lunedì 22 marzo 2010

Contestazioni a Notre-Dame per la 'predica' del rabbino

Nell'anno sacerdotale il cardinal arcivescovo di Parigi, da tempo in rotta di collisione con l'orientamento del Papa, ha ritenuto opportuno, nella scelta dei temi da approfondire in quaresima, ignorare completamente il tema suggerito da Roma, così come ogni meditazione sul santo curato d'Ars che pure, se non altro per ragioni geografiche e linguistiche, dovrebbe avere qualcosa da dire ai francesi. Nossignori: il tema prescelto, fresco e elettrizzante quanto un necrologio, è "Il Concilio Vaticano II, bussola per il nostro tempo". Sì, forse per il suo, col calendario fermo al 1978... mais passons. Nell'ambito di queste 'entusiasmanti' conferenze quaresimali, è stato invitato a predicare a Notre Dame, la cattedrale di Parigi, un rabbino. Signorsì, uno per il quale Gesù Cristo era poco più che un millantatore, a spacciarsi per Figlio di Dio; uno che in ogni caso, se è morto in croce come dicono, certamente non è mai risorto, ad onta di quello che han raccontato quei truffatori dei suoi discepoli.

La cosa è veramente intollerabile. E non ci dispiace quindi affatto che quella bella trovata abbia trovato aperta contestazione: riferisce La Croix che, subito dopo che il cardinale ha finito la sua bella presentazione dell'ospite, si è levato un uomo per invitare i presenti a recitare un rosario in riparazione dell'oltraggio, e un "piccolo gruppo di agitatori", dice il quotidiano dei vescovi, ha preso a pregare la Vergine. La milizia del tempio del cardinale, ossia la sua Securitate, ha cercato di farli sloggiare: ma in ogni caso il porporato e il suo ospite circonciso hanno ritenuto opportuno proseguire la conferenza stando chiusi in sacrestia, con la loro voce diffusa dai microfoni.

Per l'occasione, La Croix ha rispolverato il termine di "integristi", che solo poche settimane fa aveva riconosciuto essere inappropriato rispetto al meno offensivo "tradizionalisti", se non altro perché gli integralisti cattolici non hanno l'abitudine di dirottare aerei e girare nei mercati col tritolo addosso...

156 commenti:

  1. "..il suo ospite circonciso.." Ormai alla stupidità di certi commentatori non c'è più limite: meno male che siamo in quaresima altrimenti cosa avrebbe scritto l'articolista? Se questi sono i toni per far camminare la Chiesa cosa ci dobbiamo aspettare ancora? ...siamo ancora ai livelli di seminaristi stizziti perchè gli si è sgualcita la cotta. Il S.Rosario è sempre importante (per non dire fondamentale) ma farne un oggetto di show come quel tizio Gli da' un certo sapore di bestemmia...

    RispondiElimina
  2. Maggio.....dire che un ebreo è circonciso è mentire?
    Matteo

    RispondiElimina
  3. <span>sapore di bestemmia...?</span>

    Ma cosa dici? Ti sembra normale che io 'gregge' venga guidato (e in tempo di quaresima poi)  da un rabbino? Credo che i vescovi dovranno stare attenti alla scelta degli ospiti, altrimenti ne vedremmo spesso nascere queste tipo di reazioni (logicamente).  

    RispondiElimina
  4. prima che qualcun altro come quello dei 3 commenti più sopra se ne esca con una trovata consimile, ricordatevi che, anche se è andato in sinagoga, il papa non ha predicato o tenuto una conferenza, ma ha semplicemente letto un discorso opportuno alla circostanza... CHE UN NON  BATTEZZATO PREDICHI IN UNA CHIESA CATTOLICA CATTEDRALE è, PASSATEMI IL TEMINE, UN SACRILEGIO!!  e se non sbaglio esistono norme che proibiscono che un non-sacerdote(o un non-diacono) possano tenere una predicazione....

    RispondiElimina
  5. Più che altro mi sembra strano che un rabbino predichi in una chiesa, ma non ci vedrei niente di male se fosse una conferenza in un luogo più adatto ( un teatro, una sala conferenze...).
    Poi bisogna vedere se i fedeli erano stati avvisati, magari con un manifesto, chi avrebbe tenuto la conferenza; se lo sapevano mi sembra che il loro sia stato un comportamento inelegante ( sarebbe stato meglio non andare e trovarsi direttamente per il Rosario in un cappella delle tante a Notre Dame).
    Mah... io comunque preferisco altro genere di predicatori... i Legionari sono sempre i migliori :-D .

    RispondiElimina
  6. Più che altro mi sembra strano che un rabbino predichi in una chiesa, ma non ci vedrei niente di male se fosse una conferenza in un luogo più adatto ( un teatro, una sala conferenze...).
    Poi bisogna vedere se i fedeli erano stati avvisati, magari con un manifesto, chi avrebbe tenuto la conferenza; se lo sapevano mi sembra che il loro sia stato un comportamento inelegante ( sarebbe stato meglio non andare e trovarsi direttamente per il Rosario in un cappella delle tante a Notre Dame).
    Mah... io comunque preferisco altro genere di predicatori... i Legionari sono sempre i migliori :-D .

    RispondiElimina
  7. <span>nella diocesi di Verona è stato normale lo scorso anno invitare una Pastora a predicare gli esercizi spirituali per la Quaresima; ma l'iniziativa non è andata in porto solo perché le proteste che si sono levate l'hanno impedita...  
    se pensiamo a Tettamanzi e compagnia, tuttavia, anche nelle diocesi italiane iniziative come quella di Parigi sono all'ordine del giorno.</span>

    Bella la reazione degli "integristi" di Parigi!

    RispondiElimina
  8. per niente ma nell'articolo l'espressione aveva un forte carattere dispregiativo...

    RispondiElimina
  9. Paul de France22 marzo 2010 11:50

    Definire i bravi o gli sgherri del Cardinale Ventitrè "milizia del tempio" non è rispettoso per quella grande "Milizia del Tempio" che fu l'antico Ordine Templare, fedelissimo al Romano Pontefice, nè per quella nuova Istituzione che si chiama allo stesso modo, canonicamente riconosciuta, e che mi dicono sia attivissima da anni nella battaglia per la Tradizione dottrinale e liturgica (www.ordo-militiae-templi.org): Non è una critica ma solo un'annotazione di passaggio; se fosse stata presente la "Milizia del Tempio" probabilmente avrebbe guidato la recita del S. Rosario di riparazione contestando quell'Arcivescovo nella sua Cattedrale nell'unico modo possibile.
    Per il resto c'è da dire che la mente del Cardinale deve essere talmente obnubilata da non rendersi conto che andare contro "Pietro" è andare contro la Chiesa e, quindi, anche contro se stesso ed il gregge che gli è stato affidato come Pastore e non come un lupo. Oppure è masochista.
    Maggio55 preferisce i seminaristi che vanno all'altare in jeens e scarpe da ginnastica?
    Ciascuno giudica poi con il suo metro: il Rosario come show sarà una sua abitudine.

    RispondiElimina
  10. io non so (ne mi pongo il problema) se è normale: pero' non è normale alzarsi in piedi in chiesa e impugnare la recita del S.Rosario come se fosse una spada per difendere l'ambiente da un anticristo...ha vagamente il sapore di una ossessione (o turba) psicologica non di una preghiera (e il S.Rosario è una preghiera)

    RispondiElimina
  11. mi viene in mente quando il cardinale Martini faceva leggere alcune pagine di Pasolini e della Yourcenar durante la quaresima: ci furono delle reazioni isteriche di alcuni (pochissimi a dire il vero) che lasciarono a bocca aperta mezzo mondo 

    RispondiElimina
  12. preferisco i seminaristi che vogliono fare il prete perchè lo sentono dentro non perchè gli piace il fuori: io ne ho conosciuti alcuni che mi facevano dubitare sulla serietà dei rettori che li avevano accolti, avevano una isteria dentro contro il peccato e i peccatori che non si capiva più se erano cristiani o musulmani (di quelli duri come i sassi)

    RispondiElimina
  13. Guardia Svizzera22 marzo 2010 12:35

    Un buon seminarista non dovra' dimenticare che per "il fuori" moltissimi fra sacerdoti e seminaristi  furono  martirizzati.  Caro maggio 55, Lei conosce la storia di Rolando Rivi?

    RispondiElimina
  14. A strano invito 'premeditato' del vescovo, corrisponde 'spontanea' reazione del gregge! 

    RispondiElimina
  15. Non trovo parole per dire quanto mi dispiaccia questa... piccineria dei nostri fratelli "duri e puri".
    Poi ci lamentiamo che certi ambienti ebraici non abbiano simpatia per noi.
    Meno male che maggio55 è più capace di me di esprimere quello che sento dentro.

    Ben

    RispondiElimina
  16. certamente...dimi pero' cosa c'entra "il fuori" in questa discussione: color a cui piace solo il fuori devono andare a lavorare per qualche stilista di moda non a fare il prete.

