Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

lunedì 22 gennaio 2024

Orrori architettonici… e dove trovarli #173 a Prato

Chiesa parrocchiale della Sacra Famiglia dell’arch. Silvestro Bardazzi e dell’arch. Francesco Gurrieri (anno 1970).

Lorenzo

Descrizione: La chiesa è un suggestivo blocco tronco piramidale coperto in alluminio su un basamento in cemento; all’interno, con soffitto segnato da robuste nervature a cassettone, i vari spazi liturgici sono ornati da opere di Tito Amodei, Vitaliano De Angelis, Milo Milani.
La struttura sorge su un basamento di altezza variabile in cemento armato, interrotto da due ingressi preceduti da una tettoia. In fase di realizzazione non fu eseguito il campanile originariamente previsto: venne realizzato in seguito, separato dalla chiesa, con lame in cemento armato che reggono le quattro campane. Il biancore della copertura in alluminio risalta sul prato circostante e prende il colore del cielo rendendo meno incombente la massa considerevole.
L’interno si caratterizza per il grande cassettonato risaltante sull’intonaco bianco del fondo, e la luce che penetra dai riquadri della falda di chiusa. La sacrestia e la cappella feriale si aprono sui lati dell’aula.
L’assemblea, racchiusa e circondata dalle falde del poliedro, è tutta rivolta a raggiera verso il presbiterio, una specie di «palco» del dramma sacramentale, dove è condensato l’altare (unico), il tabernacolo, la cattedra, l’ambone e il battistero. Dietro l’altare emerge un grande Crocifisso in bronzo, opera di padre Tito Amodei.

Descrizione tratta dalla pagina chieseitaliane.chiesacattolica.it.

Fotografie degli esterni:











Fotografie degli interni:





14 commenti:

  1. 1970.. gli anni di piombo e del cemento armato a gogò. Che tristezza.

    RispondiElimina
  2. Bella e insolita. La sistemazione del presbiterio è molto classica. Non vedo niente di cui stracciarsi le vesti; ricorda la collina del Golgota.

    RispondiElimina
  3. Povera Sacra Famiglia! Cosa ha mai fatto di male per meritarsi un obbrobrio del genere?

    RispondiElimina
  4. Molto bello e adatto ad ospitare il mercato rionale….. ah, non è il mercato rionale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più brutta del capannone dei lefebvriani in Brianza?

      Elimina
  5. Suggestivo come un palasport

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lefèbvre celebrò nel palazzetto dello sport di Lille…viene ricordato come un grande momento.
      E nessuno si lamentò per la struttura.

      Elimina
    2. Una cosa è adattarsi x forza maggiore, altra è costruire un símil palazzetto onde adorare Dio.

      Elimina
  6. Per sapere: chi critica questa chiesa è lo stesso che esalta, nell’altro post, l’apertura dell’ennesimo capannone per dire la messa tridentina dove l’unica cosa bella è l’altare di seconda mano?

    RispondiElimina
  7. Sembra il tendone di un circo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho partecipato (si fa per dire) a messe tridentine dette sotto gazebo più adatti alla festa dell’Unità che ad un atto sacro, eppure, tutti erano coi lucciconi agli occhi.

      Elimina
  8. Per i saccentoni da tastiera: c’è una notevole diversità tra palazzetti dello sport e capannoni adattati, per necessità, alla celebrazione delle Sante Messe e chiese progettate e costruite come se fossero palazzetti dello sport e capannoni. Se non si riesce a cogliere questa diversità è un problema

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuro? Come mai allora i lefebvriani “ordinano” i preti ogni anno sotto dei tendini anche se hanno delle strutture a forma di chiesa proprio accanto?

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione