroppo troppo spesso il protocollo politico si mescola con l'agenda ecumenica e separare l'una cosa dall'altra non è sempre facile.

    RispondiElimina
  179. si pit!!!! "chi abolisce anche un solo iota...................................." questo qui ha abolito il Sacrificio per il medesimo pane????' questo è l'ecumenismo diventare protestanti per essere d'accordo con loro?????

    RispondiElimina
  180. Mah, per esempio "chi non mangia la mia carne e beve il mio sangue non avrà la vita eterna" o "chi si ciba del corpo del Signore indegnamente, mangia e beve la propria condanna"? 
    Il "pane" preferisco condividerlo al ristorante, con parenti ed amici.

    RispondiElimina
  181. ps se noti nel video completo il """prete""" esclude volontariamente tutte le parti della messa che concernono il Sacrificio...che è la Messa cattolica....tipo "pregate fratelli che i l mio e vostro sacrificio..."....ecc eccc

    RispondiElimina
  182. bravo pit, meno male che l'hai capita!! Cosa sono tutti questi formalismi? Che l'eucaristia sia pane o sia corpo di Cristo è un'inezia, un formalismo o no? L'importante è condividere lo stesso pane.

    Scusami, ma io ero in ottimi rapporti con un pastore luterano e capitava frequentemente che condividessimo lo stesso pane, ma al RISTORANTE non in chiesa. O non si può essere persone cordiali e aperte senza andare a inventarsi sincretismi orrendi come questi.
    Fai uno sforzo e controlla quali formalismi Gesù condannava.

    RispondiElimina
  183. boh io vedo una bella comunità che festeggia Gesù insieme. Mi sembra quella la cosa più importante, dopo anni di divisioni finalmente un po' di unità.
    Il resto son formalismi inutili atti solo a far polemica e libri. Premesso che la messa in latino è bella, cosi come anche gli altri tipi di messa. Ognuno ha una presa su un certo tipo di persone. Ho assistito alla liturgia ortodossa è anche quella mi è piaciuta un sacco.. Ma alla fine son modi per raggiungere il medesimo scopo no?
    L'amore tra gli uomini.. (Gesù non è venuto a insegnar questo?) 

    RispondiElimina
  184. scusa, ma quello che chiami "amore tra gli uomini" (frase alquanto ambigua...) è la Caritas Christi! e Lui ha scelto il Sacrificio Supremo per donarla agli uomini(Sacramentum caritatis)! questo è l'unico Grande Mezzo che Cristo ha insegnato, le altre sono favole moderniste e pseudosentimentali

    RispondiElimina
  185. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 12:08

    L'importante è che il Papa si comporti e parli da Pietro e non da Simone.

    RispondiElimina
  186. Christus Spes Mea1 ottobre 2010 12:21

    Quindi l'Humani generis è muffa?
    Ma sai almeno di cosa tratta?
    Guarda Bartimeo, io fossi in te leggerei meno Famiglia Cristiana.

    RispondiElimina
  187. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 12:23

    <span>Quindi è del tutto possibile che un Papa non esprima in toto la dottrina cattolica.</span>
    Infatti: il Papa può errare come dottore privato. Inoltre la persona del papa può usar malamente il libero arbitrio e resister allo Spirito Santo. Quest'ultima è una posizione teologica che parte dal '500 e si sviluppa almeno sino al card. Charles Journet, grande uomo di Chiesa e teologo eccelso, e ripresa in ambito tradizionale. Journet spiegava che sulla base di tal dottrina si potevan comprender i tanti errori papali dei secoli bui. Indubbiamente i casi concreti vanno esaminati con grande competenza e  mente illuminata, per non combinar tragici pateracchi.
    Il sedevacantismo è ben altra cosa.

    RispondiElimina
  188. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 12:27

    E con la tiara che ci faceva? La tirava in testa a chi gli s'opponeva? Il potere anche coercitivo sui suoi sudditi il Papa lo conserva.
    Quanto alla paura dello scisma, siamo alle solite attenuanti prive di senso. O perché allora han voluto lo "scisma" lefebvriano?

    RispondiElimina
  189. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 12:29

    <span>E con la tiara che ci faceva? La tirava in testa a chi gli s'opponeva? Il potere anche coercitivo sui suoi sudditi il Papa lo conserva.  
    Quanto alla paura dello scisma, siamo alle solite attenuanti prive di senso. O perché allora han voluto lo "scisma" lefebvriano? In fondo sarebbe bastato negli anni 70 consentire acché continuasse l'esperienza della Tradizione.
    </span>

    RispondiElimina
  190. Pit...nel mio dialetto significa tacchino. E devo dire che quello che dici si avvicina molto al pensiero di tale gustoso pennuto. Senza offesa.

    RispondiElimina
  191. PS Mi riferivo alla frase " il resto sono formalismi inutili" ah bè se la presenza reale di Cristo nell'ostia è un formalismo inutile...allora possiamo risolvere in cinque minuti tutti gli scismi.

    RispondiElimina
  192. Come ti capisco, Milanese, vedere il Papa nella posizione dell'orante musulmano (cioè alla maniera degli infedeli che - insieme agli esponenti dell'altro culto semitico - in buona parte odiano il Cristianesimo e si adoperano per contrastarlo) fa venire l'orticaria anche a me! Non credo però che dal fatto che il Papa prega cristianamente (cioè non come un orante tataro o tibetano, i quali, peraltro, non odiano il Cristianesimo e non si adoperano per contrastarlo) tra i bonzi e gli sciamani si possa inferire che riconosca come valide queste religioni (anche se quanto di implicitamente cristiano è in esse è senz'altro valido). Ma come in ogni cosa est modus in rebus, e ad Assisi il modus fu - voglio essere gentile - molto discutibile.

    RispondiElimina
  193. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 12:52

    neo-ecatombale?

    RispondiElimina
  194. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 13:03

    dell'uomo che si fa Dio. Chi lo disse?

    RispondiElimina
  195. 1)Anche il tacchino è un essere creato da Dio, dunque....(e non mi par che sia mai stato considerato un animale impuro)
    2)Comunque c'erano uomini li che condividevano lo stesso pane lodando Dio
    3)E' un formalismo inutile nel momento che serve a dividere gli uomini e non ad unirli

    RispondiElimina
  196. Io fossi in te, con rispetto parlando, imparerei a leggere!Muffa è il tradizionalismo non la tradizione!
    Oltre chedar vita a corsi di latino anche a quelli di italiano, no?
    Stammi bene!
    MD

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.