venerdì 5 febbraio 2010

Catholic bishops' hall of fame



Una Voce Malaga ha pubblicato questo utile compendio con il nome dei 138 VESCOVI CHE HANNO CELEBRATO O ASSISTITO ALLA FORMA STRAORDINARIA DOPO L'ENTRATA IN VIGORE DEL MOTU PROPRIO SUMMORUM PONTIFICUM.



Lo pubblichiamo anche noi, lasciandolo nello spagnolo originale (tanto, lo si capisce benissimo). Diciamolo subito: i vescovi italiani son proprio pochini... Han fatto molto meglio gli Americani, benché là di vescovi ce ne sian meno! Consoliamoci: quel che succede negli USA, dopo dieci anni lo imitiamo anche noi.


ALEMANIA: Obispos Dick, Hanke, y Mixa.
ARGENTINA: Obispos Baseotto, Laise, y Sánchez Sorondo.
AUSTRALIA: Cardenal Pell. Obispos Hart, Elliot, Grech, Coleridge, y Jarret.
BÉLGICA: Obispo Leonard.
BRASIL: Areas Rifán, Silva Matthes, Da Silva, y Guimaraes.
CANADÁ: Obispos Roussin, Miller, Prendergast, Elliot, Lemay, y Blais.
CHILE: Cardenal Medina Estévez. Arzobispo Piñera Carvallo.
CHINA: Cardenal Zen.
COLOMBIA: Cardenal Castrillón Hoyos.
DINAMARCA: Obispo Kozon.
ESPAÑA: Cardenales Cañizares, Martínez Sistach, Herranz y Navarrete.
ESTADOS UNIDOS: Cardenales Foley, George, Levada y Egan. Obispos Vann Johnston, D´Arcy, Cordileone, Doran, Blair, Grech, Nienstedt, Bruskewitz, Finn, Morlino, Dewane, Bevard, Serratelli, Perry, Slattery, Burke, Matano, Burbidge, Foleih, Tobin, Hernann, Rhoades, Vigneron, Brunett, Timlin, Conley, Reiss, Di Noia, y Carlson.
FILIPINAS: Obispos Escaler, Obayan y De Gregorio.
FRANCIA: Cardenales Ving-Trois y Ricard. Obispos Thomazeau, Scherrer, Madec, Boivineau, Delmas, Guillaume, Rey, Fikart, Aillet, Aumonier, Brouwet, Wintzer, Gaidon, Pansard y Riocreux.
GABÓN: Obispos Engonel y Madega.
HUNGRÍA: Obispos Varga y Farhat.
ITALIA: Cardenales Antonelli, Piovanelli, Poggi, Scola. Obispos Bettori, Fisichella, Appignanesi, Tardelli, Oliveri, Giovanetti, Brugnaro, Rabitti, Molinari, De Magistris y Ravignani.
IRLANDA: Obispos Martin y Magee.
KAZAJSTAN: Obispo Schneider.
LIECHTENSTEIN: Obispo Haas.
MONACO: Arzobispo Barsi.
NIGERIA: Obispos Tochukwu Ukwuoma, y Ochiagha.
NUEVA ZELANDA: Obispo Meeking.
POLONIA: Obispos Balcerek, Szurek, Golebiewski, Depo, Deca, Malysiak, y Dziuba.
REINO UNIDO: Cardenal O´Brien. Obispos Stack, McMahon, Kenney, Malcolm, Moran, Arnold, Hopes, Longley.
REPÚBLICA CHECA: Obispo Baxant.
SLOVENIA: card. Rodé.
SRI LANKA: Arzobispo Ranjith.
SUIZA: Obispos Genoud y Huonder.


AGGIORNAMENTO: occorre aggiungere in Francia il card. Barbarin (Arcivescovo di Lione) ed il suo ausiliario mons. Batut (che in precedenza era parroco della biritualista St.-Eugène-S.te-Cécile a Parigi) e, nelle Filippine i vescovi Escaler, Hobayan, Gregorio e Lagdameo (Arcivescovo di Jaro)

33 commenti:

  1. Mons. De Magistris...un monumento all'Amore per Dio e per l'Uomo!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  2. A MANTOVA : Ogni sabato alle ore 17,00 presso la chiesa dei S.S. Simone e Giuda Apostoli in Mantova, ( Via Fernelli angolo Via Arrivabene) si celebra la S. Messa con rito  Gregoriano Straordinario ( nel senso di meraviglioso ) .
    INVITO TUTTI I LETTORI DELLA DIOCESI A PARTECIPARVI ALMENO UNA VOLTA.
    Tanto poi, difficilmente riuscirete a farne a meno.

    RispondiElimina
  3. Per dovere di cronaca anche Arrigo Miglio vescovo di Ivrea ha celebrato una messa letta poco tempo dopo l'entrata in vigore del motu proprio, anche se la cosa non si è mai ripetuta, a quanto ne so, e allora fu molto poco pubblicizzata.

    RispondiElimina
  4. Rodè è sloveno, non francese.

    RispondiElimina
  5. Schneider è tedesco!!!

    RispondiElimina
  6. J'ai vainement cherché, parmi les prélats polonais, le nom de l'archevêque Dziwicz, qui fut secrétaire particulier de Jean-Paul II… Absence révélatrice!
    Quant au Portugal… Mais tout le monde sait que l'Église ex-catholique au Portugal est aujourd'hui une des plus modernistes d'Europe… Dans ces conditions, pas la peine de perdre son temps!

    RispondiElimina
  7. Sì, ma un "tedesco del Volga".

    RispondiElimina
  8. Redazione di Messainlatino.it5 febbraio 2010 12:06

    Giusto. Correggiamo

    RispondiElimina
  9. <p><span>Encore à propos de l’épiscopat portugais — aujourd’hui, je l’ai dit, l’un des plus modernistes d’Europe — et de ce qu’il pense, notamment, de l’“herméneutique de la continuité” défendue par Benoît XVI…</span>
    <span>Qu’on en juge par cet extrait d’une récente déclaration de D. Carlos Azevedo, évêque auxiliaire de Lisbonne et candidat à la succession de l’actuel cardinal patriarche, D. José da Cruz Policarpo, grand socialiste devant l’Eternel, opposant systématique de Benoît XVI (dont il a réfuté le Motu Proprio de manière insolente), et qui s’est débarrassé de son autre auxiliaire (D. Manuel Clemente), qu’il jugeait trop conservateur, en le faisant nommer à Porto…</span></p>

    RispondiElimina
  10. <p><span>Voici les propres paroles de D. Carlos Azevedo, apologète de la rupture avec le passé (“Correio da Manhã”, le journal des petites annonces pornographiques, 15 janvier 2010): “Não podemos crer que se possa voltar a posições e perspectivas do passado, ainda que renovada a fachada e realizadas acomodações de emergência. Não, definitivamente. O amanhã não será continuação pacífica do ontem.”</span><span></span>
    </p><p><span>On a bien lu: “Demain ne sera pas la continuation pacifique d’hier.” </span>
    </p><p><span>La conclusion à tirer de ce propos est très claire: les catholiques portugais qui souhaiteraient assister à la messe de toujours et qui refuseraient de mourir modernistes ou protestants, sous la houlette du futur patriarche D. Carlos Azevedo, n’ont plus qu’à aller se cacher dans les grottes de la Serra de Aire…</span>
    </p><p><span>“Definitivamente”</span><span>?</span>
    </p><p><span>Ce qu’à Dieu ne plaise…</span>
    </p>

    RispondiElimina
  11. <p><span>Voici deux extraits significatifs de la lettre adressée par le card. Policarpo, le 14 septembre 2007, «a todos os Presbíteros [sic</span><span>] que exercem o seu ministério no Patriarcado de Lisboa».</span>
    </p><p><span>«Estejamos vigilantes [sic] para que esta abertura concedida pelo Santo Padre, tendo em conta o bem de toda a Igreja, não se transforme numa campanha em favor da Liturgia antiga. Isso seria contra a Reforma Litúrgica e todo o espírito do Concílio Vaticano II […].»</span>
    </p><p><span>Toute la lettre est dans ce ton. Il s’agit, en fait, on l’a compris, de saboter l’application du Motu Proprio au Portugal.</span>
    </p><p><span>Quant à la conclusion de la lettre…</span>
    </p><p><span>«Assino esta carta com data de 14 de Setembro, no dia em que entra em vigor a Carta Apostólica do Santo Padre "Summorum Pontificum Cura". Ela é a expressão da nossa comunhão obediente [sic</span><span>] com o Santo Padre, mas também o assumir das nossas responsabilidades pastorais, como Pastor desta Igreja de Lisboa.»</span>
    </p><p><span>Autrement dit, à Rome le Pape fait ce qu’il veut, mais ici, c’est Moi qui commande…</span>
    </p><p><span>Texte intégral de la Carta ici:</span>
    </p><p><span><span> </span>www.cleofas.com.br/virtual/texto.php?doc=NOVIDADE1&id=ni10241</span>
    </p>

    RispondiElimina
  12. Betori? Non mi sembra....a Gricigliano ha solo presieudo il canto dei vespri!

    RispondiElimina
  13. approfondire è meglio5 febbraio 2010 13:40

    ma la Vergine di Fatima non aveva detto che il Protogallo non avrebbe perduto la fede? stiamo parlando dei pastori, ma il gregge? Chissà!

    RispondiElimina
  14. Charles-Marie de la Rocca5 febbraio 2010 14:06

    <span>Sujet discuté sur le Forum Catholique en FRANCE/ QUELQUES ERREURS SUR LA LISTE: il </span><span>manque </span><span>quelques évêques français dans cette liste.
    </span>

    RispondiElimina
  15. Charles-Marie de la Rocca5 febbraio 2010 14:19

    <span>sont cités pour l'instant:</span>
    Son Eminence Révérendissime le cardinal Barbarin, puis son auxiliaire Mons. Battut, Mons.Lebrun évêque de Saint-Etienne, Mons. Mathieu, évêque de Saint-Dié.
    Par ailleurs on cite aussi SER Mons. l'archevêque de Trnava.

    RispondiElimina
  16. Fa piacere vedere il capoluogo toscano in prima fila!

    RispondiElimina
  17. la solita solfa: "Il Papa dica quel che vuole, ma qui comando io!":
    la logica del Potere effettivo, che non rispetta l'Autorità suprema di Pietro, fingendo a parole di obbedire.
    Storie quotidiane di tirannide solidissima, che nella mia diocesi è purtroppo la norma subìta da tutti, nell'ignoranza diffusa di tanti - ottimo piedistallo della tirannide- circa la gravità dei fatti, senza via d'uscita....
    (e durerà per dieci anni sicuramente, se l'Italia volesse accodarsi agli USA,  e magari bastassero...)
    :(

    RispondiElimina
  18. Eppure vedremo tutti, cardinali e vescovi, sorridenti, baciare l`anello del Papa. durante la sua prossima visita  a Fatima....a meno che gli stringano solo la mano...l`inginocchiamento davanti al Papa...ben pochi lo fanno ancora...una bella stretta di mano et c`est tout!

    RispondiElimina
  19. francesco aimerito5 febbraio 2010 15:39

    Manca Mons. Piergiorgio Micchiardi, vescovo ausiliare di Torino ai tempi del card. Saldarini, che celebrò nella Chiesa della Misericordia di Torino circa 15 anni or sono la allora "Messa dell'Indulto": fu, credo, il primo in Italia dopo la promulgazione del Motu Proprio Ecclesia Dei.

    RispondiElimina
  20. <span>Manca all'appello il vescovo svizzero Pierre Farine.</span>

    RispondiElimina
  21. Redazione di Messainlatino.it5 febbraio 2010 16:25

    L'elenco concerne solo quelli che hanno celebrato dopo il motu proprio

    RispondiElimina
  22. Nell'elenco dei vescovi italiani manca il nome di S.E. Mons. Boccardo che, all'epoca in cui era segretario del Governatorato, assistette ad alcune SS. Messe della Fraternità del Buon Pastore, come testimoniato da questo stesso blog: http://blog.messainlatino.it/2009/07/mons-boccardo-non-va-nunzio-parigi.html

    RispondiElimina
  23. Lo Schifo di Savona5 febbraio 2010 16:42

    C'è chi celebra o assiste alla santa Messa e invece chi ghettizza in oratorietti fuorimano e concede chiese agli scismatici.

    RispondiElimina
  24. <span>la solita solfa: "Il Papa dica quel che vuole, ma qui comando io!": 
    la logica del Potere effettivo, che non rispetta l'Autorità suprema di Pietro, fingendo a parole di obbedire. 
    Storie quotidiane di tirannide solidissima, che nella mia diocesi è purtroppo la norma subìta da tutti, nell'ignoranza diffusa di tanti - ottimo piedistallo della tirannide- circa la gravità dei fatti, senza via d'uscita.... 
    (e durerà per dieci anni sicuramente, se davvero l'Italia volesse accodarsi agli USA tra dieci anni,  e magari bastassero...) 
    :( </span>

    RispondiElimina
  25. aprutium dolens5 febbraio 2010 17:06

    ...oratorietti ? e che dovrebbero dire quelli che se vogliono partecipare a una Messa VO devono rifugiarsi in una saletta di hotel ? nient'altro essendo concesso in una regione intera ? e guai a chi parla, per giunta ....(considerati sovversivi e cospiratori contro l'ordine costituito, pare, peggio che i "carbonari" nel Risorgimento, e additati al ludibrio generale se aprono bocca, e fuggiti come appestati!)

    RispondiElimina
  26. I vescovi cattolici sono più di 4000. 138 sono un po' pochini, statisticamente... meno dell'1%

    RispondiElimina
  27. perche' non fare una indagine su quali comunita' siano passate al rito antico, dopo il provvedimeno del Pontefice???

    RispondiElimina
  28. Il problema è che il Papa dovrebbere rendere obbligatorio l'affiancamento del Vetus Ordo accanto al Novus in tutte le parrocchie. La soluzione ideale sta nel biformalismo obbligatorio in ogni diocesi del mondo e nel rendere obbligatorio l'insegnamento del rito di sempre nei seminari, come giustamente rivendicava in questo blog il seminarista "Benedikt" qualche giorno fa. Fintanto che il Vetus Ordo rimarrà a discrezione del sacerdote (o del vescovo) le percentuali di coloro che lo celebrano rimarranno nell'ordine dell'un per cento, cioè poco più di niente.
    Mi ha anche sorpreso constatare come, percentualmente, il numero dei vescovi britannici che hanno celebrato more antiquo sia di ben DIECI VOLTE superiore a quello dei vescovi italiani!

    RispondiElimina
  29. Spero vivamente, per il bene dei fedeli d'oltremanica, che tra i celebranti l'antico rito in Gran Bretagna si potrà presto annoverare anche l'attuale Primate d'Inghilterra, l'arcivescovo di Londra-Westminster e futuro cardinale mons. Vincent Nichols: potrà così fare degna compagnia al Primate di Scozia, l'arcivescovo di Edimburgo cardinale O'Brien. Grande fiducia nutro anche in mons. Longley, da poco promosso arcivescovo di Birmingham in sostituzione di Nichols e già noto in quanto, da ausiliare di Westminster, celebrò la Santa Messa di sempre nella cattedrale primaziale d'Inghilterra, facendo diventare paonazzo per la rabbia l'ex arcivescovo (e Lord Cardinale mancato) Cormac Murphy O'Connor. Alcuni dicono che, tra una decina di anni, Longley potrebbe diventare il prossimo Primate d'Inghilterra (attualmente è ancora piuttosto giovane).

    RispondiElimina
  30. anonimus (non per molto)5 febbraio 2010 22:38

    Un appello da Torino. A Torino la Messa in rito straordinario è confinata in una Chiesa molto frequentata - in talune occasioni straordinarie le celebrazioni hanno visto la partecipazione di circa mille fedeli - ma la gestione del tutto è tale da non lasciare prevedere sviluppi nel senso di più celebrazioni o rafforzamento del gruppo dei frequantatori della Messa. Insomma: il giuoco di chi pensa di confinare il tutto nella riserva indiana, che apre alle 11 della domenica e chiude alle 12.30 (il più presto possible, per carità, niente indugi in attività superflue come incensazioni di immagini, venerazioni di reliquie, preghiere di ringraziamento, benedizioni particolari: semmai qualche taglio alle rubriche e al proprio). Così, allo scadere del triennio del Motu Proprio (attenzione pensiamoci bene a questa scadenza: sarà a quel punto che arriveranno gli attacchi più duri!!!) si potrà dire che a Torino il M.P non è servito e che bastava e avanzava la Messa dell'Indulto di G.P.II. (INDOVINELLO: CHI POTREBBE VOLERE IN DIOCESI QUESTO RISULTATO? MAH? SUGGERIMENTI?)
    Io sono sicuro che a Torino ci sono moltissimi fedeli che desiderano la Messa di sempre nelle loro parrocchie, o che desidererebbero una Messa più coerente alle rubriche di quella della Misericordia, o una Messa solenne almeno nelle feste grandi: tanti sono andati via dalla Misericordia, magari in direzione Fraternita SPX, o sedevacantisti dell'Istituto Mater Boni Consilii (che celebrano, questi ultimi, va riconosciuto, in modo esemplare)  per queste manipolazioni e per questo 'minimalismo'). Perchè non usare le occasioni di questo blog per cenisirsi? All'inizio anche anonimamente: basta dire "siamo in tre della Parrocchia di...
     Comincio io: siamo in - almeno-  due della Parrocchia di Sant'Agnese. Contiamoci e operiamo! IL TRIENNIO 'DI PROVA' SCADE PRESTO E SE NON FACCIAMO PRESTO CI ROTTAMANO...

    RispondiElimina
  31. Carlos Antonio Palad6 febbraio 2010 03:54

    "FILIPINAS: Obispos Escaler, Obayan y De Gregorio."

    Escaler, Hobayan, Gregorio and Lagdameo (Arcivescovo di Jaro)

    RispondiElimina
  32. Redazione di Messainlatino.it6 febbraio 2010 12:14

    Thanks Carlos

    RispondiElimina
  33. Lituania: vescovo Eugenijus Bartulis, diocesi di Šiauliai

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.