    RispondiElimina
  17. Più che "maggio 55" io direi "maggio 68 " per le sue tesi e per come le esprime. Ma  passiamo oltre. La VERGOGNA è che esistono  certi cardinali tipo il 23 , che in Toscana delimita una ben definita parte anatomica, che ben si addice al vescovo di Parigi. Anche qui la domanda: ma chi l'ha consacrato vescovo e poi nomionato cardinale e chi gli ha affidato la diocesi parigina dopo l'uscita del suo predecessore di origine giudaica? E' tutta questione di uomini e di scelta di chi deve rappresentare la chiesa sia al centro che alla periferia. E dalle attuali scelte si evince soltanto una gran confusione, confusione seguita al concilio vaticano 2°. Con certi "pastori" non ci deve meravigliare che in Francia la frequenza alla messa domenicale è scesa a livello di prefisso telefonico e che ogni giorno chiudono sempre più chiese o vengono destinati ad altri usi senza che vi sia uno Stalin di turno che lo faccia in odio alla religione. Hanno distrutto tutto e continuano imperterriti nella opera di demolizione del poco che è ancora rimasto. Ma il papa che fa? come può tollerare certe cose? e non mi si venga a dire per l'ecumenismo. Il compito della chiesa è quello di andare nel mondo, convertire battezzando nel nome della Santissima Trinità e diffondendo il Vangelo. Non è quello di farsi indottrinare da un rabbino,che non riconosce la divinità di NS Gesù Cristo, che fu ritenuto dal popolo ebraico un bestemmiatore  e per questo meritevole  di  morte.

    RispondiElimina
  18. Vi ricordate lo sguardo del card. Vingt-Trois a Lourdes, quando sbirciava il discorso che il Papa stava leggendo ai vescovi francesi ?E il suo commento in seguito? È utile ancora rammentare la sua ostilità all`applicazione del Summorum Pontificum? E, ancora, che recentemente ha fatto intervenire la polizia per sloggiare dei fedeli che senza dubbio chiamerebbe, con  sprezzo, "integristi" ? Ci sarebbe tanto da dire sul suo operato, ma è inutile infierire, resta comunque certo che è uno dei pastori che, se dovessimo seguirlo, ci renderebbe rapidamente strabici, perchè di certo la fedeltà e l`obbedienza al Successore di Pietro non è la prima delle sue preoccupazioni.

    RispondiElimina
  19. ho saputo dell'episodio è ho letto i manifesti della "BUSSOLA" con tanto di foto con i sacerdoti conciliaristi con mano stessa sull'altare come facevano i nazisti nei loro riti paganeggianti. UN AFFRONTO contro la tradizione cattolica di Parigi! Il Cardinale ha sbaglaito perchè sapeva che il tutto sarebbe stata letto come di una provocazione. HAnno fatto bene a contestarlo anche se ora il Cardinale ha ottenuto ciò che voleva, FARE LA VITTIMA! e l'incompreso!

    Ce ne fossero a pacchi in Italia di uomini e donne così! Ma qui so tutto boni a fare i balletti intorno alla tavola di Kiko!

    RispondiElimina
  20. <span>Vi ricordate lo sguardo del card. Vingt-Trois a Lourdes, quando sbirciava il discorso che il Papa stava leggendo ai vescovi francesi ? E il suo commento in seguito? È utile ancora rammentare la sua ostilità all`applicazione del Summorum Pontificum? E, ancora, che recentemente ha fatto intervenire la polizia per sloggiare dei fedeli che senza dubbio chiamerebbe, con  sprezzo, "integristi" ? Ci sarebbe tanto da dire sul suo operato, ma è inutile infierire, resta comunque certo che è uno dei pastori che, se dovessimo seguirlo, ci renderebbe rapidamente strabici, perchè chiaramente la fedeltà e l`obbedienza al Successore di Pietro non sono le prime delle sue preoccupazioni.</span>

    RispondiElimina
  21. DANTE PASTORELLI22 marzo 2010 12:58

    Nel contesto dell'articolo quell' "ospite circonciso" è decisamente detestabile. Marcare le differenze tra cattolici ed ebrei, discutere delle responasabilità del popolo ebraico nella condanna a morte di Cristo, della loro possibilità di salvezza, dire apertamente che i rappresentanti d'Israele pensino alle loro beghe e non intervengano nella faccende interne alla Chiesa con minacce e avvertimenti ecc. ecc. è lecito e doveroso in un periodo di fatale conformismo ecumenico-relativistico. Quel tono spregiativo no, assolutamene no.
    Quanto al rosario, sappiamo che i più grandi teologi, a cominciar da S. Tommaso ritengono dovere del cattolico di riprendere anche pubblicamente i superiori che erano e mettono in pericolo la fede. E dove meglio che in chiesa recitare un rosario riparatore? La circostanza era grave.
    Quando, e accade spesso, mi fermano i testimoni di geova, io dico loro: bene, parliamo pure, però prima andiamo in chiesa a dir il rosario, dopo vi concedo tutto il tempo che volete. Ovviamente se ne van di corsa.

    RispondiElimina
  22. DANTE PASTORELLI22 marzo 2010 13:04

    A giudicar dai preti in circolazione l'isteria contro il peccato mi sembra una favola. Esiste ancora il peccato? Anche quello originale?

    RispondiElimina
  23. Chi vuole ascoltare la conferenza del rabbino può andare qui e vedrà che, da subito, il rabbino  loda Giovanni Paolo II  e critica Benedetto XVI...ce qui n`a sûrement pas déplu au cardinal!

    http://www.perepiscopus.org/ext/http://www.ktotv.com/videos-chretiennes/emissions/conference-de-careme/conference-de-careme-enracinement-et-ouverture/00048958

    RispondiElimina
  24. Dall'abile penna (tastiera) della Redazione....ne deduco che, dunque, si assiste forse per la prima volta ad una nobile e legittima PACIFICA PROTESTA impugnando l'ARMA VITTORIOSA DEL ROSARIO senza scadere in una manifestazione chiassosa come vorrebbero certe sagrestie moderniste per potersi poi attaccare alla scandalosa (per loro) protesta... :)
    In tutte le chiese dove si portano i non cattolici a dare lezioni dottrinali ai cattolici, si dovrebbe reagire in questo modo: impugnare l'arma del Rosario e ad alta voce PREGARE.....
    Trovo un buon segno che la rivista ufficiale abbia trascritto l'episodio, non importa se lo ha fatto criticandolo, l'importante è che non l'abbia taciuto ;)

    RispondiElimina
  25. "Il Concilio Vaticano II, bussola per il nostro tempo". Sì, forse per il suo, col calendario fermo al 1978... -- secondo questa affermazione si potrebbe dire che anche altri calendari sono fermi alle date degli altri concilii... dai evitiamo di infierire sempre gratuitamente... mais passons.

    RispondiElimina
  26. @maggio 55 ; " ... che lasciarono a bocca aperta mezzo mondo ..." .
    _____________________________________

    Sì certo, prescindendo dai soggetti assolutamente privi della capacità di discernimento, quella metà del mondo composta dai relativisti e dai miscredenti ...

    RispondiElimina
  27. e stato un atto civile e dovuto .......... e poi non riesco a capire tutto questo entusiasmo interreligioso ...... nonostante tutta la mia buona volontà nel volerlo e poterlo

    comprendere ........


     cosa abbiamo mai da dividere con gli ebrei e con gli altri se non aspetti storici e culturali ........ si c'è l Antico Testamento che ci unisce  ....... ma la NATURA DIVINA

    DEL FIGLIO non è riconosciuta da loro ....... 

    RispondiElimina
  28. Infatti il neomodernismo ama il fuori edodia il dentro! Maggio! sei fuori e questo è evidente!
    Ciao
    Matteo

    RispondiElimina
  29. Forse perchè nulla a che vedere hanno con la Quaresima...momento in cui l'uomo esce dal mondo: digiuna e prega!
    Maggio!!!!
    Matteo

    RispondiElimina
  30. Il Rosario è lode alla Madonna! Hai mai letto cosa dicono gli Ebrei della Vergine! Vuoi che te lo posti?
    Matteo

    RispondiElimina
  31. E, infatti, incalzati dalla forza spirituale sprigionata dal Santo Rosario riparatore (che, fra l'altro, valeva anche a far pubblicamente rimarcare la gravità dell'infrazione al divieto), si sono dovuti rintanare nella sacrestia ... così, giusto per tentare di salvare la faccia ...

    RispondiElimina
  32. il CARD Martini ha un solo pregio ........ quello di farmi dormire profondamente ......... è un narcotico ...... per me ........ 

    RispondiElimina
  33. un po' di buon senso...si riconosce quando l'isteria è isterica...

    RispondiElimina
  34. a me basta, se Dio me lo concede, di non essere fuori come i famis terrazzi di Verona... Buona Quaresima, vedo che il cammino è ancora lungo

    RispondiElimina
  35. @Mic: " ... Bella la reazione degli "integristi" di Parigi! ..."
    ______________________________________________

    Perfettamente d'accordo! Si è trattato di una reazione molto civile e, soprattutto, molto Cristiana.

    RispondiElimina
  36. il CARD MARTINI ha un solo pregio hai miei occhi ....... ed è che come apre bocca ,  li chiudo automaticamente  , per farmi russare alla grande .........

    ........... anche questo è un pregio no ..... !!! 

    RispondiElimina
  37. re alcune pagine di Pasolini e della Yourcenar durante la quaresima: ci furono delle reazioni isteriche di alcuni (pochissimi a dire il vero)
    Pochissimi coraggiosi, che, ahimè, non penso che avrei il coraggio di emulare.
    Forza cugini d'oltralpe: GRAZIE PER IL BUON ESEMPIO CHE CI DATE.
    AH!!
    BEI TEMPI, Quando un vescovo divenuto ariano, nel corso di un'omelia, nella quale esternava le sue eresie, fu espulso dalla chiesa "MANU MILITARI", dai fedeli presenti, al grido:"NON ABBIAMO PIù UN VESCOVO"

    RispondiElimina
  38. Quando lo incominci?
    Matteo

    RispondiElimina
  39. Maggio sai se vedo uno isterico per il peccato lo metto sugli altari...se vedo uno tiepido lo mando all'inferno! Sai dal Pecato dipende la salvezza eterna! Non so se rendo....sai i falsi profeti di San Paolo! Ecco, bravo, hai capito!
    Matteo

    RispondiElimina
  40. L'Ospite di prima22 marzo 2010 13:42

    potrebbe dire che anche altri calendari sono fermi alle date degli altri concilii
    A VOI, IL TEMPO, A noi L'ETERNITA'

    RispondiElimina
  41. buum!!! sempre con le definizioni, la categorie..."soggetti privi della capacità di discernimento" e invece quelli con la capacità di discernimento cosa dissero? Mi fa paura questa tendenza a rinchiudersi in una cultura circolare come se ci fosse sempre la risposta a tutto: quel bischero di Galileo pago' per questa paura...forse voleva fare il teologo (come scrive qualcuno) e si scontro' con coloro che pensavano che la teologia fosse la base della conoscenza (e che nella Bibbia fosse stato scritto tutto lo scibile). Dellenizzare...dellenizzare...

    RispondiElimina
  42. forsse era più semplice ascoltare cosa aveva da dire il rabbino e DOPO eventualmente incazzarsi: prova a leggere cosa hanno scritto i vescovi dell'Emila (Caffara in testa) come "indicazione" per le prossime votazioni: altro che S.Rosario ci vorrebbe!!!!

    RispondiElimina
  43. il CVII BUSSOLA DEL NOSTRO TEMPO .........
    non sono un idealista , giudico la STORIA  dai frutti ......... infatti dopo 40 anni di malefatte ne raccogiamo i frutti ........ marci !!!!!!!

    ho gia' scirtto si questo blog che quando si pianta un albero lo si fa sempre con più le buoni intenzioni per le generazioni future ......... perchè ne raccolgano i frutti .....
    ma un albero per arrivare a tanto ha bisogno del tempo ..
    cresciera' bene ??, resistera' alle malattie ?? saprà far fronte alle avversità atmosferiche ?? 

    per me l' albero del CVII ha avuto da sempre la rogna ...... ma a livello di cromosomi ....... 

    RispondiElimina
  44. Dellenizzare...dellenizzare...ovverosia relativizzare relativizzare....caro Maggio!
    Dai! De ellinizzare è negazione del principio, archè, in Filosofia e quindi negazione della filosofia stessa e relativismo teologico:negazione di Dio! Ergo, Maggio, la deellenizzazione del cristianesimo è MATERIALISMO STORICO! Non stupisce che ne sia un massimo esponente  Martini e sulla sua scia i vari Bianchi ecc ecc...non credono più in Dio! Dubitano nella fede e mettono l'etica legalistica ( deontologia esistenziale) prima del Logos!
    Ma studiare mai?

    RispondiElimina
  45. @Vittorio: " ... per me l' albero del CVII ha avuto da sempre la rogna ...... ma a livello di cromosomi ... "
    __________________________________

    Forse, eccessivamente icastico, ma rende l'idea ...

    RispondiElimina
  46. ... cosa aveva da dire?...
    -----------------------------

    Se io m'iscrivo a un corso di francese e al terzo giorno mi trovo davanti alla cattedra l'insegnante di giapponese ... cosa devo ascoltare?
    Io i sono 'iscritta' alla scuola della Chiesa Cattolica Apostolica Romana, se si predica altro o reagisco o mi alzo e me ne vado. 

    Chi è in torto? Quella 'scuola' o la mia reazione?

    RispondiElimina
  47. <span>io non so (ne mi pongo il problema) se è normale</span>
    -----------------------------------------------------------

    Io invece mi lo pongo il problema! Non vorrei trovarmi un giorno in chiesa a pregare, ad un tratto si riempie la chiesa ed io devo smettere perchè sta per iniziare la predica del rabbino. Sarebbe assurdo!
    Perciò siccome questo è accaduto ad un'altro fratello, io il problema mi lo pongo!

    RispondiElimina
  48. Il fatto descritto nn mi sorprende. La gente che conserva un minimo di senso cattolico, ne ha letteralmente piene le tasche di idiozie sociologiche. 
    Direi che dimenticare la figura del curato d'Ars e' un atto di enorme superbia umana. Specie per un francese. Il curato e' una delle glorie di questa bella e nobile nazione...     Il Cardinale di Parigi ha poco tempo per giocare ancora. Un terzo delle diocesi francesi e' senza nuovi sacerdoti da anni, e di conseguenza, zero sacerdoti, zero fedeli,  stanno andando verso la bancarotta anche economica.

    Fra un po' avra' solo mele marce da raccogliere, ovunque.

    Sara' sufficiente per ricondurlo al buon senso???

    Ma chi lo ha messo li???  Troppe nomine del cavolo...... L'ho conosciuto ad Ars, durante una processione, mi ha dato l'impressione di un uomo di potere, deciso, forte.
    Non mi e' piaciuto, anche se in quel luogo, fece una predica bella sul santo, era la sua festa 5.8.2008.
    Come persona nn mi entusiasmo, e i fatti ci dicono davvero chi egli sia, e cosa sceglie.

    RispondiElimina
  49. Forse sono un pò OT ma la notizia merita l'attenzione:
    forte denuncia del vescovo di Trieste mons. Crepaldi sulla disobbedienza al Pontefice e su di un magistero parallelo....
    http://www.oriensforum.com/index.php?topic=2635.0

    metto la parte centrale dove si legge:

    A questi attacchi fanno tristemente eco quanti non ascoltano il Papa, anche tra ecclesiastici, professori di teologia nei seminari, sacerdoti e laici. Quanti non accusano apertamente il Pontefice, ma mettono la sordina ai suoi insegnamenti, non leggono i documenti del suo magistero, scrivono e parlano sostenendo esattamente il contrario di quanto egli dice, danno vita ad iniziative pastorali e culturali, per esempio sul terreno delle bioetica oppure del dialogo ecumenico, in aperta divergenza con quanto egli insegna. Il fenomeno è molto grave in quanto anche molto diffuso.

    Benedetto XVI ha dato degli insegnamenti sul Vaticano II che moltissimi cattolici apertamente contrastano, promuovendo forme di controformazione e di sistematico magistero parallelo guidati da molti “antipapi”;

    RispondiElimina
  50. Quel rabino, a predicare in chiesa on aveva senso.
    Posso andare ad ascoltare un rabbino in una conferenza, ma non in Chiesa... 
    Forse i vescovi vanno mai a predicare nella sinagoghe?
    Che senso ha tutto questo se non una 'strana' e crescente "sudditanza" psicologica e spirituale nei confronti dei cosiddetti "fratelli maggiori", che non può portare che al sincretismo e all'indifferentismo nei confronti dei fondamenti della nostra fede?

    RispondiElimina
  51. Sono fra coloro che non apprezzano "l`ospite circonciso"...circonciso lo è senza dubbio, ma non trovo molto elegante scriverlo,la REDAZIONE non potrebbe sopprimere quel "circonciso"? Ospite può bastare.

    RispondiElimina
  52. DANTE PASTORELLI22 marzo 2010 15:16

    A volte c'è un'isteria nel giudicare le altre persone che parlan di cose che non si vorrebbe neppur sentir nominare

    RispondiElimina
  53. Che notizia meravigliosa!

    Fedeli (per ora pochi ma fino a ieri erano ancor meno) che di fronte ad un atto inconsulto (far istruire dei battezzati da parte di un esponente non cattolico; poco importa a questo punto sapere quale religione appartiene) hanno il coraggio di protestare a tal punto da mettere paura ad un cardinale iper progressista che col suo ospite va a nascondersi in sacrestia!

    Qualche mese fa le contestazioni di Liberville contro un vescovo che voleva di fatto "modernizzare" una parrocchia che invece voleva restare tradizionale. Con ciò che oggi significa "modernizzare" (cioè rendere neomodernisti) i fedeli hanno deciso di voler restare cattolici.


    Oggi le proteste parigine, anche in questo caso volte a restare cattolici.

    Qualcosa si sta muovendo, è evidente; sotto la cenere neomodernista il fuoco tradizionalista non ha cessato quindi di ardere e quà e là da segni di scoppiettante vitalità.

    La coscienza cattolica non è morta sotto le macerie neoteriche. Risorgerà.

    Un popolo ferito, umiliato e angheriato da 50 anni di tirannia modernista sta lentamente rialzando la testa.

    RIALZO LA TESTA SUI NEMICI CHE MI CIRCONDANO (salmo)

    I neomodernisti sono i nemici; nemici di Dio, nemici della Chiesa.

    E noi tradizionalisti andiamo contro questi nemici con le armi del rosario tra le mani.

    I fedeli lentamente prendono coscienza della schiavitù in cui sono costretti.
    VOGLIAMO RITONARE LIBERI.
    Liberi di non farci diventare subdolamente protestanti; liberi di restare fieramente cattolici.

