sabato 24 aprile 2010

Il dadone rosso

Queste curiose fotografie sono state scattate nella Chiesa dell’Abbazia Camaldolese di Montegiove, Diocesi di Fano. E' stato tolto persino il tavolino-altare (perché troppo tradizionale?) per sostituirlo con questo vampiresco cubo rosso. Bloody affair, indeed!

I fedeli che assistono alla santa Messa; anzi, alla "celebrazione eucaristica", al momento della comunione si avvicinano al cubo-altare per prendere da soli l’ostia consacrata. Self-service. Nella foresteria, vicino l’arco di ingresso dell’abbazia, si trovano appese alla parete le foto di alcuni personaggi della sinistra italiana assieme a delle frasi autografe che hanno voluto lasciare “ad perpetuam rei memoriam” ai monaci. Paolo VI incoraggiò il dialogo fra i monaci e gli esponenti della sinistra italiana ed internazionale.

Per fortuna l’intero complesso abbaziale è tutelato dalla vicina Soprintendenza di Urbino : questo ha evitato le distruzioni perpetrate in altri parti.

Questa la linea programmatica della comunità, così come si trova nel sito ufficiale :
http://www.eremomontegiove.it/it/itinerari-e-incontri.html




77 commenti:

  1. Ma mica lo usano tutti i giorni per la messa, solo la domenica e le feste! C'è scritto così nel loro sito: <span>NB: <span>La Celebrazione Eucaristica</span> ha luogo <span>solo nelle Domeniche e nei gironi (sic!) di Festa o Solennità infrasettimanali. </span></span>
    Capito? Nei giorni feriali (o gironi infernali?) NIENTE MESSA, nè per monaci, nè per ospiti. Non credo sia proprio normale per i ritmi camaldolesi. Che ne dite? =-X

    RispondiElimina
  2. ma che cosa c'è ancora di "normale" in questa Chiesa alla deriva dell'apostasia ?
    in nome della libertà tutto è permesso, anche sostituire l'altare o il tabernacolo con un UFO....
    tutto....ma non è più concessa la Messa feriale ? beh.... ci avviamo all'abolizione del Santo Sacrificio (ora solo nei giorni feriali)

    RispondiElimina
  3. Credevo d'esser io maestro di perversione ed invece ora mi tocca andar ad imparare da un camaldolese...

    RispondiElimina
  4. si va tutti verso una ....catto-qaaba !
    :'(

    RispondiElimina
  5. quale libertà24 aprile 2010 09:06

    <span><span>qualcuno ha detto: <span><span>"In dubiis Libertas!" </span></span>    
    Io credo seriamente che questa massima sia da applicarsi a tutti quelli che in nome del Concilio hanno dato il via a tutta la loro creatività, senza più freni: hanno potuto farlo, perchè di fronte alle aperture dei documenti conciliari a tutte le variegate interpretazioni innovatrici, bisogna appunto ripetere:    
    <span>"In dubiis Libertas!" </span>    
    .....e il clero si è concesso tutte le libertà che voleva, compresa questa, compreso l'abominio del self-service dell'Ostia consacrata, e ha condotto i fedeli al degrado della Fede nella Presenza Reale, in crollo verticale!    
    Ma chi li può accusare di aver trasgredito qualche PRECISO DIVIETO ?    
    IN NOME DI QUALE LEGGE precisa e rigorosa, con norme inderogabili e inequivocabili, si dovrebbero sanzionare gli autori di questo infame SCENARIO ?    
    Dobbiamo ripetere ancora che, in seguito al vento nuovo del Concilio, si è realizzatro quel principio pratico di orientamento, quando uno deve scegliere tra una linea A o B o C, ugualmente possibili e lecite...., in una scelta posta <span>in par condicio</span> tra varie opzioni:  </span>  
    <span><span>                                                                 "In dubiis Libertas!" </span></span></span>

    RispondiElimina
  6. Andrea Carradori24 aprile 2010 09:31

    Al mattino del sabato, oggi non ho scuola, debbo vedere queste brutte cose .... della mia amata e bella regione.
    Sono stato due anni fa, assieme ad un Teologo, a far visita alla comunità dell'Eremo di Montegiove.
    Il cubo allora non c'era.
    C'era il tavolino-altare ( bello come tavolino, mi pare pure che fosse stato antico).
    Evidentemente le "menti" che circondano i poveri monaci, senza veste ma solo in jeans e felpe, avranno loro consigliato di adeguarsi alle Diocesi austriache, Linz ad esempio, adottando il cubo blasfemo.
    A proposito del cubo anche il nuovo altare davanti la definitiva tomba aurea di Sam Pio da Pietrelcina è un cubo...
    Cosa vorranno dire questi innovatori facendo collocare dei cubi al posto degli ormai vecchi tavolini da cucina-altari ?
    E' patetico vedere come gli anziani monaci, figli più del Concilio che di San Benedetto, seguano i più sfrenati dissolutori della Liturgia.
    Auguro un buon fine settimana ( anche se piove) agli Eccellentissimi Vescovi Marchigiani che ci ( mi ) leggono .

    RispondiElimina
  7. Cara Redazione di Messa in Latino....questa volta vi rimprovero la carenza di HUMOR.....ma come?! non sapete che FARE LA O IL CUBISTA E' DI MODA? Una volta si chiedeva alle bambine o ai bambini cosa volessero fare da grandi....ebbene oggi fra i vari mestieri c'è quello o quella della CUBISTA.... e allora, volevate forse che GESU' fosse da meno? :) :-D  Suvvia! volete togliere a Gesù il divertimento di BANCHETTARE su di un CUBO ROSSO?
    Meritereste una tiratina d'orecchie!!! :-D
    Domani è la Giornata Mondiale per le Vocazioni....mah!
    Intanto un abbraccio in Cristo a TUTTI i Sacerdoti, il resto mettiamolo davvero nelle mani di questo povero Cristo, sballottato qua e la dai venti delle nostre mode...e che ci perdoni!

    RispondiElimina
  8. Triste, anzi inaccettabile, incomprensibile questo pseudo altare blasfemo. Rendiamoci conto di cosa è oggi la Congregazione Benedettina Camaldolese. Gli altri Ordini monastici o mendicanti sono ancora peggio. Rivolgerei un caloroso invito alle giovani vocazioni per la vita monastica o religiosa: state lontani da questi uomini che non sono più nè monaci nè consacrati religiosi. Se ci tenete alla vostra vocazione e alla salvezza delle vostre anime, tenetevi lontani da queste comunità monastiche progressiste.

    RispondiElimina
  9. I camaldolesi sono, per  chi nn lo sapesse, i monaci che hanno rinunciato alla loro veste bianca, hanno rinunciato agli abati, ogni monastero si è proclamato autonomo, con le settimane ''Studi Camaldolesi'' hanno, dagli anni settanta, sviluppato molti temi tra cui il dialogo interreligioso.Camaldoli mutò radicalmente grazie all'abate Caronti, tarantino, che rivuluzionò l'abb. e la vita stessa dei monaci che si aprirono al mondo divenendone punto di riferimento.Le monache camaldolesi sono  le più libere tra le claustrali, nn indossano neanche più l'abito.Soltanto per la preghiera indossano, sia monaci che monache ,un camice con zip. Il fatto che essi, da come si può leggere sopra, non celebrino più le messe feriali potrebbe essere l'ultima loro trovata: nelle comunità ortodosse nn tutti i giorni si celebra l'Eucaristia, nell'uso antico le messe erano domenicali ed in occasione delle feste, fu la riforma monastica cluniacense ad affermare la messa quotidiana.Credo che i nostri amici camaldolesi si siano riagganciati a queste cose remote e superate per motivare questa prassi .

    RispondiElimina
  10. che strano, sul pavimento c'è una stella a otto punte! fatela notare a qualcuno che tanta la odia o che forse non ne conosce il singificato.

    RispondiElimina
  11. nel frattempo negli Stati Uniti:
    <span><span>The Old Mass Returns</span></span><span><span>
    </span></span>
    <span> </span><span>For the first time in 40 years, the old Latin Mass will be celebrated in the largest Catholic Church in America, the Basilica of the National Shrine of the Immaculate Conception. Time: 1 p.m. tomorrow, Saturday, April 24, commemorating the 5th anniversary of the installation in 2005 of Pope Benedict XVI as Pope</span><span>
    </span><span> </span>

    RispondiElimina
  12. Ah questo po pò di cubo ( ribadisco, non nel senso di cacca ) è un bellissimo esempio d'arte contemporanea.
    Certamente l'autore deve averlo concepito dopo aver assistito alla messa moderna o dopo una colica renale. Sicuramente è stato ispirato dallo spirito...dei liquorini venduti in foresteria.
    Quel bel colore rosso lambrusco si intona perfettamente con le foto appese alle pareti.
    Utilissimo e polivalente, adatto per messe, conferenze, tornei di ping-pong dell'oratorio, e volendo anche per tirare la pasta per le tagliatelle della festa dell'unità (le minuscole sono volute).
    Bravo, Bravo ,Bravissimo e ottimo gusto del monaco che ha scelto questo modello tra i tanti esposti all'IKEA. Lei veramente capisce un cubo!
                                                                                     Fabrizio

    RispondiElimina
  13. Anche in Cattedrale a Reggio Emilia in occasione dei restauri hanno eliminato l'altar maggiore (alla faccia dell'ermeneutica della continuità) e hanno messo come altare nuovo un CUBO dorato del tutto simile a quello camaldolese.
    Ora, a prescindere dall'orrore artistico e dall'inadeguatezza liturgica del dadone, è evidente che si non si tratta di un caso isolato o di un'iniziativa estemporanea. Per cui ritengo che sotto questa orribile innovazione, ripetuta in tante chiese, ci sia un costante pensiero teologico liturgico. Se sì, qualcuno mi sa spiegare quale?
    In altre parole, perchè l'altare adesso deve essere realizzato a mo' di dadone dove c'è spazio a malapena per un corporale, figuriamoci per il Crocifisso (alla facicia dell'esemplarità delle celebrazioni papali)?
    Grazie a chi voglia rispondermi...

    RispondiElimina
  14. tutti conosciamo il significato della stella a otto punte, come quello dell'ottagono, la figura geometrica più vicina alla perfezione del cerchio (l'8 è il numero di Cristo e quello dell'ottavo giorno, "il primo dopo il sabato" dice Giovanni, il giorno della "Creazione Nuova" nella Sua Risurrezione)...

    Vorrei ricordare a Lux, per la precisione, che qui non c'è nessuno che odia la stella ad otto punte, mentre in altri thread si parlava dell'utilizzo della stella di david (a sei punte) stigmatizzandone appunto l'uso cristiano  - dato che quel simbolo per i cristiani è superato dalla Croce - ma senza alcun odio.

    Più che odio, esprimerei invece orrore e rifiuto per la stella a cinque punte, noto simbolo satanico

    RispondiElimina
  15. Se è per questo in chiese antiche c'è anche Satana che regge l'acqua santiera.....erg?

    RispondiElimina
  16. Gentile lux....se è per questo in certe chiese antiche c'è anche Satana che regge l'acqua santiera....ergo?

    RispondiElimina
  17. Andrea Carradori24 aprile 2010 11:09

    Ora vado a vedere il sito della Diocesi di Reggio Emilia.
    Voi non avete fatto nulla ???
    Ripropongo la domanda che avevo fatto prima : " Che significato può avere nella mente dei deformatori della Liturgia il cubo" ?
    Io non so darmi una spiegazione.

    RispondiElimina
  18. ITER PARA TUTUM24 aprile 2010 11:10

    A fare la cubista potrebbero metterci Rosy Bindi... ovviamente nuda, mostrando così a tutti le "bellezze" del suo corpo che io ebbi la sventura di vedere molti anni fa! (ed era tutta nuda, non solo semisvestita).
    Almeno non solleciterebbe a peccare contro il Sesto Comandamento... infatti io non fui affatto sollecitato, anzi......

    Tornando in topic, alcuni anni fa fui, l'unica volta, all'Eremo di Camaldoli. Anche lì vidi parecchie cose strane, compreso il fatto che la S. Comunione sotto le due Specie si prendeva da soli, prelevando l'Ostia da una teca ed intingendola in un recipiente con il Vino. Vedendo l'evidente abuso (ce n'erano anche altri) mi astenni.

    Che San Benedetto, Patrono d'Europa, ci protegga!

    RispondiElimina
  19. ITER PARA TUTUM24 aprile 2010 11:12

    Dimenticavo: e dire che i Benedettini - Camaldolesi vantano, fra i loro membri, anche il grandissimo Papa Gregorio XVI!!!
    Da come sono adesso, speriamo che il futuro Benedetto XVII non provenga da loro...

    RispondiElimina
  20. Sono esterefatto a vedere un simile scempio! Del resto persino nella Cattedrale di Notre Dame a Parigi c'è un altare simile, un po' più artistico ma cubo rimane! Se non si correrà subito ai ripari ne vedremo delle belle! Quello che ritengo ancor più vergognoso è che ciò accada in un monastero: vergogna, vergogna!

    RispondiElimina
  21. Caro Emilio, ma il motivo l'hai scritto tu stesso; Proprio per dare ai vescovetti un motivo pratico per non imitare il Santo Padre.

    RispondiElimina
  22. Gentile Emilio....ciò che sta accadendo alla Chiesa è un rinnovamento (sbagliato secondo me e a quanto pare secondo Benedetto XVI) che miri a fare Chiese NUOVE che abbiano un concetto dottrinale, secondo loro, più APERTO.... in sostanza le Chiese con una costruzione e con adattamenti "all'antica" sarebbero SUPERATI, incomprensibili anche alle altre culture....ergo, una nuova chiesa che abbia al suo interno un arredamento un pò più MODERNO E AL PASSO CON I TEMPI, facileterebbe, secondo loro, un approccio al "culto"...

    Ora, ciò che invece sta emergendo è ben altro...il Papa per esempio ha eliminato quell'obbrobrioso altare in ferro messo da Paolo VI della Cattedra, nella Basilica di San Pietro.... nel ricomporre i restauri della Cappella Paolina, ha evitato che l'idea modernista facesse sparire il vecchio altare optando, con lo stesso, l'opportunità di celebrare in entrambi i modi senza per questo deturpare la dottrina....
    Il Papa fa, ma siamo alle solite, altrove si ignora il tutto....
    Lo scardinamento dell'arredamento delle Chiese sta a dimostrare semplicemente la visibilità della NUOVA FEDE CATTOLICA...si, NUOVA! che non abbia a ricordare gli antichi "sfarzi"....che sia semplice ma a quanto pare sembra essere più costosa degli antichi arredi....è infatti, tutto ciò IL NUOVO CONCETTO DI LITURGIA che di fatto tuttavia, non è affatto voluto nè dal Concilio nè dal Pontefice, ma si fa, perchè <span>dal</span> Concilio  ( e non già<span> IL</span>...concilio!) l'idea che TUTTO è da rifare, è diventato oramai una costante...
    Ci auguriamo e speriamo nella promessa del Signore: NON RESTERA' PIETRA, SU PIETRA....

    RispondiElimina
  23. se vi capita di passare da Palermo entrate in Cattedrale e guardate che razza di ''altare maggiore'' hanno montato da qualche anno... :(

    RispondiElimina
  24. Mi sono scervellato per trovare un significato teologico del cubo. L'unico che mi è venuto in mente è la similitudine con l'ara dei templi pagani...neo-paganesimo in vista ?

    RispondiElimina
  25. Ecco qui lo speciale del settimanale diocesano relativo all'adeguamento liturgico della cattedrale di Reggio Emilia: http://www2.reggioemilia.chiesacattolica.it/Liberta/Speciali/090328-SpecialeDuomo.pdf

    Una ulteriore informazione: la Cattedra episcopale è stata rimossa dal presbiterio (ora sul presbiterio c'è solo il cubetto di cui sopra e quindi appare sterminato e desolatamente vuoto) ed è stata messa in navata.
    Ora, questa soluzione oltre ad essere in contrasto con l'ordinamento generale del Messale Romano, dimostra un significativo mutamento di pensiero:
    Il Vescovo non sta sul presbiterio ad insegnare al popolo a lui affidato (quello dovrebbe essere il suo ufficio, eppure...) ma si mette alla pari dei fedeli. Questa soluzione disconosce che il Popolo di Dio riunito a Messa è sempre gerarchicamente ordinato e non una massa indistinta. E tale gerarchia deve essere evidente, specialmente nella Cattedrale, ma tant'è...

    RispondiElimina
  26. IL cubo tradisce persino l'apetto di una mensa conviviale, è la concretizzazione di uno spirito dissacratore, un futurismo ecclesiastico che vuole, anche nelle cose esteriori più ovvie, essere diverso dal ''prima''.Il significatp nn può esser quello di un tavolo da banchetto, da refezione quotidiana, esso è un qualcosa che esiste per se stesso, nn è simbolico ma sintomatico di una profonda crisi, forse anche di fede.Ho usato prima la parola Futurismo, ricordate per svecchiare la retorica dell'italianità  essi spararono, con una pistola, su di un piatto di spaghetti. ...

    RispondiElimina
  27. Consoliamoci:

    http://www.newliturgicalmovement.org/index.html#4014335433701727560

    RispondiElimina
  28. Che spiegazione vuoi trovarci?
    Secondo me il guaio è che non c'è una spiegazione si tratta di ARTE, semplice e pura arte...a meno che non gli si voglia dare un qualche elemento esoterico.... Ma il guaio vero e proprio è che assecondando IL GUSTO (di chi poi non s'è capito) si va perdendo il SENSO E IL SIGNIFICATO DELL'ALTARE per lasciare posto all'ARTE.... è successo anche a Notre Dame de Paris, una tristezza vedere il Papa ai Vespri, vicino a quel cubo ARTISTICO che solo in un SECONDO tempo ha la funzione dell'altare... se dunque prima VIENE L'ARTE E L'ESPRESSIONE DELLE NUOVE CHIESE, va da se che il nuovo arredamento NON deve richiamare immediatamente alla dottrina, questa è diventata un opcional....
    non ci leggo altre spiegazioni, i fatti parlano da soli e sottolineano queste linee guida...

    RispondiElimina
  29. PARLA UN ARCHITETTO!

    <span>Non eravamo in possesso di documenti riguardanti gli altari presenti nelle varie epoche a partire dalla costruzione della chiesa; la progettazione dell'insieme è stata quindi fatta sulla base degli orientamenti contenuti nella Costituzione conciliare Sacrosantum Concilium e nei Principi e Norme per l'uso del Messale Romano (PNMR) a proposito dell'arte sacra (dignità e bellezza, aggiornamento tecnico, libertà di stile, bellezza non sontuosità), in modo da raggiungere una nobile semplicità piuttosto che il fasto.</span>



    <span>E' stata quindi mia intenzione realizzare un altare interamente in pietra che avesse un'immagine "antica" di tavolo, di mensa conviviale.</span>


    :'(  senza parole!!! qui trovate l'articolo integrale

    RispondiElimina
  30. Un alttra ARTISTA:

    Parrocchia di San Giuseppe OperaioLa scultrice Ada Tassi completa il nostro altare13 Novembre 2004

    Con questa opera la nota artista piacentina ha completato l’area dell’altare. Suoi sono infatti il cubo che sostiene la mensa dell’altare,

    Le opere sacre della Tassi sono particolarmente vicine alla sensibilità dell’uomo moderno, senza rinunciare alla propria ispirazione che, in quanto arte, segue una propria strada non sempre di facile analisi. D’altra parte il messaggio cristiano è solo apparentemente semplice. La Tassi – influenzata dagli indirizzi del Concilio che ha avvicinato la liturgia e il sacro al popolo – riesce molto bene a leggere con le sue opere la nuova sensibilità religiosa e giunge a concepire le sue opere attente sia alla tradizione che alla religiosità moderna. Dice di lei il critico piacentino Ferdinando Arisi: “La Tassi non chiude le sue immagini nel recinto di una casa… ma le colloca dove si ferma la gente… per vedere o per pregare…”. Un altro critico – lo scomparso Mario Ghilardi – afferma che “La Tassi prima di operare ha studiato attentamente con scrupolo storico e umano le sacre Scritture, i testi della religione, nel costume, nello spirito dei tempi, nella conoscenza precisa e documentata dei fatti e dei personaggi che ella fa rivivere…”.



    clicca qui per l'articolo integrale

    *****************************

    NESSUNO CHE STUDIA IL MAGISTERO ECCLESIALE PER CREARE?

    MENSA DELL'ALTARE???
    io ho sempre imparato dalla Dottrina pura della Chiesa che si tratta DELL'ALTARE CHE DIVENTA MENSA e non il contrario....ma si sa...oggi è tutto possibile!

    RispondiElimina
  31. ............l'inferno...sara' pieno......di questa gente stupida....!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  32. Andrea Carradori24 aprile 2010 14:26

    Per Trinacia.
    Per favore potresti mettere il link del sito in cui si può vedere il nuovo altare che deturpa lo splendido e storico presbiterio della Cattedrale di Palermo?
    Grazie

    RispondiElimina
  33. Ma fino a quando non si ordineranno piu' vescovi satanico - modernisti, prassi tuttora invalsa, i nostri occhi vedranno vedranno simili oscenita'. Che Lo Spirito Santo dia la forza al Santo Padre di nominare Vescovi cattolici come...... Pons e Richard De Sade.

    RispondiElimina
  34. sempre nuovo sempre meglio24 aprile 2010 15:15

    ah certo...
    ma intanto, finchè viviamo noi, di questa generazione e almeno altre due, ce la dovremo sorbire, questa roba !
    senza che nessuno impedisca le innumerevoli schifezze di ogni genere !

    RispondiElimina
  35. <span>arte ? ma quale arte ??? 
    ci risiamo: in nome dell'arte tutto è permesso, allora ? ! qualsiasi blasfemia fino forse a mettere figure oscene su  oggetti sacri, come si è già visto da qualche parte ? 
    OVVERO: 
    "SE DIO NON C'E' TUTTO E' PERMESSO" ? 
    senza più alcun freno ?</span>

    RispondiElimina
  36. peggio ancora, massoni, nelle loggie massoniche l'altare cubo è il centro!!!!

    RispondiElimina
  37. guardi che la struttura gerarchica non esiste più: è stata smantellata dal 1962, cominciando del vertice, abbattendo l'Autorità suprema del Pontefice, per favorire la collegialità (tutti pari tra pari, compreso il Papa, che quasi nessuno degna di ascolto....)

    RispondiElimina
  38. forse anche di fede....
    solo  "forse" ? e che altro sarebbe ?

    RispondiElimina
  39. SACRO ? ?

    e che vorrà mai significare questa parola ???

    RispondiElimina
  40. e se il Papa non è d'accordo con questa robaccia, perchè non interviene ?

    e SE IN  NOME DELL'ARTE TUTTO E' PERMESSO
                                    PERCHE'  CI SCANDALIZZIAMO ???
    che male c'è in un cubo che serve da altare....o altro, se capita ???

    MALE.....che cosa mai significa questa parola ?...............
    SACRO......SACRILEGIO......PROFANAZIONE......
    REGOLE.....
    che significano mai queste parole ?  ?  ?
             Dio.....
    Dio.....chi era Dio   .....? ?

    RispondiElimina
  41. L'altare-cubo è massonico qui c'è da preoccuparsi, perchè non è un esempio isolato di simbolismi massoniche nelle chiese cattoliche di recente costruzione o ristrutturazione, ma uno dei molti, dei troppi!!!!! l'abominio della desolazione introdotto nel tempio, dove il tempio è la Chiesa Cattolica e l'abominio satana stesso travestito!!!! DIO SALVI LA SUA CHIESA, USQUEQUO DOMINE, USQUEQUO!!!!!

    RispondiElimina
  42. quale libertà24 aprile 2010 15:45

    <span><span>dice Caterina:   <span>NESSUNO CHE STUDIA....</span>    
    ahahahah    
       
    e chi mai OBBLIGA QUALCUNO a studiare qualcosa ? ? ?    
                                                                  vietato vietare    
    fine di ogni obbligo, ogni dovere, ogni autorità, ogni sanzione, ogni obbedienza ! ! !    
                                                  LIBERI TUTTI  !!!    
    ...........................    
    *DONT_KNOW* ...ehm...no, un momento:    
    TUTTO è permesso sì, senza limiti nè divieti di sorta....è vero, ma....    
    un solo divieto assoluto e indiscutibile deve continuare a valere per tutta la Chiesa:    
    celebrare la Messa Tridentina : VIETATO !    
    VIETATO anche nominare il Motu Proprio !    
    Per il resto.....ognuno faccia quel che più gli piace: basta che dica la parola magica:    
                                                        E'     ARTE      !!!    
                         E  SI FA PER adeguarsi alla <span>sensibilità dell’uomo moderno....!</span>    
       
    VIVA LA MODERNITA' !    VIVA IL CONCILIO  che ha permesso la modernizzazione della Chiesa  !!    
    (....perlomeno NON L'HA <span>MAI VIETATA ESPRESSAMENTE,</span> vero Caterina?.....l'ho capito da poco !.....)    
       
    :( </span></span>

    RispondiElimina
  43. Sunt lacrimae rerum24 aprile 2010 15:58

    Oshimaru : perchè il cubo è massonico ?
    Dacci spiegazione per favore .
    Concordo con l'invocazione finale : "Fino a quando o Signore" ?

    RispondiElimina
  44. Che tristezza sti camaldolesi con il loro cubo di Rubik. Ma avete visto nella foto dove è stato collocato l'ambone ?
    Perdonate se sono villano ma cito testualmente ciò che diceva un mio vecchio zio quando commentava risultati molto al di sotto della media: " Ma cosa pretendèt dal buss del cul na serenada " ?!
    Non traduco dal mantovano perchè credo sia chiarissimo.

    Ah la saggezza popolare...

    RispondiElimina
  45. "Nuova Chiesa" che avanza24 aprile 2010 16:20

    <span>Come a Fatima disse la Madre di Dio (ben informata più di noi, che l'abbiamo zittita, sugli eventi della Chiesa dagli anni '60 in poi....) si stanno avverando tutti i fatti preannunciati con quelle parole:

    In nessuna parte del mondo vi è ordine e Satana regna nei più alti seggi. Egli riuscirà ad introdursi fino alle sommità della Chiesa...
    .............
    Per la Chiesa verrà il tempo delle più grandi prove: Cardinali contro Cardinali e vescovi contro vescovi, Satana marcerà in mezzo alle loro file e a Roma vi saranno cambiamenti.
    Ciò che è putrido cadrà e non si rialzerà mai più. La Chiesa sarà offuscata ed il mondo avvolto dal terrore
    ...</span>
    ---------------
    più offuscata di così.....da non vedere il satanismo che striscia fino all'Altare di Dio !
    :'(

    RispondiElimina
  46. Volete il significato del cubo? E' un tavolino vestito a simmetria centrale adatto a celebrazioni mano nella mano e a fare la comunione buffet. E' rosso perchè così serve anche a fare le primarie del PD.
    Mazzarino

    RispondiElimina
  47. per Andrea Carradori

    RispondiElimina
  48. In cubis libertas :-D

    RispondiElimina
  49. In tutte le Chiese, vi è ordine tassativo ( da quando Benedetto XVI ha emanato il Summorum Pon. di "togliere" "distuggere" tutto quanto possa ricondurre con facilità alla celebrazione della messa coram Deo.

    Dove ciò non è possibile , realizzare nuovi altari che abbiano forma di un cubo  nel senso di andare secondo i canoni liturgici all'origine, all'ara, all'altare del sacrificio.

    Naturalmente gli ordini sono ordini, e la CEi con il suo ufficio Liturgico sta muovendosi con molta fretta e sta spendendo i bei soldoni.

    Davanti all'ostilità di alcuni parroci (pochi per la verità) partono le minacce e e intimidazioni.

    Si fosse adoperata con la stessa forza la CEi per debellare la piaga della pedofilia a quest'ora avremmo un Chiesa più santa e più bella.

    Invece.... si da la carica in materia liturgica  in nome del CVII e poi si mette il coperchio pergli scandali di preti conviventi , pederasti e pedofili.

    I commenti a questo punto sono superflui.........................................................
    il silenzio sulla distruzione della liturgia cattolica e sulla amoralità delle istituzioni clericali è un bel fiore all'occhiello per Bascasco e company.

      

    RispondiElimina
  50. A Camaldoli sono out ... San Romualdo si sta rigirando nella tomba!
    Matteo

    RispondiElimina
  51. Organizziamo una serata allo Jupitermount disco-dance.
    Caterina farà la cubista, accompagnata dalla band In cubis libertas e dal coro Badmonkies.
    Uno sballo raga!

    RispondiElimina
  52. fortunatamente esistono diverse comunità monastiche legate alla Tradizione. Di recente un ragazzo di Bressanone è diventato cappuccino nella comunità, legata alla FSSPX, di MORGON, nel lionese.

    RispondiElimina
  53. la stella c.d. di "DAVIDE", o di Salomone, non ha nulla a che vedere con la Bibbia. E' l'antichissimo simbolo dell'accadiano Naram-sin, riesumato dal capo della rivolta anti-romana del 130 d.C, Simone bar Kokheba, che, ancora oggi, non pochi ebrei reputano essere il messia

    RispondiElimina
  54. Simone da Varagine25 aprile 2010 02:54

    Ci provino a toccare l'Altare maggiore della mia Parrocchiale....mi ci trovaranno seduto sopra armato di bastone.
    ADESSO BASTA!

    RispondiElimina
  55. Giulia d'Amore25 aprile 2010 04:22

    Vergognoso!! Schifoso!!! Àpice dell'innaccettabile!!! Scandalo!! Blasfemeia!!! Basta!!!!

    RispondiElimina
  56. Questa é una Chiesa alla deriva, ma non solo per l'apostasia... Difficile anche pensarla divisa tra "buoni e cattivi". Difficile anche schierarsi con i "buoni", in quanto ampiamente responsabili del sopravvento dei "cattivi". Difficile un po' tutto. 

    RispondiElimina
  57. dipende da come é orientata! 

    RispondiElimina
  58. "Nuova Chiesa" che avanza25 aprile 2010 08:32

    <span><span>e si riesce anche a capire perchè le gerarchie della Chiesa abbiano messo il "bavaglio" alla Madonna fin dal 1960!    
    tutto l'orrore che vediamo e continueremo a vedere finchè Dio vorrà, non sarebbe fuoruscito dal vaso di Pandora che lo teneva rinchiuso, perchè, ascoltando la Nostra Madre Celeste, il Concilio non ci sarebbe stato, e nessuno avrebbe tolto i freni a Satana, che ha invaso col suo fumo la Chiesa; hanno snobbato gli avvisi gravissimi di Dio e della Madonna; e questa non è una favola per bimbi creduloni, perchè il Venerabile Pio XII aveva letto integralmente il messaggio della Madonna (quello mai rivelato ufficialmente) ed era preoccupatissimo !    
    <span>Pio XII non era un profeta, </span>ma quando disse all'amico Galeazzi (1936) quella previsione, realizzatasi con precisione terrificante, da 45 anni ad oggi, disse le cose come esattamente sarebbero andate, semplicemente PERCHE' AVEVA LETTO le <span>parole testuali di Nostra Signora</span>, che è venuta dal Cielo come Madre della Chiesa per avvisare i cattolici e tutta l'umanità dei pericoli che incombevano, cominciando dalla rivoluzione russa che dopo 3 mesi scoppiò, con tutto l'amaro seguito di diffusione del comunismo e dei suoi orrori nel mondo, oltre alla 2.a  Guerra....tutti mali che ci sarebbero stati risparmiati se i Papi le avessero dato ascolto ! Ma si sa.... i cattolici già si sentivano "adulti" nel 1960, non avevano bisogno di una Madre Celeste che li avvisasse di non correre dei gravi pericoli, come una mamma fa con figli ignari e spericolati ! e l'hanno snobbata e zittita, come portatrice di intralci e chiacchiere inutili;.....e come già dicevano gli illuministi del XVIII secolo, ritennero che l'uomo è buono per natura e va compreso e non corretto, magari si corregge da solo se sbaglia.....    
    ---------------    
    infatti: questi creativi dissacratori, ci sarà mai qualcuno che li corregge <span>? chi farà vedere loro DOVE STA L'ERRORE ?</span>  
    e chi ricorderà loro che cosa sono Bene e male, sacro e blasfemo, Vero e falso ? chi mai più potrà fare questo, nel buio che avanza ?....</span></span>

    RispondiElimina
  59. Sunt lacrimae rerum25 aprile 2010 08:34

    Anonimo delle 21, 27 ha perfettamente ragione !
    " <span>In tutte le Chiese, vi è ordine tassativo ( da quando Benedetto XVI ha emanato il Summorum Pon. di "togliere" "distuggere" tutto quanto possa ricondurre con facilità alla celebrazione della messa coram Deo ".  
    Quello che ho visto nel sito della Diocesi di Reggio Emilia e nella foto di Trinacria è terribile ed inaccettabile : togliere, distruggere tutto prima che " ci debbano ripensare" .</span>
    <span>Questa è la Chiesa, post Conciliare, violenta, sovversiva e autoritaria.</span>
    <span>Ne vedremo delle belle, solo che ora abbiamo la testa per pensare e le mani per agire : la tastiera del computer !
    </span>

    RispondiElimina
  60. caro MI,
    riguardo alla stella a  otto punte, della quale so bene il significato per averlo studiato, mi riferivo a qualche commentatore di qualche mese fa che giudicava negativamente la presenza della stella a otto punte in una chiesa... segno che il pseudo esperto non conosceva bene la simbologia. Per il resto condivido quello he hai detto e aggiungo che la stella a otto punte è pure simbolo mariano (vedi l'iconografia  della Vergine che appare spesso con tale stella sul petto). Ciao

    RispondiElimina
  61. ..........Distruggono...la casa di Dio!!! Dio distruggera'...loro!!!!!

    RispondiElimina
  62. <span>eh, caro istriano....da tempo ormai aspettiamo che il Signore voglia cacciare tutti i mercanti abominevoli dal suo Tempio, ma questi l'hanno occupato con violenza e sfrontatezza mai vista nella storia, si sentono ormai i padroni assoluti, e non hanno più alcun Timor di Dio, non temono di offenderLo...e il Signore li lascia imperversare, ancora per tanto tempo forse....  
    Non temono per nulla il ritorno del Padrone di Casa, come sta scritto in quella parabola dove Gesù dice:  
    "Quale sarà l’amministratore fedele e saggio che il padrone metterà a capo dei suoi servi, perché al momento giusto dia a ciascuno il suo cibo? Se il padrone, quando ritorna, lo troverà occupato a fare così, beato quel servo! Io vi assicuro che gli affiderà l’amministrazione di tutti i suoi beni. Se invece quel servo pensa: “...Il mio padrone tarda a venire”,  
    e comincia a maltrattare i servi e le serve, per di più si mette a mangiare, a bere e a ubriacarsi, in un momento che lui non sa, quando meno se l’aspetta il padrone arriverà. Lo separerà dagli altri e lo punirà come si fa con i servi infedeli."  
    (Luca 12, 35-46)  
    ----------------------  
    Non si riesce proprio a capire come si permettano abusi di tante specie, sempre più inauditi, di oltraggio e disprezzo per il Ss.mo Sacramento dell'altare, per la celebrazione della Messa, che una volta era piena di venerazione in ogni momento del rito sacro....e come invece possano essere maltrattati e impediti di parlare e agire quei fedeli che vorrebbero rivivere la Santa Messa di sempre!  
    (anzi sì, si capisce: proprio il Potere che domina è quello che è capace di tutte le dissacrazioni, non le vieta, non le corregge, non crede di dover obbedire a nessuna regola antica e sempre valida, poichè si è fatto le sue proprie regole e non ammette di essere giudicato e corretto da nessuno!.....E' un potere che non obbedisce al Magistero perenne, ma pretende sottomissione da tutti....)</span>

    RispondiElimina
  63. Sunt lacrimae rerum25 aprile 2010 14:14

    Si può, obiettivamente, dissentire da quello che ha scritto " senza freni" ?
    Il problema è la soluzione da dare per arginare questa orrenda realtà.
    Il potere, ecclesiale, pare che si preoccupi solo di contrastare il moderato ritorno alla tradizione...
    Si stanno dando la zappa sui piedi  da soli...
    Ecco quello che un semplice fedele, del posto, ha scritto dopo avere visto l'articolo, fin troppo moderato.
    " Appena ho visto la pubblicazione delle foto del cubo rosso, mi sono messo a ridere (dopo tanti  pianti...) però un'altra cosa molto importante c'era da scrivere e non è stato fatto: i preti della città sanno tutto: sanno che c'è il cubo, perchè l'hanno visto e di tutto il resto... 
    Purtroppo, la curia lascia passare tutto... Grazie".

    RispondiElimina
  64. Mi scusi Iter Para Tutum, ma che razza di locali si trova a frequentare, per poter assistere allo spogliarello dei politici? Forse i "padiglioni degli orrori" delle vecchie fiere?

    RispondiElimina
  65. Caronti? Davvero "nomen omen" ...

