venerdì 25 giugno 2010

Giù il cappello!



La vescovessa Katharine Jefferts Schori (nelle foto, mentre 'celebra' con brocche e pagnotte) è stata recentemente eletta "vescovo presidente", ossia primate, della "chiesa" episcopaliana americana, autocefala ma in comunione con Canterbury e quindi parte della comunione anglicana.

Come ci informa Damian Thompson, la signora papessa era nei giorni scorsi in visita in Inghilterra ed ha concelebrato nella cattedrale (anglicana) di Southwark, Londra. Con un problema diplomatico di copricapo, che lo stesso decano della cattedrale ha dovuto spiegare ai fedeli.

La chiesa d'Inghilterra non ammette ancora le donne al grado episcopale: ha votato in tal senso (e - in tutta onestà - una volta ammesse le donne-prete, perché non le donne-vescovo?) ma la cosa non è ancora esecutiva. Alla signora quindi, su indicazione di Lambeth Palace (sede londinese dell'Arcivescovo di Canterbury), è stato impedito di portare la mitra in testa, potendola solo tenere sotto braccio. Come era abitudine, peraltro, dei vescovi anglicani filoprotestanti, per i quali la mitra era sì insegna della loro funzione, ma rifiutavano di indossarla per non assumere un aspetto da 'papisti'.

Dietro il legalismo formale si nasconde anche il disappunto dell'Arcivescovo di Canterbury verso la chiesa episcopaliana e la sua presidentessa, che continuano a sfornare preti e vescovi gay praticanti, con l'effetto di causare scismi interni alla comunione anglicana.

Il decano della cattedrale di Southwark si è invece lungamente scusato con la signora, manifestando il proprio personale riconoscimento del suo ministero episcopale. Conclude Thompson: delizie dell'anglicanesimo: madama è vescovo a tutti gli effetti per i fedeli oltreatlantico, e per il decano di Soutwark. E' invece solo prete, per l'arcivescovo di Canterbury. E' una laica travestita da ecclesiastico, per quegli anglo-cattolici che rifiutano l'ordinazione femminile. Per coloro che ammettono le donne al solo diaconato, è semplicemente una 'diacona'. Per ora nessuno ha negato che almeno sia donna.

Peccato comunque per la rinunzia forzata alla mitra. In proposito, la signora ha gusto e classe, come mostrano queste foto, e a Londra avrebbe fatto schiattare d'invidia l'altra grande estimatrice di copricapi, la regina Elisabetta.



62 commenti:

  1. Meglio evitare i commenti.

    RispondiElimina
  2. Guido - Torino25 giugno 2010 08:38

    I Paesi di tradizione non hanno il carnevale, ed ovviano così.

    RispondiElimina
  3. Una volta ordinate le "diaconesse" va da se che poi avrebbero pretese di diventare sacerdotesse e vescove!

    Che buffoni e che misere queste che cercano di imitare - senza alcun gusto - atteggiamenti e sacralità maschili.

    RispondiElimina
  4. Facce di casa nostra. Ne conosciamo tutti un bel po' di donnicciole sulla sessantina che vorrebbero agghindarsi così, da baba-yaga arcobaleno.

    RispondiElimina
  5. Ariodante Dalla25 giugno 2010 09:02

    Molte volte le donne sono di gran lunga migliori degli uomini.
    Chissà mai perchè non dovrebbero essere ordinate Diacone, Presbitere e Vescove!
    Quando mai Gesù Cristo ha fatto differenze tra uomini e donne?
    Non mi rispondere che Gesù ha ordinato soltanto uomini: a parte che quegli Uomini erano tutti ebrei e circoncisi - e gli attuali non lo sono - ma qualche studioso di storia delle religioni (es, Prof. Remo Cacitti dell'Università di Milano) afferma che pure le donne nell'antichità sono state ordinate

    RispondiElimina
  6. Maestro di Cappella affranto25 giugno 2010 09:03

    Ho deciso, il prossimo carnevale ripongo l'abito cardinalizio alla Richelieu  e mi maschero da vescovessa angligana. Farò contento i neoterici con un gesto..... che unisce e non divide.....

    RispondiElimina
  7. Mi chiedo soltanto:  ma come fanno gli psuedo-fedeli a prendere sul serio una pagliacciata del genere?

    RispondiElimina
  8. E allora, che cambia se eran ebrei e circoncisi? E poi nell'antichità? Quale antichità? Con quali prove? Con quale nesso con il cattolicesimo?

