Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

giovedì 25 gennaio 2024

ESCLUSIVO LifeSiteNews: Papa Francesco difende le restrizioni alla Messa Tradizionale - "Leggete il motu proprio" #francesco #traditioniscustodes #summorumpontificum #tlm

In nuove risposte a Michael Haynes (QUI X) di LifeSiteNews, Papa Francesco ha detto che le sue ragioni per sopprimere la Messa latina tradizionale sono tutte contenute nel suo documento del 2021 "Traditionis Custodes".
Sempre peggio, ma non ci riusciranno, si ricordino Gamaliele.
Luigi C.

Michael Haynes, LifeSiteNews, 22-1-24

CITTA' DEL VATICANO (LifeSiteNews) - Parlando a LifeSiteNews, Papa Francesco ha difeso le sue restrizioni del 2021 sulla liturgia tradizionale della Chiesa, affermando che tutte le ragioni per cui ha emanato tali restrizioni si trovano nel motu proprio Traditionis Custodes.
"Leggete il motu proprio, c'è tutto per voi", ha detto oggi Papa Francesco al corrispondente vaticano di LifeSiteNews, quando gli è stato chiesto perché - dato che tanti giovani amano la Messa tradizionale - ha emanato delle restrizioni su di essa. La risposta è stata data durante i saluti individuali nell'ambito dell'udienza papale per la stampa vaticana, tenutasi nella Sala Clementina.
Il motu proprio in questione è il testo Traditionis Custodes del luglio 2021, con il quale Francesco ha introdotto restrizioni radicali sulla liturgia tradizionale - nota anche come Messa in latino o Forma Straordinaria - che hanno avuto conseguenze devastanti per le comunità e le chiese tradizionali di tutto il mondo.

Attraverso la Traditionis Custodes, le celebrazioni della Messa tradizionale sono state proibite nelle chiese parrocchiali e solo i sacerdoti a cui era stato concesso un esplicito permesso di farlo possono offrire la Messa. I vescovi dovevano garantire un controllo rigoroso sull'offerta e la diffusione della Messa tradizionale e la Messa Novus ordo è stata dichiarata "espressione unica" del Rito romano.

Il Summorum Pontificum del 2007 di Benedetto XVI sulla Messa tradizionale è stato ufficialmente "abrogato".

Francesco ha accompagnato il motu proprio con una lettera che presenta le ragioni ufficiali di queste restrizioni devastanti e di grande impatto. Ha scritto che le sue nuove misure sono state prese per "sollecitudine verso tutta la Chiesa, che contribuisce in modo supremo al bene della Chiesa universale".

Il Pontefice ha anche criticato "l'uso strumentale del Missale Romanum del 1962", che secondo lui "è spesso caratterizzato da un rifiuto non solo della riforma liturgica, ma dello stesso Concilio Vaticano II, sostenendo, con affermazioni infondate e insostenibili, che esso ha tradito la Tradizione e la 'vera Chiesa'".

Sondaggio contestato

Il Papa ha affermato nella sua lettera che il suo attacco alla Liturgia tradizionale era motivato solo dalla preoccupazione per l'unità della Chiesa: "In difesa dell'unità del Corpo di Cristo, sono costretto a revocare la facoltà concessa dai miei Predecessori". Ha affermato che c'era un "uso distorto" della Liturgia tradizionale, che è "contrario alle intenzioni" dietro la "libertà" di offrire la Messa in latino.

Inoltre, Francesco ha sostenuto che le sue restrizioni sono il risultato di un sondaggio tra i vescovi del mondo, da lui richiesto, e che è stato condotto dalla Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) riguardo alla Messa tradizionale. Francesco ha affermato che la sua decisione di imporre restrizioni è stata presa alla luce delle "richieste" dei vescovi di tutto il mondo:

Rispondendo alle vostre richieste, prendo la ferma decisione di abrogare tutte le norme, le istruzioni, i permessi e le consuetudini che precedono il presente Motu proprio, e dichiaro che i libri liturgici promulgati dai santi Pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo II, in conformità con i decreti del Concilio Vaticano II, costituiscono l'espressione unica della lex orandi del Rito Romano.

Mentre si svolgeva l'indagine della CDF, il Vaticano ha sempre minimizzato i timori di una limitazione della Messa in latino. Ma l'affermazione di Papa Francesco - secondo cui il sondaggio avrebbe rivelato una diffusa preoccupazione per la Messa tradizionale - è stata sempre contestata perché non corrisponde ai fatti, o addirittura perché ha invertito il vero risultato del sondaggio.

Il sondaggio non è mai stato pubblicato dalla CDF, e LifeSiteNews apprende da fonti vaticane che solo pochi mesi fa i risultati del sondaggio segreto non erano ancora stati diffusi agli organi curiali competenti. Tale decisione è stata sottolineata anche dal segretario di Papa Benedetto, l'arcivescovo Georg Gänswein, che ha dichiarato che il defunto Papa trovava "misterioso" il motivo per cui i risultati del sondaggio non erano mai stati pubblicati, e anche il cardinale Raymond Burke ha espresso pubblicamente confusione sulla questione.

Ricadute continue

Il compito quotidiano di far rispettare le restrizioni alla Messa tradizionale è toccato al Dicastero per il Culto Divino, guidato dal prefetto, fortemente anti-tradizionalista, cardinale Arthur Roche. Alcuni mesi dopo la Traditionis Custodes, Roche ha pubblicato un Responsa ad dubia che ha introdotto nuove restrizioni sulla liturgia antica.

Il testo di Roche del dicembre 2021 delinea nuovi divieti di offrire la Messa e i sacramenti secondo i libri liturgici usati nella liturgia tradizionale, insieme all'avvertimento che ai sacerdoti che non collaborano sufficientemente alle liturgie del Novus Ordo verrà tolto il permesso di offrire la liturgia tradizionale.

Da allora sono emerse dal Vaticano ulteriori mosse per censurare la crescita e la diffusione della liturgia tradizionale: tra queste, gli sforzi di Roche, probabilmente illegali dal punto di vista canonico, per impedire ai vescovi di esonerare i sacerdoti dalla Traditionis Custodes - in cui è stato poi sostenuto direttamente dal Papa - insieme al divieto per i vescovi di istituire autonomamente nuovi gruppi di fedeli nelle loro diocesi, mossa che era stata ampiamente utilizzata per promuovere nuove comunità dedite alla liturgia tradizionale.

Tuttavia, le restrizioni del Papa alla liturgia tradizionale sono state ampiamente criticate dal clero e dai laici fin dall'inizio e continuano senza sosta. Prelati come i cardinali Raymond Burke e Gerhard Müller, l'arcivescovo Carlo Maria Viganó, i vescovi Joseph Strickland e Athanasius Schneider, sono stati tra i più accesi nell'opporsi alle misure.

Müller ha scritto che "il chiaro intento è quello di condannare la Forma Straordinaria all'estinzione", mentre Burke l'ha definita "un'azione grave e rivoluzionaria" che segnala un tentativo di "eliminazione definitiva" della liturgia tradizionale.

I fedeli devoti dell'antica liturgia hanno continuato imperterriti nelle loro posizioni di fronte alla crescente persecuzione della Messa, e più recentemente il vescovo emerito di Tyler, Strickland, ha attestato che la sua rimozione forzata è stata dovuta in parte al suo rifiuto di attuare la Traditionis Custodes.

Il numero di partecipanti alla Messa in latino e le cifre di ammissione ai seminari e agli ordini religiosi ad essa dedicati crescono sempre di più, nonostante i vari tentativi del Vaticano di limitare la liturgia. In effetti, in molte chiese e comunità religiose la Traditionis Custodes è stata un catalizzatore per tale crescita, con un certo numero di comunità tradizionali che hanno registrato un record di iscrizioni ai seminari negli anni successivi alla Traditionis Custodes.

I commenti odierni del Papa a LifeSiteNews, tuttavia, sembrano evidenziare e confermare la direzione che il Vaticano sta attualmente prendendo riguardo alla sua continua e incrollabile opposizione alla liturgia tradizionale della Chiesa.