    RispondiElimina
  54. l'ospite circonciso è proprio brutto....bastava forse dire l'inopportuno ospite

    RispondiElimina
  55. siamo dunque ad un nuovo episodio nella serie che fa da preludio all'abominio della desolazione ?
    Non ci possiamo meravigliare più: il peggio è ancora davanti, e siamo solo all'inizio...
    e qualcuno chiama complottisti quelli che vedono nell'aria i segni sempre più palesi di una  volontà dell'ebraismo di fagocitare il cattolicesimo !
    e la (sventurata) Chiesa continua a rispondere "sì" a questi richiami fatali....

    RispondiElimina
  56. strano che non sia venuto fuori ancora uno dei soliti (noti) a dire che la preghiera è una forma di provocazione e disturbo della quiete pubblica (filo-sincretista) !
    (della specie di quelli che lamentano il ricevere la comunione in ginocchio come un gesto che dà scandalo...)

    RispondiElimina
  57. Redazione di Messainlatino.it22 marzo 2010 16:05

    Proprio no, Maggio. Sono gli Ebrei che ci chiamano gl'incirconcisi; quindi abbiamo adottato lo stesso vocabolario, in termini puramente descrittivi.

    RispondiElimina
  58. accogliere la Luce22 marzo 2010 16:11

    <p>c'è proprio da dire ABOMINIO: sono le prove tecniche, sempre più frequenti, con il permesso e il favore dei Vescovi!
    </p><p>Deve avverarsi di nuovo la parola riportata in Gv 1, 9-13:
    </p><p><span>Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo.</span>
    </p><p><span>Egli era nel mondo, e il mondo fu fatto per mezzo di Lui, eppure il mondo non lo riconobbe.Venne fra la sua gente, ma i suoi non l'hanno accolto. A quanti però l'hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali non da sangue, né da volere di carne, né da volere di uomo ma da Dio sono stati generati."</span>
    </p><p>**************
    </p><p>di nuovo si avvera, davanti a i nostri occhi: noi stessi ancora saremo protagonisti di questa ACCOGLIENZA DATA O RIFIUTATA ALLA LUCE VERA.
    </p>

    RispondiElimina
  59. Redazione di Messainlatino.it22 marzo 2010 16:11

    Con milizia del tempio si faceva riferimento a quel corpo di guardia di cui, ai tempi dei Romani, il Sinedrio aveva la disponibilità e che fu mandata ad arrestare Gesù.

    RispondiElimina
  60. Se non erro b'nai b'rith (la massoneria ad uso e consumo degli ebrei) vuol dire fratellanza del taglio.....
    ritengo un inutile politically correct lamentarsi del termine "circonciso" riferito al rabbino, lo considero un elemento puramente descrittivo...

    RispondiElimina
  61. Definire un convitato ebreo "ospite circonciso" è inelegante, così come è inelegante la definizione di "incirconcisi" che gli ebrei applicano ai gentili: perché definire il prossimo a partire dal prepuzio? Ciò detto, stiamo perdendo il senso della libertà di parola. Quando si tratta dei fratelli maggiori, poi, pare che sia obbligatorio esprimersi sempre in termini di massima deferenza. Quanta ipocrisia in nome della correttezza diplomatica!

    RispondiElimina
  62. Quelli originali, per lo meno, sì, a giudicare dalle bizzarrie che si vedono in giro...

    RispondiElimina
  63. Ringraziamo il Signore e quei nostri fratelli francesi che si sono ribellati a tanta profanazione nella loro cattedrale. Possa il loro esempio essre sprone anche a noi italiani,veri cattolici, per saper reagire adeguatamente a ogni provocazione  di apostati, eretici, pagani e falsi pastori.

    RispondiElimina
  64. Redazione di Messainlatino.it22 marzo 2010 16:29

    A tutti coloro che si scandalizzano per il termine "circonciso". Perfino qui, la political correctness fa proseliti...

    Ebbene: non c'è niente di denigratorio in quel termine, chiedetelo a qualunque ebreo che, anzi, va fiero di quella caratteristica; e giustamente dal suo punto di vista, avendo essa lo stesso valore del battesimo per noi: è il segno dell'Alleanza. Trovereste 'inopportuno' o 'inelegante' se vi definissero "battezzati"?

    Comunque, fa piacere che un giorno i commentatori lamentino il nostro filosemitismo, e qualche giorno dopo un preteso antigiudaismo. In medio stat virtus.

    E considerate infine che il nostro articolo non è contro il rabbino, che magari avrà detto pure cose interessanti. Ma contro chi l'ha invitato a predicare dal pulpito della cattedrale anziché, se proprio, prestargli qualche sala di conferenze, ad es. quella des Bernardins.

    RispondiElimina
  65. Anche io non mi sacandalizzo per il "circonciso"  tanto è vero che nel vecchio rito vi è la festività della Circoncisione di Gesù, alla quale  si sottopose come   tutti i primogeniti maschi ebrei  in segno di offerta a Javè. Quinidi propro del rituale ebraico. Comunque anche i mussulmani hanno la stessa usanza. Ma all'epoca del politically correct anche questo diviene un insulto come chiamare negro uno di colore invece che nero. Ed ora non datemi el razzista perchè non lo sono, però non sono un ipocrita e mi piace dare pame al pane e vino al vino.

    RispondiElimina
  66. accogliere la Luce22 marzo 2010 16:39

    questione di IDENTITA':
    c'è chi ne è fiero, e chi se ne vergogna, magari inconsciamente, <span>proiettando</span> la sottile vergogna/pudore di dichiararsi cristiani (noi) su una (presunta) vergogna di chiamarsi "circoncisi" (gli ebrei)...
    Rispetto umano, ormai stratificato e anche sclerotizzato in 40-50 anni passati (dossettianamente) a mettere la<span><span> lucerna "sotto il moggio" !</span></span>

    RispondiElimina
  67. Dio benedica questi contestatori della bestemmia, hanno salvato l'onore di Cristo e della Chiesa davanti a pastori indegni.
    Un consiglio per Maggio55 e Ben....circoncidetevi...sarete più coerenti!

    RispondiElimina
  68. <p>"... seminaristi stizziti perchè gli si è sgualcita la cotta..." Ormai alla stupidità di certi commentatori in odore di laicismo non c'è più limite: meno male che siamo in quaresima altrimenti cosa avrebbe scritto il maestro di dialogo coi fratelli maggiori qui sopra? Se questi sono i toni per far restare la Chiesa nella Veritá Eterna che la istituí cosa ci dobbiamo aspettare ancora? ...siamo ancora ai livelli di cattolici adulterati stizziti perchè gli si è sgualcita l´ultima copia di Famiglia Cristiana. Il S.Rosario è sempre importante (per non dire fondamentale), ma farne un oggetto di ridicolo come quel tizio separandolo dal suo eminente carattere riparatorio Gli da' un certo sapore di bestemmia...
    </p><p>ah, come é facile caricaturizzare...</p>

    RispondiElimina
  69. accogliere la Luce22 marzo 2010 17:22

    ma quale turba ! la turba ce l'ha sicuramente chi oggi non sa più che significa essere cristiano, e chi ha paura del Rosario, come se fosse offensivo, bella roba : come chi ritiene offensivo il crocifisso o il presepe verso i "diversamente" credenti !
    Lei, maggio, dovrebbe (ogni tanto) pensare alle vite dei Santi, che ne hanno fatto l'arma, sì l'arma santa della loro battaglia contro il demonio e le tentazioni: come in quell'episodio di S.
    Padre Pio, che, nel corso di una lotta interiore, chiese al confratello: "Dammi l'arma!" e siccome quello andò a cercare una pistola e disse che non la trovava, glii dovette dire:
    "Ma.... il Rosario, caro mio!"
    E si ricordi che la battaglia di Lepanto fu vinta grazie al Rosario, per richiesta e intercessione di Maria Santissima !
    (ma lei, maggio , lo sa tra l'altro che solo i demoni ne hanno un vero orrore?....)

    RispondiElimina
  70. accogliere la Luce22 marzo 2010 17:24

    ma che dice, maggio....che il rosario denoterebbe una "turba psicologica" ??
    ma quale turba ! la turba ce l'ha sicuramente chi oggi non sa più che significa essere cristiano, e chi ha paura del Rosario, come se fosse offensivo, bella roba : come chi ritiene offensivo il crocifisso o il presepe verso i "diversamente" credenti !
    Lei, maggio, dovrebbe (ogni tanto) pensare alle vite dei Santi, che ne hanno fatto l'arma, sì l'arma santa della loro battaglia contro il demonio e le tentazioni: come in quell'episodio di S.
    Padre Pio, che, nel corso di una lotta interiore, chiese al confratello: "Dammi l'arma!" e siccome quello andò a cercare una pistola e disse che non la trovava, glii dovette dire:
    "Ma.... il Rosario, caro mio!"
    E si ricordi che la battaglia di Lepanto fu vinta grazie al Rosario, per richiesta e intercessione di Maria Santissima !
    (ma lei, maggio , lo sa tra l'altro che solo i demoni ne hanno un vero orrore?....)

    RispondiElimina
  71. REDAZIONE!!!! e poi il brontolone sono IO!!!! =-X =-X =-X =-X =-X
    Matteo

    RispondiElimina
  72. accogliere la Luce22 marzo 2010 17:25

    ma che dice, maggio....che il rosario denoterebbe una "turba psicologica" ??
    ma quale turba ! la turba ce l'ha sicuramente chi oggi non sa più che significa essere cristiano, e chi ha paura del Rosario, come se fosse offensivo, bella roba : come chi ritiene offensivo il crocifisso o il presepe verso i "diversamente" credenti !
    Lei, maggio, dovrebbe (ogni tanto) pensare alle vite dei Santi, che ne hanno fatto l'arma, sì l'arma santa della loro battaglia contro il demonio e le tentazioni: come in quell'episodio di S. Padre Pio, che, nel corso di una lotta interiore, chiese al confratello: "Dammi l'arma!" e siccome quello andò a cercare una pistola e disse che non la trovava, glii dovette dire:
    "Ma.... il Rosario, caro mio!"
    E si ricordi che la battaglia di Lepanto fu vinta grazie al Rosario, per richiesta e intercessione di Maria Santissima !
    (ma lei, maggio , lo sa tra l'altro che solo i demoni ne hanno un vero orrore?....)

    RispondiElimina
  73. Una considerazione finale! Perchè non condivido questa scelta del cardinale.
    Uno la Chiesa non è di questo mondo! Gli incontri interreligiozi si fanno in Oratorio, nella sale dei cinema ecc ecc. Non in Chiesa. Li si prega!
    Diversamente dalla Moschea e dalla Sinagoga che non avendo ancora chiara bene la distinzione tra Dio e Stato mischiano preghiera e mondo. Il Papa in Sinagoga ha parlato di "mondo" in Chiesa si deve parlare di Cristo!
    Se dai Maggio in giù nonne capite la differenza avete un problema di FEDE!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  74. accogliere la Luce22 marzo 2010 17:32

    <span>ma che dice, maggio....? che il rosario denoterebbe una "turba psicologica" di quelli che si son messi a pregarlo ??  
    ma quale turba ! la turba ce l'ha sicuramente chi oggi non sa più che significa essere cristiano, e chi ha paura del Rosario, come se fosse offensivo, bella roba : come chi ritiene offensivo il crocifisso o il presepe verso i "diversamente" credenti !  
    Lei, maggio, dovrebbe (ogni tanto) pensare alle vite dei Santi, che ne hanno fatto l'arma che la scandalizza tanto, sì, proprio<span> l'arma santa </span>della loro battaglia contro il demonio, le eresie e le tentazioni: come in quell'episodio di S. Padre Pio, che, nel corso di una lotta interiore, chiese al confratello: "Dammi l'arma!" e siccome quello andò a cercare una pistola e disse che non la trovava, glii dovette dire:  
    "Ma.... il Rosario, caro mio!"  
    E si ricordi che la battaglia di Lepanto fu vinta grazie al Rosario, per richiesta e intercessione di Maria Santissima !  Legga qui sopra Caterina che la chiama arma vittoriosa!
    (ma lei, maggio , lo sa tra l'altro che solo i demoni ne hanno un vero orrore?....)</span>

    RispondiElimina
  75. grazie, continua cosi, l'interà comunità cristiana ha bisogno di gente che la pensa come te per progredire

    RispondiElimina
  76. grazie del consiglio...se avro' problemi (dubito a questa età) lo faro': continua cosi, la comunità cristiana ha bisgno di persone che la pensino come te per andare avanti e progredire...

    RispondiElimina
  77. è il triste e famoso occhio per occhio? Ogni tanto viene fuori...leggevo di recente qualcuno che diceva provate a chiedere ad un rabbino di baciare il Vangelo...

    RispondiElimina
  78. fra paresntesi: per me la circoncisione è solo un atto di prevenzione delle infezioni in zone in cui è caldo e ci si lava poco. Da un punto di vista religioso è una sciocchezza mostruosa

    RispondiElimina
  79. ma te ci fai o ci sei? Perchè non ti iscrirvi a qualche setta cosi' i confini del linguaggio e delle parole da ascoltare sono ancora più marcati e non ti poni nemmeno il problema

    RispondiElimina
  80. e se sei in chiesa a pregare e comnciano delle prove di organo cosa fai? Tiri una canna dell'organo in testa al sacrestano?

    RispondiElimina
  81. no dellenizzare è provare a mettere nel dialogo e nel metodo anche altre culture e sistemi ... l'uso un po' troppo abbondante di aristotelismo ha generato a lungo andare sterilità nella teologia---

    RispondiElimina
  82. è una questione di sensibilità personale e quindi di opinioni...

    RispondiElimina
  83. forse il rabbino conosce l'Antico Testamento...

    RispondiElimina
  84. coi testimoni di geova lo faccio anch'io...palrare del Rosario è il metodo più rapido e indolore per farli sparire: e funziona matematicamente sempre

    RispondiElimina
  85. Redazione di Messainlatino.it22 marzo 2010 18:39

    Una sciocchezza? Vallo a dire agli Ebrei, e vedi...

    RispondiElimina
  86. sbaglio o SAN PAOLO fa il distinguo fra cinconcisi e non !?!?!?!? ........

    RispondiElimina
  87. questo vallo a spiegare  agli ebrei e musulmani ........

    RispondiElimina
  88. non vi è nulla di scandaloso nella circoncisione ..........

    e poi tutta l' arte sacra del passato  , i grandi capolavori ,  sono  improntati nel sottolineare la NATURA DIVINA E UMANA DEL SIGNORE NOSTRO  , VERO DIO E VERO

    UOMO !!!!!!!

    RispondiElimina
  89. Maggio! Sbagli! E comunque fai un processo alle intenzioni! Ergo assumi la tua nterpretazione come veritiera e non ascolti l'altro! In sintesi sei in mala fede o per dirla in termini teologici...perfido!
    Matteo

    RispondiElimina
  90. Maggio ! Non fare confusione. Il Logos non si tocca nel dialogo! Mntre tu ne prospetti la relativizzazione. Il che nota come tu non abbia studiato aristotele che separa materia e forma!
    Come al solito dimentichi agere sequitur esse! Ma non importa! Non capisci la differenza tra relativismo e pluralismo!
    Il primo è negazione di un motore primo, il secondo è rappresentazione diversa dello stesso motore!
    Buona notte alla scienza, alla filosofia ed alla teologia! Cosa resta? La tecnica! Patria della nuova teologia! Quella che fra un po' sostituira' Cristo con il comandante Kirk e la Chiesa con la navicella enterprise!
    Ciao
    Matteo

    RispondiElimina
  91. Sensibilità non è percezione, Maggio! Non fare il furbetto del dizionarietto!
    Matteo

    RispondiElimina
  92. Vero! Peccato che non riconosce Cristo! E come tu ben sai Cristo è annunciato tanto nei Salmi quanto nel Antico Testamento! Lo conosce o lo interpreta! Come Lutero con il Vangelo!
    Dai Maggio! Sveglia!
    Matteo

    RispondiElimina
  93. L'allusione alla circoncisione è inelegante perché è inelegante il concetto di circoncisione in sé, dato che riconduce questioni sacre a una parte del corpo non troppo nobile. Taglio del prepuzio e altre pratiche neolitiche restino dove devono restare.

    RispondiElimina
  94. @maggio 55: " ... <span>no dellenizzare è provare a mettere nel dialogo e nel metodo anche altre culture e sistemi ..."</span>
    <span>________________________________________</span>
    <span></span>
    <span>E come no? Ci hanno provato anche con la cultura tribale africana e sono saltati fuori la santeria e Milingo ...</span>

    RispondiElimina
  95. DANTE PASTORELLI22 marzo 2010 20:22

    La circoncisione non fu ordinata da Dio?
    Diverso è usare "circonciso" in un contesto che evidenzia una buona dose di sarcasmo nell'articolo ripreso dalla redazione.

    RispondiElimina
  96. DANTE PASTORELLI22 marzo 2010 20:23

    E' normale chiamare un rabbino a predicare in chiesa dove si dovrebbe ascoltare la Parola di Cristo?

    RispondiElimina
  97. DANTE PASTORELLI22 marzo 2010 20:25

    Cioè decristianizzare?

    RispondiElimina
  98. Ma questo rabbino è capitato all'improvviso per fare una predica di Quaresima oppure era in programma? Se si tratta della seconda possibilità, cosa stavano a fare i fedeli lì? Non sarebbe stato meglio non essersi presentati a quella predica in segno di disapprovazione? Beh, certi fedeli non li capisco!

    RispondiElimina
  99. DANTE PASTORELLI22 marzo 2010 20:32

    Se in un giornale d'Israele si parlasse del Papa, nella cornice di una contestazione, come dell'ospite non circonciso, non ce lo sentireste il dispregio? Io sì.
    E' chiaro, comunque, che l'articolo nel suo complesso non è conro il rabbino ma contro il vescovo.

    RispondiElimina
  100. DANTE PASTORELLI22 marzo 2010 20:33

    Visto che da qualche parte si venera il prepuzio di Gesù Bambino...

    RispondiElimina
  101. Guardia Svizzera22 marzo 2010 21:03

    La Talare non e' orpello frivolo . Ma sublime simbolo. Caro maggio55 .

    RispondiElimina
  102. ci sarebbe tanto da dire a proposito .........

    RispondiElimina
  103. Filippo Burighel22 marzo 2010 22:09

    Dante, Dio ha certamente ordinato la circoncisione agli ebrei, ma QUALE circoncisione?
    San Paolo, nel capolavoro del suo epistolario, ci insegna: <span>Giudeo è colui che lo è interiormente e la circoncisione è quella del cuore, nello spirito e non nella lettera; la sua gloria non viene dagli uomini ma da Dio. (Romani 2,29)</span>

    Alla luce di ciò, la circoncisione ebraica è VERAMENTE la circoncisione ordinata da Dio? Io avrei qualche dubbio e alla luce della citazione, pare che tale dubbio lo condivida anche lo Spirito Santo...

    RispondiElimina
  104. ma io glielo dico spesso e anche ai musulmani...se la fede ha bisogno di simboli forse sarebbe il caso di cominciare a fare una cernita: pretendere che il Levitico sia Parola di Dio offende un po' la razionalità e il cuore dell'uomo e l'idea che abbiamo di Dio

    RispondiElimina
  105. NO ma se qualcuno l'ha chiamato lo si puo' anche ascoltare e se è il caso dopo fare casino ma non certo on il Rosario come se fosse un'arma e quello che si è ascoltato fosse una bestemmia a Dio Padre...

    RispondiElimina
  106. guarda che la cultura mediterranea non è la CULTURA in assoluto come non lo è la filosofia aristotelica...ci sono ad esempio anche le filosofie orientali che non sono stae usate dai teologi perchè nel passato troppo lontane e sconosciute...

    RispondiElimina
  107. mi sembra di sentire ancora i seminaristi che strillano perchè si è sgualcita loro la cotta (ovviamente è un modo di dire non voglio offendere nessuno perchè l'argomento e qualsiasi cosa si dica non merita che si alzi la voce per offendere qualcuno, sono sempre e solo parole e opinioni di uomini che camminano su questa terra)

    RispondiElimina
  108. ripeto : forse conosce l'Antico Testamento e ci puo' proporre delle riflessioni nuove 

    RispondiElimina
  109. ma in quell'ambiente non c'era nessun demonio (a meno di non volercelo veder per forza ma allora non c'è limite a niente: vedi attraverso i secoli in quante donne è stato visto il demonio offendendo di più non so seil demonio o le donne)

    RispondiElimina
  110. Fammi un esempio di Filosofia orientale! Te ne sarei grato!
    Matteo

    RispondiElimina
  111. Ribadisco. Chi non ha riconosciuto Cristo non ha ascoltato Mosè! Il che equivale a dire che l'unica cosa nuova che ci possono insegnare è che Cristo non era figlio di Dio!
    O hai qualche nuova idea in merito?
    Matteo
    PS perhè la Chiesa non conosce l'AT?

    RispondiElimina
  112. Maggio...sii meno caustico!
    Matteo

    RispondiElimina
  113. Paul de France22 marzo 2010 23:15

    Interessante Fides et Forma.

    RispondiElimina
  114. Al posto di "circonciso", visto che ad alcuni risulta offensivo, propongo di utilizzare l'espressione : "diversamente genitalizzato" ;)

    RispondiElimina
  115. Al posto dell'aggettivo "circonciso", visto che ad alcuni pare offensivo, propongo di utilizzare l'espressione : " diversamente prepuzionalizzato" ;)

    RispondiElimina
  116. @Sullo: " ... Taglio del prepuzio e altre pratiche neolitiche restino dove devono restare..."
    ____________________________________________

    Appunto: in moschea e sinagoga!

    RispondiElimina
  117. Luis Moscardò22 marzo 2010 23:45

    :-D :-D  ma... diversamente prepuziato non è corretto: sono sprepuziati e noi prepuziati. E' un dato di fatto. Certo che la discussione è abbastanza scabrosa e direi maschilista.
    L'espressione mi pare usata in senso stimmatizzante, ma tutto ciò dipende poi dalle diverse sensibilità: molti di noi non s'offenderebbero minimamente alla definizione "oscuro topo di sagrestia".
    Noto comunque perplesso che in tema di giudei si deve far sempre occhio al correct.

    RispondiElimina
  118. Gli ortodossi saranno anche scismatici, ma sulla difesa della Fede sanno darci dei punti, altro che ecumensimi sincretistici, mentre noi ci trovavamo proni, confusi in fantasiose scuse, nel 2007, hanno avuto la coerenza di affermare:" ... I riferimenti dispregiativi e diffamatori del Talmud alla persona del Signore nostro Dio-uomo Gesù Cristo e della Santissima Vergine sono note ed hanno generato la doverosa valutazione critica da parte degli Accademici Ortodossi (Cfr. specialmente: Γρηγ. Παπαμιχαήλ, ο Ιησούς ως ιστορικόν πρόσωπον, 4η εκδ., Αθήναι 1953, Παν. Τρεμπέλα, Απολογητικαί Μελέται. Τόμος Έ. Ιησούς ο από Ναζαρέτ, 5η εκδ., Αθήναι 1982). Per la Chiesa Ortodossa è oltraggioso, inaccettabile e da respingersi qualsiasi riferimento dispregiativo alla persona del Nostro Signore Gesù Cristo, della Santissima Vergine Deipara e dei Santi. Allo stesso modo è inaccettabile e da respingersi ogni riferimento dispregiativo e insolente ai portatori della Divina Rivelazione in Gesù Cristo, ovvero alla Sacra Scrittura, Antico e Nuovo Testamento, stabilita canonicamente (Cfr. p.e. 22 Canone del Concilio locale di Cartagine), e alla Santa Tradizione. E' ovvio che ciò vige anche per ogni antistorica e dispregiativa posizione del Talmud, riferita alla persona del Dio-Uomo e della Santissima Deipara ..." . 

    RispondiElimina
  119. Gli ortodossi saranno anche scismatici, ma sulla difesa della Fede sanno darci dei punti, altro che servili ecumensimi sincretistici ! Mentre noi ci trovavamo proni, confusi in fantasiose scuse, nel 2007, hanno avuto la coerenza etica di affermare: " ... I riferimenti dispregiativi e diffamatori del Talmud alla persona del Signore nostro Dio-uomo Gesù Cristo e della Santissima Vergine sono note ed hanno generato la doverosa valutazione critica da parte degli Accademici Ortodossi (Cfr. specialmente: Γρηγ. Παπαμιχαήλ, ο Ιησούς ως ιστορικόν πρόσωπον, 4η εκδ., Αθήναι 1953, Παν. Τρεμπέλα, Απολογητικαί Μελέται. Τόμος Έ. Ιησούς ο από Ναζαρέτ, 5η εκδ., Αθήναι 1982). Per la Chiesa Ortodossa è oltraggioso, inaccettabile e da respingersi qualsiasi riferimento dispregiativo alla persona del Nostro Signore Gesù Cristo, della Santissima Vergine Deipara e dei Santi. Allo stesso modo è inaccettabile e da respingersi ogni riferimento dispregiativo e insolente ai portatori della Divina Rivelazione in Gesù Cristo, ovvero alla Sacra Scrittura, Antico e Nuovo Testamento, stabilita canonicamente (Cfr. p.e. 22 Canone del Concilio locale di Cartagine), e alla Santa Tradizione. E' ovvio che ciò vige anche per ogni antistorica e dispregiativa posizione del Talmud, riferita alla persona del Dio-Uomo e della Santissima Deipara ..." . 

    RispondiElimina
  120. cara Miserere, quei poveretti sono loro stessi che non capiscono più che significhi "essere cristiani", perchè nessun pastore di anime oggi si sogna di spiegarlo, chiarendoi pericolosi equivoci diffusi da anni con le false dottrine: quegli ignari e impreparatirappresentano la STRAGRANDE maggioranza del Gregge di Cristo che è ALLO SBANDO!
    Così come la sera del GiovedìSanto, uscendo dal Cenacolo per andare al Monte degli ulivi, gesù disse ai suoi:"Voi tutti vi scandalizzerete per causa min ain questa notte. Sta scritto infatti: "Percuoterò il pastore e saranno disperse le pecore del gregge"
    <span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span><span> [...]

    RispondiElimina
  121. <span>cara Miserere, quei poveretti sono loro stessi che non capiscono più che significhi "essere cristiani", perchè nessun pastore di anime oggi si sogna di spiegarlo, chiarendoi pericolosi equivoci diffusi da anni con le false dottrine: quegli ignari e impreparatirappresentano la STRAGRANDE maggioranza del Gregge di Cristo che è ALLO SBANDO!  
    Così come quando la sera del Giovedì Santo, uscendo dal Cenacolo per andare al Monte degli ulivi, Gesù disse ai suoi: "Voi tutti vi scandalizzerete per causa mia in questa notte. Sta scritto infatti: "Percuoterò il pastore e saranno disperse le pecore del gregge"  
    (di lì a poche ore la sua Passione)</span>

    RispondiElimina
  122. <span><span>cara Miserere, quei poveretti sono loro stessi che non capiscono più che significhi "essere cristiani", perchè nessun pastore di anime oggi si sogna di spiegarlo, chiarendo i pericolosi equivoci diffusi da anni con le false dottrine: quegli ignari e impreparatirappresentano la STRAGRANDE maggioranza del Gregge di Cristo che è ALLO SBANDO!   
    Così come quando la sera del Giovedì Santo, uscendo dal Cenacolo per andare al Monte degli ulivi, Gesù disse ai suoi: "Voi tutti vi scandalizzerete per causa mia in questa notte. Sta scritto infatti: "Percuoterò il pastore e saranno disperse le pecore del gregge"    
    (di lì a poche ore la sua Passione)</span></span>

    RispondiElimina
  123. i demoni sono quelli che, dal loro regno di menzogna e di tenebre, ispirando parole e pensieri degli uomini, li spingono a parlare e  agire contro la Legge di Dio immutabile, (col peccato) , e si servono inoltre di TUTTI I NEMICI della Chiesa di Cristo, <span>sia esterni che interni </span>(eretici e ri-fondatori vari, i peggiori!), per abbatterla con ogni mezzo, dal di fuori, ma molto più DALL'INTERNO, e ormai -come si va profilando oggi, dopo un inizio sotterraneo- i nemici esterni formano un'EFFICACE ALLEANZA con quelli interni: una sinergia potentissima che dovrebbe provocare il crollo totale per IMPLOSIONE della Santa Chiesa !