    RispondiElimina
  66. <span><span><span><span>....ecco, vede, "sunt lacrimae": la Curia (ogni Curia) lascia passare tutto, tutto quel che rappresenta "innovazione e trasgressione delle antiche regole" in nome del progresso! purchè si vada "AVANTI e non indietro" (dicono loro...), qualunque cosa si trovi davanti a chi corre verso OGNI NOVITA', senza distinguere più se sia cosa buona o cattiva, bella o brutta, sacra o blasfema!        
    Anche lei vive questa triste situazione, come me, come tanti, vero ? continuano le demolizioni degli altari, continua la deriva protestante della Messa, sempre più frivola e chiassosa (non esiste più un solo minuto di vero silenzio e raccoglimento per la preghiera interiore, nè prima della Consacrazione, nè dopo la Comunione: chitarre elettriche, tamburi, canti a squarciagola, passeggiate tra i banchi....questa è la normalità domenicale, anche senza vedere eccessi peggiori); continuano a scomparire i Tabernacoli dal centro dell'abside, ad essere sostituiti da oggetti di forme talvolta  "ufologiche", collocate nei punti più invisibili a chi entra, continua a intronizzarsi il "presidente" in quel seggio ben centrale dietro la "mensa", davanti al quale entrando in chiesa noi facciamo inchini e segni di croce (!)per inerzia di ricordi plurisecolari;....continuano le omelie d'impostazione socio-politica buonista ed eco-mondialista....        
    ma il messaggio, implicito o aperto, sprezzante o minaccioso ai fedeli tradizionali, tra tutte queste cose lasciate in piena libertà, è sempre ben chiaro, riguardo al ritorno della Messa antica:        
    <span>"Toglietevela dalla testa ! qui comandiamo noi, il Papa dica quel che vuole, non conta nulla"</span>, poichè hanno detto da 45 anni, HIC MANEBIMUS OPTIME ! a fatti più che a parole,....e i fedeli capiscono bene che cosa è permesso e che cosa è proibito (col linguaggio intra-verbale e gestuale....) e al 90% si rassegnano: e come potrebbero mettersi a fare la rivoluzione ? come potrebbero madri, padri, figli, cuginetti,        
    zii e nonni di svariatissima estrazione culturale e di scarsissima informazione dottrinale e storica, capire quel che di grave sta succedendo nella Chiesa, dal 2007 ad oggi, se dalla/e Curia è venuto fulmineo, predisposto nei punti-chiave e prontissimo a prevenire ogni piccolo "moto" di adesione al Papa, ogni battito di ciglia o di labbra consenziente verso di lui, al fine di stroncarli sul nascere, un potente divieto su tutti i fronti diocesani, assoluto e inattaccabile, di far aprire anche solo la bocca ai fedeli per chiedere che cosa sia il Motu Proprio ?        
    Le assicuro che nella mia diocesi, (a schiera con altre dieci-quindici in successione geografica, come pare....), la gente delle parrocchie non ha la più pallida idea di che cosa abbia detto di importante il Papa circa la Messa VO, e i navigatori del web che accedano con adesione di coscienza a blog come questo, sono davvero pochini...        
    Quale mai sarà quel povero/a parrocchiano dalla vita normale e tranquilla, che si senta in vena di fare ciò che ha proclamato qui sopra Simone da Varagine: sedersi sull'altar maggiore armato di bastone (o anche fino ai denti....o anche solo di parole e preghiere) per impedirne la demolizione ? son cose che si dicono solo per sfogare la pena interiore e la pia indignazione di fronte agli abomini crescenti....ma son parole al vento!</span></span></span></span>
    <span><span><span><span></span><span>E la [...]

    RispondiElimina
  67. Chi ha visto la diretta dalla cattedrale di crema?  Allora, candelieri e busti reliquiari sono finiti  in un cantuccio, altare miseramente spoglia, al centro il bel quadro dell'Annunciazione  e a destra del celebrante la croce, rivisitata forse da quella analoga ai candelieri.

    Insomma, "na tavola quadra" e qua e la, diocesi diversa da ogni diocesi, ora orpelli, ora semplice nobiltà.
    L'importante è far passare una idea di confusione totale a tutti i telespettatori.
    Tutto su Rai Uno , quindi con il consenso della CEI.

    Non parliamo di "A sua immagine" . Quanto ci manca la Bianchetti...........

    Sorelle vestie nel più svariato dei corredi, dal velo alla gonne corte, da suore vestie con abito in rigido longhette, a suore con golf, gonna e prive di velo.

    Due pupazzi ( uno con clergiman e una suora non riconducibile a nessun ordine monastico, o di vita attiva) ci riportavano all'idea di essere religiosi anche nell'abito.mah........ anche qui, un iganò con tanto di collarino libertè, un altro in rigido clergiman .

    Anche qui confusione, mai uno stesso modo di presentarsi.

    Il mio parrocomi ha detto: FIN QUANDO CI LASCIANO LIBERI PRENDIAMOCI LA LIBERTTA' NECESSARIA. Ed oggi, abbiamo avuto un grande cocktal:
    nella stessa celebrazione ecurastica:
    amministrazione del battesimo, ricordo delle vittime della resistenza, con tanto di gonfalone e tricolore sull'altare, applausi per tutti, cartelloni multicoloiri e pubblicitari sull'altare, una grande confusione ....... e tutto è bello e buono.......... viva l'Italia, applausi alla neo battezzata e banda con inno nazionale all'uscita della chiesa per la nascitura battezzatta, e la bella corona di alloro per i caduti.

    Viva il Concilio! 

    RispondiElimina
  68. ma è...pazzesco !!

    RAI    :    DI  TUTTO   DI    PIU'    !

    RispondiElimina
  69. Io sono stato obligato a pagare il canone RAI , pur non avendo in quel tempo la televisione, in "virtù" del mio abbonamento internet.
    Una legge dell'ulivista Prodi, infatti, quello che va spesso all'eremo di Camaldoli, obbliga chi non ha l'apparecchio televisivo a pagare il canone RAI se possiede internet.
    Quello che anonimo delle 21,24 di ieri ha scritto è scioccante ... Non esiste più speranza le commissioni liturgiche diocesane sono impazzite ed aobbediscono a precisi comandi esterni lontani dall'impostazione papale....

