Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

mercoledì 10 gennaio 2024

Roma, giovedì 25 gennaio: conferenza «La concelebrazione e le Messe private nella storia della liturgia»

Riceviamo dagli amici del Centre international d’Études liturgiques e con piacere condividiamo il programma dettagliato della 13ª conferenza con relatori di grande prestigio (QUI il nostro precedente post).
Si veda il nostro post sulla MTL nell'arte di poche ore fa, sul dipinto bologne se sulle messe private

L.V.

Giovedì 25 gennaio 2024, ore 9:30

Istituto Maria Santissima Bambina
(Roma - via Paolo VI, 21)

La concelebrazione e le Messe private nella storia della liturgia

Programma:

9:30: benvenuto ai partecipanti;
10:00: prof. Rubén Peretó Rivas: introduzione al simposio;
10.10: don Claude Barthe (Parigi): La concelebrazione della Messa del Giovedì Santo a Lione, vestigia dell’antica concelebrazione romana;
11.00: pausa
11.30: padre canc. Stéphane Drillon (Nizza): L’aspetto canonico della concelebrazione contemporanea;
12:20: prof. Philippe Bernard (Parigi): L’estensione delle Messe private in epoca carolingia;
13:00: pausa pranzo;
14:00: prof. Manfred Hauke (Lugano): I frutti sacramentali della concelebrazione. Valutazione sistematica del dibattito contemporaneo;
14:50: don Michael Shami (Notre Dame, IN.): Salaw 'alai: la concelebrazione siro-maronita come caso di studio diacronico di fluidità e ambiguità;
15:40: presentazione del secondo volume Le CIEL sur la terre. Recueil d’études publiées dans les Actes des colloques du Centre international d’Études liturgiques, CIEL, Parigi, 2024;
16:00: pausa
16.30: mons. Michael Schmitz (Mörsdorf): Storia teologica della concelebrazione;
17:20: fine dei lavori.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione