martedì 23 marzo 2010

Il clima postconciliare e la pedofilia. Parte terza

Per chiudere questa giornata 'monografica' sulla pedofilia figlia degli sbandamenti postconciliari, ecco il 'piatto forte', sotto l'aspetto dei toni che, perfino a noi, appaiono talvolta eccessivi. Si tratta di un articolo di Gerald Wagner, editorialista del britannico Telegraph. Questo vi dà già la chiara percezione che questo collegamento tra progressismo e pedofilia è evidente a tutte le latitudini. Dicevamo che i toni dell'articolo sono polemici. Non ce ne scandalizziamo affatto: dopo decenni di martellamento su 'primavere del concilio', sulla 'provvidenziale apertura al mondo', sulla 'aria chiusa preconciliare' (proprio mentre tutt'intorno il cattolicesimo si sfasciava), sentir parlare di "Catastrofe Vaticano II", pur se fosse ingiusto o eccessivo, ha il valore finalmente liberatorio del giudizio critico di Fantozzi nei confronti de La corazzata Potëmkin



Lo scandalo cattolico degli abusi sessuali:
è tempo di cacciare i vescovi modaioli e restaurare la fede.


E’ diventato di moda sostenere che lo scandalo di abusi sessuali che attualmente affligge la Chiesa Cattolica è "la più grande crisi dai tempi della Riforma". Oh, davvero? Spiegatemi un po’. Il problema degli abusi è solo una piccola parte della crisi molto più grande che ha travolto la Chiesa dopo la Catastrofe Vaticano secondo, e che è ben più seria della Riforma.

Abolire il celibato? L'ultima cosa di cui un sacerdote che abusa di chierichetti necessita o vuole è una moglie. Non c'è nessun celibato obbligatorio nella Chiesa anglicana, ma ciò non ha impedito a vicari e boy scout di decorare gratificanti quantità di copie di tabloid domenicali del secolo scorso. Il celibato va contro l’idea odierna dell’approccio al sesso ‘non represso’, ‘senza pregiudizi’, ‘metti-tutto-in-piazza’; la sua persistente esistenza è un rimprovero per il mondo occidentale edonista; così Roma deve essere persuasa ad abolirlo - come deve abolire la condanna del divorzio, della contraccezione, dell'omosessualità e di tutti gli altri feticci della società liberale. Sognatevelo, secolaristi!

"Le vittime irlandesi degli abusi deluse dalla lettera del Papa". Naturalmente lo sono. Essi ne sono stati delusi prima ancora di averla letta, prima che fosse scritta. Qualsiasi altra loro risposta diminuirebbe il potere che si trovano a brandire contro la Chiesa. Hanno una ragione di reclamo legittima? Nella maggior parte dei casi, sì. Essi hanno un feroce risentimento contro la "sporcizia" (termine di Benedetto XVI, coniato molto prima che cominciasse la pressione dell'opinione pubblica) che li ha intaccati e trattati come animali.

Come poteva il clero trasgredire così gravemente le dottrine della Chiesa? Quali dottrine? Questi reati hanno avuto luogo nella scia del Vaticano II, quando le dottrine furono gettate via come zavorre. Questi criminali erano i figli di Paolo VI e dell’"aggiornamento". Una volta che hai svilito il Corpo mistico di Cristo, insozzare i chierichetti diventa facile.

I Sacramenti e le pratiche devozionali ‘trascurati’, che il Papa dice avrebbero potuto evitare tutto questo, non avvizzirono sulla vite: essi sono stati scoraggiati attivamente da vescovi e sacerdoti. Nel periodo quando questo abuso era dilagante, c'era solo un peccato mortale nella Chiesa Cattolica: osar celebrare o assistere alla Messa Tridentina in latino. Un sacerdote che stuprasse chierichetti sarebbe stato spostato in un'altra parrocchia; per un sacerdote che avesse avuto l'audacia di celebrare la messa antica – i suoi piedi non avrebbero toccato il suolo.

C'era una volontà determinata tra i vescovi di impedire ogni significativa catechesi ai giovani. Quella è la generazione, totalmente ignorante della fede, che in Irlanda ha raggiunto la prosperità materiale dell'economia della "Tigre celtica". Inizialmente essa ancora frequentava la messa (o ciò che era propinato per messa) solo per conformismo sociale. Poi lo scandalo degli abusi sessuali ha dato agli agnostici irlandesi post-Vaticano II la scusa perfetta per l’apostasia: decine di migliaia di persone che mai erano state abusate, né mai avevano incontrato qualcuno che lo fosse, avevano trovato una scusa per rimanere a letto la domenica mattina.

I sacerdoti pedofili non sono i soli ipocriti. "Io sono così sconvolto dallo scandalo abusi che sto lasciando la Chiesa." Bene. Così, il fatto che alcuni degenerati che mai avrebbe dovuto essere ordinati abbiano violato dei giovani - di per sé un peccato deplorevole - significa che il figlio di Dio non è venuto sulla terra, a redimere l'umanità sulla Croce e a fondare la Chiesa? Questo scandalo terribile compromette le verità della fede non più che la carriera di Alessandro VI o di qualsiasi altro corrotto Papa rinascimentale.

Dovrebbero essere costretti a dimettersi i vescovi? Oh sì - circa il 95 per cento di loro in tutto il mondo. Questi pagliacci nelle loro mitre pseudo-etniche e paramenti in poliestere con simboli cristiani finto-naif, che sproloquiano le loro episcobubbole ecumaniache, hanno supervisionato ben più che gli abusi sessuali: hanno estinto la fede cattolica con le loro fatuità moderniste. Essi dovrebbero essere rinchiusi in monasteri a spendere i loro anni restanti a valutare come render conto al loro Creatore di una guida fallita, che è costata innumerevoli milioni di anime perse.

Benedetto XVI dovrebbe prendere vantaggio di un'ondata popolare di avversione contro l'episcopato fallito per cacciare ogni hippy sessantottino dai pantaloni a zampa d’elefante, che sta ostacolando Summorum Pontificum. Si tratta di un'opportunità unica per abbattere il pastore mercenario e tagliar via il legno morto della Catastrofe Vaticano II. È il momento di interrompere i mea culpa e ricominciare con l’apologetica; per ricostruire tutto ciò che è stato distrutto negli ultimi 40 anni; per fronteggiare liberali e secolaristi come hanno fatto molte generazioni di cattolici in passato; per proclamare nuovamente le verità immutabili dell’Unica Vera Chiesa che, nella gloria della Risurrezione, non può avere alcun altro legittimo atteggiamento se non il trionfalismo.

Fonte: Telegraph


Amen!

221 commenti:

  1. Carissimi, vi invito a visitare il sito:
    VIVA IL CONCILIO
     troverete un bell'articolo di Loris Capovilla , campione indiscusso dei nostalgici sessantottini, che naturalemente  stende un silenzio eloquente su Benedetto XVI. Il ricordo dei papi si ferma al buon Giovanni Paolo II.

    Più avanti , un articolo traboccante di verità e ipocrisie del giornalista Giuntella. Che afferma ....... se non ci fosse stato il Concilio vaticano II sarebbe un non cattolico........e se la prende con la messa in latino, con le belle donne impelliccite e ingioiellate che arrivavano a messa........ etc........

    Insomma ....la Chiesa è nata dopo il 1965........ tutto il tempo precedente fu preparato  dallo Spirito Santo per questo tempo gloriosoe trionfante per una Chiesa che avrebbe dovuto essere senza macchia e senza rughe.

    RispondiElimina
  2. proprio qualche settimana fa è venuto a Fermo in un convegno organizzato dall'istituto superiore di scienze religiose  l'illustrissima eccellenza padre del concilio mons. Bettazzi... quel losco figuro di quasi 90 anni... comunista fino alle midolla.... ha candidamente ammesso, tra le battute e la stupida ilarità carnevalesca dei deficenti chierici che non  sono stati formati ma sformati come tanti invertebrati senza nessuno spirito critico positivo.. che le riforme conciliari hanno subito un arresto anche per colpa di Ratzinger e prima ancora di lui da Giovanni Paolo II, da Luciani e di Ottaviani... tutte persone che avrebbero fatto meglio a rimanere a casa.... A CASA DOVEVA RIMANERE LUI A PREGARE PER LA SUA ANIMA... LA CHIESA E' ALLO SBANDO... IL SOMMO PONTEFICE E' VILIPESO GIA' TRA LE FILA DEI SUOI E TANTI INNOCENTI LA PAGANO SULLA LORO PELLE... VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 

    RispondiElimina
  3. UN ARTICOLO LETTERALMENTE STRABILIANTE !!!

    RispondiElimina
  4. Condivido l'articolo del Telegraph che sottintende un ragionamento che ho fatto quando ho letto la lettera del Papa ai cattolici irlandesi, lettrera molto bella e molto importante se presa sul serio.
    La pedofilia è violentare sessualmente e fisicamente  e moralmente dei bambini e giustamente vanno puniti gli autori e i vescovi silenti..... Ma ci sono state negli anni del post concilio altre violenze ai danni della fede dei piccoli, violenze effettuate da teologi progressisti, biblisti filo protestanti, liturgisti dissacratori che hanno "violentato la fede dei piccoli" ditruggendo, dissacrando, ecc....
    Quando ero seminarista e diacono volevo portare in seminario la veste talare..... mi fu proibito dal rettore che poi fu anche fatto vescovo...... e che portava noi giovani seminaristi nella sua parrocchia in riva al mare....
    Sempre quando ero in seminario mi insegnavano che i Vangeli sono frutto della "fede della comunità", che un conto è il Gesù della storia, un conto il Gesù della fede, che l'annunciazione  e  Vangeli dell'infanzia sono costruiti a tavolino dagli evangelisti.... e cose del genere......
    posso ben dire che anch'io da seminarista sono stato "abusato" da professori ed educatori modernisti che hanno oscurato ed irriso il mio amore per la tradizione cattolica......
    don Bernardo

    RispondiElimina
  5. AMEN! AMEN! AMEN!

    RispondiElimina
  6. Luis Moscardò23 marzo 2010 16:01

    Un articolo che va a dritto, dritto verso il centro del problema; un po' duro nelle espressioni, sì, ma tutto sommato liberatorio.
    Ne sottolineo questa frase:
    "È il momento di interrompere i mea culpa e ricominciare con l’apologetica"
    Grazie Redazione, ne avevamo bisogno.

    RispondiElimina
  7. CARISSIMO...  se non si sannno le cose è meglio tacere!! capovilla campione indiscuso dei nostalgici sessantottini?? QUESTO è QUELLO CHE VOGLIONO FARCI CREDERE I NOSTALGICI SESSANTOTTINI!! ma dico! hai mai sentito predicare capovilla?? gai mai letto un suo testo SERIO?? hai mai visto come è mesto il suo portamento e il suo abbigliamento?? ADESSO PERCHè UNO è STATO IL SEGRETARIO DI GIOVANNI XXIII DEVE ESSERE PER FORZA UN NOVATORE??  non dico sia un radizionalista(e difatti non lo è), ma sicuramente è 20 gradini sopra tutti quei vescovi sessantottini!| CONDIVIDO IL RESTO...

    RispondiElimina
  8. Beh! A quanto mi hanno riferito alcuni amici assolutamente degni di fede, allorquando aveva inizio la rivolta degli operai dei cantieri di Danzica, mons. Capovilla (in quel momento Arcivescovo di Loreto) aveva, grosso modo, a commentare con questi miei conoscenti, nel privato deglli uffici di ditrezione, al termine della benedizione pasquale del complesso aziendale di loro proprietà: "Ma che cosa mai vogliono questi operai? Perché si rivoltano ad un regime che lavora in favore della loro classe sociale?".

    Se questa è la predisposizione morale di un cristiano "... 20 gradini sopra tutti ... i vescovi sessantottini" ...

    RispondiElimina
  9. Intervista ...con don Umberto Bonincontro, vicario foraneo di Modica ( diocesi di Noto) e parroco di due parrochie a Modica.

    Domanda: si nota nei preti degli ultimi anni un certo ritorno a forme più marcatamente clericali sia nel modo di vestire che nel modo di atteggiarsi nelle cerimoni in chiesa ( mah?) E'un impressione o c'è qualcosa di vero?.

    Non si puà generalizzare. In genere, da quelllo che si vede e si sente, sembra esserciun ritorno ad atteggiamenti tipicamente clericali e forse anche ad un certo imborghesimento ( non so cosa si significhi). Si potrebbe leggere come atteggiamento di difesa e di ruolo. Alcuni al contrario sono più disinvolti nel vestire ( come il nostro Vicario) e negli attegiamenti . Nell'uno e nell'latro caso, a me sembra, che la motivazione si debba ricercare in una certa crisi di identità.

    I corsivi  sono stati aggiunti da me........

    RispondiElimina
  10. e allora?? a parte che tu riferisci  solo una voce di corridoio.. anche se fosse vero?? perchè, forse che tu, nel segreto, o in compagnia di una cerchia stretta di amici, non hai mai fatto dichiarazioni impietose?? forse che nessuno guardando un barbone o una mendicante ha pensato: "ma vai a lavorare"?? per quanto ne sappiamo anche l'attuale pontefice potrebbe nei recessi dei palazzi vaticani scagliarsi con odio nei confronti di quelli che denunciano la pedofilia nel clero... ripeto: e allora?

    RispondiElimina
  11. "Io non ti condanno" dice Gesù all'adultera. Era proprio il vangelo di questa settimana... Impariamo a non condannarci e scannarci vicendevolmente all'interno della Madre Chiesa, proprio come Gesù insegna.

    RispondiElimina
  12. <span>e allora?? a parte che tu riferisci  solo una voce di corridoio.. anche se fosse vero?? perchè, forse che tu, nel segreto, o in compagnia di una cerchia stretta di amici, non hai mai fatto dichiarazioni impietose?? forse che nessuno, guardando un barbone o una mendicante, ha mai pensato: "ma vai a lavorare"?? per quanto ne sappiamo, anche l'attuale pontefice potrebbe, nei recessi dei palazzi vaticani ,scagliarsi con odio nei confronti di quelli che denunciano la pedofilia nel clero... ripeto: e allora?</span>

    RispondiElimina
  13. Un po' per volta, il galateo ipocrita del politicamente corretto si sfalda. E si ricominciano a chiamare le cose col loro nome. L'esame del Telegraph è correttissimo. A forza di paletti dovuti al "rispetto per la sensibilità moderna" si è limitato sempre più il potere della Chiesa (e non solo) di affermare le verità di sempre e si sono inventate di sana pianta nuove categorie, come l'omofobia (consorella del "maschilismo") contro la quale si sono inizialmente scagliate un gruppo di checche e di sgallettate stagionate e che ora rappresenta il nemico pubblico di tutta l'umanità progredita (da questa "progressione" ovviamente vanno esclusi quegli zoticoni dei musulmani e degli ebrei che invece continuano dritti per la loro strada, senza dover rendere conto a risibili miti post conciliari e post sessantottini). Un po' per volta, così, la Chiesa si è sempre più richiusa nel suo guscio, timorosa di turbare con la sua imbarazzante dottrina il mondo di mammona (e delle mammane). Ha, così, lasciato spazio ad altri che ora si possono permettere di rinfacciare al clero vizi che loro si sono battuti, in buona sostanza, per sdoganare, estraendoli dall'ambito del nonsifaenonsidice a quello dell'echimelovieta. Cioè, una società che impiega senza battar ciglio travestiti come opinionisti (Luxuria e Platinette), che trasforma in stelle dello spettacolo povere prostitute (Moana Pozzi) e che deve ricorrere a invertiti dichiarati e blasfemi (Busi) per solleticare il proprio "affezionatissimo pubblico", trancia giudizi sulla Chiesa.
    Sepolcri imbiancati!
    Ora siamo al redde rationem. Ma per fortuna, o meglio grazie alla Provvidenza, è arrivato il Papa giusto per governare una crisi di tal fatta.

    RispondiElimina
  14. Gentile Placentium, sicuramente, nella mia vita, mi sono macchiato di molteplici e ripetuti peccati, ma non credo di aver mai ritenuto - in ispregio al Magistero - la compatibilità del cattolicesimo con il marxismo; questo neppure nel privato.

    Ciò posto, continuo a trovare letteralmente scandaloso, sotto il profilo morale, che un successore degli apostoli stigmatizzi negativamente l'opposizione morale di un popolo - fra l'altro, fedele - nei confronti di un regime anticristiano, altresì fingendo di credere - anche contro le evidenze dell'osservazione storica - che gli intenti di quel regime (anziché l'omologazione etica nell'ateismo dei soggetti sottoposti) constino nell'effettivo progresso materiale delle classi meno abbienti . Fra l'altro, mi permetterei di osservare che si tratta di un atteggiamento dialettico assai prossimo a quello comunemente tenuto dai fautori della cosiddetta "teologia della liberazione".

