lunedì 27 settembre 2010

Aggiornamenti marchigiani

Mercoledì 29 settembre, festa del glorioso San Michele Arcangelo, alle ore 19,00 nell’artistica chiesa di San Pietro Apostolo di Jesi, piazza Franciolini, nel centro storico di Jesi sarà cantata la Santa Messa (probabilmente in terzo) da Rev.do don Francesco Ramella. L’omelia sarà tenuta dal Rev.do Parroco.

L’iniziativa è stata promossa dal nostro ministrante Edoardo Belvederesi per festeggiare il suo 18° compleanno.

Pregheremo anche per la Chiesa e per le vocazioni sacerdotali e alla vita religiosa.

***

Ci è giunta anche notizia che in occasione della prossima Festa del Patrono di una città marchigiana sarà celebrata una Santa Messa, letta, nel rito antico della Chiesa Cattolica.

Preghiamo affinchè questa lodevole iniziativa possa essere preludio di celebrazioni “stabili” in quella stupenda Città e Diocesi.

***

Gli amici del gruppo “stabile” di Potenza Picena, che da mesi invocano la celebrazione della Santa Messa gregoriana, ringraziano Dio per la comunicazione che è loro pervenuta, il 10 settembre scorso, dalla Pontificia Commissione “Ecclesia Dei” dalla quale si evince che : “ ….dopo aver sentito l’Arcivescovo di Fermo, questi ha manifestato la sua disponibilità a tale richiesta. Si suggerisce pertanto di rivolgersi all’Ordinario per gli adempimenti del caso. …”

Il testo della lettera sarà pubblicato su http://www.missaleromanum.it/

Anche noi ci uniamo agli amici di Potenza Picena e insieme ringraziamo con gioia Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo per questo ulteriore dono di unità e di preghiera attorno l’Altare di Cristo.

Papa Benedetto XVI aveva detto “ nella Chiesa c’è posto per tutti” !

Un particolare ringraziamento al dinamico e giovane Parroco di Potenza Picena don Andrea Bezzini a cui la comunità santese deve molto anche per il recupero e la valorizzazione del grande patrimonio artistico di quella bella e devota città.


***

Nell’ambito della
9ª Rassegna Organistica della Marca Fermana

Il Fermano in Musica

MONTOTTONE, Collegiata di San Pietro

sabato 23 ottobre, ore 21, organo Vincenzo Paci 1877

Concerto dell’Organista

ANDREA MONCADA DI PATERNO’

Si ringrazia fin d’ora il Rev.do Parroco di Montottone per la cortese ospitalità. Gli ospiti prima del Concerto potranno visitare il centro storico di Montottone.

14 commenti:

  1. Mi spiace non potere presenziare al concerto del 23 p.v. dell'amico Andrea.

    RispondiElimina
  2. Potenza Picena: "sentito il parere favorevole dell'arcivescovo....si può procedere!" Che vergogna! Che vergogna!

    Non ci prendete per i fondelli ! Così la Chiesa non la riformerete mai ! 

    E dove il vescovo non volesse e fosse più onesto di Conti dicendo pubblicamente la verità e cioé che che è contro?  

    Questa Ecclesia Dei alla Don Abbondio non vale un fico secco!  

    RispondiElimina
  3. Volete saper cosa ha detto l'Arcivescovo di Fermo Conti ?27 settembre 2010 21:56

    Sua Eccellenza l' arcivescovo di Fermo, bontà sua, concederà la messa di San Pio V a Potenza Picena.

    Ma ha detto che il prete lo sceglie lui. Le parole del caro presule suonano più o meno così: il prete lo scelgo io, non deve essere di sapore lefebvriano o semilefebvriano (cosa ciò significhi lo lasciamo agli ermeneuti del suo pensiero....)

    BELLA VITTORIA DI PIRRO, vi daranno un prete come ad Ancona, uno che odiava la messa di San Pio V, ma doveva dirla per obbedienza al Vescovo. All'omelia vi diranno quanto è bella......la messa di Paolo VI e l'ecumenismo coi musulmani ! Ma ci sarà tanta, tantissima bella musica !

    Svegliatevi bambini.....

    RispondiElimina
  4. Se ho capito bene l'Ecclesia Dei dà un colpo al cerchio e uno alla botte.

    RispondiElimina
  5. guardate don Bezzini su facebook...c'è una foto d'eccezione!

    RispondiElimina
  6. Andrea Carradori27 settembre 2010 22:23

    @ <span><span>Volete saper cosa ha detto l'Arcivescovo di Fermo Conti ? </span></span><span>( Salmo 8 )</span>
    <span><span></span></span><span></span><span>" Svegliatevi bambini ... "</span>

    <span></span>
    <span>Con la bocca dei bimbi e dei lattanti †
    affermi la tua potenza contro i tuoi avversari, *
    per ridurre al silenzio nemici e ribelli. </span>



    <span></span>
    <span>Altro non voglio aggiungere ai commenti astiosi, mi sono confessato ieri ...</span>
    <span>Bisogna costruire  : la Messa nel rito antico è patrimonio di tutta la Chiesa e la bella musica è rivolta solo alla lode di Dio !</span>
    <span>Qualcuno provi a dire , come i modernisti, che la musica sacra è un'azione teatrale ...</span>

    RispondiElimina
  7. Ma don Ramella deve andare da Roma dove studia fino a Jesi per presiedere una celebrazione eucaristica?

    RispondiElimina
  8. non lo avevi ancora capito che corvo con corvo non si cavano gli occhi

    RispondiElimina
  9. Andrea Carradori27 settembre 2010 23:17

    Presiedere ???
    Celebrare
    cantare la messa
    oppure officiare !!!
    I Sacerdoti del MP si sacrificano per il bene dei fratelli bisognosi !

    RispondiElimina
  10. Se "presiedere" è previsto, è previsto, ed è lecito usarlo. Se poi uno preferisce dire "celebrante" la sostanza delle cose non cambia.

    RispondiElimina
  11. Andrea Carradori28 settembre 2010 08:02

    Calma, calma.
    Il termine "presiedere" la Messa è nato, in epoca molto recente, con il novus ordo, per indicare il Presidente dell'Assemblea ( dei fedeli ).

    RispondiElimina
  12. Ospite bizantino28 settembre 2010 09:36

    Costruisci, costruisci Maestro.....costruisci sulla sabbia !

    Essere rispettosi dell'Ecclesia Dei non significa condividerne tutti i bizantinismi e proclamarli dal pulpito.

    In questo post i bizantinismi vergognosi dell'Ecclesia Dei sono addirittura esaltati. E' proprio necessario incensare il Vescovo e gli ambigui provvedimenti ecclesiadeisti ? Per rispetto (se non si vuol denunciare) si può tacere.

    RispondiElimina
  13. Ecclesia Dei vergognosamente sfrontata!

    RispondiElimina
  14. Leggiamo nella lettera ai cristiani di Smirne di S. Ignazio di Antiochia (inizio II sec.)
    <span>Si ritenga valida quella Eucarestia che è presieduta dal Vescovo (letteralmente, in greco: che è sotto l'autorità del Vescovo) o da chi egli delega” (8,1)</span>
    Quindi, caro Prof. Corradori, l'idea di presidenza della Celebrazione Eucaristica risale già ai Padri Apostolici.
    Non è un'invenzione del NOM.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.