    RispondiElimina
  70. «Isoladamente, o cubo simboliza a estabilidade; maçonicamente, simboliza, além disso, a obra-prima que o Aprendiz deve começar a preparar, trabalhando na pedra bruta e, portanto, simboliza também a perfeição, a realização espiritual de si mesmo. […] O cubo surge nas insígnias e decorações referentes aos graus 1º (Aprendiz) de todos os ritos, e o 5º (Mestre Perfeito) do REAA.» (A. H. de Oliveira Marques, Dicionário de Maçonaria Portuguesa, vol. I, Lisboa, Ed. Delta, 1986, col. 443-444).
    Quant à la couleur rouge, elle est caractéristique des «graus 1º, 2º, 7º, 8º, 14º, 15º (parte), 16º (parte), 17º, 18º (parte), 22º (parte), 23º (parte), 24º (parte), 25º, 27º, 29º e 33º du REAA» (ibid., col. 408).
    Comme on voit, tout un symbole, et qui vaut aussi pour la maçonnerie italienne (quelles que soient ses obédiences)…

    RispondiElimina
  71. Devo molto ad un oblato Camaldolese.
    Devo molto a Camaldoli perchè lo conobbi li.

    Mi dispiace di questa loro deriva. La percepite bene se provate a passarvi una settimana, a parlare con qualche monaco e a coloro che frequentano il luogo.

    Spiace molto. Ma se leggete un pò di storia del monachesimo vi rendete conto che è normale.

    Seguirà una rifondazione.

    Solo Dio sà.

    Un saluto cortese

    RispondiElimina
  72. Nobis quoque peccatoribus26 aprile 2010 15:53

    Tutto lo sdegno possibile per il cubo rosso e' stato qui gia' ampiamente espresso.

    L'unico lato positivo e' che tali manufatti possono essere facilmente rimossi.

    Rimane l'antico altare sullo sfondo ma e' coperto da una fila di sedie, quasi fosse un vecchio armadio.

    Il seggio del presidente al centro e in posizione preminente nonche' il cubo al centro col libro sono tratti caratteristici dei lupghi di riunone della nota setta.

    Ho notato anche in un monastero benedittino di un lontano Paese che la S. Messa viene celebrata solo una volta a settimana. In compenso i monaci dicono di essere "molto ecumenici".

    FdS

    RispondiElimina
  73. ITER PARA TUTUM26 aprile 2010 16:30

    Non fu uno "spogliarello" nel senso usuale della parola, cioè uno spettacolo di burlesque tipo Dita Von Teese o simili.

    Visto che all'epoca (avevo solo 17 anni) purtroppo frequentavo cattive compagnie, del che mi sono in seguito amaramente pentito, conoscevo personalmente l'allora giovane vicepresidente di AC e mi trovavo, assieme a circa 100 altre persone fra cui c'era anche la "cattolica adulta", ad un campo scuola estivo di cui lei era uno dei maestri.

    La visione della "bellezza" totalmente nuda fu casuale, quindi senza malizia dall'una nè dall'altra parte. Del resto, non direi propriamente che tale "angelica visione" mi abbia sollecitato, nonostante la mia giovane età, a peccare contro il Sesto Comandamento, anzi...

    RispondiElimina
  74. ITER PARA TUTUM26 aprile 2010 16:39

    In compenso, alla Spezia nella Cattedrale intitolata a "Cristo Re dei Secoli", detta popolarmente "Il gasometro" (chi l'ha vista capisce perchè questo appellativo).

    Difficile concepire una cattedrale con architettura peggiore di questa (a partire dal fatto che la disposizione è tale che una parte dei fedeli deve, obbligatoriamente, dare le spalle al Tabernacolo).

    Fu consacrata nel 1972, ero presente. La prima impressione fu pessima, nel tempo successivamente trascorso la mia idea in proposito è ancora peggiorata.

    Però non si può certo darne la colpa all'attuale ottimo Vescovo, che regge la Diocesi da meno di due anni ed è un discepolo del Cardinale Giuseppe Siri.

    L'altare è ovviamente "coram populi" e non c'è segno di altare "coram Deo", inoltre è difficilissimo ipotizzare lavori di ristrutturazione che la trasformino un un edificio sacro almeno un po' più degno. Se qualche aereo militare per errore vi sganciasse una bomba (magari il Venerdì Santo, quando il SS.mo Sacramento non c'è) io non piangerei di certo, ed ho fondati motivi di pensare che non piangerebbe nemmeno il Vescovo.

    Però da qualche tempo ho visto, almeno, un cambiamento promettente. Sull'unico altare della Cattedrale sono comparsi il Crocifisso al centro ed i sei candelieri ai lati. Qualcuno con un po' di buon senso è rimasto, a quanto pare!

    RispondiElimina
  75. Sono d'accordo con Emilio.
    Nelle intenzioni della riforma liturgica, doveva essere cancellato il ritualismo e il clericalismo e incrementata la partecipazione dell’Assemblea (non semplice appendice del corpo sacerdotale) e la inculturazione delle parole e dei gesti (soprattutto nella struttura mentale secolare dell’uomo d’oggi).
    Il SEGNO di questa rivoluzione, è stato il sovvertimento delle pregresse priorità nella disposizione degli spazi per le funzioni celebrative:  
    1. primo soggetto è l’Assemblea,  
    2. infatti i singoli spazi funzionali sono comunque propaggini dell’Assemblea, quindi  
    3. l’ambone e la mensa non sono clericalmente “ad Deum”, ma per il popolo e verso il popolo  
    4. ciò che non è funzionale alla comunità nell’esercizio del suo ministero celebrante (tabernacolo in primo luogo) sta al di fuori del perimetro assembleare  
    5. il ministero presidenziale incarna i 3 ministeri di Gesù e guida l’Assemblea: per queste funzioni DEVE essere sovraordinato anche materialmente (forma, dimensioni, altezza rispetto al pavimento):  
    ecco perché è giusto che la SEDE sia preminente, anche rispetto all'altare (che deve essere senza dubbio una MENSA); ancora di più deve esserlo se trattasi di CATTEDRA EPISCOPALE.  

    RispondiElimina
  76. After the second vatican council..The catholic church lost its immemorial treasure which is the Mass and replaced it with a simple service. The repecussions were great ...to name a few the lost of vocations...manners ...morale...moral....dicipline....silence....culture. Europe has lost its culture!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nei due successivi. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.