    (ciò sarebbe l'esito se il Signore non rimanesse fedele al suo "Non praevalebunt"!)

    RispondiElimina
  124. fammi capire: il cristianesimo HA BISOGNO della filosofia aristotelica per vivere e per giustificarsi?

    RispondiElimina
  125. ...riripeto:forse conosce l'Antico Testamento (il che non vuol dire che la Chiesa non conosca l'Antico Testamento)

    RispondiElimina
  126. Cara Redazione, cosa centra la politically correctness con coloro che si scandalizzano per il termine "circonciso"? Al contrario, la politically correctness vuole che tale aggettivazione sia positiva, in quanto riferita agli ebrei, che hanno sempre ragione come tu sai bene. La stessa politically correctness fa invece indire marce contro l'infibulazione, giustamente, sulla base del principio femminista per il quale il maschio è una merdaccia (quindi tagliamogli pure il pisello) mentre le donne sono povere vittime (ma chi pratica l'infibulazione, guarda caso, sono sempre donne).
    Quanto al rabbino, il Cristo che forse campeggiava sulla croce di Notre Dame (se non l'hanno tolto per non metterlo in imbarazzo) ce l'hanno inchiodato loro.

    RispondiElimina
  127. DANTE PASTORELLI23 marzo 2010 08:11

    E tramite quale cultura diversa da quella tradizionale cattolica potrebbe vivere e giustificarsi il Cattolicesimo?

    RispondiElimina
  128. Mbè! Lo conosco anch'io e non sono invitato a tenere una lectio in Chiesa! Per salire in cattedra dovrei farmi ebreo, mussulmano, induista o altro? Non siamo in grado di ( nota la differenza) fare catechesi da sè!
    Mi sembra il comportamento di questo cardinale identico a quello di certi insegnanti che se non c'è lo psicologo non sono in grado di aiutare il proprio alunno. Cristo insegna all'uomo l'autonomia da ogni forma di potere e la sottomissione all'unico dolce vincolo della Verità. Un ebreo in Chiesa non sarebbe in grado di testioniare nulla!
    Maggio....non serve a niente se non a sincretizzare, o sincretinizzare, il messaggio di Cristo!
    Matteo

    RispondiElimina
  129. Maggio hai mai letto la enciclica Fides et Ratio? La filosofia serve alla teologia per aiutare l'uomo a svelare il mistero e la teologia serve alla filosofia per illuminare la ragione umana.
    Se deellenizzi neghi il raccorto tra il mondo e Dio! Non c'entra il credere in Cristo o di giustificare il cristianesimo ( linguaggio da protestante) c'entra il progresso della teologia evitando sia i razionalismi ( figli del mancato incontro con Cristo) sia gli irrazionalismi ( negazione della ragione umana).
    Semplice per chi ritiene che l'Amore sia ancorato, motivato e definito 8 in una qualche maniera, direbbe BXVI) dalla Verità che è LOGOS e non "secondo me"!
    Studia va!
    Matteo

    RispondiElimina
  130. Gli ortodossi hanno i cosiddetti, e stiamo pur certi che se domani si tratterà di difendere a dovere il Cristianesimo dal fanatismo dei vari fondamentalismi - islamico, ebraico, calvinista, laicista - saranno loro a farlo. Noi ormai abbiamo abbassato la guardia e ci facciamo smassoneggiare in faccia dal primo miscredente di passaggio. Viva i fratelli ortodossi!

    RispondiElimina
  131. Secondo i parametri correnti "diversamente prepuziato" è corretto, perché la steresi - la privazione, l'assenza di qualcosa - è considerata ormai soltanto una diversa modalità: tanto poté il relativismo. Quindi, in ossequio alla correttezza diplomatica, l'ebreo e il maomettano possono essere senz'altro definiti così.
    Ma al di là di chiacchiere e battute, vedrete voi se i frutti di queste assurde forzature linguistiche e concettuali non finiranno per essere devastanti.

    RispondiElimina
  132. Calma, calma. Il Papa è il Papa, un rabbino è un rabbino. Non mettiamoci a fare del relativismo, e se lo facciamo facciamolo nel rispetto dei relativi rapporti gerarchici.

    RispondiElimina
  133. signori l'unico che ha delle oggettive turbe è proprio il sig. maggio, per intenderci quello che dice che per lui pregare in una moschea è qualcosa che lo ha toccato profondamente, è turbato, disorientato, inquieto ed ovviamente, come tutti coloro che non hanno argomenti, è un pò troppo aduso ad offendere coloro che non la pensano come lui. Più che sbraitare contro coloro che hanno iniziato a recitare il rosario, io dico che sono stati dei coraggiosi, quanto di noi avrebbero avuto lo stesso coraggio, eppure quanti di noi nel nostro piccolo hanno assistito alle piccole e grandi eresie che quotidianamente si consumano all'interno delle chiese, delle sante messe etc etc. Qui nella diocesi governata da Ghidelli, è impossibile ottenere il motu proprio, anzi, leggendo la rivista della diocesi, in pieno anno sacerdotale cosa fa il ghidelli? organizza un pelegrinaggio nei luoghi natii del papa dell'autodistruzione paolo VI, ed inoltre quale manifesto camepggia all'interno della stessa rivista: le doti superiori e progressive del mitico concilio vaticano II. Ghidelli svegliati! i tempi son cambiati, il vento è cambiato, è inizto il conto alla rivescia per il diabolico concilio...

    RispondiElimina
  134. Guarda il caso Maggio...il Vangelo di oggi!
    <span>Gv 8,21-30

    In quel tempo, Gesù disse ai farisei: «Io vado e voi mi cercherete, ma morirete nel vostro peccato. Dove vado io, voi non potete venire». Dicevano allora i Giudei: «Vuole forse uccidersi, dal momento che dice: Dove vado io, voi non potete venire?». E diceva loro: «Voi siete di quaggiù, io sono di lassù; voi siete di questo mondo, io non sono di questo mondo. Vi ho detto che morirete nei vostri peccati; se infatti non credete che Io Sono, morirete nei vostri peccati». Gli dissero allora: «Tu, chi sei?». Gesù disse loro: «Proprio ciò che io vi dico. Molte cose ho da dire di voi, e da giudicare; ma colui che mi ha mandato è veritiero, e le cose che ho udito da lui, le dico al mondo». Non capirono che egli parlava loro del Padre. Disse allora Gesù: «Quando avrete innalzato il Figlio dell’uomo, allora conoscerete che Io Sono e non faccio nulla da me stesso, ma parlo come il Padre mi ha insegnato. Colui che mi ha mandato è con me: non mi ha lasciato solo, perché faccio sempre le cose che gli sono gradite». A queste sue parole, molti credettero in lui.</span>

    RispondiElimina
  135. Redazione di Messainlatino.it23 marzo 2010 11:49

    Proprio così Maggio. Nel discorso di Ratisbona il Papa ribadisce, citiamo, "la tesi che il patrimonio greco, criticamente purificato, sia una parte integrante della fede cristiana". Ecco tra l'altro quanto spiega:

    "la fede biblica, durante l'epoca ellenistica, andava interiormente incontro alla parte migliore del pensiero greco, fino ad un contatto vicendevole che si è poi realizzato specialmente nella tarda letteratura sapienziale. Oggi noi sappiamo che la traduzione greca dell'Antico Testamento, realizzata in Alessandria – la "Settanta" –, è più di una semplice (da valutare forse in modo poco positivo) traduzione del testo ebraico: è infatti una testimonianza testuale a se stante e <span>uno specifico importante passo della storia della Rivelazione</span>, nel quale si è realizzato questo incontro in un modo che per la nascita del cristianesimo e la sua divulgazione ha avuto un significato decisivo. Nel profondo, vi si tratta dell'incontro tra fede e ragione, tra autentico illuminismo e religione. Partendo veramente dall'intima natura della fede cristiana e, al contempo, dalla natura del pensiero ellenistico fuso ormai con la fede, Manuele II poteva dire: Non agire "con il logos" è contrario alla natura di Dio"

    In quel capitale discorso troverai anche una critica a quella che chiama la terza ondata di de-ellenizzazione, ossia l'inculturazione.

    RispondiElimina
  136. Indeellenizzabile23 marzo 2010 16:22

    Certo che il Cristianesimo non può essere ridotto ad Aristotele (per molti secoli non è stato, infatti)! Ma constatare questo non significa de-ellenizzare: il patrimonio greco non si riduce ad Aristotele, e il Cristianesimo ha navigato in acque neoplatoniche per oltre un millennio, e in certe sue forme - specie quelle orietnali - ci sta navigando <span>felicemente</span> ancora. Non si può escludere a priori il confronto con altre possibili linee filosofiche, ma l'orizzonte greco è parte imprescindibile del DNA cristiano (di fatto in che lingua è scritto il Nuovo Testamento?), e in questo contesto la filosofia aristotelica, pur con i suoi limiti, è un punto di riferimento di primaria importanza.