    RispondiElimina
  15. Catastrofe Vaticano II...

    e a chi si duole (quasi cadendo dalle nuvole!) con stupore e rammarico incredulo, di tale <span>catastrofe "imprevedibile"</span> (?)... poter fare eco con quella famosa esclamazione:
    "una boiata pazzesca !...."
    ------------

    (dunque anche al di là delle Alpi, come anche dell'Atlantico,  c'è chi non vede l'ora di sentir echeggiare da un angolo all'altro dell'orbe cattolico il grido liberatorio, dopo oltre 40 anni di deserto e prigioni verbali e mentali e circospette mascherature anti-logiche della Verità, che ci hanno costretti a venerare
    il superdogma-tabù = "chi tocca il Concilio muore" ???....
    ebbene allora...anch'io !.....)

    RispondiElimina
  16. ospite molto più gentile di me, dove sono le prove che capovilla abbia detto ciò? i tuoi sentito dire? perchè sui "sentito dire" ci stanno montando una recente campagna clericofobica... e non hai preso in considerazione che il buon loris stesse facendo una battuta? e potresti citarmi un passo di capovilla dove egli sostiene che il marxismo(o la teologia della liberazione) sia cosa buona?

    RispondiElimina
  17. scandalo abominevole la pedofilia; doppiamente abominevole se commesso da un prete.
    Lasciare la Chiesa perché in essa vi sono tanti peccatori?
    Mah! Non mi pare che mai nessuno abbia detto che i membri della Chiesa son tutti santi.
    Se fosse per questo la Chiesa la si sarebbe dovuta lasciare prima ancora che per la pedofilia nel clero, per i ltradimento di Giuda, per la codardia degli Apostoli che inaugurando la collegialità episcopale poi ripresa nel XX secolo dal Vaticano II hanno collegialmente abbandonato Gesù.

    Forse nella Chiesa si ci sta per altri motivi, non certo per far piacere o dispetto ad un prete, un vescovo o un papa.

    RispondiElimina
  18. Viva Papa Benedetto !
    Viva l'apologetica !
    Viva S. Tommaso d'Aquino!

    Viva la Verità Eterna che sta come Roccia immutabile a cui ancorare la nostra anima e la Santa Chiesa: lode eterna sia alla forte, perenne, sicura incommensurabile e preziosa Salvezza di Nostro Signore che ha vinto il peccato e il mondo per sempre...
    Viva l'Eterno Logos, mentre tutto il mondo è panta rèi !

    RispondiElimina
  19. io condivido in tutto e per tutto di quanto scritto dal giornalista del telegraph, quanto alla difesa d'ufficio posta in essere da placentinum gli dico solo che per me la sua divesa di quel conciloarista è solo una causa persa. Ma come fa placentinum a minimizzare una frase così squallida pronunciata dall'allora arcivescovo di Loreto. ma ha idea placentinum di che cosa fosse il comunismo sovietico? E' come difendere il nazismo!

    RispondiElimina
  20. <span>L’approche de la fin du cycle présent – que les Anciens qualifiaient d’«Age de fer», ou encore d’«Age mauvais» — ne peut que favoriser l’éclosion de toutes les formes de subversion et de perversion, phénomène qui va s’intensifier jusqu’au terme dudit cycle.</span>
    <span>L’universelle pédophilie, qui touche désormais toute la société (et pas seulement l’Église), n’est qu’un aspect de la perversion des esprits, au terme de deux siècles et demi de propagande antichrétienne.</span>
    <span>On peut même dire que ce n’est qu’un échantillon par rapport à ce que nous réserve le proche avenir, car, n’en doutons pas, le diable, qui mène la danse, et auquel ne croient plus les théologiens depuis Vatican II, est loin d’avoir épuisé toutes ses ressources…</span>

    RispondiElimina
  21. <span>
    <span>L’approche de la fin du cycle présent – que les Anciens qualifiaient d’«Age de fer», ou encore d’«Age mauvais» — ne peut que favoriser l’éclosion de toutes les formes de subversion et de perversion, phénomène qui va s’intensifier jusqu’au terme dudit cycle.</span> 
    <span>L’universelle pédophilie, qui touche désormais toute la société (et pas seulement l’Église), n’est qu’un aspect de la perversion des esprits, au terme de deux siècles et demi de propagande antichrétienne.</span>  
    <span>On peut même dire que ce n’est qu’un échantillon par rapport à ce que nous réserve le proche avenir, car, n’en doutons pas, le diable, qui mène la danse, et auquel ne croient plus les théologiens depuis Vatican II, est loin d’avoir épuisé toutes ses ressources…</span></span>

    RispondiElimina
  22. <span>Una volta che hai svilito il Corpo mistico di Cristo, insozzare i chierichetti diventa facile.</span>

    I Sacramenti e le pratiche devozionali ‘trascurati’, che il Papa dice avrebbero potuto evitare tutto questo, non avvizzirono sulla vite: essi sono stati scoraggiati attivamente da vescovi e sacerdoti
    -----------
    Faccio fatica a credere che i fatti siano andati proprio così...tanto sono orrendi;
    a amara scoperta equivale a scoprire l'azione di satana operante attraverso i ministri di Dio !
    Non avremmo mai potuto pensare che si stava facendo demolizione attiva di tutto il SACRO, con picconate che non hanno risparmiato niente e nessuno, cominciando da quello che una volta asceti e santi chiamavano "il giglio della purezza", quello per il quale S. domenico Savio diceva:
    "La morte ma non peccati!" e per il quale S. Maria Goretti morì martire !
    Quello che S. Paolo ci indicò ammonendo:
    Non sapete che il vostro corpo è il tempio dello Spirito Santo che è in voi e che avete ricevuto da Dio? Quindi non appartenete a voi stessi. Poiché siete stati comprati a caro prezzo. Glorificate dunque Dio nel vostro corpo»
    (1 Corinzi 6:19,20).
    ----------------
    L'offesa al pudore e la violenza alla persona del fanciullo/a equivalgono allo stesso crimine commesso contro Nostro Signore in Persona, nel suo Corpo Mistico, e oltraggio sommo allo Spirito Santo che abita in noi.

    RispondiElimina
  23. <span><span>Una volta che hai svilito il Corpo mistico di Cristo, insozzare i chierichetti diventa facile.</span>  
     
    I Sacramenti e le pratiche devozionali ‘trascurati’, che il Papa dice avrebbero potuto evitare tutto questo, non avvizzirono sulla vite: essi sono stati scoraggiati attivamente da vescovi e sacerdoti  
    -----------  
    Faccio fatica a credere che i fatti siano andati proprio così...tanto sono orrendi;  
    questa amara scoperta equivale a scoprire l'azione di satana operante attraverso i ministri di Dio !
    Non avremmo mai potuto pensare, nel lento franare dell'Edificio Sacro, giorno dopo giorno, che si stava in realtà facendo demolizione attiva di tutto il SACRO, con picconate che non hanno risparmiato niente e nessuno, cominciando da quello che una volta asceti e santi chiamavano "il giglio della purezza", quello per il quale S. Domenico Savio diceva:  
    "La morte ma non peccati!" e per il quale S. Maria Goretti morì martire !  
    Quello stesso che S. Paolo ci indicò ammonendo:  
    Non sapete che il vostro corpo è il tempio dello Spirito Santo che è in voi e che avete ricevuto da Dio? Quindi non appartenete a voi stessi. Poiché siete stati comprati a caro prezzo. Glorificate dunque Dio nel vostro corpo»  
    (1 Corinzi 6:19,20).  
    ----------------  
    L'offesa al pudore e la violenza alla persona del fanciullo/a equivalgono allo stesso crimine commesso contro Nostro Signore in Persona, nel suo Corpo Mistico, e oltraggio sommo allo Spirito Santo che abita in noi.</span>

    RispondiElimina
  24. gravi segni premonitori di "ultimi tempi"?
    così sembra, purtroppo: ogni giorno ci pare che il peggio debba ancora venire, e sarebbe proprio la grande Tribolazione annunciata nell'Apocalisse di S. Giovanni. Io non saprei dire se, per quanto grandi saranno i travagli della Chiesa (e di ogni singolo fedele nella tempesta generale), la presente tribolazione sia quella che annuncia gli "ultimi tempi" della storia; tuttavia mi ricordo che il Signore ci ha avvisati dicendo: "Voi state pronti, perché nell'ora che non immaginate, il Figlio dell'uomo verrà."
    -----------------
    E inoltre, riguardo a questi tempi di grande incertezza per i fedeli che pur volendo seguire docilmente il Papa, ne sono impediti dai tanti pastori-lupi, i quali confondono e traviano le pecore dalla sana Dottrina, ecco cosa disse suor Lucia di Fatima, in alcune lettere, parlando della confusion e diabolica che ha investito la chiesa nel 20.mno secolo disse:

    "Il demonio è riuscito a portare il male (nella Chiesa) sotto forma di bene e i ciechi stanno cominciando a guidare gli altri".
    Interrogata sul Segreto, Suor Lucia disse:
    "E' contenuto nel Vangelo e nell'Apocalisse, leggeteli!
    .............
    disse poi a Padre Fuentes, indicando questi che viviamo (dalla metà del 20.mo secolo) come ultimi tempi, a cui <span>tenersi preparati:</span>
    ".... (L'urgenza della conversione), Intervista con suor Lucia del 1957.
    Suor Lucia mi disse inoltre:

    “Padre, non dovremmo attendere un appello del Santo Padre da Roma, che chiami il mondo a fare penitenza. Né dovremmo attendere un appello del genere dal nostro vescovo nella nostra diocesi, o dalle congregazioni religiose.
    No! Nostro Signore si è già servito molto spesso di questi mezzi e il mondo non se ne è curato affatto.
    È per questo che ora è necessario che ciascuno di noi inizi a riformare se stesso spiritualmente. Ognuno di noi ha il dovere di salvare non solo se stesso, ma anche di aiutare tutte le anime che Dio pone sul nostro cammino.
    “Il diavolo fa tutto quanto è in suo potere per distrarci e per allontanarci dalla preghiera; ci salveremo insieme o saremo dannati insieme.”
    (segue:<span> Gli ultimi tempi)
    </span>“Padre, la Santissima Vergine non mi ha detto esplicitamente che siamo giunti agli ultimi tempi, ma ci sono <span>tre ragioni che mi spingono a crederlo</span>.” etc....)
    ----------------
    http://www.fatima.org/it/essentials/opposed/frfuentes.asp

    RispondiElimina
  25. <span>gravi segni premonitori di "ultimi tempi"?  
    così sembra, purtroppo: ogni giorno ci pare che il peggio debba ancora venire, e sarebbe proprio la grande Tribolazione annunciata nell'Apocalisse di S. Giovanni. Io non saprei dire se, per quanto grandi saranno i travagli della Chiesa (e di ogni singolo fedele nella tempesta generale), la presente tribolazione sia quella che annuncia gli "ultimi tempi" della storia; tuttavia mi ricordo che il Signore ci ha avvisati dicendo: "Voi state pronti, perché nell'ora che non immaginate, il Figlio dell'uomo verrà."  
    -----------------  
    E inoltre, riguardo a questi tempi di grande incertezza per i fedeli che pur volendo seguire docilmente il Papa, ne sono impediti dai tanti pastori-lupi, i quali confondono e traviano le pecore dalla sana Dottrina, ecco cosa disse suor Lucia di Fatima, in alcune lettere, parlando della confusion e diabolica che ha investito la chiesa nel 20.mno secolo disse:  
     
    "Il demonio è riuscito a portare il male (nella Chiesa) sotto forma di bene e i ciechi stanno cominciando a guidare gli altri".  
    Interrogata sul Segreto, Suor Lucia disse:  
    "E' contenuto nel Vangelo e nell'Apocalisse, leggeteli!  
    .............  
    disse poi a Padre Fuentes, indicando questi che viviamo (dalla metà del 20.mo secolo) come ultimi tempi, a cui <span>tenersi preparati:</span>  
    ".... (L'urgenza della conversione), Intervista con suor Lucia del 1957.  
    Suor Lucia mi disse inoltre:  
     
    “Padre, non dovremmo attendere un appello del Santo Padre da Roma, che chiami il mondo a fare penitenza. Né dovremmo attendere un appello del genere dal nostro vescovo nella nostra diocesi, o dalle congregazioni religiose.  
    No! Nostro Signore si è già servito molto spesso di questi mezzi e il mondo non se ne è curato affatto.  
    È per questo che ora è necessario che ciascuno di noi inizi a riformare se stesso spiritualmente. Ognuno di noi ha il dovere di salvare non solo se stesso, ma anche di aiutare tutte le anime che Dio pone sul nostro cammino.  
    “Il diavolo fa tutto quanto è in suo potere per distrarci e per allontanarci dalla preghiera; ci salveremo insieme o saremo dannati insieme.”  
    (segue:<span> Gli ultimi tempi)  
    </span>“Padre, la Santissima Vergine non mi ha detto esplicitamente che siamo giunti agli ultimi tempi, ma ci sono <span>tre ragioni che mi spingono a crederlo</span>.” etc....)  
    ----------------  
    http://www.fatima.org/it/essentials/opposed/frfuentes.asp</span>

    RispondiElimina
  26. <span><span>gravi segni premonitori di "ultimi tempi"?    
    così sembra, purtroppo: ogni giorno ci pare che il peggio debba ancora venire, e sarebbe proprio la grande Tribolazione annunciata nell'Apocalisse di S. Giovanni. Io non saprei dire se, per quanto grandi saranno i travagli della Chiesa (e di ogni singolo fedele nella tempesta generale), la presente tribolazione sia quella che annuncia gli "ultimi tempi" della storia; tuttavia mi ricordo che il Signore ci ha avvisati dicendo: "Voi state pronti, perché nell'ora che non immaginate, il Figlio dell'uomo verrà."    
    -----------------    
    E inoltre, riguardo a questi tempi di grande incertezza per i fedeli che pur volendo seguire docilmente il Papa, ne sono impediti dai tanti pastori-lupi, i quali confondono e traviano le pecore dalla sana Dottrina, ecco cosa disse suor Lucia di Fatima, in alcune lettere, reagendo con vigore a tanti modernisti, e parlando della confusione diabolica che ha investito la Chiesa nel 20.mo secolo:    
       
    "Il demonio è riuscito a portare il male (nella Chiesa) sotto forma di bene e i ciechi stanno cominciando a guidare gli altri".    
    Interrogata sul Segreto, Suor Lucia disse:    
    "E' contenuto nel Vangelo e nell'Apocalisse, leggeteli!    
    .............    
    Ella disse poi a Padre Fuentes, indicando questi che viviamo (dalla metà del 20.mo secolo) come ultimi tempi, a cui <span>tenersi preparati:</span>    
    ".... (L'urgenza della conversione), Intervista con suor Lucia del 1957.    
    Suor Lucia mi disse inoltre:</span></span>
    <span><span>  
    “Padre, non dovremmo attendere un appello del Santo Padre da Roma, che chiami il mondo a fare penitenza. Né dovremmo attendere un appello del genere dal nostro vescovo nella nostra diocesi, o dalle congregazioni religiose.    
    No! Nostro Signore si è già servito molto spesso di questi mezzi e il mondo non se ne è curato affatto.    
    È per questo che ora è necessario che ciascuno di noi inizi a riformare se stesso spiritualmente. Ognuno di noi ha il dovere di salvare non solo se stesso, ma anche di aiutare tutte le anime che Dio pone sul nostro cammino.    
    “Il diavolo fa tutto quanto è in suo potere per distrarci e per allontanarci dalla preghiera; ci salveremo insieme o saremo dannati insieme.”    
    (segue:<span> Gli ultimi tempi)    
    </span>“Padre, la Santissima Vergine non mi ha detto esplicitamente che siamo giunti agli ultimi tempi, ma ci sono <span>tre ragioni che mi spingono a crederlo</span>.” etc....)    
    ----------------    
    http://www.fatima.org/it/essentials/opposed/frfuentes.asp</span></span>

    RispondiElimina
  27. Su questo tema e sull'oscena ipocrisia ,disonestà intellettuale in mala fede e vittimismo infantile di certa gerarchia ecclesiastica esistono libri di facile reperibilità anche nelle biblioteche pubbliche che contengono fatti precisi e circostanziati sulla responsabilità delle gerarchie E PRIMARIAMENTE DAI PAPI Wojtyla e Ratzinger ,libri ovviamente molto pubblicizzati in un Paese dove la stampa è SEMI-libera.Notate le case editrici :sono pressocchè sconosciute , quelle importanti (sia cattoliche che non confessionali hanno paura del vaticano...!)

    1:Titolo: Segreto pontificio. I crimini sessuali nella Chiesa nascosti da Papa Wojtyla e dal cardinale-prefetto Ratzinger
    Curatore: Discepoli di verità ( sono un gruppo di ecclesiastici della curia romana)
    Editore: KAOS
    Data di Pubblicazione: 2007
    ISBN: 9788879531788
    Dettagli: p. 200 Euro 15,00

    2:Titolo: Atti impuri. La piaga dell'abuso sessuale nella chiesa cattolica
    Curatore: Frawley-O'Dea M. G., Goldner V.
    Traduttore: De Petris S.
    Editore: Cortina Raffaello
    Data di Pubblicazione: 2009
    ISBN: 9788860302236
    Dettagli: p. XXXIV-301 Euro 20,00
    (La pedofilia clericale e il clero in generale analizzati dal punto di vista della psicologia e della psicanalisi: dai fatti alla ricerca del perchè dei fatti per capire)

    E per la nostra ineffabile Italia dove tutti tacciono e quindi occhio (non) vuole vedere ma il cuore invece gronda sangue:

    3:Titolo: Viaggio nel silenzio
    Autore: Gaito Vania L.
    Editore: TEA (collana Saggistica TEA)
    Data di Pubblicazione: 2009
    ISBN: 9788850220175
    Dettagli: p. 273 Euro 8,60

    4;Titolo: Lasciate che i pargoli vengano a me. Storie di preti pedofili IN ITALIA
    Autore: Pedote Paolo
    Editore: Malatempora (collana Controinformazione)
    Data di Pubblicazione: 2009
    ISBN: 9788884250100
    Dettagli: p. 160 Euro 12

    5: FILM documentario 2008 USA "Liberaci dal male " audio in inglese e sottotitoli in italiano
    ( si può "trovare" in Internet , parla il pluripregiudicato prete USA O'Grady ,il Cardinale Roger Mahoney di Los Angeles viene svelato per quello che è , cioè un mediocre bugiardo e in Italia,per puro caso ovviamente, è stato totalmente ignorato)

    6:FILM documentario USA "The Hand of God " audio in inglese e sottotitoli in italiano a questo URL :<span>http://www.bispensiero.it/index.php?option=com_content&</span>;task=view&id=564&Itemid=109
    ( Qui siamo a Boston , il cui ex-arcivescovo Card.Bernard Law ha dovuto "traslocare" a Roma...)

    Buona informazione !

    RispondiElimina
  28. L'editoria laica avrebbe paura del Vaticano? Non mi pare, visto che pubblica Odifreddi, Augias e compagnia. O non sarà mica che i libri citati siano così pieni zeppi di assurdità che neppure un editore anticlericale ha la voglia di pubblicarli per non vedersi ridicolizzare? 

    RispondiElimina
  29.  
    <p>se qualcuno ha ancora dei dubbi - sul fatto che il disordine sessuale nel clero cattolico (pedofilia compresa) è endemico e "strutturale" DA SEMPRE ( non c'entra quasi nulla nè il '68 [ card. Schoenborn ] nè una "una fraintesa concezione del Concilio " [ papa Ratzinger ] ne "l'atmosfera culturale odierna "[Bagnasco] ,può leggersi oltre a autori della nostra letteratura nazionale da Boccaccio (Decamerone) in avanti , questo interessante libro reperibile SOLO in grandi biblioteche pubbliche o direttamente presso l'editore , libro dove il Prof.Mimmo Franzinelli , porta in copia documenti degli archivi di Stato... in cui si legge che il dittatore m.......i non ne "poteva più " ( nota:siamo anni '30 ! ) delle continue segnalazioni che gli vengono dalle prefetture sparse nel Regno sui reati sessuali ( pedofilia e non solo !) del clero di allora !
    Titolo : "Reverendo giù le mani ! " Clero e reati sessuali negli anni '30 e negli anni '90,pp.119, Euro 6,00
    Autore: Prof.Franzinelli,Mimmo Edizioni La Fiaccola
    per acquistarlo : www.sicilialibertaria.it email:info@sicilialibertaria.it</p>

    RispondiElimina
  30. mi....sembra solo chiacchere....vi racconto un fatto successo...vicino la nostra parrocchia.....in Istria....il parrocco di questa piccola parrocchia, dopo la messa di mattino, spesso andava a trovare una signora!!!!l la gente ha cominciato a pettegolare su queste visite strane del parrocco.Sta di fatto che una mattina il figlio di questa signora..ha fatto finta di andare a lavorare, per verificare che quello che diceva la gente era vero. Ha colto il parrocco....in pieno....con sua madre......a....fare sesso!!! Lui ha preso il parroco a bastonate.In piu', mentre il marito andava in dialisi.....il parrocco..faceva visita alla signora!!!.IL VESCOVO...iSTRIANO..PER ZITTIRE...ha mandato il parrocco due mesi in Australia....e poi quando e' tornato indietro..ha preso a guida una nuova parrocchia....ma la cosa piu' assurda che da poco...questo prete....e' diventato....premiato......canonico!!!! In piu' era incaricato per la diocesi Istriana...uno che organizzava incontri e convegni...sulla famiglia!!!!Ed..era il primo a sconsacrarla!!!!Vergogna!!!!!.

    RispondiElimina
  31. No, gentile Placentium, non si trattava di un vago sentito dire, ma di una testimonianza diretta che mi è stata riferita da delle degnissime e stimatissime persone tutt'altro che "clericofobiche" (fra l'altro, le conosce molto bene anche l'ottimo maestro Andrea Carradori che spesso scrive su questo blog). Quanto, poi, al fatto che il prelato in questione non abbia mai esternato apertamente quelle tali sue intime convinzioni, mi parrebbe ovvio che non necessariamente un "cattocomunista" si ritrova ad essere parimenti anche uno stolido (ma la conosce Lei, ad esempio, la situazione economica particolarmente florida di cui gode la mensa arcivescovile di Loreto, in dipendenza di una certa storica convenzione con le ferrovie?).

    RispondiElimina
  32. e secondo lei un comunistaconvinto farebbe certe convenzioni,diciamo,borghesi??

    RispondiElimina
  33. Sì, le riforme conciliari hanno subito un arresto perché evidentemente Ratzinger, Wojtyla, Luciani e Ottaviani hanno trovato qualcosa che non funzionava. Non è vero, signor vescovo Bettazzi?
    Come si saranno divertiti quei chierici... a spalle delle sofferenze patite dal Santo Padre in questi giorni... Bravissimi, andiamo avanti così, tra risate e battutine... mentre si lascia solo il Pontefice in mezzo a questa bufera diabolica che intenta demolirlo!

    RispondiElimina
  34. Certo che se la casa editrice è caos...qualche dubbio mi viene! se poi avete voglia di accettare la sfida dei numeri quando volete!
    Matteo Dellanoce
    PS come mai non dichiarate i reati di 250 anni di illuminismo?

    RispondiElimina
  35. Mai Lei, gentile Placentium, crede ancora all'esistenza di comunisti che, dall'alto di un livello moralmente superiore, si protendono all conseguimento del fine ultimo costituito dell'elevazione economico-sociale delle classi socialmente oppresse, rinunziando ad ogni bene terreno?  

    RispondiElimina
  36. "La Chiesa possiede un'avanguardia di Santi, un corpo di mediocri ed una retroguardia di delinquenti.".  Qual era il Santo che, pressapoco, ebbe così ad esprimersi che, al momento, non riesco a ricordarlo?

    RispondiElimina
  37. DANTE PASTORELLI23 marzo 2010 23:33

    Ma quante balle. Si tirano in... balle anche Luciani che non ebbe neppur il tempo di rspirar da papa e Ottaviani che con le riforme non ebbe praticamente niente a che vedere perché ormai era stato messo da parte. Magari avesero tutti i citati arginator di riforme agito o potuto agire  in tal direzione!

    RispondiElimina
  38. DANTE PASTORELLI23 marzo 2010 23:35

    La tragedia è che continuano questi abusi che violentano l'anima nei seminari, e nessuno interviene.

    RispondiElimina
  39. DANTE PASTORELLI23 marzo 2010 23:37

    Ma disse anche:va' e non peccare più.

    RispondiElimina
  40. DANTE PASTORELLI23 marzo 2010 23:40

    Quante volte l'abbiamo toccato e non siamo morti. E vivi e vegeti continuiamo per la nostra strada.

    RispondiElimina
  41. Questo articolo e` stato scritto da uno scrittore non cattolico,  Philip Jenkins, professore di storia alla Penn State:

    http://www.zenit.org/article-3922?l=english

    Dice Jenkins che in 20 anni di ricerca non c'e` alcuna prova che preti o religiosi cattolici siano piu` inclini a compiere molestie su minori che il clero di qualsiasi altra religione o di chi non e` membro del clero. Gli scandali ci sono tra protestanti, testimoni di geova, buddisti, etc.

    Secondo, non si puo` parlare di pedofilia, quando tra 2200 casi documentati solo uno riguardava un minore non sessualmente maturo.  
    La grande maggioranza dei casi riguarda minori di 16-17 anni.

    Insomma e` sodomia, non pedofilia.

    RispondiElimina
  42. Ovviamnte libertaria è sicuramente neutrale nel giudizio.... ed ovviamente ci saranno le copie dei documenti! OVVIAMENTE!
    Va bene che c'è chi dice che Dawn Brawn scrive il vero ma qui c'è un pregiudizio di matrice atea che permette di mettere insieme fatti ed opinioni mischiandoli pro domo propria!
    lo 0,11% dei preti ha commesso dei reati sessuali ( che a quanto pare non erano poi così nascosti se ci si scrive su dei libri!) il dato nel mondo dei laici è dello 0,14%. Come direbbe Ferrara mi aspetto una lettera di scuse da parte dei laici per i violenti reati contro i bambini...tra l'altro la aspetto ancora per l'omicidio di un miliardo di bambini e per la violenta morte di un illimitato numero di embrioni!
    Il Vangelo parla chiaro: avete una trave nel vostro occhio lasciate stare la pagliuzza nell'occhio altrui!
    La disonestà paga nell'immediato ma nel lungo andare si rivela quel che è disonestà!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  43. E quindi che cavolo c'entra tutto questo? E chissenefrega!
    Tutto ciò che non è testimoniato con nomi, cognomi, date ecc ecc ai miei occhi è delazione e pure "cavarsi una voglia"!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  44. ...perche' solo dall'illuminismo? Mi pare che la storia dell'uomo non sia mai stata pulita dai reati di ogni tipo, neanche dopo che il crstianesimo è divenuto relisione degli stati: alcuni momenti sono stati più feroci ma veri momenti di "eden" non ci sono mai stati, neanche presso popli e civiltà non cristiani e non crstianizzati. 

    RispondiElimina
  45. ??? se la perspna viene circuita soprattutto sfrittando l'autorevolezza del proprio ruolo è comunque un atto pedofilo: lascia perdere in concetti legali, un po' meno Levitico e un po' più di semplice onestà

    RispondiElimina
  46. Maggio! Si parla di atti di pedofilia. E la pedofilia coinvolge soggetti non maturi sessualmente. Bambini!
    Altro è la pederastia o sodomia. Se io coercizzo o circuisco na persona adulta non sono pedofilo.
    La differenza è non solo giuridicamente importante ma lo è anche razionalmente. Fai sempre il solito minestrone!
    La ragione non è opzionale.
    Matteo

    RispondiElimina
  47. Perchè oggi l'anticristianesimo è rappresentato dai defensor tout court della rivoluzione francese sia nella salsa democratica americana sia in quella giacobino francese.
    Visto che loro sostengono questa età dell'oro a loro si fa una richiesta non agli spartani che non ci sono più!
    Maggio ogni azione va contestualizzata altrimenti perde di significato.
    Studiati per benino l'agere sequitur esse di San Tommaso!
    Matteo

    RispondiElimina
  48. Ha guadagnato<span>          </span>|<span>      </span>Ha perso
    <span>                                 |</span>
    __________________|_______________
    <p> 
    tot

    </p>

    RispondiElimina
  49. Bilancio della Chiesa
    (in "frutti spirituali"....)

    <span>Anni 1965-2010</span>
    (dal Concilio Vaticano II ad oggi)

    Ha guadagnato<span>          </span>|<span>      </span>Ha perso  
    <span>                               |</span>  
    __________________|__________________ _ _ _ _ _
    <span>

    _______________
    TOT

    ---------------------
    *DONT_KNOW* ........

    </span>

    RispondiElimina
  50. <span>Bilancio della Chiesa 
    (in "frutti spirituali"....) 
     
    <span>Anni 1965-2010</span> 
    (dal Concilio Vaticano II ad oggi) 
     
    Ha guadagnato<span>          </span>|<span>      </span>Ha perso   
    <span>                               |</span>  
    __________________|__________________ _ _ _ _ _ 
    <span>_______________ 
    TOT 
     
    --------------------- 
    *DONT_KNOW* ........
    </span></span>

    RispondiElimina
  51. <span><span>Bilancio della Chiesa   
    (in "frutti spirituali"....)   
       
    <span>Anni 1965-2010</span>   
    (dal Concilio Vaticano II ad oggi)   
       
    Ha guadagnato<span>          </span>|<span>      </span>Ha perso     
    <span>                               |</span>    
    ___________________|__________________ _ _ _ _ _   
    <span>_______________   
    TOT   
       
    ---------------------   
    *DONT_KNOW* ........ 
    </span></span></span>

    RispondiElimina
  52. 2 miliardi e 150 milioni di fedeli in Cristo nel mondo!
     nonostante:
    TRADIZIONALISTI
    MODERNISTI NEO O POST
    SECOLARISTI
     210 MILIONI DI PERSEGUITATI NEL MONDO
    ED UN NUOMERO CORPOSO DI PRETI E VESCOVI CHE REMANO CONTRO.

    Un Bilancio ottimo!
    Nonostante i gifi, gli sfigati ed i mena gramo!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  53. <span>NUMERO CORPOSO DI PRETI E VESCOVI ....</span>

    Dovrebbero essere costretti a dimettersi i vescovi? Oh sì - circa i<span>l 95 per cento di loro in tutto il mondo ! !</span>

    RispondiElimina
  54. lo disse Chesterton

    RispondiElimina
  55. "bilancio ottimo"!...non c'è che dire....
    ovvero:
    "che bel vestito ha l'imperatore" !!
    ............................

    RispondiElimina
  56. i vescovi che remano contro stanno al Papa come Santoro a Berlusconi!
    Più gli danno contro più la gente li segue!
    Ergo! Lasciamo vescovoni, cardinaloni, parrocchioni, pretoni al loro bel posto!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  57. <span>Lasciamo vescovoni,......... al loro bel posto! </span>

                       IL LORO POSTO E'
    IL    95 %      DELLA      CHIESA        !

    e andiamo......    *DONT_KNOW*
    DOVE ??
    OPPURE   allora.......mettiamo tra noi - 5 % - e loro una parete di carton-gesso e facciamo
    i<span> "separati in casa"    </span>     ??
    ...........
    NOI    :    5 %
    NOI    :    5 %
    ..........

    RispondiElimina
  58. <span><span>Lasciamo vescovoni,......... al loro bel posto! </span>  
     
                       IL LORO POSTO E'  
    IL    95 %      DELLA      CHIESA        !  
    ah, li "lasciamo"....?
    </span>
    <span>....e poi andiamo......    *DONT_KNOW*   .....
    DOVE ??  
    OPPURE   allora.......mettiamo tra noi - 5 % - e loro una parete di carton-gesso e facciamo  
    i<span> "separati in casa"    </span>     ??  
    ...........  
    NOI    :    5 %  
    NOI    :    5 %         !!!
    ..........</span>

    RispondiElimina
  59. <span><span><span>Lasciamo vescovoni,......... al loro bel posto! </span>    
       
                       IL LORO POSTO E'    
    IL    95 %      DELLA      CHIESA        !    </span></span>

    <span><span>ah, li "lasciamo"....?  </span>
    <span>....e poi andiamo......    *DONT_KNOW*   .....  
    DOVE ??    
    OPPURE   allora.......mettiamo tra noi - 5 % - e loro....: una bella parete di carton-gesso e facciamo  
    i<span> "separati in casa"    </span>     ??    
    ...........    
    NOI    :    5 %    
    NOI    :    5 %         !!!  
    ..........</span></span>

    RispondiElimina
  60. Finalmente il nostro multinick, qui per l`occasione scapolario, getta la maschera .
    Mi domando solo perchè la REDAZIONE gli permette di fare  pubblicità a libri che attaccano la Chiesa e il Papa.

    RispondiElimina
  61. Va beh! lasciamo stare!
    Matteo

    RispondiElimina
  62. Idem ...mi ripeto, REDAZIONE, perchè date spazio a certi commenti?

    RispondiElimina
  63. <span>Idem ...mi ripeto, REDAZIONE, perchè date spazio a certi commenti, forniti per di più di pubblicità per libri anticattolici?</span>

    RispondiElimina
  64. Con una breve aggiunta. Consiglio la lettura edificante del libro di del non cattolico Hughes, la cultura del piagnisteo .... vista la manica di sfigati che frequenta il Blog è utile!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  65. <span><span>
    <p><span><span>(Uno di tre)</span></span>
    </p><p><span><span>Bar-timeo replicando a Maggio, dice: “Si parla di atti di pedofilia. E la pedofilia coinvolge soggetti non maturi sessualmente. Bambini! </span></span><span>
    <span>Altro è la <span>pederastia</span> o <span>sodomia</span>. Se io <span>coercizzo</span> o <span>circuisco</span> na persona adulta non sono pedofilo. </span>
    <span><span>La differenza è non solo giuridicamente importante ma lo è anche razionalmente</span>. Fai sempre il solito minestrone! </span>
    <span>La ragione non è opzionale.”</span></span>

    </p><p><span><span>Azz! Mie ero convinto che il pensiero di bar timeo fosse maturo e serio e anche se spesso molto lontano dal mio pensiero lo rispettavo. Noto però che più spesso si erge ad esperto di tutti i problemi perfino quelli di sessualità. Minimizza e banalizza la gravità della pedofilia, pederastia, sodomia, coercizione, circuizione (la pedofilia non è pederastia o sodomia, ecc…).</span></span>
    </p><p><span><span>Mi indigno per queste espressioni! Mi indigno perché il MALE è MALE ed è ancor più grave quando viene inferto a minori, siano essi giovani, ragazzi o bambini! È ancora più grave quando chi lo infligge è colui che è stato preposto all’educazione e alla formazione! Vogliamo fare dei distinguo e trovare dei cavilli anche qui? </span></span>
    </p><p><span><span>Altra cosa che mi scandalizza è che bar timeo ha una risposta per tutti gli interventi. L’ultima parola deve essere sempre la sua (la Sapienza loda se stessa… ?!). Anche nel caso della lista dei libri più sopra elencati egli ha da dire, come se li avesse letti tutti. Resta evidente, dalla risposta che ha dato, che non ne ha letto nemmeno uno percè li considera a priori falsi e di parte… Ma ahimé proprio questa sua risposta rispecchia purtroppo il suo pericoloso pensiero…</span></span>
    </p><p><span><span> </span></span>
    </p><p> 
    </p></span>
    </span>
    <p> </p>

    RispondiElimina
  66. <p><span><span>(Due di tre)</span></span>
    </p><p><span><span>Io trovo non solo interessante ma anche doveroso leggere anche la stampa “dei cattivi nemici comunisti o modernisti” se non altro per favorire una riflessione più ampia. Per esempio, pur prendendo il tutto con beneficio di inventario, ho trovato interessante l’articolo di Marco d’Eramo dal titolo ironico “il Sesso di Ruini”: <span>http://www.ilmanifesto.it/archivi/commento/anno/2010/mese/03/articolo/2478/</span>. Altrettanto interessante l’articolo del </span></span><span><span>Time Magazine </span></span><span><span>http://www.time.com/time/magazine/article/0,9171,1973213</span></span><span><span>.</span><span><span></span></span></span>
    </p><p><span><span>Ma prima di tutto ho letto attentamente la lettera del santo Padre agl’irlandesi e solo dopo molti altri commenti sia di destra sia di sinistra; sia di tradizionalisti sia di modernisti riguardo all’argomento. È ovvio che c’è un po’ di verità in tutti, ma solo un poco, ciascuno scrive secndo il proprio punto di vista e di pensiero. Resta tuttavia il fatto che quello che è venuto alla luce (pedofilia o sessuofobia del clero) è solo la punta di un iceberg!</span></span></p>

    RispondiElimina
  67. Pubblicato dal MANIFESTO!!!!!
    Ah! Adesso è tutto più chiaro! Manifesto, unità, repubblica... tutte fonti di Verità!
    Matteo

    RispondiElimina
  68. <p><span><span>(Tre di tre)</span></span>
    </p><p><span><span>Perciò usando le stesse parole di bar timeo “osiamo dire”: La disonestà paga nell'immediato ma nel lungo andare si rivela quel che è disonestà! E aggiungo: la verità fa male ma è la verità!</span></span>
    </p><p><span><span>Se barti meo è prete o ha fatto studi in seminario o in qualche istituto religioso, saprà benissimo come stanno o stavano realmente le cose! E non aggiungo altro perché gli addetti ai lavori capiscono bene a cosa mi riferisco. </span></span>
    </p><p><span><span>Abbiate pazienza ancora… fra non molto ne vedremo delle belle! Per ora i “reverendi pedofili o sessuofobi (faccendo i distinguo di bar timeo) che stanno venendo fuori sono solo delle “pedine minori”; ci scandalizzeremo di più quando salteranno fuori nomi di “pedine di calibro maggiore”… Allora sentiremo dire o andremo a leggeremo che sono accuse infondate da parte della sinistra, dei massoni ecc… e ci si arrampicherà sugli spechi per negare e minimizzare l’evidenza… </span></span>
    </p><p><span><span>Perciò, più che citare la trave e la pagliuzza, come dice barti meo, io citerei il proverbio: <span>inutile nascondersi dietro a un dito!</span></span></span>
    </p><p><span><span>In certe situazioni di così pesante gravità la cosa migliore è abbassare la testa e zittire e pregare molto, piuttosto che (s)parlare. </span></span>
    </p><p><span><span>È proprio vero che La ragione non è proprio opzionale!</span></span>
    </p><p><span><span>Che Vergogna! Il Signore abbia pietà di noi!</span></span></p>

    RispondiElimina
  69. Interessante? :-D   Ciò che è interessante è sapere quali sono i riferimenti, le fonti di informazione, del multinick, per ultimo scapolario! Fonti che brillano per la loro oggettività e per la loro assenza di pregiudizi!

    RispondiElimina
  70. Filippo Burighel24 marzo 2010 10:11

    Bartimeo, condivido solo in parte (e in verità, piuttosto poco) quello che scrivi.
    Il tuo è un bilancio quantitativo ed è oggettivamente positivo nonostante l'opera di questo mondo e del suo principe.

    Il problema però si presenta quando guardiamo alla qualità e qua c'è di tutto e di più in peggio. Anche i tradizionalisti non sono scevri da derive bizzarre. E tutto ciò a causa della latitanza della stragrande maggioranza dei vescovi a fare i loro doveri, i buoni cari tria munera: evangelizzare, santificare, guidare i fedeli di Cristo!

    RispondiElimina
  71. a Bartimeo, ma cosa significa sparare quei numeri lì? cosa significa due miliardi e rotti cristiani nel mondo, sono solo numeri, non si è cristiani solo perchè si riceve un battesimo con invito all'applauso come ha fatto il prete conciliare che ha battezzato i miei pargoli. essere cristiani è un'altra cosa, significa riflettersi nella preghiera del credo in unum deum......in italia a chiacchiere i cristiani sarebbero 40 milioni o giù di lì, in concreto credo ce ne siano poche centinaia di migliaia (e voglio essere ottimista). Proprio dietro quelle stesse cifre si nascondono i conciliari per negare l'evidenza, e cioè il tracollo del cristianesimo su scala mondiale. meno male che c'è la tradizione cattolica....

    RispondiElimina
  72. Filippo Burighel24 marzo 2010 10:17

    Condivido, anche se non è per niente semplice risolvere la situazione. Ormai sono sempre più convinto che dobbia puntare alle generazioni future di sacerdoti, perché temo questa sia di fatto perduta...

    RispondiElimina
  73. ci sono, ci sono ancora di folli simili.... e capovilla ha 90 e passa anni... si fidi, capovilla è più a destra di quanto credere si possa!

    RispondiElimina
  74. consiglio (vivamente) la lettura di R.H. Benson: "Il padrone del mondo" !

    RispondiElimina
  75. Come al solito le zecche a primavera saltano fuori.
    Uno! Stai scrivendo una favola. Non ho parlado di male minore ma di diversità di concetti giuridici. Ergo stai inventando e mentendo!
    Due: se uno vuol imparare e confrontarsi dice la sua. se la sua è confutata bene se no si tiene la sua. Tu non hai confutato nulla.
    Tre. E' vero. Non ho letto i libri e non ho intenzione di farlo. Ho sottolineato la casa editrice ed il giornale che è stato nominato. Sarò o non sarò libero di dubitare di certi soggetti? e della loro buonafede?
    Quattro. Sarà pericoloso il mio pensiero ma se tu ti abbeveri a quelle fonti beh! Cosa dire! Dubito, nel tuo, di trovarci un briciolo di umanità! Sai questione di conoscenza della storia!
    stammi bene!
    Matteo

    RispondiElimina
  76. Che ci sia un briciolo di verità è falso. La Verità o è tutta o è solo verosimile e quindi fumo negli occhi per gettare fango!
    Io evito di leggere certa roba perchè non mi è utile alla digestione.
    poi al massimo è venuta fuori la pedofilia in minima parte ed nei maggior numero dei casi la peederastia di alcuni sacerdoti. La sessofobia te la sei inventata. Ma d'altra parte abbeverandoti a certe fonti non conosci nemmeno il significato di ciò che scrivi. Sessuofobico è avere paura del sesso. Se c'è chi invera il sesso è la Chiesa cattolica. Ergo, leggi meno cazzate e studia di più la lingua italiana!
    Matteo

    RispondiElimina
  77. Filippo Burighel24 marzo 2010 10:31

    NON DICIAMO TROIATE!!!
    Noi viviamo in un paese dove l'informazione è liberissima! Quello che non è libero sono le scemenze delle classifiche di organizzazioni lobbystiche e sinarchiche come Freedom House!

    Le case editrici che pubblicano questi libri non sono "sconosciute", ma DI SINISTRA e apertamente ANTI-CRERICALI!!! Chiedere a loro dello scandalo dei preti pedofili è come chiedere a Scientology se gli alieni esistono!!!

    BASTA CON QUESTA SOTTOMISSIONE MORALE ALLA SINISTRA: I CRISTIANI NON HANNO MAI AVUTO, NON HANNO E NON AVRANNO MAI NULLA DA IMPARARE DA LIBERALI, SOCIALISTI, COMUNISTI E LORO SUCCEDANEI!!!

    RispondiElimina
  78. Sì, sì, Le credo; nulla è impossibile alla Grazia Divina.

    RispondiElimina
  79. La Verità ci fa liberi ( Vangelo di oggi!). La responsabilità ( non sai neanche la differenza!) è dei singoli ed i singoli vengono giudicati. Saranno le loro responsabilità a far male a loro.
    Nella Chiesa la gerarchia non è come nella vita. Quello che contano sono i Santi. Loro sono la gerarchia! se uno ruba da povero diavolo o ruba da miliardario ( gerarchia su base economica) è un ladro.Punto! Se uno è pedofilo lo è sia che sia prete sia che  sia Vescovo sia che  sia  laico. Ma che cavolo dici? prima mi fai la morale perchè il MAle è male e poi dici che a secondo della gerarchia il male è più "importante"?
    Si chiama incoerenza ed è figlia del principio di contraddittorietà!
    Nessuno si nasconte dietro ad un dito! Qualcuno si deve vergognare. Non esistono sentimenti collettivi. Già! Ma se uno si abbevera a certe fonti non può far altro che collettivizzare! Il dito lo guardi tu mentre gli altri ti indicano la luna. Già! A furia di guaradre la pagliuzza degli altri, ci si dimentica di chiedere prima la propria conversione ( cosa che non fai) e poi quella degli altri.
    Ciao
    Matteo

    RispondiElimina
  80. Gentile Luisa, probabilmente, il lasciar passare questi tipi di messaggi costituisce la migliore dimostrazione della assoluta strumentalità della polemica montata sul caso della "pedofilia sacerdotale"; se ben considera, in fondo, la manifestazione stessa di questo tipo di pubblicità equivale al gesto di "gettare la maschera".

    RispondiElimina
  81. ?!?!?

    più alto è il livello di responsabilità,<span> più grave la colpa</span>: perchè dall'alto si dà l'esempio, sia buono che cattivo, e quello cattivo suscita lo SCANDALO e moltiplica il MALE nelle anime dei piccoli, trascinati dai grandi!
                                                EXEMPLA         TRAHUNT   !

    RispondiElimina
  82. Eraclio, lascia stare! Già quello che hai scritto dimostra che leggi partendo da te ( pregiudizio) senza contestualizzare il tutto. Quindi non sto li a perdere tempo con chi fa solo della provocazione intrisa di pegiudizio. stai nel tuo brodo ed abbeverati alla tua triste fonte!
    stammi bene!
    Matteo
    PS a titolo di cronaca il post a cui ho risposto è : bilancio tot e tot. Ergo alla richiesta di un bilancio si risponde con i numeri!
    Fine di qualsiasi discussione con te. posta quello che vuoi! Liberissimo di farlo, ci mancherebbe!

    RispondiElimina
  83. Luis Moscardò24 marzo 2010 10:51

    Bartimeo ha ragione a scindere la pedofilia dall'omosessualità, anche se entrambi sono evidentemente disturbi della sessualità.
    Sicuramente non si tratta di stimmatizzare l'una e accettare l'altra. Dobbiamo considerare le qualità e le condizioni che ruotano intorno ai soggetti: in primis se la qualità della persona che commette uno di questi atti è l'ordinazione sacerdotale è evidente che c'è anche il peccato contro la castità e il danno perpetrato alle anime da chi invece avrebbe il dovere di aiutarle a salvarsi; se l'atto è rivolto contro una persona sessualmente e fisicamente immatura a tutto quanto già detto si aggiunga che si abusa della "minorata difesa" altrui, dell'affidamento. Ne deriva che la pedofilia sia veramente una cosa ancor più odiosa, crudelmente cattiva e vigliacca, vergognosa e ripugnante.
    Quindi è utile e necessario distinguere; è vero che si distingue tra tifo e colera, ma i discorsi confusionari non hanno un gran senso perché in questi frangenti in cui l'opinione pubblica è scossa, si rischia di far passare patate per mele e viceversa.

    RispondiElimina
  84. dimostra di non aver capito nè letto che ho scritto "frutti spirituali", che NON SI MISURANO IN QUANTITA' di cifre contabili !

    RispondiElimina
  85. abbiamo visto infatti come il famigerato CNC non fa altro che sbandierare cifre eclatanti
    di (presunte)  CONVERSIONI, VOCAZIONI, ADESIONI....sperando e sapendo che nessuno tra gli spettatori delle loro kermesse mediatiche trionfalistiche vada a CONTROLLARE, VERIFICARE, MONITORARE di che NATURA siano quei magnifici "FRUTTI" TANTO STROMBAZZATI, e soprattutto  COME siano stati ottenuti, con quale tecnica e a quale  PREZZO (il fine giustifica i mezzi!...)!
    Ciò che conta è APPARIRE, l'AUDIENCE, LA SCENA del mondo che applaude ai nuovi....
    ....PADRONI   DELLA   SCENA   ECCLESIALE  !

    RispondiElimina
  86. Ciao Filippo!
    si parlava di cifre! Poi ragioniamo sulla qualità!
    Ma il post è una differenza tra entrate ed uscite.
    Infine. io capisco che il Pastore ecc ecc ecc ma mi ricordo anche che ci sono le repsonsabilità personali!
    Il determinismo psicologico di matrice freudiano marxista non ha nulla a che vedere con le proprie responsabilità.
    Tradotto. siccome ho avuto un prete che mi ha rotto pianto lì la Chiesa. Bene! Davanti a Dio dirò:" E' colpa sua se io ho peccato. Ergo per me c'è il Paradiso"!
    Vero che è un esempio paradossale ma iniziamo con l'insegnare alle persone che la salvezza passa dalle singole decisioni e che gli strumenti, soprattutto in occidente e nel XXI secolo ( quello del fumoso villaggio globale) per poter discernere tra bene e male, tra vero e falso, tra giusto e sbagliato, li abbiamo!. Cristo ci dona la libertà da ogni potere umano! Ci rende autonomi facendoci Figli! E noi ancora lì a dipendere da quello che dice il prete o fa il Vescovo. Mi domando. Ma tolti i sacramenti ne abbiamo realmente bisogno?Non è stata questa ribellione al Concilio ( sia da destra sia da sinistra) un evidente tentativo da parte di uomini vestiti da prete di mantenere il potere? A queste domande che io mi pongo e sulle quali rifletto e medito nessuno dà mai una risposta. Nemmeno l'ottimo Mons. Gherardini. Il Villaggio globale permette ai singoli di relazionarsi singolarmente con Cristo e di formare Chiesa. Questo è dificile da comprendere ma è la sfida che Benedetto XVI sta lanciando a tutti! Seguite Cristo perchè come disse il Papa "Solo lui a parole di Vita. Sì! Di vita eterna!" GPII!
    Mah! Mi lasciate sempre troppo perplesso!
    Ciao
    Matteo

    RispondiElimina
  87. Perchè i frutti spirituali non si contano in numeri di anime in un bilancio? Cosa è un frutto spirituale se non un convertito?
     Oppure diciamo che il concilio ci ha portato sempre meno preti ecc ecc ecc e non è quello fare un bilancio dei frutti spirituali? Ergo il bilanci dei frutti spirituali lo si fa numericamente. Altriemnti che bilancio è?
    Inoltre alla fine hai postatto TOT ed il Totale ha sempre un valore numenrico ( può essere preciso ad esempio 2 miliardi oppure generale tanto o poco, ma è sempre quantitativo).Forse, ma la chiudo qui perchè non porta nulla di buono solo polemica fine a sse stessa, qualcuno quando scrive non sa cosa scrive!
    Mi sbaglio?
    Matteo

    RispondiElimina
  88. Già! Infatto i Vescovi davano l'esempio ai sacerdoti ì, li avevano li intorno, mentre stupravano dei bambini! Oppure insegnavano ai seminaristi l'arte della violenza sessuale e della sodomia.
    Lascia stare. Hai dimostrato di non sapere cose scrivi figurati se capisci quello che ti viene postato!
    Ciao
    Matteo

    RispondiElimina
  89. Già! Infatto i Vescovi davano l'esempio ai sacerdoti ì, li avevano li intorno, mentre stupravano dei bambini! Oppure insegnavano ai seminaristi l'arte della violenza sessuale e della sodomia.
    Lascia stare. Hai dimostrato di non sapere cose scrivi figurati se capisci quello che ti viene postato!
    Ciao
    Matteo

    RispondiElimina
  90. la rivoluzione frqancese è stata un progresso sanguinoso ma comunque un progresso e alcune (sottolineo alcune) venature di anticlericalismo erano e sono pienamente giustificate e giustificabili proprio perchè c'è stata forte nei secoli la tentazione del clericalismo cioè del potere amministrato come diritto quasi divino quando di divino nen c'era (e non c'è) nulla:l'aspetto e il potere temporale hanno fatto tanti danni alla Chiesa e quindi ai cristiani. Affermare che Dio ha concesso e benedetto poteri vari nei secoli è semplicemnte cretino...sono glio uomini che posso ispirarsi a Dio nel gestire il potere e basta, lasciamo in pace il PadreEterno  su queste questioni

    RispondiElimina
  91. Beh, è proprio difficile non rispondere AMEN!, e Tempore Paschali aggiungere Alleluia!

    Dovrebbero essere costretti a dimettersi i vescovi? Oh sì - circa il 95 per cento di loro in tutto il mondo. Questi pagliacci nelle loro mitre pseudo-etniche e paramenti in poliestere con simboli cristiani finto-naif, che sproloquiano le loro episcobubbole ecumaniache, hanno supervisionato ben più che gli abusi sessuali: hanno estinto la fede cattolica con le loro fatuità moderniste. Essi dovrebbero essere rinchiusi in monasteri a spendere i loro anni restanti a valutare come render conto al loro Creatore di una guida fallita, che è costata innumerevoli milioni di anime perse.

    Da incorniciare. Assolutamente perfetto. Solo traducendoli in Romanesco i semplici e inattacabili fatti di questo passaggio poterebbero essere più graffianti nella loro nuda verità!

    Ma passata la prima soddisfazione "di fegato", tra il grappino (o la sambuca se siete romani de Roma) e il caffè nell'allegria conviviale tra amici, qualche difetto nel ragionamento dell'articolo c'è. Per chi legge la favella albionica, penso li abbia centrati Fr. Blake ripreso da Fr. Zuhlsdorf. Chi si è imbattuto in altri miei commenti sul tema sa che avrei addirittura aggiunto altro:

    http://wdtprs.com/blog/2010/03/fr-blake-responds-to-mr-warner/

    RispondiElimina
  92. comunque concorso con te che si sia un pericoloso anticristianesimo a gire (nei paesi orientali e arabi)

    RispondiElimina
  93. un ragazzo a 12 anni è in genere sessualmente maturo (cioè sviluppato)...non è più pedofilia? E' pederastia? E' sudiciume? E' perversione? Cosa cambia visto che la persona non è matura dentro?

    RispondiElimina
  94. Dire che la Rivoluzione Francese è stato un progresso è una cazzata, ma una cazzata grossa così! Maggio, ma ti rendi conto?
    La rivoluzione francese è il fondamento del totalitarismo! Ha chiuso l'uomo nel finito, lo ha fatto regredire allo stato di animale!
    Ma cosa dici? Ma su quali libri hai scritto! La tua Rivoluzione ci avrà tolto i re, mi ci ha lasciato in eredità Napoleone, Stali, Hitler ma ti rendi conto o no? Ma sai cosa è il rpogresso? Definiscilo? E poi ne parliamo!
    Roba da matt! E' come dire che Lutero è stato un progresso per la Chiesa.
    Maggio! O stiamo ai fatti o alle opinioni!
    Matteo

    RispondiElimina
  95. <span>Beh, è proprio difficile non rispondere AMEN!, e Tempore Paschali aggiungere Alleluia!  
     
    Dovrebbero essere costretti a dimettersi i vescovi? Oh sì - circa il 95 per cento di loro in tutto il mondo. Questi pagliacci nelle loro mitre pseudo-etniche e paramenti in poliestere con simboli cristiani finto-naif, che sproloquiano le loro episcobubbole ecumaniache, hanno supervisionato ben più che gli abusi sessuali: hanno estinto la fede cattolica con le loro fatuità moderniste. Essi dovrebbero essere rinchiusi in monasteri a spendere i loro anni restanti a valutare come render conto al loro Creatore di una guida fallita, che è costata innumerevoli milioni di anime perse.  
     
    Da incorniciare. Assolutamente perfetto. Solo traducendoli in Romanesco i semplici e inattacabili fatti di questo passaggio poterebbero essere più graffianti nella loro nuda verità!  
     
    Ma passata la prima soddisfazione "di fegato", tra il grappino (o la sambuca se siete romani de Roma) e il caffè nell'allegria conviviale tra amici, qualche difetto nel ragionamento dell'articolo c'è. Per chi legge la favella albionica, penso li abbia centrati Fr. Blake ripreso da Fr. Zuhlsdorf. Chi si è imbattuto in altri miei commenti sul tema sa che avrei addirittura aggiunto altro:  
     
    http://wdtprs.com/blog/2010/03/fr-blake-responds-to-mr-warner/</span>

    Dissento fortissimamamente solo su un punto, quando Fr. Blake dice che non si può provare che gli abusi siano cresciuti esponenzialmente dopo il concilio: mi pare che i dati ci siano eccome e parlano tragicamente chiaro. Centratissimo il commento di Fr. Z sulla Cristologia di certi passaggi dei testi conciliari (nulla di eretico in essi, ma certamente un "tono" che non ha aiutato, nel contesto. In altre epoche neanche ce ne saremmo accorti. Ma con tutte le chiacchiere sulla "prudenza pastorale" che ci siamo dovuti sciroppare, potevano stare un pò attenti no?).

    RispondiElimina
  96. ed occidentali...
    Matteo

    RispondiElimina
  97. AGI, mercoledì 24 marzo 2010, 12.10.05
    PAPA: DOPO LETTERA A IRLANDA SI DIMETTE EX SEGRETARIO DI PAOLO VI
      (AGI) - CdV, 24 mar. - Benedetto XVI ha accettato la rinuncia
    al governo pastorale della diocesi di Coyne in Irlanda
    presentate da mons. John Magee, potente ex segretario personale
    di Paolo VI, di Giovanni Paolo I e per un periodo anche di
    Giovanni Paolo II che lo nomino' successivamente maestro delle
    cerimonie pontificie prima di rimandarlo in patria con
    l' incarico di vescovo di un' importante diocesi. Ne da' notizia
    la Sala  Stampa della Santa Sede. Coinvolto nello scandalo dei
    preti pedofili per aver sottovalutato il problema limitandosi a
    trasferire di parrocchia chi era sospetatto di aver compiuto
    abusi su minori, mons. Magee si era gia' autosospeso alcuni
    mesi fa dall' incarico. Le dimissioni arrivano pero' dopo la
    Lettera Pastorale di Benedetto XVI che qualifica come peccati
    sia gli abusi dei preti che le coperture offerte dai vescovi.
     (AGI) 
    Siz
    241210 MAR 10
     
    NNN

    RispondiElimina
  98. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 12:17

    Quando uno parla smaniosamente, osessuvamente di sesso c'è qualcosa in lui che non funziona.

    RispondiElimina
  99. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 12:21

    Un concetrato del più distruttivo laicismo "cattolico". E da barzelletta è quell' "alcune venature di anticlericalismo".

    RispondiElimina
  100. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 12:26

    Se quei quei cattolici cattolici fossero davvero in poco tempo conquisterebbero il mondo!

    RispondiElimina
  101. Meglio L'anticristo di Solov'ev!
    Matteo

    RispondiElimina
  102. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 12:34

    Lasciamo. dunque, traviare i fedeli  e portare alla perdizione le anime.

    RispondiElimina
  103. Redazione di Messainlatino.it24 marzo 2010 12:46

    Notizia che non ci farà certo pian

    RispondiElimina
  104. Liberare il mondo! Comunque , il nemico non è che è numericamente tanto inferiore. Certo che se si lavorasse per mettere in relazione le diverse religioni forse qualcosa di buono lo si otterrebbe in breve tempo...
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  105.  vescovi che remano contro stanno al Papa come Santoro a Berlusconi! 
    Più gli danno contro più la gente lo segue! 
    Ergo! Lasciamo vescovoni, cardinaloni, parrocchioni, pretoni al loro bel posto! 
    Matteo Dellanoce

    Ma la ha capita?
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  106. Beh, questo è un sito di liturgia perciò non mi dilungherò sulla storia, ma la "rivoluzione" Americana è MOLTO diversa da quella Francese. Anche se alcuni patrioti yankee - ma non tutti, e nemmeno la maggior parte - avevano subito influenze illuministe, il loro pensiero era agli antipodi, persino in maniera insospettata per dei protestanti che tutto sommato erano figli del passaggio sovversivo immediatamente precedente, ovvero della fine deel'unità religiosa dell'Europa.

    Molti ignorano  quanto bene i "Founding Fathers"  conoscessero le elaborazioni in tema di diritto naturale e ordine temporale di S. Tommaso d'Aquino, della scuola di Salamanca, di S. Roberto Bellarmino e naturalmente di Roma immortale. La vicenda Americana è molto più complessa, e molte cose in essa sarebbero da esaminare con calma. Un profeta antigiacobino come Edmund Burke, il "Cicerone della Britannia" , disse giustamente che quella americana in realtà non era una rivoluzione riuscita ma una evitata, perchè i coloni si battevano contro l'involuzione totalitaria della monarchia a cui in realtà avrebbero voluto restare fedeli ma non poterono perchè stava schiacciando diritti e tradizioni delgi antenati. Ma mi fermo qui. Dico solo che non fu uno dei tanti stadi del plurisecolare sforzo neognostico di distruggere i frutti temporali e spirituali della Cristianità, come invece fu certamente la Riv. Francese.

    RispondiElimina
  107. Filippo Burighel24 marzo 2010 14:19

    Maggio55, scusa la domanda, ma se un prete 50enne seducesse "sfruttando l'autorevolezza del proprio ruolo" una parrocchiana 40enne avresti il coraggio di dire che è un "atto pedofilo"? Ok che oggi ci sono delle 40enni decisamente più attraenti e sensuali di tante giovincelle anoressiche e svampite, ma in tal caso parlare di "atto pedofilo" sarebbe oltre tutti i limiti del ridicolo! :-D

    RispondiElimina
  108. <span>progresso sanguinoso ma comunque un progresso </span>
    ! ! ! ! ! ! ! ! !

    è equivale esattamente al famoso

    LA VIOLENZA E' LEVATRICE DELLA STORIA

    Affermazioni veramente degne di <span>uno che si dichiara CATTOLICO !</span>
    -----------------
    (come altrove, come sempre, da 48 anni: uccisione del LOGOS !....)

    RispondiElimina
  109. ...e che tra l'altro fa il catechista !
    Questi sono i nuovi educatori cattolici di quelli che aloro volta domani saranno educatori ?
    Bella prospettiva, in linea continua con le famose APERTURE CONCILIARI :
    quelle che fecero entrare <span>gli spifferi,</span> sicuramente !....
    :(

    RispondiElimina
  110. <span>...e che tra l'altro fa il catechista ! 
    Questi sono i nuovi educatori cattolici di quelli che aloro volta domani saranno educatori ? 
    Bella prospettiva, in linea continua con le famose APERTURE CONCILIARI : 
    quelle che fecero entrare <span>gli spifferi,</span> sicuramente !.... </span>
    <span>(se questa è la famosa "continuità", davvero incoraggiante, non c'è che dire....)
    :( </span>

    RispondiElimina
  111. Anche altri tipi di abusi e coperture 'cammino facendo' finiranno allo stesso modo!

    RispondiElimina
  112. Filippo Burighel24 marzo 2010 14:45

    Se per "relazione" intendi "rispetto alla Verità" in un'ottica saggiamente verticale, dove necessariamente c'è chi la Verità già l'ha ricevuta per Rivelazione, sono d'accordo.
    Se è invece orizzontale, siamo già apposto con Consigli Ecumenici e Parlamenti Mondiali delle Religioni. Dalle mie parti si dice: "Il troppo stroppa!" E tutto sto orizzontalismo ecumenico-interreligioso ha già "stroppato" tutto lo "stroppabile"!

    RispondiElimina
  113. Filippo Burighel24 marzo 2010 14:54

    Dante, sono convinto i fedeli non siano del tutto esenti da colpe riguardo lo stato dell'episcopato attuale. Ho già espresso in passato la mia personalissima ipotesi che il Signore a volte chiami all'episcopato proprio qualcuno in cui i fedeli possano specchiarsi, tanto da restarne inorriditi.
    Certi vescovi sono come gli orecchioni: ti vengono una volta, poi sviluppi gli anticorpi!

    RispondiElimina
  114. <span><span>progresso sanguinoso ma comunque un progresso </span> 
    !.........!.........! 
    equivale esattamente al famoso 
     
    LA VIOLENZA E' LEVATRICE DELLA STORIA 
    ----------------------- 
    Affermazioni veramente degne di <span>uno che si dichiara CATTOLICO !</span> 
    (come altrove, come sempre, da 48 anni: uccisione del LOGOS !....)</span>

    RispondiElimina
  115. <span><span>...e che tra l'altro fa il catechista !   
    Questi sono i nuovi educatori cattolici di quelli che aloro volta domani saranno educatori ?   
    Bella prospettiva, in linea continua con le famose APERTURE CONCILIARI :   
    quelle che fecero entrare <span>gli spifferi,</span> sicuramente !.... </span>  
    <span>(se questa è la famosa "continuità", davvero incoraggiante, non c'è che dire....)  
    :( </span></span>

    RispondiElimina
  116. consiglio per Bar timeo:
    si prenda una camomilla stù più sereno!

    RispondiElimina
  117. <span>Perchè i frutti spirituali non si contano in numeri di anime in un bilancio? Cosa è un frutto spirituale se non un convertito?
     Oppure diciamo che il concilio ci ha portato sempre meno preti ecc ecc ecc e non è quello fare un bilancio dei frutti spirituali? Ergo il bilanci dei frutti spirituali lo si fa numericamente. Altriemnti che bilancio è?
    Inoltre alla fine hai postatto TOT ed il Totale ha sempre un valore numenrico ( può essere preciso ad esempio 2 miliardi oppure generale tanto o poco, ma è sempre quantitativo).Forse, ma la chiudo qui perchè non porta nulla di buono solo polemica fine a sse stessa, qualcuno quando scrive non sa cosa scrive!
    Mi sbaglio?
    Matteo</span>

    RispondiElimina
  118. col falso dialogo si perde l'identità (card. Sepe docet, eliminando ilo SS.mo dalla Cappella
    "ecumenica" !...)

    RispondiElimina
  119. La realzione è simmetrica e complementare! La verticalità è contestuale!  si sviluppano relazioni orizzontali in un orizzonte verticale!
    Quindi:
    a livello ecumenico: rientro delle diverse realtà nella piena comunione. Vertcalità della Chiesa come contesto.
    a livello INTER-religioso: individuazione di un piano ( piano orizzontale) su cui partire per iniziare a lavorare. "Definizione" di Dio comune!
     Vedi discorso di Ratisbona!
    Matteo

    RispondiElimina
  120. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 15:16

    A me sembra che si stiano lasciando passare troppi messaggi anti-Chiesa, presentata come una sentina di tutti i mali, tramite la propaganda di opere e siti di atei e agnostici, nemici giurati della nostra santa religione.
    Mi si potrà obiettare che in tal modo si rimarca la pochezza umana e razionale di questi nemici. Ma è una giustificazione che non trova il mio consenso: i giovani che si affacciano su questo blog se ne ritraggono nauseati. Qualcuno, che ha trovato la mia email, me l'ha pure scritto. Ed ho cercato di convincerlo a lasciar perdere i venditori di calunnie o coloro che si crogiolano nel male per schizzar fango su tutto e su tutti, e di legger le tante cose buone che sono offerte.

    RispondiElimina
  121. 175  massima 78 minima ed 77 pulsazioni. Non leggendo certa roba non ho problemi pressori.
    Grazie del suggerimento.
    Matteo

    RispondiElimina
  122. <span>Come al solito le zecche a primavera saltano fuori.
    Uno! Stai scrivendo una favola. Non ho parlado di male minore ma di diversità di concetti giuridici. Ergo stai inventando e mentendo!
    Due: se uno vuol imparare e confrontarsi dice la sua. se la sua è confutata bene se no si tiene la sua. Tu non hai confutato nulla.
    Tre. E' vero. Non ho letto i libri e non ho intenzione di farlo. Ho sottolineato la casa editrice ed il giornale che è stato nominato. Sarò o non sarò libero di dubitare di certi soggetti? e della loro buonafede?
    Quattro. Sarà pericoloso il mio pensiero ma se tu ti abbeveri a quelle fonti beh! Cosa dire! Dubito, nel tuo, di trovarci un briciolo di umanità! Sai questione di conoscenza della storia!
    stammi bene!
    Matteo</span>

    RispondiElimina
  123. <span>Con sessuofobia si intende la paura ad affrontare qualsiasi azione o pensiero relativi alla sessualità. La sessuofobia può comportare, dal punto di vista sessuologico, diversi tipi di patologie, tali da impedire o rendere estremamente difficile la sessualità anche in coppie ben affiatate e stabili, ed è spesso dovuta a traumi infantili o ad una educazione troppo rigida e autoritaria, tale da impedire il libero sviluppo dell'emotività e della relazione con gli altri e con il proprio corpo. O</span><span><span>ltre che una problematica individuale, è al contempo riconosciuta come caratteristica di alcune forme di cultura, dal punto di vista sociologico. In particolare le principali religioni monoteistiche e le civiltà più legate ad esse da un punto di vista culturale si sono caratterizzate storicamente per alcuni aspetti ritenuti come sessuofobici.</span></span>
    <p><span>Lei ha paura del sesso?</span>
    </p>

    RispondiElimina
  124. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 15:25

    Si cerchi anche di non identificare  pederastia con sodomia. Inoltre non tutti i casi di pedofilia comportano la sodomia. Questa semmai è più diffusa in ambito più prettamente omossessuale. In ogni caso sempre colpe orribili restano, qualunque sia il loro inquadramento giuridico.

    RispondiElimina
  125. ?.....?.....?
    il "verticalismo orizzontale" e viceversa mi fa pensare alle acrobazie verbali di certi critici d'arte in voga negli anni '70 che imperversavano col sinistrese fumogeno sulle teste dei poveri studenti allibiti.....
    (aiuto, mi gira la testa!...)
    (((((..... :( ...)))))

    RispondiElimina
  126. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 15:27

    Aggiungici qualche anno, orsù!

    RispondiElimina
  127. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 15:30

    Sempre e comunque, indipendentemente dall'ordinazione, quel peccato è contro la castità. Semmai si dovrà parlare di violazione di voto di castità.

    RispondiElimina
  128. caro Matteo,
    in questi exploit concettuali, quando lei si lancia da un trapezio all'altro del suo ardito fraseggio....
    io .....io tremo, sto in ansia...pensando a come ricadrà sul prossimo....quasi perfettamente, forse (pfff...sollievo! ce l'ha fatta, ogni volta, o quasi, illeso !)...
    ...e poi mi riconforto, pensando che, in fondo, lei vuol fare concorrenza al

    "divino del pian silenzio verde  ! "

    ....e dobbiamo concederle la "licenza poetica" !
    :-[
    (siamo generosi, suvvia !)

    RispondiElimina
  129. A me certi commenti fanno pensare ai tanti laureati sfornati da università pubbliche italiane dal 68 in qua!
    Leggiti Orizzonte Verticale, senso e significato della persona umana di Ramos Lucas Lucas e poi, se lo capisci, ne parliamo.
    stammi bene,
    Matteo
    PS se poi vuoi andare a fare qualche copia ed incolla su wiki puoi trovare la biografia di Luca Lucas!

    RispondiElimina
  130. Redazione di Messainlatino.it24 marzo 2010 15:50

    <span>Siamo stati in dubbio se cancellare quei commenti. Ma non per la 'pubblicità' (roba di quel genere la si trova perfino all'autogrill</span><span>), quanto per quell'odioso riferimento a responsabilità del Papa. </span><span>Poi però è apparso chiaro che un commento del genere squalifica primariamente il commentante e, come ha scritto qualcuno sopra, gli toglie la maschera. Non solo: ma mostra che non abbiamo certo paura del fatto che uno scriva falsità, perché la verità è più forte.</span><span>Siamo in un momento in cui censurare sarebbe segno di debolezza e farebbe un favore agli avversari, che appunto ci accusano di coprire e nascondere. Lasciamo loro giocare le poche carte che hanno, e si vedrà così che è un bluff.</span><span></span> 

    RispondiElimina
  131. tanti...?
    sia preciso:    quali....e  quanti?....
    in realtà, a quel tempo il Logos brillava ancora in tante menti semplici e pulite, come il sole sfolgora in un azzurro mattino di giugno...ancora per pochi anni:
    oggi, invece (e da trent'anni almeno...) non so più dire che specie di eclissi Esso abbia subìto....e quanto durerà !

    RispondiElimina
  132. <span>tanti...? 
    sia preciso:    quali....e  quanti?.... 
    in realtà, a quel tempo<span> il Logos </span>brillava ancora in tante menti semplici e pulite, come il sole sfolgora in un azzurro mattino di giugno...ma fu così ancora per pochi anni: 
    oggi, invece (e da trent'anni almeno...) non so più dire che specie di eclissi </span>
    <span>Esso abbia subìto....e quanto durerà !</span>

    RispondiElimina
  133. La parola sesso ha un significato ben preciso. Viene dal latino secare e significa dividere. Si dividono due realtà diverse che costituiscono una realtà unica in seguito.
    Fatta questa premessa per mister copia ed incolla,  la sessuofobia non può riguardare la Chiesa cattolica, perchè invera la sessualità nel matrimonio. Ed il matrimonio, tra un uomo ed una donna, è patria della sessualità e del sesso! Sa le parole hanno un significato univoco se le si conoscono.
    Sesuofobo è ad esempio un omosessuale o una lesbica o un transessuale, o alla stessa stregua un soggetto che vive una attività sessuale disordinata perchè non si unisce stabilmente, non forma una unione, ma usa l'altro per soddisfare se stesso. Una sorta di continua masturbazione che nulla ha a che vedere con il sesso, con la sessualità con l'affettività e tanto meno con l'amore. Come vede tutti queste categorie sociologiche e non naturali negano la relazione  stabile con un altro "sesso".
    Quindi il sottoscritto che non è sessuofobo ha tre bellissimi figli e del sesso non parla perchè alle parole ( come citato dal prof. Pastorelli di sopra) preferisce decisamente i fatti!!!!...
    può Lei dire lo stesso?
    Mi raccomadno posti pure  anche una bella citazione di Grillini!!!
    Matteo
    PS ciò che Lei cita puzza di comportamentismo psicologico che tra l'altro non va più nemmeno tanto di moda. Roba vecchia. Roba di matrice sociobiologica! Determinismo che nega la libertà dell'uomo! Dai! Legga qualche libro un po' meno ideologicamente schierato a sinistra! Le conviene. Potrebbe avere una vita sessuale più realizzata!

    RispondiElimina
  134. <span><span>  
    Uno! Stai scrivendo una favola. Non ho parlado di male minore ma di diversità di concetti giuridici. Ergo stai inventando e mentendo!  
    Due: se uno vuol imparare e confrontarsi dice la sua. se la sua è confutata bene se no si tiene la sua. Tu non hai confutato nulla.  
    Tre. E' vero. Non ho letto i libri e non ho intenzione di farlo. Ho sottolineato la casa editrice ed il giornale che è stato nominato. Sarò o non sarò libero di dubitare di certi soggetti? e della loro buonafede?  
    Quattro. Sarà pericoloso il mio pensiero ma se tu ti abbeveri a quelle fonti beh! Cosa dire! Dubito, nel tuo, di trovarci un briciolo di umanità! Sai questione di conoscenza della storia!  
    stammi bene!  
    Matteo</span></span>
    Today, 15.20

    RispondiElimina
  135. Bartimeo, bravo per il mister copiaincolla ;) , per il resto scapolare multinick è talmente caricaturale nei suoi  "contributi", è talmente evidente, oramai, quali siano i suoi riferimenti, che anche i suoi contributi passati, sotto molteplici nick, risultano più chiari. Finirò per essere d`accordo con la REDAZIONE che preferisce lasciare certi exploit, perchè è vero che ci permettono di scoprire che cosa c`è dietro le maschere, e ciò che si scopre non è sempre bello da vedere.

    RispondiElimina
  136. <span>qualcuno in cui i fedeli possano specchiarsi, </span>

    se penso alla mia miseranda diocesi, questa mi pare una chiave di lettura molto suggestiva...
    ma il guaio è che, osservando la situazione più volte dopo svariati anni, mi chiedo:
    "Quand'è che cominceranno a specchiarsi ?..."
    (qualcosa forse non funziona, davanti o dietro lo "specchio"....)
    :(

    RispondiElimina
  137. certo, nel corso di grandi e rapidi cambiamenti sociali e culturali, avvertiamo la necessità di indicare i fenomeni degli ultimi decenni in termini di quantità, sempre con riserva di poter verificare :
    natura delle "presenze" nei gruppi di appartenenza (non solo anagrafica), qualità e durata nel tempo (elementi non sempre facili da valutare);
    ma poi ci interessava lo sguardo d'insieme, che balza all'occhio dell'osservatore comune, non giovanissimo, e il confronto tra prima e dopo il 1965
    (senza grandi pretese di studi statistici, qui improponibili....)

    RispondiElimina
  138. su questo ho qualche dubbio: per certe realtà sembra che prevalga il "segreto di stato"...

    RispondiElimina
  139. <span>su questo ho qualche dubbio: per certe realtà double-face sembra che prevalga il "segreto di stato"...</span>

    RispondiElimina
  140. Ho detto più sotto che finirò per essere d`accordo con la REDAZIONE che preferisce lasciare certi exploit, perchè è vero che ci permettono di scoprire che cosa c`è dietro le maschere, e ciò che si scopre non è sempre bello da vedere.
    E nel contempo è anche vero che offrire a certe persone e alle loro idee, una tribuna gratuita, quando queste idee offendono gravemente la Chiesa, il Papa, la nostra religione, non mi sembra  in fondo corretto, perchè queste persone non dicono la verità, ma vengono qui a scaricare fango, astio se non odio e tante menzogne. 
    Allora perchè offrire loro una vitrina?
    Non penso che censurare quei commenti sia segno di debolezza, perchè le accuse sono infondate,  espressione di pregiudizi,  malafede e disonestà intellettuale, censurandoli non si nasconde niente di vero, niente che potrebbe esserci rimproverato.
    I contributi, se così possono essere definiti di scapolare,multinick, con le sue accuse al Papa sono un esempio di ciò che insozza questo blog.

    RispondiElimina
  141. Ho detto più sotto che finirò per essere d`accordo con la REDAZIONE che preferisce lasciare certi exploit, perchè è vero che ci permettono di scoprire che cosa c`è dietro le maschere, e ciò che si scopre non è sempre bello da vedere.
    E nel contempo è anche vero che offrire a certe persone e alle loro idee, una tribuna gratuita, quando queste idee offendono gravemente la Chiesa, il Papa, la nostra religione, non mi sembra  in fondo corretto, perchè queste persone non dicono la verità, ma vengono qui a scaricare fango, astio se non odio e tante menzogne. 
    Allora perchè offrire loro una vitrina?
    Non penso che censurare quei commenti sia segno di debolezza, perchè le accuse sono infondate,  espressione di pregiudizi,  malafede e disonestà intellettuale, censurandoli non si nasconde niente di vero, niente che potrebbe esserci rimproverato.
    I contributi, se così possono essere definiti di scapolare-multinick, con le sue accuse al Papa, sono un esempio di ciò che insozza questo blog.
    Ho ricevuto oggi diversi mail di persone alle quali ho raccomandato questo blog e che son state sconcertate di trovare quel genere di prosa su un blog cattolico.

    RispondiElimina
  142. Appunto. Quello che ho detto io.
    Basta poco per andare d'accordo!
    Matteo

    RispondiElimina
  143. si tratta di tener sempre presente l'entità e l'incidenza di quei fattori denominati "tre B"
    (come ricordato nel post sullo stesso tema, prima parte, vedasi....):
    “believing” (credere), “belonging” (appartenere) e “behaving” (comportarsi),
    imprescindibili per mettere a fuoco tutto il quadro.
    Rilegga dunque:
    La grande maggioranza delle persone si dichiara ancora credente. Nonostante un’attiva propaganda, il numero degli atei non aumenta. È invece chiaro a tutti che c’è un’ampia secolarizzazione dei comportamenti (behaving).
    .............
    Non c’è dubbio, però, che in alcuni Paesi<span> il numero di praticanti cattolici e protestanti sia sceso in modo particolarmente drastico negli ultimi cinquant’anni..</span>
    ...............
    Benedetto XVI nella sua “Lettera” si mostra consapevole del fatto che ci fu negli anni 1960 un’autentica rivoluzione, non meno importante della Riforma protestante o della Rivoluzione francese, che fu “rapidissima” e che assestò un colpo durissimo alla “tradizionale adesione del popolo all’insegnamento e ai valori cattolici”.....
    ..............
    “il Sessantotto” appare sempre di più come il tempo di un profondo sconvolgimento dei costumi, con effetti cruciali e duraturi sulla religione. C’è stato del resto un Sessantotto nella società e anche un Sessantotto nella Chiesa.......
    [esso, secondo]  Ralph McInerny – Vaticano II - Che cosa è andato storto? –
    rappresenta un punto di non ritorno nella crisi del principio di autorità nella Chiesa Cattolica.
    ...............
    la “rivoluzione culturale” del 1968 “non fu un fenomeno d’urto abbattutosi dall’esterno contro la Chiesa bensì è stata preparata e innescata dai fermenti postconciliari del cattolicesimo”
    ----------------
    rilegga, Matteo, tutti quei punti cruciali dell'acuta analisi, a firma di Massimo Introvigne:
    sono quelli che intendevo far pesare nel bilancio, poichè lo stesso Papa Benedetto
    ha osservato con grande lucidità i fermenti della "quarta rivoluzione" e che, come sottolineato dalla Redazione,
    la maggior parte dei comportamenti devianti oggetto di scandalo iniziano dagli anni '60 in avanti.

