Post in evidenza

Intervista di MiL al prof. Andrea Grillo sulla liturgia tradizionale: "La Chiesa non è un club di notai o di avvocati"

Durante la Tre Giorni su don Primo Mazzolari (vedere foto sotto) che si tiene ogni anno in Diocesi di Cremona, a Bozzolo, il Vostro ha inco...

lunedì 26 settembre 2022

San Giovanni Battista, poverino, ancora non conosceva Amoris Laetitia

Ricordiamolo al S. Padre: "Povero san Giovanni Battista, ancora non conosceva il capitolo 8 dell’Amoris Laetitia".
Luigi

Il Cammino dei Tre Sentieri,  24 GIUGNO 2022

di Corrado Gnerre

Gesù definisce san Giovanni Battista il “più grande tra i nati di donna” (Luca 7).
La sua morte fu causata dal voler dire le cose come stavano, cioè denunciare pubblicamente il Re Erode per un peccato pubblico: la convivenza con la legittima moglie del fratello. San Giovanni Crisostomo lo dice chiaramente: “Il più grande tra i nati di donna è stato ucciso dietro richiesta di una ragazza impudica, di una donna perduta; e questo per aver difeso le leggi divine.” (Omelia sul vangelo di San Matteo, 48)
Ci appelliamo alla coerenza e all’onestà intellettuale, e chiediamo: quale dovrebbe essere il parere di tanti teologi contemporanei su ciò che toccò al Battista?
Diciamolo francamente: se volessimo applicare gli argomenti della pastorale contemporanea, dovremmo giudicare il “più grande tra in nati di donna” come un “cristiano-ideologico”, un “neo-giansenista”, un “cristiano di dottrina”… se non addirittura una sorta di “esaltato, un “rigido” psichicamente disturbato.

Povero san Giovanni Battista, incapace di giudicare caso-per-caso, di non essere “aperto” e considerare le singole situazioni. Chissà forse Erode, pur essendo in un’oggettiva condizione di peccato, poteva anche trovarsi in una situazione di giustezza morale dinanzi a Dio. Se si potesse, lo si dovrebbe chiedere a Rahner.

Povero san Giovanni Battista, ancora non conosceva il capitolo 8 dell’Amoris Laetitia.

Qualcuno potrebbe obiettare: ma è passato tanto tempo! Certo, è passato tanto tempo, ma anche in quel tempo -come nel nostro- due più due faceva e fa quattro, e quindi anche in quel tempo e nel nostro tempo il bene è il bene e il male è il male.

2 commenti:

  1. In effetti il Battista era ...preconciliare!! Ma seguiva la legge di Dio, che a ben vedere ...pure è preconciliare!!!

    RispondiElimina
  2. si' avrebbero detto che e' un 'indietrista'

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione