Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

mercoledì 30 agosto 2023

La Messa tradizionale nell'arte #111: il Matrimonio (II parte) - Goya, 1819, Louvre. #mtl #mtlnellarte

Già la settimana scorsa avevamo dedicato agli sposi, che decidono di sposarsi in estate (sottoponendo gli invitati a patire il caldo in chiese e giardini sotto abiti da cerimonia), la rubrica della Messa nell'arte. 
Oggi vogliamo di nuovo scherzare per ricordare loro che scegliere un giorno tra giugno e fine agosto per precettare parenti ed amici al supplizio di nozze estive è davvero crudele. 
Quest'opera è attribuita a Francisco de Goya y Lucientes. Il suo titolo è: "Matrimonio ineguale" (tra nubendi di età o estrazione sociale diverse) anche se è noto anche come "Matrimonio ridicolo" o "Matrimonio grottesco".
Il dipinto Fu realizzato intorno al 1819 e si trova nel Dipartimento di Pittura del Museo del Louvre (Parigi, Francia). C'è anche un'altra versione della stessa opera nella Fondazione Lázaro Galdiano (Madrid, Spagna).

fonte: catholicus 

Rubriche e prassi di sempre
Questo dipinto, a differenza di quello di mercoledì scorso, è più attinente al titolo della rubrica, perchè rappresenza il momento del sacramento del matrimonio, preludio della "Messa per gli sposi" che si andrà a celebrare successivamente. 
Col rito antico infatti il sacramento era celebrato al di fuori della S. Messa (e se vi era una Messa, era celebrata dopo); durante il Divin Sacrificio (che veniva offerto dopo il Matrimonio se i tempi lo consentivano, ed era chiamato "Missa votiva pro sponsis") il sacerdote impartiva la benedizione delle nozze, invocando la protezione divina sugli sposi con orazioni ad hoc dopo il Pater Noster; indi, dopo l' Ite Missa est (o il Benedicamus Domino) ammoniva gli sposi sull'amore sponsale, sulla fedeltà coniugale e invocava su di loro la ricchezza di prole santa; infine, dopo il Pleceat tibi, li aspergeva prima di benedire i fedeli.  
Che la scena anticipi la S. Messa ce lo dicono l'altare preparato (col messale) e il sacerdote (sembra un francescano?) con la pianeta anzichè solo con camice e stola (o piviale).

Per altre immagini cliccare sull'etichetta "MTL nell'arte"

..

(Sono senz'altro ben accette segnalazioni e suggerimenti, da parte dei lettori, di altre opere d'arte raffigurati scene della Messa Tradizinale in Latino o di altri sacramenti o sacramentali in rito tradizionale. Grazie sin da ora).

1 commento: