Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

venerdì 29 dicembre 2023

Francesco faccia a faccia oggi con il card. Burke #francesco #burke

Oggi il card. Burke è stato ricevuto da Francesco.
Nostre fonti ci dicono che lo sfratto della casa è esecutivo e l'uscita della casa avverrà entro fine gennaio. Neanche alle cameriere si da così poco tempo...
Sembra che Burke sia uscito dall'udienza affranto.
QUI Michael Haynes su X: "Dell'incontro di oggi non sono ancora emersi dettagli".
Franca Giansoldati: "Burke raggiunto al telefono dal Messaggero dopo l'udienza si è limitato a ripetere: «non voglio fare commenti. Auguro ogni bene a tutti»".
QUI Open: "Al cardinale Burke via anche l’assistenza sanitaria? La mano pesante del Papa contro «il nemico»".
QUI Edward Pentin: "Papa Francesco ha ricevuto questa mattina in udienza privata il cardinale Raymond Burke. Ciò fa seguito al ritiro forzato da parte di Francesco – senza alcuna notifica formale o motivo – della pensione e dell’assicurazione sanitaria del cardinale e alla notifica di un aumento di quattro volte dell’affitto del suo appartamento vaticano entro la fine di febbraio".
QUI la Reuters: "Alla domanda della Reuters fuori dalla sua residenza a Roma se l'incontro fosse andato bene, Burke ha risposto: "Beh, sono ancora vivo"".
QUI le ultime vicende e QUI i molti post di MiL su Burke.
Vedremo gli sviluppi.
Vi terremo aggiornati.
Sotto, le foto di stamattina.
Luigi C.

Franca Giansoldati, Il Messaggero, 29-12-23
Era il primo appuntamento segnato in agenda. La giornata di Papa Bergoglio si è aperta con un colloquio complesso e piuttosto franco con quello che considera il suo avversario in curia, il cardinale ultra conservatore Raymond Leo Burke, canonista di fama, già a capo del supremo tribunale della Segnatura Apostolica e già 'cappellano' dell'Ordine di Malta. Burke in questi anni ha dato parecchio filo da torcere al pontificato e non ha mai nascosto che certe scelte teologiche erano, a suo dire, in conflitto con la tradizione e la dottrina. Già ai tempi dei due sinodi sulla famiglia e dell'esortazione Amoris Laetitia, il documento con il quale è stata aperta la via alla comunione per i separati e risposati, aveva sollevato seri dubbi, chiedendo a Francesco conto delle conseguenze che questo avrebbe comportato. Ultimamente ha rilevato altri problemi per la benedizione alle coppie gay, contenuta in un provvedimento del Dicastero della Fede che di fatto cancella tutti i provvedimenti precedenti che vietavano forme di benedizione alle relazioni omosessuali. Francesco anche per questo lo ha sempre annoverato tra i cardinali rigoristi, più propensi a difendere le norme, i codici, le tradizioni che non andare incontro alle esigenze dei fedeli e rispondere alle domande pastorali di un mondo in evoluzione. Fatto sta che tra il Pontefice e il cardinale americano, molto vicino ai Tea Party e al filone repubblicano legato al mondo Pro Life, si è via via creata una frattura. Burke raggiunto al telefono dal Messaggero dopo l'udienza si è limitato a ripetere: «non voglio fare commenti. Auguro ogni bene a tutti».

L'ultimo atto di questo rapporto complesso risale al mese scorso quando, durante una riunione inter dicasteriale, Papa Francesco ha dato ordine ai capi dicastero competenti di procedere per via amministrativa e togliere a Burke sia l'appartamento che il Piatto Cardinalizio. Qualche cardinale, nei giorni successivi, avrebbe fatto presente al Papa che era una misura troppo severa e che Burke non aveva fatto altro che esprimere un legittimo dissenso, in un clima di sinodalità. Non vi erano crimini o reati da contestare al cardinale americano, tali da giustificare questo passaggio. Inoltre in curia è stato evidenziato al pontefice che le conseguenze potrebbero essere pesanti anche sull'Obolo di San Pietro, visto che la raccolta negli Stati Uniti dipende in buona misura proprio dalla generosità dei benefattori conservatori vicini a Burke. Insomma, un pasticcio.

Il cardinale Burke a dicembre non ha più visto accreditato sul suo conto corrente il cosiddetto Piatto cardinalizio, l'appannaggio che spetta ai cardinali di curia, il cui ammontare si aggira, compreso i benefit, attorno ai 5 mila euro. Allo stesso modo il cardinale dovrà lasciare anche l'enorme appartamento di via Rusticucci, a due passi dal colonnato di San Pietro, in uno storico palazzo vaticano che dà su via della Conciliazione, abitato da altri cardinali.

Papa Francesco secondo i maligni considera Burke un nemico e di conseguenza ha voluto sanzionarlo togliendogli l'appartamento vaticano e lo stipendio. Sempre a detta del tam tam curiale il porporato americano essendo assai ricco non avrebbe bisogno dei denari vaticani. Da alcuni amici storici del cardinale, invece, si apprende che le finanze di Burke non sarebbero così floride, tanto che ora sta cercando casa ma in una zona non troppo costosa e di certo in linea con le sue possibilità. Probabilmente verrà aiutato da sostenitori piuttosto facoltosi. Chissà.

La goccia che avrebbe fatto perdere le staffe al Papa sembra sia stata una recente conferenza di Burke in cui, illustrando in modo compiuto gli strappi teologici del pontificato, avrebbe concluso che occorre pregare a lungo per il pontefice perché sembra che Cristo stia mettendo a dura prova la sua Chiesa. Poi c'era stato anche il documento (siglato da Burke assieme a quattro cardinali) per contestare l'impostazione del Sinodo convocato per dare in futuro la possibilità di studiare aperture teologiche a temi considerati tabù, come il diaconato femminile, la questione dell'omosessualità, il tema della vita. Le domande teologiche poste da Burke (ma condivise da una ampia fetta del collegio cardinalizio) in quel documento erano assai semplici: «Santo Padre è possibile che in alcune circostanze un pastore possa benedire unioni tra persone omosessuali, lasciando così intendere che il comportamento omosessuale in quanto tale non sarebbe contrario alla legge di Dio e al cammino della persona verso Dio?» E ancora: «La Chiesa potrebbe in futuro avere la facoltà di conferire l'ordinazione sacerdotale alle donne, contraddicendo così che la riserva esclusiva di questo sacramento ai battezzati di sesso maschile appartenga alla sostanza stessa del Sacramento dell'Ordine, che la Chiesa non può cambiare?» Di fatto la spaccatura dentro la Chiesa è sempre più profonda e certamente il defenestramento anche di Burke non aiuterà a calmare gli animi.