    RispondiElimina
  144. <span>si tratta di tener sempre presente l'entità e l'incidenza di quei fattori denominati "tre B"  
    (come ricordato nel post sullo stesso tema, prima parte, vedasi....):  
    “believing” (credere), “belonging” (appartenere) e “behaving” (comportarsi),  
    imprescindibili per mettere a fuoco tutto il quadro.  
    Rilegga dunque:  
    La grande maggioranza delle persone si dichiara ancora credente. Nonostante un’attiva propaganda, il numero degli atei non aumenta. È invece chiaro a tutti che c’è un’ampia secolarizzazione dei comportamenti (behaving).  
    .............  
    Non c’è dubbio, però, che in alcuni Paesi<span> il numero di praticanti cattolici e protestanti sia sceso in modo particolarmente drastico negli ultimi cinquant’anni..</span>  
    ...............  
    Benedetto XVI nella sua “Lettera” si mostra consapevole del fatto che ci fu negli anni 1960 un’autentica rivoluzione, non meno importante della Riforma protestante o della Rivoluzione francese, che fu “rapidissima” e che assestò un colpo durissimo alla “tradizionale adesione del popolo all’insegnamento e ai valori cattolici”.....  
    ..............  
    “il Sessantotto” appare sempre di più come il tempo di un profondo sconvolgimento dei costumi, con effetti cruciali e duraturi sulla religione. C’è stato del resto un Sessantotto nella società e anche un Sessantotto nella Chiesa.......  
    [esso, secondo]  Ralph McInerny – Vaticano II - Che cosa è andato storto? –  
    rappresenta un punto di non ritorno nella crisi del principio di autorità nella Chiesa Cattolica.  
    ...............  
    la “rivoluzione culturale” del 1968 “non fu un fenomeno d’urto abbattutosi dall’esterno contro la Chiesa bensì è stata preparata e innescata dai fermenti postconciliari del cattolicesimo”  
    ----------------  
    rilegga, Matteo, tutti quei punti cruciali dell'acuta analisi, a firma di Massimo Introvigne:  
    sono quelli che intendevo far pesare nel bilancio, poichè lo stesso Papa Benedetto</span>
    <span>ha osservato con grande lucidità i fermenti della "quarta rivoluzione" e che, come sottolineato dalla Redazione,</span>
    <span>la maggior parte dei comportamenti devianti oggetto di scandalo iniziano dagli anni '60 in avanti.</span>

    RispondiElimina
  145. Rutilio Namaziano24 marzo 2010 18:15

    Mi unisco alla richiesta di Luisa: Le affermazioni di Scapolario apertamente contro i due ultimi Pontefici sono del tutto inaccettabili e voglio credere che la Redazione non indugi

    RispondiElimina
  146. <span><span>si tratta di tener sempre presente l'entità e l'incidenza di quei fattori denominati "tre B"    
    (come ricordato nel post sullo stesso tema, prima parte, vedasi....):    
    “believing” (credere), “belonging” (appartenere) e “behaving” (comportarsi),    
    imprescindibili per mettere a fuoco tutto il quadro.    
    Rilegga dunque:    
    La grande maggioranza delle persone si dichiara ancora credente. Nonostante un’attiva propaganda, il numero degli atei non aumenta. È invece chiaro a tutti che c’è un’ampia secolarizzazione dei comportamenti (behaving).    
    .............    
    Non c’è dubbio, però, che in alcuni Paesi<span> il numero di praticanti cattolici e protestanti sia sceso in modo particolarmente drastico negli ultimi cinquant’anni..</span>    
    ...............    
    Benedetto XVI nella sua “Lettera” si mostra consapevole del fatto che ci fu negli anni 1960 un’autentica rivoluzione, non meno importante della Riforma protestante o della Rivoluzione francese, che fu “rapidissima” e che assestò un colpo durissimo alla “tradizionale adesione del popolo all’insegnamento e ai valori cattolici”.....    
    ..............    
    “il Sessantotto” appare sempre di più come il tempo di un profondo sconvolgimento dei costumi, con effetti cruciali e duraturi sulla religione. C’è stato del resto un Sessantotto nella società e anche un Sessantotto nella Chiesa.......    
    [esso, secondo]  Ralph McInerny – Vaticano II - Che cosa è andato storto? –    
    rappresenta un punto di non ritorno nella crisi del principio di autorità nella Chiesa Cattolica.    
    ...............    
    la “rivoluzione culturale” del 1968 “non fu un fenomeno d’urto abbattutosi dall’esterno contro la Chiesa bensì è stata preparata e innescata dai fermenti postconciliari del cattolicesimo”    
    ----------------    
    rilegga, Matteo, tutti quei punti cruciali dell'acuta analisi, a firma di Massimo Introvigne:    
    sono quelli che intendevo far pesare nel bilancio, dato che lo stesso Papa Benedetto</span><span> ha osservato con grande lucidità i fermenti della "quarta rivoluzione" e che, come sottolineato dalla Redazione,</span>  
    <span>la maggior parte dei comportamenti devianti oggetto di scandalo iniziano dagli anni '60 in avanti.</span></span>

    RispondiElimina
  147. Ma guardi che io sono d'accordo. C'è comunque una base di 2 miliardi ecc ecc su cui lavorare ed un buon numero di atei devoti non statolatri da convertire. E' qustione di pazienzae di fiducia e di lavoro.
    Tutto qui!
    E mi sembra un bilancio, chiamiamola base, buona per partire. Un po' come Cristo a suo tempo. 11 fedelissimi, un traditore ed un popolo su cui lavorare.
    Grazie della spiegazione, in amicizia
    Matteo

    RispondiElimina
  148. .... circa le "conversioni", i guai cominciano quando verifichiamo che i presunti convertiti sono stati formati non alla Dottrina Cattolica di sempre (come molti ingenuamente hanno creduto), ma alle dottrine inquinate ed eretiche della contro-Chiesa che avanza sempre più minacciosa (la cui punta di diamante è rappresentata dalla <span>premiata ditta Ki&Ca</span>....) con le sue multiformi storture liturgiche e dottrinali, e l'arrogante disprezzo verso la Tradizione bimillenaria e verso il Vicario di Cristo, al quale si oppone con sfida aperta, e con i suoi lupi-pastori che trascinano buona parte del gregge, adescato e catturato con menzogne micidiali, alla dispersione della vera Fede e al rischio massimo di apostasia per le anime !

    RispondiElimina
  149. <span>.... circa le "conversioni", i guai cominciano quando verifichiamo che -molto spesso-  i presunti convertiti sono stati formati non alla Dottrina Cattolica di sempre (come molti ingenuamente hanno creduto), ma alle dottrine inquinate ed eretiche della contro-Chiesa che avanza sempre più minacciosa (la cui punta di diamante è rappresentata dalla <span>premiata ditta Ki&Ca</span>....) con le sue multiformi storture liturgiche e dottrinali, e l'arrogante disprezzo verso la Tradizione bimillenaria e verso il Vicario di Cristo, al quale si oppone con sfida aperta, e con i suoi lupi-pastori che trascinano buona parte del gregge, adescato e catturato con menzogne micidiali, alla dispersione della vera Fede e al rischio massimo di apostasia per le anime !</span>

    RispondiElimina
  150. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 19:14

    Conquistare il mondo a Cristo, non a Budda o a Maometto.

    RispondiElimina
  151. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 19:20

    I più semplici fedeli non sanno districarsi tra false verità, falsa morale, violazione della disciplina ecc., mente restano scandalizzati solo da peccati di natura sessuale mostruosi (se han la donna, beh, sono uomini anche loro!) e dalle truffe finanziarie. Quindi certe colpe hanno delle attenuanti.
    I vescovi non hanno scusanti. Attenzione: gli orecchioni possono causar l'orchite.

    RispondiElimina
  152. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 19:28

    Chi va a pesca su Vikipedia di citazioni come questa potrebbe effettivamente aver a che far con problemi, visto che lascia persino i link per invitarci ad aggiornarci sul significato di paura, azione, pensiero ecc. Ragazzotto, cerca d'esser più serio, relativamente alla tua età.

    RispondiElimina
  153. che vanitosi che siete24 marzo 2010 20:24

    La fiera delle vanità.

    RispondiElimina
  154. NUOVA ACCUSA PER PADRE PETER HULLERMANN IN GERMANIA  - E' emersa una nuova accusa a carico di Peter Hullermann, il prete pedofilo che papa Ratzinger, quando era arcivescovo, aveva accettato di far curare nella propria diocesi di Monaco di Baviera nel 1980 ma che poi era stato anche impiegato pericolosamente in attività pastorali per dichiarata colpa del suo vicario, Gerhard Gruber, e poi trasferito dal successore dell'attuale pontefice. Lo ha reso noto oggi l'arcivescovado di Monaco di Baviera e Frisinga precisando che "il presunto abuso sarebbe avvenuto nel 1998, quando "il prete H." era amministratore parrocchiale a Garching/Alz, sempre in Baviera. "Il caso non è caduto in prescrizione e la presunta vittima era all'epoca minorenne", informa un comunicato, annunciando che l'informazione è stata trasmessa alla Procura e ricordando che il religioso è stato già sospeso. L'arcivescovo di Monaco di Baviera e Frisinga dell'epoca, il cardinale Friedrich Wetter, si è assunto la responsabilità di aver messo in contatto con bambini e ragazzi il prete pedofilo Peter Hullermann nonostante questi fosse stato già condannato per abusi sessuali su minori. Lo sottolinea oggi un giornale locale di Monaco la Tz citando una dichiarazione diffusa ieri dall'alto prelato. "La violazione di bambini e ragazzi con abusi sessuali mi fa male. Mi carica di un gravissimo peso", ha dichiarato Wetter chiedendo "scusa in ogni forma" possibile alle vittime e loro familiari. "Ho sopravvalutato la capacità di un essere umano di realizzare un cambiamento di personalità e ho sottovalutato le difficoltà del trattamento terapeutico richiesto per un pedofilo". Il cardinale, nella stessa dichiarazione, nega di aver avuto "indizi concreti" di abusi pedofili commessi da un ormai defunto funzionario dell'Ordinariato vescovile Heinz Maritz, come invece sostenuto in una "lettera anonima indirizzata a diverse redazioni" giornalistiche.
    FONTE: ansa http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2010/03/24/visualizza_new.html_1736600252.html

    RispondiElimina
  155. prima la perdita della calma poi si attacca.... bella mossa!

    RispondiElimina
  156. @multinick, che sembra divertirsi un mondo, qui non si sta giocando, la REDAZIONE è molto generosa con lei, ma a forza di tirare sull`elastico si corre il rischio che si rompa.

    RispondiElimina
  157. La sodomia è diffusa anche tra gli eterosessuali.

    RispondiElimina
  158. Dopo il Tomismo.............il "Geometrismo", la teologia del villaggio globale.

    RispondiElimina
  159. << Sesuofobo è ad esempio un omosessuale o una lesbica o un transessuale, o alla stessa stregua un soggetto che vive una attività sessuale disordinata perchè non si unisce stabilmente, non forma una unione, ma usa l'altro per soddisfare se stesso. Una sorta di continua masturbazione che nulla ha a che vedere con il sesso, con la sessualità con l'affettività e tanto meno con l'amore.>>

    Questi, caso mai, sono sessuomani non sessuofobi. Inoltre i sessuofobi possono appartenere a qualunque orientamento sessuale.

    RispondiElimina
  160. Mi spiace Filippo! sono sessuofobi! Negano la stabile unità tra uomo e donna ( lo stesso uomo e la stessa donna). Il tuo inoktre dimostra che non hai letto il mio post! Io non ho detto che i sessuofobi sono solo omosessuali ecc ecc ma anche soggetti che hanno una vita sessuale disordinata ( che non vuol dire necessariamente omosessuale!)! Ergo, un post lecito, ma  assolutamente inutile!
    Ciao
    Matteo

    RispondiElimina
  161. Mah! Luisa! Io mi scandalizzo per ciò che posta sto essere come per quello che posta eraclio ed ogni tanto Filippo! Fanno del male a loro stessi e si qualificano da soli!
    Cosa vuoi! La redazione se scrivi " a primavera escon le zecche" ti censura...giustamente? Mah! Visti alcuni post direi che... de gustibus non dispudandum!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  162. Piccolino, piccolino, ti stai facendo sempre più piccolino nonostante la tua cultura ed intelligenza!
    Cavoli tuoi!
    Per la cronaca Lucas Lucas potrebbe insegnare a certi soloni di Wiki San Tommaso meglio di San Tommaso!
    Ma va da sè! Studiare è opzionale...
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  163. Ed allora? La giustifichi?
    Fenomeno!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  164. Mi sa professore che siamo fermi a 15 anni. Purtroppo!
    Matteo

    RispondiElimina
  165. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 23:15

    O sedicenti tali.

    RispondiElimina
  166. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 23:23

    Solo per certe sottovalutazioni la porpora andrebbe tolta e alla svelta.

    RispondiElimina
  167. DANTE PASTORELLI24 marzo 2010 23:25

    S'immerge e si rotola nella melma solo per odio contro la Chiesa.

    RispondiElimina
  168. Bartimeo, come provocatore sei  bravo,  quasi quanto  Aldo Busi. Solo che lui è più razionale e divertente.

    RispondiElimina
  169. Sempre meglio la redazione!
    Posso rispondere a tono oppure devo limitarmi in attesa di un vostro intervento?
    Paragonarmi ad un amante della pedofilia, definito razionale e divertente, egregia redazione, come lo devo interpretare?visto il vostro silenzio, come una cosa normale e postabile? Come una unità di misura su cui poi proseguire? Perchè sono in grado benissimo di rispondere... non vorrei però trovarmi censurato per aver scritto " a primavera escono le zecche" o "cazzi tuoi". Siamo anche qui al formalismo?
    Attendo info!
    Filippo tu trovi divertente e razionale Busi! Curati sei pericoloso per te e per gli altri!
    Ciao
    Matteo

    RispondiElimina
  170. io intendevo dire che alcune venature erano condivisibili e giuste (e questo è storicamente innegabile) ... NON  che quel periodo ha generato solo alcune venature

    RispondiElimina
  171. ha tolto i re e ha introdotto Napoleno e le varie dittature successive? Ma i vari RE non erano già dittature anche se si chiamavano monarchie? Napoleone è stato un delinquente e su questo non ci piove. Rifletti pero' forse da li' è nata l'idea di unificare l'Italia sotto un'unica gestione, cosa che per secoli è stata sempre impedita dal cuscinetto dello stato pontificio che ha tenuta divisa la penisola nel bene e nel male. Dire che dallo splendido illuminismo e dalla sanguinosa rivoluzione francese non è nata una nuova cultura e forse civiltà è un po' fortino...come una bottiglia di vino lasciata stappata per una settimana (e per favore non usare il sito di storia libera come fonte documentale...per favore)

    RispondiElimina
  172. mi sembrava da quello che ho scritto soprattutto perchè rispondevo a qualcuno che intendevo riferirmi alla "circuizione" di persone non mature...se un prete seduce una quarantenne forse fa un'opera di misericordia...

    RispondiElimina
  173. Uno. Dalla rivoluzione francese non è nata nessuna cultura. Ed i risultati sono oggi sotto gli occhi di tutti. Ha fatto più morti Lei e la sua discendenza che 7mila anni di storia precedente!
    Due. Non è nata nessuna civiltà. Una civiltà si fonda: sulla realtà della persona ( e non su quello di individuo). Sulla realtà di Famiglia ( e non su quello di contratto) sulla realtà di comunità ( e non su quello di stato); sulla grammatica comune che indica la vita come paradigma e non la morte.
    terzo. Sulla necessità di unire l'Italia. L'Italia si poteva unire senza eliminare le differenze ma esaltandole e mettendole in comunicazione. Invece i tuoi amici piemontesi hanno, con la violenza , con i campi di concentramento, con la menzogna e con l'attacco ad uno stato indipendente ( perchè di quello si è trattato),eliminato le differenze ed imposto uno stato assoluto che ancor oggi mostra i suoi artigli. Ed i danni di quella violenta eliminazione, ancor oggi,  sono ancora sotto gli occhi di tutti!!
    In merito alle fonti documentali. Il sito storialibera di cui sono felicemnte membro da circa tre anni con lo pseudonimo di Cireneo è gestito da un Sacerdote, don Beniamino di Martino, che è limpido e trasparente nella sua indagine. Se tu sei in grado di indicarmi uno solo dei circa 4000 documenti postati sul sito in cui vi sia traccia di menzogna, sarei disposto a chiederti scusa. Nel frattempo mi attendo le tue scuse. Vai avanti a leggere i libri sbianchettati ed a credere che ciò che arriva dalla Francia e dalla Inghilterra sia oggi buono per l'umanità.
    Maggio, la tua omosessualità culturale, il tuo tentativo sincretico non solo distrugge la Verità ma fa passare la "vergogna del mondo" come la soluzione ai problemi.
    Stammi bene!
    Matteo
    www.storialibera.it
    Ps ma sei diventato massone? 

    RispondiElimina
  174. Dimenticavo. Per la cronaca i fondamenti della rivoluzione francese vanno ricercati non solo a livello filosofico ma anche teologico. Ergo da Occam e la sua nominalizzazione a Lutero e la sua negazione del concetto di comunità!
    Studia va e smettila di leggere Famiglia (ex)cristiana!
    Matteo

    RispondiElimina
  175. <span><span><span>1/3</span></span></span>
    <span><span><span>I puritani hanno sempre paura dei diversi...</span></span></span>
    <span><span><span>ma come sarebbe il mondo senza nutella? ops come sarebbe il blog senza multinick, Filippo, eraclio e company che ogni tanto contribuiscono a mettere in moto quei due neuroni dei soliti abituali "abitanti" del blog? almeno una ventata di cose diverse, seppure sconclusionate e non ortograficamente corrette, arriva. Non si può mangiare la stessa minestra ogni giorno a pranzo e a cena. A volte anche un'insalata di erbe amare e magari indigesta può far bene alla salute anche se ai palati fini non è gradita. </span></span></span>
    <span><span><span>Credo che il Sig. Enrico sia una persona molto più intelligente di come la si vuol far passare e sa bene, come afferma Paolo in </span>1Cor 13, 5: "che la carità non va su tutte le furie", non arriva agli eccessi di irritazione, lo dico anche con un po' di autocritica. Sono convinto che la Redazione <span>capisce bene che certi interventi "ci possono stare" e, se anche non danno sapore ai soliti monologhi artefatti e scontati, almeno li agita e li mette in discussione, stimolando gli animi. </span></span></span>

    RispondiElimina
  176. <span><span><span>2/3</span></span></span>
    <p><span>La vita, e quindi anche la vita della Chiesa, grazie a Dio è varia e anche variegata. La Chiesa è sempre stata così sin dall'inizio (Cfr., per esempio, At 15, 1-12, la disputa tra Pietro e Paolo, tra teologia dell'uno e la teologia dell'altro). Infatti sin dall’inizio ci fu chi la pensava diversamente, chi disattese l'insegnamento del concilio (di Geuralemme). Allora c’era la componente proveniente dal giudaismo che continuava ad osservare la sua cultura e le norme di purità; e una parte, proveniente dal paganesimo, che non le osservava queste norme. Questo creava problemi di convivenza, problemi di commensalità. Voi sapete che anche la celebrazione eucaristica era legata al pasto in comune; il non poter mangiare assieme, non era solo un problema di praticità ma un problema di significare la comunione… Tuttavia il cristianesimo andò avanti, tra compromessi e accordi, così fino ai giorni nostri. Non dimentichiamo che la chiesa di Roma è fondata su Pietro e su Paolo proprio a rimarcare che essa contiene sia la linea petrina sia <span> </span>la linea paolina. Una visione di Chiesa non prigioniera di una certa cornice agiografica, dove tutti sono santi, tutto va bene, tutti con lo Spirito Santo in tasca. La guida dello Spirito da sempre deve fare i conti con il temperamento e i condizionamenti degli uomini. </span></p>

    RispondiElimina
  177. <p><span>3/3</span>
    </p><p><span><span>Così come all’inizio della chiesa anche oggi, lo Spirito condivide la storia degli uomini, segue un tracciato che è fatto di tensioni e di ricuciture. Una realtà che è anche più vera, più significativa. Questa è la Chiesa! N<span>on è un branco di pecoroni tutti uguali, che belano all’unisono. Ci sono pecore, agnelli, pecoroni e caproni come me… e molto spesso anche tanti lupi in agguato. Siamo tutti figli dell’unico Padre, giustificati non santi!</span></span></span>
    </p><p><span>Paolo si mostrò inflessibile e diventò intransigente di fronte a qualsiasi critica, perché era in gioco il principio della libertà dei pagani dalla circoncisione, ecc., e il principio della unicità di Cristo, della centralità di Cristo a cui non si può mettere nulla accanto, con il rischio quindi che il movimento cristiano fosse confuso con una setta all'interno del giudaismo. Anche oggi è la stessa storia.</span>
    </p><p><span>Per cui di fronte a questo principio fondamentale dell'identità cristiana, se non vi dispiace, anche io indegnamente mi ispiro a Paolo. </span>
    </p><p><span>Perciò coraggio, non meravigliatevi se qualcuno la pensa in modo diverso e lotta a modo suo per la stessa causa-Cristo!</span></p>

    RispondiElimina
  178. L'Italia avrebbe potuto essere uno stato unico da diverso tempo senza per questo eliminare le diversità culturali ma creando una comune cultura dello stato che (forse) avrebbe attenuato l'attuale differenze fra un quasi efficentismo nordista e una considerevole arrendevolezza sudista, elementi questi che ad oggi ci fanno pensare l?italia come un  paese diviso e che è realmente diviso...e guarda caso lo stato tampone nei secoli è stato la presenza assurda di uno statarello nel centro italia, presenza che è durata fino ad una certa porta pia...
    Sulla rivoluzione francese si puo' parlarne molto, direi all'infinito, ma non su questo sito e sull'argomento tristissimo di questo blog: i fondamenti di una civiltà che citi sono indiscutibili e sono un traguardo...se rifletti bene non erano presenti neanche prima della rivoluzione francese...

    RispondiElimina
  179. 175 è un po' altina...dopo i 50 anni sarebbe bene che rimanesse sotto i 150: in erboristeria ci sono dei mix di olivo,aglio e biancospino e a volte funzionano (anche se fanno dormire come sassi)

    RispondiElimina
  180. Infatti non c'è nulla di più puritano di un omossuale! Ha paura della normalità!
    Un caro consiglio!
    Il copia incolla a volte può piacere ma è un boomerang!
    Non sai quello che posti ergo fai la figura, con rispetto parlando, dell'ignorante!
    La diversità non è una questione de iure ma de facto! Ergo la tua diversità è una invenzione giuridica ed una negazione del fatto naturale.
    Vedo che ti piace la famosa canzone di Vecchioni!
    Bravo!
    PS Il fatto di essere Figli dell'Unico Padre non implica una indifferenza ma una sana pluralità!
    PS Il concilio del 50 d.c. ha avuto un signiicato chiaro. Ha eliminato le indifferenze ed esaltato le differenze. Infatti dice che le "leggi" si applicano sia ai pagani sia agli ebrei. I due, IN CRISTO, rimangono distinti ma al contempo uguali cioè non più separati!
     PS ho bevuto la camomilla...visto che stile nella risposta! Niente zecca, niente idiota, niente deficiente, niente troiate.... sto diventando bravo!

    RispondiElimina
  181. DANTE PASTORELLI25 marzo 2010 13:17

    <span><span>"non meravigliatevi se qualcuno la pensa in modo diverso e lotta a modo suo per la stessa causa-Cristo!"</span></span>

    Dipende da:
    chi è il qualcuno;
    cosa pensa;
    cosa comporta il modo diverso o tutto suo. Spesso il modo è sostanza.

    RispondiElimina
  182. Maggio! Ma ti rendi conto. Il sud era un fiore! Il nord era in lotta con gli "invasori".lo stato Pontificio ( che tanto ti infastidisce...perchè?) era il cuscinetto tra le due realtà. Le quali, per intenderci, potevano andare avanti così. Ma poi, come sai, la massoneria ha distrutto lo stato pontificio, ha distrutto il sud ed ha trasformato il nord in una enorme fabbrica al servizio dei massoni inglesi. Ma, come al solito, l'Italia, mai stata succube dei massoni, ha costruito la sua economia sui piccoli e medi imprenditori. Il che ha permesso la costruzione di uno stato sociale sano fino al 68, anno in cui è iniziata la effettiva globalizzazione economica. Il che significa un attacco alla persona, un attacco all famiglia, un attacco alle istituzioni locali, ed uno sostituzione delle grandi fabbriche con i grandi centri commerciali... ma questo è troppo difficile da capire per chi vive di Famiglia cristiana e di padre sorge un perfetto connivente,quando vuole lo sfido a singolar tenzone, del mondo massonico!
    Maggio... apri gli occhi! I clericofascisti erano verginelle rispetto ai clericoantifascisti !
    Svegliati!
    Matteo

    RispondiElimina
  183. ahahah interessante. non sapevo di essere omosessuale! ma leggere bene no eh?
    una cosa è stata colta nel suo giusto verso: "I due, IN CRISTO, rimangono DISTINTI ma al contempo uguali cioè non più separati!" -   allora precisiamo per i più esigenti: diversi = distinti. Va meglio ora? lo spero.

    RispondiElimina
  184. Egregia Redazione,
    sarò censurato se posto un risus abundat in ore stultorum?
    Infine. Diversi=distinti. Infatti due distinti si uniscono e formano una identità. Due lo stesso formano uno stesso...ergo non sono diversi. Studia! Ma ti piace così tanto la canzone di Vecchioni?
    Poi1 fai il giochino dei comunisti. provochi per aspettare una reazione violenta ed accusare gli altri dei tuoi crimini! Ma gli altri, i diversi da te, gli onesti, non si sognano di cadere nel tuo vecchio giochino!
    Ciao
    Matteo
    Redazione....siamo in primavera consto!

    RispondiElimina
  185. 115 ... l'unico che me la fa alzare sei tu, o mio buon Maggio!
    Poi se dici che ho più di 50 anni ti prendo a calci in... passi per il Busi! Passi per la solita sfilza di supponente, arrogante, astioso, ecc ecc ecc ma sopra i 50 anni non passa!
    Ciao,
    "somaro"!
    Matteo

    RispondiElimina
  186. @maggio 55 : " ... <span>la rivoluzione frqancese è stata un progresso sanguinoso ma comunque un progresso e alcune (sottolineo alcune) venature di anticlericalismo erano e sono pienamente giustificate e giustificabili ... ".</span>
    <span>____________________________________</span>
    <span></span>
    <span>Francamente, queste Sue affermazioni mi parrebbero fornire una dimostrazione lampante di quel "cieco fideismo laicista" i cui postulati, acriticamente irrazionalistici, sono giunti a lambire anche talune frange del pensiero eterodosso manifestatosi nel'ambito del cattolicesimo (da Lamennais, da Buvier e, più in generale dal movimento Sillon, sino a giungere a Maritain ed a Mounier, per poi coerentemente sfociare, da ultimo, in Gutierrez e nella cosiddetta "teologia della liberazione") ; ciò atteso, qualora potesse costituire Suo interesse una problematizzazione - almeno -  circa la reale consostenza dei dogmi da Lei così perentoriamente proclamati, oltre alle varie volgarizzazioni dell'enciclopedica monografia di Thiers (che sicuramente avranno incontrato la Sua considerazione), mi permetterei di consigliarLe, quanto meno, una sommaria scorsa alle opere degli storici Pierre Gaxotte e Jean Dumont (quest'ultimo di area dichiaratamente cattolica). Questo, non certo per coerenza morale (ovviamente, l'essere cattolico è opera della Grazia divina e non costituisce obbligo civile per alcuno), ma per permettere al proprio pensiero di potersi elevare culturalmente su di un piano dialettico che possa giungere a differire, almeno un poco, rispetto a quello comunemente praticato dal "militante pannelliano" di turno.</span>


    @maggio 55: " ... Ma i vari RE non erano già dittature anche se si chiamavano monarchie? ..."
    _______________________________________

    Un'affermazione congenere denuncia (ahimè!) un'assoluta non conoscenza della scienza storica delle istituzioni, della filosofia della politica e del diritto pubblico. Chiedo anche a me stesso: vale davvero la pena di offrire una pubblica manifestazione della vastità delle proprie carenze culturali, addirittura con un'unica frase?  

    RispondiElimina
  187. Filippo Burighel25 marzo 2010 14:50

    Gli orecchioni fanno venire l'orchite principalmente se presi da adulti. E possono anche causare sterilità.
    E' per questo che dico di concentrarsi sulle future generazioni: questa ormai è sterile!

    Parlando fuori di metafora, la sterilità a cui mi riferisco è chiaramente quella dell'anima.

    RispondiElimina
  188. Filippo Burighel25 marzo 2010 14:54

    Black-out, forse si stanno già specchiano, ma sono troppo orgogliosi per ammettere il loro peccato.
    Chissà se questi sanno che il peccato di satana è proprio d'orgoglio...

    RispondiElimina
  189. Filippo Burighel25 marzo 2010 15:06

    Bartimeo, con tutto il rispetto, ma "il demonio è nei dettagli" e il tuo discorso è troppo intricato. Io preferisco le cose semplici: Cristo è uno e una è la Sua Chiesa. Poi c'è chi ci prova, chi fa finta e chi magari ha la buona volontà ma da solo non ci riesce... Tutto quello che vuoi, ma alla fine si deve tornare alla semplicità: Cristo è uno e una è la Sua Chiesa. Tutto il resto non deve contare.

    RispondiElimina
  190. Filippo Burighel25 marzo 2010 15:16

    Caro Filippo, mio omonimo, il "Geometrimo" è prima di tutto l'ideologia della massoneria!
    Ad un certo punto dell'iniziazione del Rito Scozzese Antico e Approvato viene chiesto il significato della "G" che è al centro della squadra e del compasso nel simbolo della massoneria e l'iniziato delle rispondere che rappresenta la Geometria, quale fondamento di tutte le scienze. Il "Geometrismo" è la visione pitagorico-eucliedea del mondo, fondata su numeri e dimensioni, un relativismo latitudinarista dove la Verità è a seconda dei casi la somma o la media delle verità personali, quindi un'assenza sistematica di Verità.
    E se non si accetta la Verità non si può accettare Cristo: "Io sono la via, la verità e la vita." (Giovanni 14,6)

    RispondiElimina
  191. umilmente devo amettere di essere ingorante in scienza delle istituzione, ho solo studiacchiato un po' di storia sui testi del Camera Fabietti. Continuo a pensare che certe monarchie siano state delle vere e proprie tirannie, dinastie francesi in testa per gli eventi che le hanno accompagnate e per il modo con cui si sono succedute nella storia: la bufala (O menzogna) della NOBILTA' che si trasmette e si eredita geneticamente (chissà che risate ci fece sopra frate Mendel) e la bufala (E menzogna) della benedizione e dell'unzione divina...

    RispondiElimina
  192. se ho sbagliato sull'età ti chiedo profondamente scusa: pero' se di massima hai 175 stacci attento (detto di cuore)

    RispondiElimina
  193. @ maggio 55: " ... testi del Camera Fabietti ... "
    ____________________________________

    Giust'appunto, come avevo correttamente avvertito, una volgarizzazione divulgativa - di chiave marxista - dell'analisi di Thiers; se mi permette, un po' poco, per potersi formare una sia pur sommaria opinione circa il lineamento generale del fenomeno.

    Quanto al fenomeno della nobiltà, se considererà almeno l'opera di Dumont, potrà constatare che ben poco aveva a che fare con la sostanza degli elementi rivoluzionari, costituendo poco più di un pretesto giustificativo di quest'ultimi: i più esagitati esponenti del terrore erano infatti "nobili" o "nobili mancati" (tali, ad esempio Robespierre e Danton che, invano, avevano tentato di accreditare la nobiltà dei propri natali presso le istituzioni araldiche del vecchio regime). Se mai, la contrapposizione si veniva a porre fra i "popolari" (spesso nobili) che propugnavano gli ideali rivoluzionari e gli "aristocratici" (quali, ad esempio, venivano ad essere definiti anche i contadini ed i pastori bretoni e vandeani) che a tali ideali intendevano contrapporsi nel nome della Fede a Dio ed al legittimo Sovrano (utrique fideles). In ogni caso, posso assicurarLe che, in nessuna delle trattazioni pre o post rivoluzionarie, la qualifica nobiliare è stata mai considerata da alcuno un "carattere genetico" della persona, a differenza, invece, del criterio di "appartenenza alla nazione" che, viceversa, costituisce, invece, uno dei principali temi unificatori propugnati del giacobinismo.

    Fra l'altro, se considerasse gli istituti del diritto pubblico, riuscirebbe fra l'altro ad avvedersi come la cosiddetta "rivoluzione francese", in realtà, costituì, sotto il profilo giuridico, un "colpo di stato", in quanto, contrariamente a quella americana, non si determinò ab extrinseco, ad opera di soggetti estranei alla struttura istituzionale dello Stato, ma bensì ab intrinseco, a seconda di quella forma tipica che vede un organo dello Stato (gli Stati Generali) sovrapporre antigiuridicamente la propria funzione, in senso sostitutivo, a quella di un altro organo dello Stato (la Corona). Anche la dittatura costituisce figura ben diversa da quella da Lei supposta, ma La debbo ora lasciare, perché, fra pochi momenti, debbo muovermi da casa per recarmi ad insegnare proprio argomenti consimili; in ogni caso, qualora fosse interessato, potrò ulteriormente accennare a questo e ad altri argomenti, magari anche alla sua contestazione del principio (assolutamente cattolico) secondo cui:  non est enim nulla potestas nisi a Deo .

    RispondiElimina
  194. Egregio Burighel!
    Uomo, realtà orizzontale, e Dio, realtà verticale. L'uomo persona per natura uguale agisce comunicativamente in maniera complementare e simmetrica ( scienza e filosofia) per raggiungere una realtà verticale.
    Più semplice di così....Vero è che nel mondo della complessità ( termine che maschera il realtivismo) si è perso il gusto della semplicità che è unire in maniera coerente i dati che ci arrivano dall'intelletto!
    Mah! La CHiesa ha ceduto il suo primato culturale in favore di un azionismo buonista che sforna cristiani anonimi e non persone!
    Matteo
    Ps e non mi sto riferendo a te!

    RispondiElimina
  195. Mi raccomando, preghiamo intensamente per il Santo Padre Benedetto XVI!
    Dall'America è arrivato un nuovo tentativo di coinvolgere lui (e Bertone) all'epoca della congregazione per la dottrina della fede, in un nuovo, presunto, scandalo di pedofilia. E la stampa italiana, purtroppo, ci marcia alla grande.
    http://www.corriere.it/cronache/10_marzo_25/pedofilia-vaticano-abusi-usa-ratzinger-papa-new-york-times_4a4c6cda-37d7-11df-821f-00144f02aabe.shtml
    Ratzinger sta facendo davvero un lavoro coi fiocchi, visto il modo in cui il Tentatore e tutti quelli al suo servizio lo stanno attaccando.

    RispondiElimina
  196. Mi sembra che siano stati per l'ennesima volta smentiti! Chissà perchè c'è dietro il New Yirk Times! Ad essere sospettos c'è da pensare che siccome i Vescovi cattolici con Obama non vano proprio d'accordo per ovvi motivi e non essendo propriamente "democratiko" il Santo padre gli organismi sinarchici se le inventano tutte per dargli addosso...facendo la figura dei pataccari! Certo che se si incominciassero a denunciare con richieste milionarie di risarcimento i mentitori ( da Repubblica a Le Monde al New York Times all'economist) forse forse starebbero un pochino più attenti a quello che scrivono.
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.