mercoledì 6 gennaio 2010

Oggi la Festa dei Popoli del card. Tettamanzi


Oggi 6 gennaio 2010, alle ore 17.30, S. Em. il card. Dionigi Tettamanzi (nella foto) presiederà la celebrazione eucaristica con i migranti nella "Festa dei Popoli".

122 commenti:

  1. Guardia Svizzera6 gennaio 2010 10:11

    A me ricorda Cucciolo dopo il bacio di  Biancaneve....

    RispondiElimina
  2. Pur non nutrendo grande simpatia per il Tetta, domando: non vi sembra di infierire un po' troppo?

    RispondiElimina
  3. Beh! c'è di peggio in giro! o no?
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  4. Beh, quanto meno il clima rigido di oggi dovrebbe evitare le evoluzioni di "ballerine liturgiche" semi-nude ...

    RispondiElimina
  5. Sapete cosa vi dico? Meglio lui di Schoemberg o Bertone.

    RispondiElimina
  6. Caro Ospite,
    chi è causa del suo mal pianga se stesso! Ho letto un articolo sconcertante del card. Tettamanzi dal titolo "Il dialogo come ethos nell'esperienz dei cristiani". Il fondamento del dialogo è Dio stesso. Beh! Dio è fondamento di tutto, come alfa, ma è anche punto di arrivo omega! Quindi il dialogo è mezzo per arrivare al logos che è Dio ed è super naturale che è fondamento di se stesso!
    Ma la cosa sconcertante è quando sostiene che l'identità è in divenire! Non l'identità è in divenire altrimenti il fondamento non è stabile ma relativo! tanto che poi dice che la vera identità cristiana è escatologica! ESCATOLOGICA! Ma tutto il cristianesimo è fondato sull'escatologia di Dio nella "forma" di Cristo che è fine della storia ed inizio di ritorno al Padre. l'escatologia cristiana è già avvenuta ce lo dice soprattutto l'Apocalisse! Alla fine dei tempi se avremo mantenuta salda la nostra identità ( di fede e di opere) saremo salvi di fronte al trono! Il "Leone di Giuda" ha già vinto! Forse non lo sa...o non ha letto il Vangelo di cui tanto si riempie la bocca!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  7. Come ben sapete, non mi sono mai tirato indietro quando si trattava di criticare preti, vescovi o teologi...ma, obiettivamente, stavolta non ci riesco, e questo post non mi piace...e non penso che Tettamanzi sia insensibile, assente o disattento, come invece molti altri colleghi nell'episcopato (specie tedeschi, che non si sa nè chi li ha insediati, nè cosa mai facciano)...cerchiamo di riconoscergli almeno dei meriti...
    Buona e santa Teofania a tutti, che tutti noi possiamo riconoscere e accogliere Cristo Re Bambino, e tutti i poveri che sono immagine di Cristo!

    RispondiElimina
  8. Non c' è nulla di male in una festa dei popoli infatti.
    Il problema è il sincretismo dogmatico, non il colore della pelle o i differenti abiti e cibi tradizionali.

    RispondiElimina
  9. Vabbé, basta che non lo faccia durante la Liturgia. Fuori uno può comportarsi come meglio prudenza gli suggerisce...

    RispondiElimina
  10. Il problema sono le centinaia di muslim che culo all'aria hanno esacrato il sagrato.

    RispondiElimina
  11. Più che i gusti del cardinale in fatto di abbigliamento è preoccupante il fatto che l'Epifania stia diventando la Festa degli Immigrati. Ma che c'entra? Esistono altre ricorrenze nell'anno liturgico riferibili alle degnissime e cristianissime virtù della carità e all'accoglienza. L'Epifania ha tutt'altro significato. Sono reduce da una messa in cui il prete (nemmeno un esaltato modernista per giunta) ha definito i Magi "degli extracomunitari". Questo veramente è un distorcere il Vangelo di oggi, un fermarsi all'epidermide e neanche a quella perché i Magi tutto erano meno che poveracci alla ricerca di sostentamento.

    RispondiElimina
  12. Ad Agrigento l'Arcivescovo ha levato i Santi Magi dal presepio.

    RispondiElimina
  13. Ad Agrigento il prossimo anno troveremo un Imam al posto dei pastorie in processione il vescovo porteò il Corano invece che l'Evangeliario.......
    Un conto essere dalla parte di questi nostri fratelli che soffrono , un altro conto è mettere problemi squisitamente politici in un presepe.
    L'arcivescovo  ha fatto la sua scelta filo prodiana.

    RispondiElimina
  14. A uno dei tanti ospiti che in qualche post precedente esigeva rispetto per un successore degli apostoli, mi vine da chiedere, perché, un Cardinale (cioé un principe!) di Santa Romana Chiesa che si traveste così, da befana peruviana, prova rispetto per se stesso?

    RispondiElimina
  15. Aspettiamo per giudicare, conosciamo certi consiglieri di Tettamanzi e su quali vie lo portano.
    Quella foto è forse solo un`istantanea, come al Papa, quando gli mettono in testa o attorno al collo ogni sorta di cappello o collana...
    Poi leggeremo ciò che sarà detto e lì potremo discutere.

    RispondiElimina
  16. Quando Giovanni Paolo II in Bolivia si mise in testa il cappello da minatore, non sembrò affatto un'offesa. voleva dire che anche lui era stato operaio e si sentiva vicino a loro e alle loro sofferenze. Quando Benedetto XVI si mise la kefya palestinese attorno al collo, volle dare un segno di vicinanza al popolo palestinese. E comunque nessuno dei due parve ridicolo. Ma qui?

    RispondiElimina
  17. Redazione di Messainlatino.it6 gennaio 2010 13:50

    Ovviamente NON è un fotomontaggio. La foto è sovrascritta con l'indirizzo del sito peruviano da cui è tratta. Comunque, non è in sé una foto scandalosa, come nota Nike. Ma che l'effetto sia ridicolo e deliziosamente comico, grazie anche al physique du rôle del porporato, chi vorrà negarlo?

    Poi vanno a criticare Benedetto XVI perché indossa il camauro...

    RispondiElimina
  18. Direi che il problema vero non sono i musulmani, che comunque pregavano, ma i cattolici presenti dentro il duomo, che, come si attesta anche in questo sito, offendono la fede cattolica in maniere diverse!
    I musulmani hanno spazi solo nella misura in cui noi li togliamo dalla nostra fede! E onore ai musulmani: almeno per il Corano è un'offesa forte dire che Maria non ha partorito verginalmente Gesù: Maometto glielo impose. Quanti vescovi, preti, teologi e semplici fedeli ancora difendono il dogma centrale della VErginità Perpetua di Maria? onore ai musulmani, allora, che rispettano il loro Isa e la loro Mariam!

    RispondiElimina
  19. attendiamo con impazienza di vedere foto e sentire resoconti di codesta novella festività popolare  e speriamo che, restando in stretta attinenza alla festa liturgica odierna, si manifesti pure quest'anno  la profonda spiritualità della festa dell'anno passato e si intessa un inno di lode con ballerine discinte, attempate e con le vene varicose, per la maggior gloria di Dio e la santificazione degli spettatori (oooops, volevo dire: dei fedeli) che saran presenti nel circo ambrosiano (ri-oooops, volevo dire: nel duomo ambrosiano).

    RispondiElimina
  20. In virtù della partecipazione attiva dei fedeli chiedo di poter ballare anche io con una bella ballerina nel duomo di Milano.

    RispondiElimina
  21. Cari signori tradizionalisti, questo Concilio Vaticano II non lo molleremo tanto facilmente; al bel vedere delle ballerine provocanti e alluppanti voi che cosa ci proponete? Donne con gonne fino alle caviglie e velo in testa?

    No no no. Molto meglio le ballerine seminude e dai movimenti sinuosi e ammiccanti.

    W la riforma liturgica che fa godere anche noi vecchietti.

    RispondiElimina
  22. Peccato che la donna con il velo in testa e la gonna fino alle caviglie sia la Madonna! Vada pure in discoteca! E li ci resti!
    Vecio...somaro o mulo?
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  23. se è vecio, è mulo...

    RispondiElimina
  24. Ma è uno scherzo o cosa, quello scritto da Vecio?

    RispondiElimina
  25. Redazione di Messainlatino.it6 gennaio 2010 15:29

    Prima di reagire a un commento, rileggetelo, Può avere più piani di lettura. Si chiama ironia!

    RispondiElimina
  26. gianfranco fioravanti6 gennaio 2010 15:44

    Dopo aver visto la fotografia 'redazionale' e la maggior parte dei commenti posso solo dire che raramente avevo incontrato un disprezzo e un astio così anticristiani. Se il futuro della Chiesa che volete costruire ha queste note, spero vivamente che Cristo stesso ci ponga in qualche modo rimedio. 

    RispondiElimina
  27. punta di lapis6 gennaio 2010 15:50

    brava Redazione!
    (manca tanto questo esercizio nelle scuole, e da molto tempo...
    la civiltà dell'immagine, del "tutto e subito" spinge a consumare velocemete, vorac emente, immagini e parole scritte, che invece richiedono riflessione, riecheggiamento interno, connessioni ed associazioni di idee, simbolismi ecc.: ci si ferma in superficie e si passa oltre, rischiando spesso malintesi: è consumismo della parola, in formato "usa e getta"!)

    RispondiElimina
  28. Ehi, non sono io che mi sono vestito da befana peruviana! è stato il vescovo cardinale di Milano. E gli hanno anche fatto una foto che hanno messo su un sito. E lui non ha protestato.
    Questo fanno i modernisti. Io, tradizionalistoide, ci terrei che Tettamanzi, che non apprezzo particolarmente, ma che rimane episcopos, venisse trattato meglio e si trattasse meglio. Oppure in nome della modernità bisogna rinunciare alla dignità sacerdotale somma?
    D'altra parte, se leggi i post di mesi fa, lo stesso cardinale che si lascia fotografare così, non ha avuto il minimo rispetto dell'intelligenza dei fedeli, sostenendo che il motu proprio sulla liberalizzazione della messa in latino non valeva per una diocesi di rito latino, ma non romano.
    Insomma, secondo te noi dobbiamo essere sudditi ossequiosi di chi insulta il Santo Padre e la Tradizione della Chiesa? e in compenso applaudire a tali uscite epifanesche?

    RispondiElimina
  29. Ho fatto fatica a riconoscere il cardinale, di cui avevo visto solo poche foto, in vesti ufficiali.
    Devo dire che qui mi fa un po' tenerezza, perchè intuisco in quella sua bonomia, che accetta il costume folk multicolore, la sua interpretazione di quelle parole di S. Paolo: "Mi sono fatto tutto a tutti".
    Su questo argomento concordo in pieno con Opportuno sul fatto che le cerimonie di "accoglienza" vanno bene, ma NON devono assolutamente sovrapporsi ai giorni delle Feste dell'anno liturgico, pena lo svuotamento progressivo di queste e il loro lento oblio, come sta accadendo per Ognissanti, festa cattolica "detronizzata" da Halloween che insidiosamente è stata propagandata nel mondo cattolico, collocandola alla notte precedente e spacciandola per la festa di un equivalente culto dei defunti "inclusivo" di altre religioni, vario-cristiane e vario-pagane!
    Su questo, amio avviso, i prelati e i parroci soprattutto non dovrebbero transigere, altro che favorire la confusione, come stanno facendo (non tutti)....

    RispondiElimina
  30. In definitiva una uscita assolutamente fuori luogo del Blog.
    Il cardinale, criticabile in tantissime cose, viene disprezzato perchè, mantenendo sotto il proprio abito, ride e scherza con alcuni fedeli.


    Da cattolico "tradizionale"(così mi chiamano), fedele della FSSPX nello specifico, mi dissocio completamente da un commento(su tettamanzi) che porta solamente acqua al mulino a tutti coloro che accusano di fariseismo,snobbismo, razzismo e elitarismo esteta il "tradizionalismo" cattolico.


    Vade Retro!

    Parliamo di cose serie.

    RispondiElimina
  31. gianfranco fioravanti6 gennaio 2010 16:18

    Caro Nike (io però metto nome e cognome),

    io da te e da quelli che la pensano come te non vorrei nessuna 'sudditanza ossequiosa' . Di sudditanze ossequiose nella storia della Chiesa ce ne sono state già troppe (fanno parte anche quelle della tradizione?) e mi fa anche piacere che un tradizionalistoide usi espressioni abbastanza rivoluzionarie. Vorrei solo che riconosceste di essere una minoranza, che quelli che la pensano come voi non sono una massa di eretici e soprattutto che usaste un linguaggio meno offensivo della carità (e prima ancora, dell'umanità). Penso che tutti, anche quelli che pensano di avere Dio in tasca, dovremo rendere conto a lui delle parole che usiamo

    RispondiElimina
  32. mi vergogno dpio per lui...

    RispondiElimina
  33. pierluigi fiorindietro6 gennaio 2010 16:50

    Caro fioravanti, noi non vogliamo costruire un bel niente; chi da 40 anni vuol costruire una nuova chiesa siete voi, e noi poveri e miseri tradizionalisti reagiamo come possiamo; non essendo abili nel maneggio del fioretto facciamo quel che possiamo , dando anche calci negli stinchi. L'importante è reagire contro chi, come voi neomodernisti, vuole  costruire una chiesa che non è quella che Cristo ha già costruito. 
    Noi vogliamo una liturgia che lo Spirito Santo ha costruito nei secoli, mentre voi, distruggendo questa liturgia, ve ne siete inventata una nuova, a vostro uso e consumo; e non contenti di ciò invocate lo Spirito Santo come l'ispiratore di ciò che vi siete costruiti.

    Se vedi i commenti che riserviamo a quei vescovi che fanno sul serio riuscirai a veder la differenza di trattamento che riserviamo a un vescovo serio e a uno che fa pagliacciate.

    Ciò che è veramente scandaloso è che volete che noi applaudiamo le vostre trovate circensi.

    Nell'amarezza ci consola una cosa: voi neomani avete vita breve, e sparirete, non prima di aver lasciato un cumulo di macerie fumanti. E allora saranno propio i tradizionalisti a iniziare la ricostruzione delle vostre devastazioni.

    Prova a farti un giretto in Olanda, e vedrai i frutti prodotti dai novatori. Oppure vai in Belgio, o in Francia; magari vai in quella Normandia dove l'unica parrocchia piena di fedeli, manco a dirlo filo tradizionale, il vescovo neomane voleva metterci le mani addosso per ammodernarla e ridurla in breve tempo come le altre parrocchie: un cimitero.

    Ah, se anche a Milano i fedeli fossero coraggiosi come quelli della Normandia, e avessero gli occhi aperti: avrebbero cacciato a pedate nel deretano e le ballerine seminude e il cardinale che le fa ballare in chiesa.
    Purtroppo per noi  e buon per voi, il duomo sarà pieno di cattolici che si beeranno di fronte allo spettacolino di bassa lega oppure inghiottiranno senza fiatare il boccone amaro dell'ignobile

    RispondiElimina
  34. Certi Padri della Chiesa non usavano un linguaggio molto dissimile. La stessa Caterina da Siena appioppa anche a cardinali e vescovi epiteti  forse irripetibili oggi.

    Questa conflittualità interna del cattolicesimo, tra una maggioranza progressista e una minoranza conservatrice,  è purtroppo il risultato di una serie di decisioni sbagliate, di contraddizioni, di desistenza dell'Autorità che si registra dal Vaticano II in poi.

    E il pensiero non può non andare a pochi decenni fa quando il cattolicesimo era un blocco molto compatto, ubbidiente e devoto. E i Pastori non facevano certo pagliacciate, men che meno in chiesa.

    Lo scontro novatori-tradizionali è evidente che nell'economia divina servirà di concime per la Chiesa; e noi poveri fedeli che lo viviamo dobbiamo sopportarne il peso e il dolore.
    Passeranno questi tempi tragici; torneranno pastori che in chiesa celebreranno i divini misteri senza pagliacciate; torneranno i pastori che anziché rincorrere chimere penseranno solo a seguire Lui.

    Amìn  

    RispondiElimina
  35. rendere conto delle parole...?
    ma il sig. Fioravanti non pensa che tanti uomini di Chiesa (ormai innumerabili) dovranno rendere conto a Dio dello scempio che hanno fatto della Sua Liturgia (trascinandosi dietro nello sfacelo della fede, sbriciolata, ridotta una comparsata di gente che va a sedersi come ad uno spettacolo settimanale più o meno noioso, uno fra i tanti...da "animare" con trovatine e battutine) e che di questo scempio Gesù Cristo stesso -sì proprio Lui- si è lamentato PIANGENDO confidandosi personalmente con S. Padre Pio? Gli disse così, lamentandosi dei sacerdoti: "Hanno ridotto la mia Messa ad un teatro!"
    ah già...ma adesso ricordo: il sig. Fioravanti, come tutti i suoi compagni di fede "moderna" pensa che tutti i Santi fino al 1968 (anno di morte di padre Pio) non hanno alcun valore, non devono insegnare più nulla a nessuno....e figurati se crede a questa "favoletta" che Gesù ha pianto sullo scempio della Messa! santità pre-conciliare: roba per rigattieri....come il tabernacolo -sì!- che ho visto sui banchi dei mercatini di anticaglie, e non credevo ai miei occhi!)

    RispondiElimina
  36. ..anche qui nessuno è ridicolo:è un segno di vicnanza alla gente, fosse anche solo il compleanno di una sola persona: ridere (e se vuoi anceh far ridere ) ha sempre fatto bene

    RispondiElimina
  37. gianfranco fioravanti6 gennaio 2010 18:12

    Un'ultimo tentativo per non litigare, con poche domande (naturalmente rivolte solo a chi mi ha risposto)
    Che relazione c'è tra la legittima difesa delle proprie posizioni e gli insulti rivolti a chi non la pensa come voi? Siete proprio sicuri che in questo siete "dalla parte di Dio"? Non sempre chi pretende di essere dalla parte di Dio è a Lui gradito (vedi gli amici di Giobbe)
    Il corpo di Cristo con cui si comunicano i fedeli della liturgia che non vi piace non è forse lo stesso di quello della Messa tridentina? Non è lo stesso il Vangelo che ci viene letto ogni domenica? Se sì ( e spero che anche per voi sia così) non sarebbe meglio trovare toni più pacati e cristiani? Perché quello che mi ha colpito leggendo i diversi interventi su questo blog non sono le posizioni teologiche, su cui si può essere in disaccordo, ma che comunque meritano di essere discusse, ma proprio la carica di astio e di veleno che vi si sfoga.
    E con questo vi saluto

    RispondiElimina
  38. Redazione di Messainlatino.it6 gennaio 2010 18:15

    Giusto, Maggio, e proprio per questo, possiamo ridere un po' anche noi? Così, simpaticamente...

    RispondiElimina
  39. Giusto!
    Quando uno si rende ridicolo è normale che gli si rida  dietro. :-P
    Deleterio Tettamanzi!

    RispondiElimina
  40. Vedi caro Fioravanti , il periodo del dialogo  con le " diverse sensibilità" per quanto mi riguarda è finito da un pezzo ! Soprattutto se la controparte ti prende a calci da almento 40 anni e fa di tutto per ridurti al silenzio ! Dunque di quale dialogo stai parlando e quale rispetto bisogna avere per coloro che hanno come unico obbiettivo , nei fatti e non a parole , la distruzione della Tradizione bimillenaria della Santa Chiesa ?

    RispondiElimina
  41. Caro mio, rileggendo velocemente i commenti, non trovo da nessuna parte una carica di astio e di veleno. Le offese poi sono esclusivamente le mie, ovvero befana peruviana. se rileggi però attentamente il mio post direi che ero abbastanza ironico, tanto più che oggi è proprio l'Epifania, volgarmente nota come Befana.
    Tra le altre cose, qua non si discute (intendo sul blog) tanto sul fatto che la messa sia esclusivamente vetus ordo, anche se personalmente sono sincero: lo vorrei tanto; qua si discute piuttosto sul non essere trattati come credenti di serie B "residuali", proprio come anche tu ci ricordi in un tuo post precedente. Tacete voi che siete quattro gatti! Bene, puoi chiamarci piagnoni se vuoi. Ma non potrai impedirci di continuare a discutere e magari a lamentarci tra noi di quello che è un tradimento bello e buono da parte del collegio episcopale: tradimento della Tradizione, del Pontefice, del Popolo di Dio, ergo di Dio stesso.
    Se sono parole offensive, dimostramelo; se sono una fotografia della realtà, direi che la Redazione ha postato abbastanza notizie che gridano senza bisogno che io aggiunga qualcosa. Ma da fedele, permettimi di essere scandalizzato da chi doveva essere pastore... 

    RispondiElimina
  42. caos dottrinale6 gennaio 2010 19:57

    il bello è, caro Nike, che qui assistiamo ormai continuamente alla storiella del lupo che sta nel punto alto del corso del ruscello e dice "Tu mi inquini l'acqua!" all'agnello che sta molto più sotto (longeque inferior agnus)!
    e non ti puoi azzardare a descrivere una situazione, a discernere atti giusti da ingiusti, perchè subito arriva il dito puntato:
    VOI mancate di carità!
    L'atto di coscienza morale (che una volta era normalissimo e noto a tutti) con il quale si distingue il BENE DAL MALE viene bollato come "non cristiano": ed è evidentissimo che questo vizio mentale inestirpabile scaturisce (sempre 40 anni fa e più...) da quel principio, allora diffuso che amare l'errante significava accoglierlo INSIEME CON L'ERRORE, la solita strasentita "medicina della misericordia" che si è tradotta nell'APPROVARE IL PECCATORE E IL PECCATO, senza mai correggerlo!
    Essere cristiani nel linguaggio comune e nella diffusa (superficialissima e narcotizzata) coscienza di larga parte dei cattolici di oggi è passato, in due generazioni, a significare essere buonisti, lasciar dire e fare tutto, perchè Dio è solo Misericordioso e perdona tutto a tutti (anche se uno non è pentito!)
    Non ho mai capito che cosa pensino questi cristiani buonisti di quei passi in cui Gesù appella i Farisei con gli epiteti che sappiamo (serpenti, razza di vipere ecc.) o quando caccia i mercanti dal tempio, o quando dice:
    "Non sono venuto per abolire la Legge, ma per completarla".
    Si è dimenticato che la prima Misericordia di cui abbiamo bisogno è la Luce della Verità, anche impietosa, e che Gesù ha detto, davanti a Pilato: "Sono venuto per rendere testimonianza alla Verità" (non solo per beneficare dando da mangiare ai poveri e agli affamati, ma PRIMA di tutto per svelarci il VOLTO DEL PADRE, e donarci la salvezza eterna, questa la Carità di Cristo!)
    E ormai regna la confusione, proprio circa il significato di Carità, che non esiste senza Verità.

    RispondiElimina
  43. mamma mia, sconcertante il post di "vecio"  il solito fanatico del CVII ed il solito fedayn della'autodistruzione di Santa Romana Chiesa, quanto a Tettamanzi, ed il discorso io lo estendo a tutto il clero filo CVII, ritengo che avrà titolo per controbattere alle nostre perplessità solo quando, vestito come vuole, andrà a predicare la parola del VERBO CARO FACTUM EST in Yemen, Somalia, Iran etc etc. Fintanto che non farà questo, sarà solo un vescovo come tanti che non è riuscito a convertire neppure un infedele. Fossero stati come lui gli apostoli, l'Evangelio non lo avrebbe conosciuto nessuno. Attenzione Evangelio che è l'unico strumento atraverso il quale conoscere la parola di Gesù il quale, a sua volta, son sue le parole, è l'unico mezzo attraverso il quale c'è salvezza essendo lui il Dio Vero. Tutto il resto è squallido buonismo, valido per una formazione politica assistenziale sindacale umana, ma assolutamente iconferente per la funzione ecclesiale 

    RispondiElimina
  44. <span style=""><span style="padding-top: 4px;">

    che raramente avevo incontrato un disprezzo e un astio così anticristiani.
    Posso concordare con lei, talvolta ho l`impressione che certi commenti sono scritti da nemici della Tradizione al solo scopo di discreditare chi ama ed è fedele alla Tradizione, penso si possa difendere la propria posizione senza offese o volgarità, ed è quello che in generale succede su questo blog, ma è anche vero che certi toni accesi possono essere spiegati e forse anche giustificati dall`oppressione, dall`ostracismo,dal rigetto dei quali sono stati  e sono vittime i fedeli tradizionali, quando la voce può finalmente uscire talvolta è un pò sregolata...sarebbe poi più che giusto riconoscere  l`esistenza del disprezzo e dell`astio  molto anticristiani, per riprendere le sue parole, che hanno incontrato e incontrano i fedeli legati alla Tradizione.  
    Un astio e un disprezzo che durano da più di 40 anni e che purtroppo albergano ancora in troppi cuori di pastori che praticano l`apartheid nella loro missione.

    Vorrei solo che riconosceste di essere una minoranza...  E perchè?

    Il corpo di Cristo con cui si comunicano i fedeli della liturgia che non vi piace non è forse lo stesso di quello della Messa tridentina?  
    Dipende, in certe Liturgie, visto la poca cura, la poca attenzione, e sopratutto la non credenza nella Presenza Reale del Corpo di Cristo, purtroppo anche da parte di sacerdoti, ed è drammatico doverlo scrivere, penso che per molti non è il Corpo di Cristo ma un pezzo di pane =simbolo.    
    </span>Today, 19:59:55 GMT+01:00<span style="color: #c6c6c6;">
    </span></span>

    RispondiElimina
  45. Caro C.D., come disse Uno: "Hai risposto bene. Non sei lontano dal Regno dei Cieli"

    RispondiElimina
  46. Filippo Burighel6 gennaio 2010 20:06

    Vecio, pensa a tor el viagra in camara tua e serite ben dentro che semo xa ciapai mal. Fame un piaxer...

    RispondiElimina
  47. caro Fioravanti, si può discutere sulla opportunità di pubblicare la foto comica dell'eminentissimo e tu hai tutto il diritto di dissentire, ma non fare la vittima, dov'è l'astio? Non trovi che ci sia ben più disprezzo verso il Santo Padre proprio all'interno della chiesa? E che dire della chiesa ambrosiana? Formalmente corretta verso il papa, ma in realtà ostile tra le righe dei suoi prelati che in un primo tempo hanno respinto il motu proprio e ora tentennano. Ti sembra corretto l'atteggiamento della curia di milano che appena vien nominato da un leghista l'eminentissimo suo arcivescovo alza la voce insieme a tutta la cei, mentre di fronte agli attacchi al papa tacciono tutti?

    E allora non fare l'offeso ché mi par di capire non hai avuto in passati post espressioni tanto caritatevoli verso di noi! Vai per la tua strada e scandalizzati per qualcosa di più importante.
    don gl braga -

    RispondiElimina
  48. Filippo Burighel6 gennaio 2010 20:10

    Io pensavo si fosse fedeli a Cristo, al massimo alla Chiesa che è fondata da Cristo.

    Se vogliamo parlare di cose serie, parliamone seriamente.

    RispondiElimina
  49. Filippo Burighel6 gennaio 2010 20:15

    Caro Tetta, mettiti a dieta che il tuo ormai è un "nomen omen": c'hai più tette tu che mia madre!

    RispondiElimina
  50.  Brava Luisa, sei stata più moderata e pacata di me. D'altra parte uno il carattere non se lo può dare, e ci dicono che il nostro Signore e Maestro non odiasse le persone sanguigne (per scandalo) come il sottoscritto peccatore, ma solo i farisei ipocriti... a buon intenditor!

    RispondiElimina
  51. Chiedo alla Redazione, come devo "ricevere" questo "commento"? Ironia? Humour? Secondo grado? O forse un tipico esempio di quei commenti che discreditano chi scrive su questo blog? Non scrivo che discredita i fedeli legati alla Tradizione, perchè non mi ricordo se Filippo Burighel lo sia o no. 

    RispondiElimina
  52. Rifaciamoci un pò gli occhi guardando i telegiornali di oggi dove appare Benedetto XVI parato con una meravigliosa pianeta.

    RispondiElimina
  53. La mia specificazione riguarda la mia frequentazione domenicale.
    Se andavo dall' opus dei avrei detto "fedele dell' opus dei" e così via.

    RispondiElimina
  54. Ecco uno sviluppo interessante. I cattomuslim, una mutazione genetica che induce una certa parte del mondo cattolico a proiettarsi nel mondo islamico. Su questo terreno tradizionalismo e progressismo più spinti vanno a braccetto. Sembra incredibile ma è così.

    RispondiElimina
  55. a me piace molto questa immagine...grazie di averla messa: ogni tanto ci vuole un po' di ironia da festa paesana altrimenti si rischia di parlare sempre di cose troppo serie (che purtroppo ci sono e continuano a essere molto serie). Grazie

    RispondiElimina
  56. No eh, non ricominciamo con la storia del nome e cognome! Ce n'era già uno che ogni due x tre la rimenava con l'autoelogio del proprio coraggio di lottare a nome aperto. Adesso che la Redazione ci dà persino la possibilità di essere Ospiti anziché Anonimi, non cominciate a tritarci i maroni con il name pride.

    RispondiElimina
  57. forse pero' le vie per convertire e far conoscere Cristo sono tante e diverse (grazie a Dio): a ognuno viene donato un carisma e ad ognuno spetta il compito e la scelta di realizzarlo. Il cristianesimo non è buonismo e polita assistenziale pero' puo' darsi che il buonismo e la politica assistenziale siano un primo passo verso il cristianesimo. Come dice un mio amico la carità non è il cristianesimo pero' cominciamo a farla e forse siamo sulla buona strada...

    RispondiElimina
  58. <span>Di questa Epifania: nella parrocchia di una valle bresciana c'è un presepe in cui Gesù nella cuna non ha accanto a sé Giuseppe e Maria, ma due angioletti. Addimandato della ragione, il previte (di transito) risponde che Giuseppe, mah, in fondo non si sa bene di chi sia stato padre... Controbattutogli che però almeno Maria si sa ben bene di Chi sia stata Madre, quello risponde che alla fine la maternità di Maria è un'allegoria teologica, un po' come i tre Magi. Tacere e bello sul contenuto della predica del medesimo presbitero (sennò salta su qualcuno a dire che andiamo a messa per mormorare poi sulle omelie), a base di tiratine d'orecchie dirette al Vaticano e profezie sulla sua ineluttabile apertura al multiculturalismo (e qui anche i nostri cattolici filoislamici giubileranno).  
    Sono casi patologici, chiaro, non la nuova fisiologia della Chiesa. Ma in certe diocesi sono più diffusi che in altre e occorrerebbe correre ai ripari.</span>

    RispondiElimina
  59. Redazione di Messainlatino.it6 gennaio 2010 23:19

    Goliardia sbracata

    RispondiElimina
  60. <span style=""><span style="">Un missionario, in Cina, viaggia sul treno. Sta leggendo il suo breviario La Liturgia delle Ore. Ad un certo punto un’immagine di Maria casca per terra. Di fronte a lui c’è un bambino con la mamma. Il bambino scende subito dal suo sedile, prende l’immagine, la guarda e la posa sul libro. Poi chiede: Cos’è? Il missionario gli risponde: E’ mia madre!</span></span>
    <span style=""><span style="">Il bimbo prende di nuovo l’immagine e la guarda…: Però tu non assomigli mica a tua madre. E il missionario, rimettendo l’immagine di Maria nel breviario…: Eh sì, hai ragione! È una vita che cerco di rassomigliarle ma non ci riesco mica tanto, però voglio rassomigliarle sempre di più.</span></span>
    <span style=" ">Signore, aiutaci ad essere sempre più tuoi figli e a manifestare che siamo tuoi figli nel mondo d’oggi. Aiutaci a tenere la lingua a posto e a guardare più le nostre azioni che quelle degli altri.</span>
    <span style="">Giovanni</span>

    RispondiElimina
  61. Filippo Burighiel sei...volgare!!! Mi sa che si sta esagerando! Criticare le persone per il loro aspetto fisico non è cristiano!!! Come se i "tradizionalisti" non facessero altro che digiunare e flagellarsi!!!! Mi sa che invece piace magnare un po' a tutti. Siamo davvero penosi.
    Poi da Filippo Burighiel che, da come scrive, sembra un gran baciapile, non me lo aspettavo.

    RispondiElimina
  62. Filippo Burighel7 gennaio 2010 00:47

    Luisa, io sono Cristiano Cattolico Romano.
    Questo dovrebbe essere sufficiente a chiarirti se sono o meno legato alla Tradizione.

    E non penso proprio di screditare nessuno.
    Quanto a Tettamanzi, riesce benissimo a screditarsi da solo.

    RispondiElimina
  63. Filippo Burighel7 gennaio 2010 00:54

    Ci sono altri termini diversi da "fedele" che si possono usare in questo casi.

    Io userei il termine "seguace", ma non nego che per alcuni questo termine sottintende un'accezione deteriore.
    Ma senza andare troppo lontano dal tuo pensiero, visto tu stesso lo poni in termine di frequentazione che ne dici di "frequentante"?

    RispondiElimina
  64. Filippo Burighel7 gennaio 2010 01:10

    Mettiamola così, ogni volta che vedo Tettamanzi ho il sospetto che gradisca molto di più la tavola da pranzo che quella del Signore. E visto come agisce e parla, il legittimo sospetto che il Signore sia piuttosto indietro nelle sue priorità di vita inizia ad assumere in contorni di una seria ipotesi.

    Per quanto riguarda "baciapile", gergo non di uso comune dalle mie parti, il dizionario Garzanti mi dà come definizione "persona bigotta e ipocrita". E già qui potrei contestare a te, che mi accusi essere volgare, l'uso di un termine assai più volgare e offensivo del mio.
    In ogni caso, non so in che modo potrei essere bigotto o ipocrita, visto che chi si ricorda i miei interventi su questo blog non può che riconoscermi un'assoluta coerenza di opinione riguardo a Tettamanzi: lo considero uno dei peggiori vescovi della Chiesa, non solo in Italia. In particolare, i suoi testi di bioetica sono i preferiti da tutti quei teologi o presunti tali che negano l'esistenza di un qualsiasi Magistero Universale sui temi dell'aborto e dell'eutanasia.

    Ok, l'ho preso in giro, ma direi che sono stato fin troppo simpatico nei suoi confronti.

    RispondiElimina
  65. medici malati ipovedenti7 gennaio 2010 05:46

    correre ai ripari (dice B.B.)...

    patologie non curate, ingravescenti, che passano da acute a croniche, con rischio di cancrena delle membra affette ed infette....  
    I medici guardano e passano oltre, da 42 anni, secondo la cosiddetta "medicina della misericordia", cioè quella che rinuncia ad applicare la cura, per paura che faccia "soffrire" il malato...e così i tessuti e gli organi affetti da varie infezioni conducono tutto il Corpo a un generale stato di prostrazione, debilitazione, abbassamento di difese immunitarie, con una sinergia di così tanti agenti infettivi scatenanti sempre nuovi focolai di patologie virali sempre più letali...sinergia che spaventerebbe qualunque normale paziente attento alla propria sopravvivenza....ma a questo "paziente" qui osservato vengono somministrati tranquillanti e farmaci "amnesizzanti" ed "euforizzanti" per non farlo pensare troppo alle sue malattie, per farlo stare "allegro nonostante tutto", per insegnargli a pensare positivo...anzi, i medici stessi si ammalano per grande solidarietà coi malati, e rifiutano di curarli, perchè curare non è segno di carità verso i malati, quindi anch'essi rifiutano le cure per se stessi! e chi potrebbe dire loro oggi: Medice, cura te ipsum ?  
    NON vedono affatto la malattia nè nel paziente, nè in se stessi! 
    :'( ......
    PS e se uno dicesse, anzichè ipovedenti, ma -chiaro e tondo- che questi medici sono  
    ciechi e guide di ciechi, verrebbe accusato di non avere carità! glielo vogliamo dire noi?  
    :-[ ...... :'(

    RispondiElimina
  66. Già! Maggio riduciamo il cristianesimo ad una gnosi! Ad una bella fede spirituale...già poi ricordati che una fede solo spirituale, solo buonista e moralista, è la fede che professa sua eccelnza il Diavolo!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  67. scusamo ma non ho mica capito! O forse capisco poco il concetto di "infedele" che qualcuno ha espresso riferendosi ad una mancata conversione nei vari Yemen...

    RispondiElimina
  68. Se non si vuole diventare gnostici cristiani, si può sempre esaltare la gnosi musulmana, come fanno numerosi commentatorio del blog. L'erba del vicino è sempre più verde. Anche quando il vicino vuole impadronirsi del nostro giardino per trasformarlo in una marcita.

    RispondiElimina
  69. E chi ha detto che la maggioranza è progressista? Semmai è amorfa.

    RispondiElimina
  70. e uno vestito così all'ultimo conclave ha trafficato per diventare Papa. Il Tetta fa pendant con Schoenborn ... Stendiamo un pietoso velo...

    RispondiElimina
  71. <p>Ammirevole questo commento, da incorniciare direi.
    <p>È una delle cose che più mi ha colpita al mio ritorno nel gregge, dopo una lunga assenza ritrovavo quei frutti che, ancora acerbi ma già tossici (per me), mi avevano fatto partire, ma li trovavo maturi, constatavo la loro proliferazione, il loro radicamento, i loro danni,  l`entusiasmo e la gioia del mio ritorno hanno molto sofferto, e soffrono tuttora, nel constatare che niente era stato fatto per rimediare ma che al contrario quei frutti avevano ricevuto e continuano a ricevere tutte le cure necessarie alla loro maturazione, alla loro moltiplicazione. 
    <p>Non solo non ci cura il malato e la sua malattia ma si manda il malato a diffondere la  malattia. Sconcertante e incomprensibile, perchè se la salute non è diventata malattia e la malattia salute, il medico dovrebbe rendersi conto delle conseguenze del suo agire o non agire.

    RispondiElimina
  72. 3 rischi che corre il cristianesimo:
    1 Cristo un insegnante di teologia
    2 Cristo un rivoluzionario sociale ( un socialista! Roba da matt!)
    3 Cristo un moralista

    In tutti e tre i casi vincerebbe la gnosi islamica. Semplicemente perchè l'Islam promette il potere sul mondo! Crsito promette altro, Cristo dice che l'uomo si può salvare seguendolo, diventando cioè Figlio di Dio, quindi uscendo da questo mondo che è regnum diaboli!
    L'infedele! Chi è infedele: chi usa Dio per conquistare il mondo! Caro Maggio, fino a che l'Islam non purificherà il Corano gli islamici come gli ebrei saranno infedeli! Come lo sono logicamente tutti i cardinali e da lì in giù che fanno del clericoantifascimo oggi e del clericofascismo ieri! Ridate alla Chiesa quell'anima che salva il mondo!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  73. <span>che il mondo sia REGNU DIABOLI mi sembra  un'offesa a Dio che l'ha creato:seguire Cristo puo' anche voler dire seguire e cercare di realizzare quello che Lui ci ha detto in questo mondo perchè è in questo mondo che si realizza il nostro processo di salvezza. Noi siamo nel mondo e nel mondo dobbiamo camminare verso la luce di Dio. L'unica immagine di Dio che abbiamo è il nostro prossimo  
    ed è con il prossimo che dobbiamo fare i conti a causa del nostro istinto al male (chiamalo pure peccato originale, eredità biologica della nostra evoluzione o come altro vuoi) e i conti si fanno vivendo, non coi cilici o autoflagellandosi (tanto per ricordare quella vena di masichismo che attraversa la nostra storia umana).  
    Concordo pienamente che l'Islam deve purificarsi (e anche molte altre cose)...ricordi il mio paradosso che Maomento è del 600 e quindi sono 600 anni indietro?  
    Anche i cristiani 600 anni fa non si facevano scrupolo di giustificare mediante Dio la conquista del mondo. Gli ebrei li lascerei stare dove sono...meglio sorvolare sui vari Nitoglia o Tranquillo...  
    Io pensa che la Chiesa non abbia mai perduto la sua anima di salvatrice del mondo, nonostante tutto cio' che gli uomini (dentro e fuori) possano farLe di male. Giovanni Paolo II ebbe il coraggio di cominciare a chiedere perdono ed è un gesto che non deve essere interrotto...</span>

    RispondiElimina
  74. Maggio, Maggio...vedi che ragioni con la mentalità del mondo! Essere del mondo è negare Dio e questo è il mondo nel quale ci troviamo perchè a causa del peccato originale abbiamo voluto essere come Dio! Dio ha creato un mondo perfetto che noi abbiamo consegnato al Demonio. E' offensivo e blasfemo dire che questo mondo lo ha creato Dio. E' dire che Dio ha creato il male!Qeste cose si imparano in prima elementare al catechismo. Il cristiano NON E' DI QUESTO MONDO, di questa mentalità mondana, ma appartiene al mondo di Dio che è partecipare con lui! il mondo del cristiano è fatto di sacramenti che sono l'anticipazione di quella pesenza reale che avremo domani! Giusto per arricchirti ti cito Don Divo Barsotti:" Voler trasformare il cristianesimo in uno strumento di potere umano per il rpogresso della cultura, per la pacificazione dei popoli, per il benessere degli uomini, è semplicemente distruggere il cristianesimo".
    Questo mondo finirà! Altrimenti neghi l'escatologia e negando l'escatologia neghi la resurrezzione di Cristo che è già stata compimento dell'escaton! il sociale per il cristiano è atto di culto è conversione del fratello altrimenti non vive d'amore ma di solo egoismo!
    smettila di leggere Bianchi e Martini, di seguire i teologi della liberazione! leggi un po' di ratzinger ed esci dal mondo!
    Matteo Dellanoce
    PS L'Islam non è indietro di 600 anni. L'Islam a Maometto e noi Cristo! La differenza se non la vedi mi spiace ma è come dire oro e ferro!

    RispondiElimina
  75. <dimenticavo! Giovanni Paolo II ha chiesto scusa alle vittime per le colpe della Chiesa ma per le colpe degli uomini che nel nome della Chiesa hanno commesso atrocità più o meno gravi! Dire che GPII si è scusatpo per la Chiesa è come dire che il male che è stato causato è per colpa di cristo! Una bestemmia ed una blasfemia insieme!
    Matteo
    PS Convertiti

    RispondiElimina
  76. io mi trovo in difficoltà ad accettare che l'uomo ha consegnato il mondo al male...diventa un ragionamento strano su una imperfezione di Dio: se l'uomo ha scelto il male o il male era già presente o il male è iniziato con un'opporsi (o contrapporsi) dell'uomo a Dio che diviene a sua volta imperfetto perchè non ha previto un possibile vizio nel suo operato (il libero arbitrio)...non torna: il mito di adamo ed eva era un  tentativo per spiegare la presenza del male nel mondo (come ad esempio i miti greci spigavano altri eventi del mondo) non la sua spiegazione 'scientifica'.
    Che il sociale debba essere solo un atto di culto (cioè di conversione) del fratello è vero ma solo in parte: la conversione riguarda tutti : quelli che tu chiami infedeli ma anche quelli che definisci fedeli perchè la conversione è un cammino che finisce solo con la nostra morte : riguarda la nostra opera verso gli altri ma riguarda anche l'opera che dobbiamo compiere su di noi illuminati dalla grazia di Dio...non siamo in esilio su questa terra, ci siamo per vivere appieno la vita che Dio ci ha donato camminando verso la Sua Gloria.

    RispondiElimina
  77. mi sembrava logico in quello che ho detto: la Chiesa è fatta, costudita e guidata dagli uomini e da Cristo, chi ha commesso cattiverie e atrocità sono gli uomini e certamente non Cristo (mi sembri troppo attaccato all'idea del peccato originale per cui il peccato di uno si è trasmesso misteriosamente a tutti). Spero che papa Ratzinger continui il cammino del suo predecessore.

    RispondiElimina
  78. Ehi, amiconi dell'islam! Questa è una delle tante per voi: http://www.corriere.it/esteri/10_gennaio_07/egitto-massacro-copti_45292ad8-fb7b-11de-a955-00144f02aabe.shtml

    RispondiElimina
  79. Caro Maggio, in amicizia, non pelosa si intende! Ma vera e caritatevole! Io ho grande stima ed apprezzo il tuo impegno. anzi per certi apsetti ne sono invidioso! Ma c'è qualcosa che non mi quadra!
    Bene! partiamo dal peccato originale! E' un ragionamento strano il tuo! Tu dici "per colpa di uno siamo tutti colpevoli. E che cacchio! Cosa ho fatto di male io?" ( scusa il virgolettato). bene! Ma il rpoblema è che tu rispondi in questa maniera: " io non ho peccato, ha peccato Adamo con la zampaccia di Eva, però ci salviamo tutti!".
    Non noti l'incongruenza? Il peccato è di uno! Ma allora, Maggio, che bisogno c'è della salvezza? Che bisogno c'è delle opere? Che bisogno c'è della bontà? Non ce ne è bisogno! Qui è questione di logica. Adamo incarna in sè l'umanità! e l'umanità è colpevole. Ma chi si salva' Il popolo di Dio! Siamo d'accordo! Ma questo popolo di Dio si è aperto grazie a Cristo! Cristo ha permesso al singolo di appartenere al popolo cosa che gli ebrei non facevano! Un gentile, un greco non potevano salvarsi! Con Cristo sì! Basta che si facciano CRISTIANI!
    E' semplice Maggio! il Peccato originale ci pervade, il mondo è la sede del peccato originale, non essendo schiavi del mondo ci salviamo, tutti ci possiamo salvare se vogliamo ( pro multis).
    Non piegare Dio ad Io! cerca di piegare Io a Dio!
    Sarò a Lucca a breve! Contattami ci beviamo un caffè!
    Matteo Dellanoce
    PS La Chiesa nonn è custodita da Cristo la Chiesa è Cristo! Mistero in terra! Nella Chiesa c'è Cristo! E' la questione della corredenzione! Maria è corredentrice perchè contiene Cristo, ma contenendolo, è ppiena di Grazia e quindi "Cristo" stesso! Cristo è onnipotente non ha bisogno di custodi!

