sabato 4 settembre 2010

Chiuro (SO): "Buon compleanno" a Maria SS.ma con la Messa di S.Pio V


Mercoledì 8 settembre 2010 alle ore 18 nella chiesa parrocchiale di Chiuro (Sondrio) -­ a tre anni dall'emanazione del motu proprio «Summorum Pontificum» di S.S. Benedetto XVI, che ha liberalizzato la Messa in latino -­ sarà celebrata dal parroco una messa cantata secondo il messale del Beato Giovanni XXIII.

L'evento si deve alla richiesta di un gruppo di fedeli sondriesi, desiderosi di avvalersi della facoltà concessa dal Papa e di accostarsi a questo rito millenario, codificato da S. Pio V nel 1570 e rimasto sostanzialmente immutato fino alla riforma liturgica di Paolo VI del 1969.

La messa tradizionale è caratterizzata da momenti di silenzio, si segue per lo più genuflessi, il sacerdote è rivolto verso il crocifisso a oriente e, tranne le letture e l'omelia, utilizza la lingua latina, indossa paramenti particolari e compie gesti aventi precisi significati simbolico-rituali.

Per l'occasione è stato restaurato il presbiterio nella sua forma originale e sono state ricollocate davanti all'altare maggiore le due antiche balaustre in marmo policromo, tanto preziose quanto necessarie per ricevere la comunione.

interno della chiesa di Chiuro: intanto abbiamo rimesso le balaustre: indovinate la prossima mossa...

Ricorrendo la festa della Natività di Maria, saranno eseguiti i canti gregoriani dell'Ordinario IX
«In Festis Beatæ Mariæ Virginis I. (Cum jubilo)», destinato alle festività mariane.

19 commenti:

  1. Cattolico, e contento di esserlo.4 settembre 2010 14:38

    Non avete per caso qualche foto dell'interno "restaurato"?

    Grazie!

    RispondiElimina
  2. visto che il Coletti non è poi così cattivo?
    speriamo sia un buon inizio per tutta la Diocesi!

    RispondiElimina
  3. <span><span>L'evento si deve alla richiesta di un gruppo di fedeli sondriesi, desiderosi di avvalersi della facoltà concessa dal Papa e di accostarsi a questo rito </span></span>

    **********

    e faccio altresì notare che con la venuta meno del Rito antico, non si sa perchè ma lentamente vennero meno anche tutte queste "Memorie Liturgiche".... io non sapevo neppure che esistesse una "Messa" per ricordare la nascita di Maria santissima...l'ho scoperto una decina d'anni fa, quando l'amico Alessandro mi aiutò - senza saperlo - a scoprire la Tradizione della Chiesa...
    Davvero è crollata una impalcatura che reggeva la nostra fragilità...per questo stiamo cadendo....

    RispondiElimina
  4. Cattolico, e contento di esserlo.4 settembre 2010 20:39

    Nell'attuale Liturgia delle Ore Ambrosiane, alla Compieta, ci sono varie preghiere alla Madonna. E una di queste si recita "Fino alla Nativita della beata vergine Maria esclusa" e un altra si recita "Dalla Natività della beata vergine Maria".

    La memoria c'è dunque anche oggi; almeno nel Rito Ambrosiano (ma immagino pure nel Rito Romano Forma Ordinaria).

    RispondiElimina
  5. Cattolico, e contento di esserlo.4 settembre 2010 20:40

    Almeno questo supponevo.

    Qui la Natività della beata vergine Maria si festeggia l'8 settembre.

    RispondiElimina
  6. Cattolico, e contento di esserlo.4 settembre 2010 20:45

    <span>Almeno questo suppongo.  
     
    Qui la Natività della beata vergine Maria si festeggia l'8 settembre.</span>

    RispondiElimina
  7. don Emanuele Borroni4 settembre 2010 21:07

    Gentilissimo
    che coletti sia buono o cattovo non lo si evince purtroppo da così poco

    In effetti nella diocesi non mancano i preti che si avvalgono delle norme del motuproprio per celebrare nella forma straordinaria. Il fatto è che non ci sono, almeno pare molti fedeli che costituiscano gruppo stabile e ne facciano petizione.
    Comunque in alcune parrocchie della diocesi la messa nella forma straordinaria è celebrata da alcuni mesi alle ore 8:00 di ogni venerdì.

    grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
  8. don Emanuele Borroni4 settembre 2010 21:07

    Gentilissimo
    che coletti sia buono o cattovo non lo si evince purtroppo da così poco

    In effetti nella diocesi non mancano i preti che si avvalgono delle norme del motuproprio per celebrare nella forma straordinaria. Il fatto è che non ci sono, almeno pare molti fedeli che costituiscano gruppo stabile e ne facciano petizione.
    Comunque in alcune parrocchie della diocesi la messa nella forma straordinaria è celebrata da alcuni mesi alle ore 8:00 di ogni venerdì.

    grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
  9. don Emanuele Borroni4 settembre 2010 21:07

    Gentilissimo
    che coletti sia buono o cattovo non lo si evince purtroppo da così poco

    In effetti nella diocesi non mancano i preti che si avvalgono delle norme del motuproprio per celebrare nella forma straordinaria. Il fatto è che non ci sono, almeno pare molti fedeli che costituiscano gruppo stabile e ne facciano petizione.
    Comunque in alcune parrocchie della diocesi la messa nella forma straordinaria è celebrata da alcuni mesi alle ore 8:00 di ogni venerdì.

    grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
  10. don Emanuele Borroni4 settembre 2010 21:08

    Gentilissimo
    che coletti sia buono o cattovo non lo si evince purtroppo da così poco

    In effetti nella diocesi non mancano i preti che si avvalgono delle norme del motuproprio per celebrare nella forma straordinaria. Il fatto è che non ci sono, almeno pare molti fedeli che costituiscano gruppo stabile e ne facciano petizione.
    Comunque in alcune parrocchie della diocesi la messa nella forma straordinaria è celebrata da alcuni mesi alle ore 8:00 di ogni venerdì.

    grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
  11. don Emanuele Borroni4 settembre 2010 21:08

    Gentilissimo
    che coletti sia buono o cattovo non lo si evince purtroppo da così poco

    In effetti nella diocesi non mancano i preti che si avvalgono delle norme del motuproprio per celebrare nella forma straordinaria. Il fatto è che non ci sono, almeno pare molti fedeli che costituiscano gruppo stabile e ne facciano petizione.
    Comunque in alcune parrocchie della diocesi la messa nella forma straordinaria è celebrata da alcuni mesi alle ore 8:00 di ogni venerdì.

    grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
  12. don Emanuele Borroni4 settembre 2010 21:09

    Gentilissimo
    che coletti sia buono o cattovo non lo si evince purtroppo da così poco

    In effetti nella diocesi non mancano i preti che si avvalgono delle norme del motuproprio per celebrare nella forma straordinaria. Il fatto è che non ci sono, almeno pare molti fedeli che costituiscano gruppo stabile e ne facciano petizione.
    Comunque in alcune parrocchie della diocesi la messa nella forma straordinaria è celebrata da alcuni mesi alle ore 8:00 di ogni venerdì.

    grazie per l'attenzione

    RispondiElimina
  13. Sempre stata l'8 settembre, almeno a Milano... anche il Duomo è dedicato a Maria Nascente...
    le antifone mariane di compieta nell'attuale disposizione risalgono a S. Carlo Borromeo.

    RispondiElimina
  14. Eccovi le foto della balaustra risistemata al suo posto in tutto il suo splendore!
    (ma il postconcilio mica diceva che bisognava demolire altari e balaustre???)

    RispondiElimina
  15. Don Alfredo Morselli4 settembre 2010 23:16

    Ecco fatto!

    RispondiElimina
  16. Un evento quale quello della risistemazione della balaustra della Parrocchiale di Chiuro vale a rendermi davvero fiero del mio sedicesimo di sangue valtellinese! Ah se questo bell'esempio si potesse propagare a molte altre chiese della penisola !

    RispondiElimina
  17. E' possibile sapere dove vengono celebrate tali S. Messe nella Diocesi di Como?. Grazie.

    RispondiElimina
  18. Sono io l'autore del commento precedente (e di quello iniziale). Chiedo venia per l'errore nel digitare il nome

    RispondiElimina
  19. non mi risulta che nella provincia di Sondrio siano mai state celebrate pubbliche messe tradizionali ai sensi del Motu proprio Summorum pontificum.
    questa sembra essere la prima.
    in ogni caso il ripristino del presbiterio non è limitato alle balaustre, ma è integrale, compresa l'eliminazione di una brutta predella in marmo che congiungeva l'altare maggiore (con relativa alterazione e riduzione degli antichi gradini) con la mensa moderna restringendo lo spazio del presbiterio e la ricollocazione delle lampade laterali sopra alle balaustre.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.