    RispondiElimina
  137. Quant'è mefitica l'aria milanese!

    RispondiElimina
  138. Secondo il parere espressomi da svariati professori ordinari di materia filosofica, Aristotele non avrebbe inventato nulla, ma sarebbe riuscito a codificare i meccanismi attraverso i quali si dipana la retta logica  umana; tant'è che, ponendosi il cattolicesimo in perfetta congruenza rispetto alla retta ragione umana (checché Lutero ed i suoi seguaci ne pensino), riuscì assai naturale a San Tommaso una dimostrazione dell'assunto, riordinandone i fondamenti, mutatis mutandis, a seconda di quella codificazione sistematizzata da Aristotele .

    Non a caso, semplicizzando il discorso ai limiti della rozzezza, rimanendo in ambito mediterraneo, se poniamo mente a quei sistemi politici che hanno sviluppato, ad esempio, le dottrine di Platone, ci ritroviamo innanzi, in tutta la loro irrazionale drammaticità, agli orrori degli scorsi secoli cagionati dai "Re demiurghi" di questo mondo ... quanto alla pretesa saggezza orientale, poi, se ci spogliamo dalle attitudini mentali dettate da un deteriore esotismo, qualcuno di noi può forse rimpiangere di non essere cittadino della Repubblica Indiana (dove si espongono le bambine e dove comunemente si mutilano i bambini orfani ed indigenti per avviarli alla mendicità), di quella Iraniana (dove la minima mancanza di una cieca fede in Allah porta direttamente all'esecuzione) o di quella cinese (dove per le bambine vagono gli stessi rilievi già menzionati per l'India e la considerazione della libertà morale del singolo individuo, come da tradizione precomunista, è ufficialmente negata)? 

    RispondiElimina
  139. <span>Secondo il parere espressomi da svariati professori ordinari di materia filosofica, Aristotele non avrebbe inventato nulla, ma sarebbe riuscito a codificare i meccanismi attraverso i quali si dipana la retta logica  umana; tant'è che, ponendosi il cattolicesimo in perfetta congruenza rispetto alla retta ragione umana (checché Lutero ed i suoi seguaci ne pensino), riuscì assai naturale a San Tommaso una dimostrazione dell'assunto, riordinandone i fondamenti, mutatis mutandis, a seconda di quella codificazione sistematizzata da Aristotele .  
     
    Non a caso, semplicizzando il discorso ai limiti della rozzezza, rimanendo in ambito mediterraneo, se poniamo mente a quei sistemi politici che hanno sviluppato, ad esempio, le dottrine di Platone, ci ritroviamo innanzi, in tutta la loro irrazionale drammaticità, agli orrori degli scorsi secoli cagionati dai "Re demiurghi" di questo mondo ... quanto alla pretesa saggezza orientale, poi, se ci spogliamo dalle attitudini mentali dettate da un deteriore esotismo, qualcuno di noi può forse rimpiangere di non essere cittadino della Repubblica Indiana (dove si espongono le bambine e dove comunemente si mutilano i bambini orfani ed indigenti per avviarli alla mendicità  ), di quella Iraniana (dove la minima mancanza di una cieca fede in Allah porta direttamente all'esecuzione) o di quella cinese (dove per le bambine vagono gli stessi rilievi già menzionati per l'India e la considerazione della libertà morale del singolo individuo, come da tradizione precomunista, è ufficialmente negata)? </span>

    RispondiElimina
  140. <span>Secondo il parere espressomi da svariati professori ordinari di materia filosofica, Aristotele non avrebbe inventato nulla, ma sarebbe riuscito a codificare i meccanismi attraverso i quali si dipana la retta logica  umana; tant'è che, ponendosi il cattolicesimo in perfetta congruenza rispetto alla retta ragione umana (checché Lutero ed i suoi seguaci ne pensino), riuscì assai naturale a San Tommaso una dimostrazione dell'assunto, riordinandone i fondamenti, mutatis mutandis, a seconda di quella codificazione sistematizzata da Aristotele .  
     
    Non a caso, semplicizzando il discorso ai limiti della rozzezza, rimanendo in ambito mediterraneo, se poniamo mente a quei sistemi politici che hanno sviluppato, ad esempio, le dottrine di Platone, ci ritroviamo innanzi, in tutta la loro irrazionale drammaticità, agli orrori degli scorsi secoli cagionati dai "Re demiurghi" di questo mondo ... quanto alla pretesa saggezza orientale, poi, se ci spogliamo dalle attitudini mentali dettate da un deteriore esotismo, qualcuno di noi può forse rimpiangere di non essere cittadino della Repubblica Indiana (dove si espongono le bambine e dove comunemente si mutilano i bambini orfani ed indigenti per avviarli alla mendicità: è tutto Karma  ), di quella Iraniana (dove la minima mancanza di una cieca fede in Allah porta direttamente all'esecuzione) o di quella cinese (dove per le bambine vagono gli stessi rilievi già menzionati per l'India e la considerazione della libertà morale del singolo individuo, come da tradizione precomunista, è ufficialmente negata)? </span>

    RispondiElimina
  141. anche a quel vescovo impuntato sul 1965-68, come al mio, come a tanti canuti ragazzi degli "anni formidabili" qualcuno dovrebbe ricordare che la Madonna a Fatima, ha detto anche:
    "Ciò che è putrido cadrà, e più non si rialzerà."
    Oggi mi pare abbastanza evidente che cosa sia  tutto il "putrido" che dovrà cadere: tutto ciò che di caduco, marcio e repellente si è prodotto nella Chiesa da 45 anni a questa parte, e che non può prender il nome di "frutto nutirente" !

    RispondiElimina
  142. <span>anche a quel vescovo impuntato sul 1965-68, come al mio, come a tanti canuti ragazzi degli "anni formidabili", qualcuno dovrebbe ricordare che la Madonna, a Fatima, ha detto anche: 
    "Ciò che è putrido cadrà, e più non si rialzerà." 
    Oggi mi pare abbastanza evidente che cosa sia  tutto il "putrido" che dovrà cadere: tutto ciò che di caduco, marcio e repellente si è prodotto nella Chiesa da 45 anni a questa parte, e che non può prender il nome di "frutto nutriente" !</span>

    RispondiElimina
  143. DANTE PASTORELLI23 marzo 2010 19:26

    S. Paolo parla ormai da cristiano.  Ma la circoncizione ebraica non può definirsi sciochezza mostruosa perché è ordinata da Dio in Gen, 17, 10-14 e doveva compiersi entro l'ottavo giorno dalla nascita. E' un rito fondamentale della cultura e religiosità ebraica che significava entrata nel popolo eletto e atto di purificazione. Lo stesso Cristo vi si sottopose e non era certo incirconciso di cuore. Che abbia sbagliato a seguire la legge del Padre?
    Che poi con la Redenzione non si debba più far differenza tra circoncisi e non circoncisi è tutt'altra questione.

    RispondiElimina
  144. DANTE PASTORELLI23 marzo 2010 19:32

    Al posto del Papa metici un vescovo. Il risultato non cambia.

    RispondiElimina
  145. DANTE PASTORELLI23 marzo 2010 19:33

    Al posto del Papa mettici uncardinale, un vescovo, un monsignorino. Il risultato è lo stesso.

    RispondiElimina
  146. Eraclio quelle di Maggio rispetto alle tue sono bazzezole! Mancano di odio, cattiveria e pregiudizio....non so se rendo l'idea. Nel silenzio tombale dei soloni del sito che si guardano bene dal riprenderti per le inutili ingiurie ed offese ad un Papa...ma si sa! Forti con i deboli deboli e vili con i forti!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  147. bartimeo, sei l'esempio dxell'intolleranza, ma sei qui sempre ad invocare censure verso chiunque non la pensi come te. io non hai fatto richiesta di censure, ognuno argomenta quel che vuole, io al contrario di te e di maggio 55 non offendo nessuno mentre voi altri volete censure senza autocensurarvi nelle ingiurie, vergogna vergona vergogna

    RispondiElimina
  148. Eraclio...continui a farti del male da solo. Cntento tu contenti tutti!
    Ciao
    Matteo

    RispondiElimina
  149. bartimeo, ripeto, inizi a scendere da piedistallo, quanto a me so bene cosa mi fa bene e cosa mi fa male, una cosa è certa, la sua supponenza non mi sfiora minimamente, a dire il vero mi rendo conto che la sua causa persa le fa perdere la lucidità con evidente facilità. ma faccia pure, continui a difendere i papi conciliari, tanto la storia e la verità sono da tutt'altra parte

    RispondiElimina
  150. Ribadisco la mia più grande compassione.
    PUNTO!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  151. DANTE PASTORELLI25 marzo 2010 20:00

    L'Antico Testamento è preparazione al Nuovo, ed in taleeprospettiva va letto. Un rabbino che non accetta Cristo non può darci niente di nuovo su cui riflettere. Il suo AT  non solo è monco ma anche e soprattutto privo della sua vera anima.

    RispondiElimina
  152. <span>Scusatemi, ma anche il Papa (anzi, i Papi) è andato in Sinagoga.
    </span>

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.