lunedì 25 gennaio 2010

Campione, prete, tradizionalista.


Grant Desme (nella foto), 23 anni, promettente giocatore degli Oakland Athletics, squadra della Major League di baseball americano (il campionato di più alto livello nel mondo per quello sport), ha comunicato ufficialmente l'abbandono della carriera sportiva per entrare in seminario.

L'allenatore è stato comprensivo quando Desme gli ha comunicato la sua intenzione, ha raccontato quest'ultimo, anche se la cosa lo ha lasciato tramortito. "Mi piace giocare", ha affermato Desme, "ma aspiro a più alte cose e non ho rimpianti". Egli ha aggiunto di non ritenere di condividere i suoi studi in seminario (entrerà a St. Michael Abbey, Orange, California) con la prosecuzione dell'attività sportiva. La sua famiglia ha approvato la decisione e l'interessato dice che la reazione alla notizia, diffusasi via internet, è stata 'ispirante'.

La notizia, per quanto curiosa e sempre gradita, come ogni vocazione, non meriterebbe menzione qui se non fosse perché St. Michael Abbey è un convento di Premostratensi di solide basi, che celebrano con grande riverenza nelle due forme (straordinaria e novus ordo in latino).

Ma soprattutto: Grant Desme proviene da una famiglia profondamente cattolica che frequenta la Messa di Sempre a Bakersfield, California: lo stesso Grant per molti anni ha servito messa in quella chiesa (allora sotto il regime dell'indulto) e da dieci anni, riferisce, ha sentito la vocazione al sacerdozio.

Straordinaria fecondità vocazionale del rito straordinario!


Fonte: Fr. Z.

6 commenti:

  1. c'è da augurarsi e sperare allora che sarà un ottimo prete e pastore di anime (soprattutto di giovani) stile "don Bosco", sano e gioioso, senza doversi accodare al carro del carnevale modernista; e ce ne vorrebbero tanti così!
    ("anima sana in corpore sano", parafrasando...)

    RispondiElimina
  2. Filippo Burighel25 gennaio 2010 11:10

    Che storia! Una dimostrazione lampante che il denaro e la gloria personale non sono valori!

    Quale fratello in Cristo, auguro al giovane Grant di essere un sacerdote sempre fedele al Signore!

    RispondiElimina
  3. i seminari son pieni di calciatori...
    io per parte mia, pur essendo del "novus ordo" non sopporto il calcio... sarà un segno di non vocazione??

    RispondiElimina
  4. Se Padre Z. ha ritenuto di pubblicare la notizia significa che probabilmente questo futuro Sacerdote è già conosciuto oltre che per fede anche per coerenza di comportamento. Speriamo che sia un esempio ai tanti Sacerdoti americani che disonorano continuamente la Chiesa con il loro agire...

    RispondiElimina
  5. Evidentemente, la frequentazione del Vetus Ordo, fra le altre cose, induce vocazioni anche nell'ambito del cosiddetto "star system"; d'altro canto, mi sembra di rammentare un religioso "novus ordo" che, al contrario, nello " star system " cercava invece di entrarci, partecipando, mi pare, ad una selezione del Festival di Castrocaro ... A questo punto, se è lecito giudicare gli alberi dai frutti ... 

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.