    RispondiElimina
  9. <span>basta leggere questi documenti</span>

    Giovanni Paolo II, Lettera apostolica Ordinatio sacerdotalis, 1994.
    Giovanni Paolo II, Lettera apostolica, Mulieris dignitatem, 1988.
    Paolo VI, Rescritto alla lettera di Sua Grazia il Rev.mo dott. F.D. Coggan, Arcivescovo di Canterbury, sul ministero sacerdotale delle donne, 1975.
    Congregazione per la Dottrina della Fede, Dichiarazione Inter Insignores circa la questione dell’ammissione delle donne al sacerdozio ministeriale, 1976.

    RispondiElimina
  10. Semplicemente perché Gesù ha effettivamente ordinato soltanto uomini, che erano sì ebrei e circoncisi, ma che hanno a loro volta ordinato gentili convertiti senza chiedere loro la circoncisione (ricordarsi il concilio di Gerusalemme e i successori immediati di Pietro alla cattedra episcopale romana forse tutti da lui stesso ordinati: Lino, Cleto, Clemente). Da lì il concetto di tradizione apostolica, diverso da quello di archeologia. Quanto poi al fatto che qualche professore sostenga che ci fu qualche donna ordinata, qui siamo nel campo della scienza storica, che non dà mai le certezze di cui ha bisogno la pratica di fede e di dottrina, ma soltanto probabilità valide per il dibattito scientifico. E poi, se anche fosse: chi le ordinò? E alla luce della dottrina sacramentari, furono ordinazioni valide? Basta pensare al can can che è stato fatto attorno alle diaconesse, il cui ruolo era in effetti molto più ristretto rispetto a quello che qualunque novatore si potrebbe augurare e che, di fatto, sono più un argomento a favore della differenza di genere nella Chiesa, che dell'uguaglianza.

    RispondiElimina
  11. DANTE PASTORELLI25 giugno 2010 09:19

    Ma hanno Halloween: e questa è una foto di quella festa pagana.
    Lasciamoli ancora frantumare in mille pezzi: è la sorte delle sette. Lontane dal centro informatore che è il Papa, Vicario di Cristo, altro destino non si può pretendere. Purtroppo la vrantumazione sta verificandosi anche nel Cattolicesimo, con la formaizone di movimenti e cammini  che non convergono sull'unica Verità e l'unico centro ma verso capi pseudo-carismatici e falsi nuovi profeti., e con parroci e vescovi che fan di tutto per crearsi una loro piccola chiesa. Pastorale e attak, Santo Padre.

    RispondiElimina
  12. Una bella risata mattutina  :-D

    RispondiElimina
  13. Io qui passo per progressista e modernista, ma devo dire che oggidì gli anglicani sono messi veramente male.

    RispondiElimina
  14. Il carnevale non passa mai di moda!Peccato che il "decoro" di taluni sacerdoti conciliari nella celebrazione del sacrificio eucaristico non sia meno irriguardoso delle buffonate della suddetta.

    RispondiElimina
  15. Ormai si vede, anche solo dalle persone e dai paramenti, che queste "chiese" sono diventate un circo....basta vedere i paramenti da clown che questa signora, che crede di essere un vescovo, indossa...forse se Enrico VIII e Lutero avessero visto cose del genere...chissà se forse ci avrebbero ripensato...

    RispondiElimina
  16. Se ben capisco pastorale e attak dovrebbero essere i rimedi. A mio avviso, però, eliminerei il primo: quanti episcopi-guai a chiamare vescovi i vescovi!- ne abusano, non fanno altro che parlarne, tacendo, beninteso, che cosa voglian dire con questo termine.
    Per l'attak ci sto, ma da usare sulle bocche di certuni...
    Aggiungo, mi permetto, un sano sbandieramento di ortodossia. Per quasi tutta l'esistenza della Chiesa, i pontefici avevano a cuore di SRADICARE l'eresia. E l'eresia ormai serpeggia fra gran parte del clero, grazie anche alla complicità di certe aperture al mondo protestante avute col CVII- che non è una marca di bidet. Bisogna che il papa abbia il coraggio di fare un gran ripulisti in curia e di dire che l'eresia c'è e va abbattuta. Così finalmente avrà più attenzione.

    RispondiElimina
  17. Il dramma è che paramenti siffatti, talora, è possibile ammirarli anche su preti (almeno formalmente) cattolici!

    RispondiElimina
  18. Pagliacciate: è un carnevale continuo. :'(

    RispondiElimina
  19. Nella prima foto la signora è in uno stand di VinItaly e distribuisce panini con pancetta coppata e caraffe di buon lambrusco...poi non capisco perchè nelle successive si sia travestita da nano da giardino...mmm forse potrebbe essere assunta a Gardaland nel ruolo di druido nel villaggio di Prezzemolo.
    Certo che dopo la foto della pretessa italiana e della vescovessa americana, rischiamo di avere migliaia di richieste di riconciliazione con Roma, da parte di anglo-cattoliconauseati.
    E forse la conversione di qualche neocatecumunista...ops...menale volevo scrivere menale.

    RispondiElimina
  20. Guido - Torino25 giugno 2010 11:17

    Adesso divento cattivo...
    Nella seconda foto più che con la croce astile la vedrei con una scopa

    RispondiElimina
  21. Le donne, naturalmente maestre d'eleganza, quando vanno contro (sopra)natura sono di un cattivo gusto indicibile

    RispondiElimina
  22. Credo che con pastorale si volesse qui intendere "legnate con il vincastro" (o con la rinnovata verga d'avellano).

    RispondiElimina
  23. Infatti i dodici Apostoli erano tutte donne... ...la prego, Ariodante!

    RispondiElimina
  24. Secondo me ce l'ha ma la utilizza solo la notte del 5 gennaio.

    RispondiElimina
  25. "Schwarz Gewand und Schweigsamkeit kleidet jeglich Weib gescheit", diceva un tal filosofo qui innominabile (sennò Don Camillo chi lo sente?!). "Veste nera e bocca chiusa veste ogni donna d'intelligenza".

    RispondiElimina
  26. Piu che un vescovo a me sembra la figura allegorica della Miseria.

    RispondiElimina
  27. La regina Elisabetta avrà tendenze demodé, ma sempre di buon gusto si tratta pur se un pochino desueto; la vescovessa mostra solo pessimo gusto.
    Quindi l'accostamento tra le due madams è assolutamente improponibile.

    RispondiElimina
  28. Povere donne illuse, pensano di essere importanti usurpando un ruolo non loro. Veramente ridicole fino alla tristezza queste vescovesse. Solo vanità e nulla più!

    RispondiElimina
  29. DANTE PASTORELLI25 giugno 2010 12:16

    Forse per Dalla la figura accanto a Gesù nelle raffigurazioni dell'Ultima Cena,era davvero la Madadlena. Ma S. Giovanni doveva esser assente e quindi non dev'esser mai stato ordinato da Gesù. E poi, perché la Maddalena sì e la Madre no? Non era Maria la migliore in assoluto se si deve fare a chi sia il migliore come fa lo stonato Dalla? Siamo ancora a queste spiegazioni da bar d'infimo livello?

    RispondiElimina
  30. DANTE PASTORELLI25 giugno 2010 12:20

    Ma il Pastorale è anche un bastone. E l'attak è multiuso. E può servire a chiudere non solo la bocca. Anche, però, a ricostruire il corpo ecclesiale che va frantumandosi. Lavoro altamente qualificato, un restauro da Spirito Santo.

    RispondiElimina
  31. DANTE PASTORELLI25 giugno 2010 12:22

    Scopa in mano o a cavallo d'una scopa?

    RispondiElimina
  32. Giovanni Mandis25 giugno 2010 12:25

    La Chiesa cattolica invece dice che le donne non son mai state ordinate.

    RispondiElimina
  33. Un bravo al professore Pastorelli come sempre chiaro e onesto!!!!

    RispondiElimina
  34. Luis Moscardò25 giugno 2010 12:40

    Concordo: e il baratro dell'illusione è bel mostrato dagli orecchini che pendono dalle orecchie sormontate da quella specie di mitria in stoffa da amaca di giardino.... Che pena.

    RispondiElimina
  35. quella dovrebbe essere un ferula, le croci astili si portano nelle processioni... :-)

    RispondiElimina
  36. Ma la Regina in qualità di capo formale della Chiesa Anglicana cosa pensa di questa situazione?

    RispondiElimina
  37. pepito sbazzeguti25 giugno 2010 12:46

    Ma no,la signora recitava la parte di Titania 'la regina delle Fate' in "A MIDSUMMER NIGHT'S DREAM " .
    Nei Paesi di lingua anglofona Shakespeare e' preso molto seriamente ! ;)

    RispondiElimina
  38. Non vedete la  bellezza, la pluralità di voci e colori, la coralità di una Chiesa che finalmente ha avuto il coraggio di sposare l'unità nella diversità...dove possiamo trovare se non tra gli angli-cani preti omosessuali che celebrano una messa pretridentina in pizzi e merletti, comunità che propongono una doppia giurisdizione su chi accetta o no le vescovesse e che pensa che tutto questo sia frutto dello Spirito Santo...

    RispondiElimina
  39. Guardando queste foto pietose, mi accorgo di un particolare: ora ho scoperto da chi prendeva spunto Piero Marini per agghindare Papa, cardinali e vescovi in S. Pietro!

    RispondiElimina
  40. istriano......25 giugno 2010 13:33

    .............e'............ridicola.........................!

    RispondiElimina
  41. E' pure racchia !25 giugno 2010 13:53

    Scusate l'unico commento possibile.

    RispondiElimina
  42. Le donne non sono mai state ordinate. Non lo dice solo la Chiesa cattolica, ma la storia. Se stiamo a sentire il professore universitario di turno finiremo per sentirci dire che Gesù era una donna travestita da uomo. Purtroppo, le parole non sono argomenti.

    RispondiElimina
  43. <span>angli-ca...   mi sembra una stronzata bella e buona: te (e ce) la potevi  risparmiare. Mi auguro di cuore che il Don che hai messo nel nickname  sia quello di un nobile siciliano e NON di un presbitero...</span>

    RispondiElimina
  44. DANTE PASTORELLI25 giugno 2010 16:16

    Non solo, e eper bocc di S. Paolo dice anche che devon tacere in ecclesiis. E invece straparlano. Riforma liturgica contro S. Paolo: disfatta di S. Paolo?

    RispondiElimina
  45. DANTE PASTORELLI25 giugno 2010 16:19

    La regina pensa al suo appannaggio.

    RispondiElimina
  46. DANTE PASTORELLI25 giugno 2010 16:20

    Vediamo, vediamo ed altamente apprezziamo.

    RispondiElimina
  47. Christus Spes Mea25 giugno 2010 16:35

    La Regina è impegnata a chiedere aumenti di stipendio per il mantenimento della Corona...

    RispondiElimina
  48. misereatur eius25 giugno 2010 16:42

    Ariodante, dalla!

    RispondiElimina
  49. bhe di pagliacciate ne compì parecchie anche il santo subito

    RispondiElimina
  50. Ils boivent beaucoup, ces épiscopaliens…

    RispondiElimina
  51. Non voglio giudicare ciò che si fa nell'ambito di altre religioni o confessioni, tuttavia visto quel che accade correntemente a casa nostra non vorrei che quelle fossero le immagini del nostro futuro prossimo.

    RispondiElimina
  52. Vanno lì per ballare ....

    RispondiElimina
  53. il figlio di mign...25 giugno 2010 19:29

    Le donne non sono migliori degli uomini, come gli uomini non lo sono delle donne. Sono semplicemente diversi. Complementari.

    RispondiElimina
  54. pluralismo NovusOrdo25 giugno 2010 19:42

    <span>futuro prossimo ? 
    presente, vorrai dire....per quanto sia oltre Atlantico! 
    un es. tra tanti: 
    http://www.youtube.com/watch?v=wedpLBTKd84&feature=related 
    (purtroppo è da voltastomaco, specie la parte finale....)</span>

    RispondiElimina
  55. Ha un naso che è una diocesi!

    RispondiElimina
  56. ci tengono tanto a vestirsi da CARNEVALE !!!!!!

    RispondiElimina
  57. Bhe, chi si ricorda Giovanni Paolo II a Notre Dame nella giornata mondiale della gioventù, mi sembra fosse il 1998.

    RispondiElimina
  58. Basta ricordare il piviale indossato (o meglio fatto indossare) dal venerabile sommo pontefice Giovanni Paolo II in occasione dell'apertura del Giubileo dell'anno 2000.

    RispondiElimina
  59. DANTE PASTORELLI26 giugno 2010 18:49

    Si comincia con l'esser progressisti - affetti da smania di falso progresso - e si finisce per esser stritolati dalle proprie scelte. Il vero progresso niente di santo e sostanziale, neppure di nobile e bello, distrugge nella Chiesa.

    RispondiElimina
  60. é veramente racchia!

    RispondiElimina
  61. Bellissma questa!

    RispondiElimina
  62. Filippo Burighel29 giugno 2010 22:39

    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!! :-D

    Le foto della babbiona travestita da sono esilaranti! :-D

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.