    RispondiElimina
  80. Caro maggio! Doppia risposta! il male non è una realtà! il male è una assenza! La luce è presenza, il buio è assenza di luce! Il vuoto è assenza, il pieno è presenza!
    Il male è assenza di Dio! Cosa c'entra l'imperfezione di dio! Dio è perfetto e la sua perfezione fa l'uomo libero! Il llibero arbitrio è, nel momento che nega Dio, accettare la sua assenza e vivere senza dio, senza speranza, vievre il nulla!
    Non è Dio che ci giudica ma siamo noi che decidiamo di vivere con, per ed in Lui oppure senza di lui. Siamo in sintesi noi che ci sottoponiamo al suo giudizio ( non mi negare l'apocalisse) e non viceversa!
    Maggio! Questa è robetta da seconda elementare! Un pochino debole come confutazione!
    Il sociale è l'ambito della comunità e non dell'assistenza! E' l'ambito dei talenti e non del "qualcuno pensa per me"! La liturgia trasforma il sociale perchè trasfigura l'uomo e lo fa vivere nella gioia dell'altro mondo in questo mondo! L'uomo ha tovcato Dio! Che bisogno ha delle cose qiuando ha toccato TUTTO? E' unito al tutto! Dove c'è Dio, Cristo ( lasciamo stare le altre religioni), l'uomo è autonomo e sa come sopravvivere al mondo per essere nel mondo ma non del mondo!
    Il cristianesimo esaurito nel sociale è una menzogna! Il cristianesimo non è sociale ma comune genera città non stati, genera comunità/Chiese non case del popolo!
    Sveglia!
    Piega cristo al mondo e sei perfettamente diabolico!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  81. mi pare che tu dica quello che stavo dicendo anche io:l'uomo cammina verso Dio che è il tutto e Lo incontra  ogni attimo nel prossimo che è l'immagine reale di Dio e il sociale è la "chiesa a cielo aperto" in cui incontriamo Dio.
    Il male è assenza di Dio:indiscutibile. Il male è insito nella natura umana, forse è il residuo genetico della sua evoluzione da animale primordiale dotato di istinti di aggressività e sopravvivenza che continuiamo a osservare nel regno animale in genere. Il cammino che ci ha indicato Cristo è forse il riconoscere ogni momento questa nostre cattiverie e cercare di superarle mediante la Sua grazia e la Sua presenza. Io personalmente non piego Cristo al mondo (sarebbe impossibile) e non voglio convertire nessuno: cerco solo di annunciare Cristo (rendere testimonianza alle sue indicazioni) e mi rendo perfettamente conto di farlo male ma cerco di camminare per cercare di sconfiggere quella cattiveria che porto dentro di me. In quanto a un dio che genera anche la possibilità di negarlo...da qualche parte un difettuccio c'è...

    RispondiElimina
  82. (catto)confusione7 gennaio 2010 17:20

    sig. maggio, lei è proprio in grande confusione (e speriamo che non la propaghi ad altri).
    Se nega la dottrina del peccato originale, che si trasmette da una generazione all'altra, nega così TUTTO il Catechismo e l'intera storia della salvezza e la necessaria opera di Redenzione annunciata nella Genesi e compiutasi  con la Croce e Resurrezione di Cristo; e negherà anche la necessità di essere battezzati in Cristo e nella sua Chiesa per salvarsi.
    Il suo argomentare è tipico dei sincretisti o indifferentisti.
    E che la Chiesa è stata fondata da Cristo e SOLO da Lui, non l'ha mai letto?
    Lei legge forse un Vangelo islamizzato?.....
    Guardi che la realtà del peccato originale è un DOGMA DI FEDE, non un'idea a cui uno "è attaccato"
    come lei dice....ma per lei i dogmi sono opinabili?
    :(

    RispondiElimina
  83. Filippo Burighel7 gennaio 2010 17:33

    Dove devo firmare per sottoscrivere questo post? :)

    RispondiElimina
  84. Filippo Burighel7 gennaio 2010 17:40

    Esattissimo, Bartimeo!
    Ed è bene ricordare che il GPII chiamò "fratelli maggiori" gli ebrei, come erano fratelli maggiori anche Caino, Ismaele, Esaù e i fratelli del Signore (che nella tradizione orientale erano figli di Giuseppe da un precedente matrimonio). Il primogenito è sempre un altro, anche se fratello minore! ;)

    RispondiElimina
  85. Bene! Noto con piacere che dal creazionismo protestante si è passati all'evoluzionismo di matrice darwinista che non è ne scientifico ne dimostrato! Caro Maggio! Ma ci credi in Dio? Nella tua testa da prima donn oratoriana c'è il difetticcio! Se Dio non avesse fatto l'uomo libero non sarebbe Onnipotente! Lo avrebbe fatto monco di una parte che è di Dio stesso: la libertà creativa! Ma davvero sei sconcertante! Lasci che la gente se ne vada all'inferno, neghi l'onnipotenza di Dio, metti Io al posto di Dio, fai derivare l'uomo dalla scimmia, ma cosa sei lo spin doctor delle cazzate che scrive Mancuso?
    La concupiscenza ( che è perdita di sapienza) è la causa del male. Solo con la resipiscenza l'uomo si può salvare! E la resipiscenza è l'umiltà che porta l'uomo ad essere unito a Dio ( non con la spada come fanni i tuoi amici islamici o con la esclusività come fanno i tuoi colleghi ebrei) per libera scelta! Bella! prima fai lo scientista, poi trovi che nello scientismo ci sono delle falle, ed accusi Dio di quelle falle! E dici di non piegare Cristo alla realtà! Ma ci fai? stai scherzando vero?
    Bellissimo! Non converti nessuno? Significa che non credi! Ma ricorda che se qualcuno ha la possibilità di salvarsi è l'ignorante non di certo chi lascia l'ignorante nell'ignoranza!
    Con preoccupata ed allarmata ansia per la tua anima!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  86. Dimenticavo. l'uomo cammina verso Dio andando indietro: non verso il mondo ma camminando nel deserto che separa l'uomo da Dio e che è la casa dei demoni! Su Maggio un po' di sana spiritualità benedettina!
    Matteo Dellancoe

    RispondiElimina
  87. purtropo non posso non prendere nuovamente posizione nei confronti di tale maggio 55 (colui che qualche settimana fa si vantava di essere entrato in una moschea e di avere quivi pregato) Ti ripeto maggio, tu sei completamente imbambolato, sei confuso, disorientato, non sai neanche chi sei, dici un mare anzi un oceano di corbellerie. chi è sulla mia lunghezza d'nonda sa cosa voglio dire. sei solo un frullato di belle parole, ma  credere nella natura divina di Cristo e cercare umilmente di testimoniarla onde permettere anche agli infedeli di gustarla e di salvarsi è altra cosa.

    RispondiElimina
  88. io non mi sono vantato di essere entrato in una moschea: ho detto solo che mi ci sono trovato e ci ho pregato e lo rifaro' se mi ricapiterà e mi verrà voglia. Sono certissimo di non aver fatto niente di esecrabile (e infatti nessuno è riuscito a dimostrarmi il contrario...mi pare). Io cerco (non riuscendoci sempre) di testimoniare Cristo con il mio comportamento di tutti i giorni se poi questo è un frullato di belle parole pazienza, sono sempre disposto a ascoltare e a modificare il mio comportamento (se ne sono umilmente convinto pero'). Parlare di concupiscenza mi fa venire in mente S.Agostino e le sue infauste idee proprio sulla concupiscenza in cui ha mescoltato genialità, riflessione e molte e profonde nevrosi personali-rapporto con sua madre, rapporto di sua madre con suo padre.
    L'evoluzione è ancora oggi una teoria degna di attenzione e non nega l'intervento creativo di Dio nell'uomo (perchè non potra mai farlo). Secoli di progresso anche scientifico hanno aperto nuove finestre sulla natura dell'uomo, sulla sua malvagità (vedi ad esempio psicanalisi, endocrinologia...): se c'è stata ribellione a Dio è difficile immagine come un uomo tipo Neanderthal o simile avesse la profondità e la razionalità per ribellarsi a Dio. E' vero:ognuno di noi deve attraversare il deserto delle nostre miserie per cercare Dio
    ma è ingiusto fermare la nsotra attenzione solo a quei momenti che definirei terribili e erotici nello stesso momento: il deserto contiene anche la presenza degli altri uomini e il rapporto con gli altri uomini è la base della nostra vita.

    RispondiElimina
  89. maggio, va pure a pregare in moschea, magari tornerai a casa con il diabolico corano e convertito alla religione dell'anticristo incarnatosi in maometto e nei suoi seguaci 

    RispondiElimina
  90. Interessante questa riflessione : " E onore ai musulmani: almeno per il Corano è un'offesa forte dire che Maria non ha partorito verginalmente Gesù: Maometto glielo impose. Quanti vescovi, preti, teologi e semplici fedeli ancora difendono il dogma centrale della VErginità Perpetua di Maria? onore ai musulmani, allora, che rispettano il loro Isa e la loro Mariam!
    C'è da riflettere ( positivamente ) .

    RispondiElimina
  91. Caro Maggio! La concupiscenza non è questione secondaria. E' centrale nel rapporto Uomo-Dio! L'uomo rinuncia alla sapienza di Dio per farsi lui stessa sapienza insipiente!
    Il darwinismo è tutto fuorchè scientifico! E' stato trasformato in una ideologia per imporre uno stato che neghi, relativizzandolo, Dio e tu ci caschi appieno!
    La resipiscenza, il ritorno alla Verità è fondamentale per dare alla Carità quella razionalità che, mi spiace, tu gli neghi! E' una questione di merito e di metodo! L'uomo di neanderthal aveva più religione di mooooolti post sessantottini e giacobini! Lascia stare! Hai frequentato troppo odifreddi!
    Poi se parli di psicoanalisi già sei fuori strada! Leggiti Frankl e Maslow poi ne riparliamo! Troppi spot, troppa tv e chiesa tettamanziana non fanno bene! Più la scienza va avanti più conferma le scritture a partire dall'unica radice biologica tra gli uomini...non tra bestie!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  92. io il corano ce l'ho in casa e l'ho anche letto in diversi punti...direi un poemone più che una cosa di religione (senza voler offender nessuno). Ti ricordo che Maometto ha avuto un'educazione e una formazione di tipo cristiano...A me i musulmani non fanno paura perchè la mia fede in Dio non mi fa avere paura...mi fa paura il fanatismo ma ce n'è tanto anche da noi purtroppo.

    RispondiElimina
  93. era il destino dell'uomo conoscere...l'unica radice biologica la conferma il fatto che tutti fgli essere viventi hanno i soliti istinti base (o forse Dio ha creato prima l'uomo e poi come brutte copie gli animali?). La psicoanalisi ha ancora molto da dire...

    RispondiElimina
  94. maggio! Come al solito...porgi la guancia quella degli altri! prova a dire ai 9 copti uccisi in egitto o ai 7 sudanesi crocefissi se non hanno paura! tu al calduccio non hai paura! Vai a fare il cristiano a Dubai, a musul! incomincia a porgere l'alttra guancia! La pscicoanalisi è finita da un pezzo, direi con il club di Roma, di mefitica e mefistofelica memoria! Ha molto ancora da dire cristo! Se voi lo lasciaste parlare!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  95. Il destino dell'uomo era conoscere Dio...di cui già aveva piena conoscenza! Ha voluto semplicemente farsi Dio e questa non è conoscenza ma massima ignoranza!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  96. Questa Welle filosmuslim nel mondo cattocomunista e ipertradizionalista è un fenomeno ideologicamente molto interessante. Andrebbe studiato con cura.

    RispondiElimina
  97. Bravo Bartimeo. Fare gli ecumenici con i piedi al calduccio è come fare i nostalgici della ferinità primeva standosene comodamente negli agi della modernità. Fottutamente salottiero.

    RispondiElimina
  98. Se potessero ti passerebbero a fil di spada, come tutti gli altri cristiani, calabraghe come te o no.

    RispondiElimina
  99. Redazione di Messainlatino.it7 gennaio 2010 22:49

    Maggio, quando vedrai un fanatico cristiano che si fa saltare col tritolo in un mercato, potrai dirlo. Fino ad allora, perfavore, risparmiaci certe stupidaggini.

    Meglio il peggior modernista, credimi, che il miglior macomettano

    RispondiElimina
  100. Non è questione di essere amiconi o no. E' questione di GIUSTIZIA. Diamo all'Islam quello che è dell'Islam, nel bene e nel male. Essere sbilanciati in senso massmediatico è da miopi.

    RispondiElimina
  101. Dissento fermamente da questa uscita della Redazione. Siamo tradizionalisti, e basta. E oggi i mass media vedono nell'Islam il nemico per avere la scusa di guerreggiare in giro per il mondo. Non facciamo il gioco dei poteri di questo mondo, che ci vogliono schierati.

    RispondiElimina
  102. Se lo fanno è solo perché, come te, conoscono male il Corano. Cristiani (di tutte le denominazioni), ebrei e zoroastriani hanno per il corano lo statuto di dhimmi ovvero di protetti, in base a cui devono pagare una tassa, che però corrisponde alla tassa (pilastro della carità) pagata dai musulmani. Siccome non sono stupidi, la tassa musulmana è più bassa di quella riservata ai dhimmi. Traduciamo in linguaggio odierno: i non musulmani "del Libro" possono vivere tranquilli se pagano la Protezione e non fanno proselitismo. Da cattolico non apprezzo, però di sicuro fino ad oggi cristiani arabi sono esistiti nei paesi musulmani; il contrario non è capitato. E poi siamo noi quelli tolleranti.

    RispondiElimina
  103. Questa non è una Welle filomuslim. E' semplicemente opera di Giustizia: riconoscere le cose per quello che sono. I tradizionalisti devono prima di tutto essere amici della Verità, altrimenti non sarebbero che uno dei tanti partiti della Chiesa postconciliare. Siamo tali perché abbiamo riconosciuto qual è la Verità su un fenomeno principale quale la celebrazione della Santa Messa. Agendo secondo Giustizia e Verità nel cuore pulsante della Chiesa di sempre, applichiamo il parametro a tutta la realtà; di conseguenza anche nei confronti dell'avversario musulmano -nemico teologico, non mondano- applichiamo la strada dell'Unico Maestro e Signore che ci spinge ad essere onesti e a riconoscere i meriti e il valore del nemico. Meglio un musulmano fanatico che un modernista sincero: il primo è riconoscibile, il secondo è un lupo travestito da agnello, e a volte neanche lui lo sa!

    RispondiElimina
  104. Sicuramente non sono da dimenticare i copti perseguitati, i cristiani nascosti in Turchia, i palestinesi cristiani costretti ad emigrare, i cristiani pachistani e quelli indonesiani, i timoresi orientali e quant'altri, miei fratelli di fede.
    Vi pregherei però, secondo Giustizia, di non scordare neanche il milione di iraqeni morti per le bombe di una potenza che osa definirsi cristiana. E come scordare gli innumerevoli afghani? o siete convinti che i musulmani nascano col kalashnikov in mano e con la bomba autoesplodente?
    O peggio, che l'unico musulmano buono sia quello morto? vergognatevi.

    RispondiElimina
  105. I musulmani sono una minaccia per l" Occidente cristiano" semplicemente perchè i cristiani sono corrotti e fasulli. L'Islamismo è forte perchè i cristiani sono deboli. Alcuni maomettani si faranno pure saltare in aria insieme a gente innocente, ma fanno sicuramente meno stragi di quelle che fanno i medici occidentali ( magari nostri parenti o amici di famiglia coi quali ci ritroviamo a tavola a Natale) che praticano gli aborti. Nelle nostre farmacie i profilattici vengono venduti da quasi tutti i farmacisti, anche da quelli che vanno in chiesa a battersi il petto ed a prendere il Corpo di Cristo. L'Occidente pullula di avvocati divorzisti. I preti, appena  un ebreo  apre la bocca,  si mettono a 90°.  E' legge di sopravvivenza, i musulmani crescono numericamente e vogliono occupare le terre abitate dalle deboli popolazioni occidentali.  In realtà più che la paura  di perdere la libertà di professare la Fede Cristiana, un eventuale dominio islamico, incute in noi la paura di perdere tutte le comodità di cui godiamo adesso. Per questo è nato il fronte Teocon.

    RispondiElimina
  106. Filippo Burighel8 gennaio 2010 00:29

    Nike, mi permetto di farti notare che già nel momento in cui dici "siamo tradizionalisti" ti schieri. E quando ti dici Cristiano non stai forse affermando la tua fede in Cristo, schierandoti con Lui contro lo schiere del maligno?

    RispondiElimina
  107. Filippo Burighel8 gennaio 2010 00:33

    Nike, mi sai dire la percentuale di Cristiani nei paesi musulmani? Scommettiamo che è largamente inferiore ai musulmani nei paesi Cristiani? ;)

    RispondiElimina
  108. cosa c'entra Dubai e il resto con il discorso che stavamo facendo?...si dovrebbe camminare per le vie di Dubai con il mitra? In quanto ai fottuti salotti non so a cosa ti riferisci: di problemi ce ne sono tanti e per niente salottieri...giovani pieni di dubbi e paure, coppie in crisi, povertà crescente, extracomunitari senza casa...ti garantisco che non mi annoio (oltre ai problemi sul lavoro con visite pastorali e frequenti da parte della guardia costiera)

    RispondiElimina
  109. Maggio, un consigli amichevole. Taci! Ti contraddici nel merito e nel metodo!
    Tu dici che la Chiesa si deve adeguar al multiculturalismo perchè è inevitabile? bene! Chi lo nega! Non si capisce perchè NOI non dobbiamo chiedere a Dubai di adeguarsi al multiculturalismo?
    Viviamo nel Villaggio Globale! Che ci piaccia o no è un'altro paio di maniche! Ma perchè tu imponi a noi la tua multiculturalità e poi tu a noi di chiederla agli altri?
    Ti contraddici sempre! La coerenza non è opzionale!!!
    Sul Milione di morti!! Mah! Cosa dire! Io mi scandalizzo del miliardo di morti non nati! Comunque adesso c'è un qualcosa di nuovo! Quanti sono morti per combattere le dittature nel mondo? Volete fare una giornata per Saddam come vuole Pannella? Perchè non fate la conta di quanti ne ammazza il terrorismo 8 che è la principale causa di morte in Iraq ed in Afghanistan?).
    Su! Non parlate per slogam ma per ragione e per fatti!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  110. Megli un Mussulmano fanatico! Da chiedere ai 7 crocefissi, ai 6 ammazzati, ai tremila delle torri Gemelle, ai 200 di Londra ai morti di Madrid, Loro non erano in guerra con nessuno!
    Di meglio un ateo devoto!!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  111. non ricordo dove ho detto tutte codeste cose...pero' a 54 anni s(t)onati puo' darsi che qualche guarnizione della memoria cominci a cedermi. Credo di non avere mai usato la parola multiculturale in un blog. Io mi chiedevo cosa c'entra Dubai con quello di cui stavamo parlando (storia della nostra conoscenza del male che portiamo dentro: psicanalisi, mitologia, marxismo, endocrinologia e tutti gli altri passi che sono stati fatti nell cultura per provare a capire). Dubai è un esempio di quel male di cui si parlava che è difficile farlo derivare dalla concupiscenza di agostinana fattura (quando "...gli organi genitali ricevevano il'impulso sotto il controllo della volonta...il marito poteva unirsi alla moglie senza lo stimolo del fuoco della lussuria..." - De Civitate Dei)

    RispondiElimina
  112. O Maggio, bitorzolone stonato ! Qui non è questione di non ricordarsi! Ma il tuo continuo pirlare, girare in torno, ti porta a dire tutto ed il contrario di tutto! ti rendi conto o no' prima dici che c'è posto per tutti! Poi dici che uno vale l'altro! Poi dici che non converti nessuno e poi dici che non sei multiculturale! Mah! Deciditi!
    estrapolare Sant'Agostino dal contesto è trsite! Sant'Agostino come san Tommaso si leggono nell'insieme! Come vedi Sant'Agostino in quel caso parla della differenza tra uomo e bestia! L'uomo controlla i propri impulsi senza bisogno di una qualche coercizione esteriore...se educato! Ma i darwinisti, di cui ti vanti di essere testimone, questo non lo concepiscono ed usano gli strumenti (stato) per coercizzare le intelligenze ottenendo l'effetto contrario!
    Deciditi Sì Sì No No!
    Con affetto e simpatia...mamma mia come li porti male intellettualmente i tuoi 54!
    Matteo
    PS sono ancora in attesa di sapere in quale diocesi fai catechesi a Lucca. Come mai non rispondi?

    RispondiElimina
  113. Le mie ragioni te le ho date. Se preferisci considerare la religione come una passione politica o sportiva, fa' pure. Consapevole della forza in sé della mia fede, non ho paura di riconoscere meriti ed errori degli altri. Nasconde la polvere della Verità sotto il tappeto dell'Ideologia solo chi ha paura dei propri dubbi.

    RispondiElimina
  114. Certo. Prima dell'invasione americana in Iraq c'erano 1 milione di cristiani; Tareq Aziz, primo ministro, era cattolico caldeo. In Siria un altro milione circa; tra gli otto e i dieci milioni di copti in Egitto. Prima della nascita di Israele, circa metà (40%) dei Palestinesi era cristiano. In Libano, stato pluriconfessionale, circa metà degli abitanti, prima dell'invasione dell'82 era cristiano.
    Non dimentichiamo l'Impero Ottomano che, prima del sorgere dei nazionalismi al suo interno, inventò (nel Seicento) l'istituzione dei millet: uno Ortodosso e l'altro Ortodosso Orientale. Ovvero, il sultano-califfo ottomano di Istanbul, creò per le diverse confessioni cristiane, per gli ebrei, e credo anche per gli zoroastriani, sotto amministrazioni parallele, al cui vertice c'erano, per i nostri fratelli separati, il Patriarca di Costantinopoli e quelli "monofisiti" (termine scorretto, ma è per intenderci). Sicuramente i Turchi non erano santi, e lo si è visto col massacro dei Greci del Ponto e con i ripetuti genocidi armeni (a cui però l'Europa non prestò mai attenzione); tuttavia, fino ad oggi il fatto che fino ad oggi comunità cristiane siano sopravvissute (l'Egitto è stato islamizzato dall'VIII secolo), dimostra che per l'Islam, religione falsa, noi Cristiani non siamo stati visti come un nemico ipso facto, se non altro perché lo dicono le loro scritture (Corano).
    In Europa, in compenso, gli ultimi musulmani spagnoli (i moriscos) furono espulsi da Granada e Regno di Valencia nel 1609, per fondati motivi (cominciavano a fare ribellioni); per il resto gli unici europei che si convertirono all'Islam, al di là dei bulgari Peceneghi, furono i Bosniaci (in realtà Serbocroati) e la maggioranza degli Albanesi (60%), proprio perché come ora popoli poveri, che attraverso la conversione vedevano una via di promozione.
    Infine, ritenere oggi l'Europa un continente cristiano è un errore, storico e ideologico. Si tratta purtroppo di un continente secolarizzato; come dicono gli stessi pontefici, i quali ricordano la tradizione e la storia cattolica del nostro continente. I musulmani possono vivere qui perché ormai a noi di religione non frega assolutamente nulla; anzi, chi cerca spiritualità si rivolge a loro (40.000 italiani convertiti all'Islam, spero solo maschi), proprio perché non ne trova più tra noi. I pochi che credono ancora, spesso noi tradizionalisti, veniamo messi in un angolo dalla stessa Chiesa conciliare e additati come integralisti. Non vi viene il dubbio che lo stesso capiti anche alla maggioranza dei musulmani?

    RispondiElimina
  115. guarda che non l'ho tanto estrapolato S.Agostino: è una figura calla quale mi sono interessato fin dai tempi dell'università, ho passato i sei anni di studio a Pisa in un convento agostiniano dotato di una biblioteca splendida . Agostino parla di un prima in cui l'uomo viveva senza l'impulso del desiderio e che dopo (quel morsaccio alla mela) è diventato schiavo del desiderio (concupiscenza).
    Ancora non capisco cosa intendi per multiculturale: se intendi che vivo bene anche con gli altri che non sono cattolici SI. Se intendi che sono disposto a subire che un musulmano offenda la mia Chiesa NO. Se intendi che mi piace il cuscus o il burek o i cibi con il curry SI (ma la pecora NO). Se intendi che la via di Cristo è una via universale verso Dio SI, se intendi che pensi dentro di me che chi non è cristiano non si salva NO

    RispondiElimina
  116. Bravo, allora ricorda i preti cattolici castrati e sgozzati (dopo una preimpiccagione) uccisi a centinaia nell'Inghilterra del Seicento. Ricordati degli irlandesi cattolici esportati sempre dall'Inghilterra nei Caraibi e usati per i sollazzi degli schiavi neri (meglio negri che cattolici); ricordati dei putsch anticattolici dell'Olanda e del Brasile olandesizzato; ricordati della Vandea; delle insorgenze antinapoleoniche in Italia; ricordati dei crocifissi della Baia di Nagasaki, dei martiri cattolici in Cina e di quelli -di questi giorni- dell'Orissa. Oppure solo i musulmani sono i nemici?

    RispondiElimina
  117. Maggio, Maggio...hai bisogno di una seduta da Freud! Il tuo amato Freud! Ma come prima metti in discussione il Paccato originale e poi mi metti come centro dei problemi il morso della mela? Ohibò! senescenza incipiente? devianza? Malattie degenerative della memoria? Oppure....mah! Con rispetto si intende!
    Cosa è multiculturale: è la negazione di un primato valoriale fondato su una radice unica in base alla quale tutto ciò che non è confacente alla dignità umana è da combattere! Quindi l'islamico fino a quando non dirà che nel Corano c'è violenza verso il prossimo è un soggetto da perseguire attraverso una ferra legislazione: la sharia non è applicabile in Italia. Chi la applica è perseguibile penalmente ecc ecc ecc
    infine è multiculturale che mette sullo stesso piano le istituzioni naturali e quelle culturali. E' multiculturale chi nega una gerarchia valoria fondata sulla dignità di essere figli di Dio!
    sui gusti a tavola o a letto non me ne frega niente! Ma sul giusto ( vero, bene) e sul non giusto ( menzogna, falso) sono assolutamente monoculturale. Cosa che dovresti fare anche tu se vedi cristo nei tuoi fratelli!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  118. leggi meglio: per quel morso a quella mela non è mai esistito quindi quello che è stato definito peccato originale (o anche in altri modi) non è stato un atto di ribellione a Dio compiuto da uno o più misteriosi uomini preistorici. Ne accetto il mito per spiegare la presenza del male ma come spiegazione razionale preferisco altre idee. O come la sensazione che tu stia combattendo una guerra personale col mondo non cristiano...forse è sempre stato cosi' fra tutte le religioni nei secoli: forse un decreto dell'Onu che abolisse universalmente le religioni risolverebbe il problema?

    RispondiElimina
  119. maggio, ma che ci fai qui, questo è un blog per noi amanti della tradizione che ne abbiamo piene le scatole del relativismo del quale sei portatore, vai in moschea a pregare visto che ne sei stato così estasiato, ma rispiarmaci le tue insopportabili elugubrazioni. Dai che il muezzin ti chiama, vai in moschea. Quanto ad alcuni commenti di cui sopra che dire: sono disarmanti, dire che gli ottomani rispettavano i cristiani, dire che nei paesi arabi da sempre ci sono comunità cristiane tolerate, tutte fregnacce. oggi il bollettino è di 6 morti in egitto, 3 bombe davanti ad altrettante chiese in malaysia, per non parlare di tutto ciò che non filtra dai quei paesi maomettani. Tu maggio e tutti quelli che difendono la falsa religione per eccellenza, giustamente, non essere ipocrita, tra una tua preghiera in moschea e l'altra vai prima in sudan o in somalia o in arabia a predicare il Salvatore e poi torna qui a dicìrci come è andata, altrimenti TACI e NON SCOCCIARE PIU'

    RispondiElimina
  120. scusami se ti ho scocciato, non era assolutamente nelle mie intenzioni. Una domanda: ma tu preghi dove ti trovi o hai bisogno di un luogo particolare? Comunque auguri di Buon Anno. Un abbraccio (o sei di quelli a cui lo scambio del segno di pace durante la S.Messa da fastidio?)

    RispondiElimina
  121. Maggio. Ho riletto con attenzione. E ti condraddici. Anche con questo terzo intervento! E da cosa dipenderebbe il male se non dalla ribellione dell'uomo a Dio! Di venia, o mago zurlino, quale sarebbe un'altra spiegazione razionale del male nel mondo. Una spiegazione razionale( umanamente razionale ) non c'è! C'è una spiegazione nei testi ispirati! I quali indicano il mangiare del frutto della conoscenza ( che poi è autocreazione dell'uomo) l'atto di ribellione! Tanto è vero che noi mangiamo ancora la "sapienza" di Dio che è cristo, dopo aver riconociuto in Lui l'essere supremo.
    Comunque ho capito. Uno psicologo direbbe che sei postmodernamente frammentato. Un icona dell'escaton marxista: oggi, sono così, domani cosa, oggi faccio così domani cosà ecc ecc ecc...manco una camionata di Prozac potrebbe rinsvavirti!
    Vedi uno schiavo del mondo non può andare che d'accordo con gli schiavi di Dio! i quali in quanto schiavi vogliono fare tutti schiavi!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.